Discussione2 Comments

  1. Domenico Mattia Testa ha detto:

    Bisogna essere grati a chi si è preoccupato di rinfrescare la memoria sui promotori della eroica e sfortunata Repubblica Napoletana del 1799.Interessanti,pur nell’essenzialità dei dati,le biografie dei protagonisti,visti da Benedetto Croce,come gli anticipatori del Risorgimento.Essi sono un esempio di Resilienza,per adoperare un termine,venuto di moda con il coronavirus,all’assolutismo del potere monarchico su cui i revisionisti neoborbonici,sono reticenti,per ignoranza,pregiudizio o per convenienza propagandistica.Tra i personaggi meritava di essere menzionato,benchè assai noto,Vincenzo Cuoco,sia perchè partecipò attivamente all’esperienza rivoluzionaria,sia perchè nel suo famoso” Saggio “sottolinea con lucidità gli errori
    commessi dai sostenitori della causa repubblicana.In particolare riconosceva che essi avevano peccato di astrattismo politico con il volere importare il modello francese in una realtà diversa,come quella di Napoli e di non aver capito che il popolo.si muove per interesse,non per ideale.Va anche ribadito con determinazione che,se non ci sono le avanguardie illuminate che lottano per la libertà e per la giustizia sociale,la storia non fa passi avanti.Si può trarre una grande lezione dai martiri della repubblica partenopea:è importante la concretezza politica,non meno importante è la tensione ideale,la forza dell’utopia,specialmente nelle congiunture difficili della storia,anche in questa che viviamo dallo scorso anno.

    • Umberto Vitiello "Vadìm" ha detto:

      Grazie per i complimenti e per il giudizio condvisibile appieno sui vari personaggi citati, compreso Vincenzo Cuoco.

Aggiungi un commento