17 Apr

2 Comments

Naples et son histoire iconographique

by

NAPLES

SES VINGT-SIX SIÈCLES D’HISTOIRE ET SON IMMENSE BAGAGE CULTUREL EN IMAGES ET PEU DE MOTS: LITTERATURE, PHILOSOPHIE, MUSIQUE, SCIENCE, ART, ARCHITECTURE, THÉÂTRE, CINÉMA, MODE, GASTRONOMIE ET AUSSI… LES PRÉJUGÉS QUI LUI COLLENT À LA PEAU

 

Di

Maria Franchini

NAPOLI E I SUOI VENTISEI SECOLI DI STORIA IN IMMAGINI E POCHE PAROLE

Frutto del lavoro di ricerca e destinato ad una conferenza che l’autrice ha fatto in Francia, i testi qui pubblicati sono la sintesi iconografica di un lungo percorso di ricerca e di approfondimento. Non è nuova a questo approccio la nostra autrice, ma questa volta lo ha fatto con il preciso intento divulgativo, sfruttando la sintesi. L’impresa davvero impegnativa la vede tuttavia anche certa dei risultati, tra cui quello di portare ad un pubblico ampio un messaggio di cultura complesso, articolato ed ancora tutto da scoprire.

Dalle origini ad oggi, Napoli non ha mai smesso di creare in ogni campo e di seminare cultura nel mondo. Esistono montagne di eccellenti volumi su Napoli che trattano ogni tipo di argomenti che la riguardano,  nessuno però riesce a dare un’idea di tutta l’inimmaginabile produzione di questa città-nazione. L’autrice intende proprio questo “dare un’idea” con fotografie e brevissimi commenti, che forse faranno nascere nel lettore il desiderio di approfondire. Questo lavoro è quindi un pot-pourri che riunisce: eventi storici fra i più rilevanti e dinastie regnati, filosofi e letterati, scienziati e grandi medici, musicisti e opere d’arte,  cantanti lirici famosi, cineasti, attori, fotografi, stiliti, gastronomia e, infine, anche i luoghi comuni che affliggono la nostra Napoli.

Un delizioso approccio iconografico e culturale alla grandiosa storia di una città che ha fatto parlare di se nel mondo ed ancora oggi ci lascia entrare nei suoi segreti attraverso le testimonianze. Questo di Maria Franchini è un vero Voyage Pittoresque, ossia una rivisitazione in tante immagini di quello che è il vero cuore culturale di questa città e della Terra del Vesuvio.

 

1 – Maria Franchini – Napoli, origini, aragonesi, spagnoli – vesuvioweb 2020

2 – Maria Franchini – Napoli Borbonica – vesuvioweb 2020

3 – Napoli e la storia recente – vesuvioweb 2020

4 – Napoli dal dopoguerra ad oggi – vesuvioweb 2020

______________________________________________________________________________________________________________________________________

http://www.sgdl-auteurs.org/maria-franchini/index.php/pages/Bibliographie

 

 

 

 

16 Mar

3 Comments

Cumme se pazziava ‘na vota

by

Cumme de pazziava ‘na vota

Di

Alberto Mirabella

 

Oggi si evocano con un App o playstation anche in 3D; sino a pochi anni fa erano semplicemente “giochi”. Ma in quella parola si racchiudeva un mondo, una storia di civiltà, un viaggio di  iniziazione e sviluppo emotivo e psicologico. Ben ce lo spiega Kant: “Gioco: attività che genera piacere”; gli antichi ben lo sapevano. Nel ‘900 l’olandese Huizinga con Homo ludens, tracciava le coordinate di questo mondo apparentemente fanciullesco e da favola come un “sistema” culturale. L’accademico di Francia Caillois divideva i giochi in competizioni (agon); azzardo (alea); simulacro (mimicry) e vertigine (ilinx). Da noi uno studioso e storico dei giochi è stato Giampaolo Dossena. Alberto Mirabella con il suo “Comme se pazziava ’na vota. I giochi ed i giocattoli di un a volta nei loro aspetti socio-antropologici-iconici”, in 200 pagine con illustrazioni, non solo condensa questo viaggio nella storia dell’uomo, ma sintetizza con documentata bibliografia come il gioco sia piacere, “pazzia”, strumento di crescita e di socializzazione. Già nel puzzle della copertina entriamo in questo mondo destinato ad essere sempre più virtuale e solitario – con conseguenze già sotto gli occhi di tutti: la ludopatia.

