15 Nov

0 Comments

Anduvina ’nduvinello – Una selezione di indovinelli napoletani

by

Una selezione di indovinelli napoletani

Anduvina ’nduvinello

Di

Luciano Galassi

’Mbuttunato ’e chiummo primmatuculéa, po’ cade… a ’o nemico che fuie… ponte d’oro. Imbottito di piombo prima vacilla, poi cade… al nemico che fugge… ponti d’oro. (Adattamento di un testo della compianta Anna Maria Cerillo, per molti anni benemerita divulgatrice di proverbi e modi di dire napoletani) Ci vuol far credere che il nemico, riempito di pallottole di piombo dalle nostre
armi, prima barcolla e poi cade al suolo… I suoi sodali, vista la disfatta, si danno a fuga precipitosa e noi li lasciamo andare, mèmori del saggio detto A nemico che fugge ponti d’oro. Ma le cose non stanno così e noi siamo in grado di individuare i quattro elementi-base, camuffati ma non del tutto mimetizzati, che ci consentono di centrare l’obiettivo: è ’o dente> il dente, in quanto: –  mbuttunato ’e chiummo: imbottito di piombo, e quindi otturato (o, meglio, con più preciso termine tecnico “riempito”) è il dente da restaurare per i danni provocati da processi cariogeni,  ipristinandone struttura, morfologia ed integrità; un tempo si usava appunto il piombo, oggi sostituito da résine (i c.d. compòsiti dentali); – primmatuculéa: di solito, prima di staccarsi (“cadere”), vacilla per la compromissione dei tessuti di sostegno, dovuta a varie cause (ma non nella prima infanzia, quando il ricambio è fisiologico); – po’ cade: poi arriva il momento della sua caduta, come messo in luce nella sintetica sequenza dell’indovinello; – ponte d’oro: c’è infine da sostituire il dente perduto e, per realizzare ciò, si adopera il ponte dentale, che è un restauro sostitutivo su base protèsica: al giorno d’oggi i ponti convenzionali sono in metallo-ceramica o interamente in ceramica mentre un tempo erano d’oro, da cui l’espressione ingannevole ponte d’oro inserita nell’indovinello. In lingua c’è un testo per bambini assolutamente telegrafico ma abbastanza semplice: «Quando balla cade sempre», adoperandosi l’espressione familiare “ballare” al posto di “vacillare” o “tentennare”.

01 – Luciano Galassi – ANDUVINA ‘NDUVINELLA – Una selezione di indovinelli napoletani – vesuvioweb 2019

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo

15 Nov

0 Comments

01 – Na mmescafrancesca – Dialetto torrese

by

Dialetto torrese

Na mmescafrancesca

Di

Salvatore Argenziano

 

Dal latino classico “mìscere”, mettere insieme, deriva la forma iterativa del latino volgare, “misculare”. Per sincope > “misclare” e per mutazione CL/CHI, come da clavem > chiave, , mischiare > mischiá > miscá. La proclitica intensiva -in- porta ad “in+miscá > immiscá che, per aferesi dà -mmiscá-. Da -mmiscá l’aggettivo – mmiscata- per mista ed il sostantivo -mmésca- per mescolanza .
Nel dialetto napoletano è presente la forma -mesesca francesca- Carne tagliata a pezzetti, voce derivata da mescolanza francese. Per corruzione locale, la mesesca diventa -mmesca-, da cui il sostantivo -mmescafrancesca-. Per traslato qualunque mescolanza di cose varie, senza ordine predefinito e distinzione tipologica.

01 – Salvatore Argenziano – Na mmescafrancesca – Dal dialetto torrese – vesuvioweb 2019

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, MMescafrancesca

15 Nov

0 Comments

5 – Viaggio da Napoli a Castellammare – San Giovanni a Teduccio, Barra, San Giorgio a Cremano, Pietrabianca – vesuvioweb 2019.pu

by

Aniello Langella

e

Marinella Aprea

Viaggio da Napoli a Castellammare – San Giovanni a Teduccio, Barra, San Giorgio a Cremano, Pietrabianca, la Villa Nava, il Crocefisso di Villa Nava

 

Carlo V, nella venuta che questo imperatore fece tra noi. Per ben tre giorni ei qui si trattenne, finché non furono in punto le magnifiche feste che a lui preparavano i Napoletani. Volle il Martirano ricordare a’ posteri un tal fatto, e la voluttà dell’ossequio fecegli dettare questa iscrizione riferitaci dal Capaccio:

