04 Lug

0 Comments

L’ Arazio a lo Mandracchio di Nicola Valletta

by

Di

Vincenzo Pepe

In un piccolo scritto da me dedicato su questa rivista qualche anno fa alla traduzione napoletana delle Odi di Orazio di Gabriele Quattromani1, prendevo l’abbrivo da un brano dell’Ars Poetica del Venosino, nella versione in vernacolo di un altro singolare orazianista partenopeo, Nicola Valletta. Di quest’opera ero venuto a conoscenza attraverso una tesi di laurea, e, convinto che essa esistesse solo in manoscritto, non mi ero mai preoccupato di appurare se fosse stata pubblicata. Il che era avvenuto, invece, e parecchi anni prima (2000), a cura del compianto prof. Aniello Gentile, con il patrocinio della Società di Storia Patria di Terra di Lavoro e del Centro Studi “Valle di Suessola”. Questo volume mi è davanti ora sulla mia scrivania, e assieme alla possibilità di rimediare alla mia mancanza di allora, mi fornisce anche il pretesto per ritornare più diffusamente sul suo contenuto, a cominciare dall’autore.

Vincenzo Pepe – L’ Arazio a lo Mandracchio – vesuvioweb 2017

 

 

04 Lug

1 Comment

12 – La Metafonia

by

Di

Salvatore Argenziano

La grafia e la grammatica napoletana

La Metafonia, o Metafonesi, è quel fenomeno linguistico per cui la vocale tonica subisce una modificazione, per effetto della vocale della sillaba finale della parola: a piccirélla > ’o piccirillo; ’o guaglióne > ’e guagliuni. Una funzione grammaticale, quindi, affermatasi con la pronuncia sempre più evanescente della vocale finale, quella desinenza che consentiva la distinzione del maschile dal femminile, del plurale dal singolare e della prima persona della coniugazione dalla seconda.

Salvatore Argenziano – Metafonia – Grafia e grammatica napoletana – vesuvioweb 2017

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Grafia e Grammatica Napoletana

04 Lug

0 Comments

Cronaca religiosa dall’eruzione del Vesuvio del 1794

by

Di

Aniello Langella

Erano illuminate dal fuoco della lava le terre dei Tironi, quando la città si vide accerchiata dal fuoco. Lo stesso giorno, il 18 giugno del 1794 bruciavano i vigneti della parte alta della città di Torre del Greco. E nella notte la lava alta quasi 4 metri su un fronte minaccioso lungo quasi 600 metri, iniziò a scendere verso il mare. Da lì a poco avrebbe invaso il cuore urbano della città, distruggendo tutto. Invase durante la notte il grande slargo di Capotorre, si allargò verso est andando a distruggere i palazzi e le chiese del centro, tra cui Santa Croce.

icona-materdei1

Proseguì durante la notte e nelle prime ore dell’alba per la Strada Comizi per poi guadagnare il mare. Un inferno di fuoco bruciava sulle case di Torre. Impattò, quella sproporzionata massa di lava, ciò che di più caro c’era allora nell’animo dei toresi: il cuore religioso della città. Crollarono Santa Croce, la chiesa dell’Assunta, Santa Maria delle Grazie, Santa Maria del Principio e San Michele Arcangelo. Sepolte per sempre sotto quel masso lavico fluido che nei giorni successivi e fino al 24 giugno, continuò a mutare per effetto del raffreddamento aereo e del contatto con il mare.

icona-download—————————————————————————————————————————————————–

aniello-langella-cronache-religiose-dalleruzione-del-vesuvio-del-1794-vesuvioweb-2017-pub

 

TEMI E ARGOMENTI CORRELATI

Il monastero di Massalubrense e Suor Serafina di Dio

Aniello Langella – Suor Serafina di Dio

Aniello Langella e Osvaldo De Mase – Il Complesso Monumentale del Santissimo Salvatore di Capri

04 Lug

0 Comments

Il campanile di San Gregorio Armeno a Napoli

by

Di

Marcello Erardi

icona campanile1

https://www.facebook.com/Marcello.foto1973/photos/a.1069110389871470.1073743159.505311336251381/1069110453204797/?type=3&theater