Alberto Mirabella – Cumme se pazziava ‘na vota – vesuvioweb 2020

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Giochi e giochini del Vesuvio

16 Mar

2 Comments

LL’ODE DE Q. ARAZIO FRACCO

by

GABRIELE QUATTROMANI
LL’ODE DE Q. ARAZIO FRACCO
Travestute da vasciajole de lo Mandracchio

Antologia curata da Vincenzo Pepe

Qui di seguito alcuni brani tratti dalla Prefazione al testo del professore Vincenzo Pepe. L’antologia che qui si propone ai lettori di Orazio e ai cultori di storia napoletana è tratta da un’opera ormai quasi dimenticata e pressoché introvabile, che Gabriele Quattromani pubblicò a Napoli nel 1870 col titolo lunghissimo Ll’Ode de Q. Arazio Fracco Travestute da vasciajole de lo Mandracchio co quacch’auta stroppolella fujeticcia pe fa venì lo suonno. Un volume composito, dunque, nel quale i “travestimenti” di Orazio, sono accompagnati da composizioni di vario genere e ispirazione.  anche se molte di queste ultime, apparse in precedenza su famose riviste letterarie napoletane del tempo quali l’Omnibus e l’Omnibus pittoresco, sono tutt’altro che “fujeticce” come vorrebbe far credere il suo autore, la gloria del volume è effettivamente rappresentata dalle versioni in napoletano delle odi del Venosino, e dal preziosissimo apparato lessicale che la correda….

 

Vincenzo Pepe – Gabriele Quattromani – Ll’ode de Q Arazio Flacco – vesuvioweb 2020

16 Mar

2 Comments

I – Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano – Da iàccio a izà

by

I – Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano – Da iàccio a izà

Di

Salvatore Argenziano

Iacuvèlla: s. f. Jacuvella. Ghiacuvelle. Intrigo, pettegolezzo, vezzi. I gghiacuvelle è la forma eufonica di: i jacuvelle, dovuta alla difficoltà di pronuncia della doppia /i/. La trasformazione da /i/ a /ghi/ è comune a molte parole inizianti per /i/ e deriva dalla etimologica semiconsonante /j/. I gghialline, i gghionte, i gghiastemme… Raddoppiamento consonantico dovuto all’articolo – i -, femminile plurale. etim. Dal nome di un personaggio dell’antica Commedia, Jacoviello, diminutivo di Giacomo, maestro di astuzie e di intrighi amorosi.

*Cortese. Aveva Renza n’anno e miezo mese / fatte le iacovelle a Menechiello.

*F. Russo. – Chillo sta accussi arraggiato! / N’ato ppoco me magnava!… / Si ll’avisseve sentuto / comme ddiece jastemmava! / – Lassa sta’! Mo nce vach’io… / E scennette. – San Crispi? / – Gnò! – Ched’è sta jacuvella? / Sti denare ’e vvuò accussì?… / – Accussì? Mannaggia ’a morte!

*GB. Valentino. Che le venga la rogna, e ssette zelle / Comm’a la ceca jevan’a mmorrare! / Erano leste a ffa le ghiacovelle / Co guitte, e portarrobba, e ppotecare,.

*G. Genoino. donca pe tte so’ bbernie e ghiacovelle?-.

*R. Bracale. Allora ca, ògne mese, / cagnavo piccerella, / trattanno core e ammore / cumme a ’na jacuvella, / facenno ’o lasse e ppiglia / cchiú ’nfamo e malamente, / allora, ’e chilli tiempe, / nun me credeva, ’a ggente!

I – Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano – Da iàccio a izà – Di Salvatore Argenziano – vesuvioweb 2020

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Lessico e Letteratura Napoletana

