30 Giu

1 Comment

Relazione su una escursione fatta sul Vesuvio in eruzione da M. de Verneuil, il 30 aprile e il 7 maggio 1868

by

Relazione su una escursione fatta sul Vesuvio in eruzione da M. de Verneuil, il 30 aprile e il 7 maggio 1868

Di

Franco Tessitore

Tratta dal Bollettino della Società Geologica di Francia, 2° serie, tomo XXV p. 802, seduta del 15 giugno 1868

In una lettera al mio amico M. d’Archîac2  che è stata inserita nei Rapporti dell’Académie des sciences, ho fornito dei dettagli su due escursioni fatte sul Vesuvio il 30 aprile e 7 maggio di quest’anno. Chiedo alla Società il permesso di completarli dando esattamente il risultato delle misure barometriche che non avevo potuto calcolare durante il viaggio. Quando ho lasciato Parigi, il 2 marzo scorso, l’eruzione del Vesuvio, cominciata il 13 novembre, era ancora molto attiva, e dicevano che aveva dato origine a un nuovo cono la cui altezza era variamente valutata. Avendo avuto il vantaggio di studiare la platea superiore e il cratere del Vesuvio nelle primavere del 1865 e 1866, desideravo vivamente riconoscere i cambiamenti apportati dall’ultima eruzione, e, per meglio appurarli, portai da Parigi un eccellente barometro di Fortin che mi era servito nei miei viaggi in Spagna. Attesi a Roma che l’attività decrescente del vulcano permettesse di avvicinarsi al cratere. Feci la mia prima ascensione il 30 aprile; ero in compagnia degli scienziati geologi di Napoli: M. Palmieri, direttore dell’Osservatorio, il suo aiuto D. Diego Franco, e il mio vecchio amico il professor Guiscardi. Constatai che potevamo salire sulla sommità del cono e arrivare fino ai bordi del cratere; riuscii anche a fare il giro, nonostante le masse di cenere e pietre che esso proiettava a intervalli di cui le più grandi rotolavano ai piedi del cono.

Franco Tessitore – Relazione su una escursione fatta sul Vesuvio in eruzione da M de Verneuil, il 30 aprile e il 7 maggio 1868 –

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, L'eruzione del Vesuvio del 1868

30 Giu

2 Comments

18 – La Consonante – V

by

A Lenga Turrese Vocalismo e Consonantismo

di

Salvatore Argenziano

La consonante V

Vaglione, guaglione, dal latino “baillionem”. ***ETN. Figlia mia fa’ orazione / e peccata nun ne fà/ si avisse nu buono vaglione / già facesse orazione. Vastaso, facchino, dal greco “bastàzein”, alzare. ***Basile. Né sai ca songo appunto / la calamita de ’no sagliemmanco / ch’ogni vastaso ed ogne poveriello / ’nce vo’ strecare l’aco o lo cortiello? ***Cortese. Ogne guattaro lassa la cucina, / Ogni vastaso lo sacco o segetta, / E bestuto che s’è de ferrannina, / E puostose na penna a la barretta.
Vacile, dal gallo-romanzo “baccinum”. Così vammace, bambagia da “bambacem”. Vadassare, nome proprio da Baldassare. Vagno, dal latino “”balneum”. Vaiassa dal francese “baiasse”. Vàllera o vàllana, castagna lessa con la buccia, dal latino “bàlanum”. Varca, dal latino “barcam”. Varrile e varrecchia, dal latino medievale “barriclum”. Vasá dal latino “basiare”.
Vasinicola, dal latino “basilicum”, greco “basilikos”. Vásulo, da “base”. Vàttere, dal latino “bàttere”. Vattiáto, battezzato, dal greco “baptizo”. Vavósa, pesce, da “bava”. Vellìculo dal latino “umbilicum”. Vocca, dal latino “buccam”. Voio dal latino “bovem”. Vréccia, dal latino “bricciam”.

