02 Mar

0 Comments

Napoli nel 1560

by

NAPOLI nel 1560

 

Neapolis urbs ad verissimam effigiem Petri Alexandri aeneis formis nuper expressa, Carolus Tettius Neapolitanus pingebat

Eegnum quod ad urbe Neapoli nomen retinet, Populus sub se continet his nominibus. Latium novum, vel Adiectum, Campania Picentinos, Lucanos, Brutios, Magnam Graeciam, Salentinos, Pediculos, Appulos, Samnitas, Daunos, Frentanos, Marrucinos, Vestinos, Praetutianos, Sabinorumquae partem.

Romae MDLX

Sebastianus a Regibus Clodiensis in aere incidebat

 

http://bdh-rd.bne.es/viewer.vm?id=0000028938

La mappa della città di Napoli eseguita in quell’anno, mostra un quadro quasi tridimensionale con vista dal mare e che ritrae l’intero abitato cinto dalla complessa cerchia muraria e la linea di costa che andava dall’attuale Riviera di Chiaia allo Sperone del Carmine. Il disegno della rete viaria, delle abitazioni, dei palazzi, delle chiese e dei complessi monumentali, ricalca uno schema ippodameo che risponde ad un reale rilievo cartografico effettuato molto probabilmente durante quel viceregno. Una didascalia alla base della stampa, descrive in maniera molto dettagliata le maggiori presenze della città, indicando al lettore anche aspetti urbanistici singolari e peculiari di quel periodo.

Interessantissima è la descrizione (grafica) delle mura perimetrali, delle porte di accesso alla città. Particolari quali l’area del Palazzo Reale del Maschio Angioino, della Piazza del Gesù. Particolare cura è stata profusa nella descrizione della linea di costa che andava dalla chiesa di San Leonardo D’Orio, alla spianata che precede il Ponte della Maddalena.

Siamo nei tempi del Viceregno ed in quell’anno, la città è nelle mani della corona spagnola che destinò per Napoli Pedro Afán de Ribera, o Perafán de Ribera, nato a Siviglia, 1509 e deceduto a Napoli, il 2 aprile 1571. Questi fu duca di Alcalà e viceré di Catalogna. Il periodo di reggenza napoletano va dal 12 giugno 1559, all’anno della sua morte.

 

11 Feb

5 Comments

‘A Serenata d’ ‘o Marenaro

by

‘A Serenata d’ ‘o Marenaro

Di

Gianni Lamagna

Anteprima del brano ‘A Serenata d’ ‘o Marenaro (1903) di A. Califano e S. Gambardella, tratto dal progetto, ancora in corso, “Mandulinata a Mare”, omaggio ad Aniello Califano. (Sorrento 1870 – Sant’ Egidio del Monte Albino 1919, poeta e scrittore). Gianni Lamagna, voce Ondanueve String Qurtet: Paolo Sasso, violino Andrea Esposito, violino Luigi Tufano, Viola Marco Pescosolido, cello Gianluca Trinchillo, chitarra Tommaso Immediata, mandolino Giuseppe Di Bianco, arrangiamenti Prodotto da “FESTIVAL DELLE CORTI nella terra del Sarno e dei suoi Dei” Produzione artistica a cura di Vincenzo Desiderio e InCantidiSirene. Progetto grafico di Martina Troise.

Voca, voca ‘o marenaro,… recità così la voce narrante di questa melodia che appartiene certamente alla migliore tradizione musicale napoletana di ogni tempo. Una ninnananna dolce, che sembra quasi voler cullare i pensieri sospesi sulle onde del mare. Una melodia come sempre bellissima nelle note di Gianni Lamagna accompagnato da violini e chitarra. Una voce antica è quella di Gianni Lamagna, che è un cantore appassionato e l’aedo della città romantica sospesa tra il mare e la città.

