06 Giu

2 Comments

Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano. Da scasà a scùpulo

by

Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano. Da scasà a scùpulo

Di

Salvatore Argenziano e Gianna de Filippis

… Scasamiénto: s. m. Scasazione. Sventura, guaio.
*Basile. Quanno l’ommo pensasse quanta danne e quanta ruine, quanta scasamiente succedono pe le mardette femmene de lo munno, sarria chiù accuorto a fuire le pedate de na donna desonesta
*Basile. E l’uerco: «Io te lo dirraggio, puro che me ’mprommiette de no confidarelo a perzona vevente, perché sarria la scasazione de la casa nostra e la ruina de la vita».
*Basile. O che dio lo sconfonna sto mese marditto, nemico de le ’nfranzesate, odiuso de li pecorare, ’ntrovolamiento de l’umure, scasamiento de li cuorpe! mese che, volenno annonziare quarche roina a n’ommo, se le dice: và, ca marzo te n’ha raso!; scasato. agg. Rovinato, disgraziato, senza famiglia, senza coniuge, scapolo.
*GB. Valentino. E s’ accorre, che s’aggia da nzorare / Quarche de chiste povere scasate, / Che de dota lo cchiù che po ppigliare / Sarranno ciento- cenquanta docate;
*Poesia Popolare. Fuieva pe’ la casa la scasata / Strillanno: “Gente, currite currite.” / Pòvera bella mia, sbenturata, / Muriste sbenturata e nu’ tradita!
*G. D’Antonio. ma fraрpuоstose oje mute Spartechiajete, a ddire strunzo ’n miezo, afferrajeno lo scasato Cappanegra, che da la sacca sfodaranno na limmа arroggiuta, se ncanava ’n cuolla a lo nvitto Smanecatore:
*N. Capasso. Nasce l’ommo a sto munno, e lo scasato / primmo d’aprire l’uocchie auza no strillo; / e no nne passa manco no tantillo, / che vace int’a le pezze carcerato.
*B. Saddumene. O deruppato Fonzo! / Scasato me, che bedo. Uh rrobbe meje /Fatiche meje!
*F. Cerlone. So storduta, so ncappata, / So feruta, so scasata, / Chi m’ajuta pe pietà! / Miedeco bello, / Fa priesto saneme, / Non me fa chiagnere / Pe carità.
*D. Jaccarino. E tanta sierpe nn’ à lo Maremmato / Quanto isso nne teneva pe la croppa, / Da la capo a li piede lo scasato.
*Poesia Popolare. Ah, quant’è bello lu murire acciso, / mmocc’a la porta de la nnammurata / L’anema se ne saglie ’nparaviso, / e ’o cuorpo se lu chiagne la scasata!…
*F. Russo. Dint’ ’o vascio d’ ’a scasata / mo nce passa o riggimento; / ’a furtuna ll’ha lassata / e le scioscia malu viento. / Se facette accussì lota, / morta ’e famma e de fraggiello, / chella llà ch’era na vota / ’a mugliera ’e Masaniello!
*R. Bracale. E invece, mare a tte, nun hê capito / ca s’ è cagnato tutto ll’affabbeto / e t’ hê truvato, ’o bbi’…?, tutto ’na vota / scasato comme a dopp’ ô terramoto! …

Salvatore Argenziano e Gianna De Filippis – Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano – Da scasà a scùpolo – vesuvioweb 2021

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Lessico e Letteratura Napoletana

06 Giu

0 Comments

La Repubblica Napoletana del 1799 proclamata il 23 gennaio e morta il 22 giugno

by

La Repubblica Napoletana del 1799 proclamata il 23 gennaio e morta il 22 giugno

Di

Umberto Vitiello Vadìm

 

