16 Set

3 Comments

Il dopoguerra a Torre del Greco

by

Il dopoguerra a Torre del Greco: l’attività amministrativa negli anni della transizione (1943 – 1946)

Di

Lina De Luca

Dal luglio 1943,con lo sbarco in Sicilia, la strategia degli Alleati prevedeva la formazione nei territori mano a mano liberati di giunte amministrative locali sottoposte ad un forte controllo degli Angloamericani, allo scopo di stabilizzare le aree occupate e garantire la continuità dei vantaggi militari conseguiti. Depurati, almeno nelle intenzioni, dagli elementi più compromessi col fascismo, a tali organi fu affidata la gestione degli affari civili. Esautorati i podestà, in loro vece si nominarono dei commissari con funzione di sindaco. Con il procedere delle operazioni militari e l’avanzamento del fronte di guerra, al controllo esercitato dal Governo Militare Alleato poteva sostituirsi la giurisdizione italiana.

Lina De Luca – Il dopoguerra a Torre del Greco – vesuvioweb 2017

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Storia e cultura

16 Set

0 Comments

Delectus scriptorum rerum Neapolitanarum

by

Di

Giordano Domenico

Delectus scriptorum rerum Neapolitanarum; qui populorum, ac civitatum res antiquas, aliasque vario tempore gestas memoriae prodiderunt; partim nunc primum editi, partim auctiores, ac emendatiores; accesserunt variae, ac accuratae tabulae geographicae, ac aliae, cum indice locupletissimo; eorum seriem pagina post epistolarm dedicatoriam exhibe.

1735

Le immagini della Terra Vesuviana e della città di Nola

Delectus scriptorum rerum Neapolitanarum 1735 - 1

Planimetria tridimensionale a volo d’uccello dell’area vesuviana. La panoramica ampia e risalente alle prima metà del secolo XVIII ritrae in primo piano l’edificio vulcanico del Somma-Vesuvio, della piana vesuviana a nord e dei due lati del golfo di Napoli con relative località.

Delectus scriptorum rerum Neapolitanarum 1735 - 3

Planimetria della città di Nola al 1735

Delectus scriptorum rerum Neapolitanarum 1735 -2

Planimetria della città di Nola

Immagini da

https://archive.org/stream/delectusscriptor00gior#page/n5/mode/2up

 

16 Set

1 Comment

Gli affreschi della Cappella Caracciolo del Sole del Complesso monumentale di San Giovanni a Carbonara

by

Di

Marcello Erardi

Per un arco stiacciato di sotto al sepolcro di Ladislao entrasi nella cappella de’ Caracciolo del Sole, dove, rimpettto la porta, si scorge il monumento di Sergianni Caracciolo, fatto celebre da’ favori di corte e dalla sua infelicissima fine, imperocchè lui essendo siniscalco di Giovanna II, divenne invidia di Covella Ruffo, duchessa di Sessa, e per le altre cose dette nella notizia del suo palazzo alla Pace, fu nella notte del 25 di agosto del 1452 fattto pugnalare nel letto in castel Capuano. Sergianni col pugnale nella destra sta in piedi sul sarcofago, il quale è sostenuto negli angoli da quattro pilastri che si alzano per accogliere in tante nicchie statuette di santi martiri, e tutto il monumento è sostenuto da tre grandi statue rappresentanti le principali virtù che dovrebbe livore ogni uomo di stato. Questa opera nobilissima è anche lavorodi Andrea Ciccione. Su la fronte della cassa mortuaria Lorenzo Valla fa parlare il defunto con questo epigramma:

NIL MIHI NI TITVLVS SVMMO DE CVLMINE DEERAT
REGINA MORBIS INVALIDA ET SENIO
FAECVNDA POPVLOS PROCERESQVE IN PACE TVEBAR
PRO DOMINAE IMPERIO NVLLIVS ARMA TIMENS
SED ME IDEM LIVOR QVI TE FORTISSIME CAESAR
SOPITVM EXTINXIT NOCTE IVVANTE DOLOS
NON ME SED TOTVM LACERAS MANVS IMPIA REGNVM
PARTIIENOPESQVE SVVM PERDIDIT ALMA DECVS

Ed in una lapida posta sotto al sepolcro leggesi:

SYRIANNI CARACCIOLO AVELLINI COMITI VENVSII DVCI AC REGNI MAGNO SENESCALLO ET MODERATORI TROIANVS FILIVS MELPHIAE DVX PARENTI DE SE DEQVE PATRIA OPTIME MERITO ERIGENDVM CVRAVIT MCCCCXXXIII

La cappella fu fondata da Sergianni nel 1427, e rifatta daTrojano e Gaetano Caracciolo del Sole nel 1693: è di forma rotonda, e vedesi tutta adornata di pitture a fresco di Leonardo da Bisticcio milanese, uno degli ultimi allievi di Giotto. Egli spartì l’opera in molte composizioni di varia forma e grandezza , e vi rappresentò su l’uscio l’incoronazione della Vergine circondata da cori di cherubini e di serafini, e da’profeti; ed intorno le storie della vita di lei, e quelle spettanti alla santa conversazione de’Frati eremitani di s. Agostino. Vi figurò pure il Salvatore e molti santi vescovi in partimenti divisi, e sul sarcofago di Sergianni pinse due cavalieri armati, come avessero attenenza col monumento. Il nome dell’artista si legge nell’orlo superiore del primo quadro a man diritta di chi entra; ed accanto alla portt a vedesi in un tondo il busto a chiaroscuro di uomo nudo della persona con le braccia incrociate, e vuolsi fosse l’effigie vera di Sergianni Caracciolo, siccome fu visto nella notte in che cadde-trucidato1.

