Categoria: Pillole linguistiche napoletane

08 Nov

41 – Carlo Iandolo – Pillole linguistiche napoletane – Un particolare monovocalico dialettale

by Vesuvioweb

Un particolare monovocalico dialettale Di Carlo Iandolo … C’è poi la questione dell’origine etimologica, al cui proposito la comune propensione è indotta a scrivere col segno circonflesso tu sî, in quanto presunta contrazione dell’italiano “tu sei”, a sua volta spiegato secondo il latino “es” (onde l’antico italiano “ei”) ma specie in corrispondenza del toscano “tu sèi” che ha generalizzato […]

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Pillole linguistiche napoletane

14 Set

40 – Carlo Iandolo – Il raddoppio sintattico in napolatano

by Vesuvioweb

Il raddoppio sintattico in napolatano. MONOVOCALICI: caratteri e conseguenze Di Carlo Iandolo   …  È proprio la consonante finale di tali lemmi latini, nascosta ma ancóra vitale, a procurare il raddoppiamento sintattico tramite l’assimilazione regressiva e poi il trasferimento della nuova consonante assimilata nell’inizio della parola seguente. Ess.: (*la-c sotto > *las sotto >) lla ssotto; (*cu-m te > […]

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Pillole linguistiche napoletane

06 Apr

39 – Carlo Iandolo – Il raddoppio sintattico in napoletano

by Vesuvioweb

Il raddoppio sintattico in napoletano Di Carlo Iandolo … È quindi erroneo negare tale geminazione che compare spesso già nei testi dei nostri classici (del Millesettecento, del Milleottocento), captata da orecchie ben sensibili e vigili; ne fa uso –sebbene incostante e qua e là contraddittorio– anche S. Di Giacomo, cioè il poeta che nel Novecento cercò […]

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Pillole linguistiche napoletane

20 Ott

38 – Carlo Iandolo – Pillole linguistiche napoletane – Il raddoppio consonantico iniziale

by Vesuvioweb

Esordiamo con una duplice dichiarazione, ribadendo i princípi che sosteniamo da tempo immemorabile a) – com’è tipico anche e specie della nostra pronunzia dialettale, spesso essa mostra il raddoppiamento iniziale della consonante, il quale va sia rispettato che riprodotto necessariamente e fedelmente nella conseguente scrittura, com’è anche di altre particolarità similari (a mo’ d’esempio, le duplicazioni… 38 Carlo Iandolo – […]

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Pillole linguistiche napoletane

23 Giu

37 – Carlo Iandolo – Pillole Linguistiche Napoletane – Il napoletano oggi

by Vesuvioweb

Il napoletano oggi. La recente fioritura degli studi grammaticali sul dialetto partenopeo ha apportato molteplici e notevoli conquiste innovative, in nome di indispensabili revisioni concettuali e ortografiche. 37 Carlo Iandolo – Pillole Linguistiche Napoletane – Il napoletano oggi – vesuvioweb  

13 Mag

35 Carlo Iandolo – Pillole Linguistiche Napoletane – La lingua greca di Napoli – vesuvioweb

by Vesuvioweb

È risaputa e proclamata l’origine greca della città di Napoli (a cominciare dall’etimo del toponimo “Neápolis = città nuova, successivo a quello di “Falero” = forse “porto”) e del suo dialetto iniziale, da inquadrare nel seno della Magna Grecia, prima che la “romanità” s’inserisse. Ma c’è da chiedersi: quale dialetto greco fra le molteplici varietà parlate nell’Ellade? 35 […]

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Pillole linguistiche napoletane

15 Apr

34 – Carlo Iandolo – Pillole linguistiche napoletane. Questioni d’ortografia

by Vesuvioweb

Una curiosità da appagare: come nascono nel dialetto –a inizio di parola– la semiconsonante “j + vocale” e il nesso consonantico doppio “gghi + vocale”? La “j-” ha alle spalle latine sia una “i + vocale” (iocare > jucà = “giocare”, iustum > justo = “giusto”, eamus > *iammu-s > jammo =  andiamo!”),1 sia il nesso “bl-” (blancu-m > […]

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Pillole linguistiche napoletane