12 – A Lenga Turrese Vocalismo e Consonantismo – La Vocale – E

Inserito da: · Marzo 2, 2021

A Lenga Turrese – Vocalismo e Consonantismo

La Vocale – E

Di

Salvatore Argenziano

Esito /ié/ dovuto alla desinenza /i/ verbale Il verbo pèrdere, radicale “pèrd”, alla seconda pers. sing. ind. pres. è: tu piérdi, con mutazione è/ié della vocale tonica. Analogamente abbiamo tu miétti per metti e tu lievi per levi. Ovviamente nelle citazioni la desinenza /i/ è sostituita dalla /e/. ****Basile. perché autramente io me ne piglio li scarpune e tu pierde la forma. ****Cortese. Ora va, Micco mio, tutto preiato, / Miette l’ascelle, e bola commo auciello, / Ca priesto priesto t’asciaraie ’nzorato, / Vencenno de Grannizia lo castiello: ***Sgruttendio. Tu lieve da la bramma a li manciune, / Tu l’ allancate satore e le sbramme, / Li poverielle lieve da la famme / Ed inchie a tutte quante. Esito /ié/ dovuto alla desinenza /o/ del maschile Dal latino classico “testu-m”, testo, vaso di terracotta, attraverso il volgare “testu”, il dialettale tiésto. Dal latino “ventu-m” > viénto. Da “centu-m” ciénto. Da “experimentu-m” > spremmiénto. ***Sgruttendio. Cierto parite d’arme la
vorpara, / O no trépete site: ah, fosse io miso / ’Ncoppa a sso trépete, tiesto pe caudara! ***Cortese. Chi chiamma paraliteche li vuosche / Perché lo viento le fa freccecare, / Chi dice ca lo viento have li cruosche / Ché non face autro maie se non sciosciare, ***Basile. aggio scompute li iuorne, no è possibele che campa pe spremmiento a sta vita senza la vita mia; Questa mutazione risulta più evidente nella declinazione degli aggettivi, dal femminile, da desinenza latina /-am/, al maschile, desinenza /-um/. Da “apert-am”, aperta ad “apert-um”, apiérto. Da prèna a priéno, da zitella a
zitiéllo, da vecchia a viécchio. ***Basile. se sosette lo recapeto e sbignaie, lassanno lo prencepe chino de docezze, prieno de curiosità, carreco de maraveglia. ***Velardiniello. Lo viecchio a quillo tiempo parea citiello / con le brache strengate a lo iupariello. ***Cortese. Portava de Gragnano na gonnella / E no ieppone viecchio d’armosino, / Co no corzetto po’, co la granniglia, / Che fece a cchiù de quatto auza’ le ciglia.

Salvatore Argenziano – A Lenga Turrese – Vocalismo e Consonantismo – La Vocale E – vesuvioweb 2021

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, La grammatica della Lenga Turrese

Aggiungi un commento