01 Set

0 Comments

Letteratura gastronomica del Meridione d’Italia

by

Letteratura gastronomica del Meridione d’Italia

Di

Gennaro Avano

Campania

Partendo dall’antichità la presenza della Campania nella letteratura gastronomica meridionale è costituita da una fitta rete di autori, di riferimenti produttivi e denominazioni di ricette che trovano le rappresentazioni più remote nella letteratura latina di genere. Autori come Marco Gavio Apicio, Quinto Orazio Flacco o Tito Petronio Nigro, che hanno provenienze diverse  (propriamente campano il primo, lucano il secondo e marsigliese, il terzo), sono accomunati dalla stessa koinè territoriale in cui elaborano le rispettive opere. Benché tali opere siano di diverso genere (prescrittivo il De re coquinaria del primo e descrittive, ovvero narrative, le satire degli altri due -Cena di Nasidieno e Cena di Trimalchione-) hanno dunque la medesima ambientazione, quella di un luogo che rappresenta il fulcro gastronomico del mondo latino. Nel testo del primo autore, Apicio, pur deformato dalle numerose aggiunte protrattesi fino al II secolo d.C., possiamo individuare attraverso passi a lui riferibili, costituiti da ricette stringate che vedono l’impiego quasi esclusivo di prodotti meridionali, varie specialità della Campania Felix e di altri agri dell’attuale regione. Pane Picentino9, fave baiane, la citazione di certi utensili molto connotati, come la tipologia di vaso chiamato “Cumana”, o dediche gastronomiche come il “Piatto lucreziano” in onore del filosofo campano Tito Lucrezio Caro (coevo di Marco Gavio, col quale l’Autore condivide l’ideale dell’epicureismo-cirenaico), sono gli oggetti che costruiscono lo scenario gastronomico di base, in cui si innestano poi anche numerosi “altrove”. Naturalmente non sono solo le diciture esplicite che rendono riferibili i piatti al territorio campano, una lettura attenta consente infatti di riconoscere metodi e antesignani di piatti esistenti, come i “piselli maritati” o i “musteis” mostaccioli e persino certe “braciole”, involtini di carne, che riconosciamo nelle “Ofellae”. Un grande salto epocale divide l’antico libro di Apicio dal trattato successivo, ma come per incanto la storia riprende dal luogo in cui si è interrotta. Siamo sempre in Campania e ivi troviamo il più antico manuale culinario medievale d’Europa, l’anonimo Liber de Coquina, ascritto agli ambienti della corte angioina, dunque napoletano, e databile intorno alla fine del 1200.

Gennaro Avano – Letteratura gastronomica del meridione d’Italia – vesuvioweb 2018.pub

 

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Vesuvius e ars culinaria

01 Set

2 Comments

Il rimpiattino o nascondino o nasconderello da noi “Te fòka e te lìscja”

by

Il rimpiattino o nascondino o nasconderello da noi  “Te fòka e te lìscja”

Di

Silvio Falato

Quindi, restando sempre in circolo, a un “uno, due e …tre“, gridato dal solito capogruppo, ognuno, in stretta contemporanea con gli altri, lanciava la mano, aprendo a sua volontà una certa quantità di dita; c’era sempre il contabile capacissimo che in un attimo calcolava la somma e procedeva alla conta per decidere chi doveva “andare sotto”. Lo sfortunato si metteva subito con la faccia al muro e iniziava a contare ad alta voce fino al numero precedentemente concordato. Nel frattempo tutti gli altri, con la massima velocità e oculatezza, si sparpagliavano nelle zone circostanti, alla ricerca di un posto in cui nascondersi. Il designato dalla sorte, terminata la conta, si metteva alla ricerca degli avversari.