 

https://

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Gianni Lamagna

11 Feb

3 Comments

Una traversata atlantica da Torre del Greco a New York

by

Una traversata atlantica da Torre del Greco a New York

Di

Lina De Luca

Dapprima si trattò solo di un dolore al piede sinistro che col passare dei giorni aumentò al punto di rendergli difficile il camminare. Giunto a Genova, agli inizi del gennaio 1918, fu costretto a sbarcare e ad un consulto medico gli fu riscontrato un congelamento di secondo grado al piede sinistro. La prognosi fu di un mese di degenza con impedimento al servizio attivo. Tornato a Portici, Teresio Fava non sembrò migliorare, anzi la patologia registrò un aggravamento dovuto a diffusa cancrena. Nel marzo del 1918 gli fu amputata la gamba sinistra e nel febbraio dell’anno successivo la stessa operazione si rese necessaria anche per il piede destro. Il Fava attribuiva il danno fisico subìto alle rigidissime temperature a cui era stato esposto durante la permanenza nel porto di Filadelfia e per questo chiese alle Ferrovie di indennizzarlo con un risarcimento. Ma quel che a lui sembrava inconfutabile non lo era per l’Amministrazione ferroviaria, che si oppose alla richiesta in quanto la sua infermità non era da ascrivere né a fattori di servizio né a condizioni di lavoro e al povero Teresio sembrò che al danno si unisse la beffa. Allora decise di chiamare in giudizio le Ferrovie per obbligarle al pagamento delle 31.000 lire da lui richieste a titolo di indennizzo per la sua assoluta e permanente condizione di inabilità (Rassegna della Previdenza sociale, assicurazioni e legislazione sociale, infortuni e igiene del lavoro, N. 2, febbraio 1920). L’uomo era stato menomato nel fisico, ma il carattere rimaneva indomito e determinato.

Lina De Luca – Una traversata atlantica da Torre del Greco a New York – vesuvioweb 2021

11 Feb

1 Comment

Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano – La lettera Q

by

Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano

La lettera Q, da quaquarcuno a quèquero

Di

Salvatore Argenziano

… qualisso: pron. Qualisse. Qualesse. Proprio lui. Proprio lei. *Boccaccio. E dapuoi arquanti iuorni lo facìemo batteggiare, e portàolo la mammana incombugliato in dello ciprese di Machinta, in chillo dello mbelloso inforrato di varo: non saccio se ti s’aricorda qualisso boglio dicere eo. Basile….commo portammo sto catafero a lo patre ’nge ne farà contare, ma non denare e dove moreno li qualisse co lo riso de Sardegna morarrimmo nuie co lo chianto sardoneco! *Basile. Frate, non te despiaccia / che te sia ditto de lo pane pane / e de lo vino vino, / ca te so’ buono amico, / né t’alliscio e losingo, / né vao co lavafacce, / né faccio come fanno li qualisse, / che te fanno carizze / da ’nanze, e po te frusciano dereto. *Cortese. Razza de becche (dico a li qualisse) / Affé de Febo, io le farò pentire! / Priesto, s’arrote mo sto forfantiello, / E no premmone serva pe martiello. *Sgruttendio. E chella, scura e negra, / Pe se fare na robba o na gonnella / ’Mpegnato s’ avarrà la caudarella. / Ed è lo peo, po’, ca le qualesse / Cacciano tanta ’nfammie e betoperie / Che cchiù de li cauterie / Feteno, e fuorze fuorze cchiù de vesse; *P. Sarnelli. Ma chesto lo fanno le qualesse, che fegneno de fare bene: ma chi veramente è de buono core difficelemente muta natura, comme io tengo pe cierto de Nunziella. 12 *G. D’Antonio. Vorria sapere mo, che cosa è сchessa / Сhe tu non cante chiù de sti Qualisse? / Sentennome ció dì, respose ntanto: / Аlliegro non me vide, e buoie che ccanto?…

Salvatore Argenziano – Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano – Q – vesuvioweb 2021

 

 

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Lessico e Letteratura Napoletana

