22 Apr

1 Comment

Il Fortino di Calastro a Torre del Grevo rivelato

by

Il Fortino di Calastro a Torre del Greco

Di

Aniello Langella

Al Lettore

Posta la parola fine alla storia del Fortino di Calastro a Torre del Greco. Il titolo di questo lavoro, ci parla chiaro. Completare la ricerca storica relativa al Fortino detto di Calastro, in quanto posto in omonima contrada a Torre del Greco. In questo lavoro ho voluto contestualizzare il monumento all’interno di un periodo storico, nel contesto urbano ed ho voluto dare inoltre attraverso alcune note bibliografiche e considerazioni semantiche relative al toponimo, un senso alla recente scoperta. Con le ricerche di Ernesto Pinto e le ricostruzioni tridimensionali di Francesco Cozzolino, si pone fine e definitivamente alla miriade di  congetture createsi attorno a quest’opera militare di epoca seicentesca e che venne quasi totalmente distrutto intorno ai primi del Novecento.

La presentazione dei lavori di ricerca

Aniello Langella – Il Fortino di Calastro a Torre del Greco – vesuvioweb 2018.pub

 

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Archeologia, I monumenti, Storia e cultura

22 Apr

0 Comments

Il Fortino di Calastro a Torre del Greco rivelato

by

Il Fortino di Calastro a Torre del Greco rivelato

Di

Ernesto Pinto e Francesco Cozzolino

 

Abbiamo taggato tutte le immagini di questa ricerca, perchè troppi sono i furbi che non riconoscendo i meriti agli autori della ricerca, traggono dalla rete immagini e testi senza citare le fonti. Per tutelare Pinto e Cozzolino, siamo costretti a ricordare ai soliti noti che non citare le fonti è scorretto e che prendere e pubblicare documenti da questo portale è plagio.

Ricostruzione ideale ricavata dalle planimetrie e prospetti di Francesco Cozzolino

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Archeologia, I monumenti, Storia e cultura

15 Apr

3 Comments

14 – Assimilazione vocalica pretonica

by

Assimilazione vocalica pretonica

Da A Lenga Turrese Vocalismo e Consonantismo

Mmiézo û marcáto

Di

Salvatore Argenziano

Analogamente si può avere l’assimilazione di una vocale alla precedente, come da cameriera a cammarera da camera a cammara.
**G. B. Basile: Traseno dintro la cammara de lo prencepe certe femmene triste gelose d’isso e, toccanno la mortella, scende la fata: l’accidono.
*Cortese: Po’ lo portaino dinto a n’auto rullo, / Adaso adaso, attentanno le mura; / Appriesso a n’auta cammara arrivaro, / E ’nzembra tutte tre llà se ’nzerraro.
***Pompeo Sarnelli: Scomputo lo staglio Dio sa comme, che non se sapea s’era filo o travo, Pomponiella, fattole cierte compremiente sarvateche, ne la mannaje comm’a l’autra co lo cammariero, co averele data na castagna.

14 – Assimilazione vocalica pretonica – Di Salvatore Argenziano – vesuvioweb 2018

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Stròppole linguistiche

15 Apr

1 Comment

Una storia d’altri tempi – Capitolo IV

by

Una storia d’altri tempi

Capitolo IV

Di

Vincenzo Pepe

Per questo motivo quel pensiero aveva imparato a rimuoverlo, perché si era accorto che quando gli concedeva spazio esso tendeva a prendere il sopravvento, e paralizzava in lui quella vitalità, quella voglia di creare, che era poi voglia di vivere. Tenuto immobilizzato a lungo, però, quel tarlo non poteva non fare danni quando, per un cedimento nella rete di protezione dell’auto-inganno, si apriva un varco improvviso per riaffiorare. E così avveniva ora. In realtà, a orientare le ricerche verso Torre del  Greco, non era solo la grande fama che questa città, tra le più vicine a Pagani, godeva in quel tempo nel campo delle arti, e che era attestata, tra l’altro, dalla presenza di una prestigiosa scuola fondata pochi anni dopo l’Unità, proprio allo scopo di favorire la nascita e la formazione di incisori di corallo, orafi, disegnatori, decoratori, pittori, scultori.

Vincenzo Pepe – Una storia d’altri tempi -Capitolo IV – vesuvioweb 2018

 

15 Apr

4 Comments

Viaggio nella TERRA del VESUVIO

by

1847

Viaggio nella TERRA del VESUVIO

A cura di

Aniello Langella

A cura di Aniello Langella

Amalfi Incisione dal Magazin Pittoresque del 1847

Sorrento Incisione dal Magazin Pittoresque del 1847

Pozzuoli Incisione dal Magazin Pittoresque del 1847

Castellammare di Stabia Incisione dal Magazin Pittoresque del 1847

 

Viaggio nella Terra del Vesuvio 1847 – vesuvioweb – 2018 – a cura di Aniello Langella.pub

15 Apr

2 Comments

San Giovanni a Carbonara e la sua porta d’ingresso

by

Di

Marcello Erardi

Il portale d’ingresso alla Chiesa di San Giovanni a Carbonara nelle immagini di Marcello Erardi. Monumento del secolo XV.