Silvio Falato – Il rimpiattino o nascondino o nasconderello da noi Te fòka e te lìscja – vesuvioweb 2018.pub

 

 

01 Set

2 Comments

19 – La Vocale – O –

by

A Lenga Turrese Vocalismo e Consonantismo

La vocale O

Di

Salvatore Argenziano

Nel passaggio da una parola alle sue forme composte, si ha uno spostamento dell’accento tonico, dalla vocale radicale ad una successiva, come da -ròta > rutèlla-. In questo passaggio si ha la mutazione Ò/U della vocale radicale, -rò/ru-. Il fenomeno è molto diffuso nella fonetica del dialetto e questa mutazione pretonica può ritenersi priva di eccezioni.

Da còccia > scucciato, scucciànte, scucciatura.; **F. Russo. Partenno aveva ditto: “Si ncuntrammo / nu monaco, nu zuoppo o nu scucciato, / sarrà nu malaùrio! Cammenammo! **Viviani. Comme ha ditto a vvuie stu signore, ca io ll’aggio miso88 ’a mano dint’ ’a sacca, ’o ppò ddicere all’ate… E vuie, avvoca’, nun avit’ave’ né suspette, né scucciature…

19 – La Vocale – O – A Lenga Turrese Vocalismo e Consonantismo – Di Salvatore Argenziano – vesuvioweb 2018

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Stròppole linguistiche

01 Set

1 Comment

Teofilatto II Duca di Napoli e la grande guerra contro i Saraceni

by

Teofilatto II Duca di Napoli e la grande guerra contro i Saraceni

Di

Aniello Langella

Nel lavoro precedente, tutto dedicato allo studio di questo personaggio storico che a Napoli visse da re, nella sua forma più aulica del termine, ho tracciato, per quanto avida sia stata la ricerca bibliografica, i momenti salienti della sua vita ed anche delle sue opere. Vale la pena ribadire qui, in questa seconda parte, che di Teofilatto o Teofilo, abbiamo scarsissime testimonianze. Visse da Duca e con questa carica portò a termine importanti opere religiose e civili. Visse anche da guerriero, come nella tradizione militare dell’epoca ed ebbe importanti onorificenze per questo. Tutto ciò accadde in un breve lasso di tempo. Una vita intensa e molto concentrata attorno ad eventi ed accadimenti che in quel periodo riuscivano a sconvolgere in maniera anche grave l’assetto politico e soprattutto civile della città e dei suoi abitanti. Voglio ricordare come ho fatto nel precedente lavoro, il periodo nel quale visse Teofilo, cercando di trasferire al lettore la certezza, della scarsa attendibilità delle datazioni e dei riferimenti cronologici in senso lato, proprio a causa della mancanza di fonti certe. Per le fonti ufficiali il Duca regnò su Napoli dall’800 all’801. Ma se questo può sembrare apparentemente coerente con diversi testi della bibliografia napoletana, dobbiamo esprimere non poche perplessità e nutrire dubbi veri, quando leggiamo: “L’elezione di Sergio I è posta nel marzo 840, e la morte di Teofilo nel gennaio 842. Capasso, Mon. ad Neap. ducat., ecc. pag. 83.”

Aniello Langella – Teofilatto II Duca di Napoli – Seconda parte – vesuvioweb 2018.pub

 