16 Mar

3 Comments

Domenico Gargiulo in arte Micco Spadaro

by

Domenico Gargiulo in arte Micco Spadaro

Di

Aniello Langella

Bernardo De Dominici fu uno dei biografi più attenti alla ricerca artistica a Napoli e Domenico Gargiulo, certamente non poteva mancare tra i grandi della storia dell’arte del ‘600 napoletano. Ed è proprio il De Dominici a manifestare nel suo Vite de’ pittori, scultori ed architetti Napoletani non mai date alla luce, (Volume 3, pagina 190. Ed. Ricciardi, 1742) le tante perplessità che gravitano attorno alla corretta data di nascita, al suo percorso formativo ed anche al mistero che in certi anni della sua vita, circondò l’artista e soprattutto le sue opere. Incontrai Domenico Gargiulo più volte durante il mio lungo cercare tra le bellezze di Napoli, ma soprattutto mentre rileggevo le vicende drammatiche della peste del 1656, dell’eruzione del Vesuvio del 1631 e delle rivoluzioni politiche e sociali in città. Mi accorsi presto di trovarmi davanti ad un artista che esprimeva quasi sempre il desiderio di narrare la storia. Vedevo ed osservavo in lui la volontà di trasfondere nella tela e nell’opera d’arte il momento, ossia il tempo ed assieme il patos che si generava dall’evento storico stesso. Riuscivo a comprendere questo, ma non riuscivo a percepire nella sua interezza la vera anima dell’artista. Ma era questo in fondo, che cercavo? No. La risposta è certamente no. Io cercavo solo di leggere (con le mie ridotte capacità interpretative) lo sviluppo storico, la successione dell’evento che Domenico, tanto sapientemente sapeva rappresentare. In fondo a me, piccolo osservatore e cercatore, interessava conoscere la storia raccontata, quella dipinta, quella rappresentata. Sarà definito artista virtuoso dal De Dominici, che lo collocherà accanto a Salvator Rosa e Aniello Falcone suoi diretti maestri. Lo definirà molto più importante di quei fiamminghi che all’epoca tenevano il mercato dell’arte in pugno e che per certi versi non meritavano tanto plauso.

Aniello Langella – Micco Spadaro – vesuvioweb 2020.pub

 

16 Mar

0 Comments

HERCULANEUM da Encyclopédie ou Dictionnaire raisonné des sciences, des arts et des métiers di Denis Diderot e Jean-Baptiste Le Rond d’Alembert

by

A cura di Aniello Langella

… Le prince d’Elbeuf 4 bâtit vers l’an 1720 un logement à Portici sur le bord de la mer, & desirant de l’orner de marbres anciens, un paysan du lieu lui en apporta de très-beaux qu’il avoit trouvés en creusant son puits. Le prince acheta le terrain du paysan, & y fit travailler. Ses fouilles lui procurerent d’abord de nouveaux marbres en abondance, & ce qui valoit beaucoup mieux, sept statues de sculpture grecque. Les travailleurs poursuivant leur besogne, trouverent plusieurs colonnes d’albâtre fleuri …

icona herculaneum1

Herculaneum da L’enciclopedie di Diderot e D’Alemnert – A cura di Aniello Langella – vesuvioweb 2013 —

29 Feb

2 Comments

L’associazionismo di mutuo soccorso a Torre del Greco tra Ottocento e Novecento

by

L’associazionismo di mutuo soccorso a
Torre del Greco tra Ottocento e Novecento

Di

Lina De Luca

Quando si parla di istituzione di mutuo soccorso a Torre del Greco, il pensiero corre subito, e quasi esclusivamente, al noto Pio Monte dei Marinai di Santa Maria di Costantinopoli, la confraternita laicale con scopi devozionali e assistenziali fondata nel lontano 1615 da un ceto cittadino che aveva forza e spessore sociale. Raccolta intorno al culto della Madonna bizantina, la cui effige arrivò in Occidente via mare e perciò era considerata da molte popolazioni rivierasche la protettrice di marinai e pescatori, l’istituzione associativa torrese con la formula della “mutualità” offriva aiuto e assistenza agli aderenti in cambio di una quota contributiva. I sussidi venivano elargiti ai soci o ai loro familiari in caso di malattia, di inabilità al lavoro, di decesso e di matrimonio e alcune elargizioni si configuravano de facto come vere e proprie prestazioni assistenziali e previdenziali ante litteram.

Lina De Luca – Associazionismo di Mutuo Soccorso a Torre del Greco a fine Ottocento – vesuvioweb 2020

29 Feb

2 Comments

Il Vesuvio nel 1738

by

Il Vesuvio nel 1738

http://bdh.bne.es/bnesearch/detalle/bdh0000070731

 