icona cappella del sole1
La cappella fu fondata da Sergianni nel 1427 , e rifatta da Trojano e Gaetano Caracciolo del Sole nel1695: è di forma rotonda, e vedesi tutta adornata di pitture a fresco di Leonardo da Bisaccio milanese, uno degli ultimi allievi di Giotto. Egli Spartì l’opera in molte composizioni di varia ferma e grandezza , e vi rappresentò su l’uscio l’inceronazione della Vergine circondata da cori di cherubini. e di serafini , e da’profeti; ed interno le storie della vita di lei, e quelle spettanti alla santa conversazione de’Frati eremitani di s. Agostino. Vi figurò pure il Salvatore e molti santi vescovi in partimenti di visi, e Sul sarcofago di Sergianni pinse due cavalieri armati, come avessero attenenza col monumento. Il nome dell’artista si legge nell’orlo superiore del primo quadro a man diritta di chi entra; ed accanto alla porta vedesi in un tondo il busto aehiaroScuro di uomo nudo della ersona con le braccia incrociate, e vuolsi fosse l’effigre vera di Sergianni Caracciolo, siccome fu visto nella notte in che cadde trucidato2.

https://www.facebook.com/Marcello.foto1973/photos/?tab=album&album_id=1071173832998459

Bibliografia:

  1.     Descrizione della città di Napoli e delle sue vicinanze. Di Gaetano Nobile Napoli 1855. Volume 2, pagina 915.
  2.     Descrizione della citta di Napoli e delle sue vicinanze divisa in 30 giornate. Di Gaetano Nobile. Volume II. Napoli 1863. Pagina 266.

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Arte e artisti a Napoli, I monumenti, Storia

03 Set

0 Comments

Via Fontana, la memoria ritrovata

by

Di

Giovanni Ruotolo

Guardando la nostra città, oggi, non ci assale la benché minima idea delle traversie, alcune immani, che pur l’hanno attraversata. Come una spessa coltre di polvere il tempo ha annichilito tutto, finanche le cose belle. È strano, si ha a volte l’impressione che tutto ciò che è trascorso, tutto ciò che un tempo era vivo e palpitante sia oramai sperso in un universo indefinito e mostruoso. Noi stessi e quel che siamo stati un tempo sembriamo evaporati, ridotti in un pulviscolo che non è più tracciabile.

icona fontana2

Giovanni Ruotolo – Via Fontana, la memoria ritrovata – vesuvioweb 2017.pub

Le foto sono di Pasquale D’Orsi

03 Set

0 Comments

La rivolta di Spartaco: 73 d.C.

by

La rivolta di Spartaco: 73 d.C.

La grande avventura del gladiatore ribelle Spartaco e del suo esercito di schiavi. Una cronaca basata sulle fonti antiche, che inizia nelle cucine della scuola dei gladiatori di Capua, dove settanta uomini, armati di spiedi e mannaie da macellaio, riescono a farsi largo verso la libertà. Il viaggio prosegue sul Vesuvio, dove Spartaco ottiene le prime vittorie, attraversa tutta l’Italia e finisce sulla via Appia, con la crocifissione di 6.000 ribelli. Il racconto è affidato a Cristoforo Gorno, cronista e conduttore che come un inviato nel mondo antico, guida il telespettatore ora dopo ora nei luoghi dell’azione, descrivendo anche il contesto in cui quell’avvenimento si è determinato. Il percorso è arricchito da un esame accurato delle fonti letterarie e iconografiche, scandito da dichiarazioni, frasi famose e virgolettati dei protagonisti, ed estratti dai resoconti dei contemporanei. Arricchiscono le mappe per permettere di ripercorrere, oggi, gli stessi passi compiuti dai protagonisti dei diversi avvenimenti.

http://www.raistoria.rai.it/articoli-programma/cronache-dallantichit%C3%A0-io-sono-spartaco/31000/default.aspx

03 Set

2 Comments

… càvere ca’…

by

Di

Aniello Langella

Avevo sentito spesso quella voce, vi dicevo, ma quel giorno il pizzaiolo della villa comunale dove mi ero recato per mano al nonno, sembrava diverso dagli altri. Quello non era un pizzaiolo ambulante, ma un professionista vero, con una voce da tenore e con uno sguardo da furbo sotto le folte sopracciglia che accentuavano ancor di più quegli occhi ingrottati e lucenti. Un volto nero affummato,  magro come n’alice salata, aveva nella cintura dei pantaloni, da un lato una tovaglia che in origine doveva essere bianca e dall’altro lato un mazzetto di carte nel quale porgere come in un piatto il suo profumato prodotto della sua bottega ambulante.

cavere icona1

 Aniello Langella – Cavere ca’ – vesuvioweb 2016.pub

03 Set

1 Comment

La Terra di Lavoro 1642

by

Di

Antonio Bulifon

Carte de’ Regni di Napoli, e di Sicilia, Loro Provincie, ed Isole adjacenti fatte esattamente incidere da Antonio Bolifoni nel 1692, ed ora dal Dottor Luigi Bolifoni Suo Nipote, con piccole Mutazioni fatte ristampare e Dedicatte alla Sacra Maesta di Carlo Redi Napoli, Infante di Spagna. Autore Bolifoni, Antonio Bolifon. 1734.

Da BIBLIOTECA DIGITAL HISPÁNICA

icona terra di lavoro

La Terra di Lavoro – Di Antonio Bulifon – vesuvioweb 2016 – Da BNE