Storie dal porto di Napoli nel 1649

Inserito da: · ottobre 17, 2020

Vistas del puerto de Nápoles con esclavos

Autori delle incisioni: Schaep, M (fl.1648) e Cornelis de Wael, (1592-1667)

Napoli 1649

A cura di

Aniello Langella

Le stampe del Porto di Napoli, ci vogliono raccontare una breve storia della città. Questa zona della città durante il secolo XVII dovette vivere di traffici marittimi importanti. In piena attività l’Arsenale e la Darsena appena scavata ed in fase di restauri continui. La Torre San Vincenzo e la Lanterna del Gran Molo, i simboli della città ed assieme veri fari per indirizzare e guidare il traffico delle imbarcazioni. Ovunque su respirava il fermento di una città regale aperta al Mediterraneo e ai suoi commerci. Spesso mi sono interessato della marineria portuale e durante il lavoro di ricerca relativo alla Darsena, ho incontrato ogni sorta di gente. Dallo schiavo assoldato per lavorare tra l’Arsenale e la Darsena al Luogotenente che dirigeva le grandi manovre di ingaggio navale, militare e commerciale. Qui e proprio in questo spazio conteso tra le mura del Maschio Angioino, il Gran Molo e l’Arsenale, si concentravano anche gli interessi economici della città, attentissima alla riscossione delle gabelle e dei dazi.

Le stampe che ho reperito su BIBLIOTECA DIGITAL HISPÁNICA, ci vogliono mostrare un piccolo spaccato della vita di quei tempi e ci confermano in parte la storia di questo luogo dai mille volti

Ci troviamo in un punto indecifrabile del Porto, forse nei pressi della Torre San Vincenzo, dove 8 personaggi, tutti schiavi, sono intenti a macellare e cucinare un agnello. Uno di essi sta curando la pelle dell’animale per prepararla alla concia. Veloce nel tratto l’autore del disegno e dell’incisione, ci mostra uno spaccato di quella che era la quotidianità. La preparazione di un pasto per tutti.

http://bdh-rd.bne.es/viewer.vm?id=0000186820

Due soldati, probabili marinai a terra, con tanto di spadino e spada sguainata e brandita, guidano le operazioni di sistemazione di una grande vela a terra, sollevata da 8 schiavi. L’uomo sulla destra, come anche del resto quello di spalle sono stati disegnati nelle sembianze di Masaniello. Sullo sfondo una galea nel Porto. Alcuni schiavi hanno l’anello di ferro alla caviglia, ed il gancio con il quale venivano legati la notte nel dormitorio, ad un’unica catena.

http://bdh-rd.bne.es/viewer.vm?id=0000186820

Ci troviamo probabilmente sul Gran Molo, nei pressi della fontana monumentale dei Quattro Fiumi, accanto alla Lanterna. In primo piano 6 schiavi intenti a fumare oppio. Hanno l’anello di ferro alla caviglia e sembrano assorti nel rituale e nel riposo dopo le fatiche, sotto l’occhio vigile di due mercanti “orientali” con turbante e barba lunga. Di fronte ai due un soldato della marineria napoletana. Sullo sfondo, forse, la Torre San Vincenzo.

 

http://bdh-rd.bne.es/viewer.vm?id=0000186820

Ci troviamo molto probabilmente sul Gran Molo. In primo piano ed al centro la scena mostra un “dialogo” tra i soldati della Marineria. Tre personaggi, uno dei quali di grado più elevato, posano nell’atto di controllare il lavoro svolto dagli schiavi, intenti alcuni a caricare una nave in porto, altri al riposo dopo le fatiche. In basso a sinistra una botte, un’ancora a quattro bracci e palle di cannone.

 

http://bdh-rd.bne.es/viewer.vm?id=0000186820

“Siamo pronti a partire”. Schiavi in banchina e sulla galea, intenti alle ultime manovre. Il lavoro degli schiavi è controllato da un soldato armato della marineria napoletana. Il gesto è quello di indicare le corrette azioni da compiere. Lo sguardo è quello di chi comanda e quest’immagine mi riporta alla mente, un’altra stampa del 1664, dove ritrovo un Masaniello, nella medesima posa e nel medesimo atteggiamento di comando e di ordine. Una banale affinità stilistica? Un banale paragone?

http://bdh-rd.bne.es/viewer.vm?id=0000186820

 

Ho voluto riportare la stampa con l’immagine di Masaniello del 1664, tratta da “An exact history of the late revolutions in Naples: and of their monstrous successes, not to be parallel’d by any antient or modern history” di Alessandro Giraffi, James Howell, 1594?-1666; Jhon Adams, 1735-1826. John Adams Library, 1664

Ritratto si Masaniello 1664. Immagine in stampa policroma, tratta da https://archive.org/details/exacthistoryofla00gira

 

 

Aggiungi un commento