18 Mag

0 Comments

Lavione

by

Di

Francesco Raimondo

Nella commedia teatrale “Napoli milionaria” di Eduardo De Filippo come nel romanzo “La Pelle” di Curzio Malaparte ed ancora ne “La ciociara” di Alberto Moravia da cui l’adattamento a film di Vittorio De Sica e di Cesare Zavattini è ben rappresentata la condizione di moltissime donne nel periodo bellico 1943-45, da queste parti per prima, e poi per tutta l’Italia diventata nel frattempo, nonostante la Resistenza, terra di conquista. Qualcuno ha avanzato l’ipotesi che in alcune località si rasentasse la metà della popolazione femminile in età adeguata. A Torre del Greco truppe alleate, inglesi e americane, si insediarono nel mese di ottobre immediatamente nei luoghi occupati fino a qualche giorno prima da quelle tedesche che tenevano una posizione che dalle falde della “Muntagna” tracciava una linea difensiva a zig zag fatta di casematte con nidi di mitragliatrici e da postazioni di artiglieria antiaerea e anticarro. Fortunatamente non vi fu motivo di usarle e per molto tempo questi monumenti hanno fatto bella mostra di sé a ricordo di quel periodo.

Francesco Raimondo – Lavione – vesuvioweb 2017.pub

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Francesco Raimondo

18 Mag

2 Comments

10 – I Pronomi

by

Di

Salvatore Argenziano

Da

Grafia e Grammatica Napoletana

Pronomi Personali
I pronomi personali in funzione di soggetto sono: – Io – (oppure – I’ -) Tu – Isso/Essa. Nui/Nuie – Vui/Vuie – Loro/Esse. Le forme nui e vui sono quelle etimologiche che si ritrovano nella legazione fonetica. Le fome nuie e vuie, con l’enclitica -e- si adottano per motivi di fonetica, in assenza di legazione, rendendo bisillabo, – nù-ie -, il monosillabo. I’ me ne vaco quanno voglio io. Tu vavatténne quanno isso t’ ’o ddice. Essa pò rummané. Nui simmo venuti appriésso a vvuie. E vvui nu’ vvenite appriésso a nnuie. Lloro dòrmono ggià.

***Basile. nui volimmo dire a sta casa covernamette; ***Basile. vui sulo potite comme ova fresche farele na stoppata

10 – I pronomi, da Grafia e Grammatica Napoletana – Di Salvatore Argenziano – vesuvioweb – 2017

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Grafia e Grammatica Napoletana

18 Mag

1 Comment

A.D. 840, Contardo Duca di Napoli

by

Di

Aniello Langella

Contardo viene considerato e indicato dagli storiografi come il XXIV Duca di Napoli. Prima di lui Andrea vedeva Napoli sempre più minacciata e sempre più in balia delle angherie di Sicardo che allora dominava Benevento. Preso dalla disperazione osò anche pensare ad un accorso con i Saraceni ma ciò lo avrebbe messo in cattiva luce nei confronti della Chiesa napoletana. In questo stato d’animo conflittuale e tipico di un uomo preda dell’ansia ed anche della depressione che rivolse le proprie attenzioni al1’imperatore Lotario, chiedendogli in un documento (ahimè andato perso), un aiuto concreto per poter far fronte alle scorribande longobarde che da sempre minavano la stabilità del ducato partenopeo. Lotario, accolte le richieste del Duca Andrea, scelse tra i suoi, il più valoroso generale: Contardo, che presto inviò a Napoli per una duplice missione. Ristabilire l’ordine e posizionare nei ranghi militari un uomo franco che avesse potere decisionale su uno degli ambiti strategici della politica locale. Contardo era l’uomo giusto che la “provvidenza” piazzava al posto giusto.

icona contardo

Aniello Langella – Contardo Duca di Napoli – vesuvioweb 2016.pub

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, I monumenti, Personaggi a Napoli, Storia

