09 Apr

1 Comment

Torre del Greco 1799

by

Torre del Greco 1799

Di

Lina De Luca

Il 1799, ultimo del XVIII secolo, si aprì per Napoli nell’attesa di un rivolgimento politico-istituzionale a cui non era storicamente avvezza se non per quella breve parentesi del 1647 nota come Repubblica di Masaniello. In quell’inizio d’anno truppe francesi dell’esercito di Bonaparte sarebbero entrate nella capitale del regno e avrebbero dato sostegno, come era accaduto in altre parti d’Italia, a coloro che agognavano la nascita di una Repubblica. I rivoluzionari napoletani, ispirati dai principi della scuola illuministica e riformistica napoletana da Galiani a Genovesi a
Filangieri, ritenevano che fosse ormai giunto il momento di scardinare l’assolutismo borbonico che concentrava tutti i poteri nella persona del sovrano senza il controllo di altri organi: essi vagheggiavano una Repubblica Napoletana, una nazione di liberi cittadini che potessero partecipare alla vita politica attraverso un “governo democratico sulle basi della libertà ed uguaglianza” (Proclami e Sanzioni della Repubblica Napoletana, raccolti da C. Colletta, 1863). Ma agli ideali si accompagnarono anche errori politici.

Lina De Luca – Torre del Greco 1799 – vesuvioweb 2021

 

09 Apr

0 Comments

“Post fata resurgo” – Le eruzioni del Vesuvio e i Torresi

by

“Post fata resurgo” – Le eruzioni del Vesuvio e i Torresi

Di

Umberto Vitiello “Vadìm

Del fango caldissimo proveniente da una fessura nei pressi dei Camaldoli di Torre del Greco invade i terreni fino al mare. Interrompendo il traffico sulla Regia Strada delle Calabrie, dove oggi è la contrada Leopardi. Le ceneri arrivano anche con questa eruzione fino a Costantinopoli, che con la conquista turca del 29 maggio 1453 ha cambiato nome in Istanbul. Il mare arretra e un’esplosione causa l’abbassamento della cima del cratere di ben 450 metri e l’apertura di due crepacci sul lato occidentale del vulcano che emettono abbondanti quantità di lava
In tre giorni l’eruzione del 1631 provoca la morte di 6.000 capi di bestiame, la distruzione di un terzo della città di Torre del Greco e la morte di 10.000 suoi abitanti, oltre un terzo della sua popolazione. Secondo lo studioso torrese Francesco Balzano, nato nel 1631, lo stesso anno di questa terribile eruzione, e mortonel 1690, “la cenere calò abbondante e fece ritirare il mare… nel qual terreno hoggi si sono fatte massarie e ogni anno vi si fanno ortaggi in abbondanza”. Lo stesso Balzano e altri studiosi calcolarono che l’eruzione del 1631 e un violento lunghissimo nubifragio aveva trasportato a mare tonnellate e tonnellate di detriti facendo allungare di un centinaio di metri i terreni di Torre del Greco verso il mare. Pur ridotta moltissimo la sua popolazione, i sopravvissuti si dedicano subito alla ricostruzione della città. Ma 25 anni dopo un’altra sciagura si abbatte su di loro: la peste del 1656 che colpisce Napoli e la sua provincia e provoca la morte di 1500 torresi, per la maggior parte sotterrati in uno scavo dietro la Chiesa del Carmine.

Umberto Vitiello – Post Fata resurgo – vesuvioweb 2021

09 Apr

0 Comments

Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano – La lettera R – Da racchio a ruzzo

