Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano – La lettera P

Inserito da: · gennaio 12, 2021

Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano – La lettera P

Di

Salvatore Argenziano

Pàccaro: s. m. Pàcchero. Paccariéllo. Paccariglio. Schiaffo. Te tengo
sott’ô paccaro significa: ti tengo sotto controllo. etim. Dal greco “pan keir”, con
tutta la mano, a mano piena.
G. D’Antonio. No funcio de chiuppo, / Тe porto mo. / Pe lo tuppo te piglio, /
Е роie no paccariglio te consegno.
F. Cerlone. E ca lo saje, sempe che non lo saje da me. Chisto lloco non è cavaliere,
è no scroccone, no strascina facenne, no pedocchiuso e io lo sopporto, e po
sferro no juorno, e le do tanta nnaccare, paccare, e scoppolune, pe quanta
scagliuozzole m’aggio mangiate.
B. Saddumene. No nte ire accostanno, ca te mollo / No paccariglio.
G. Palomba. Mm’aje fatta st’azione? / – – E scicche, morza, e paccare / Mme
dette nquantità, / E io porzì dicette: / : Viva la novità.
M. Bianchi. Tore è nu carogna! Sape fa ’o spallettone surtanto cu ’e ffemmene….
/ Ma m’ avite ’a credere: chillo pàccaro nce / ’o faccio pavà caro! Isso me
sape.
Poesia Popolare. Tu me liévi la nnammurata / e pigliatella sta mazziata. /
Tùffete e tàffete a meliùni / le réva paccari e secuzzùni, / schiaffi pònie e
perepésse / scuppuluni, fecòzze e cunésse, / sceverecchiùni e sicutennòsse /
ll’ammaccaie ossa e pilòsse.
Canzoniere Napoletano. Pàccare amare e rasulate ’nfaccia: / chist’è ll’ammore ’e
vasci’â Sanità. / Tu nun si’ ’o tipo ca mme cade ’mbraccia / si nun te faccio /
chello ca maje t’aggio vuluto fà…

Salvatore Argenziano – Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano – Lettera P – vesuvioweb 2021

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Lessico e Letteratura Napoletana

Discussione5 Comments

  1. Silvio Falato ha detto:

    Con quanta acribia è portato avanti il lavoro. È effetto di amore e passione. Complimenti.

    • Giovanni D'Amiano ha detto:

      Scanzo ‘e pacchere ‘e Sarvatore – pecché ‘e pacchere n’aggio avuto già paricchie ‘a che sso’ nnato- e mm’appreco ncopp’â parola d’ ‘o prufessore Silvio Falato, pe ccunfessà ‘a gnurantità mia ca sta parola ‘a canusceva sulo accussì sciué sciué, ma penzavo ca fosse na parolacu n’atu significato, per es. -rancore-, -anitpatia-, rabbia, ecc. mmece mo saccio ch’è na cosa bona: precisione, meticolosità, scrupolosità… e cca se scrive e sse legge –acribìa. Grazie a Ssarvatore e a Ssilvio. Bona notte.

    • salvatore ha detto:

      Grazie, Silvio.

  2. renato cuomo ha detto:

    “”Tùffete e tàffete, a meliune, lle deva pàcchere e secozzune…..” “LO GUARRACINO” – Anonimo 1768″.

Aggiungi un commento