Hospes Etsi properas ne sis impius

Praeteriens hoc aedificium venerator

Ilic enim Carolus V Rom. Imp. debellala Africa

Veniens triduum in liberali Leucopelrae gremio consumpsit

Florem spargilo et vale,

MDXXXIII

Lo stesso Capaccio ne dice, che in quella villetta eravi una Fontana adorna di varie conchiglie rappresentanti alcune belle imagini, come a dire Pane che suona la tibia, le Ninfe nuotanti, la Sirena sul Delfino seduta, ed Europa sul Toro. A questa Fontana eravi apposta la seguente iscrizione:

Bernardynus Martymnus Consenlinus Imperatoris Caroli V

Caesaris Aug. A Consilis in Regno Neap. Secret, qui magnis

domi , militiaeque functus honorib. decus vetustissimae

familiae auxil sua virtute , et dignilate post labores honeste,

fortiterque susceptos ex opere novo Concharum, Nympheum

hoc Genio posuit et Odo liberali, MDXXXIII

5 – Viaggio da Napoli a Castellammare – San Giovanni a Teduccio, Barra, San Giorgio a Cremano, Pietrabianca – vesuvioweb 2019.pu

 

LA GALLERIA DELLE IMMAGINI

A cura di

Marinella Aprea

La Villa Nava

Le immagini

L’epigrafe commemorativa a Carlo V Hospes Etsi properas ne sis impius Praeteriens hoc aedificium venerator Ilic enim Carolus V Rom. Imp. debellala Africa Veniens triduum in liberali Leucopelrae gremio consumpsit Florem spargilo et vale, MDXXXIII

 

 

Portone d’accesso alla Villa Nava, sulla Regia Strada delle Calabrie. L’incorniciato in pietra lavica; due paracarri all’imbocco della fause; a destra in alto l’epigrafe.

 

 

Gli interni del Palazzo conservano ancora in parte gli elementi stilistico dell’epoca

 

L’ingresso alla chiesetta privata di Villa Nava.

 

I cavalli della Villa legati nel cortile interno

Una colonna in marmo biando posta all’interno del primo cortile. La sua provenienza è ignota, ma si può facilmente intuire che possa trattarsi di un reperto proveniente dai vicini scavi di Ercolano.

Particolare del Crocefisso di Villa Nava.

 

 

 

 

15 Nov

1 Comment

Sorrento di anonimo inglese

by

Sorrento di anonimo inglese

Sorrento. Veduta dal mare. Opera di anonimo inglese che si colloca alla fine del secolo XVIII.

Anotación manuscrita a lápiz grafito en el borde inferior: “Vista de Sorrento” “Casa del Tasso”. En el ángulo inferior derecho: “Soriente”[?]. Dibujos de arquitectura y ornamentación de la BNE. Tomo III, siglo XIX. 2018 v. 2, cat. 619, p. 151.
Forma parte de un grupo de dibujos atribuidos a Valentín Carderera, según el Inventario de dibujos de la BNE (Dib/18/1/7710 a Dib/18/1/7822). Atribuido con dudas a un autor anónimo inglés de fines del s. XVIII -principios del XIX, por JM Lanzarote (2018). Forma parte de un grupo de dibujos. Título tomado de la anotación manuscrita.

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Storia e cultura

15 Nov

0 Comments

Napoli: “La fine del mondo”

by

” target=”_blank” rel=”noopener”>Napoli “La fine del mondo”