Vesuvio 1738 – Da BNE – 2020

Le interessanti immagini che ritraggono il Vesuvio da prospettive ed angolazioni diverse, sono datate al 1738, esattamente un anno dopo l’eruzione che era iniziata il 19 maggio ed ufficialmente conclusa il 6 giugno. Sappiamo che quella fu un’eruzione a carattere misto, come del resto un po’ tutte le eruzioni vesuviane del secolo XVIII. Corsi lavici a partenza dal Gran Cono si diressero verso Torre del Greco e Boscotrecase. A questi fenomeni che durarono circa 40 giorni consecutivi, si associarono la pioggia di prodotti piroclastici su Somma Vesuviana, Ottaviano e Nola. Ma si verificarono intorno alla fine di maggio eventi esplosivi con produzione di esplosioni e prodotti piroclastici che raggiunsero anche Napoli. I flussi lavici ad ovest ammontavano a circa 10.4 milioni di metri cubi. A Torre del Greco distrutte parzialmente le chiese del Purgatorio e del Carmine. Crollo dei tetti a Ottaviano e rottura dei vetri delle finestre a Nola. Crolli di edifici a Napoli a causa delle continue scosse di terremoto. Terminata l’eruzione il Vesuvio si presentò sensibilmente abbassato di quota, e caratterizzato da un ampio cratere. Per Antonio Nazzaro l’eruzione “segna come un confine tra un comportamento eruttivo caratterizzato da attività di un cono che si andava sviluppando nell’ampia voragine del 1631 e un’attività con il cono ormai sviluppato”.

L’immagine che abbiamo pubblicato ci mostra un vulcano tranquillo, sulle cui pendici si svolge quasi una vita bucolica. Nulla, se n on le fumarole in quota, fa supporre che appena un anno prima il Vesuvio avesse prodotto un’eruzione di grande energia e con caratteristiche distruttive elevate.

Un anno dopo e M. Walter Ingenis si porta in cima al vulcano assieme ad accompagnatori e guide a visitare il luogo della catastrofe. Il suo è quasi un viaggio iconografico, dove con semplicità, quasi scolare, descrive il luogo ed i propri abitanti.

Un testo fondamentale per lo studio del fenomeno eruttivo, in un lavoro coevo: Istoria dell’incendio del Vesuvio, accaduto nel mese di Maggio del’ anno MDCCXXXVII. Scritta per l’Accademia delle scienze, di Francesco Serao. 1738.

https://archive.org/details/b30505823/page/125/mode/2up

A cura di Aniello Langella

 

 

La primera descripción es una vista de perfil del Vesubio por cuya falda ascienden varios militares en dirección al cráterDescripción y notasInserta: 1. “Vüe de l’ouverture de la Montagne en dedans, comme elle se présente du coté de l’Orient”. – 12,2 x 21,3 cm. 2. “Vue de la meme ouverture en dedans du coté du Septentrion”. – 12,5 x 21 cm. – 3. “Plan de l’ouverture de la Montagne aiant 4120 Palmes Napolitains de Peripherie”. – Escala 2.000 Palmes de Naples [= 14,5 cm]. – Orientado. – Clave alfabética. – 20,5 x 21,5 cm. 4. “Profil de la Montagne et de son ouverture de A jusqu’a B veritable pié de la Montagne”. -Escala 3.000 Palmes de Naples. [= 14,5 cm]. – 20,8 x 21 cm. Inserta: 1. “Vüe de l’ouverture de la Montagne en dedans, comme elle se présente du coté de l’Orient”. – 12,2 x 21,3 cm. 2. “Vue de la meme ouverture en dedans du coté du Septentrion”. – 12,5 x 21 cm. – 3. “Plan de l’ouverture de la Montagne aiant 4120 Palmes Napolitains de Peripherie”. – Escala 2.000 Palmes de Naples [= 14,5 cm]. – Orientado. – Clave alfabética. – 20,5 x 21,5 cm. 4. “Profil de la Montagne et de son ouverture de A jusqu’a B veritable pié de la Montagne”. -Escala 3.000 Palmes de Naples. [= 14,5 cm]. – 20,8 x 21 cm. La Historia en los Mapas Manuscritos de la Biblioteca Nacional, 1984, p. 253, nº 313. “Idomeneo : la proyección de un mito, de Homero a Mozart”, Madrid, Museo BNE. 15 enero 2019 -17 marzo 2019. Manuscrito sobre papel a la acuarela en sepia y gris.

