10 Mar

2 Comments

06 – Regola Cinco: Piatte de Caccia – Regola Seje: Piatte de Pesce

by

Ippolito Cavalcanti

Regola Cinco – Piatte de Caccia Regola Seje – Piatte de Pesce

Di

Salvatore Argenziano

Pesce volluto.
Volendo fa o no pesce gruosso volluto, o no piezzo de no gruosso pesce, doppo  che l’aje buono pulezzato, e lavato, l’arravuoglie dinto a no sarvietto1, e lo cuse, po lo miette dinto a na caudara co acqua e acito, frunne de lauro, no poco de rosa marina, doje portoalle2 fellate e duje limoni, na bona pezzecata de sale, e accossì lo farraje cocere; quanno te pare, che s’è cuotto lo lieve da coppa a lo fuoco e lo faje quas’a raffreddà, accioc lo puo levà da dinto a la caudara, e non se sbraca; po ne lieve chiano chianillo chillo sarvietto, e l’accuonce dinto a lo piatto.

icona recola cinche e seje

06 – Ippolito Cavalcanti – Regola Cinco – Piatte de Caccia – Regola Seje – Piatte de Pesce – Di Salvatore Argenziano – vesuvioweb 2017

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Ippolito Cavalcanti

10 Mar

1 Comment

Il Palazzo dello spagnolo

by

Di

Marcello Erardi

Ricerca bibliografica di Aniello Langella

Il palazzo del Marchese Serra nella strada di Pizzofalcone edificato con architettura del cavalier Sanfelice non fu terminato per la morte di esso Marchese. Si vedono in esso due cortili, de’quali uno di forma ottangona ha ne quattro lati minori l’ingresso ad altrettante scalette. La scala principale che mena al primo piano, sebbene nascosta, difetto da evitarsi sempre da buoni architetti, è maestosa quanto uò desiderarsi. Nell’altro cortile vi sono grandi scuderie, e rimesse. architettura della facciata si manifesta dalle fogge borrominesche de’ primi anni del XVIII secolo.1

Palazzo Cassano. Col disegno di Ferdinando Sanfelice è stato rimodernato questo palazzo della famiglia Serra duca di Cassano. E’ vasto a ben disposto con maestosa facciata nella strada del Monte di Dio a Piazofalcone. La nobile gradinata si stima la migliore di Napoli. Il suo padrone tra le altre rarità vi ha raccolta a grandi spese una famosa biblioteca di quattrocentisti e di altri libri scelti, di cui abbiamo parlato e molti quadri stimabili, tra’ quali un Adamo ed Eva ed un busto di S. Pietro di Guido Reni, Davide ed Abigaille di Salvator Rosa, il figliuol prodigo credulo dello Schidoni, una crocifissione del Tintoretto, una Madonna di Alberto Duro, e varj altri dello Spagnoletto.2

  1. Da Napoli antica e moderna. Di Domenico Romanelli. Napoli 1815, pagina 101
  2. Da I palazzi di Napoli. Di Luigi Catalani. Napoli 1841, pagina 42

ICONA SPAGNOLO2

https://www.facebook.com/Marcello.foto1973/photos/a.529526080496573.1073742095.505311336251381/529526697163178/?type=3&theater

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Arte e artisti a Napoli, I monumenti, Storia

10 Mar

7 Comments

Nonnaria, Nonaria, Attone, sono un borgo medioevale sepolto dalle lave del Vesuvio

by

Di

Aniello Langella

Tutta la ricerca che ruota attorno al toponimo di partenza, Nonnaria o anche Nonaria che si trasforma con il tempo in Novelle, ha dell’incredibile o per lo meno genera un fascino e in interesse irresistibile (almeno per me), in quanto la storia di questi luoghi ci mostrerebbe una novella Ercolano, sepolta chissà quando dalle eruzioni del Vesuvio e che dormirebbe ancora sepolta al di sotto dei manti lavici, delle pomici e dei grandi flussi di fango resi pietra dal trascorrere dei secoli. Resta il dubbio se si trattasse di un vero e proprio agglomerato urbano oppure, com’è più ragionevole ritenere, si sia trattato di un borgo o se non un insieme di casolari rurali e di appezzamenti agricoli. Masserie dedite alla vinificazione, alla raccolta delle olive, poderi improntati sulla pastorizia e la coltivazione di ortaggi. Un documento del secolo XI ci apre a considerazioni e argomentazioni più chiarificanti. Nel 1012 la località Attone e Nonnaria (come ben si legge in “Da Resina ad Ercolano” di Mario Carotenuto), vien menzionata in un registro dove un tal Gregorio, presbitero della chiesa di San Giovanni in Corte a Napoli, possedesse un coniolum “…in loco qui vocatur Nonnaria, quod est foris flubeum situm ad S. Stephanum qui vocatur ad Actone…”.

icona nonnaria

 Aniello Langella – Nonnaria, Nonaria, Attone, un borgo medioevale sepolto dalle lave del Vesuvio – vesuvioweb 2016.pub

