04 Nov

2 Comments

2 – Le eruzioni del Vesuvio nella “Gazette”

by

Le eruzioni del Vesuvio nella “Gazette”

Di

Franco Tessitore

Da Napoli, il 12 marzo 1760: “Il Vesuvio che improvvisamente aveva cessato di espellere fiamme, ha ricominciato le sue eruzioni con più vivacità che mai. La lava che scorre ha già rovinato la maggior parte dei dintorni del monte e una parte della sua cima è stata abbattuta”. Da Napoli, il 30 marzo 1760: “La nuova eruzione del Vesuvio è molto diminuita”. Da Napoli, il 10 aprile 1760: “Il 4 di questo mese una gran parte della sommità del Vesuvio sprofondò nel bacino. Si teme che questi detriti, impedendo l’eruzione, possano causare dei violenti terremoti. Da Napoli, il 18 maggio 1760: “L’eruzione del Vesuvio è totalmente cessata”. Da Roma, il 1 febbraio 1761: “Scrivono da Napoli che fu avvertita nella notte dal 11 al 12 di questo mese una scossa piuttosto forte di terremoto. L’eruzione del Vesuvio ricominciò e fu accompagnata da un fortissimo fragore. Il 12 mattina ci si accorse che la cima del vulcano era crollata all’interno della voragine. Da quel momento il Vesuvio è assolutamente tranquillo. Si lavora attualmente a riattivare la strada per Salerno”.

2 – Franco Tessitore – LE ERUZIONI DEL VESUVIO NELLA GAZETTE – vesuvioweb 2018

 

04 Nov

2 Comments

Il Bello delle Parole – Appassulatella

by

Il Bello delle Parole – Appassulatella

Di

Alfredo Imperatore

D’Annunzio, abruzzese, tra l’altro rinomato linguista, certamente non era padrone del dialetto napoletano. Altrimenti come si può giustificare quel “un po’ appassita”, se non ritenendo che egli intendeva dire “un po’ appassionata”, la qual cosa farebbe rientrare nella logica, l’aver in animo baciare una vucchella… appassionatela. Data la somiglianza delle due parole si è potuto trattare benissimo di un’errata lettura della sua grafia, oppure di un iniziale refuso tipografico, protrattosi poi nelle edizioni successive. Se questa interpretazione è esatta, Ferdinando Russo aveva ragione a sostenere che solo un napoletano poteva scrivere una canzone napoletana. Codicillo. La seconda strofa recita:
<Meh, dammillo, dammillo,
-è comm’a ’na ruselladammillo
’nu vasillo
dammillo, Cannetella!>.

Alfredo Imperatore – Appassiulatella – vesuvioweb 2018

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Alfredo Imperatore

04 Nov

0 Comments

I giochi di una volta – “Une ‘mpònt’a lùna” = “Uno in punta alla luna”.

by

“Une ‘mpònt’a lùna” = “Uno in punta alla luna

Di

Silvio Falato

Vi potevano partecipare da due a un numero indeterminato di ragazzi, non c’era bisogno di grandissimi spazi (era sufficiente anche un tratto di vicolo) e si svolgeva nel modo seguente: Il designato dalla conta (“il ragazzo che va sotto”, così era denominato) si piazzava, stabilmente fermo, al centro di uno spazio predeterminato, piegando in avanti ad arco testa e parte superiore del corpo. La sua particolare posizione richiama alla mente la forma del primo “quarto di luna” e da ciò ha preso il nome il gioco. La parte restante dei giocatori si allineava a una distanza di sette o otto metri e a turno, ognuno, dopo una breve rincorsa, saltava, a mo’ di cavallina, sul compagno che stava sotto, stando molto attento ad obbedire alle regole seguenti:

  1. a)  Saltare il più alto possibile, poggiando le mani sulla schiena del compagno e cercando di superare l’ostacolo senza toccarlo minimamente con le altre parti del corpo;
  2. b) Recitare, prima del salto, ad alta voce e senza sbagliare, la formula di rito che adesso illustreremo;
  3. c) Assumere nel migliore dei modi possibile, nel corso del salto e dopo, la posizione dettata dalla formula stessa.

Chi veniva meno ad una di queste prove “andava sotto”, sostituendo quindi il compagno designato dalla sorte.

Silvio Falato – I giochi di una volta – Uno in punta alla luna – vesuvioweb 2018.pub

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, guardia sanframondi

04 Nov

0 Comments

La Rassegna d’Ischia giugno – luglio 2018

by

La Rassegna d’Ischia giugno – luglio 2018

A cura di

Raffaele Castagna

2 I vincitori del Premio Internazionale
Ischia di giornalismo
4 Associazione “Gli Alberi e noi”. Ischia Film Festival 2018
5 Motivi
6 La missione della Signora Curie in Italia e… Ischia nel 1918
7 Convegno internazionale a Lacco Ameno Pithekoussai e l’Eubea tra Oriente e Occidente
16 PIDA – Premio Internazionale Ischia di Architettura
17 Lacco Ameno – Negombo Ipomea 2018
18 Rassegna Mostre
– M. Sodano al Torrione di Forio
– Vincenzo Frattini al Castello Aragonese
21 Dario Cusani tra Sogno e realtà
24 Nuove scoperte per la Madonna del melograno in S. Maria di Costantinopoli (Ischia Ponte)
27 Rassegna Libri Il codice massonico di Ischia
28 Il Fondo librario don Pietro Monti nella Biblioteca Antoniana d’Ischia
31 Ischia 1268 L’Armata Pisana occupa il “Borgo di mare”
37 Fonti archivistiche. Le Annunciazioni della Madonna
44 I tanti misteri della Torre Guevara (Parte II)
48 Ex Libris. Un mese a Napoli – Descrizione della Città di Napoli e delle sue vicinanze
54 La nave scuola Amerigo Vespucci

http://www.larassegnadischia.it/rassegna2018/rass05-18/rass05-18.pdf

 

