L’assisa del pesce a Napoli nel 1467. Le gabelle non finiscono mai.

Inserito da: · ottobre 17, 2020

Le gabelle non finiscono mai ed a Napoli sono tantissime nel secolo XVII

L’assisa del pesce a Napoli nel 1467

Di

Aniello Langella

Risalgono ad epoca immemorabile le imposte sulla vendita della merce commestibile e sui beni di largo consumo, compresa la legna da ardere ad uso domestico. Le famose tasse, o se volete indicarle come proclama il manifesto di questo lavoro, le ASSISE, sono l’espressione reale di un sistema basato sulla sottomissione del popolo. La macchina “statale” dei tempi andati e nello specifico di quel lontano secolo XVII, si basava sull’attenta analisi di quelli che potevano essere i settori commerciali maggiori sui quali poter far leva, al fine di rimpolpare i forzieri dei regnanti. Feste e balli di corte, banchetti luculliani e grandi parate, abiti lussuosi ed addobbi da mille e una notte erano esigenze quotidiane alle quali la corte non poteva assolutamente sottrarsi. Da queste esigenze primarie di coloro che si sono avvicendati nel reggere l’allora regno e governo della città, nascono le ASSISE, ossia le tasse. E queste vessavano primariamente il popolo sempre più affamato e stretto nella morsa dell’indigenza, della povertà. Intorno alla metà del secolo XVII, si stavano gettando proprio quelle basi, che sarebbero presto sfociate nella rivolta di Masaniello. Questo breve contributo non vuole esaminare gli aspetti politici e gestionali di quell’assisa del 16471, ma vuole solo indicare la tipologia del documento che con metodo e particolare attenzione va a sancire ed imporre una tassa su beni edibili necessari alla sopravvivenza della popolazione stessa. Andremo ad esaminare il tipo di prodotto pescato e nell’assisa successiva, vedremo anche parte dei prodotti della terra, sottoposti alla medesima regola gabellare. Le stesse gabelle, intorno alla prima metà del secolo XVIII, vennero poste in seria discussione, in quanto considerate troppo onerose per i lavoratori dell’ambito del mare e dell’agricoltura.

Assisa del pesce del 1467.

Aniello Langella – Le gabelle non finiscono mai e nella Napoli del secolo XVII, sono davvero tantissime – vesuvioweb 2020.pub

Discussione2 Comments

  1. Silvio Falato ha detto:

    Sapevano bene i nostri prepotenti padroni dove andare a mungere per soddisfare le loro incontrollabili voglie: da voi nella produzione del pesce, da noi, nel Sannio, nella produzione del grano. È bene che si denunzino tali illegalità, sperando così di far prendere coscienza alle generazioni di oggi. Grazie, Aniello.

  2. Domenico Mattia Testa ha detto:

    L’assisa del pesce a Napoli del 1467 nell’elenco insistito è comica e,nello stesso tempo,esempio illuminante di sfruttamento delle classi popolari.Nel quindicesimo secolo la gabella sul pesce era iniqua,come lo era nel diciassettesimo al tempo di Masaniello,personaggio amante della giustizia,tuttavia privo della lucidità e coerenza necessarie per portare a buon esito la causa dei tartassati dal Vicerè,dalla monarchia spagnola,dai nobili,per lo più,esentasse.Meno male che c’è l’avvocato Bellitti a difendere il popolo…Ma le” assise”,come gli esami,non finiscono mai;anche nel duro tempo del coronavirus i cittadini ne sentono il peso.Pagarle si deve.Ma quando avremo un sistema fiscale equo e progressivo?Ho letto con piacere le pagine qui riportate che hanno il pregio della chiarezza e della verità dei documenti storici.Un grazie a chi ha avuto la pazienza di selezionarle.

Aggiungi un commento