09 Giu

3 Comments

16 – La consonante T

by

La consonante T

Di

Salvatore Argenziano

Ipercorrettismo -D/T

Dal latino “quadrum”, quadro, il dialettale quatro, con il diminutivo quatrillo, quatrante per quadrante

***Basile. affacciatose a na fenestra che sboccava a no giardino de n’orca, vedde no bello quatro de petrosino…

***Basile. Tadeo,lo quale, pe na iastemma de na fata, avenno dato l’utema mano a lo quatro de la vit è stato puosto dinto na sebetura fora le mura de la cetate,

***Cortese. Cchiù ’nnante, dinto na cert’acqua fresca, / Asciàiemo de ranonchie no squatrone; / E dissero, cantanno a la todesca: / «Gottermorghe mael, bonnì patrone»
***Sgruttendio. Tira isso no scarpone, / La gatta se n’ addona e se n’ arrassa, / Chillo coglie a lo quatro, e lo sfracassa. ***Scarpetta. Oh! Perdonate, a voi adesso vi spetta il Don e tutta la riquatratura personale. – Uh! Ched’è a riquatratura? – Oggi non siete più chillo Pulcinella de na vota, sapimmo tutto, oggi siete il presidente dei Scopatori!

16 – Consonante T – Di Salvatore Argenziano – vesuvioweb 2018

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Stròppole linguistiche

09 Giu

2 Comments

L’eruzione del Vesuvio del 1771

by

Appunti di viaggio

Dal

Voyage Pittoresque ou DESCRIPTION DES ROYAUMES DE NAPLES ET DE  SICILE

MDCCLXXXI

L’ERUZIONE DEL VESUVIO DEL 1771

Le Vésuve dans son état de tranquillité, n’offre, comme nous venons de le voir, dans la Planche précédente, qu’une Montagne élevée, couverte se même entièrement formée par des laves , des feories, des cendres et des matières plus ou moins calcinées, dont les couleurs sombres et violâtres produisent à l’œil un effet trisee et fauvage; du fommet de cette masse pyramidale s’élève alors une fimple fumée lente et inaétive.

icona vesuvio 1771

Appunti dal Voyage Pittoresque – vesuvioweb 2016 – L’eruzione del Vesuvio del 1771 – 1 -.pub


A grande definizione l’erusione del Vesuvio del 1771 dal

Voyage pittoresque ou Description des royaumes de Naples et de Sicile. L’Abbé de Saint-Non. Parigi 1781-178. Vol. 1 , pagina 121

vesuvio 1771 dal voyage pittoresque

L’eruzione del Vesuvio del 1771 Voyage pittoresque ou Description des royaumes de Naples et de Sicile. L’Abbé de Saint-Non. Parigi 1781-178. Vol. 1 , pagina 121

02 Giu

0 Comments

Campania insolita e segreta

by

Campania insolita e segreta

Di

Maria Franchini e Valerio Ceva Grimaldi

Introduzione
La Campania è terra di storia e cultura, e non ha uguali per l’intreccio unico tra patrimonio culturale, paesaggistico e ambientale, per le sue antiche tradizioni e le eccellenze enogastronomiche. Una straordinaria regione che, oltre alle tante bellezze conosciute in tutto il mondo e che non necessitano di troppe presentazioni, vanta altrettanti tesori meno conosciuti, perfino ancora nascosti. Un altro patrimonio di inestimabile valore che troppo spesso sfugge ai circuiti consolidati del turismo.
Ho il piacere di presentare questa guida singolare quanto utilissima, che seguendo uno schema che ha già riscosso il meritato apprezzamento anche internazionale, vuole svelare le tante bellezze della nostra Regione e lo fa accostando sapientemente quelle già note con quelle “insolite e segrete”, ancora da scoprire. Se suggestivi sono i cunicoli della Napoli Sotterranea, lo sono altrettanto i cunicoli che si celano nel sottosuolo di Torre del Greco; meravigliosi gli arredi e i preziosi della Reggia di Caserta, affascinanti i poco conosciuti segreti dei suoi sottotetti e del teatrino di corte. Luoghi dietro l’angolo, magari sotto terra, o dentro i Palazzi storici, in tanti casi oltre la cortina del già conosciuto. Come le antiche tradizioni popolari e liturgiche che animano le processioni dell’Annunziata ma anche il simbolismo esoterico degli obelischi in Irpinia e dei riti beneventani dell’Assunzione. E scorrendo le pagine insolite e segrete, magari si finisce in Costiera sorrentina dentro un tunnel sotterraneo che porta dai terrazzamenti fino al mare…C’è anche questo e tanto altro di più. Una guida accattivante, un utile riferimento per scoprire e riscoprire un territorio che suscita intense emozioni. Un territorio eccezionale, unico, ricco di storia millenaria e di
tradizioni impareggiabili. Una Campania unica, solita e insolita, una Campania variegata e straordinaria, un viaggio nelle bellezze di luoghi suggestivi che hanno il fascino della sorpresa e dell’incanto.