La notizia che il 14 luglio 1789 a Parigi dei rivoltosi avevano assalito e liberato la Bastiglia e avevano intenzione di recarsi a Versailles per indurre il Re a trasferirsi per sempre a Parigi giunse abbastanza presto anche a Napoli e nel sud d’Italia, ma solo a quei pochi che ricevevano un giornale francese o avevano una corrispondenza epistolare con un intellettuale come loro che viveva in Francia. E pochissimi furono coloro che tra questi s’accorsero presto dell’importanza storica di quell’evento.
D’altra parte lo stesso Re francese, Luigi XVI, nel suo diario sulla pagina del 14 luglio 1789 scrisse rien (niente), a significare che non era accaduto nulla di rilevante. Il senso di un’importanza storica notevole della presa della Bastiglia di Parigi si cominciò ad avere tra i nostri intellettuali e nei salotti dove si discuteva di arte e di politica internazionale solo dopo poco più di un mese, quando si apprese della
Dichiarazione dell’Uomo e del Cittadino L’Assemblea Nazionale Costituente scaturita dalla Rivoluzione Francese del 14 luglio1789 l’aveva emanata il mercoledì 26 agosto 1789. Divulgata in tutta la Francia e subito dopo nell’intera Europa, ispirerà poi numerose costituzioni nazionali. Gli Illuministi, anche quelli napoletani e del sud Italia, l’apprezzarono più degli altri, perché erano la prova che la loro filosofia non era un’astrazione come le altre, ma si traduceva in atti che, annullando ogni privilegio, rendevano gli uomini tutti uguali di fronte alla legge e liberi di scegliere i modi e gli scopi del proprio pensare e del proprio agire, invogliati ad essere solidali tra loro: “égalité. liberté, fraternité”…

Umberto Vitiello Vadìm – La Repubblica Napoletana del 1799 – vesuvioweb 2021

06 Giu

0 Comments

N. Perrey e le prime immagini del Vesuvio prima e dopo l’eruzione del Vesuvio del 1631

by

Perrey e le prime immagini del Vesuvio prima e dopo l’eruzione del Vesuvio del 1631

Di

Aniello Langella

Le immagini che riguardano il Vesuvio prima del 1631, non abbondano e spesso ci possono sembrare come quasi sperimentazioni grafiche, volte a voler documentare l’evento in maniera a volte molto generica. Spesso gli autori non si soffermano molto sull’aspetto reale dell’ambiente vesuviano, ma vogliono in qualche modo trasmettere il senso catastrofico dell’eruzione. In questo capitolo andremo ad analizzare due immagini del vulcano. Le ho scelte per poter raccontare nei capitoli che seguiranno, tutto lo scenario cronologico e la serie di eventi che caratterizzò quest’eruzione a partire dai prodromi, per giungere alle fasi finali della distruzione completa del territorio. Per introdurre le due immagini, mi sono servito di alcuni testi della bibliografia che a mio avviso rispondono molto bene al senso del testo generale che inizia proprio con questo primo approccio. Le fonti bibliografiche che mi hanno aitato in questo compito, ci raccontano anch’esse una storia e lo fanno attraverso testimonianze vere che appartengono sia alla città di Napoli che al territorio. Il primo testo che mi hai aiutato in questo compito e di Giovanni Battista Mascolo e venne dato alle stampe nel 1633[1].

Il testo di grande valore storico, contiene una dettagliata cronaca dell’eruzione del 1631. L’autore è Giovanni Battista Mascolo, che già dal titolo, quasi roboante come il secolo che viveva, esprime il senso di ciò che andiamo a leggere. Si tratta di un testo che potremmo definire osservazionale. Una descrizione letteraria di un evento che altri avrebbero narrato sulla tela oppure ancora in versi. Un testo appassionato e che appassiona il lettore per mille risvolti letterari. In forma latina e narrato a volte con qualche metrica, ci mostra l’evento eruttivo, da un osservatorio privilegiato che fu Napoli.

[1] Giovanni Battista Mascolo. Ioannis Baptistae Masculi Neapolitani e Societate Iesu De incendio Vesuuii excitato 17. Kal. Ianuar. anno trigesimo primo saeculi decimiseptimi. Libri 10. Cum Chronologia superiorum incendiorum; et ephemeride ultimi. Ex Officina Secundini Roncalioli, Napoli 1633

Aniello Langella – L’eruzione del Vesuvio del 1631, nelle stampe del Perrey – vesuvioweb 2021.pub

06 Giu

0 Comments

CRONACA DALL’ERUZIONE DEL VESUVIO DEL 1794

by

CRONACA DALL’ERUZIONE DEL VESUVIO DEL 1794

Di

Aniello Langella

Strani fenomeni si verificano qui in Terra Vesuviana, durante l’eruzione del Vesuvio del 1794.

