Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano M da macante a muzzunaro

Inserito da: · luglio 3, 2020

Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano – M – Da macante a muzzunaro

Di

Salvatore Argenziano

Mammóne: s. m. 1 Animale o personaggio fantastico, spaventoso, fiabesco.
Traslato: persona grossa. 2. Gaetano “Mammone”, il terribile brigante che
terrorizzò le nostre contrade ai tempi della Repubblica Partenopea, per la difesa
dei Borbone contro i Francesi. 3. Uomo nero per i bimbi. etim. Arabo “maimūm”,
scimmia. ’A iatta mammóne.
*Basile. Lo Cielo me ne guarde! / Po’ ca ’nante vorria / vedere lo Paputo e lo
Sarvateco, / vedere lo Mammonio e Parasacco, / e lo Scazzamauriello e
Rancecotena, / che ’na scerpia de cheste!
*N. Lombardo. Sore mie, e che piezze de mammune / Chiammammo a ggente
pe bbedé ch’è cchesso / Venite ccà: portate li cannune: / Corrite: non
sapimmo ch’è ssocciesso
*D. Basile. Quanno le ccanta, po’, non saie se è uorco, / gatto maimone o
spireto de puorco.
*Poesia Popolare. Quanno Gnese addurmeva ’o guaglione, / s’assettava vicino
’o spurtone / e, vucanno, cantava ’a canzone: / Nonna, nonna che vene ’o
mammone!..
*F. Russo. E ’a miezo a chell’ascuro, nun sapive, / da qua’ strumente ascevano
sti suone… / Chiante, resate, strille… E po’ vedive / spuntà, chino ’e felinie,
nu mammone.
-M- Lessico e Letteratura 11
*R. De Simone A mme… ca quanno ire piccerella venevo vicin’ ’o lietto tuio,
pecché tu te mettive paura d’ ’o tempurale, d’ ’o mammone… e io te dicevo…
Nun te mettere appaura a mammà… pecché ce stongo io vicino a te!…
*S. A…..per viaggi di fantasia / con il nonno, che ci cuntava / avventure di
mare e dell’abate Faria / dalla lunga barba bianca / e antichi cunti di orchi
/ e briganti e mammuni / che levano u ggrasso ’a sotto î pieri,

Salvatore Argenziano – Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano – M – Da marcante a muzzunaro – vesuvioweb 2020

 

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Lessico e Letteratura Napoletana

Discussione1 Comment

  1. Aniello ha detto:

    La mia nonna materna Carmela Accardo, riferendosi a volte a fatti di casa e più nello specifico a mio nonno Pasquale, soleva dire: “machina ‘nc’e’”.
    Voleva dire e questo lo capii più tardi, qui c’è una macchinazione, un inganno, una bugia.
    Il mio piccolo contributo fa anche riferimento al l’espressione “deus ex machina” e alla machina teatrale. L’ingegno scenografico col quale si cambiano gli ambienti sul palco

Aggiungi un commento