03 Set

0 Comments

Via Fontana, la memoria ritrovata

by

Di

Giovanni Ruotolo

Guardando la nostra città, oggi, non ci assale la benché minima idea delle traversie, alcune immani, che pur l’hanno attraversata. Come una spessa coltre di polvere il tempo ha annichilito tutto, finanche le cose belle. È strano, si ha a volte l’impressione che tutto ciò che è trascorso, tutto ciò che un tempo era vivo e palpitante sia oramai sperso in un universo indefinito e mostruoso. Noi stessi e quel che siamo stati un tempo sembriamo evaporati, ridotti in un pulviscolo che non è più tracciabile.

icona fontana2

Giovanni Ruotolo – Via Fontana, la memoria ritrovata – vesuvioweb 2017.pub

Le foto sono di Pasquale D’Orsi

03 Set

0 Comments

La rivolta di Spartaco: 73 d.C.

by

La rivolta di Spartaco: 73 d.C.

La grande avventura del gladiatore ribelle Spartaco e del suo esercito di schiavi. Una cronaca basata sulle fonti antiche, che inizia nelle cucine della scuola dei gladiatori di Capua, dove settanta uomini, armati di spiedi e mannaie da macellaio, riescono a farsi largo verso la libertà. Il viaggio prosegue sul Vesuvio, dove Spartaco ottiene le prime vittorie, attraversa tutta l’Italia e finisce sulla via Appia, con la crocifissione di 6.000 ribelli. Il racconto è affidato a Cristoforo Gorno, cronista e conduttore che come un inviato nel mondo antico, guida il telespettatore ora dopo ora nei luoghi dell’azione, descrivendo anche il contesto in cui quell’avvenimento si è determinato. Il percorso è arricchito da un esame accurato delle fonti letterarie e iconografiche, scandito da dichiarazioni, frasi famose e virgolettati dei protagonisti, ed estratti dai resoconti dei contemporanei. Arricchiscono le mappe per permettere di ripercorrere, oggi, gli stessi passi compiuti dai protagonisti dei diversi avvenimenti.

http://www.raistoria.rai.it/articoli-programma/cronache-dallantichit%C3%A0-io-sono-spartaco/31000/default.aspx

03 Set

2 Comments

… càvere ca’…

by

Di

Aniello Langella

Avevo sentito spesso quella voce, vi dicevo, ma quel giorno il pizzaiolo della villa comunale dove mi ero recato per mano al nonno, sembrava diverso dagli altri. Quello non era un pizzaiolo ambulante, ma un professionista vero, con una voce da tenore e con uno sguardo da furbo sotto le folte sopracciglia che accentuavano ancor di più quegli occhi ingrottati e lucenti. Un volto nero affummato,  magro come n’alice salata, aveva nella cintura dei pantaloni, da un lato una tovaglia che in origine doveva essere bianca e dall’altro lato un mazzetto di carte nel quale porgere come in un piatto il suo profumato prodotto della sua bottega ambulante.

cavere icona1

 Aniello Langella – Cavere ca’ – vesuvioweb 2016.pub

03 Set

1 Comment

La Terra di Lavoro 1642

by

Di

Antonio Bulifon

Carte de’ Regni di Napoli, e di Sicilia, Loro Provincie, ed Isole adjacenti fatte esattamente incidere da Antonio Bolifoni nel 1692, ed ora dal Dottor Luigi Bolifoni Suo Nipote, con piccole Mutazioni fatte ristampare e Dedicatte alla Sacra Maesta di Carlo Redi Napoli, Infante di Spagna. Autore Bolifoni, Antonio Bolifon. 1734.

Da BIBLIOTECA DIGITAL HISPÁNICA

icona terra di lavoro

La Terra di Lavoro – Di Antonio Bulifon – vesuvioweb 2016 – Da BNE

04 Lug

0 Comments

L’ Arazio a lo Mandracchio di Nicola Valletta

by

Di

Vincenzo Pepe

In un piccolo scritto da me dedicato su questa rivista qualche anno fa alla traduzione napoletana delle Odi di Orazio di Gabriele Quattromani1, prendevo l’abbrivo da un brano dell’Ars Poetica del Venosino, nella versione in vernacolo di un altro singolare orazianista partenopeo, Nicola Valletta. Di quest’opera ero venuto a conoscenza attraverso una tesi di laurea, e, convinto che essa esistesse solo in manoscritto, non mi ero mai preoccupato di appurare se fosse stata pubblicata. Il che era avvenuto, invece, e parecchi anni prima (2000), a cura del compianto prof. Aniello Gentile, con il patrocinio della Società di Storia Patria di Terra di Lavoro e del Centro Studi “Valle di Suessola”. Questo volume mi è davanti ora sulla mia scrivania, e assieme alla possibilità di rimediare alla mia mancanza di allora, mi fornisce anche il pretesto per ritornare più diffusamente sul suo contenuto, a cominciare dall’autore.