Siamo qui a raccontarli. In questo contributo, che va ad arricchire la bibliografia, già nutrita e fitta della vulcanologia vesuviana, un documento interessante e per certi versi inconsueto. Una testimonianza grafica di quei terribili momenti in due gouaches di anonimo, dell’epoca. L’artista certamente campano, si trova a Napoli e osserva da lontano ciò che accade attorno alla montagna impazzita. L’iconografia vesuviana è ricca di questi contributi iconografici e nell’ambito dei gouaches gli esempi sono tantissimi. Tuttavia su questi due spettacolari quadretti, è necessario soffermarsi ed osservare bene ciò che ci viene proposto. La scena è terrificante e dobbiamo immaginare ciò che da quel punto privilegiato ed in sicurezza, si poteva udire da lontano. I boati cupi e lontanissimi dalla costa. I colpi sordi e profondi come cannonate. Gli scoppiettii come fuochi pirotecnici e tutto ciò condito da terribili ed imprevedibili terremoti, che squassavano tutto il golfo. L’artista ritrae il vero! Non come tantissimi altri che videro e rielaborarono in chiave artistica e quasi romantica. In questi due quadretti c’è esattamente la successione dei fatti resa in maniera ineccepibile, assolutamente veritiera. Un film in due fotogrammi, scattati nel il 15 giugno di quell’anno.

Aniello Langella – Rara cronaca dell’eruzione del Vesuvio del 1794 – vesuvioweb 2021.pub

 

 

06 Giu

1 Comment

‘O sole mio

by

‘O sole mio

Canta

Enrico Caruso

His Master’s Voice (D.A.103)

1913

Che bella cosa è na jurnata ’e sole,
n’aria serena doppo na tempesta!
Pe’ ll’aria fresca pare già na festa…
Che bella cosa na jurnata ’e sole.

Ma n’atu sole cchiù bello, oi ne’,
’o sole mio sta nfronte a te!
’o sole, ’o sole mio
sta nfronte a te, sta nfronte a te!

Luceno ’e llastre d’’a fenesta toia;
’na lavannara canta e se ne vanta
e pe’ tramente torce, spanne e canta,
luceno ’e llastre d’’a fenesta toia.

Ma n’atu sole cchiù bello, oi ne’,
’o sole mio sta nfronte a te!
’o sole, ’o sole mio
sta nfronte a te, sta nfronte a te!

Quanno fa notte e ’o sole se ne scenne,
me vene quasi ’na malincunia;
sotta ’a fenesta toia restarria
quanno fa notte e ’o sole se ne scenne.

Ma n’atu sole cchiù bello, oi ne’,
’o sole mio sta nfronte a te!
’o sole, ’o sole mio
sta nfronte a te, sta nfronte a te!

1898

Giovanni Capurro (Napoli, 5 febbraio 1859 – Napoli, 18 gennaio 1920). Eduardo Di Capua (Napoli, 12 maggio 1865 – Napoli, 3 ottobre 1917)

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, La canzone napoletana, Musica e ricerca

15 Mag

2 Comments

Amalfi 1847 – Una cronaca di altri tempi Una stampa per ricordare

by

Amalfi 1847

Una cronaca di altri tempi Una stampa per ricordare

Di

Aniello Langella

L’histoire d’Amalfi prouve bien que, dans les premiers siècles du moyen âge, il y avait plus d’activité dans le midi que dans le nord de l’Italie. Avant que Gênes, Pise, Venise, toutes les républiques marchandes du nord de l’Italie, se fus sent fait connaître, Amalû était déjà célèbre et florissante. S’il en faut croire les traditions locales, la cathédrale, bâtie sur remplacement d’un temple païen, ferait remonter jusqu’à l’antiquité la fondation de la ville. A peine cependant en parlait on avant la fin du sixième siècle; au milieu du douzième siècle, lorsqu’elle eut été conquise par Roger, roi de Sicile, elle s’effaça presque complètement de l’histoire, au moment même où Gênes, Pise, Venise, faisaient leur avènement.