10 Mar

8 Comments

Capri e Ischia 1909

by

Da

John L Stoddard’s lecture 1909

1 Capri - John L Stoddard's lectures 1909 - vesuvioweb

L’isola di Capri vista da nord

2 Capri l'arco naturale - John L Stoddard's lectures 1909 - vesuvioweb

Capri l’arco naturale visto da ovest

3 Capri barche nel porto - John L Stoddard's lectures 1909 - vesuvioweb

E’ giunto un battello a vapore alla Marina Grande di Capri e accorrono le piccole imbarcazioni per il trasbordo a terra e pronti per il giro dell’isola

4 Capri la grotta azzurra - John L Stoddard's lectures 1909 - vesuvioweb

Capri. La grotta Azzurra

5 Capri il molo di marina grande - John L Stoddard's lectures 1909 - vesuvioweb 2016

Capri al Molo di Marina Grande

6 Capri la villa ed il Salto di Tiberio - John L Stoddard's lectures 1909 - vesuvioweb 2016

7 Capri la villa di Tiberio - John L Stoddard's lectures 1909 - vesuvioweb 2016

8 Capri Hotel Tiberiio e Santissimo Salvatore - John L Stoddard's lectures 1909 - vesuvioweb 2016

9 Capri Marina Piccola scoglio delle Sirene e Faraglioni - John L Stoddard's lectures 1909 - vesuvioweb 2016

10 Capri a Tragara con Certosa di San Giacomo e Monte Solaro - John L Stoddard's lectures 1909 - vesuvioweb 2016

11 Capri da Massalubrense - John L Stoddard's lectures 1909 - vesuvioweb 2016

12 Capri i Faraglioni - John L Stoddard's lectures 1909 - vesuvioweb 2016

13 Ischia Monte Epomeo - John L Stoddard's lectures 1909 - vesuvioweb 2016

14 Ischia terremoto di Casamicciolaa - John L Stoddard's lectures 1909 - vesuvioweb 2016

15 Ischia terremoto di Casamicciolaa - John L Stoddard's lectures 1909 - vesuvioweb 2016

16 Ischia terremoto di Casamicciolaa - John L Stoddard's lectures 1909 - vesuvioweb 2016

17 Ischia terremoto Piccola Sentinella - John L Stoddard's lectures 1909 - vesuvioweb 2016

18 Ischia Casamicciola dopo il terrremoto - John L Stoddard's lectures 1909 - vesuvioweb 2016

19 Ischia il Castello Aragonese - John L Stoddard's lectures 1909 - vesuvioweb 2016

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, I reportage fotografici, Storia e cultura

24 Feb

15 Comments

I miei antenati pescatori di corallo

by

Di

Guy Attanasio

Certamente per tutti questi motivi, ma forse e soprattutto per il seguente.
Andavano a pescare il corallo da tempo a La Calle e decisero di trasferirsi (da «Storia naturale del corallo»). L’emigrazione italiana da 1830 a 1914, Claudio Linares e Daniela Lima-Boutin. Soggiorno temporaneo a Bona (Algeria), dove Antonio si
sposa. Antonio si sposa nel 1872 una ragazza d’Ischia, Carmela. Questa ha lasciato anche l’isola con sua madre. Il padre, proprietario, è rimasto laggiù. Antonio é «marinaio coralliere». La famiglia abita in «via Arsenale». ANOM, Stato civile, Archivio d’Oltremare.

icona 1

Guido Attanasio – I miei antenati pescatori di corallo – vesuvioweb 2017.pub

24 Feb

2 Comments

10 – I pronomi

by

Di

Salvatore Argenziano

Pronomi Personali
I pronomi personali in funzione di soggetto sono: – Io – (oppure – I’ -) Tu – Isso/Essa. Nui/Nuie – Vui/Vuie – Loro/Esse. Le forme nui e vui sono quelle etimologiche che si ritrovano nella legazione fonetica. Le fome nuie e vuie, con l’enclitica -e- si adottano per motivi di fonetica, in assenza di legazione, rendendo bisillabo, – nù-ie -, il monosillabo.
I’ me ne vaco quanno voglio io. Tu vavatténne quanno isso t’ ’o ddice.
Essa pò rummané. Nui simmo venuti appriésso a vvuie. E vvui nu’ vvenite appriésso a
nnuie. Lloro dòrmono ggià.
***Basile. nui volimmo dire a sta casa covernamette; ***Basile. vui sulo potite comme
ova fresche farele na stoppata.

icona pronomi

10 – I Pronomi – Di Salvatore Argenziano – vesuvioweb 2017

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Grammatica Elementare Napoletana

24 Feb

1 Comment

Gaetano

by

Di

Francesco Raimondo

Quella morte di Gaetano non ebbe alcuna importanza né per i vinti né per i vincitori. Infatti non ebbero giustizia né dai mericani né dai vigili né dai carabinieri. Nessuna “pratica “ fu approntata, nessun fascicolo aperto. Si seppe alcuni mesi dopo
che l’autiere, autore della sciagurata manovra, aveva perso la vita combattendo sul fronte di Cassino. Ma la pensione, i suoi magari in America, la ebbero. Qui da noi alla madre ed ai parenti restò solo il dolore che accompagnò come un’altra pelle tutto
quanto il tempo che rimase alla madre ed agli altri familiari, “torresi” di nome e di fatto.

