A.D. 610, Giovanni I denominato il Consino VI Duca di Napoli

Inserito da: · gennaio 27, 2018

A.D. 610, Giovanni I denominato il Consino VI Duca di Napoli

Di

Aniello Langella

…Napoli intorno al VII secolo era una città metropolita. L’incrocio perfetto di rotte di mercanti aperto su tutto il Mediterraneo; porto sicuro per affari leciti e non; terra di conquista, in quanto terra di ricchezze. Allo stesso tempo colta per il suo passato glorioso forgiato all’ombra del mondo romano e greco, la Neapolis di quei tempi era anche la città delle opportunità, ossia il luogo ideale dove poter consolidare il proprio potere con efficacia, se supportato e condiviso dalle nuove potenze egemoniche dell’epoca. In questo contesto di opportunità alla portata di mano di potenti e a volte spregiudicati uomini d’armi a Napoli, intorno al 610 (ma non sappiamo con precisione l’anno) si insediò Giovanni Consino, conosciuto anche come Giovanni di Compsa o Giovanni di Conza. Conza fu la sua città natale…

icona duca di conza2

Aniello Langella – Giovanni I, IV Duca di Napoli detto il Consino – vesuvioweb 2016.pub

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Personaggi a Napoli, Storia

Discussione5 Comments

  1. mari ha detto:

    Sedizioni in Italia (615-616)

    Papa Adeodato: nel 616 accolse con reverenza l’esarca Eleuterio, che aveva deciso di sostare nella Città Eterna.
    Nulla si sa della sua vita prima di giungere in Italia, se non che era un eunuco di corte che deteneva la carica influente di cubicularius, ovvero addetto alla camera imperiale. Comunque, doveva godere della stima dell’Imperatore Eraclio I dato che quest’ultimo gli affidò il governo dell’Italia bizantina nominandolo esarca in un periodo di grande instabilità per i territori bizantini d’Italia: Ravenna era in fermento e una rivolta aveva ucciso l’esarca Giovanni I Lemigio e i “giudici della Repubblica”, mentre Napoli era stata sottratta al controllo esarcale da un certo Giovanni di Compsa. Queste sedizioni, come sembra suggerire una frase del Liber Pontificalis (si veda sotto), sembrano essere state di natura militare, dovute a un mancato pagamento delle truppe, che quindi si sarebbero rivoltate.[1]

    Primo compito di Eleuterio fu appunto quello di reprimere le rivolte a Ravenna e Napoli. Giunto a Ravenna evidentemente con truppe sufficienti allo scopo prefissatosi, Eleuterio represse con durezza la rivolta, punendo severamente tutti coloro che erano stati coinvolti nell’assassinio dell’esarca e dei “giudici della Repubblica”, giustiziandoli.[2][3] Riportato l’ordine a Ravenna, Eleuterio si mosse con il suo esercito in direzione di Napoli, effettuando una sosta a Roma, dove fu accolto con reverenza dal Papa Adeodato I.[4] Dopo la sosta nella Città Eterna, riprese il cammino verso la città partenopea, rivoltatasi all’Impero sotto la guida di Giovanni di Compsa, e, dopo un breve assedio, la espugnò, ponendo fine alla rivolta; il ribelle fu giustiziato, insieme ai suoi seguaci, per ordine di Eleuterio.[5] Ritornato a Ravenna, pagò ai soldati la roga, ovvero il soldo arretrato, e, secondo il biografo di Papa Adeodato, ciò determinò il ritorno della pace in Italia, segno che le rivolte erano dovute a un ritardo nelle paghe.[6]……………WikiEleuterio(esarca)

  2. mari ha detto:

    Papa Adeodato: nel 616 accolse con reverenza l’esarca Eleuterio, che aveva deciso di sostare nella Città Eterna.

  3. mari ha detto:

    (LA)
    « Eleutherius adversus Langobardos saepe inito bello vincitur per Sundrarium maxime Longobardorum ducem, qui apud Agilulfum bellicis rebus instructus erat. Animum amiserat Eleutherius et cum saepe suorum ruinam cerneret, pacem cum Longobardis fecit, ca tamen condicione, ut quinque centenaria, quae dudum, cum ad obsidendam Romam Agilulfus rex venisset, per singulos annos dare longobardis statuerant, persolverent Romani. »

    (IT)
    « Eleuterio, iniziata una guerra con i Longobardi, venne battuto ripetutamente da Sundrarit, generale supremo dei Longobardi, che si era formato alla scuola di Agilulfo. Persosi d’animo di fronte alle frequenti sconfitte dei suoi, stipulò la pace con i Longobardi, però a condizione che i Romani versassero il tributo annuale di cinque centenaria, già stabilito quando re Agilulfo aveva assediato Roma »

  4. mari ha detto:

    Papa Bonifacio V: Eleuterio aveva l’intenzione di dirigersi a Roma per farsi incoronare da lui “Imperatore d’Occidente”.

  5. Silvio Falato ha detto:

    Un fascio prezioso di luce viene proiettato su un periodo tanto buio e su una terra tanto martoriata da regimi fondati sulla violenza e sulla sopraffazione. Complimenti e grazie.

Aggiungi un commento