Chiesa di San Giovanni a Carbonara, della congregazione de’ padri eremitani di sant’Agostino. La  fondazione  di  questa  chiesa  e  convento  è  del  1329,  poiché  in  detto  anno  Galderio  Galeota patrizio  napoletano  donò  ai  padri  fra  Giovanni  d’Alessandro,  priore  provinciale  della  provincia napoletana  dell’ordine  eremitano  di  sant’Agostino, ed  a  fra  Dionigi  de  Burgo  dello  stess’ordine,  e per essi alla congregazione eremitana, alcune sue case con orto site fuori le mura di Napoli, nel luogo ove diceasi a Carboneto, in cui questi padri aveano allora una piccola chiesa; nonostante non si  diè  principio  in  detto  anno  alla  nuova  fabrica, ma  nel  1339,  perché  fra  Dionigi  de  Burgo, incombenzato  della  medesima,  fu  impedito  dalle  sue occupazioni,  essendo  dottore  di  filosofia  in Parigi e fatto poi vescovo di Monopoli da Benedetto XII. Nel 1343 lo stesso Galeota fece ai padri altra  donazione  di  altri  giardini  contigui  per  costruirvi  la  nuova  chiesa  e  convento  che  volle  fosse dedicato a San Giovanni Battista. Sin d’allora, dunque, questi padri istituirono la loro congregazione detta dell’Osservanza, vivendo con austerità di vita sotto la regola di sant’Agostino, separata dalla provincia e soggetta immediatamente al generale dell’ordine. Dicesi dunque questa chiesa San Giovanni a Carbonara perché dedicata a san Giovanni Battista, e perché Carbonara chiamavasi la strada la quale forse prendea un tal nome o dallo specioso fondo di  Galderio,  che  chiamavasi  Carboneto,  o  perché  quivi  fosse  l’antica  famiglia  Carbonara, oggi spenta, o perché in questo luogo, fuori di città, allora si facessero o vendessero i carboni. Checché sia di ciò, certo si è che quivi appunto a’ tempi del Petrarca faceansi de’ giuochi gladiatorj, dacchéegli  vi  si  trovò  una  volta  presente  dicendo: “Quid autem  miri  est  si  quis per umbram noctis,  nullo teste,   petulantius   audeat, cum luce media, inspectantibus   Regibus, ac populo infamis ille gladiatorius  ludus  in  Urbe  itala  celebretur  barbarica  feritate?  ubi  more  pecudum  sanguis  humanus funditur, et sæpe plaudentibus insanorum cuneis, sub oculis miserorum parentum infelices filii jugulantur,  juguloque  gladium  cunctantius  excepisse,  infamia  summa  est,  quasi  pro  Republica,  aut pro  æternæ  vitæ  præmiis  certetur?  Illuc  ego  pridem ignarus  omnium  ductus  sum  ad  locum  urbi congruum,  quem  Carbonariam  vocant  non  indigno  vocabulo,  ubi  scilicet  ad  mortis  incudem cruentos  fabros  denigrat  tantorum  scelerum  officina.  Aderat  Regina,  et  Andreas  Regulus  etc.”.  A’ tempi poi di Carlo III furono questi giuochi aboliti; ma vi si continuarono a fare i tornei e le giostre, ed i re di Napoli aveano a bella posta quivi eretto un magnifico palazzo per godere di simili giuochi di allegrezza; quale palaggio poi fu dal re Roberto donato a Landulfo Caracciolo suo confidente, ed è appunto per ciò ch’io credo, il magnifico Palaggio de’ signori Caracciolo di San Buono.  Nel  salire  la  scala  di  questa  chiesa,  ridotta  nella  presente  forma  con  disegno  dell’architetto Sanfelice, vi si osserva la prima ed antichissima chiesa eretta dai padri, la quale poi rimase abolita  e profanata  allorché  il  re  Ladislao  contribuì  alla  costruzione  della  chiesa  superiore,  come  diremo. Verso  il  1620  poi,  per  essersi  quivi  ritrovata  una antichissima  imagine  dipinta  in  un  muro, rappresentante  la  Beata  Vergine  che  abbraccia  il  suo  figliuolo  il  quale  sta  già  mezzo  nel  sepolcro, dalla destra san Giovanni Battista e dalla sinistra sant’Agostino, la divozione de’ napoletani fece sìche il luogo ridotto si fosse di nuovo a chiesa nella forma come al presente si vede, sotto il titolo di Santa  Maria  Consolazione  degli  Afflitti;  e  l’altare  della  Vergine  fu rifatto  da  Pirro  Galeota come dalla iscrizione che nella stessa chiesa si legge: Ad Temp. & Monast. S. Joan. Bapt. erectionem Gualterius Capycius Galeota Anno Domini 1339. RR. PP. Erem. Divi Augustini omnes ejus domos, ac ortos donavit annua etiam dote unciarum auri sex elargit Virginis aram avita pietate Pirrhus Jo: Capycius Galeota Princeps Montis Leonis insignibus restauratis expolivit ann. Dom. 1630.

Da: Giuseppe Sigismondo “Descrizione della città di Napoli e suoi borghi del dottor Giuseppe Sigismondo napoletano”. Tomo I, in Napoli, presso i Fratelli Terres, 1788.

icona porta carbonara1

https://www.facebook.com/Marcello.foto1973/photos/?tab=album&album_id=1071111956337980