Nicola Amore, il migliore sindaco di Napoli

Inserito da: · dicembre 11, 2020

Nicola Amore, il migliore sindaco di Napoli 

Di

Umberto Vitiello “Vadim”

 

Di famiglia nobile di provincia, Nicola Amore (Roccamonfina 18 aprile 1828 – Napoli 10 ottobre 1894) studiò a Napoli, allora capitale delle Due Sicilie, e innamoratosi di questa città, vi rimase per quasi tutto il resto della sua vita, prodigandosi fin da giovane per renderla migliore. I pochi anni durante i quali si allontanò da Napoli sono quelli che, eletto deputato e nominato direttore generale della Pubblica Sicurezza, trascorse a Firenze, capitale d’Italia dal 1865 al 1871. A venti anni iniziò la sua attività di stenografo durata un biennio, 1848-1849, assistendo alle sedute del parlamento napoletano. Nel 1850, quando aveva da poco compiuto ventidue anni, si laureò in giurisprudenza e due anni dopo, l’8 agosto 1860, fu nominato giudice civile. Il 7 settembre di questo stesso 1860 Garibaldi giunse a Napoli e fu accolto come un liberatore. Nicola Amore si diede alla politica, aderendo al gruppo dei liberali moderati e unitari, detti “piemontesi”, e fu nominato segretario generale della questura di Napoli. Nel dicembre del 1862, quando aveva 34 anni, divenne questore e si occupò con ottimi risultati del brigantaggio, della camorra e degli intrighi borbonici e clericali contro l’unità d’Italia iniziata due anni prima. In applicazione della legge sulle Congregazioni del 3 agosto 1862 ordinò alla forza pubblica di sfrattare le suore del monastero della Sapienza e la Chiesa cattolica lo scomunicò. Nel 1865 fu eletto deputato nel collegio di Teano e si trasferì a Firenze, divenuta capitale d’Italia

Umberto Vitiello Vadim – Nicola Amore – vesuvioweb 2020

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Personaggi a Napoli, Storia

Discussione2 Comments

  1. Domenico Mattia Testa ha detto:

    Più che opportuna la nota sulla biografia di Nicola Amore,brillante avvocato penalista,parlamentare della destra liberale e sindaco tra i migliori di Napoli.Un personaggio di solida e versatile cultura che andrebbe meglio conosciuto e studiato anche per il suo importante contributo all’unità nazionale.Proprio in tempi di coronavirus,al di là delle idee che,ognuno di noi,possa avere,contano gli esempi di coerenza ideale e pratica,di cui il Meridione è ricco.Conoscendo i sacrifici.le rinunce e l’impegno dei grandi del passato riusciremo a superare la drammatica stagione della pandemia che quotidianamente ci mette a dura prova.Sarebbe ora che la scuola,i media.non ultimo il revisionismo sudista parlassero di uomini,come Nicola Amore,che tanto hanno dato al nostro Paese.

  2. claudio ha detto:

    ma i fatti di pietrarsa dove fu un protagonista negativo?ricordo che il 6 agosto 1863 a pietrarsa persero la vita operai, la prima volta nella storia, che volevano difendere il posto di lavoro. andate a vedere chi effettuo la strage…per avesse voglia di documentarsi di seguito tutti gli articoli sull argomento

    https://www.altaterradilavoro.com/?s=pietrarsa

Aggiungi un commento