11 Feb

4 Comments

Lo ‘Nfierno – L’Inferno di Dante in Lingua Napoletana

by

Lo ‘Nfierno – L’Inferno di Dante in Lingua Napoletana

Di

Domenico Jaccarino

Con l’espressione “Inferno napoletano” finora si è sempre indicato un volume antologico di poesie erotiche in lingua partenopea, con riferimento all’enfer (in francese: inferno), cioè alla sezione di una biblioteca che conteneva tale genere letterario. D’ora in poi “Inferno napoletano” potrà nobilitarsi ed indicare anche una traduzione vernacolare della prima cantica dell’immortale poema di Dante, pubblicata in volume nel 1870 da Domenico Jaccarino (1844-1894) e più volte riedita nel corso dell’Ottocento. È un’ottima iniziativa della casa editrice D’Amico per commemorare Dante in
occasione del settecentesimo anniversario della sua morte e per togliere dall’oblio Domenico Jaccarino, attivissimo poligrafo vicino alla Sinistra storica, che, sia nei drammi, negli scritti giornalistici e nelle poesie, fu equanimemente bilingue. Il suo Dante popolare – che nelle intenzioni avrebbe dovuto consistere nella traduzione completa delle tre cantiche, ma di cui portò a termine solo la prima – doveva servire a far comprendere agli strati più miseri della popolazione napoletana, analfabeti e incapaci di comprendere perfettamente il toscano, gli insegnamenti morali contenuti nella Divina Commedia: l’idea era quella di leggere a voce alta, vicolo per vicolo, i versi dell’Alighieri in una versione comprensibile a tutti. A questo fine lo scrittore fondò la “Scuola popolare dantesca napolitana” allo «scopo di istruire ed educare le masse popolari infime della città di Napoli mediante la lingua che esse parlano ed intendono» e furono coniate anche alcune medaglie (riprodotte nella sezione iconografica) destinate a chi si fosse fatto promotore di tale diffusione culturale.

Domenico Jaccarino – Lo ‘Nfierno – L’Inferno di Dante in lingua Napoletana – vesuvioweb 2021

11 Feb

0 Comments

Planimetria di Pompei del 1705

by

Planimetria di Pompei del 1705

Di

Francesco Piranesi

Pompei dissepolta nel 1705 in una planimetria importante che mostra lo stato di avanzamento degli scavi archeologici. L’opera a firma di Francesco Piranesi ci mostra l’area archeologica di Pompei e le zone messe allo scoperto a partire dalla Villa di Diomede sull’angolo occidentale, passando per la via dei Sepolcri e giungendo fino al Teatro ed al piccolo Odeon. Il rilievo comprende anche la zona del Foro Triangolare e quella del Tempio di Iside.

L’importanza del documento sta nella sua data, oltre che nella straordinaria tecnica di rilievo. Ufficialmente Pompei venne scoperta con Carlo III di Borbone nel 1738 e questo documento ci attesta l’interesse per quest’area molti anni prima di questa data, che deve essere considerata come simbolicamente ad un inizio, ad un incipit.

La didascalia che accompagna la planimetria è altrettanto importante in quanto ci fa comprendere, quanta attenzione venne dedicata a quello scavo e quanti interessi gravitavano attorno a questa straordinaria area archeologica.

Pompei era stata distrutta e seppellita dall’eruzione del 79 d.C.