Vincenzo Pepe – L’ Arazio a lo Mandracchio – vesuvioweb 2017

 

 

04 Lug

1 Comment

12 – La Metafonia

by

Di

Salvatore Argenziano

La grafia e la grammatica napoletana

La Metafonia, o Metafonesi, è quel fenomeno linguistico per cui la vocale tonica subisce una modificazione, per effetto della vocale della sillaba finale della parola: a piccirélla > ’o piccirillo; ’o guaglióne > ’e guagliuni. Una funzione grammaticale, quindi, affermatasi con la pronuncia sempre più evanescente della vocale finale, quella desinenza che consentiva la distinzione del maschile dal femminile, del plurale dal singolare e della prima persona della coniugazione dalla seconda.

Salvatore Argenziano – Metafonia – Grafia e grammatica napoletana – vesuvioweb 2017

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Grafia e Grammatica Napoletana

04 Lug

0 Comments

Cronaca religiosa dall’eruzione del Vesuvio del 1794

by

Di

Aniello Langella

Erano illuminate dal fuoco della lava le terre dei Tironi, quando la città si vide accerchiata dal fuoco. Lo stesso giorno, il 18 giugno del 1794 bruciavano i vigneti della parte alta della città di Torre del Greco. E nella notte la lava alta quasi 4 metri su un fronte minaccioso lungo quasi 600 metri, iniziò a scendere verso il mare. Da lì a poco avrebbe invaso il cuore urbano della città, distruggendo tutto. Invase durante la notte il grande slargo di Capotorre, si allargò verso est andando a distruggere i palazzi e le chiese del centro, tra cui Santa Croce.

icona-materdei1

Proseguì durante la notte e nelle prime ore dell’alba per la Strada Comizi per poi guadagnare il mare. Un inferno di fuoco bruciava sulle case di Torre. Impattò, quella sproporzionata massa di lava, ciò che di più caro c’era allora nell’animo dei toresi: il cuore religioso della città. Crollarono Santa Croce, la chiesa dell’Assunta, Santa Maria delle Grazie, Santa Maria del Principio e San Michele Arcangelo. Sepolte per sempre sotto quel masso lavico fluido che nei giorni successivi e fino al 24 giugno, continuò a mutare per effetto del raffreddamento aereo e del contatto con il mare.

icona-download—————————————————————————————————————————————————–

aniello-langella-cronache-religiose-dalleruzione-del-vesuvio-del-1794-vesuvioweb-2017-pub

 

TEMI E ARGOMENTI CORRELATI

Il monastero di Massalubrense e Suor Serafina di Dio

Aniello Langella – Suor Serafina di Dio

Aniello Langella e Osvaldo De Mase – Il Complesso Monumentale del Santissimo Salvatore di Capri

04 Lug

1 Comment

Il campanile di San Gregorio Armeno a Napoli

by

Di

Marcello Erardi

icona campanile1

https://www.facebook.com/Marcello.foto1973/photos/a.1069110389871470.1073743159.505311336251381/1069110453204797/?type=3&theater

… Il campanile a cavallo della via S. Gregorio Armeno, antica testimonianza del collegamento realizzato, dopo l’unificazione del 1009, tra il monastero di San Pantaleone, a sinistra della strada, e quello di San Gregorio, sul lato destro … ASNa, Monasteri soppressi, 3444. Nel 1589 si costruisce il corpo di fabbrica tra il campanile e la chiesa: «Misura della fabrica fatta per m.o gioe quaranta, et m.o gio paulo delando
in lo ven.le mon.rio de s.to Ligoro maggiore de Nap. dopoi l’ultima misura delle 14 de settembre 1589 misurato per me Pompeo Basso Tabulario nap.no con intervento del m.co Alfonso Seviglia, et de d.ti m.ri V3. Lo muro del corritore alle celle de sopra al braccio fatto dal campanaro all’ecclesia longo pal. 137 [m. 36,17] … In nap. a di 22 de Xbre 1589 …»… La ulteriore fornitura di 150 carri di legno proveniente dalla Silva Mala, odierna Boscotrecase, avvenuta il 17 giugno 1318, potrebbe riferirsi alla costruzione del tetto in questa nuova parte della chiesa. Per lungo tempo, poi, non vi furono interventi edilizi di portata tale da incidere sulla conformazione urbanistica dell’area; solo tra il 1487 e il 1507 fu innalzato il nuovo campanile in sostituzione del vecchio elevato al tempo di Carlo II d’Angiò e posto a breve distanza della facciata Trecentesca; con l’occasione furono sistemati al contorno alcuni spazi a servizio della città, come il grande locale armeria.

___________________________________________

Bibliografia
San Gregorio Armeno. Storia, architettura, arte e tradizioni a cura di Nicola Spinosa, Aldo Pinto e Adriana Valerio fotografie di Luciano Pedicini

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, I monumenti, Storia