Delle nuove ed antiche terme di Torre Annunciata

Inserito da: · novembre 24, 2020

Delle nuove ed antiche terme di Torre Annunciata: articolo inserito nel fascicolo XII degli Annali Civili, da R. Liberatore

1835

 

 

https://www.e-rara.ch/zut/content/zoom/7260322

Lungo l’orientale costiera del nostro golfo, all’ estrema falda del Vesuvio e da Napoli dieci miglia discosta, sorge una terra il cui nome per doppia, recente scoperta andrà chiaro oggimai e benedetto. Quivi nel 1319 quattro pii cittadini erigevano cappella e spedale sotto l’intitolazione della Vergine Annunziata; quivi verso il 144o edificava una gran Torre quel Niccolò d’Alagni, padre della Lucrezia che fu tanto amata da Re Alfonso, il quale colà soleva sovente andare a dimora: indi il paese e la denominazione. La gran via che mena a Salerno lo attraversa per tutta la lunghezza di esso; il Sarno che lo bagna a borea feconda le sue campagne e manda un canale ad animare le macchine della Regia Ferriera e Polveriera che in tal luogo son poste. Ma nè queste fabbriche, nè il tempio novellamente rifattovi con bella architettura dal Signor De Fazio bastavano a trattener gli stranieri che a follavi traevano, unicamente perchè di là convien che passi chiunque da Napoli si conduce alla maravigliosa Pompei. Solo da tre anni in qua vi corrono gl’infermi, ed oggimai vi si fermeranno anche i erniosi, gli uni e gli altri allettativi dalle scoverte ivi fatte, e delle quali ci apprestiamo a render minima ragione.  Sono esse dovute a S. E. il Signor Tenente Generale Marchese Nunziante, Comandante Generale delle Armi di qua del Faro , indefesso esploratore del patrio suolo, ed il quale a migliorarlo in più luoghi, ad aprirvi novelle sorgenti di ricchezze, a coprirlo di utili industrie dà opera da pici anni con nobilee felice perseveranza. Delle bonificazioni da lui fatte in Calabria ed in Abruzzo, delle vene di piombo e di marmo statuario rinvenute in Basilicata, dell’Isola di Vulcano prima di lui tutta sterile ed arsa, e dove ora si raccoglie e somministra al commercio eccellente solfo purificato, allume, acido borico e sale ammoniaco, ragioneranno quando che sia questi Annali, come di così che dimostrano avanzamenti novelli del paese nostro ne’ cammini dell’ industria e della sua perpetua compagna, la civiltà nazionale. Al presente vogliamo solo far parola dello sue Terme di Torre Annunciata, per fortunato accidente da lui eretto presso gl’ignoti avanzi di quelle che una volta vi aveano edificato i nostri avi. E però un doppio tema ci proponiamo: l’uno chimico e medico ad un tempo, l’altro geologico ed archeologico; il primo per far conoscere la novella acqua, che porta giustamente il nome dello scopritore ed i suoi benefici effetti comprovati da triennale esperimento; il secondo per dar un cenno non meno della giacitura e qualità di que’ vulcanici strati che delle anticaglie le quali sotto di essi giacciono. 1

Con questa premessa il testo di antica Idroclimatologia Termale, esordisce. Uno spaccato della vita locale, della Medicina Termale di altri tempi ed allo stesso tempo dell’archeologia. Preziose le indicazioni mediche, interessantissimi i risvolti scientifici. Molto apprezzabile la planimetria allegata.

 

_____________________________________________________________________________________________________

Bibliografia

1     https://www.e-rara.ch/zut/content/zoom/7260322

 

Aggiungi un commento