https://

Frutto dell’esperienza del laboratorio di Nuove Tecnologie dell’Arte dell’Accademia di Belle Arti di Napoli, il cortometraggio “LA FINE DEL MONDO” è un ritratto di Napoli, un approfondimento della storia molto complessa che attraversa la città stessa e i suoi volti, già indagata in occasione delle diverse edizioni di #CUOREDINAPOLI. La voce narrante accompagna nell’attraversamento di Napoli, città “bifacciale”, evidenziando il rapporto di assoluta reciprocità che contraddistingue la singolare cultura di questa città in cui è impossibile distinguere confini netti tra cose, persone, paesaggi e sentimenti, tra ‘o bbuono e ‘o malamente. Napoli, più che una “semplice” metropoli è una città agglomeratrice, densa di culture. Il suo scheletro urbano è costituito da vicoli, stradine, viuzze, suoni, odori, profumi, colori che consentono l’immergersi in un flusso vitale. Perdersi tra le strade di Napoli è un’immersione nella lingua, nell’arte, nella gastronomia che si mescolano insieme senza tempo. La chiave di lettura per comprendere questa ricchezza è la parola “scambio”, sintesi di una instancabile capacità di accogliere nuove culture e di una costante predisposizione alle contaminazioni. I Napoletani, infatti, sono permeabili alle differenze, le inglobano e le trasformano in un processo quotidiano e costante che continua inarrestabile da secoli, come narra il cortometraggio, realizzato con il generoso contributo della voce di Renato Carpentieri e con l’interpretazione di Ilario Franco. Il cortometraggio è stato presentato in anteprima al Cinema Modernissimo (Napoli, 6 aprile 2018), nuovamente a Prix Italia (Capri, 24-29 settembre 2018) e in occasione dell’evento “TANTI EROI IN UNICO BATTITO” (Piazza Montecalvario, Napoli 15 dicembre). Inoltre gli è stato attribuito il Premio Giovani Giornalisti per Napoli 2018 del Rotary Club Napoli. In selezione all’Accademia del Cinema Italiano – Premio David di Donatello nella sezione “Cortometraggi” 2018. Finalista al “Premio Telenicosia” 2019, concorso artistico letterario “ImpavidArte- la Biennale della cultura”.

 

 

 

19 Ott

3 Comments

Carlo Iandolo, un linguista vesuviano

by

Carlo Iandolo, un grande linguista vesuviano

(S. Giorgio a Cremano, 1940 – Pompei, Aprile 2016)

Il ricordo del Professor Carlo Iandolo è forte. Ritornano alla mente i suoi lavori, le sue ricerche continue ed assidue in tema di LINGUISTICA VESUVIANA, spaziando con assoluta leggerezza dai temi legati al dialetto, per finire alle definizioni linguistiche. Un vero ricercatore; un delicato e sempre gentile interlocutore, in quel mondo della LINGUISTICA, che spesso accende dibattiti.

In questo nostro volerlo ricordare, una serie dei suoi articoli, delle sue ricerche più dotte.

A lui un grazie da parte della Redazione di VESUVIOWEB

LINGUA O DIALETTO NAPOLETANO?

 

http://www.vesuvioweb.com/it/wp-content/uploads/20-Carlo-Iandolo-Pillole-Linguistiche-Napoletane-Napoletano-lingua-o-dialetto-vesuvioweb.pdf

 


 

http://www.vesuvioweb.com/it/wp-content/uploads/28-Carlo-Iandolo-LE-DUE-LINGUE-DI-POMPEI-ANTICA-vesuvioweb.pdf

http://www.vesuvioweb.com/it/wp-content/uploads/35-Carlo-Iandolo-Pillole-Linguistiche-Napoletane-La-lingua-greca-di-Napoli-vesuvioweb.pdf

http://www.vesuvioweb.com/it/?s=43+-+carlo+iandolo+

http://www.vesuvioweb.com/it/wp-content/uploads/32-Carlo-Iandolo-Pillole-Linguistiche-Napoletane-Il-napoletano-oggi-vesuvioweb1.pdf

 

 

 

19 Ott

1 Comment

La cartografia di Napoli nel 1704 in una vista a volo d’uccello

by

Journal du voyage d’Italie de l’Invencible et glorieuse Monarque Philippe V Roy ol’Espagne

Di
Bulifon, Antonio

(1649-ca. 1707)
Edito a Napoli nel 1704

Da Nicolas Bulifon

A cura di

Aniello Langella

Cartografia di Napoli al 1704 di Antonio Bulifon – Da BNE – 2019

Da

http://bdh-rd.bne.es/viewer.vm?id=0000001310

                                        ______________________________________________________________

 

