Medicamenti napoletani – 1903

Inserito da: · Marzo 2, 2021

La medicina a Napoli nel 1903; pagine sparse dal giornale; aspetti antropologici e culturali

Di

Aniello Langella

… Un tempo a Napoli e non solo, si impermeabilizzavano i tetti delle case con il catrame. Ma con il catrame di preparavano anche le impermeabilizzazioni delle imbarcazioni. La stoppa con il catrame, veniva inserita tra le lunghe tavole del fasciame e ciò lasciava lo scafo elastico ed impermeabile. Chi lavorava nel campo dell’edilizia e della cantieristica navale, respirava volentieri i vapori derivati dalla bollitura e dal riscaldamento del catrame. Quei vapori, a quei tempi erano considerati benefici per i polmoni. Peccato che qualche anno dopo si scoprì che il catrame, nella sua forma sublimata, se inalato è un potente cancerogeno. In alcune patologie polmonari, la medicina indicava le inalazioni con catrame ed un toscano al giorno. Questo è un po’ il senso e la chiave di lettura delle pillole di Catramina …

icona medicamenti2

Aniello Langella – Medicamenti napoletani 1903 – vesuvioweb 2015

 

Aggiungi un commento