Torre del Greco 1799

Inserito da: · Aprile 9, 2021

Torre del Greco 1799

Di

Lina De Luca

Il 1799, ultimo del XVIII secolo, si aprì per Napoli nell’attesa di un rivolgimento politico-istituzionale a cui non era storicamente avvezza se non per quella breve parentesi del 1647 nota come Repubblica di Masaniello. In quell’inizio d’anno truppe francesi dell’esercito di Bonaparte sarebbero entrate nella capitale del regno e avrebbero dato sostegno, come era accaduto in altre parti d’Italia, a coloro che agognavano la nascita di una Repubblica. I rivoluzionari napoletani, ispirati dai principi della scuola illuministica e riformistica napoletana da Galiani a Genovesi a
Filangieri, ritenevano che fosse ormai giunto il momento di scardinare l’assolutismo borbonico che concentrava tutti i poteri nella persona del sovrano senza il controllo di altri organi: essi vagheggiavano una Repubblica Napoletana, una nazione di liberi cittadini che potessero partecipare alla vita politica attraverso un “governo democratico sulle basi della libertà ed uguaglianza” (Proclami e Sanzioni della Repubblica Napoletana, raccolti da C. Colletta, 1863). Ma agli ideali si accompagnarono anche errori politici.

Lina De Luca – Torre del Greco 1799 – vesuvioweb 2021

 

Discussione4 Comments

  1. claudio saltarelli ha detto:

    IL COMPORTAMENTO DEI REPUBBLICHINI E ASSOLUTAMENTE DEPLOREVOLE PERCHè SI SONO MACCHIATI DI ALTO TRADIMENTO, NON TIRATE FUORI I NOVATORES NAPOLETANI CHE NULLA AVEVANO A CHE FARE CON LA REPUBBLICA DA OPERETTA. IN QUELLA PAGINA DI STORIA DI DIMENSIONE UNIVARSALE SI PUO SOLO REGISTRARE LA PRIMA RESISTENZA DI UN POPOLO CONTRO UN ESERCITO INVASORE NELLA STORIA COME LO STESSO MAZZINI EVIDENZIO’ CONDANNANDO I GIACOBINI NAPOLETANI. IN SPAGNA I GIACOBINI LOCALI QUANDO CAPIRONO CHE AI FRANCESI INTERESSAVA SOLTANTO SACCHEGGIARE, UCCIDERE E RUBARE AFFIANCARONO I POPOLANI CHE SULLE BARRICATE CONTRASTAVANO I FRANCESEI MENTRE DA NOI DA CASTEL SANT’ELMO E DA LARCO DELLE PIGNE SPARAVANO ALLE SPALLE DEL POPOLO NAPOLETANO CHE DIFENDEVANO LA CITTA’, CADDERO IN QUASI DIECIMILA. MENTRE VOI CONTINUATE A MISTIFICARE LA VERITA I FRANCESI RIMASERO STUPITI E AMMIRATI DAL CORAGGIO DEI NAPOLETANI DEFINENDOLI DEGLI EROI. L’UNICA CARITA’ CHE POSSIAMO CONCEDERE ALLA STORIA E LA VERITA

  2. lina de luca ha detto:

    Gentile signor Saltarelli,
    Lei esordisce usando il termine repubblichini che fa riferimento ad altro periodo storico, come forse ben saprà, e già in questo tratto ci differenziamo: nelle mie ricerche storiche a sfondo locale evito con tutte le mie forze di cadere nella confusione e nella generalizzazione dei contenuti. Il mio approccio alla Storia ed alla comprensione delle vicende del passato è libero da pregiudizi e tesi predeterminate, senza tifoseria per le varie parti in causa. È solo la mia curiosità intellettuale che mi spinge a cercare tutte le informazioni in merito ad un argomento storico, per ampliarne quanto più possibile l’orizzonte. Ovviamente le capacita critiche di cui dispongo mi permettono di discernere e valutare le fonti in piena libertà e col metodo della comparazione e perciò non si riterrà offeso se ciò che io esprimo non aderisce alla Sua visione dei fatti.
    Cordiali saluti.

  3. Domenico Mattia Testa ha detto:

    Microstoria torrese e macrostoria napoletana ben si integrano nelle pagine riportate sulle vicende drammatiche del 1799.E’ un contributo importante per focalizzare anche in questa difficile stagione della pandemia che tutti preoccupa ed inquieta( la natura è più forte dell’uomo:i virus hanno miliardi di anni ,noi ad esagerare, ne abbiamo,per restare ad Homo sapiens,centinaia di migliaia….) l’attenzione sulla storia locale,rispecchiamento nel piccolo di quella della grande capitale che alla fine del Settecento era seconda solo a Parigi.Ho letto con interesse i fatti torresi:un capitolo poco conosciuto che arricchisce la documentazione sull’inizio,la durata e la fine della Rivoluzione napoletana.Per quanto attiene alle violenze perpetrate dalle truppe sanfedistiche illuminante è
    l’inedito Manoscritto di Giuseppe De Lorenzo,prefato da Benedetto Croce nel 1899,col titolo:Nel furore della reazione.Così si esprime il filosofo della libertà:Da nessun’altra scrittura ho ricevuto una cosi nitida visione di quelle terribili giornate del giugno 1799.Con occhio fotografico Giuseppe De Lorenzo,milite della Guardia civile,descrive la repressione borbonica a Via Monteoliveto,a piazza Dante,a Trinità Maggiore, aPonte della Maddalena….

    • lina de luca ha detto:

      Gentile Domenico, La ringrazio per l’interesse mostrato alla mia piccola ricerca, che volutamente ha sorvolato sulle violenze perpetrate in quella sfortunata stagione repubblicana sia da parte francese che sanfedista. Nella ricerca bibliografica a monte del piccolo saggio ho privilegiato le più recenti pubblicazioni, che col freddo occhio della indagine storica cercano di far luce su tutti gli elementi che confluirono a formare la pagina politica e sociale del gennaio-giugno 1799.
      Cordiali saluti.

Aggiungi un commento