23 Feb

4 Comments

Shelley e lo scoglio di Rovigliano

by

Shelley e lo scoglio di Rovigliano

Di

Vincenzo Pepe

Esattamente duecento anni fa il poeta inglese Percy Bisshe Shelley (1792- 1822) soggiornò a Napoli per un periodo di due mesi circa, dalla fine di novembre del 1818, alla fine di febbraio 1819. Come per tutti i viaggiatori che seguivano l’itinerario del Grand Tour in Italia meridionale, anche per lui quella napoletana era una tappa obbligata. Basti pensare che proprio nello stesso periodo, assieme a lui nella città partenopea arrivò anche il Keats, seguito qualche anno dopo dal romanziere Walter Scott, per citare solo alcune delle personalità di spicco del mondo letterario britannico.

Vincenzo Pepe – Shelley e lo scoglio di Rovigliano – vesuvioweb 2019

23 Feb

2 Comments

La Comunità degli Ebrei a Guardia

by

La Comunità degli Ebrei a Guardia

Di

Silvio Falato

La tradizione racconta che da tempi immemorabili ha operato nella nostra realtà guardiese , una comunità ebraica, che tanto ha fatto parlare di sé. Siccome la storia è stata al riguardo molto avara di documenti, voglio partire da una situazione di fatto, che ancora oggi fa sentire i suoi echi. Mi riferisco all’espressione, molto in voga tra i parlanti il guardiese,: “R’Abbrjéja de la  Pertélla”, che sarebbe l’italiano “Gli Ebrei della Portella”. E’ una delle tante maniere in cui gli abitanti del Rione Croce, del Rione Piazza e del Rione Fontanella (sono quattro i Rioni che costituiscono il paese), una delle tante maniere, dicevo, di  prendere in giro i Portellesi, accusandoli di eccessivo attaccamento al denaro e agli affari e di esagerato laicismo nel rapporto con la Chiesa e con i sentimenti religiosi.

Silvio Falato – Gli Ebrei a Guardia – vesuvioweb 2019

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, guardia sanframondi

23 Feb

1 Comment

24 – La consonanmte z

by

La Consonante Z

Da

A Lenga Turrese Vocalismo e Consonantismo

Di

Salvatore Argenziano

 

06-Mutazione RS/ZZ
Dal latino “morsus”, morso, l’iterativo morsicare > murzicà > muzzicà per assimilazione consonantica progressiva. ***Basile. E l’orca chiammaie finalmente lo cane decenno: «Mozzeca sta vigliacca!». E lo cane respose: «Lassala ire la poverella, ca m’ha dato la panella!» **Cortese. Se filanno moglièreta lo fuso / Le cade, e tu lo piglia, figlio mio, / Mózzecale la coda, ca sì ’scruso / Da chello che da tutte èie temuto: / Zoè ca mai non te farà cornuto. **Sgruttendio. Bella alefanta mia, na mozzecata /  Contentariame da ssi diente avere / Si be’ ca fusse tu cana arraggiata! **S. Di Giacomo. Bonasera e salute, cacciuttié!.. / Tu muzzecasse?… – dicette ’o guaglione. / Nun muzzeche?… Teccà!… Statte cu mme… / Mo ce cuccammo. Viene ccà a ’o patrone!…

24 – Consonante Z – Di Salvatore Argenziano – vesuvioweb 2019

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Stròppole linguistiche

23 Feb

2 Comments

La Regia Strada delle Calabrie – Viaggio da Napoli a Castellammare – Fonderia di ferro, Ponte, Dogana e Macello

by

La Regia Strada delle Calabrie

Viaggio da Napoli a Castellammare

Fonderia di ferro, Ponte, Dogana e Macello

Di

Aniello Langella

L’edificio della Dogana, che in molta bibliografia viene anche detto “Dogana Orientale” visse per diversi anni ed assolse come tutte le sedi gabellari, all’odioso compito di riscossione delle tasse di transito. Data la sua forma architettonica, la sua maestosità neoclassica e la severità dell’impianto frontale, venne anche definito come il “palazzaccio” inteso come ovviamente nel senso stretto del termine. Un lunghissimo periodo di abbandono dopo il periodo dell’Italia unitaria, rese questo luogo insicuro e sede di incontri conviviali malavitosi. Gli anni ‘60 del secolo scorso lo videro decadente, abbandonato, sede abitativa per abusivi. Finalmente il crollo del tetto che risalirebbe ai primi degli anni ‘80 ne decretò la fine.

