Anno 79 d.C., la morte di Plinio, la morte e la devastazione – Di Ciro Di Cristo (testo postumo)

Inserito da: · marzo 19, 2015

Anno 79 d.C., la morte di Plinio, la morte e la devastazione

Di Ciro Di Cristo

INEDITO postumo

… Su tutto il litorale, da Baia a Sorrento, in rispondenza alle nuove esigenze, s’aggiunsero così in gran numero, entro e fuori la cerchia muraria delle città, ville signorili, palazzi, terme, villaggi e borgate. Ebbero per sé ville Crasso, Cesare, Pompeo, Varrone, Ortensio, gli Imperatori Claudio, Nerone, Adriano nella mondana Baia, Cicerone a Lucrino, Mario a Miseno, Lucullo sull’isolotto di Megaride a Napoli, Vedio Pollione a Posillipo, Bruto a Nisida ove ordì la congiura contro Cesare, Augusto e Tiberio a Capri, il poeta Cesio Basso nella zona vesuviana, il senatore Seiano a Vico Equense, Pollio Felice a Sorrento; ebbe ancora l’imperiale famiglia Giulio-Claudia nel territorio ercolanese una “villa bellissima” posta presso il mare che, come c’informa Seneca (De ira,III , 21 ), Caligola fece distruggere perché ivi era stata relegata da Tiberio sua madre Agrippina…

a icona 79 a

Anno 79 dopo Cristo – La morte di Plinio e la devastazione – Di Ciro Di Cristo – vesuvioweb 2013

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, L’eruzione del Vesuvio del 79 d.C.

Discussione4 Comments

  1. grazie per questo bell’articolo. ammiro sempre la qualità delle pubblicazioni di Vesuvio web.

  2. Marie ha detto:

    …………….grazie per codesto pezzo di storia……………come sempre *allagrande!!!!!

  3. Ruotolo Giovanni ha detto:

    Nel leggere queste pagine di Ciro di Cristo sovviene l’orrore, l’angoscia per un futuro che potrebbe anche non esserci. Noi tutti, ed intendo coloro che abitano la fascia vesuviana, inconsapevolmente, siamo portati a rimuovere finanche l’idea della tragedia nella quale potremmo incappare. E quindi non ne parliamo, anzi facciamo finta che esso, il Vesuvio, quasi non esista.
    Ma vengono notti in cui il pensiero di questo gigante spaventoso si fa tangibile, ossessivo al punto da renderci insonne. E si immagina l’inimmaginabile. Si avverte quasi un odore acre,ed anche, nel dormiveglia, si intravedono fiumi di fuochi nell’atto di travolgerci. Tale paura ancestrale e’ impressa nel nostro sangue, ed alche il carattere di noi tutti e’ influenzato da questo terribile moloch. E cosi’ risultiamo essere mutevoli,ed un senso di precarieta’ ci avvolge fino a farci star male. Alla fine ogni cosa che facciamo sappiamo, in cuor nostro, che potrebbe avere, in un certo tempo, un fine straziane. E cosi’, pur di vivere on ne parliamo e facciamo finta di niente…..

    • Gelsomina ha detto:

      La mia famiglia vive a Torre del greco e si rifiutano tutti di pensare che un giorno il gigante si possa risvegliare. Non si fanno proggetti a lungo termine ma si può dire che nel sub coscente vivono alla giornata,anzi soffrono se il gigante soffre perchè l’amore è piu forte della paura.

Aggiungi un commento