Bibliografia relativa ad Antonio Bulifon

Antoine Bulifon, italianizzato in Antonio Bulifon (Chaponnay, 24 giugno 1649 – Spagna, luglio 1707), fu un cronista ed editore di origine francese attivo a Napoli nella seconda metà del XVII secolo. Le vicende del periodo della vita di Antoine Bulifon antecedente a quello napoletano sono desunte da una lettera autobiografica pubblicata nel 1693 in cui egli narra di essere nato a «Chaponay nel Delfinato» da un notaio, di essersi recato dapprima in alcune città della Francia, poi a Roma per assistere ai funerali di papa Clemente IX, e infine a Napoli dove giunse il 22 luglio 1670; «innamoratosi del suo sito, della amenità delle sue campagne, della clemenza del suo clima e della avvenenza de’ suoi abitanti, fe risoluzione di scieglierla fra tante per sua perpetua stanza». A Napoli aprì una libreria a San Biagio dei librai (Spaccanapoli); nel 1672 si trasformò in editore pubblicando il Filo d’Arianna di Pompeo Sarnelli. Quest’ultimo fu anche il principale consulente editoriale del Bulifon il quale, oltre a novità provenienti dalla Francia tradotte sovente da lui stesso, pubblicò soprattutto libri riguardanti storia, le tradizioni popolari, il dialetto e la stessa geografia di Napoli e delle località circostanti. Nel 1685 pubblicò “Vagientis pueritiae lusus seu Caesaris Fanelli ex Floreno Epigrammaton” di Cesare Antonio Fanelli. All’attività di editore Bulifon affiancò quella di animatore di un circolo di letterati, giuristi e scienziati (Altimari, Schettini, Artale, Francesco e Gennaro d’Andrea, Toppi, Sarnelli, Fanelli, Gravina, de Cristofaro, Calà, Nicodemo, Giannelli, Donzelli, Cornelio, Pignatelli, de Notariis, Celano, i figli del Vico, ecc.) che si raccoglievano attorno alla sua libreria, oltre agli stranieri di passaggio a Napoli (per es. il Mabillon). Bulifon fu anche editore di riviste e gazzette, ma in questo campo ebbe minor fortuna del suo rivale Parrino. Nel 1673 sposò Maddalena Criscuolo, una giovane napoletana, ottenendo così la cittadinanza ed evitando anche l’espulsione dal vicereame spagnolo di Napoli per lo scoppio della guerra fra Francia e Spagna. Nel 1700 salì al trono di Spagna il francese Filippo V, fondatore della dinastia dei Borbonica spagnola. Bulifon appoggiò la nuova dinastia e ottenne dal viceré marchese di Villena il compito di organizzare la pubblicazione di un nuovo codice, che avrebbe dovuto chiamarsi Codice Filippino. Bulifon cedette pertanto la direzione della libreria, della casa editrice e della Gazzetta — fino ad allora appaltata al Parrino — al proprio figlio Niccolò. La redazione del codice fu tuttavia interrotta nel 1707 in seguito all’occupazione austro-imperiale di Napoli durante la Guerra di successione spagnola. Le attività del Bulifon e i suoi figli divennero bersaglio di ostilità, a quanto pare incitata dal Parrino, da parte degli imperiali e dei napoletani fiancheggiatori degli invasori. Niccolò fu bastonato due volte dagli avversari; Antonio Bulifon fu costretto ad abbandonare Napoli e a rifugiarsi in Spagna, dove probabilmente apprese la notizia della sua libreria distrutta dalla plebaglia napoletana. Antonio Bulifon morì in Spagna poco dopo, ma non sono noti né la data né il luogo della sua morte.

Fonte WIKI

 

19 Ott

2 Comments

Il Tempio di Iside a Pompei nel 1788

by

Il Tempio di Iside a Pompei nel 1788

Francesco Piranesi (Italian, 1758-1810); Louis Jean Desprez (French, 1743-1804)

The Temple of Isis at Pompeii, 1788. Francesco Piranesi (Italian, 1758-1810), Louis Jean Desprez (French, 1743-1804). Etching, hand-colored with watercolor; sheet: 47.7 x 69.6 cm (18 3/4 x 27 3/8 in.); secondary support: 59.2 x 81.3 cm (23 5/16 x 32 in.). The Cleveland Museum of Art, John L. Severance Fund 2001.19. Trained as a stage designer and architect, Desprez was a talented watercolorist. He collaborated with Francesco Piranesi—the son of the more celebrated printmaker Giovanni Piranesi (1720–1778)—by drawing views of Naples, Rome, and Pompeii that Piranesi etched. Desprez then completed the prints with watercolor. The scene of tourists enjoying the ruins at Pompeii demonstrates how interest in antiquity had been augmented by the archaeological excavations at Herculaneum (1737) and Pompeii (1748). The discovery of homes, furnishings, and personal artifacts revealed the domestic aspects of ancient life.

