Lo ‘Nfierno – L’Inferno di Dante in Lingua Napoletana

Inserito da: · Febbraio 11, 2021

Lo ‘Nfierno – L’Inferno di Dante in Lingua Napoletana

Di

Domenico Jaccarino

Con l’espressione “Inferno napoletano” finora si è sempre indicato un volume antologico di poesie erotiche in lingua partenopea, con riferimento all’enfer (in francese: inferno), cioè alla sezione di una biblioteca che conteneva tale genere letterario. D’ora in poi “Inferno napoletano” potrà nobilitarsi ed indicare anche una traduzione vernacolare della prima cantica dell’immortale poema di Dante, pubblicata in volume nel 1870 da Domenico Jaccarino (1844-1894) e più volte riedita nel corso dell’Ottocento. È un’ottima iniziativa della casa editrice D’Amico per commemorare Dante in
occasione del settecentesimo anniversario della sua morte e per togliere dall’oblio Domenico Jaccarino, attivissimo poligrafo vicino alla Sinistra storica, che, sia nei drammi, negli scritti giornalistici e nelle poesie, fu equanimemente bilingue. Il suo Dante popolare – che nelle intenzioni avrebbe dovuto consistere nella traduzione completa delle tre cantiche, ma di cui portò a termine solo la prima – doveva servire a far comprendere agli strati più miseri della popolazione napoletana, analfabeti e incapaci di comprendere perfettamente il toscano, gli insegnamenti morali contenuti nella Divina Commedia: l’idea era quella di leggere a voce alta, vicolo per vicolo, i versi dell’Alighieri in una versione comprensibile a tutti. A questo fine lo scrittore fondò la “Scuola popolare dantesca napolitana” allo «scopo di istruire ed educare le masse popolari infime della città di Napoli mediante la lingua che esse parlano ed intendono» e furono coniate anche alcune medaglie (riprodotte nella sezione iconografica) destinate a chi si fosse fatto promotore di tale diffusione culturale.

Domenico Jaccarino – Lo ‘Nfierno – L’Inferno di Dante in lingua Napoletana – vesuvioweb 2021

Discussione4 Comments

  1. maria ha detto:

    ——– laboro brillante cordiale saluto all!autore.

  2. Giovanni D'Amiano ha detto:

    Mi piacerebbe leggere Lo ‘Nfierno di Jaccarino; certamente una fatica improba. Complimenti per l’offerta alla lettura. Buon lavoro. Giovanni D’Amiano

  3. Domenico Mattia Testa ha detto:

    L’Inferno in lingua napoletana di Domenico Jaccarino è un apprendimento per chi non conosce il testo di Dante di cui,come viene ricordato,quest’anno si celebra il settecentenario della morte.La data del Dantedì,istituito ufficialmente l’anno scorso,è il 25 Marzo.Non sarà stato per niente facile cimentarsi con la prima Cantica e tradurla in dialetto napoletano,se teniamo presente la ricchezza e densità linguistica del testo originale.Solo con lo studio,la diligenza e l’entusiasmo di far conoscere ai non alfabetizzati la lezione etica,civile,straordinariamente umana della prima Cantica della Commedia,Jaccarino,intellettuale versatile,ha potuto compiere l’ impresa,a dir poco,ardua.Siamo grati a chi ha ricordato questo personaggio dell’Ottocento.Dispiace che abbiamo solo un assaggio con i pochi versi riportati.Ma già da essi assaporiamo la freschezza,lo spasso,la bellezza de lo ‘Nfierno….

Aggiungi un commento