Contrada Sora a Torre del Greco

Inserito da: · gennaio 31, 2021

Contrada Sora a Torre del Greco

Presentazione del testo

Autore: Aniello Langella

Ha collaborato e organizzato l’evento, curato l’edizione

Enrico Di Maio

Presidente del Gruppo Archeologico Giuseppe Novi di Torre del Greco

Gruppo Archeologico Torrese

Il Gruppo Archeologico Torrese “Col. Giuseppe Novi” è un’associazione di volontariato nata nel 1974. In 43 anni di attività il Gruppo ha ricevuto numerose menzioni e apprezzamenti di stima; il tutto frutto dell’intensa collaborazione con le Soprintendenze ed in particolare con quella di Pompei, con le Amministrazioni Locali, le Istituzioni e con le Forze dell’Ordine. Attraverso la stesura di pubblicazioni ed attraverso l’organizzazione di conferenze, il GAT ha reso partecipe la cittadinanza di tutto ciò che avesse come soggetto la storia di Torre del Greco.

Un sito a cui il Gruppo è particolarmente legato è Villa Sora con l’annessa Terma Ginnasio, in quanto, come riportato sul “Roma” in un articolo datato 5 luglio 1978 e come sottolineato dall’allora Soprintendente di Pompei, Prof. Giuseppe Maggi, il recupero storico di Villa Sora è da ascriversi al merito del GAT. Recupero storico che si traduce in un piccolo museo di reperti (quasi un migliaio) conservati attualmente a Pompei. Alla fine degli anni ’70 risalgono anche le indagini compiute dal GAT in tre punti del sottosuolo della città di Torre del Greco rimasta sepolta dalla lava ignea dell’eruzione del 1794: S. Maria del Principio, Chiesa dell’Assunta ed il campanile della Basilica di Santa Croce.

Il “Mattino” dell’ottobre 1981 riportava un’interessante scoperta dei giovani componenti del GAT: una voragine apertasi in via dei Martiri d’Africa in Torre del Greco, che stava per essere riempita, aveva riportato alla luce preziosi frammenti archeologici del I e II sec. a.C . Merito del GAT avere impedito quello scempio. Grazie al GAT nel 1983 riapriva i battenti la Chiesa di S. Michele e veniva ritrovata nel sito di villa Sora una colomba di grandezza naturale facente parte di un gruppo bronzeo. Nel gennaio1986 veniva completata, grazie alla preziosa collaborazione del Gruppo Archeologico Torrese una carta archeo–geo–vulcanica del perimetro urbano di Torre del Greco. Sul finire del 1989 grazie anche alle numerose sollecitazioni del GAT ricominciano gli scavi a Villa Sora.

Numerosi sono anche gli studi e le collaborazioni che hanno visto protagonista il GAT. E’ stato ottenuto nel 1990, ad esempio, il riconoscimento da parte del Consiglio d’Europa di Strasburgo del lavoro condotto dagli studiosi F. Formicola, U. Pappalardo, G. Rolandi e F. Russo, sancito con il “Patto di Vulcanologia ed Archeologia”, nel quale sono conservati i risultati di ricerche storiche, archeologiche e geologiche dell’area torrese. Il GAT, data l’importanza ed il grande successo del sito, ha riproposto una Mostra Archeologica su Villa Sora presso il complesso del Monastero degli Zoccolanti di Torre del Greco, che si è svolta in occasione della Festa dei Quattro Altari a Torre del Greco il 27-28-29 giugno 2003, con l’intento di sensibilizzare l’opinione pubblica, ma soprattutto le amministrazioni locali ad un pronto recupero dell’area, ormai da tempo abbandonata.

Intensa è anche l’attività di divulgazione svolta del G.A.T. Tra le numerose conferenze organizzate meritano di essere citate: i convegni organizzati nel 2000, “Le ville romane” (relatore Mario Pagano) e “Torre del Greco alla luce dell’eruzione del 1794” (relatore Aniello Langella); la conferenza del 2001 dal titolo “L’isola degli Zoccolanti” (relatore Aniello Langella); i “Lunedì dell’Archeologia torrese” nel 2002 – ciclo di 14 conferenze svoltesi da gennaio ad aprile; il dibattito pubblico del 2003 dal titolo “Vesuvio: sviluppo nella sicurezza”; il Forum Scientifico dal titolo “Rischio Vesuvio: Scienza ed Informazione”, organizzato in collaborazione col Dipartimento di Geofisica e Vulcanologia dell’Università degli studi di Napoli Federico II, svoltosi il 16 dicembre 2003 a Torre del Greco, che ha avvicinato politici e scienziati alla problematica del Vesuvio e degli sviluppi futuri dell’area circostante.

Nel 2005, in occasione del trentesimo anno di vita dell’associazione, il GAT ha organizzato presso il Convento degli Zoccolanti la mostra “IL VESUVIO E IL MIGLIO D’ORO”. Dal 17 giugno al 27 giugno oltre 10.000 persone hanno affollato il sito per vedere l’esposizione ottocentesca degli strumenti dell’Osservatorio Vesuviano, delle elaborazioni virtuali, un’area espositiva sulle ville del Miglio d’Oro e gli ambienti del Convento. Negli anni a seguire sono seguite altre conferenze ed altre attivita’ sia natalizie che nel periodo primaverile (da ricordare: Passeggiando tra i pastori _ 2006 con la partecipazione del maestro Roberto De Simone). Numerosa negli anni anche l’attività di formazione con le scuole del territorio e non su temi come: il Vesuvio, il Parco Nazionale del Vesuvio, la Vendemmia, le Tradizioni, l’antica Roma, usi e costumi nelle antiche civiltà, etc.

Intensa è stata negli ultimi 10 anni anche l’attività nel sottosuolo, Dal 2006 al 2016 abbiamo aumentato la conoscenza e lo studio delle cavità e dei cunicoli presenti nel sottosuolo di Torre del Greco. Ad oggi, l’obiettivo primario del Gruppo è quello della salvaguardia dei beni archeologici, ambientali e culurali presenti sul territorio, meritevoli di tutela particolare. Il GAT continua a collaborare con l’Università di Napoli Federico II (avendo dei tirocinanti), con il Dipartimento di Scienze della Terra, con il Parco Nazionale del Vesuvio, con l’Ente Ville Vesuviane e con l’Osservatorio Vesuviano. Intensa è oramai l’attività che vede il GAT coinvolto in progetti con scuole di ogni ordine e grado. L’esperienza acquisita nel tempo ci rende tra i migliori nel campo della divulgazione scientifica e nell’organizzazione di Lab Didattici e progettazioni sulle tematiche più svariate.

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Archeologia, I personaggi illustri

Aggiungi un commento