18 Nov

1 Comment

Lo sciopero dei marittimi del 1959 e i prodromi del 1951 a Torre del Greco

by

Lo sciopero dei marittimi del 1959 e i prodromi del 1951 a Torre del Greco

Di

Lina De Luca

Nel corso della sua interpellanza parlamentare, il Comandante Giulietti illustrò i problemi dei marittimi, torresi e italiani, con garibaldina irruenza e giovanile impeto come ebbe a dire il Sottosegretario di Stato all’Interno, che nella sua ricostruzione ricondusse gli scontri avvenuti a Torre del Greco il 16 aprile ad una questione di ordine pubblico. Il rappresentante del governo ammise che già verso la fine di marzo e gli inizi di aprile numerosi cortei di marittimi avevano rappresentato il malcontento diffuso tra i naviganti di Torre del Greco e, sebbene non autorizzati, erano stati comunque consentiti dalle forze di polizia. Ma per considerazioni di ordine pubblico i promotori delle manifestazioni erano stati diffidati dall’organizzarne altre senza la prevista autorizzazione. Nella gestione della protesta si era evidenziato l’attrito tra le sigle sindacali della F.I.L.M. e della FE.GE.MARE, la prima nell’orbita della C.G.I.L. e la seconda facente capo alla C.I.S.L. in aperta competizione sul territorio.

Lina De Luca – Lo sciopero dei marittimi del 1959 e i prodromi del 1951 a Torre del Greco – vesuvioweb 2018

 

18 Nov

4 Comments

21 – Assimilazione Consonantica

by

A Lenga Turrese Vocalismo e Consonantismo

21 – Assimilazione Consonantica

Di

Salvatore Argenziano

 

01-Assimilazione retrograda MB/MM
Si tratta di un’assimilazione consonantica, molto comune nel dialetto. Questo tipo di assimilazione è detta retrograda pre l’adeguamento della -B- alla precedente -M-. A partire da -in + B- > – inb- < imb- da cui -mb- per aferesi e per mutazione N/M in presenza della labiale. Segue l’assimilazione retrograda -M/B- >-MMDa “mbarcá”, imbarcare, mmarcá, con il riflessivo mmarcarse ed il sostantivo mmarcata, imbarco. ***Cortese. Po’ fuino iute, e a lo maro arrivate / E se ’mmarcaie ognuno lagremanno. / Appero priesto l’àncore tirate, / E a la fortuna ’mpotere se danno; ***P. Sarnelli. e scise a la marina nce ’mmarcajemo co no gusto granne, pocca sciatava no venteciello che te arrecreava, a la varva de lo sole lione. ***N. Fasano. No poco, -nche ffornie, ciociolearo; / E ccà Pietro sosiose lo Remmito, / Ammico a ttutte, e cco no muodo raro / Fece de sta
mmarcata lo commito. ***A. Perrucci. Mmàrcate, e addove te porta lo viento, / E tu vatténne, Vorcano responne: / De viente n’averraie cchiù ffrusciamento, / cojète se staranno e Ccielo, e Onne. ***A. Piscopo. (Fegnimmo) e ment’è chesto, / Lassamence penzare, / Voglio vedè potereme mmarcare.

21 – Assimilazione consonantica – Di Salvatore Argenziano – vesuvioweb 2018

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Stròppole linguistiche

18 Nov

2 Comments

Gondoino Duca di Napoli

by

Gondoino Duca di Napoli

Di

Aniello Langella

Il Meo riferendosi al 593 scrive: “…Nel Maggio dell’anno seguente rescrisse una lettera più risentita, rinfacciandoli ancora di aver voluto far credere, che i magnifici Fausto e Domenico del partito di esso Vescovo2, non furono da lui spediti a Roma, affinché altri litigando, egli intanto ritenesse l’usurpato; e li comandò assolutamente: Theodoro viro magnìfico Majori Populi
portas et Rustico viro clarissimo senjori aliqua contentione restituat; ne in ac re moram, vel aliquam eucustationem interferat; e poi alleghi le sue ragioni se ne ha. Non vi era dunque un Duca particolare, ma il governo era civico. Se vi fosse stato un Duca nel 595, dovea S. Gregorio farlo inteso della deposizione del Vescovo Demetrio3 e nello istesso anno non avrebbe destinati  Pietro Sottodiacono, e Scolastico Giudice a processare e punire i sediziosi Lucullanii, né avrebbe pregato Teodoro Maggiore del Popolo a difendere il Vescovo Paolo o per lo meno ne avrebbe ancora parlato al Duca.

