Napoli – Cartografia di Gabriel Bodenehr del 1710

Inserito da: · ottobre 17, 2020

Gabriel Bodenehr

Europae ornamentum et firmamentum ducentis aerescripturis exhibitum

Europens pracht und macht 200 kupfer stücken

Material cartográfico impreso

1710

 

 

Gabriel Bodenehr – Europae ornamentum et firmamentum ducentis aerescripturis exhibitum – Europens pracht und macht 200 kupfer stücken – Material cartográfico impreso – 1710

 

Materiale della

http://bdh-rd.bne.es/viewer.vm?id=0000001406

La cartografia della città di Napoli Gabriel Bodeneher, del 1710 è contenuta in corposo volume di numerosi altri rilievi cartografici e questo che pubblichiamo è un documento che (in basso a destra) porta la firma dell’autore e dell’incisore della lastra di rame.

Il rilievo della città, ricalca altre cartografie e documenti precedenti, in un contesto scenografico ampio che parte dai Campi Flegrei e termina ad est al Ponte della Maddalena. I dettagli sono importantissimi. Sono questi che fanno in realtà la differenza, rispetto ad altri documenti precedenti. Una Napoli visitata con dovizia di particolari, a volo d’uccello. Un corredo didascalico di prim’ordine, in italiano, che può guidare anche il più sprovveduto in un viaggio storico senza pari. Partendo da ponente, la Solfatara in attività, a simboleggiare la tormentata area dei Campi Flegrei. Segue l’isola di Nisida, Capo Miseno, gli Astroni, per iniziare la passeggiata a mare da Posillipo. La stampa si compone in un disegno a prospettiva quasi piramidale, dove in alto svettano le insegne di Castel Sant’Elmo ed in basso quasi in maniera lineare vengono disegnati e descritti i margini della costa. Al centro lo sviluppo tridimensionale del centro storico e di parte delle periferie. Chiaia con il monastero di San Leonardo D’Orio. Il Castel dell’Ovo, L’Arsenale e la Darsena con le torri del Maschio Angioino e la Torre San Vincenzo. Il Grande Molo con l’Immacolatella e la Lanterna, cui segue il Mandracchio e la Marinella nei pressi del Forte del Carmine. Infine sulla destra la Cavallerizza ed il Ponte della Maddalena. Di rilievo nella parte centrale, il Palazzo Reale con lo slargo che accoglieva il Gigante di Palazzo, la piazza con il monastero di Santa chiara ed il Gesù Nuovo con il suo campanile medievale. Si distinguono i decumani e la centuriazione verticale che scende verso il mare. Di rilievo il complesso di Trinità delle Monache, quello di San Giovanni a Carbonara, di San Domenico Maggiore ed il Mercato del Carmine con l’annesso convento, la Porta Ventosa.

Un documento di impareggiabile importanza. Dobbiamo attendere il 1776 con il Di Noja per ammirare la bellezza del rilievo più dettagliato ed il migliore in senso tecnico.

 

Aggiungi un commento