by

Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano

La lettera R

Da racchio a ruzzo

Di

Salvatore Argenziano

Refónnere: v. tr. Aggiungere, rimetterci. etim. Lat. “refùndere”, riversare.
*Basile. E dapo’ essere socciesso sto chiaieto tre o quatto vote, co refonnere sempre sceroccate de ’midia a la guallara de le sore, all’utemo tanto scervecaro ste brutte arpie che pe via de n’orca sapettero tutto lo fatto
*Basile. vennero tutti dui a le feste che se fecero, refonnenno grasso de allegrezza a lo pignato maritato de le contentezze loro, scompetanno tutte l’affanne passate,
*Cortese. Ma sai pe chi le sparpatea lo core? / Pe chi sospire e lagreme sbalanza? / Pe chi meglio refonne oro ed argiento, / Ca l’autre cose so’ cose de viento.
*Sgruttendio. Uno refonne a tommola li scute / A guaguine ed a perchie, / Che mente le refuste danno guste, / E po’ desguste, quanno no’ refuste, / E co mille coperchie / Te fanno torna’ l’ uommene papute.
*P. Sarnelli. fattole mettere no strappontino a chillo vascio, le faceva stare llà la notte, e lo juorno sempe le refonneva quarcosa pe no’ le bedere morire accossì sperute,
*D. Basile. Mò uno co na vista gioveiale, / Mo n’autro cò no tuocco de Manella, / Chillo che mme dace, è chiù refonne. / Te lo squascio, è facciole carrize: *Feralintisco. Chesto te l’accerto porzì io, pecché lo ’saccio de caosa scienzeia; e ’resto vasannote le mmano quanno le ’tiene chiene de Doppeie, che mme le ’puozze refonnere.
*G. Quattromani. Io non ce voglio refònnere la coscienza, e no ntenno d’accidere nesciuno primma de lo tempo; v’aggio ditto le cose comme ll’aggio trovate scritte, e de lo riesto non mme ne mporta na cùfece.
*Scarpetta. L’interesse non è stata maje la mia corda sensibile… Tengo st’unica figlia e pe farla contenta non fa niente che nce refonne quacche cosa da la sacca… Sposateve e lo Cielo ve pozza benedicere…
*Canzoniere Napoletano. Ma dich’io, che ce refonne / si mme manna ’o vino a Pasca? / E si no, po’, ’a veritá, / non c’è proprio dignitá!
*R. Bracale. Naturalmente senz a foca ’ncanna, / pavanno ’o gghiusto, senza ca me sporpo, / senza ca ce refonno e acqua e rranno…
*G. Francione. No, no. Si è comme l’autra vota ca me faciste accattà a jatta fore ’o sacco, e nce aggio refonnuto 200 quatrini io me ne vaco. Eh vaco a piscià pur io…

Salvatore Argenziano – Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano – R – Da Racchio a Ruzzo – vesuvioweb 2021

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Lessico e Letteratura Napoletana

09 Apr

0 Comments

7 – La Regia Strada delle Calabrie – Ancora Portici e Granatello

by

La Regia Strada
delle Calabrie
Ispirata al
VIAGGIO DA NAPOLI A
CASTELLAMMARE. Con 42 vedute incise
all’acqua forte di Achille Gigante. 1845

Ancora Portici e Granatello

Di

Aniello Langella

In un dì di maggio del 1737 navigando sopra regia galea da Castellammare per Napoli una egregia donna di soavi ed ornati costumi in compagnia del suo potente consorte, fu costretta, per la malvagità del tempo, a riparare in questa spiaggia. O fosse il piacer che destavale il vedersi in luogo sicuro, o fosse l’efficacia vera della sensazione ch’ ella in quel punto provava; che incantato luogo è mai questo, ella disse ed oh come volentieri io trarrei qui molti giorni dell’anno! Udiva il suo consorte cosi fatte parole, e quel voto innocente era esaudito, perchè di regina, nell’animo di un sovrano; era questi Carlo di Borbone venuto di fresco fra noi a rifare le sorti di una terra infelice. Pur tuttavia tenero com’egli era della salute della Real Donna, chiedeva a taluno de suoi medici se veramente sano era l’aere di quella contrada come diceasi, ed avutane sicurtà, in quel suo pensiero fermavasi. Se non che un cortigiano fecegli avvertire a qual pericolo andavasi incontro, dimorando in un luogo ch’era stato altra volta inabissato dal Vulcano; ed allora il buon Monarca rispose: ci penserà Iddio, ci penserà Maria Immacolata e S. Gennaro.

