Categoria: Biblioteca virtuale

26 Apr

Vero disegno dell’incendio del mons Vesuvii 1631

by Vesuvioweb

Di Giovan Battista Passeri L’eruzione del Vesuvio del 1631 Dimensioni 19 x 34,5 cm Per uno studio del documento ad alta definizione si consulti il link http://gallica.bnf.fr/ark:/12148/btv1b53042830d.r=napoles.langEN

Questo articolo si trova in: Senza categoria

20 Mar

L’eruzione del Vesuvio di Giovanni Orlandi

by Vesuvioweb

Autore del documento è Giovanni Orlandi. Il titolo dell’immagine è “Vero disegno dell’incendio nella montagna di Soma altrimete detto mons Vesuvii distante da Napoli sei miglia a 16 di Decemb. nel 1631“. Il Vesuvio in eruzione nel 1631 con le sue colate di fango che invadono il territorio sottostante, giungendo al mare. La leggenda accanto […]

Questo articolo si trova in: Senza categoria

20 Mar

Vesuvio 1765

by Vesuvioweb

Antonio Alessanbdro Giuseppe Cardon incise numerose vedute di Napoli e dintorni nella metà del secolo XVIII. Al 1765 risalgono importanti opere che ritraggono Napoli in alcuni quartieri pittoreschi e storici: la Marinella con il Catello del Carmine, il porto del Mandracchio e la Dogana Grande. Al Cardon furono commissionate opere dal Conte di Cobenzl, da […]

Questo articolo si trova in: Senza categoria

18 Ott

Posilicheata di Pompeo Sarnelli

by Vesuvioweb

Pompeo Sarnelli (1649-1724)  LA POSILECHEATA  A LI VERTOLUSE LEJETURE È na pazzia marcia chella de ciert’uommene, che puro mostano d’avere jodizio, li quale se credeno de fare livre accossì agghiostate che nesciuno nce aggia a rapire vocca, e tutte, co na belledissima lleverenzia, l’aggiano a levare lo cappiello.  ‘NTRODUZZIONE DE LA POSILECHEATA E COMMITO D’AMMICE […]

Questo articolo si trova in: Senza categoria

29 Giu

Filippo Sgruttendio di Scafati

by Vesuvioweb

Filippo Sgruttendio di Scafati Nel 1646 il tipografo napoletano Camillo Cavallo pubblicava un canzoniere dialettale prevalentemente burlesco, nel cui frontespizio era scritto: “La tiorba a taccone de Felippo Sgruttendio de Scafato”. Chiaro il titolo, che, probabile parodia de La lira di G. B. Marino, deriva dallo strumento musicale popolaresco detto tiorba, e dal taccone, o […]

Questo articolo si trova in: Senza categoria

23 Giu

02 – Giovan Battista Basile – Le Muse

by Vesuvioweb

Le Muse, di Giovan Battista Basile Le Muse Napolitane L’autore stesso dà spiegazioni sul titolo di questa raccolta di egloghe (DE L’AUTORE ’NTUORNO A LI TITOLI DE L’EGROCHE): “… le Muse so’ figliole de la Mammoria: accossì, conservannose in cheste Egroche una bella :mammoria de l’antichetà de la lengua napolitana no le potea dare nomme […]

Questo articolo si trova in: Senza categoria

15 Giu

01 – Giovan Battista Basile – LO CUNTO DE LI CUNTI

by Vesuvioweb

Lo cunto de li cunti Antuono de Marigliano, ped essere l’arcifanfaro de li catammare cacciato da la mamma, se mese a li servizie de n’uerco, da lo quale volenno vedere la casa soia è regalato chiù vote, e sempre se fa corrivare da no tavernaro; all’utemo le da na mazza la quale castiga la ’gnoranza […]

Questo articolo si trova in: Senza categoria

31 Mag

03 – Giulio Cesare Cortese

by Vesuvioweb

Volume terzo ***  La Rosa Favola Posillichesca, o boschereccia, come i direbbe un toscanese. Mase ama Lella ed è amato da Rosa. Un intreccio amoroso che ci riporta ad una atmosfera elegante della Napoli del 1600. Susete ed iesce fore Da sso cafuorchio, o Mase; Priesto ca mo la notte se ne trase Cha gamme […]

Questo articolo si trova in: Senza categoria

24 Mag

02 – Giulio Cesare Cortese

by Vesuvioweb

Volume secondo *** La Vaiasseide La Vaiasseide è un poema in cinque canti, scritto in gloria delle vaiasse, le serve e le donne popolane di Napoli. La presente edizione comprende note chiarificatrici del testo alla fine di ogni canto Sono narrate le vicende delle ragazze napoletane per maritarsi e della vita loro coniugale. Il poema […]

Questo articolo si trova in: Senza categoria

17 Mag

01 – Giulio Cesare Cortese

by Vesuvioweb

Volume primo    —   Micco Passaro nnammorato Micco, innamorato della serva Grannizia, si arruola nelle truppe dirette negli Abruzzi per debellare i banditi che infestano la regione. Io canto chelle brave cortellate Le ffente, li revierze e li scenniente Li forte stramazzune e le mbroccate de lo sciore dell’uommene valiente E chill’ammure tanto nnommenate […]

Questo articolo si trova in: Senza categoria