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Personaggi a Napoli, Storia

01 Set

0 Comments

La mitra gemmata del tesoro di San Gennaro

by

La mitra gemmata del tesoro di San Gennaro

di

Marcello Erardi

È marcahile ed ammirabile la coincidenza, che allorché nelle sopradette festività avviene il miracolo di S. Gennaro, cioè della liquefazione del sangue nelle ampolline in Napoli, avviene che rosseggia il residuo del sangue della pietra su cui S. Gennaro fu decapitato in Pozzuoli nella stessa ora; io che e documentato dai costanti rapporti che partono dall’uno e dall’altro luogo. Non ostante che questo portento sia così evidente, non mancano di quei perversi di cuore, o di altre credenze a fare delle osservazioni maligne ed inconcludentà; a questi la miglior risposta che può dare si e di pregarli a trovarsi presenti a questo miracolo, e così convincersi della verità. Sempre che si espone il sangue e la testa di S. Gennaro, il popolo e tra questi marcatamente taluni che vantano per tradizione essere appartenenti alla famiglia di questo Santo, nel proprio dialetto dicono delle orazioni fervorose per ottenere la rinnovazione del miracolo. Allorché nel Tesoro si espone il busto di S. Gennaro sull’altare, viene lo stesso vestito di ricco piviale e mitra gemmata, essi dicono: “Esci e facci grazia Santo bello, gran campione di Gesù Cristo, santone, nostro, prima cavaliere della santa Chiesa; ricco e santo delli doni della Ss. Trinità, e dell’ Immacolata Concezione. Evviva Gesù, evviva Maria, e chi l’ha creato, e fatto Santo martire della nostra S. Fede accresci la nostra S. Fede, e dai lame a chi non crede – Grazia santo bello, stendardo della Ss. Trinità e della nostra fede. Con Gesù Salvatore e con l’immacolata Concezione e coi Ss. Sacramenti San Gennaro tienici mente. S. Gennaro mettici sotto lo manto della Madonna e sotto lo mantiello tuo, e così ajutaci, difendici, riparaci da ogni disgrazia. Messe le ampolle col sangue sull’altare dicono dopo recitato il Credo ed altre anziani: Grazie stendardo della s. Fede e della Ss. Trinità, che coronata di stelle con Maria sempre stà. Alla Ss. Trinità facimmo tanti ringraziamenti pe sta gran santo che c’ha dato Cavaliere di Gesù Cristo, gran santo, ricco delli doni della nostra s. Fede, accresci la nostra s. Fede e dà lume a chi nu crede. Evviva Gesù, evviva Maria e s. Gennaro. S. Gennaro martire della nostra S. Fede.

Da

Memorie storiche della città di Napoli. Di Francesco Ceva Grimaldi. Napoli 1857, pagina 73.

 

Gepostet von Napoli vista attraverso gli scatti fotografici am Samstag, 18. August 2018

 

30 Giu

1 Comment

Relazione su una escursione fatta sul Vesuvio in eruzione da M. de Verneuil, il 30 aprile e il 7 maggio 1868

by

Relazione su una escursione fatta sul Vesuvio in eruzione da M. de Verneuil, il 30 aprile e il 7 maggio 1868

Di

Franco Tessitore

Tratta dal Bollettino della Società Geologica di Francia, 2° serie, tomo XXV p. 802, seduta del 15 giugno 1868

In una lettera al mio amico M. d’Archîac2  che è stata inserita nei Rapporti dell’Académie des sciences, ho fornito dei dettagli su due escursioni fatte sul Vesuvio il 30 aprile e 7 maggio di quest’anno. Chiedo alla Società il permesso di completarli dando esattamente il risultato delle misure barometriche che non avevo potuto calcolare durante il viaggio. Quando ho lasciato Parigi, il 2 marzo scorso, l’eruzione del Vesuvio, cominciata il 13 novembre, era ancora molto attiva, e dicevano che aveva dato origine a un nuovo cono la cui altezza era variamente valutata. Avendo avuto il vantaggio di studiare la platea superiore e il cratere del Vesuvio nelle primavere del 1865 e 1866, desideravo vivamente riconoscere i cambiamenti apportati dall’ultima eruzione, e, per meglio appurarli, portai da Parigi un eccellente barometro di Fortin che mi era servito nei miei viaggi in Spagna. Attesi a Roma che l’attività decrescente del vulcano permettesse di avvicinarsi al cratere. Feci la mia prima ascensione il 30 aprile; ero in compagnia degli scienziati geologi di Napoli: M. Palmieri, direttore dell’Osservatorio, il suo aiuto D. Diego Franco, e il mio vecchio amico il professor Guiscardi. Constatai che potevamo salire sulla sommità del cono e arrivare fino ai bordi del cratere; riuscii anche a fare il giro, nonostante le masse di cenere e pietre che esso proiettava a intervalli di cui le più grandi rotolavano ai piedi del cono.