Aniello Langella – Gondoino Duca di Napoli – vesuvioweb 2017.pub

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Personaggi a Napoli, Storia

18 Nov

4 Comments

I giochi di una volta La trottola

by

I giochi di una volta

La trottola

 (rǝ strùmbǝrǝ)

Di

Silvio Falato

E’ un improprio cono di legno, con capocchia arrotondata nella parte superiore e con una punta di ferro incorporata nella parte inferiore. Tutta la metà inferiore dell’aggeggio è percorsa da una scanalatura a spirale intorno alla quale bisogna avvolgere in maniera molto stretta una funicella, “rǝ làzzǝ” (letteralmente “il laccio”), che, srotolata di colpo durante il lancio, consentirà alla trottola, svincolata dal laccio, di girare velocemente sulla punta di ferro. A proposito di quest’ultima, la punta, occorre precisare che , quanto più essa è ben temprata, calibrata, e fissata perpendicolarmente in seno alla testa di legno, tanto più la trottola, naturalmente ben lanciata, girerà vorticosamente.

Silvio Falato – I giochi di una volta – La trottola – vesuvioweb 2018.pub

 

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, guardia sanframondi

18 Nov

0 Comments

Il Museo del Tesoro di San Gennaro

by

Il Museo del Tesoro di San Gennaro

Di

Marcello Erardi

 

Gepostet von Napoli vista attraverso gli scatti fotografici am Samstag, 18. August 2018

04 Nov

2 Comments

2 – Le eruzioni del Vesuvio nella “Gazette”

by

Le eruzioni del Vesuvio nella “Gazette”

Di

Franco Tessitore

Da Napoli, il 12 marzo 1760: “Il Vesuvio che improvvisamente aveva cessato di espellere fiamme, ha ricominciato le sue eruzioni con più vivacità che mai. La lava che scorre ha già rovinato la maggior parte dei dintorni del monte e una parte della sua cima è stata abbattuta”. Da Napoli, il 30 marzo 1760: “La nuova eruzione del Vesuvio è molto diminuita”. Da Napoli, il 10 aprile 1760: “Il 4 di questo mese una gran parte della sommità del Vesuvio sprofondò nel bacino. Si teme che questi detriti, impedendo l’eruzione, possano causare dei violenti terremoti. Da Napoli, il 18 maggio 1760: “L’eruzione del Vesuvio è totalmente cessata”. Da Roma, il 1 febbraio 1761: “Scrivono da Napoli che fu avvertita nella notte dal 11 al 12 di questo mese una scossa piuttosto forte di terremoto. L’eruzione del Vesuvio ricominciò e fu accompagnata da un fortissimo fragore. Il 12 mattina ci si accorse che la cima del vulcano era crollata all’interno della voragine. Da quel momento il Vesuvio è assolutamente tranquillo. Si lavora attualmente a riattivare la strada per Salerno”.

