Àsteco, suppigno e cielo

Inserito da: · maggio 15, 2021

Àsteco, suppigno e cielo

di

Alfredo Imperatore

Gli inconvenienti erano rappresentati sia da un’improvvisa pioggia, che costringeva le massaie a riportare in fretta le varie ciotole nel sottostante suppigno, sia dai vari insetti, specialmente mosche e vespe, che attratte dall’acre odore, si affastellavano sui veli, ormai adagiati sulla passata di pomodori.
Cosa intendiamo noialtri per suppigno? Esattamente la soffitta, il sottotetto, cioè il vano intermedio tra l’ultimo piano e il tetto. Anche questa nostra parola, merita la sua etimologia perché appartiene a quelle di origine incerta. Per D’Ascoli è da escludere il lat. subpinnium per ragioni semantiche, e si rifà
all’Alessi il quale riporta il lat. suppingere= attaccare, inchiodare sotto, che trova conferma nel derivato medievale pingium. Iandolo (conferma): da un lat. volgare subpingiu(m) con metatesi, connesso con subpingere= attaccare sotto. [suppingo, is, pegi, pactum, ere].

Alfredo Imperatore – Asteco, suppigno e cielo – vesuvioweb 2021

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Alfredo Imperatore

Aggiungi un commento