13 Gen

0 Comments

Introduzione al giudizio di Tacito su Giulia Agrippina Augusta I richiami virgiliani e la ricostruzione della morte

by

AGRIPPINA ICONA 1

Di

Salvatore Conte

Molti aspetti della vita di Agrippina sembrano invero mitici o romanzati, pur nella loro esasperata concretezza.
Sovvertì per alcuni anni il sistema patriarcale di Roma, come più tardi Zenobia. Ma mentre quest’ultima si ricollegava ai fasti femminili di Didone, Giulia Agrippina era l’inattesa espressione di quella famiglia imperiale che di più si era impegnata a consacrare le supposte radici patriarcali di Roma, attraverso l’appalto poetico dell’Eneide.

AGRIPPINA ICONA 2

Agrippina – Di Conte Salvatore – 2016

 

 

13 Gen

0 Comments

San Gennaro e Giuseppe de Ribera

by

icona san gennaro

Giuseppe de Ribera detto Lo Spagnoletto. Napoli, il Duomo, Cappella di San Gennaro. Foto di Erardi Marcello

Giuseppe de Ribera detto Lo Spagnoletto. Napoli, il Duomo, Cappella di San Gennaro. Foto di Erardi Marcello

Giuseppe de Ribera detto Lo Spagnoletto. Napoli, il Duomo, Cappella di San Gennaro. Foto di Erardi Marcello

Giuseppe de Ribera detto Lo Spagnoletto. Napoli, il Duomo, Cappella di San Gennaro. Foto di Erardi Marcello

Giuseppe de Ribera detto Lo Spagnoletto. Napoli, il Duomo, Cappella di San Gennaro. Foto di Erardi Marcello

Giuseppe de Ribera detto Lo Spagnoletto. Napoli, il Duomo, Cappella di San Gennaro. Foto di Erardi Marcello

Giuseppe de Ribera detto Lo Spagnoletto. Napoli, il Duomo, Cappella di San Gennaro. Foto di Erardi Marcello

Giuseppe de Ribera detto Lo Spagnoletto. Napoli, il Duomo, Cappella di San Gennaro. Foto di Erardi Marcello

Giuseppe de Ribera detto Lo Spagnoletto. Napoli, il Duomo, Cappella di San Gennaro. Foto di Erardi Marcello

Giuseppe de Ribera detto Lo Spagnoletto. Napoli, il Duomo, Cappella di San Gennaro. Foto di Erardi Marcello

Giuseppe de Ribera detto Lo Spagnoletto. Napoli, il Duomo, Cappella di San Gennaro. Foto di Erardi Marcello

Giuseppe de Ribera detto Lo Spagnoletto. Napoli, il Duomo, Cappella di San Gennaro. Foto di Erardi Marcello

 

icona-download

https://archive.org/stream/jusepederiberalo00maye

 

_______________________________________________________________________________

La Deputazione del Tesoro

La nascita della cappella è legata agli anni difficili che visse Napoli durante la prima metà del XVI secolo, caratterizzato per l’appunto da conflitti bellici oltre confine ed interni, crisi di pestilenza ed eruzioni vulcaniche.

Ingresso alla cappella dal duomo di Napoli; in primo piano è il monumentale cancello di Cosimo Fanzago

I conflitti interni avvennero intorno al 1527, quando il pretendente angioino, approfittando anche dell’assenza del viceré di Napoli, impegnato con le truppe di Carlo V, e della morte del suo luogotenente Andrea Carafa conte di Santa Severina, tentò di riconquistare il Regno di Napoli sbarcando coi suoi soldati a Gaeta e a Salerno. A seguito di questi eventi, il generale Lautrec, al comando dei francesi, arrivò alle mura di Napoli e la cinse in assedio, impedendo il rifornimento delle derrate alimentari e, secondo alcuni storici tra cui Pietro Giannone, avvelenando anche le acque che abbeveravano la città. Ciò provocò una recrudescenza della pestilenza che stava già decimando i napoletani giungendo sino a circa 250.000 morti.

Nello stesso periodo anche il Vesuvio contribuì a devastare la città con una eruzione accompagnata da una serie di terremoti quotidiani che la dilaniarono.