E questa è la storia raccontata, il mito che diventa concreta realtà, perché di mito si tratta. Una storia che ha attraversato tutti i testi della storia della Terra Vesuviana. Un racconto che vede protagonisti tre soggetti: un re, una regina ed un luogo incantato.

7 – Viaggio da Napoli a Castellammare – Portici e il Granatello – vesuvioweb 2020.pub

 

 

 

 

09 Apr

0 Comments

Napoli e la Piazza dove si tengono i condannati – 1765

by

Pianta topografica di Napoli del 1765

Di

Filippo Morghen, Raffaele Morghen e Antonio Cardon

 

Nell’anno 1577, un breve accenno a quello spazio interessantissimo compreso tra la chiesa di Santa Lucia a Chiatamone e l’Arsenale: A. D. 1577 — Arsenale di S. Lucia. Fu fatto costruire dal Vice re D. Indigo di Lopez Mendozza marchese di Mondejar, che abolì quello che stava tra la dogana del sale e s. Maria Visitapoveri. Cominciò nello stesso arsenale tabella Piazza d’armi che fu terminata dal di lui successore D. Giovanni Zuniga.

La mappa incisa nell’officina dei Morghen è un documento importantissimo, che verrà molto probabilmente preso a modello dal Duca di Noja che nel 1775, realizzerà il vero “capolavoro” della cartografia di Napoli e del territorio fin ai confini di Torre del Greco ad est. In tal senso questo documento che pubblichiamo va letto in tutta la sua preziosa messe di informazioni, non solo sul piano cartografico, urbanistico, ma nelle sue didascalie. In particolare alcuni punti sorprendono e colgono nel segno, andando a documentare un momento storico della vita militare e politica della città. Il numero 68 ha dato il titolo a questo contributo iconografico: un luogo fisico dove venivano segregati i condannati che come si può cogliere in diversi testi della bibliografia napoletana, venivano impiegati nella fonderia e nei lavori pesanti dell’annessa officina delle Armi, posta tra il muraglione di contenimento del Palazzo Reale, la Darsena e l’Arsenale. Con il numero 72, il complesso religioso di Santa Lucia, eretta con la chiesetta da Lucia, nipote dell’imperatore Costantino. Accanto e molto probabilmente spostata verso oriente la Panatica che fu edificata nel 1619 per rifornire tutto il complesso militare del Morosiglio. Qui vi lavoravano gli addetti all’Arsenale, alla Darsena, alla Real Fonderia, all’Ospedale delle truppe e dei marinai. La Panatica ebbe un ruolo importantissimo in questo spazio e ad essa afferivano anche i religiosi del complesso del Castel dell’Ovo. Non si esclude che i prodotti che sfornava questo luogo di duro lavoro e di delizie per il palato, fosse utilizzato non solo per l’approvvigionamento della flotta militare, ma anche per il palazzo Reale. Molto ben curata la descrizione della porzione orientale della città, dove sono visibili le mura perimetrali e le torri che si alternano alle porte d’accesso. Eccellente, infine, il disegno della topografia del Ponte della Maddalena, con la precisa localizzazione della cappella omonima.

In quell’anno vivevano a Napoli 340.850 anime.

 

1 – Francesco Ceva Grimaldi. Memorie storiche della città di Napoli. Napoli, Stamperia della Pignasecca, 1857, pagina 352

2 – Ringrazio il portale https://www.e-rara.ch/zut/content/zoom/14157501 che gratuitamente mette in rete documenti rari e preziosi per lo studio della storia del territorio vesuviano. https://www.e-rara.ch/

A cura di Aniello Langella

9 aprile 2021

 

 

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Cartografia antica napoletana

25 Mar

1 Comment

Dante – Inferno – Canto XXI – Cunto in dialetto napoletano

by

Dante – Inferno – Canto XXI – Cunto in dialetto napoletano

Di

Salvatore Argenziano

 