Tutto era stato perduto per sempre sotto una coltre mortale di scorie, di lapilli e cenere che il Vesuvio aveva vomitato in quei giorni autunnali di quell’anno. Tuttavia, dell’antica e bellissima città non si era persa la memoria ed un imperatore in particolare volle far riesumare parte della città attraverso uno scavo. Fu in realtà Marco Aurelio Severo Alessandro Augusto (Marcus Aurelius Severus Alexander Augustus; Arca Caesarea, 1º ottobre 208 – Mogontiacum, 18 o 19 marzo 235), che diede l’ordine di scavare nella zona dove sorgeva l’antica Pompei. Con il passar del tempo e terminato il regno di quell’imperatore, la campagna pompeiana, fu lasciata al suo destino: l’abbandono. Oggi tuttavia sappiamo che su quelle ceneri si concentrarono non solo le attenzioni dei fuggiaschi già dai primi mesi dopo l’eruzione, ma anche nei secoli successivi, perchè tutti sapevano che sotto quelle ceneri resistevano i resti delle ricche antichità romane. Dobbiamo attendere il 1553, quando il conte di Sarno, Muzio Tuttavilla, acquistò il feudo di Torre Annunziata e per poter alimentare i mulini del luogo, decise la costruzione di un canale sfruttando le acque del fiume Sarno: i lavori furono commissionati all’architetto Domenico Fontana e iniziarono nel 1592. Fu durante il periodo che va dal 1594 ed il 1600, che vennero alla luce alcune monete e i resti della città, durante la costruzione del canale del Conte. Ma preso e con il 1631 tutta l’area venne nuovamente abbandonata a causa dell’eruzione pliniana del Vesuvio, che devastò una superfice maggiore di quella cha coperta dal 79. A seguito del ritrovamento dell’antica Ercolano e dei suoi reperti, la dinastia borbonica voleva accrescere il proprio patrimonio artistico con l’intento di dare maggiore prestigio alla casa reale: fu così che il 23 marzo 1748 l’ingegnere Roque Joaquín de Alcubierre, con l’aiuto dell’abate Giacomo Martorelli e degli ingegneri Karl Jakob Weber e Francisco la Vega, questi ultimi due con il compito di curare i giornali di scavo, aprì un primo cantiere nella zona di Civita, presso l’incrocio di una strada che da un lato portava nell’attuale Castellammare di Stabia, dall’altro a Nola. Furono ritrovati monete, statue, affreschi e uno scheletro, ma furono anche individuate una parte dell’anfiteatro e la necropoli di Porta Ercolano: de Alcubierre credeva che si trattasse dell’antica Stabiae. Tuttavia la mancanza di ritrovamenti di oggetti di valore, fece spostare l’attenzione nuovamente su Ercolano ed il cantiere fu chiuso: durante gli scavi di questo primo periodo, dopo l’esplorazione e la raccolta di reperti, le costruzioni venivano nuovamente sepolte e le modalità d’indagine erano molto approssimative, tant’è che quando le pitture non venivano considerate adatte, i muri degli edifici che le contenevano venivano distrutti. Gli scavi a Pompei ripresero nel 1754, grazie anche all’entusiasmo prodotto dal ritrovamento della Villa dei Papiri ad Ercolano e riguardarono per lo più diverse zone già individuate negli anni precedenti come la Villa di Giulia Felice e la Villa di Cicerone nei pressi di Porta Ercolano; nel 1759, con la creazione da parte di Carlo di Borbone, dell’Accademia Ercolanese, si iniziò a registrare e descrivere i vari ritrovamenti che venivano effettuati nella zona vesuviana. Nel 1763, grazie all’individuazione di un’epigrafe di Titus Suedius Clemens, dov’era nominata la Res Publica Pompeianorum, si poterono associare i ritrovamenti archeologici a Pompei e non a Stabiae.

Con la salita al potere di Ferdinando I delle Due Sicilie, ma soprattutto per volere della moglie Maria Carolina, nel periodo compreso tra il 1759 e 1799 fu riportata alla luce parte della città, questa volta non più riseppellita ma rimasta a vista, grazie anche a un sistema di scavo sistematico, voluto dal direttore Francisco la Vega, il quale preferiva che i reperti, soprattutto gli affreschi parietali, rimanessero ai muri e non asportati per essere trasporti al museo nella Reggia di Portici, trasferiti poi, a partire dall’inizio del XIX secolo, al Real Museo di Napoli. Tra il 1764 ed il 1766 fu riportata alla luce parte della zona dei teatri, del tempio di Iside e del Foro Triangolare; tra il 1760 ed il 1772 l’attenzione si spostò nella zona nord-occidentale della città, con le esplorazioni della Villa di Diomede, della Casa del Chirurgo e della Via dei Sepolcri, dove furono rinvenuti, oltre a monete di oro ed argento, anche diciotto corpi, morti a causa dell’eruzione. Durante gli scavi del XVIII secolo furono prodotti una grande quantità di documenti: la maggior parte erano delle semplici liste che riportavano tutti i reperti recuperati, mentre alcune opere di ordine descrittivo contribuirono a far conoscere Pompei ed Ercolano in tutta Europa.

Il resto è storia che possiamo definire anche moderna.

In questo articolo la planimetria degli scavi di Pompei risalente al 1705, e rilevata da Francesco Piranesi. Uno spaccato della storia dell’antica città romana dove con grande precisione vengono descritte le aree dissepolte e disegnate in modo perfetto da quel grande artista che la incise.

https://archive.org/details/piranesi-cc8ea92e-e5be-41de-bdd2-f289baa55479

 

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Archeologia, Storia e cultura