21 Ott

5 Comments

Il Vesuvio distrusse il territorio vesuviano il 24 ottobre del 79 d.C.

by

Pompei e Ercolano distrutte dall’eruzione del Vesuvio del 79 d.C.

Un cambio di data e cambia la storia

Di

Aniello Langella

La tradizione letteraria, derivata dalle lettere di Plinio il Giovane indirizzate a Tacito, aveva collocato la data dell’evento al 79 dopo Cristo. E questo errore ha condizionato per un tempo lunghissimo i prologhi narrativi e non solo di tutta la storiografia delle “Città sepolte dal Vesuvio”. Ma ciò che sorprende oggi alla luce delle recenti scoperte archeologiche è che lo stesso errore ha condizionato anche gli ambiti di discussione scientifica. Di recente durante una campagna di indagini archeologiche condotte all’interno dello scavo di Pompei, è stata rinvenuta un’iscrizione, con la quale la data dell’eruzione vesuviana viene spostata al 24 ottobre del 79 d.C. Questa è la prova provata di quanto gli archeologi avevano ipotizzato già da decenni. Il dato certo con il quale si sostiene che quell’eruzione avvenne nell’autunno del 79. Già Vesuvioweb nel 2007, grazie al lavoro di Lucia Pappalardo, Ricercatrice Osservatorio Vesuviano, aveva lavorato sul tema. Oggi la Storia si riscrive. Il luogo del “crimine” è noto e noto il killer. Ben studiati i luoghi, doviziosamente narrati i fatti delle Città sepolte. Mancava ancora un dettaglio: il quando. E questo quando aveva da decenni stimolato gli studi, fino alla recente scoperta che fuga ogni dubbio e rende chiari anche molti dei dubbi creatisi in ambito archeologico circa il rinvenimento di reperti non coerenti con la presunta data del 24 agosto.

Aniello Langella – L’eruzione del Vesuvio che distrusse Pompei ed Ercolano è del 24 ottobre del 79 dC – vesuvioweb 2018.pub

 

https://

21 Ott

0 Comments

Giuseppe Maggi – Ercolano e l’eruzione del 79 dopo Cristo

by

 

 

 

 

 

Giuseppe Maggi-Ercolano e l’eruzione del 79 dopo Cristo-vesuvioweb 2012

 

Quanti abitanti aveva Ercolano il giorno prima dell’eruzione del Vesuvio?  Sono stimate circa quattromila, ma forse erano meno.Di cosa si occupavano queste persone. Quali le occupazioni prevalenti?  Le occupazioni prevalenti erano il commercio e l’affitto di botteghe e quartierini, sorti stravolgendo le antiche case nobiliari.  La gente semplice quella della strada poteva accedere a svaghi, a momenti ricreativi? Quelli della Palestra, accedendo non dal decumano superiore, riservato alle autorità, ma dal decumano inferiore.

21 Ott

0 Comments

Roberto Santacroce – L’eruzione del Vesuvio del 79 d.C. e la distruzione di Ercolano e Pompei

by

Il 24 Agosto del 79 d.C. il Vesuvio uscì da un plurisecolare periodo di riposo con una violentissima eruzione esplosiva i cui prodotti portarono in meno di 24 ore alla devastazione di tutta l’area circumvesuviana in un raggio approssimativamente di 10-15 km rispetto all’attuale cratere. Pompei, Oplontis (l’odierna Torre Annunziata), Stabia ed Ercolano furono totalmente distrutte, seppellite sotto una spessa coltre di depositi vulcanici e tolte f nanco dalla memoria per oltre quindici secoli. Più di due secoli di scavi archeologici hanno progressivamente restituito all’umanità molti…

Roberto Santacroce – L’eruzione del Vesuvio del 79 d.C. e la distruzione di Ercolano e Pompei – vesuvioweb

Continua a leggere

21 Ott

1 Comment

L’eruzione del 79 d.C. avvenne in autunno e non in agosto

by

Una interessante raccolta di dati scientifici riporta l’attenzione degli studiosi sulla esattezza della data dell’eruzione del 79 dopo Cristo. La maggior parte degli studiosi fino ad oggi hanno ritenuto che tale catastrofe vesuviana, che ha per simbolo Pompei, avvenne il 24 agosto del 79. Oggi dalle prove archeologiche e non solo, la date andrebbe spostata verso il periodo autunnale dello stesso anno.

Lucia Pappalardo – L’eruzione del 79 dopo Cristo non avvenne in agosto – vesuvioweb

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, L’eruzione del Vesuvio del 79 d.C.