3 – Viaggio da Napoli a Castellammare – Fonderia di ferro, Ponte, Dogana e Macello – vesuvioweb 2018.pub

 

23 Feb

0 Comments

La Rassegna d’Ischia

by

La Rassegna d’Ischia

Febbraio  –  Marzo 2019

Motivi

Il “Capitano” Vito Mattera e la sua finestrina sull’Oceano Mare

Il territorio di Panza (Vicus Panza)

Alla ricerca di Pablo Neruda sull’isola d’Ischia

Fonti archivistiche

Un “pittore dilettante”Gennaro Migliaccio

Ischia : L’isola del cuore

Ex Libris : Italy, the magic Land – (Vittoria Colonna – Il Castello Aragonese – Ischia)* La conquista d’Ischia da parte di Alfonso d’Aragona

Periodico di ricerche e di temi turistici, culturali, politici e sportivi. Direttore responsabile Raffaele Castagna

http://www.ischialarassegna.com/rassegna/Rassegna2019/rass01-19/rass01-19.pdf

08 Feb

2 Comments

“Rǝ Pàkkǝrǝ” – “I Quattro Cantoni” – “Papà Ggǝlòrmǝ”

by

“Rǝ Pàkkǝrǝ. I Quattro Cantoni. Papà Ggǝlòrmǝ”

Il gioco dello Schiaffo, Quattro cantoni, Papà gelorme

Di

Silvio Falato

Un altro gioco, frequente nel mese di Febbraio, perché facilmente praticabile al chiuso, era quello dello ”schiaffo”, in dialetto “rǝ pàkkǝrǝ”. Nel gruppetto, che di solito era costituito di sette o otto elementi, mediante il famoso “tocco”, si sceglieva chi doveva andare sotto. Lo sfortunato si piazzava al centro del gruppo, infilava la mano destra sotto l’ascella sinistra, esponendo
chiaramente il palmo, e con la mano sinistra, messa di lato sul viso reclinato a destra, impediva la visuale su tutto il lato destro. Da qui uno del gruppo assestava un forte schiaffo sul palmo della mano esposta, e ogni giocatore, componente del gruppo, poi,
col dito alzato, fingeva, davanti allo schiaffeggiato che si era girato, di essere stato lui l’autore dello schiaffo.

Silvio Falato – Schiaffo, Quattro cantoni, Papà gelorme – vesuvioweb 2019

 

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, guardia sanframondi

08 Feb

1 Comment

La notte del Piedegrotta

by

Giacomo Marulli – La notte del Piedegrotta

Di

Giacomo Marulli

Recensione di Vincenzo Pepe

Attorno alle figure dei protagonisti ruotano numerose identità secondarie, anche queste, però, delineate con efficacia. Ecco, per esempio, la figura di Salvatore, uno dei delinquenti che eseguono materialmente i crimini progettati da Don Lionardo:  Salvatore era no giovane de cosetore, lo quale, però, se l’anno era composto de dudece mise, isso ne steva a spasso tridece, bravo a ll’arte soja, pittava lo sole quanno pe combinazione aveva pe le mmane quacche piezzo de lavoro; ma de chesta bravura soja poco se ncarrecava, e mmece passava la vita soja a pappalardielle, senza fa maje niente, passanno la matenata dinto a
la taverna o a la cantina, mbriacannose a meglio a meglio, rociolianno pe tutta Napole co le mmane dinto a le ssacche, dormendo lo doppo magnato, e tornanno ad ascì n’autra vota la sera, primma pe ghì a trovà Don Lionardo, e a lo scennere da chella casa pe mpezzarese addò?

Giacomo Marulli – La notte del Piedegrotta – Recensione di Vincenzo Pepe – vesuvioweb 2019

 

08 Feb

5 Comments

22 – Agglutinazione

by

A Lenga Turrese Vocalismo e Consonantismo

L’agglutinazione

Di

Salvatore Argenziano

L’agglutinazione dell’articolo consiste nell’unione dell’articolo al sostantivo con la realizzazione di una nuova parola dello stesso significato, come da menta > amenta. Spesso questa diventa di uso comune e prevalente rispetto a quella iniziale
acciànza Occasione, opportunità. Dal francese “chance”, con ipercorrettismo SC/C della pronuncia francese e mutazione S/Z, sempre dalla pronuncia francese > cianza. Da -a cianza- > accianza con agglutinazione dell’articolo e geminazione della -c- pretonica. alaccia. Una doppia agglutinazione è presente per questa parola. Dal latino tardo àppiu(m), dal classico àpiu(m)=sedano, da apis=ape, perché inteso dagli antichi come pianta delle api. Da “appio”, con agglutinazione dell’articolo, -l’appio > lappio- e laccio, con mutazione -ppi->-cci-, come da “sepiam” > seccia. Nel linguaggio popolare, laccio cambia genere e passa al femminile laccia (vedi citazioni di G. D’Amiano). Una seconda agglutinazione porta da –a+laccia- ad – alaccia-, come nei miei ricordi torresi.

22-Agglutinazione – Di Salvatore Argenziano – vesuvioweb 2019

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Stròppole linguistiche