06 Mag

3 Comments

La Regia Scuola d’Incisione sul corallo e di Arti Decorative Industriali di Torre del Greco

by

Di

Eduardo Cuomo e Gennaro Ascione

Nel novembre del 1879, iniziarono i primi corsi; uno per il disegno artistico ed uno per la modellazione ed incisione, che si rivelarono molto utili nella preparazione professionale degli studenti. Ciò che però sembrava periodo di grande entusiasmo, fu presto segnato da eccessivi sconvolgimenti: la vita della scuola, non fu per niente semplice. Nell’anno scolastico 1885, si manifestarono le prime avvisaglie del declino. Fu infatti chiusa a causa degli artigiani locali, intimoriti dalla concorrenza. Fu riavviata nel 1887, con un nuovo programma scolastico e la direzione passò ad Enrico Taverna, disegnatore versatile proveniente da Torino, che nel periodo “di chiusura”, riuscì ad elaborare un programma didattico di considerevole importanza, tanto che la Scuola, più in avanti, fu indirizzata verso l’affermazione definitiva.

Eduardo Cuomo Gennaro Ascione – La Regia Scuola d’Incisione sul corallo e di Arti Decorative Industriali – vesuvioweb 2017.pub 

 

06 Mag

1 Comment

Giuseppe Moscati medico e santo

by

Di

Umberto Vitiello “Vadìm”

È paradossale e forse perfino incredibile, ma chi mi parlò per primo di un medico dei poveri di nome Giuseppe Moscati non era un cattolico ma un ebreo, un giovanissimo studente universitario dell’Istituto Orientale mio coetaneo, il simpaticissimo ed erudito napoletano Cavalieri, che si faceva chiamare Gianni perché il suo nome, diceva, era difficile da pronunciare perfettamente. Un conoscitore come pochi di tutti i particolari architettonici, artistici e decorativi della sontuosa chiesa del Gesù Nuovo di Napoli, dalla grigia e severa facciata rinascimentale a bugnato, ma con uno sfavillante policromo interno barocco.

Vitiello Umberto Vadìm – Giuseppe-Moscati – vesuvioweb 2017

06 Mag

0 Comments

Le ultime ore di Pompei: è il 79 d.C.

by

Le ultime ore di Pompei: è il 79 d.C.

E’ un giorno di fine estate del 79 d.C., Plinio il Vecchio, comandante della flotta romana di Capo Miseno, vede una nuvola alzarsi dal Vesuvio, poco dopo gli arriva una richiesta d’aiuto: chi abita sotto il vulcano  sta morendo. Plinio si mette in mare con le navi per portare soccorso, anche lui perderà la vita, la cronaca del suo viaggio è il resoconto  di una  grande operazione di protezione civile.

http://www.raistoria.rai.it/articoli-programma/cronache-dallantichit%C3%A0-pompei-cronaca-di-una-catastrofe/32487/default.aspx

 

02 Apr

2 Comments

07 – Regola Sette PIATTE DE BACCALÀ, E SALUMME

by

Ippolito Cavalcanti

Regola Sette PIATTE DE BACCALÀ, E SALUMME

Di

Gianna De Filippis e Salvatore Argenziano

Baccalà a la cannaruta

Scauda lo baccalà, e doppo che l’aje monnato de tutte le spine, e lle pellecchie, l’acconciarraje dinto a no ruoto a solare a solare co pane grattato, arecheta, e petrosino, sale e pepe, e ncoppa nce miette uoglio, e zuco de limone, e lo farraje ncroscà6 o dinto a lo furno, o co lo tiesto ncoppa.

icona 07 cavalcanti

07 – Regola Sette PIATTE DE BACCALÀ, E SALUMME – Ippolio Cavalcanti – Di Salvtore Argenziano – vsuvioweb 2017

