Aniello Langella – Il Satiro Versante di Torre del Greco Ispirato ad un modello bronzeo di Prassitele

Inserito da: · gennaio 10, 2012

Il Satiro Versante di Torre del Greco. La Contrada Sora a Torre del Greco, nel 1797 restituì durante gli scavi borbonici una delle più opere scultoree in marmo che questa terra abbia mai conosciuto. Un vero capolavoro dell’arte scultorea. Di questo parleremo in questa ricerca. Attraverseremo qualche secolo di storia e ci incontreremo nella lettura di alcuni aspetti dell’archeologia e della storia del litorale vesuviano che restano per certi versi ancora inesplorati. Sull’argomento si sono impegnate grandi e importanti firme dell’archeologia e della storia dell’arte anche in campo mondiale e il motivo è presto detto: l’opera della quale parliamo è in marmo ma è la copia romana da un originale, probabilmente in bronzo che reca la firma di uno dei più grandi scultori che l’arte greca ci abbia mai fatto conosce: Prassitele. Nota agli addetti ai lavori, infatti, come “Il Satiro versante di Prassitele” ha occupato non poche pagine della storia dell’arte.

 

 

 

Aniello Langella – Il Satiro Versante di Torre del Greco Ispirato ad un modello bronzeo di Prassitele – vesuvioweb

Aniello Langella – Il Satiro Versante di Torre del Greco Ispirato ad un modello bronzeo di Prassitele – vesuvioweb

 

L’opera è un vero capolavoro, a detta degli esperti e resta un unicum in senso assoluto, in quanto, come dicevamo, copia di un probabile modello in bronzo andato disperso. Ma questa di Contrada Sora è una copia speciale, in quanto tra le tante in giro per l’Europa, forse è la meglio che descrive il senso artistico del genio che la ideò e la plasmò e non a caso essa viene descritta più propriamente come “il Satiro Versante di Torre del Greco”. Fa parlare ancora di se, anche perché una copia romana del I secolo a.C. tra le meglio conservate in giro per il mondo. Di questa statua se ne conoscono alcune copie, infatti. Una al Museo Albertinum di Dresda, una a Castel Gandolfo, un’altra a Parigi, una infine al Museo delle Terme di Roma. Secondo alcuni studiosi copie in marmo di questo modello assai caro all’autore greco vissuto ad Atene tra il V e il VI secolo a.C. ne sarebbero state riprodotte a Roma in numero superiore ai 300 esemplari.

info@vesuvioweb.com


 

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Archeologia

Aggiungi un commento