“Post fata resurgo” – Le eruzioni del Vesuvio e i Torresi

Inserito da: · Aprile 9, 2021

“Post fata resurgo” – Le eruzioni del Vesuvio e i Torresi

Di

Umberto Vitiello “Vadìm

Del fango caldissimo proveniente da una fessura nei pressi dei Camaldoli di Torre del Greco invade i terreni fino al mare. Interrompendo il traffico sulla Regia Strada delle Calabrie, dove oggi è la contrada Leopardi. Le ceneri arrivano anche con questa eruzione fino a Costantinopoli, che con la conquista turca del 29 maggio 1453 ha cambiato nome in Istanbul. Il mare arretra e un’esplosione causa l’abbassamento della cima del cratere di ben 450 metri e l’apertura di due crepacci sul lato occidentale del vulcano che emettono abbondanti quantità di lava
In tre giorni l’eruzione del 1631 provoca la morte di 6.000 capi di bestiame, la distruzione di un terzo della città di Torre del Greco e la morte di 10.000 suoi abitanti, oltre un terzo della sua popolazione. Secondo lo studioso torrese Francesco Balzano, nato nel 1631, lo stesso anno di questa terribile eruzione, e mortonel 1690, “la cenere calò abbondante e fece ritirare il mare… nel qual terreno hoggi si sono fatte massarie e ogni anno vi si fanno ortaggi in abbondanza”. Lo stesso Balzano e altri studiosi calcolarono che l’eruzione del 1631 e un violento lunghissimo nubifragio aveva trasportato a mare tonnellate e tonnellate di detriti facendo allungare di un centinaio di metri i terreni di Torre del Greco verso il mare. Pur ridotta moltissimo la sua popolazione, i sopravvissuti si dedicano subito alla ricostruzione della città. Ma 25 anni dopo un’altra sciagura si abbatte su di loro: la peste del 1656 che colpisce Napoli e la sua provincia e provoca la morte di 1500 torresi, per la maggior parte sotterrati in uno scavo dietro la Chiesa del Carmine.

Umberto Vitiello – Post Fata resurgo – vesuvioweb 2021

Aggiungi un commento