Anema e core

Inserito da: · Gennaio 12, 2021

Anema e core

Roberto Murolo

1953

Una melodia intramontabile, che appartiene al repertorio classico della canzone napoletana. Nel 1950 Salve D’Esposito (Sorrento, 9 agosto 1903 – Roma, 22 gennaio 1982), ne compone la parte musicale, che affiderà al paroliere Tito Manlio (Napoli, 16 febbraio 1901 – Roma, 4 maggio 1972), per completare questa che possiamo definire una piccola opera.

I temi sono quelli dell’amore, l’atmosfera è quella dolce della Napoli dei tempi che furono.

Intrepretata dai massimi tenori nei vari decenni, diventerà tanto importante da venir tradotta in ben 28 lingue.

 

Nuje ca perdimmo ‘a pace e ‘o suonno,
nun ce dicimmo maje pecché?
Vocche ca vase nun ne vonno,
nun só’ sti vvocche oje né’!
Pure, te chiammo e nun rispunne
pe’ fa dispietto a me

Tenímmoce accussí: anema e core
nun ce lassammo cchiù, manco pe’ n’ora
stu desiderio ‘e te mme fa paura
Campá cu te,
sempe cu te,
pe’ nun murí

Che ce dicimmo a fá parole amare,
si ‘o bbene po’ campá cu nu respiro?
Si smanie pure tu pe’ chist’ammore,
tenímmoce accussí anema e core!

Forse sarrá ca ‘o chianto è doce,
forse sarrá ca bene fa
Quanno mme sento cchiù felice,
nun è felicitá
Specie si ê vvote tu mme dice,
distratta, ‘a veritá

Tenímmoce accussí anema e core!

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, La canzone napoletana, Musica e ricerca

Discussione2 Comments

  1. Jana Haasová ha detto:

    Bella canzone napoletana.
    Grazie e saluti
    Jana

  2. Domenico Mattia Testa ha detto:

    Una struggente canzone,una melodia,come tante altre dell’inesauribile repertorio napoletano che,a distanza di tanti decenni,ci parla e ci fa riflettere.Una nota di malinconia sottende tutto il testo:l’unica felicità per gli innamorati è nel tenersi uniti anima e cuore:Interrompere con parole amare,con dispetti,con richiami alla dura realtà della vita significa far venir meno il momento magico che si vorrebbe durasse per sempre,non di fermasse mai….Il dialetto poi la rende più intensa e coinvolgente per cui a interpretarla con autentica immedesimazione sono i classici cantanti napoletani e Roberto Murolo,a mio modesto parere,è quello che,per sensibilità innata,cultura versatile,stile inconfondibile,meglio la interpreta. E’ sempre un piacere leggere il testo,risentirla:dimentichiamo per un pò il triste tempo del coronavirus…….

Aggiungi un commento