Categoria: Carlo Iandolo – Pillole Linguistiche Napoletane

14 Gen

20 – Carlo Iandolo – Pillole Linguistiche Napoletane. Napoletano, lingua o dialetto?

by Vesuvioweb

È noto che molti, forniti di fervoroso e ostinato spirito municipalistico, classificano la parlata napoletana come una “lingua”, etichetta di fronte a cui esterniamo i nostri dubbi, pur consapevoli di suscitare forse un vespaio. a) Prima obiezione: perché siamo soliti definire “dialetto” (e non “lingua”) il romanesco, il milanese, il genovese, il veneziano ecc., e […]

14 Gen

19 – Carlo Iandolo – Pillole Linguistiche Napoletane. Víppeto

by Vesuvioweb

Ci soffermeremo su tre lemmi verbali di tipo participiale, due dei quali in apparenza eguali nella struttura terminale, ma che tuttavia presentano una caratterialità diversa nella ricostruzione di fondo. VÍPPETO (= bevuto) – Tale participio passato sdrucciolo da “vévere” (risalente al latino “bíbere”) si presta a una duplice ricostruzione morfo-etimologica. a) È probabile che il […]

14 Gen

18 – Carlo Iandolo – Pillole linguistiche napoletane – Purchiacca e Currivo

by Vesuvioweb

La glottologia affronta forme e significati di qualsiasi lemma, anche di quelli insoliti o scabrosi: appunto scopo dell’etimologia è non solo la ricerca della “verità autentica” in seno alla fono-morfo-semantica, ma anche l’iter attinente all’origine e alla storia delle parole. PURCHIACCA / PUCCHIACCA 18 Carlo Iandolo – Pillole linguistiche napoletane – Purchiacca e Currivo – […]

14 Gen

17 – Carlo Iandolo – Pillole linguistiche napoletane – Un’eguaglianza italiana e napoletana

by Vesuvioweb

È noto che sostantivi e aggettivi in uso linguistico nella nostra penisola, se provenienti dal “latino parlato”, sono discendenti del caso Accusativo ormai privato di “-m” finale,1 ipotesi piú convincente di quella che richiama l’Ablativo. 17 Carlo Iandolo – Pillole linguistiche napoletane – Un’eguaglianza italiana e napoletana – vesuvioweb

14 Gen

16 – Carlo Iandolo – Pillole linguistiche napoletane. Duplicità ortografica. Il neutro

by Vesuvioweb

Una particolarità fonetica d’ortoepia -che forse coinvolge la possibilità d’una diversa soluzione ortografica- riguarda l’uso di due preposizioni dialettali, corrispondenti a quelle italiane “con – per”, quest’ultima in forma piena anche in dialetto solo nell’espressione tipo “uno a pper one = uno per ciascuno”. 16 Carlo Iandolo – Pillole linguistiche napoletane – Duplicità ortografica – […]

14 Gen

15 – Carlo Iandolo. Pillole linguistiche napoletane. L’articolo plurale: LE – LI – ’I – ’E nel napoletano

by Vesuvioweb

Se gli articoli determinativi singolari non mostrano incertezze di ricostruzione e d’uso, problemi maggiori si addensano nell’area del plurale, perché non altrettanto lineari appaiono la nascita, i mutamenti di forma e la promiscuità del “genere”. 15 – Carlo Iandolo. Pillole linguistiche napoletane. L’articolo plurale LE – LI – ’I – ’E nel napoletano

13 Gen

14 – Carlo Iandolo – Pillole Linguistiche Napoletane – Giochi d’articoli

by Vesuvioweb

Come spesso càpita in italiano,1 anche nel dialetto napoletano soprattutto gli articoli determinativi singolari ’o, ’a, oltre all’unisex plurale ’e, procurano bizzarri fenomeni. 1) Innanzitutto, quando precedono un sostantivo che ha avvio con la consonante “g-”, ne causano la caduta, a cui spesso sopperisce l’integrazione dei suoni di transizione “v-” oppure “j-”. 14 – Carlo […]

13 Gen

13 – Carlo Iandolo – Pillole Linguistiche Napoletane – Le semiconsonanti

by Vesuvioweb

Le semiconsonanti in apparenza sono normali vocali atone: si tratta della palatale “i” e della velare “u”, che in scientifica trascrizione fonetica sono segnate come /j/ ed /w/. Esse, che sono seguite da un’altra vocale effettiva (a-e-o) e dànno vita a dittonghi ascendenti, hanno una durata piú breve delle vere vocali “i – u”, con […]

13 Gen

12 – Carlo Iandolo – Pillole Linguistiche Napoletane

by Vesuvioweb

’O shcriv’r a ccussi’ cómm s parl a Nnapul. C’è chi -privo delle piú comuni ed elementari conoscenze linguistiche del dialetto partenopeo- nega anche in forma scrittoria l’esistenza della vocale evanescente, che compare improvvisa e inattesa qua e là, tranne con costanza nell’ultima sillaba di parole baritone (= prive d’accento sulla vocale terminale). 12 – […]

13 Gen

11 – Carlo Iandolo – Pillole linguistiche napoletane

by Vesuvioweb

I’ LASCO Si sente spesso ripetere in dialetto o in un italiano regionale approssimato “io lasco”, forma che risulta collaterale del corretto “io lascio” (derivante dal latino “laxo”, con normale evoluzione di “x” in “sc” palatale: come “axilla-m > ’a scélla = l’ascèlla, coxa-m > ’a coscia = la coscia, exaptiu-m > sciazzo = disordinato, […]