Le “pietre” dell’isola d’Ischia

Inserito da: · maggio 15, 2021

Le “pietre” dell’isola d’Ischia

Di

Raffaele Castagna

Non è soltanto un’isola “che non c’é più”, mutata dallo sviluppo degli ultimi anni, quella che viene fuori dalla lettura di alcuni testi che ci ha lasciato Giovan Giuseppe Cervera, ma anche un’isola che può mostrarsi chiaramente in tutto il suo “mistero” e in tutta la sua realtà a chi la percorre, attento ad ogni immagine, ad ogni pietra che si trova da presso o intravede in lontananza, se gli sembra fatica improba portare i propri passi lungo sentieri impervi e “scarrupati”. Il Cervera deve certamente aver girovagato in lungo e in largo, se è capace di indicare, di dare il nome specifico a
ciascun anfratto, a qualsiasi angolo, e soprattutto a quelle “pietre” che hanno fatto parte della vita dei nostri antenati: di queste non di rado sono ricordati fatti e fatterelli che forse a noi danno l’impressione di fiaba, ma che devono anche aver costituito elementi quotidiani delle epoche passate. E sia pur soltanto con la lettura e con la fantasia ci si può inerpicare su per le balze (lontane dalle nostre comuni passeggiate), come peraltro procedere lungo spiagge e lidi più frequentati e noti. Ma si riesce a scoprire qualcosa di nuovo e che normalmente non ha mai fatto da richiamo per la nostra attenzione (anche perché per molti tratti ormai si va soltanto in macchina).

Raffaele Castagna – Le pietre dell’isola d’Ischia – vesuvioweb 2021

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Storia e cultura

Discussione1 Comment

  1. Jana Haasová ha detto:

    Grazie per un articolo interessante e belle foto di pietre. La roccia fungo mi ha affascinato e mi ha ispirato a dipingere un quadro sette anni fa.

    https://filedn.com/l7T54JMOCKkYCXLJOLqfUP0/Nove/pic%2021.jpeg

    Salute Jana

Aggiungi un commento