Franco Tessitore – Relazione su una escursione fatta sul Vesuvio in eruzione da M de Verneuil, il 30 aprile e il 7 maggio 1868 –

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, L'eruzione del Vesuvio del 1868

30 Giu

2 Comments

18 – La Consonante – V

by

A Lenga Turrese Vocalismo e Consonantismo

di

Salvatore Argenziano

La consonante V

Vaglione, guaglione, dal latino “baillionem”. ***ETN. Figlia mia fa’ orazione / e peccata nun ne fà/ si avisse nu buono vaglione / già facesse orazione. Vastaso, facchino, dal greco “bastàzein”, alzare. ***Basile. Né sai ca songo appunto / la calamita de ’no sagliemmanco / ch’ogni vastaso ed ogne poveriello / ’nce vo’ strecare l’aco o lo cortiello? ***Cortese. Ogne guattaro lassa la cucina, / Ogni vastaso lo sacco o segetta, / E bestuto che s’è de ferrannina, / E puostose na penna a la barretta.
Vacile, dal gallo-romanzo “baccinum”. Così vammace, bambagia da “bambacem”. Vadassare, nome proprio da Baldassare. Vagno, dal latino “”balneum”. Vaiassa dal francese “baiasse”. Vàllera o vàllana, castagna lessa con la buccia, dal latino “bàlanum”. Varca, dal latino “barcam”. Varrile e varrecchia, dal latino medievale “barriclum”. Vasá dal latino “basiare”.
Vasinicola, dal latino “basilicum”, greco “basilikos”. Vásulo, da “base”. Vàttere, dal latino “bàttere”. Vattiáto, battezzato, dal greco “baptizo”. Vavósa, pesce, da “bava”. Vellìculo dal latino “umbilicum”. Vocca, dal latino “buccam”. Voio dal latino “bovem”. Vréccia, dal latino “bricciam”.

18 – Consonante – V – Di Salvatore Argenziano – vesuvioweb 2018

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Stròppole linguistiche

30 Giu

0 Comments

Vera relatione dell’horribil caso et incendio occorso per l’esalatione del Monte di Somma detto Vesuvio nel 1631

by

Vera relatione dell’horribil caso et incendio occorso per l’esalatione del Monte di Somma detto Vesuvio nel 1631

Di

Aniello Langella

La stampa del Vesuvio che definiamo agevolmente come pre 1631, ci viene proposta con un’acclamazione che campeggia al centro della pagina e cinge la vetta del Somma e del Vesuvio: SUSCIPIAT MONTES PACEM POPULO ET COLLES IUSTITIAM. L’autore oltre a descrivere con dovizia di particolari, la costa napoletana, ma anche le città costiere e dell’entroterra, vuole inoltre sottolineare la presenza di fitta vegetazione che raggiunge quasi la vetta del Vesuvio. Dopo l’eruzione e nell’immagine dello stesso autore, quella stessa vegetazione apparirà coperta dai prodotti vulcanici. Le stesse città ci appariranno circondare da fiamme e fiumi di fango. L’intera orografia sarà sconvolta dai terremoti, dalle nubi ardenti, dalla cenere, dai fiumi di fango e
dalle produzioni laviche. La stessa linea di costa verrà modificata.

 

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, L’eruzione del Vesuvio del 1631

30 Giu

0 Comments

A Guardia di una valle

by

A Guardia di una valle

Di

Silvio Falato

Tra racconto e narrazione, Silvio Falato raccoglie in una tutte le esperrienze linguistiche e culturali, trasformandole in storia vera di un lembo piccolo ma rappresentativo della Terra Vesuviana. Un persorso che indaga gli ambiti filologici della lingua antica e moderna. Molto intenso il rapporto e le relazioni con i fatti reali e così nel racconto si apre il grande spiraglio sulla cultura.

PRIMA PUNTATA

https://

SECONDA PUNTATA

https://

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, guardia sanframondi