11 Feb

1 Comment

Archeologia del versante orientale del Vesuvio di Aniello Langella

by

Archeologia del versante orientale del Vesuvio

Il periodo romano  nell’odierna area di Boscoreale

Di Aniello Langella

Pensare che l’area ad est del Vesuvio sia stata in epoca romana, il luogo  prediletto dalla nobiltà pompeiana è forse la premessa culturale sulla quale  si basano molte ricerche archeologiche, specifiche del territorio. In realtà molte furono le mete e le aree amate dalla romanità dell’epoca e non solo pompeiana. Si pensi ad esempio agli insediamenti costieri lungo l’odierna penisola sorrentina nel suo lato orientale e occidentale. Si pensi ancora alle dimore lussuosissime che si edificarono lungo l’odierna collina di Posillipo. Ma se da un lato è bene osservare che tutta l’area del golfo diede ospitalità alla più o meno aristocratica romanità, è bene anche riflettere sul fenomeno, che per ricchezza artistica e culturale, si fece strada già nel I secolo a.C. nel territorio ad est del Vesuvio…

icona area a est1

Aniello Langella- Archeologia area est del Vesuvio- Boscoreale-Vesuvioweb-2012

Questo articolo si trova in: Archeologia, Cultura

31 Gen

1 Comment

Contrada Sora a Torre del Greco

by

La Contrada Sora a Torre del Greco

Gli aspetti archeologici di epoca romana

 

“Contrada Sora” è il titolo del libro che avrei voluto scrivere con il mio amico Ciro di Cristo. Tante volte ne avevamo parlato e tante volte mi aveva esortato a farlo; “Nello scriviamolo a quattro mani”. A distanza di tempo, però, quando l’entusiasmo appariva scemato ecco che mi si è presentata la possibilità di poter fissare su carta i ricordi di una vita legati a Villa Sora. Questo volume è una sorta di compito in classe; un tema svolto con amore con la speranza che possa, un domani, lasciare ai giovani e ai meno giovani quella consapevolezza e quella certezza che solo attraverso la conoscenza storica e delle proprie radici, si possano perseguire fini positivi di democrazia, equità sociale e giustizia.

Incontrai le antichità romane di Contrada Sora nel 1974, assieme a tanti amici. Non fummo i primi ed unici pionieri che esplorarono le terre poste nei pressi del mare accanto ai binari della ferrovia a Torre del Greco. In questo libro voglio ripercorrere questo lungo viaggio iniziando proprio da quell’incontro, non tanto per una sorta di nostalgico ricordo, o per fini celebrativi, ma bensì con l’auspicio che altri possano continuare la ricerca finalizzata al riportare alla luce le bellezze archeologiche di questa terra.

Insieme andremo a ripescare e analizzare antiche carte, vecchi documenti. Ci serviremo di questi per poter realizzare una ricostruzione di quei luoghi, oggi abbandonati, dove lo splendore della romanità, oggi, langue in brandelli di muri diroccati ed umidi. Tratteremo la materia con adeguata attenzione andando ad attingere i punti chiave di studio dalle migliori fonti; da quelle più antiche a quelle recenti e accreditate, tra cui gli studi dell’archeologo Mario Pagano. Ma non tralascerò di parlare del periodo d’oro degli scavi torresi di Sora; quelli che ritroviamo nei documenti della fine dell’800 redatti dal colonnello Giuseppe Novi. Termineremo l’analisi dei luoghi con una ricostruzione ideale di quell’area così ampia e tanto attraente. Quando nel 1881 giunse a Torre del Greco il colonnello Novi, nessuno lo conosceva. Forse, chissà, i contadini ed i pescatori della Contrada Sora lo avranno visto nei mesi e negli anni precedenti, frequentare quella zona a ridosso della ferrovia, nei pressi del mare. Sapevano dei suoi interessi per le cose antiche di questa terra ma, giammai avrebbero pensato che tra quelle antiche scogliere, da lì a poco, quell’uomo avrebbe tirato fuori tesori preziosi e testimonianze antiche di quei luoghi. Fu in quell’anno che il Novi ottenne dalla direzione della Soprintendenza i permessi di scavo che gli consentirono di mettere a nudo quei resti di epoca romana che egli negli anni addietro aveva scorto tra la spiaggia nera del Cavaliere e le campagne circostanti. Iniziava, così, tra mille difficoltà, in un’atmosfera che definirei alla Indiana Jones, la riscoperta dei resti romani della Contrada. Molta parte di questa ricerca sarà dedicata proprio ai diari di scavo del colonnello in quanto in essi sono contenuti molti aspetti intriganti e anche misteriosi di questa storia. A quelle pagine ci rifaremo per poter capire, almeno in parte, ciò che egli vide e ciò che per sempre abbiamo perduto. Ricorrere a quei diari, che contengono spesso sensazioni, emozioni, assolute soggettive opinioni, ci consentirà di effettuare il recupero della memoria, ossia di quegli elementi di studio utili alla ricostruzione ideale del luogo.