18 – Consonante – V – Di Salvatore Argenziano – vesuvioweb 2018

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Stròppole linguistiche

30 Giu

0 Comments

Vera relatione dell’horribil caso et incendio occorso per l’esalatione del Monte di Somma detto Vesuvio nel 1631

by

Vera relatione dell’horribil caso et incendio occorso per l’esalatione del Monte di Somma detto Vesuvio nel 1631

Di

Aniello Langella

La stampa del Vesuvio che definiamo agevolmente come pre 1631, ci viene proposta con un’acclamazione che campeggia al centro della pagina e cinge la vetta del Somma e del Vesuvio: SUSCIPIAT MONTES PACEM POPULO ET COLLES IUSTITIAM. L’autore oltre a descrivere con dovizia di particolari, la costa napoletana, ma anche le città costiere e dell’entroterra, vuole inoltre sottolineare la presenza di fitta vegetazione che raggiunge quasi la vetta del Vesuvio. Dopo l’eruzione e nell’immagine dello stesso autore, quella stessa vegetazione apparirà coperta dai prodotti vulcanici. Le stesse città ci appariranno circondare da fiamme e fiumi di fango. L’intera orografia sarà sconvolta dai terremoti, dalle nubi ardenti, dalla cenere, dai fiumi di fango e
dalle produzioni laviche. La stessa linea di costa verrà modificata.

 

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, L’eruzione del Vesuvio del 1631

30 Giu

0 Comments

A Guardia di una valle

by

A Guardia di una valle

Di

Silvio Falato

Tra racconto e narrazione, Silvio Falato raccoglie in una tutte le esperrienze linguistiche e culturali, trasformandole in storia vera di un lembo piccolo ma rappresentativo della Terra Vesuviana. Un persorso che indaga gli ambiti filologici della lingua antica e moderna. Molto intenso il rapporto e le relazioni con i fatti reali e così nel racconto si apre il grande spiraglio sulla cultura.

PRIMA PUNTATA

https://

SECONDA PUNTATA

https://

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, guardia sanframondi

23 Giu

4 Comments

Fortune dell’articolo determinativo e del genere neutro nel Sannio Beneventano

by

Fortune dell’articolo determinativo e del genere neutro nel Sannio Beneventano

di

Silvio Falato

Nel passaggio dal latino all’italiano i tre generi del nome, maschile, femminile e neutro, diventano due; si perde per strada  l’ultimo, che pure comprendeva tanta parte del lessico antico. Tale riduzione interessa soprattutto l’area toscana, quella in cui nasce la lingua italiana; vengono invece risparmiate tantissime regioni della nostra penisola, che da sempre conservano quel “neutrum”, quel genere cioè che non è “né l’uno né l’altro”, né maschile né femminile. Il nostro territorio, forse più degli altri, lo conserva molto gelosamente, anche se individuarlo diventa difficile soprattutto se non si mastica un po’ di linguistica o non si sa esaminare bene le strutture fonetiche e morfologiche della nostra parlata. L’elemento morfologico che aiuta ad individuare il nostro “sconosciuto” è l’articolo determinativo, dato che, col variare del genere, di solito varia anche la forma dell’articolo; però è opportuno, prima di scendere nell’analisi dell’uso dell’articolo, trattenersi anche sulla sua genesi e sottolineare che si tratta di un morfema relativamente giovane. Anche i ragazzi che si accingono per la prima volta allo studio del latino sanno bene che  nella lingua di Roma non è presente affatto l’articolo e che le due funzioni logiche, “rosa” del nominativo e “rosam”  dell’accusativo, le traduciamo in italiano “la rosa”, aggiungendo al nome l’articolo “la”, che in latino non c’è. Questa perfetta efficienza logica dei due casi in questione, ma anche dei casi indiretti (genitivo, dativo e ablativo), come ho avuto modo di  spiegare in altri miei interventi sull’argomento, sarà assicurata soltanto fino al I secolo a. C.; ben presto, infatti, la struttura della lingua di Roma, un po’ per naturale evoluzione un po’ per trasformazioni causate dalle influenze delle altre lingue,  comincerà ad avere profondi scossoni; le declinazioni si indeboliranno e non riusciranno più ad assicurare il perfetto rapporto tra desinenze dei singoli casi e corrispondenze logiche dei casi stessi.

Silvio Falato – Fortune dell’articolo determinativo e del genere neutro nel Sannio Beneventano – vesuvioweb 2018

