Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano – N – da naca a nzuzzuto

Inserito da: · ottobre 2, 2020

Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano – N – da naca a nzuzzuto

Di

Salvatore Argenziano

Un esempio tra i tantissimi che Salvatore Argenziano ci regala nelle sue dotte ed allo stesso tempo simpaticissime ricerche. Nante: avv. Nnante. Nanze. Annanze. Avanti. Davanti: ’a nanze. Luvammo ’e pprete ’a nanze ê cecati. ***Poesia Popolare. Fruste ccà, Margaritella, / ca si’ troppo scannalosa, / che per ogni poca cosa / vutte nnanze la gonnella. / Fruste ccà, Margaritella.
***Poesia Popolare. V-otta, carrese, e bottame ’stu carro, / Passa chiù ’nnante, e nc’ è ’na ’ncarratura. ***GB. Della Porta. No se rascione chiú delle cose passate; perché ognuno vuole scusare le sue rascioni e accrescer quelle del compagno, e cosí l’ingiurie si vengono a rinfrescare: da mone nnante non se ne parle chiú. ***Basile. Ma, – ’nnanze che lo Sole scesse comme a protamiedeco a fare la  visita de li shiure che stanno malate e languede – se sosette lo recapeto e sbignaie, ***Cortese Ma la vammana disse: “Mo’, compare / la mecco ’nterra e po’ tu pigliatella / ma lasammella nnanze covernare / ca piglia friddo po’ la pacioncella”. ***Velardiniello. Ciento anni arreto che era viva vava, / nanti che fosse Bartomeo Coglione, / stato m’è ditto che l’uciello arava / e si sguazzava a lo Chiatamone. ***Basile. Tanto che lo povero patre, pe tentare l’utema prova, non sapenno autro che fare dette ordene che se facesse na gran fontana d’ueglio ’nante la porta de lo
palazzo, ***Cortese Tu dice chesso mo’ ca non staie sana / e lo dolore te leva de siesto; / ma nnante de pescruozzo te nne piente / e farraie commo n’autra. Ora mo’ siente. ***Sgruttendio. E ghiette ’nnante a Cecca a passïare, / Co facce rossa, a mmuodo de presutto, / Da fa’ na Dea Megera ’nnammorare. ***N. Capasso. Si te n’affienne, e pare stravagante, / che sto màfaro parla da dereto, / viene dereto ca te parla ’nnante. ***F. Cerlone. So muorto nsaluta mia! tengo na vipera a lo core, no ruospo dint’a lo naso, le gamme a trapenatora, no scartiello nnante, e n’ auto arreto, so muorto
bene mio! so muorto l ***Poesia Popolare. Bello canta’ che fa la calantrella / Un’ora ’nnante juorno, la matina! / Bello magna’ che fa la pecorella / Che trova l’erva fresca e non cammina!

Salvatore Argenziano – Lessico e Letteratura Napoletana – N – Da naca a nzuzzuto – vesuivoweb 2020

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Lessico e Letteratura Napoletana

Discussione1 Comment

  1. Falato Silvio ha detto:

    Analisi profonda e lucida di un tesoro, che, grazie alla tua sensibilità e alla tua grande passione per la linguistica, è stato salvato e tenuto lontano dall’oblio. Preziosi i tanti confronti linguistici tratti dai migliori letterati della cultura meridionale. Grazie, Salvatore.

Aggiungi un commento