Le vie d’accesso al Somma – Vesuvio nella prima metà del XVIII secolo, epoca degli albori del Grand Tour, e la “guida vulcanologica” del naturalista Giovanni Maria Della Torre

Inserito da: · maggio 30, 2020

Le vie d’accesso al Somma – Vesuvio nella prima metà del XVIII secolo, epoca degli albori del Grand Tour, e la “guida vulcanologica” del naturalista Giovanni Maria Della Torre

Di

Vincenzo Marasco

Fin dalla seconda metà del XVII secolo, quando nel celeberrimo Grand Tour, l’opportunità di poter visitare l’habitat vesuviano, fino a quel momento riservata solo agli studiosi, venne offerta anche
all’aristocrazia e ai rampolli della borghesia europea che decisero di affrontare quel lungo viaggio di conoscenza, anche il Vesuvio divenne una destinazione ambita da questo genere nuovo di viaggiatori, proprio come lo era già da tempo per i vari naturalisti che si recavano a Napoli per studiare de visu le continue manifestazioni del vulcano. Questa nuova e sempre più continua affluenza di visitatori, che chiamare escursionisti per l’epoca sembra essere ancora un termine post litteram, determinò l’esigenza di individuare nuovi itinerari di ascesa alla montagna, che fossero convenzionalmente più agevoli e meno impervi rispetto a quelli percorsi dai naturalisti.

Salita al Vesuvio, litografica acquerellata di Giacomo Lenghi, in Raccolta di costumi napoletani, Napoli, Calvi, 1854.

Vincenzo Marasco – Le vie d’accesso al Vesuvio agli albori del Grand Tour – vesuvioweb 2020

Discussione2 Comments

  1. Biagio ha detto:

    NOTEVOLE

  2. Jana Haasová ha detto:

    Molto interessante. Belle incisioni e mappe, litografica acquerellata di Giacomo Lenghi, salita al Vesuvio, che fu poi molto difficile. Sono rimasto affascinato dall’immagine dell’eruzione del Vesuvio di Pasquale Mattei.

    Grazie e saluti Jana

Aggiungi un commento