La Toponomastica di Guardia Sanframondi – Oronimi e Coronimi

Inserito da: · ottobre 17, 2020

La Toponomastica di Guardia Sanframondi – Oronimi e Coronimi

Di

Silvio Falato

Karvarùse: s. m. “Calvaruso”; monte di Cusano Mutri, ben visibile da Guardia sul
lato nord-ovest. Si ricordi il proverbio:”Qwànde vìte nìwere ‘nkòppe Kalvarùse,
fuitènne skàuz’e skarùse”: “Quando vedi nero (molto nuvoloso) sopra (la cima del)
Calvaruso scappatene (anche se stai)scalzo e senza copricapo”. (Vedi il mio
“Proverbi per un Anno”). Il termine è costruito su “Calvario” col significato di
“Montagna faticosa e dolorosa a salirsi”. L’etimologia di “Calvario” è quella di
“cranio”, dal latino “calvaria”, costruito su “calva” = teschio, per l’aspetto del
monte, simile a una testa calva;
Kòlle Pezzénte: s. m. + agg. “Colle Pezzente”; nome attribuito sicuramente a causa
della scarsa fertilità del terreno. Latino “colli-is” e “petientem”, participio di
“petire” per il classico “petere” = chiedere per ottenere; voce intermedia è
l’aggettivo italiano antico “peziente” = mendicante;
Kupùne: s. m. “Cuponi”; monticello e località adiacente, situati sul versante
Guardia-Cerreto. Italiano “Cupone” = valle profonda e poco assolata; è accrescitivo
di “cupus-a-um” = oscuro, da cui ”kùpa” = vicolo (perché non illuminato dal sole).
Nota in “Kupùne” la presenza della “i” finale, diventata”ǝ” (scevà), desinenza del
genitivo locativo, propria dei nomi di luogo;

Silvio Falato – La toponomastica di Guardia Sanframondi – 02 – Oronimi e Coronimi – vesuvioweb 2020

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Guardia Saframondi, guardia sanframondi

Discussione2 Comments

  1. Aniello Langella ha detto:

    Il recupero della cultura di un territorio eseguita attraverso l’analisi delle parole, quelle semplici. Attraverso la semantica diventa tutto più facile e prende senso il viaggio in queste terre della Terra Vesuviana. Molti luoghi sono la sintesi di un discorso, di un qualcosa di più complesso che ha abbracciato la storia. E così negli studi di Falato, si aprono le nuove chiavi di rilettura della storia stessa.
    Grazie Prof.

Aggiungi un commento