Lunedi in Albis

Inserito da: · marzo 27, 2015

Di

Giovanni Ruotolo

…  La Torre di allora, che attraversavamo alle prime luci dell’alba, era ancora una città che conservava intatta la sua bellezza. Nell’aria fresca di quella mattina primaverile era ancora possibile avvertire le sottili fragranze dei tanti odori provenienti dai giardini, di cui allora la città era ancora ricca. Così, si salivano le scale della “ciucciara”, scale oggi distrutte per permettere il passaggio delle auto, e si poteva ancora mirare il borghetto sulla destra dalla caratteristica architettura vesuviana. Oggi, questo è un cumulo di macerie, ed uno spiazzo, da dove esse sono state rimosse, si è improvvisato uno squallido parcheggio di auto …

icona albis2

Lunedì in Albis – Di Giovanni Ruotolo – vesuvioweb 2015

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Giovanni Ruotolo

Discussione8 Comments

  1. Serena Carme ha detto:

    Grazie per questa full immersion nel tuo passato di adolescente degli anni sessanta che è stato anche il nostro , per l’analogia di alcuni aspetti e situazioni. La cosa tenera e allo stesso tempo incisiva del tuo racconto , è la ricchezza dei particolari che riemergono dalla tua memoria, ma ancor più dalla tua anima. Molti di noi hanno avuto, per fortuna, una zia Titina, a me si chiamava Grazia,ed è innegabile quanto siano vive nel nostro cuore (la mia non c’è più). Non ci si muoveva per una gita se non c’erano gli schiaffoni al sugo, le cotolette e la parmigiana di zia Grazia. anche quando ci spostavamo in tanti (zii, cugini, nonni, ) per la Pasquetta. A proposito, ma davvero non ci sono più le scalinatelle della ciucciara che portavano a via A. Luise? Accipicchia, un altro ricordo si sbriciola all’avanzare del “progresso”(!!!). Cari saluti.

  2. Marie ha detto:

    E così,
    quando cadeva qualche goccia di acqua, nel tumulto della fuga, gli innamorati
    scomparivano, così d’incanto. Iniziava allora, quasi all’unisono, un coro di richiami:
    Teresaaa, Concettaaa, Rosaaa… Ma esse erano al sicuro, protette da arbusti complici,
    a perdersi nell’estasi di un abbraccio. Ricordo che anch’io, in quelle giornat…..eee
    ———–obbiamente……….quanti ricordi di tempoffaaa che danno gaudio alla vita giornaliera………………..caro amico complimenti ed cordiale saluto

  3. maugreek ha detto:

    Emerge una certa capacità di rievocare atmosfere,suoni,odori,sapori……..

  4. michele ha detto:

    Descrizione minuziosa di una giornata particolare. Mi sono immerso in questa lettura estraniandomi completamente dalla realtà, ripercorrendo tutte le tappe del racconto come se le stessi facendo adesso insieme ad una nutrita schiera di coetanei. Ricordo, una volta giunti sulle montagnelle, noi ragazzi facevamo a gara per poter dimostrare alle ragazze, la nostra bravura di arrampicatori sui pini per legare la fune dell’altalena. La sera, quando si faceva ritorno a casa insieme alle ragazze conosciute, ci si scambiava l’orario per l’appuntamento serale per completare la giornata.Chissà poi quanti amori sono nati, e quante illusioni sono svanite. Comunque erano giornate piene di vita e di entusiasmo.Che bei ricordi. Ringrazio il mio amico Giovanni Ruotolo per avermele ricordate.

  5. Michele turco ha detto:

    Descrizione minuziosa e particolareggiata. Mi sono immerso nella lettura rivivendo quei momenti indimenticabili. Una volta arrivati sulle montagnelle, facevamo a gara per arrampicarsi sui pini per legare le corde per l’altalena e dimostrare alle ragazze il nostro impavidismo. La sera, sulla strada del ritorno ci scambiavano l’orario per l’incontro serale. Quanti amori sono nati, e quante illusioni e sogni si sono infranti. Nonostante tutto, restano sempre bei ricordi nella loro semplice genuinita’. Purtropp, in questa societa’ globalizzata, si e’ persa la genuinita ‘ delle cose. Bravo Giovanni.

  6. aniello palomba ha detto:

    Mi viene da piangere…. e non solo per i ricordi che riaffiorano… ma…. lasciamo perdere altrimenti a spiegare ci vorrebbe un mese ed io non sono bravo come Giovanni Ruotolo. So dire solo poche parole : dalla commozione passo alla rabbia. L’amico Michele mi conosce.

  7. Côme ha detto:

    ECCEZIONALE

  8. giannirusso ha detto:

    il concetto del viaggio forzato iniziato dai 10 ai 14 anni assieme ai parenti genitori zie e cugini per recarci in contrada cappella bianchini nella pineta il lunedi in un profumo di casatielli,fave,salame pastiere e vino dove non c’erà età fra i grandi e i bambini momenti storici epici e gioiosi che non si ripetono più. Poi la grande scoperta delle montagnelle rosse dai 15 ai 18 anni assieme agli amici e i primi amori romantici che sbocciavano tra il terreno e lo strimbellio di chitarre al ritmo di Venus ….. .che mai dimenticherò :ba ba ba baba fiscale my babe fiscale our Venus bebe scale ….barambarabara barambarabara “oppure “Acquarius” rememeber torrese people this was a beautiful moment.. Rint’a scala o aret u puort u martedì successivo accussì furneva a pasquetta…..altri tempi

Rispondi a Marie

Cancella risposta