Aniello Langella – Amalfi 1847 – Una stampa per raccontare – vesuvioweb 2020.pub

15 Mag

0 Comments

Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano – Da sacca a scarzuógno

by

Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano – Da sacca a scarzuógno

Di

Salvatore Argenziano 

saglioccolata: s. f. Bastonata. Colpo inferto con una saglioccola. *Cortese. Ora stìpate, Ammore, la frezzella, / Ca la vaiassa mia / Dà ’mpietto a l’ommo co n’artegliaria, / Ed èi schitto na tenutamente / Saglioccolata, truono e fuoco ardente. *Cortese. Llà bedive cade’ na pettorata / E scamazzava na frotta de gente, / Ccà sentive veni’ na cannonata / E t’accedea n’ammico o no parente, / Da n’auta banna na saglioccolata / Te sentive a lo stipo de la mente, / E se sentea mescato p’ogne canto / Botte, strille, siscate, allucco e chianto. *G. D’Antonio. Nardo da na fenestra contr’a cchisso, / Caccia la capo, comm’ a
na cestunia; / dda de mano a na saglioccolazza, / E nce la schiaffa a la cocozza pazza sagliepèngula: s. f. Saglipennula. Altalena. *Basile. né Scarreca varrile, né Mammara e nocella, né Sagliepengola, né Li
forasciute, né Scarriglia Mastrodatto, né Vienela vienela, né Che tiene ’n mano, l’aco e lo filo, *G. D’Antonio. fattole lo juorno appriesso ratificare l’atto de la sagliepengo1а, ed ascire no poco inpреса juрреса со lo scosta scosta, e la museca d’ attone.

Salvatore Argenziano – Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano – Lessico e letteratura del dialetto napoletano – Da sacca a scarzuògno – vesuvioweb 2021

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Lessico e Letteratura Napoletana

15 Mag

0 Comments

Àsteco, suppigno e cielo

by

Àsteco, suppigno e cielo

di

Alfredo Imperatore

Gli inconvenienti erano rappresentati sia da un’improvvisa pioggia, che costringeva le massaie a riportare in fretta le varie ciotole nel sottostante suppigno, sia dai vari insetti, specialmente mosche e vespe, che attratte dall’acre odore, si affastellavano sui veli, ormai adagiati sulla passata di pomodori.
Cosa intendiamo noialtri per suppigno? Esattamente la soffitta, il sottotetto, cioè il vano intermedio tra l’ultimo piano e il tetto. Anche questa nostra parola, merita la sua etimologia perché appartiene a quelle di origine incerta. Per D’Ascoli è da escludere il lat. subpinnium per ragioni semantiche, e si rifà
all’Alessi il quale riporta il lat. suppingere= attaccare, inchiodare sotto, che trova conferma nel derivato medievale pingium. Iandolo (conferma): da un lat. volgare subpingiu(m) con metatesi, connesso con subpingere= attaccare sotto. [suppingo, is, pegi, pactum, ere].

Alfredo Imperatore – Asteco, suppigno e cielo – vesuvioweb 2021

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Alfredo Imperatore

15 Mag

1 Comment

Le “pietre” dell’isola d’Ischia

by

Le “pietre” dell’isola d’Ischia

Di

Raffaele Castagna

Non è soltanto un’isola “che non c’é più”, mutata dallo sviluppo degli ultimi anni, quella che viene fuori dalla lettura di alcuni testi che ci ha lasciato Giovan Giuseppe Cervera, ma anche un’isola che può mostrarsi chiaramente in tutto il suo “mistero” e in tutta la sua realtà a chi la percorre, attento ad ogni immagine, ad ogni pietra che si trova da presso o intravede in lontananza, se gli sembra fatica improba portare i propri passi lungo sentieri impervi e “scarrupati”. Il Cervera deve certamente aver girovagato in lungo e in largo, se è capace di indicare, di dare il nome specifico a
ciascun anfratto, a qualsiasi angolo, e soprattutto a quelle “pietre” che hanno fatto parte della vita dei nostri antenati: di queste non di rado sono ricordati fatti e fatterelli che forse a noi danno l’impressione di fiaba, ma che devono anche aver costituito elementi quotidiani delle epoche passate. E sia pur soltanto con la lettura e con la fantasia ci si può inerpicare su per le balze (lontane dalle nostre comuni passeggiate), come peraltro procedere lungo spiagge e lidi più frequentati e noti. Ma si riesce a scoprire qualcosa di nuovo e che normalmente non ha mai fatto da richiamo per la nostra attenzione (anche perché per molti tratti ormai si va soltanto in macchina).

Raffaele Castagna – Le pietre dell’isola d’Ischia – vesuvioweb 2021

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Storia e cultura