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Guardia Saframondi

23 Giu

1 Comment

17 – La Vocale – I

by

A Lenga Turrese Vocalismo e Consonantismo

di

Salvatore Argenziano

La Vocale – I

Sostituzione grafica I/E.
Da alcuni anni è in atto una revisione della grafia del napoletano, a cura di insigni studiosi, come Nicola De Blasi e Carlo Iandolo, con argomentazioni valide e logiche che condivido. Lo scopo è quello di giustificare e codificare alcune regole ortografiche, in parte già seguite dagli autori classici napoletani. Dico “in parte” perché pochi hanno seguito in passato queste regole e chi le ha seguite lo ha fatto saltuariamente. Vedi a questo proposito il Raddoppiamento Consonantico che gli autori adottavano soltanto per alcuni elementi duplicanti. Oggi neppure tutti i poeti e cultori del dialetto condividono l’adozione totale di questa regola ortografica. Condivido totalmente questa e tante altre regole oggi proposte ma la differenza sostanziale della grafia da me adottata è costituita dal ripristino della vocale – i -, come desinenza della coniugazione e della declinazione.  Ovviamente ciò va contro la tradizione, quella che sostiene con l’abate Galiani che … non v’è nessun verbo che abbia la  desinenza – i -. L’avere abbandonato in un lontano passato la – i – evanescente per una – e -, quasi simbolo fonetico dello schwa, porta alla conseguenza che i plurali maschili terminano in – e – , vedi per “i padri” -’e pate-, come il singolare -’o pate- e non -’e pati- e, nella coniugazione abbiamo-tu parle- e non -tu parli-. Questa sostituzione secolare della -i- con una -e- risulta un inutile suggerimento di fonia, ben sapendo che tutte le vocali postoniche sono evanescenti.

17 – La Vocale – I – A Lenga Turrese Vocalismo e Consonantismo – Di Salvatore Argenziano – vesuvioweb 2018

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Stròppole linguistiche

23 Giu

2 Comments

La Regia Strada delle Calabrie – Il Ponte della Maddalena

by

La Regia Strada delle Calabrie

Ispirata al VIAGGIO DA NAPOLI A CASTELLAMMARE. Con 42 vedute incise all’acqua forte di Achille Gigante. 1845

Di

Aniello Langella

Il viaggio da Napoli a Castellammare commentato dalle incisioni di Achille Gigante è sicuramente un’emozione che si rinnova ai nostri giorni. Fatto in treno e dai finestrini commentato. Come di chi guarda frettolosamente lo scenario che si apre ad ogni metro mentre la locomotiva sferraglia e sbuffa. Ci riporta a quella fine del secolo XIX che ancora conservava quasi intatto il ricordo del Grand Tour. Per chi è abituato come me a ripercorrere quei luoghi riguardando ogni cosa, come se fosse ogni volta, la prima volta, il viaggio si ripropone come scoperta di un mondo che ormai non ci appartiene più. Oggi ripercorriamo quell’antico itinerario che ci pare impolverato dal tempo. Lo vediamo quasi stinto e liso, ma sempre attivo, colmo di quell’anima colta che ogni cosa impregna. Il viaggio è la riscoperta della Regia Strada delle Calabrie e per me è importante, perché mi riporta alle origini della cultura di questa terra bagnata dal mare e prossima ad un vulcano che ha fatto parlare di se da millenni; mi aiuta a comprendere il senso di quell’antica strada che da Napoli portava al Sud profondo, rasentando i luoghi delle mie radici. La Regia Strada sarà il senso della riscoperta e grazie ad essa riattraverseremo il tempo andando a rileggere la storia stessa.

1 – Viaggio da Napoli a Castellammare – Il Ponte della Maddalena sul Sebeto – vesuvioweb 2018.pub

 

 

 

23 Giu

0 Comments

Napoli 1625

by

Una interessante veduta a volo d’uccello di Napoli

1625

Ai tempi del Beati Andreæ Auellini clerici regularis Neapolis

Beati Andreæ Auellini clerici regularis Neapolis - 1625 - vesuvioweb 2017

Beati Andreæ Auellini clerici regularis Neapolis, & Panormi patroni vita. A Francisco Boluito Neapolitano clerico regulari tribus libris conscripta

di

Francesco Bolvito

__________________________________________________________________________

Fonte

https://archive.org/stream/bub_gb_1zc1qktJ0_wC#page/n17/mode/1up

23 Giu

0 Comments

La Rassegna d’Ischia – giugno e luglio 2018

by

La Rassegna d’Ischia

Anno XXXIX
N. 5
Giugno / Luglio 2018
Ischia 1268 – L’Armata Pisana occupa il “borgo di mare”
Ogni pietra è una pagina di storia
La Madonna del melograno
Le Annunciazioni della Madonna nelle Chiese isolane
La Nave Scuola Amerigo Vespucci
“Pithekoussai e l’Eubea tra Oriente e Occidente
I misteri della Torre Guevara
Ex Libris
Rassegna Libri
Il fondo librario Pietro Monti
Lacco Ameno – Convegno internazionale