… Il campanile a cavallo della via S. Gregorio Armeno, antica testimonianza del collegamento realizzato, dopo l’unificazione del 1009, tra il monastero di San Pantaleone, a sinistra della strada, e quello di San Gregorio, sul lato destro … ASNa, Monasteri soppressi, 3444. Nel 1589 si costruisce il corpo di fabbrica tra il campanile e la chiesa: «Misura della fabrica fatta per m.o gioe quaranta, et m.o gio paulo delando
in lo ven.le mon.rio de s.to Ligoro maggiore de Nap. dopoi l’ultima misura delle 14 de settembre 1589 misurato per me Pompeo Basso Tabulario nap.no con intervento del m.co Alfonso Seviglia, et de d.ti m.ri V3. Lo muro del corritore alle celle de sopra al braccio fatto dal campanaro all’ecclesia longo pal. 137 [m. 36,17] … In nap. a di 22 de Xbre 1589 …»… La ulteriore fornitura di 150 carri di legno proveniente dalla Silva Mala, odierna Boscotrecase, avvenuta il 17 giugno 1318, potrebbe riferirsi alla costruzione del tetto in questa nuova parte della chiesa. Per lungo tempo, poi, non vi furono interventi edilizi di portata tale da incidere sulla conformazione urbanistica dell’area; solo tra il 1487 e il 1507 fu innalzato il nuovo campanile in sostituzione del vecchio elevato al tempo di Carlo II d’Angiò e posto a breve distanza della facciata Trecentesca; con l’occasione furono sistemati al contorno alcuni spazi a servizio della città, come il grande locale armeria.

___________________________________________

Bibliografia
San Gregorio Armeno. Storia, architettura, arte e tradizioni a cura di Nicola Spinosa, Aldo Pinto e Adriana Valerio fotografie di Luciano Pedicini

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, I monumenti, Storia

10 Giu

0 Comments

Le sorgenti dell’Olivella

by

Di

Ciro Teodonno

Per partire alla scoperta di queste rare e mistiche acque, uniche in un territorio che, per la sua natura vulcanica le vede assorbite in gran  parte  dalla  falda  freatica,  ho  deciso  di  seguire  invece  un  altro cammino, più  inusuale ma a mio parere più interessante, utile per apprezzare la rusticità di un mondo che  tende   gradualmente   a   scomparire   sotto   il   peso   di   una   modernità   che   tutto   appiattisce. Si  partirà  dunque  dai  cosiddetti  “ Murille  ‘e  Trocchia”  ovvero  dalla  parte  terminale  di  via  Trinchera ( medico della corte borbonica a suo tempo proprietario di vasti appezzamenti in zona, vedasi l’antica toponomastica “Gala Trinchera presente sulle colonne d’entrata di alcune residenze private) che dal comune di Pollena Trocchia giunge ai confini della città del santuario. All’altezza di un piccolo giardinetto triangolare ( m 156 slm ) , approntato per un sacello a S. Pio da Pietrelcina, s’imbocca, sulla destra, l’omonima via, all’entrata della quale v’è un’utile fontana.

Ciro Teodonno – Le sorgenti dell’Olivella – vesuvioweb 2017.pub

 

10 Giu

0 Comments

Il pensiero storico di Giambattista Vico (1668 – 1744) oggi più che mai attuale

by

Di

Umberto Vitiello (Vadìm)

Acuto osservatore degli eventi della Storia, Vico anticipa le più moderne teorie critiche del rapporto tra società e cultura, tra  l’essere e il divenire degli avvenimenti che segnano il destino dell’uomo nei secoli
Pierluigi Casalino

La fulgidezza intellettuale di Giambattista Vico non fu capita che vagamente dai suoi contemporanei, ma fu apprezzata e continua a essere giudicata con sommo interesse ogni qualvolta la minaccia d’un ritorno alla barbarie da parte dei “bestioni
insensati” – come lui definisce coloro che si affidano esclusivamente agli stimoli dell’istinto ferino – invoglia ad approfondire la sua teoria dei corsi e ricorsi storici, il ciclo delle tre età in successione ripetitiva: la primitiva, la mediana e la democratica
della storia dell’umanità.

Umberto Vitiello – Il pensiero di Giambattista Vico – vesuvioweb 2017

10 Giu

0 Comments

11 – Legazione vocalica

by

Di

Salvatore Argenziano

Mutazione vocalica nella legazione: desinenza – e –
Nella legazione che interessa la vocale -a- non c’è mutazione della stessa, come risulta dall’esempio ’a mana morta.
Una mutazione vocalica si ha per la desinenza evanescente / -e / che cambia in / -i /: belle signore > belli ssignore. Chelle parole > chelli pparola.
Perché si abbia legazione vocalica occorre che le due parole siano intimamente connesse nella frase. Nell’esempio che segue “aggio visto belli ssignore” la legazione è tra belli + ssignore. Nella frase “aggio visto a cchelli bbelle signore”, la legazione è tra chelli + belle; pertanto chelle diventa chelli e belle resta invariata. Viene pure meno l’elemento che aveva determinato il R. C. iniziale di signore che agisce ora su bbelle.

11 – Legazione vocalica – Di Salvatore Argenziano – vesuvioweb 2017

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Grafia e Grammatica Napoletana