Una traversata atlantica da Torre del Greco a New York

Inserito da: · febbraio 11, 2021

Una traversata atlantica da Torre del Greco a New York

Di

Lina De Luca

Dapprima si trattò solo di un dolore al piede sinistro che col passare dei giorni aumentò al punto di rendergli difficile il camminare. Giunto a Genova, agli inizi del gennaio 1918, fu costretto a sbarcare e ad un consulto medico gli fu riscontrato un congelamento di secondo grado al piede sinistro. La prognosi fu di un mese di degenza con impedimento al servizio attivo. Tornato a Portici, Teresio Fava non sembrò migliorare, anzi la patologia registrò un aggravamento dovuto a diffusa cancrena. Nel marzo del 1918 gli fu amputata la gamba sinistra e nel febbraio dell’anno successivo la stessa operazione si rese necessaria anche per il piede destro. Il Fava attribuiva il danno fisico subìto alle rigidissime temperature a cui era stato esposto durante la permanenza nel porto di Filadelfia e per questo chiese alle Ferrovie di indennizzarlo con un risarcimento. Ma quel che a lui sembrava inconfutabile non lo era per l’Amministrazione ferroviaria, che si oppose alla richiesta in quanto la sua infermità non era da ascrivere né a fattori di servizio né a condizioni di lavoro e al povero Teresio sembrò che al danno si unisse la beffa. Allora decise di chiamare in giudizio le Ferrovie per obbligarle al pagamento delle 31.000 lire da lui richieste a titolo di indennizzo per la sua assoluta e permanente condizione di inabilità (Rassegna della Previdenza sociale, assicurazioni e legislazione sociale, infortuni e igiene del lavoro, N. 2, febbraio 1920). L’uomo era stato menomato nel fisico, ma il carattere rimaneva indomito e determinato.

Lina De Luca – Una traversata atlantica da Torre del Greco a New York – vesuvioweb 2021

Discussione3 Comments

  1. Giovanni D'Amiano ha detto:

    Purtroppo, cosa può mai il singolo contro il potere cinico e disumano?

  2. Domenico Mattia Testa ha detto:

    La storia di Teresio Fava si svolge in una sorta di climax discendente:amputazione delle gambe,mancato risarcimento per la sua disabilità da parte delle Ferrovie,viaggio solitario negli Stati Uniti con la piccola imbarcazione:Stella maris.Non era la sicura e veloce “Luna Rossa”…Se è lecito paragonare i piccoli ai grandi la sua vicenda tragica ricorda quella dell’Ulisse dantesco,Vale per Teresio Fava quanto il Poeta afferma per Ulisse alla fine del ventiseesimo canto dell’Inferno:”infin che il mar fu sopra lui richiuso”.Teresio Fava ha fatto naufragio proprio nelle vicinanze di New York,l’eroe antico nella lettura di Dante naufraga quando intravvede la montagna del Purgatorio,dopo aver superato le Colonne d’Ercole,alias Stretto di Gibilterra.Ammiriamo chi ama il rischio e l’avventura,ma meglio seguire il principio di cautela,di prudenza…..

    • lina de luca ha detto:

      Gentile signor Testa, grazie per la lettura ed il suo raffinato commento. Originale ed interessante l’accostamento, quanto mai attuale nell’anno della celebrazione dei 700 anni dalla morte del Sommo Poeta, del viaggio di Fava al viaggio dell’Ulisse dantesco. Grazie. Lina De Luca

Aggiungi un commento