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Ippolito Cavalcanti

02 Apr

1 Comment

La statua del Nilo a Napoli

by

Di

Marcello Erardi

icona nilo1

Il Nilo. Ora giungesi ad una piazzetta, che dalla statua eretta nel mezzo dicesi Piazza Nilo; nome comune a tutta la regione e all’antico Sedile. Questa parte della città negli antichissimi tempi era abitata da una colonia di Alessandrini, che mercanteggiavano in Campania, ove il famoso porto di Pozzuoli detto dal nostro Stazio litora hospita mundi, attirava gente d’ogni paese. Gli Alessandrini introdussero in Napoli, Pozzuoli, Pompei il culto egiziano d’Isi, Osiri, Anubi, e del Nilo. Qui poscia fu un tempietto di S. Attanasio d’Alessandria. Qui pure era la fratria dei Cinei , cioè adoratori del Canevar, ossia Anubi; e il vico  Bisi, per Isi (oggi Nilo), ricordava Iside. Qui adunque gli Alessandrini eressero una statua al Nilo, donde ne venne il nome alla regione; ma a quell’antica fu sostituita un’altra, che poi deturpata e mutilata del capo, fu ripulita e riaggiustata, come ora vedesi, nel 1734, appostavi l’epigrafe Vetustissimam Nili statuam. È detta dal volgo Corpo di Napoli, nome sorto in relazione all’altro di Capo di Napoli, dato al capo di Partenope, benchè potrebbe pure ripetersi dal sito, che è il centro di Napoli. Sogliono i Napolitani mettere in dialogo questa statua coll’altra del Sebeto, come in Roma Pasquino e Marforio (1).

Alle spalle di S. Liguori era l’antica regione Nilense, dove abitavano gli Egiziani ed Alessandrini stabiliti a Napoli pel commercio. In una piazzetta al terminare del vico Bisi, che era forse l’antico vicus Alexandrinus, vedesi ancora la statua restaurata del Nilo colle foglie di loto in testa con puttini e coccodrilli intorno, la quale fu qui rinvenuta. Questa piazzetta porta oggi il nome di Corpo di Napoli, ma è rimasto il nome antico alla strada ed a’ prossimi pubblici edifizii, chiamandosi tuttavia due chiese vicine S. Angelo a Nilo e S. Niccolò a Nilo ed il principale sedile di Napoli qui posto dicevasi di Nilo. Aveva questo sedile la volta dipinta a fresco dal Corenzio. La strada prende dopo il nome di S. Biagio a’ librai, per esservi i librai in gran numero stabiliti. La chiesa di S. Niccolò a Nilo, che ha annesso un conservatorio ed un ritiro di donne ha nel maggior altare un quadro del Giordano (2).

____________________________________________

Bibliografia

  1. Da Guida sacra della città di Napoli. Di Gennaro Aspreno Galante. Napoli 1872, pagina 227.
  2. Da Napoli e Contorni. Di Giuseppe Maria Galanti. Napoli 1829, pagina 150.

https://www.facebook.com/Marcello.foto1973/photos/a.1069105093205333.1073743158.505311336251381/1069105686538607/?type=3&theater

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Arte e artisti a Napoli, I monumenti, Storia

02 Apr

12 Comments

Giacomo Leopardi – Il grande poeta e filosofo dello Sterminator Vesevo da “Gente del Vesuvio”, di Umberto Vitiello

by

Di

Umberto Vitiello

Giacomo Leopardi, il grande poeta e filosofo dello Sterminator Vesevo da “Gente del Vesuvio”, di Umberto Vitiello “Vadim”.

Mia nipote Linda e suo marito Luigi mi portarono a rivedere la Villa delle Ginestre. È l’ultima mia visita in quella zona, apparsami subito così diversa da come l’avevo vissuta in giovane età, da ragazzo e poi da studente e da capo scout. La villa mi sembrò assediata e perfino rimpicciolita...

Umberto Vitiello – Giacomo Leopardi – vesuvioweb – 2012 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Umberto Vitiello

02 Apr

3 Comments

Aniello Langella e Armando Polito – L’eruzione del Vesuvio del 1631 letta attraverso le epigrafi di Torre del Greco e di Portici

by

L’amore che ci lega a questa terra ci ha ispirato il tentativo di carpire i significati intrinseci di due monumenti e in particolare del loro corredo epigrafico, ai quali, secondo noi, non è stata riservata fino ad ora adeguata attenzione. Ciò che non si conosce può esercitare, tutt’al più, un fascino epidermico e non durevole, magari una passeggera curiosità spesso insana; la conoscenza trasforma il primo innamoramento in amore e l’imperfettibilità di quella conoscenza in nobile voglia di ricercare il certo e avvicinarci quanto più possibile al vero. Dall’amore, infine, nasce il rispetto per il nostro passato e non solo per quello…

Aniello Langella e Armando Polito – L’eruzione del Vesuvio del 1631 letta attraverso le epigrafi di Torre del Greco e di Portici – vesuvioweb 2011

Continua a leggere