Tanno m’avutaie comme a cchillo ca se ntaleia Allora…. indugia
a vveré coccosa, mente ca fosse mmeglio rese na mossa e, p’ ’a paura tremmano ’e ccosce  correre via
e gguardanno e smicciano, priesto priesto s’alluntana, e sbirciando
e ttanno veriétti areto a nnuie nu riavulo niro
ca curreva ncopp’ ’o scuógliero, venenno addu nuie.
Marò, comm’era chillo, sarvatico mpresenzia! d’aspetto!
E assaie me pareva ca fosse ’e razza malacarne, feroce
ch’ ’e scelle sguarrate e lliesto ’e père. aperte…. veloce
Eva àveto e cchiantuto e ncuollo carriava tarchiato… portava
nu cristiano peccatore, ch’ ’e ccosce sguarrate, a cavalcioni
tramente ca l’acciaffava pe ll’ossa pezzelle. afferrava per le caviglie
Chillu riavulo ca steva ncoppa ’o ponte nuosto ricette:
“Malacianfa, tèccote a cchisto, Malebranche, prendi
nu cunzigliere ’e Santa Zita! …duomo della Santa di Lucca
Sprufunnàtelo dint’ ’a pece ca io nce vaco n’ata vota
a cchillu paese ca, comme a cchisto, ne tene a zzeffunno: a Lucca …a iosa:
So’ ttuttuquanti mprusaturi, imbroglioni
ma no Bonturo; ironia per un famoso barattiere;
addó p’ ’e sordi ogni -nnone- addeventa -sine-”.  no per sì.

 

Salvatore Argenziano – Dante – Inferno – Canto XXI – Cunto in dialetto napoletano – vesuvioweb 2021

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Dante in Napoletano

02 Mar

0 Comments

Le origini di Somma Vesuviana

by

Le origini di Somma Vesuviana

di

Domenico Parisi

Io do, alla parola “nottiluca“,  un significato particolare, nuovo, aderente alla sua etimologia;  un significato che rapporto, soprattutto, alla storia ed, in ispecie, a quei punti di essa, dove l’oscurità più s’addensa e l’ansia di sapere più s’acuisce; perché anche il mistero ha un suo irresistibile fascino[1]. Con queste parole Salvatore Cantone spiegava il titolo che aveva voluto dare al suo intervento nella Conferenza  sulla Protostoria e Storia Campane, tenuta in Pomigliano d’Arco nel giugno del 1935. Il riferimento alla Noctiluca miliaris, un protozoo che conferisce una particolare luminescenza alle acque marine, dovette sembrargli una metafora particolarmente appropriata, una sorta di avvertenza ai convenuti (ed ai futuri lettori), per interpretare adeguatamente le cose, che di lì a poco, avrebbe detto per illuminare i punti oscuri della storia della nigra terra cantata da Virgilio. La stessa metafora andrebbe riproposta oggi per quanto riguarda la Storia antica di Somma e dell’intero territorio nord-vesuviano che, solo da pochi lustri, comincia ad essere illuminata da qualche nottiluca che sta aprendo nuove prospettive di ricerca e di studio. È noto che la scoperta delle rovine di Ercolano e di Pompei, discavate pel filosofico genio di re Carlo III Borbone[2], per lungo tempo hanno egemonizzato l’attenzione degli archeologi e degli studiosi appassionati d’ antichità. A partire dalla seconda metà del Settecento, la meraviglia dei ritrovamenti che si succedevano e la bellezza incontaminata dei luoghi, soggiogati dall’incantevole Mostro vesuviano, attraevano un numero sempre crescente di aristocratici viaggiatori del Grand Tour. Le statue restituite al godimento degli occhi, l’antica architettura urbana, i templi, le domus e le pitture ancora vivide, ben si addicevano al gusto neoclassico dell’aristocrazia europea del tempo; ma, soprattutto, stuzzicavano la fantasia e la voglia della scoperta. Le prime notizie sugli scavi di Ercolano, già diffuse in Francia dal 1754 da Charles Nicolas Cochin figlio[3] e gli studi della Regale Accademia Ercolanese, istituita il 13 dicembre 1755 per volontà di Carlo III, attiravano nelle contrade vesuviane i più noti cultori degli studi antiquari d’Europa: archeologi, architetti, incisori, pittori, numismatici, collezionisti che poi pubblicavano le loro impressioni, purtroppo solo in alcuni casi, corredate anche da splendide incisioni[4].  

