Categoria: IL VESUVIO IN VERSI E PROSA

05 Feb

01- Sera e Notte – Le metafore del tempo

by Vesuvioweb

Prima Giornata Dal Pentamerone ovvero Lo cunto de li cunte di Giambattista Basile (1575-1632) Di Salvatore Argenziano È l’immagine della città al tramonto, quando le luci nelle case e nelle botteghe, una dopo l’altra, si accendono. Cinzia è Artemide, così detta per essere nata sul monte Cinto. Artemide è la Luna. Stecconeiare, bastonare. Pettenare e […]

Questo articolo si trova in: ----- Giambattista Basile, 00 In Rilievo

04 Dic

01 – La Vaiasseide

by Vesuvioweb

Giulio Cesare Cortese – VAIASSEIDE – Canto Primmo A cura di Salvatore Argenziano e Gianna De Filippis …   Giulio Cesare Cortese (1575 – 1627?). La Vaiasseide è un poemetto in cinque canti che narra le vicende delle vaiasse, le serve napoletane. La lingua è la napoletana, probabilmente non esattamente quella parlata ma certamente ricca di […]

Questo articolo si trova in: ----- Giulio Cesare Cortese, 00 In Rilievo

30 Ott

1 – Enzo Pepe e Salvatore Argenziano – Arbanno juórno – Dal Pentamerone ovvero Lo cunto de li cunte di Giambattista Basile – vesuvioweb 2015

by Vesuvioweb

Arbanno juórno – Dal Pentamerone ovvero Lo cunto de li cunte di Giambattista Basile Di Enzo Pepe e Salvatore Argenziano  …  Perzò scetato che fu la matina – quanno esce l’Aurora a iettare l’aurinale de lo vecchio suio tutto arenella rossa a la fenestra d’Oriente – scergate l’uocchie co la mano, stennechiatose pe mez’ora e […]

Questo articolo si trova in: ----- Giambattista Basile, 00 In Rilievo

25 Ott

Chiantàjeno – fernute ‘e suonne

by Vesuvioweb

Poesia di Achille Serrao Chiantàjeno – fernute ‘e suonne Chiantàjeno – fernute ‘e suonne chiàntano ciéuze ‘nnante ‘a casa mia e nun se vede chiù ‘a campagna – vaco crescenno figlie, ancora… ‘nnante ‘a casa mia se vedeva ‘a campagna spasa nfì ê fuosse ‘e nu munno ca se lagna addò’ se parla na parlata […]

Questo articolo si trova in: ----- Achille Serrao, 00 In Rilievo

18 Ott

Na rosa rosa

by Vesuvioweb

Poesia di Achille Serrao Na rosa rosa A Codroipo, alla sua lingua, Ad Amedeo Giacomini e a Luigi Bressan Po’ me parlate cu’ na lengua nova e antica, na maglia ‘e lana p’’a staggione malamènte e senza ‘e vuje che só … ‘Nfì a Padua chiove ‘ncasa a chiovere ‘nfì a Padua ‘e sciumme speretate […]

Questo articolo si trova in: ----- Achille Serrao, 00 In Rilievo

04 Ott

‘O cunto d’’e ccose piccerelle

by Vesuvioweb

Poesia di Achille Serrao ‘O cunto d’’e ccose piccerelle Chiù assaje ‘e ll’at’anno s’arrepecchia ‘a fronna azzelisce s’abbocca comme vó Ddio (‘o Ddio ‘e tutte ‘e fronne) stu ddiéce ‘e pataterno nu poco ‘nzallanuto ‘a cunnuléa speresce ‘a fronna jetteca – e isso ch’’a cufféa. Aria pe’ naca, è overo, chisto è ‘o cunto d’’e […]

Questo articolo si trova in: ----- Achille Serrao, 00 In Rilievo

27 Set

Po’ vene juorno

by Vesuvioweb

Poesia di Achille Serrao Po’ vene juorno A Giuseppe Rosato Cammenata ca me struppéa o suonno na notte sì e n’ata notte pure passiata va’ sapé comme cumposta ncopp’a chest’ossa … e dint’ô suonno raggiunià e sta vita, e chella ca nce steva ma nun sia maje s’avesse a lepetà, dicive scutulianno o janco e […]

Questo articolo si trova in: ----- Achille Serrao, 00 In Rilievo

21 Set

’O ssupierchio

by Vesuvioweb

Poesia di Achille Serrao ’O ssupierchio Per Franco Loi A st’ora ca sciùlia ‘a dint’ô lietto, nu male ‘e pietto… vi’ ca songo na vasuliata ‘ntruppecósa nu vico ‘e sfaccimma ‘a matina e nce mastréa ‘a zoccola e ciammuórie s’appicciano ‘a matina ‘ntussecùse ‘e sta ggente spatriata ‘mmiez’â campagna, ggente ‘e pane… Vurria esse ‘e […]

Questo articolo si trova in: ----- Achille Serrao, 00 In Rilievo