18 Mag

0 Comments

Il rischio Vesuvio

by

“Il vulcanologo Giuseppe Mastrolorenzo, uno dei massimi studiosi del Vesuvio e della sua attività, ha lanciato l’allarme più di una volta: “Siamo su una bomba ad orologeria che non lascerà scampo”. Ma perché esattamente il Vesuvio e la possibilità di una sua prossima eruzione rappresenta un pericolo mortale per le popolazioni che vivono alle sue pendici? E’ solo un rischio legato a un evento naturale oppure noi abbiamo peggiorato le cose? E poi: da un lato c’è il Vesuvio, dall’altro ci sono i Campi Flegrei. La zona potenzialmente più vicina a un’eruzione è incredibilmente priva di un piano di emergenza e di evacuazione.
Ma cosa succederebbe a Napoli in caso di eruzione del Vesuvio? Quali sarebbero gli effetti su cose e persone? Dalla centrale operativa della Protezione civile, Crash mostra come sono organizzati emergenza e piano di evacuazione, mettendone in luce i punti di forza e le falle. Tra abusivismo diffuso, strade pericolose e vie sotto sequestro, evacuare i comuni della “zona rossa” sarebbe un’impresa in alcuni casi impossibile”.

http://www.raistoria.rai.it/articoli-programma/crash-rischio-vesuvio/23500/default.aspx

06 Mag

4 Comments

La Regia Scuola d’Incisione sul corallo e di Arti Decorative Industriali di Torre del Greco

by

Di

Eduardo Cuomo e Gennaro Ascione

Nel novembre del 1879, iniziarono i primi corsi; uno per il disegno artistico ed uno per la modellazione ed incisione, che si rivelarono molto utili nella preparazione professionale degli studenti. Ciò che però sembrava periodo di grande entusiasmo, fu presto segnato da eccessivi sconvolgimenti: la vita della scuola, non fu per niente semplice. Nell’anno scolastico 1885, si manifestarono le prime avvisaglie del declino. Fu infatti chiusa a causa degli artigiani locali, intimoriti dalla concorrenza. Fu riavviata nel 1887, con un nuovo programma scolastico e la direzione passò ad Enrico Taverna, disegnatore versatile proveniente da Torino, che nel periodo “di chiusura”, riuscì ad elaborare un programma didattico di considerevole importanza, tanto che la Scuola, più in avanti, fu indirizzata verso l’affermazione definitiva.

Eduardo Cuomo Gennaro Ascione – La Regia Scuola d’Incisione sul corallo e di Arti Decorative Industriali – vesuvioweb 2017.pub 

 

06 Mag

1 Comment

Giuseppe Moscati medico e santo

by

Di

Umberto Vitiello “Vadìm”

È paradossale e forse perfino incredibile, ma chi mi parlò per primo di un medico dei poveri di nome Giuseppe Moscati non era un cattolico ma un ebreo, un giovanissimo studente universitario dell’Istituto Orientale mio coetaneo, il simpaticissimo ed erudito napoletano Cavalieri, che si faceva chiamare Gianni perché il suo nome, diceva, era difficile da pronunciare perfettamente. Un conoscitore come pochi di tutti i particolari architettonici, artistici e decorativi della sontuosa chiesa del Gesù Nuovo di Napoli, dalla grigia e severa facciata rinascimentale a bugnato, ma con uno sfavillante policromo interno barocco.

Vitiello Umberto Vadìm – Giuseppe-Moscati – vesuvioweb 2017

06 Mag

0 Comments

Le ultime ore di Pompei: è il 79 d.C.

by

Le ultime ore di Pompei: è il 79 d.C.

E’ un giorno di fine estate del 79 d.C., Plinio il Vecchio, comandante della flotta romana di Capo Miseno, vede una nuvola alzarsi dal Vesuvio, poco dopo gli arriva una richiesta d’aiuto: chi abita sotto il vulcano  sta morendo. Plinio si mette in mare con le navi per portare soccorso, anche lui perderà la vita, la cronaca del suo viaggio è il resoconto  di una  grande operazione di protezione civile.

http://www.raistoria.rai.it/articoli-programma/cronache-dallantichit%C3%A0-pompei-cronaca-di-una-catastrofe/32487/default.aspx