Gli scavi archeologici recenti della Villa Sora e delle Terme al Ponte di Rivieccio, condotti dalla Soprintendenza di Pompei, grazie ad un contributo della Banca di Credito Popolare di Torre del Greco, risalgono agli anni ’90 e almeno questi detengono il primato di aver prodotto studi coerenti e scientifici a differenza di tutto ciò che è accaduto prima in quella zona, che sa più di approssimazione, di avventura e soprattutto di saccheggio. Non sarò certo io a tessere le lodi di coloro che hanno operato per conto della Soprintendenza, compiendo il proprio lavoro, ma almeno mi sia concesso di affermare che “i non recenti scavi” hanno posto la parola fine a quell’alone speculativo e soprattutto politico che avrebbe voluto quel luogo come una novella Ercolano. Dal Novi in poi nessuno si era mai interessato a Sora; nessuno aveva concentrato energie e risorse per poter far luce su quest’area tanto intrigante e fondamentale nella storia di Torre del Greco. Così, per fare chiarezza, dirò subito che nel 1974, proprio rispolverando le vecchie carte di quell’Indiana Jones, un gruppo di amici e appassionati di storia, andò a rivisitare la Sora archeologica. Nasceva il Gruppo Archeologico Giuseppe Novi, sezione dei G.A.I. Le ricognizioni, gli studi, i rilievi furono tantissimi. Le immagini (migliaia) custodisco ancora oggi tutti questi documenti; testimonianza di quel periodo bellissimo. Poi, mi sia consentito, vennero “gli altri”.

Nessuno aveva mai attenzionato Contrada Sora dopo le indagini del Novi; dopo di lui fummo “noi” del G.A.T. a farlo. Questo dire, potrebbe sembrare celebrativo, enfatico e forse un tantino ruvido, ma di fatto non lo è. Ciò fa solo parte di quel processo narrativo volto a scrivere la verità. Dopo il 1980 di gruppi archeologici a Torre se ne videro tanti e tutti a spartirsi quell’eredità che noi avevamo colto in quegli anni ’70 studiando le tracce antiche di quella Contrada. Ma questo fa parte della vita dove con il tempo ogni cosa muta (tempus edax rerum) e ciò che nella vita non dovrebbe mai mutare è la “damnatio memoriae” e cioè Il negare che prima di te ci sia stato qualcuno, qualcosa, un tempo, una forma, un contenuto; cosa che nello specifico a Torre del Greco si è verificato. Avrei voluto scrivere materialmente questo testo assieme a tutti gli amici del Gruppo Archeologico Torrese “Giuseppe Novi“ di Torre del Greco; sarebbe stato bello, avvincente ma sicuramente difficoltoso. Sono certo, però, che se chiedessi ad ognuno di loro di dare il proprio contributo, nessuno si tirerebbe indietro e così, senza nostalgia e sapendo che ancora oggi tra tutti noi esiste ancora un affetto ed una fratellanza solida, dedico a tutti quei ragazzi di allora, il testo che stai per leggere. Si noterà nella lettura delle pagine come siano presenti proprio tutti e magari si riconosceranno.

Un pensiero doveroso mi preme rivolgerlo per ricordare coloro che hanno contribuito al “nostro lavoro” degli anni ’70 supportandoci e sostenendoci ma, purtroppo, come spesso accade, si tende a dimenticare: Andrea Tipo, assessore a quel tempo del comune di Torre del Greco, si adoperò tantissimo per incentivare il nostro lavoro, le nostre attività; Nicola Ciavolino, del quale parleremo in questo testo, fu il sacerdote archeologo che volle stimolare la ricerca archeologica e fu anche l’artefice di quel piccolissimo antiquario e deposito di materiali archeologici recuperati dalla villa; Raffaele Raimondo, grande storico torrese, che quasi in prima linea si era adoperato per completare quegli studi storici che mancavano alla speleologia torrese; Enrico De Gaetano, anch’egli grande storico, che nel suo “Antiche Denominazioni” volle lasciare un bellissimo ricordo alle attività del Gruppo; l’amico Giuseppe Maggi, l’archeologo di Ercolano e Oplonti, che dai primi giorni di quel lontano 1974 non smise mai di credere nelle attività del Gruppo.

Galleria

Galleria

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Archeologia, I monumenti