icona gaetano1

Francesco Raimondo – Gaetano – vesuvioweb 2017

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Francesco Raimondo

24 Feb

3 Comments

Vesuvius 1944

by

VESUVIUS 1944

Un filmato  dell’epocaa documenta alcune delle fasi eruttive del Vesuvio nel 1944. Il contesto storico è tra i più tristi che questa terra abbia mai subito. Una guerra lunga e sanguinosa; uno stato frustrazione nella popolazione, un’ indigenza mai vista prima. L’eruzione aveva dato i primi segni già intorno alla metà del 1943 e tutto per la polopazione, sembrava rientrare in un comune ciclo di “vita” del vulcano. Il 6 gennaio del 1944 il Vesuvio eruttò, da una larga spaccatura del fianco occidentale. Un lungo e poderoso fiume di lava si riversò sui paesi perivesuviani ed una enorme nube di ceneri, sabbia e lapilli ricoprì il cielo. A documentare quei tristissimi momenti, la macchina cinematografica delle forze armate americane.

 

vesuvius 1944 -2-

vesuvius 1944 -3-

vesuvius 1944 -4-

vesuvius 1944 -5-

vesuvius 1944 -6-

vesuvius 1944 -7-

vesuvius 1944 -8-

vesuvius 1944 -9-

vesuvius 1944 -10-

vesuvius 1944 -11-

vesuvius 1944 -12-

vesuvius 1944 -13-

https://archive.org/details/72052fVesuviusErupts#

 

This Castle Films newsreel vividly shows the last major eruption of Mount Vesuvius in March 1944, right in the middle of the Allied invasion of Italy. The eruption destroyed the villages of San Sebastiano al Vesuvio, Massa di Somma, Ottaviano, and part of San Giorgio a Cremano.  From March 18 to 23, 1944, lava flows appeared within the rim. There were outflows. Small explosions then occurred until the major explosion took place on March 18, 1944.
At the time of the eruption, the United States Army Air Forces (USAAF) 340th Bombardment Group was based at Pompeii Airfield near Terzigno, Italy, just a few kilometers from the eastern base of the mountain. The tephra and hot ash damaged the fabric control surfaces, the engines, the Plexiglas windshields and the gun turrets of the 340th’s B-25 Mitchell medium bombers. Estimates ranged from 78 to 88 aircraft destroyed.
The eruption could be seen from Naples, roughly 10 miles distant. Different perspectives and the damage caused to the local villages were recorded by USAAF photographers and other personnel based nearer to the volcano.
Mount Vesuvius (Italian: Monte Vesuvio, Latin: Mons Vesuvius) is a stratovolcano in the Gulf of Naples, Italy, about 9 km (5.6 mi) east of Naples and a short distance from the shore. It is one of several volcanoes which form the Campanian volcanic arc. Vesuvius consists of a large cone partially encircled by the steep rim of a summit caldera caused by the collapse of an earlier and originally much higher structure.
Mount Vesuvius is best known for its eruption in AD 79 that led to the burying and destruction of the Roman cities of Pompeii and Herculaneum. That eruption ejected a cloud of stones, ash and fumes to a height of 33 km (20.5 mi), spewing molten rock and pulverized pumice at the rate of 1.5 million tons per second, ultimately releasing a hundred thousand times the thermal energy released by the Hiroshima bombing. An estimated 16,000 people died due to hydrothermal pyroclastic flows. The only surviving eyewitness account of the event consists of two letters by Pliny the Younger to the historian Tacitus.
Vesuvius has erupted many times since and is the only volcano on the European mainland to have erupted within the last hundred years. Today, it is regarded as one of the most dangerous volcanoes in the world because of the population of 3,000,000 people living nearby and its tendency towards explosive (Plinian) eruptions. It is the most densely populated volcanic region in the world.
This film is part of the Periscope Film LLC archive, one of the largest historic military, transportation, and aviation stock footage collections in the USA. Entirely film backed, this material is available for licensing in 24p HD and 2k. For more information visit http://www.PeriscopeFilm.com
____________________________________
Fonte e bibliografia

24 Feb

3 Comments

A.D. 840, Sergio I Duca di Napoli – Parte seconda

by

Di

Aniello Langella

Il “patto” tra San Gennaro e il Duca Sergio I. Napoli è in rivolta per questo “accordo” unilaterale; ai napoletani si rivoltano le budella. La storia di ipocrisie continua e Sergio I ne è degno rappresentante.

icona sergio1

Aniello Langella – Sergio I Duca di Napoli – seconda parte – vesuvioweb 2016.pub

Al lettore consiglio di leggere la prima parte del testo dedicata a Sergio I Duca di Napoli