2 – Franco Tessitore – LE ERUZIONI DEL VESUVIO NELLA GAZETTE – vesuvioweb 2018

 

04 Nov

3 Comments

Il Bello delle Parole – Appassulatella

by

Il Bello delle Parole – Appassulatella

Di

Alfredo Imperatore

D’Annunzio, abruzzese, tra l’altro rinomato linguista, certamente non era padrone del dialetto napoletano. Altrimenti come si può giustificare quel “un po’ appassita”, se non ritenendo che egli intendeva dire “un po’ appassionata”, la qual cosa farebbe rientrare nella logica, l’aver in animo baciare una vucchella… appassionatela. Data la somiglianza delle due parole si è potuto trattare benissimo di un’errata lettura della sua grafia, oppure di un iniziale refuso tipografico, protrattosi poi nelle edizioni successive. Se questa interpretazione è esatta, Ferdinando Russo aveva ragione a sostenere che solo un napoletano poteva scrivere una canzone napoletana. Codicillo. La seconda strofa recita:
<Meh, dammillo, dammillo,
-è comm’a ’na ruselladammillo
’nu vasillo
dammillo, Cannetella!>.

Alfredo Imperatore – Appassiulatella – vesuvioweb 2018

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Alfredo Imperatore

04 Nov

0 Comments

I giochi di una volta – “Une ‘mpònt’a lùna” = “Uno in punta alla luna”.

by

“Une ‘mpònt’a lùna” = “Uno in punta alla luna

Di

Silvio Falato

Vi potevano partecipare da due a un numero indeterminato di ragazzi, non c’era bisogno di grandissimi spazi (era sufficiente anche un tratto di vicolo) e si svolgeva nel modo seguente: Il designato dalla conta (“il ragazzo che va sotto”, così era denominato) si piazzava, stabilmente fermo, al centro di uno spazio predeterminato, piegando in avanti ad arco testa e parte superiore del corpo. La sua particolare posizione richiama alla mente la forma del primo “quarto di luna” e da ciò ha preso il nome il gioco. La parte restante dei giocatori si allineava a una distanza di sette o otto metri e a turno, ognuno, dopo una breve rincorsa, saltava, a mo’ di cavallina, sul compagno che stava sotto, stando molto attento ad obbedire alle regole seguenti:

  1. a)  Saltare il più alto possibile, poggiando le mani sulla schiena del compagno e cercando di superare l’ostacolo senza toccarlo minimamente con le altre parti del corpo;
  2. b) Recitare, prima del salto, ad alta voce e senza sbagliare, la formula di rito che adesso illustreremo;
  3. c) Assumere nel migliore dei modi possibile, nel corso del salto e dopo, la posizione dettata dalla formula stessa.

Chi veniva meno ad una di queste prove “andava sotto”, sostituendo quindi il compagno designato dalla sorte.

Silvio Falato – I giochi di una volta – Uno in punta alla luna – vesuvioweb 2018.pub

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, guardia sanframondi

04 Nov

0 Comments

La Rassegna d’Ischia giugno – luglio 2018

by

La Rassegna d’Ischia giugno – luglio 2018

A cura di

Raffaele Castagna

2 I vincitori del Premio Internazionale
Ischia di giornalismo
4 Associazione “Gli Alberi e noi”. Ischia Film Festival 2018
5 Motivi
6 La missione della Signora Curie in Italia e… Ischia nel 1918
7 Convegno internazionale a Lacco Ameno Pithekoussai e l’Eubea tra Oriente e Occidente
16 PIDA – Premio Internazionale Ischia di Architettura
17 Lacco Ameno – Negombo Ipomea 2018
18 Rassegna Mostre
– M. Sodano al Torrione di Forio
– Vincenzo Frattini al Castello Aragonese
21 Dario Cusani tra Sogno e realtà
24 Nuove scoperte per la Madonna del melograno in S. Maria di Costantinopoli (Ischia Ponte)
27 Rassegna Libri Il codice massonico di Ischia
28 Il Fondo librario don Pietro Monti nella Biblioteca Antoniana d’Ischia
31 Ischia 1268 L’Armata Pisana occupa il “Borgo di mare”
37 Fonti archivistiche. Le Annunciazioni della Madonna
44 I tanti misteri della Torre Guevara (Parte II)
48 Ex Libris. Un mese a Napoli – Descrizione della Città di Napoli e delle sue vicinanze
54 La nave scuola Amerigo Vespucci

http://www.larassegnadischia.it/rassegna2018/rass05-18/rass05-18.pdf