[1] S. Cantone, Nottiluche, Conferenza sulla Protostoria e Storia Campane, Tipografia Joele & Aliberti, Napoli 1935, p. 6. [2] S. Fenicia, Sulle metamorfosi de Taranto e sulle cause delle sue singolari produzioni di terra e di mare,  Congetturazioni del Cavaliere Salvatore Fenicia, Stabilimento tipografico Perrotti, Napoli 1858, p. 32.
[3] Figlio di  Charles Nicolas il Vecchio, e per questo conosciuto come Cochin fils,  fu uno dei più noti incisori del XVIII sec. e tra i principali illustratori dell’ Encyclopédie. Nel 1758 pubblicò un Voyage en Italie in tre volumi, frutto delle impressioni annotate nel 1749 durante un viaggio fatto con J. G. Sufflot, l’architetto della nuova Église de Saine-Genévieve, oggi conosciuta come Panthéon.
[4] Il motivo ricorrente delle prime descrizioni delle meraviglie ercolanesi sono, infatti, le proteste comuni di tutti i visitatori cui veniva severamente vietato dal regolamento del Museo di disegnare o di scrivere, al punto che molti lamentavano di non aver avuto abbastanza tempo nemmeno per guardare gli oggetti, A. Allroggen-Bedel,  Gli scavi di Ercolano nella politica culturale dei Borboni, in  Ercolano 1738-1988: 250 anni di ricerca archeologica, a cura di, L. Franchi Dell’Orto, L’Erma di Bretschneider, Roma 1993, p. 36. Al tempo stesso, però, queste misure restrittive ebbero il merito di far aumentare a dismisura l’interesse e la curiosità per quello che stava venendo alla luce, tanto più se si considera che le stesse pubblicazioni dell’Accademia, i prestigiosi volumi delle Antichità di Ercolano,  non erano in vendita, ma venivano distribuiti direttamente dalla Casa Reale all’aristocrazia europea, agli ospiti di riguardo e, raramente, a qualche istituzione scientifica.

Domenico Parisi – Le origini di Somma Vesuviana – vesuvioweb 2021

 

02 Mar

0 Comments

12 – A Lenga Turrese Vocalismo e Consonantismo – La Vocale – E

by

A Lenga Turrese – Vocalismo e Consonantismo

La Vocale – E

Di

Salvatore Argenziano

Esito /ié/ dovuto alla desinenza /i/ verbale Il verbo pèrdere, radicale “pèrd”, alla seconda pers. sing. ind. pres. è: tu piérdi, con mutazione è/ié della vocale tonica. Analogamente abbiamo tu miétti per metti e tu lievi per levi. Ovviamente nelle citazioni la desinenza /i/ è sostituita dalla /e/. ****Basile. perché autramente io me ne piglio li scarpune e tu pierde la forma. ****Cortese. Ora va, Micco mio, tutto preiato, / Miette l’ascelle, e bola commo auciello, / Ca priesto priesto t’asciaraie ’nzorato, / Vencenno de Grannizia lo castiello: ***Sgruttendio. Tu lieve da la bramma a li manciune, / Tu l’ allancate satore e le sbramme, / Li poverielle lieve da la famme / Ed inchie a tutte quante. Esito /ié/ dovuto alla desinenza /o/ del maschile Dal latino classico “testu-m”, testo, vaso di terracotta, attraverso il volgare “testu”, il dialettale tiésto. Dal latino “ventu-m” > viénto. Da “centu-m” ciénto. Da “experimentu-m” > spremmiénto. ***Sgruttendio. Cierto parite d’arme la
vorpara, / O no trépete site: ah, fosse io miso / ’Ncoppa a sso trépete, tiesto pe caudara! ***Cortese. Chi chiamma paraliteche li vuosche / Perché lo viento le fa freccecare, / Chi dice ca lo viento have li cruosche / Ché non face autro maie se non sciosciare, ***Basile. aggio scompute li iuorne, no è possibele che campa pe spremmiento a sta vita senza la vita mia; Questa mutazione risulta più evidente nella declinazione degli aggettivi, dal femminile, da desinenza latina /-am/, al maschile, desinenza /-um/. Da “apert-am”, aperta ad “apert-um”, apiérto. Da prèna a priéno, da zitella a
zitiéllo, da vecchia a viécchio. ***Basile. se sosette lo recapeto e sbignaie, lassanno lo prencepe chino de docezze, prieno de curiosità, carreco de maraveglia. ***Velardiniello. Lo viecchio a quillo tiempo parea citiello / con le brache strengate a lo iupariello. ***Cortese. Portava de Gragnano na gonnella / E no ieppone viecchio d’armosino, / Co no corzetto po’, co la granniglia, / Che fece a cchiù de quatto auza’ le ciglia.