Presidente della Regione Campania
Vincenzo De Luca

1 – MARIA FRANCHINI E VALERIO CEVA GRIMALDI – CAMPANIA INSOLITA E SEGRETA – EDIZIONI JONGREZ – 2018.pub

02 Giu

2 Comments

Vesuvio 1795 – Una rara recensione rivolta ai dilettanti

by

Di

Aniello Langella

Ed il dilettanti, lo si deve leggere nella sua accezione più naturale e semanticamente pura: per coloro che di questo tema ne fanno diletto, per coloro che questi temi gradiscono. Una lettura attenta della cartografia del Ciofi, è a disposizione nel portale e propone uno studio dettagliato di tutto il documento, la cui importanza storica indubbia, guida ancora oggi molte delle ricerche che riguardano non solo la città di Torre del Greco, ma anche dell’intero edificio vulcanico.

icona dilettanti1

Aniello Langella – Una rara recensione bibliografica del 1795 rivolta ai dilettanti – vesuvioweb 2016.pub

 

02 Giu

0 Comments

Chiese e monumenti di Torre del Greco

by

Di

Ciro Di Cristo

Torre del Greco e posta al centro del golfo, sulla grande Strada Statale numero18, già Regia delle Calabrie, che da Napoli conduce appunto a Reggio Calabria; e compresa fra i territori dei comuni di Ercolano (già Resina), Torre Annunziata e Trecase e affaccia sul mare. Ricostruita in gran parte dopo le eruzioni del 1794 e del 1861, si estende in pendio, sul suolo accidentato, dal mare verso il Vesuvio e può essere distinta in quattro zone. La prima zona è quella media, che costituisce il centro: ha il lungo Corso Vittorio Emanuele ed è chiusa come in un cerchio fra Via Diego Colamarino, Piazza S. Croce, Largo Comizi, Via Beato V. Romano, Corso Umberto I, Piazza L. Palomba, Via Purgatorio, Via Circumvallazione. In questa vi sono quasi tutti i monumenti cittadini, quali le chiese di S. Teresa dei Carmelitani, di S. Maria del Popolo, di S. Croce, della Madonna delle Grazie, di, S. Michele, dell’Assunta, di S. Maria di Costantinopoli, della Madonna del Carmine, il vecchio palazzo Comunale, il Museo del Corallo, ecc. La seconda zona è quella bassa della Marina formatasi sul ”mare ’seccato” e va lungo la direttrice Calastro -Via Fontana – Via Cavour – Via S. Giuseppe alle Paludi: presenta le chiese di S. Pietro e S. Maria del Principio, di S. Maria di Portosalvo, di S. Giuseppe alle Paludi, la Fontana pubblica.

icona ciro chiese e monumenti1

Ciro Di Cristo – Chiese e Monumenti di Torre del Greco – vesuvioweb 2016.pub

La fonte del testo è Torreomnia.

Il testo è stato arricchito con note originali e inedite di Ciro Di Cristo e con immagini della città. Alcune da google maps

 

 

02 Giu

0 Comments

La sacrestia del Complesso di San Domenico Maggiore a Napoli

by

La sacrestia del Complesso di San Domenico Maggiore a Napoli

Di

Marcello Erardi

Il Trionfo della fede sull'eresia ad opera dei Domenicani è un affresco eseguito tra il 1701 e il 1707 da Francesco…

Gepostet von Napoli vista attraverso gli scatti fotografici am Donnerstag, 5. Januar 2017

 

https://www.facebook.com/pg/Marcello.foto1973/photos/?tab=album&album_id=1209654169150424

 

 

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Arte e artisti a Napoli, I monumenti, Storia

06 Mag

0 Comments

La Madonna della mappina

by

La Madonna della mappina

Di

Vincenzo Aliberti

A cura di

Aniello Langella

Da molti dei rimaneggiamenti strutturali, ancora oggi visibili sulla facciata e negli alti piedtritti, si suppone che abbia subito nel corso dei secoli diverse trasformazioni, trovandosi in un contesto urbano allargato tra Caponapoli e il vallone di Foria, nei pressi del Monastero di Santa Maria del Gesù delle Monache. Che venisse identificata, inoltre come Porta San Gennaro già a partire dal secolo X, è dato appurato dalla bibliografia che richiama a quel periodo. E’ certo che il varco alla cinta muraria, si trasformò in vero accesso e porta detta del tufo, munita intorno a quel periodo. Il termine tufo va ricondotto al varco che consentiva il trasporto all’interno della città, grandi blocchi di tufo provenienti delle cave del vallone della Sanità.

Vinceno Aliberti – La Madonna della mappina – vesuvioweb 2018.pub

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Arte e artisti a Napoli, I monumenti, Storia