Mappa del Golfo di Napoli e Vesuvio 1727

Inserito da: · Gennaio 12, 2021

Mappa del Golfo di Napoli e Vesuvio 1727-1730

Recüeil de Plusieurs Plans des Ports et Rades de la Mer Mediterranée. Levé et Dessigné sur les Lieux par les Srs. Henri Michelot et Bremond, Michelot, Henri
Bremond, Laurent. Dal 1727 al 1730.
Dimensioni: 22 x 29,5 cm

A cura di Aniello Langella

 

La mappa numero 35 mostra il Golfo di Napoli ed il Vesuvio in primo piano in un rilievo del 1727. In alto si legge una dedica: “Plan du Golfe de Naples. Par les S.rs Michelot et Bremond, avec privilege du Roy 1727” (1). La mappa, come del resto le altre contenute nello stesso volume vennero concepite per segnalare essenzialmente le criticità del viaggio via mare, la presenza di fortilizi e castelli lungo la costa e la presenza di torri di avvistamento e difesa militare. Sono segnalate inoltre le rade ed i porti di approdo con indicazioni di rocce, e scogliere emergenti. Infatti in molti punti viene anche indicata la quota batimetrica. Al centro del golfo una rosa dei venti mostra attraverso delle coordinate il passaggio comodo per vascelli.

Molto interessanti alcuni toponimi che indicano località ed aree molto note dell’area vesuviana. Alcuni esempi ci aiuteranno nella lettura di questo documento che conserva il fascino del tempo, ma vuole anche essere la testimonianza di una conoscenza di dati tecnici nell’ambito di un volume che può essere definito come Portolano Didascalico Militare.

Alcuni esempi. La Torre di Gomera che si trovava nel territorio di Torre Annunziata (2). Some. Indica la città di Torre del Greco e, come toponimo, non trova riscontri in bibliografia. Cabrita ad indicare l’isola di Capri (3).

http://bdh-rd.bne.es/viewer.vm?id=0000001504

 

Bibliografia

1   Carlo d’Asburgo IV (Vienna, 1º ottobre 1685 – Vienna, 20 ottobre 1740), re di Napoli dal 1713 al 1734.

2   Luigi Lamberti. Portolano del Mare Mediterraneo, del Mar Nero, e del Mar di Azof, Volume 1. Antonelli, 1848

3   Henri Michelot. The Mediterranean Pilot. Richard and William Mount and Thomas on Tower-Hill., 1715, pagina 73

4   Un ringraziamento alla BIBLIOTECA DIGITAL HISPÁNICA, presso la quale è disponibile il materiale cartografico.

 

 

Discussione1 Comment

  1. Silvio Falato ha detto:

    Il lavoro è condotto con la meticolosità propria del Genio Militare, che scandaglia ogni minimo particolare delle terre oggetto di analisi. Grazie.

Aggiungi un commento