A seguito di questi eventi il popolo napoletano decise di rivolgersi al proprio santo protettore e il 13 gennaio del 1527, anniversario della traslazione delle ossa di San Gennaro da Montevergine (Avellino) a Napoli, fecero voto di erigergli una nuova e più bella cappella nel duomo, in quanto la vecchia era relegata in una torre angusta posizionata a sinistra dell’entrata della cattedrale. L’impegno fu assunto solennemente e per dare ancora più valenza al voto i napoletani redassero il documento, sottoscritto dagli “eletti di città”, davanti a un notaio, sull’altare maggiore della cattedrale con pubblico istrumento rogato da notar Vincenzo de Bossis.

In questo modo, per ottenere la liberazione dai tre flagelli, i rappresentanti dei cinque sedili di Napoli nobili (Capuano, Nido, Montagna, Portanova e Porto) più il rappresentante del sedile del Popolo fecero voto di offrire mille ducati per il tabernacolo eucaristico e diecimila per la costruzione di una nuova cappella in onore di San Gennaro.

Il 5 febbraio del 1601, gli “eletti della città” nominarono una commissione laica di dodici membri, due rappresentanti per ognuno dei seggi cittadini, denominata “Deputazione” per la costruzione della nuova cappella di San Gennaro. Alla commissione venne affidato il compito di promuovere e curare la costruzione e la decorazione della nuova cappella.

Il finanziamento dell’opera inizialmente prevedeva lo stanziamento di 10.000 scudi, ma poi ha raggiunto la cifra di oltre 480.000, senza ottenere alcun contributo dal Vaticano.

Fonte Wiki

13 Gen

0 Comments

Destruction of Torre del Greco – 1794

by

mirror

Un documento dal “The Mirror” del 7 giugno del 1823.

Interessanti le considerazioni relative all’eruzione del 1794. Molto bella l’incisione che accompagna il testo.

A cura di Aniello langella

L'eruzione del Vesuvio del 1794. La città di Torre del Greco invasa dalla lava.

L’eruzione del Vesuvio del 1794. La città di Torre del Greco invasa dalla lava.

The Mirror – Saturday, 7 June, 1823 – The distruction of Torre del Greco – vesuvioweb

13 Gen

0 Comments

Natale 1885

by

1 icona natale 1885

Racconto di

Natale 1885

Anonimo

… Per molti il giorno dei morti è giorno triste e, convenzionalmente, si piange anche quando, la sera, si va a cena con una bella ragazza; ma il giorno veramente triste e quello in cui udite intonare, la prima volta , la novena dello zampognaro. Mentre siete sdraiato sulla vostra poltrona, dietro i vetri del balcone del vostro studio, e guardate i fanali sulla via che si vanno accendendo ad uno ad uno, quel suono stridulo della cennemella petulante, che è ammorzato dai bassi della cornamusa, a quell’ora, vi produce un effetto strano, vi riempie 1′ anima di mestizia …

1 icona natale 1885a

Natale 1885 – vesuvioweb 2014

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Presepio e pastori

31 Dic

1 Comment

I tre cannoni

by

icona-3-cannoni

Di

Francesco Raimondo

Avevano nascosto la “refurtiva” in un buco di ànneto che numerosi erano  presenti sulle pareti delle costruzioni che affacciavano sul Mercato e che offrivano anche ricovero e nidi ai piccioni della zona. Sicuri di non essere stati visti avrebbero
poi ripreso l’oggetto il giorno dopo. Non andò come avevano programmato. E nel mentre come al solito scorrazzavano tra le tre bocche da fuoco ostentando indifferenza con la stessa indifferenza un Franz o un Hermann andò a chiudere il grosso cancello dell’ingresso un altro aveva in mano un binocolo simile a quello sparito ed altri afferrarono per le braccia e per il collo alcuni di loro e mostrando l’oggetto facevano intendere di voler saper che fine aveva fatto un altro simile che si era il giorno prima come liquefatto.

icona-3-cannonia

icona-download

francesco-raimondo-i-tre-cannoni-vesuvioweb-2017

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Francesco Raimondo

31 Dic

1 Comment

Odissea – U Cunto – Dal libro secondo

by

icona-odissea1

Di

Salvatore Argenziano

A uerra ’i Troia è ffernuta e Ulisse ancora nu vvere a via r’a casa. A mugliera fila e sfila, ntalliannose pe nnu’ spusá uno ’i chilli pruóci ca se so’ spaparacchiati â casa soia e ss’abboffano e mmagnano e bbeveno e aspettano u mumento ’i se fottere a casa cu ttutti i bbeni r’u rré Ulisse, e ppure a mugliera. Giove manna a Mminerva addù Telemaco, u figlio ’i Ulisse, pecché stu uaglione s’ha dda rá na mossa.