Salvatore Argenziano – A Lenga Turrese – Vocalismo e Consonantismo – La Vocale E – vesuvioweb 2021

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, La grammatica della Lenga Turrese

02 Mar

0 Comments

Il mare i Torresi e il Corallo

by

Il mare i Torresi e il Corallo

Di

Umberto Vitiello “Vadìm”

Nel biennio 1950 – 1970 Torre del Greco è la città d’Italia con il maggior numero di lavoratori del mare, legati alle grandi navi da passeggeri, da crociera e da carico. I marittimi superano le 30.000 unità, più di un terzo della sua intera popolazione e, eliminando minorenni e anziani che non lavorano, più o meno la metà della sua popolazione attiva. Oggi la situazione è profondamente mutata e dopo l’apertura ai mercati globali il settore marittimo riesce ad occupare non più di 6.000 lavoratori torresi. Nel biennio 1950 – 1970 l’altra metà della popolazione attiva di Torre del Greco è occupata in lavori agricoli, in piccole industrie, nell’artigianato, nel commercio, nei servizi e in due attività che riguardano anch’esse il mare: la pesca del pesce e la pesca e la lavorazione del corallo. Tutto è ineccepibile in questi vent’anni d’oro del lavoro marittimo e dell’agiatezza generalizzata che produce. Anche se non mancano naufragi con vittime di Torre del Greco, come quello dell’Andrea Doria della notte tra il 25 e il 26 luglio 1956. Il libretto di navigazione, ‘a libbrètta, è la garanzia d’un lavoro ben retribuito e possedere questo libretto quando si è celibe significa anche essere un buon partito. Per una buona parte delle Torresi il marito ideale è da tempo e resta tuttora l’uomo in navigazione, che alla famiglia non fa mancare nulla e a casa ci sta pochi mesi all’anno, devolvendo alla moglie piena autonomia decisionale su tutto ciò che riguarda non solo la gestione domestica, ma anche la crescita e l’educazione dei figli e il proprio modo di pensare e di agire.

Umberto Vitiello Vadim – Il mare i Torresi e il corallo – vesuvioweb 2021

02 Mar

0 Comments

Medicamenti napoletani – 1903

by

La medicina a Napoli nel 1903; pagine sparse dal giornale; aspetti antropologici e culturali

Di

Aniello Langella

… Un tempo a Napoli e non solo, si impermeabilizzavano i tetti delle case con il catrame. Ma con il catrame di preparavano anche le impermeabilizzazioni delle imbarcazioni. La stoppa con il catrame, veniva inserita tra le lunghe tavole del fasciame e ciò lasciava lo scafo elastico ed impermeabile. Chi lavorava nel campo dell’edilizia e della cantieristica navale, respirava volentieri i vapori derivati dalla bollitura e dal riscaldamento del catrame. Quei vapori, a quei tempi erano considerati benefici per i polmoni. Peccato che qualche anno dopo si scoprì che il catrame, nella sua forma sublimata, se inalato è un potente cancerogeno. In alcune patologie polmonari, la medicina indicava le inalazioni con catrame ed un toscano al giorno. Questo è un po’ il senso e la chiave di lettura delle pillole di Catramina …

icona medicamenti2

Aniello Langella – Medicamenti napoletani 1903 – vesuvioweb 2015