Da BNE

 

29 Feb

2 Comments

Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano

by

Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano

La lettera G

Da gaggia a guzzo

Di

Salvatore Argenziano

Galiòto: agg. Galeoto. Calioto. Degno di galera. Galeotto. Si dice di ragazzo scavezzacollo. etim. Lat. med. “galiotus”. *Basile. “Si è chesso”, dessero le fate, “e nui facimmola da corzaro a corzaro e da marinaro a galioto e si t’ha mozzecato sto cane, vedimmo d’averene lo pilo; *Basile. Brutta schiava mossuta! / Pasto da galeote e marinare! / Rechiammo de vastase e portarobbe! / Strega, ianara, vommeca–vracciolle! *Scarpetta. E bravo e bravo… vogliatelo bene che chillo è nu bravo giovinotto. (E lo primmo galiota, l’aggia rompere li gamme nu juorno de chisto!) *Scarpetta. Ah, e me lo ddice nfaccia, galiota birbante?… *R. Bracale. N’ anema ca sia / nun passa pe ’sta strata. E ’a galiota / nun sente ’stu pparlà ch’ è amaro e ddoce / nun sente ’o mare, nun sente ’sta voce…
gallètta: s. f. Galletta. Jalletta. Pane senza sale, di forma piatta e rotonda, biscottato, di lunga conservazione, usato specialmente a bordo di navi e curalline. etim. Dal fr. “galette”, derivato da “galet”, ciottolo. Infatti la galletta è una vera pietra se non è stata spugnata. ’A galletta ’i Castiellammare: è stata trentaseie anni pe mare e nun s’è spugnata ancora. *Scarpetta. Palatelle, bacchettelle, gallettelle, zucchero e butiro, tengo lo biscotto co l’ammennole, tengo la fresella co lo pepe, comme se sfruculeje la fresellina. Bella cosa.

Salvatore Argenziano – Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano – G – Da gaggia a guzzo

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Lessico e Letteratura Napoletana

29 Feb

7 Comments

Il Vesuvio nelle opere di De Nittis

by

Il Vesuvio nelle opere di Giuseppe Gaetano De Nittis

Di

Aniello Langella

Le opere che ho scelto, in questa rassegna, riguardano la mia terra natia. Li ho scelti tra le tantissime opere esposte al Palazzo dei Diamanti di Ferrara. Conoscevo De Nittis e le sue opere tutte originalmente aderenti alla sua quasi ossessiva ricerca del vero ottenuto attraverso il  colpo d’occhio, la prospettiva ed il punto di osservazione. Verista ed impressionista assieme, attento a cogliere gli aspetti della vita comune dalla quale può derivare l’immagine del bello e del sorprendente. Emozionano i suoi paesaggi, come emozionano le figure che li animano, in una sorta di film policromo che invoglia a vedere oltre l’opera il senso delle piccole cose e delle cose grandi, come lo stato d’animo degli attori e degli oggetti apparentemente inanimati. Si,… è l’emozione che sorprende in De Nittis. Non la cerchi, non la imposti nel medesimo atto del vedere e del guardare, ma ti sorprende e ti coinvolge tra i mille dettagli dell’opera che entra negli occhi e passando per mente, come direbbe qualcuno per lo stato di coscienza, diventa materia stessa dell’essere, del tuo essere. Non siamo abituati, nella maggior parte dei nostri giorni della nostra vita, a stupirci per la bellezza che a tratti ci appare lontanissima. “L’abitudine ci nasconde il vero aspetto delle cose”, come ebbe a dire Montaigne. Non a caso ho ricercato “lo sguardo” di De Nittis.

Aniello Langella – Giuseppe De Nittis descrive il Vesuvio – vesuvioweb 2020.pub

 

 

De Nìttis Gaetano Giuseppe
De Nìttis, Giuseppe. – Pittore italiano (Barletta 1846 – Saint-Germain-en-Laye 1884). Espulso nel 1863 dall’Accademia di Napoli, dove studiava con G. Smargiassi, si diede a dipingere dal vero a Portici. Attraverso A. Cecioni conobbe le idee e le opere dei macchiaioli. Fu a Firenze (1867) e nel 1872 si stabilì a Parigi. Si accostò allora alla pittura degli impressionisti, ma con un marcato accento di eleganza mondana; dipinse scene di vita parigina: la passeggiata al Bois de Boulogne, i campi di corse, ecc. A Parigi come a Londra (di questa città lasciò vedute di finissima intonazione coloristica) ebbe grande successo. Le sue qualità pittoriche emergono soprattutto nelle opere in cui è meno forte il carattere mondano: vie, piazze, lungofiumi di Parigi e Londra. Postumo fu pubblicato un volume di Notes et souvenirs du peintre Joseph de Nittis, 1895 (trad. it. Taccuino 1870-1884, 1964).

Fonte

http://www.treccani.it/enciclopedia/giuseppe-de-nittis/