I fratelli Poerio

Inserito da: · luglio 3, 2020

I fratelli Poerio

Di

Umberto Vitiello “Vadìm”

Da “Gente del Vesuvio 2”

Carlo Poerio, conosciuto in Italia e in Europa per il suo impegno civile e politico, in prima linea nel processo di liberazione ed unificazione dell’Italia, nasce a Napoli il 13 ottobre 1803. In esilio coi suoi familiari dal 1816, con la madre e la sorella Carlotta nel 1828 torna a Napoli, dove dirige lo studio legale del padre e diventa uno dei maggiori esponenti del partito liberal-moderato napoletano, che ha come obiettivo la trasformazione della monarchia borbonica in monarchia costituzionale. A causa dei suoi ideali costituzionali, viene perseguitato ed imprigionato dalla polizia borbonica nel novembre 1837, nel marzo 1844 e nel settembre 1847. Nel 1848 viene incaricato dal sovrano Ferdinando II di redigere il programma della Costituzione ed è prima Direttore di Polizia e, successivamente, Ministro della Pubblica Istruzione nel Governo Costituzionale di Napoli. Dopo la strage del 15 maggio 1848 con cui il re Borbone fa soffocare la libertà, Carlo Poerio presenta le sue dimissioni. I1 1° luglio viene eletto alla Camera, che sarà sciolta il 2 marzo 1849, anno in cui, accusato da un falso testimone di essere membro della Setta dell’Unità d’Italia, viene arretato e condannato, per cui trascorre dieci anni nelle carceri borboniche di Nisida, Ischia, Montefusco, Montesarchio.

Umberto Vitiello Vadìm – I Fratelli Poerio – vesuvioweb 2020

 

 

Discussione1 Comment

  1. Domenico Mattia Testa ha detto:

    Vite esemplari quelle dei fratelli Poerio che tanto hanno dato alla causa del nostro Risorgimento.Coerenti con le idee di libertà ed indipendenza hanno pagato con l’esilio ed il carcere l’opposizione ai Borboni.Il Croce giustamente ha definito quella dei Poerio ” una famiglia di patrioti”.Riportarne i dati salienti è un incentivo a conoscere meglio la storia degli esuli napoletani del primo Ottocento.I revisionisti neoborbonici non rendono un buon servizio alla verità storica quando” dimenticano”
    i tanti liberali meridionali,costretti all’esilio…Studiare,approfondire questi personaggi,esempi di coerenza ideale e pratica,è ancora una grande lezione per noi.Bisogna essere grati ad Umberto Vitiello per averceli ricordati …

Aggiungi un commento