icona-odissea

icona-download

salvatore-argenziano-u-cunto-odissea-vesuvioweb-2017

 

31 Dic

1 Comment

Il bello delle parole

by

icona-bello

Di

Alfredo Imperatore

icona-bello1

Gli eserciti di occupazione, oltre che depredare di tutto nei territori conquistati, comprese ovviamente le opere d’arte, hanno l’abitudine di abusare delle donne e affamare le popolazioni assoggettate con nuove imposizioni e tasse. A questi “compiti” non si sottrassero, certamente, le truppe austro-tedesche dedite, tra l’altro, anche all’alcol e al fumo. Lo Stato del Lombardo-Veneto non aveva ancora ottenute né riforme, né costituzione, e i cittadini non aspettavano altro che si presentasse l’occasione propizia
per ribellarsi agli oppressori. Il tabacco e il gioco del lotto rientravano tra le varie gabelle cui erano sottoposti i milanesi, i quali, per danneggiare l’erario imperiale, avevano deciso di non giocare più al lotto e di eliminare dalle loro abitudini il fumo. Poiché i gendarmi austriaci giravano per le strade, in modo provocatorio, sfidando i cittadini con lunghi sigari fumanti, fu colta l’occasione per iniziare tumulti e moti popolari, che furono violentemente repressi in cinque giorni (18-22 marzo 1848), ricordati storicamente nelle Cinque Giornate di Milano.

icona-download

alfredo-imperatore-il-bello-delle-parole-vesuvioweb-2017


ARTICOLI E TEMI CORRELATI

Parlare a Napoli – Quorum e franco

Parlare a Napoli – Ciceniéllo

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Alfredo Imperatore

31 Dic

3 Comments

La chiesa di Sant’Arcangelo a Segno a Napoli

by

icona segno

Di

Aniello Langella

…  Diamo ora una lettura storica di questo chiodo che, secondo il Parrino era in bronzo ed era stato conficcato in una lastra di marmo. É questo il segno di quell’evento tanto importante e tanto osannato. Vedremo più oltre che il chiodo stesso diventerà di ferro e vedremo inoltre che simboleggiò una vittoria della città, ma non certo nei confronti dei saraceni. Seguiamo ora la storia della chiesetta e del suo chiodo, leggendo il racconto che ci viene proposto da Luigi Catalani, che descrivendo “Le chiese di Napoli” (Napoli 1845 Tipografia fu Migliaccio), non tralascia di scrivere una memoria interessantissima dei fatti e dei particolari di questo monumento del quale oggi ci resta ben poco …

icona segno1

icona-download

La chiesa di Sant’Arcangelo a Segno – Di Aniello Langella – vesuvioweb 2015

————————————————————————————————————————————-

ARGOMENTI E TEMPI CORRELATI

1 – La pianta della città di Napoli di Alessandro Baratta 1628

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Arte e artisti a Napoli, I monumenti

31 Dic

0 Comments

La Rassegna d’Ischia

by

icona-rassegna-2016

Agosto – Settembre 2016

La Rassegna d’Ischia. In questo numero
icona-rassegna-2016a
icona-download
———————————————————————————–
Motivi
Chi “oserà” salvare Lacco Ameno?
Delibere e determine comunali e regionali
– Lacco Ameno: determina n. 21
– Regione Campania: decreto dirigenziale n. 40
– Ischia: delibera n. 67
– Ischia : delibera n. 65
Egitto-Pompei
Un grande progetto espositivo, tre sedi
Ischia Film Festival
Un poeta russo fra Ischia e Napoli
Konstantin N. Batjuškov
Un “Innominato” manzoniano
nella Torre Guevara d’Ischia?
La nobile famiglia ischitana degli Assanti
o Assanea -Nuove rivelazioni
Rassegna Libri
– Com’era il mio paese
– Memorie scomparse di civiltà antiche
– La folle d’Ischia o il fiore di melograno
– Ischia, un paradso visto dal cielo
Lacco Ameno
Il Fungo tradito e oscurato
I giacimenti di argilla nell’isola d’Ischia
e l’industria figulina locale
Le Grandi Battaglie della Storia
Waterloo : la caduta di Napoleone
Ex libris
– Proginnasti poetici : l’Inarime di Virgilio
– Aneddoti piacevoli e interessanti occorsi nella
vita di Giacomo Gotifredo Ferrari

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, La Rassegna d'ischia, Storia e cultura