Categoria: L’eruzione del Vesuvio del 1906

01 Feb

Vincenzo Marasco – Un secolo dopo l’eruzione del Vesuvio del 1906, le commemorazioni

by Vesuvioweb

Durante il mese di Aprile 2006, in tutti i paesi vesuviani che cento anni fa furono investiti dalla furia devastatrice del Vesuvio, si sono onorati quei terribili giorni, come abbiamo scritto in precedenza, che arrecarono gravi danni e lutti alle popolazioni vesuviane. Ogni paese ha voluto, in questi giorni, commemorare l’evento rappresentato dalle iniziative più svariate, dai programmi organizzati […]

01 Feb

L’eruzione del 1906 da “Illustrazione popolare – Giornale per le famiglie”

by Vesuvioweb

Era il 23 aprile del 1906 e l’”Illustrazione Popolare” puntuale nel documentare i fatti della terra vesuviana non mancò di redigere una cronaca interessantissima relativa alla grande eruzione del Vesuvio. Le illustrazioni sono bellissime. I disegni affascinanti e suggestivi. Anno 37°. Costava 5 lire all’anno e 5 centesimi per ciascun numero. L’eruzione del Vesuvio del 1906 […]

31 Gen

I fasti del Vesuvio in una cronaca del 1906

by Vesuvioweb

” I fasti del Vesuvio cominciano, storicamente, colla memorabile eruzione del 79, e quindi comprendono 1827 anni, poco più di diciotto secoli, durante i quali si ebberoquattro grandi periodi critici: il primo dal 79 al 203, il secondo dal 472 al 685, il terzo dal 992 al 1139 ed il quarto dal 1631 al 1906. […]

29 Gen

Matilde Serao e l’eruzione del Vesuvio del 1906

by Vesuvioweb

“Tutta la notte sono giunte, di ora in ora, notizie sempre più allarmanti, dal Vesuvio: e una gran pioggia di cenere, nell’ alta ombra notturna, ha sempre più agitato le fantasie e oppresso i cuori. La mattinata è così ineffabilmènte triste, col suo cielo basso, chiuso da misteriosi vapori, col suo mare immoto e plumbeo, […]

29 Gen

Oscar Limpido – L’eruzione del Vesuvio del 1906 nei ricordi di Raffaele Viviani

by Vesuvioweb

L’eruzione del 1906 vista da Raffaele Viviani Da Castellammare di Stabia, Raffele ascoltò il brontolio della Montagna infuocata. Sapeva che quello strano monte aveva seminato morte e sciagura. Sapeva che il precario è poco al cospetto dei ruggiti del Vesuvio. Trasforma le sue considerazioni in lirica e scrive di getto un pezze che descrive sensazioni […]