Fonte

https://archive.org/details/clevelandart-2001.19-the-temple-of-isis-a

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Archeologia, Storia e cultura

19 Ott

1 Comment

Vesuvius 1646

by

Vesuvius 1646

A cura di

Aniello Langella

An Itinerary Contayning a Voyage, Made Through Italy, in the Yeare 1646, and 1647. Illustrated with Divers Figures of Antiquities. By John Raymond. London 1648

Ho estratto dal testo in esame la parte relativa a Napoli, i suoi dintorni ed il Vesuvio. Siamo nel 1648 ed il testo si riferisce ad un viaggio consumato in Italia dal 1646 ed il 1648. Un viaggio descritto ed illustrato, ma allo stesso tempo una sorta di vademecum sintetico che ha lo scopo preciso di indirizzare lo sguardo su monumenti precisi, su ambiti territoriali importanti. La storia del territorio viene appena lambita, mentre invece ci viene riportato quasi come in un dipinto estemporaneo e con guizzo veloce, ciò che di “magnifico”, di “superbo”, in qualche modo rappresenta l’Italia bella di quei tempi.

Mi sono imbattuto in una stilizzata immagine del Vesuvio. Siamo, come dicevo nel 1646 ed il Vesuvio in questa immagine ci appare come in una stilizzata icona rappresentativa. I “turisti” di questo precoce Grand Tour, sono giunti alle falde del Vesuvio in groppa ad asinelli; hanno scalato la vetta, carponi, quasi arrampicandosi per una strada segnata. La loro discesa ci appare indicata in un viottolo scosceso dove i turisti stessi sembrano discendere al piano quasi in un gesto atletico che richiama lo sci.

Il Vesuvio si mostra con la sua sagoma “classica” quasi come quella odierna. Il Monte Somma ad occiente e la vetta ad oriente in una prospettiva o visione frontale. Un bocca eruttiva sul lato mare. La vetta del Vesuvio più bassa rispetto al Somma.

Affascinano le pagine di questo viaggio; sono una testimonianza di questa terra che dopo l’eruzione del 1631, restò sterile a lungo, devastata da coltri di prodotti eruttivi. Un viaggio nel viaggio alla scoperta della terra vesuviana all’alba quasi, di una delle più terrificanti eruzioni vesuviane: il 1631.

Ti piacerà questa stampa. Lo sappiamo, cortese Lettore. Fanne buon uso e soprattutto, ricorda di citare la fonte VESUVIOWEB, che ti ha regalato questa nuova imperdibile emozione.

“Il Monte Vesuvio” titola la stampa. Turisti giunti al piano in groppa ad asini o cavalli. Una “guida” li attende durante l’escursione in quota. Salgono in cima quasi arrampicandosi. Discendono al piano lungo un percorso quasi ruzzolando. Una bocca eruttiva. La cima del Monte Somma ad ovest. La vetta del Vesuvio più bassa del Somma, quasi a ricordarci del recente e catastrofico evento eruttivo del 1631. Ti piacerà questa stampa. Lo sappiamo, cortese Lettore. Fanne buon uso e soprattutto, ricorda di citare la fonte VESUVIOWEB, che ti ha regalato questa nuova imperdibile emozione.

Aniello Langella – IL MERCURJO ITALICO – 1648 – vesuvioweb 2019.pub

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, L’eruzione del Vesuvio del 1631

19 Ott

2 Comments

Napoli 1824 – Franz Ludwig Catel (German, 1778-1856)

by

Franz Ludwig Catel (German, 1778-1856)

Napoli 1824

A View of Naples through a Window, 1824. Franz Ludwig Catel (German, 1778-1856). Oil on paper, mounted on canvas; framed: 59.5 x 46 x 5.5 cm (23 7/16 x 18 1/8 x 2 3/16 in.); unframed: 46.8 x 33.5 cm (18 7/16 x 13 3/16 in.). The Cleveland Museum of Art, Mr. and Mrs. William H. Marlatt Fund 1994.198. Catel lived most of his life in Rome, where he usually painted landscapes and peasant scenes that were very popular with tourists. He often traveled through Italy, and in 1824, he visited Naples with the famous German neoclassical architect Karl Friedrich Schinkel (1781–1841). Schinkel noted in his diary that the two friends had rented an apartment in the “Albergo alla Grand Europa.” It must have been from that apartment that Catel painted this captivating view of a sun- drenched afternoon in Naples. We will never know whether Mount Vesuvius actually released a smoke plume when this view was painted, but it certainly adds drama to the composition.

Fonte

https://archive.org/details/clevelandart-1994.198-a-view-of-naples-thr

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Arte e artisti a Napoli