26 giu

7 Comments

Vesuvio 1767

by

oo1

Observations on Mount Vesuvius, Mount Etna, and other volcanos in a series of letters addressed to the Royal Society

Sir William Hamilton

London 1767

Observations on Mount Vesuvius, Mount Etna, and other volcanos in a series of letters addressed to the Royal Society - Sir William Hamilton - London 1772 - vesuvioweb 2016

Observations on Mount Vesuvius, Mount Etna, and other volcanos in a series of letters addressed to the Royal Society – Sir William Hamilton – London 1772 – vesuvioweb 2016

Observations on Mount Vesuvius, Mount Etna, and other volcanos in a series of letters addressed to the Royal Society - Sir William Hamilton - London 1772 - vesuvioweb 2016

Observations on Mount Vesuvius, Mount Etna, and other volcanos in a series of letters addressed to the Royal Society – Sir William Hamilton – London 1772 – vesuvioweb 2016

Observations on Mount Vesuvius, Mount Etna, and other volcanos in a series of letters addressed to the Royal Society - Sir William Hamilton - London 1772 - vesuvioweb 2016

Observations on Mount Vesuvius, Mount Etna, and other volcanos in a series of letters addressed to the Royal Society – Sir William Hamilton – London 1772 – vesuvioweb 2016

Observations on Mount Vesuvius, Mount Etna, and other volcanos in a series of letters addressed to the Royal Society - Sir William Hamilton - London 1772 - vesuvioweb 2016

Observations on Mount Vesuvius, Mount Etna, and other volcanos in a series of letters addressed to the Royal Society – Sir William Hamilton – London 1772 – vesuvioweb 2016

 Vesuvio 19-27 ottobre 1767

Eruzione mista – Lave a Ercolano, S. Giorgio a Cremano e Boscotrecase. Si formò una frattura sul fianco settentrionale del cono. Da questa frattura fuoriuscì una colata di lava che si diresse verso nord ovest. Da un’altra bocca sul fianco meridionale, una colata si diresse a sud. Si formò anche una nube esplosiva dalla quale ricadde cenere. Nella fase terminale dell’eruzione si ebbero colate di fango provocate da forti piogge. Lave per circa 6 milioni di metri cubi; ceneri per 600.000 metri cubi. Distruzione di campi coltivati e danni agli edifici. L’eruzione fu preceduta da un sensibile abbassamento del livello della falda freatica. Durante l’eruzione si verificarono notevoli spostamenti d’aria, anche a mare, e, nella fase finale, forti piogge. Si rilevarono, inoltre, insoliti tremori del suolo, originati da esplosioni (“aria impetuosamente dilatata dal gran fuoco”).

Un testo ricco di tutti quegli aspetti culturali e vulcanologici che appaiono raccolti con estremo rigore scientifico (in relazione ai tempi) e con particolare cura. Autore del testo è Sir William Douglas Hamilton (Henley-on-Thames, 13 dicembre 1730 – Londra, 6 aprile 1803), oggi considerato un archeologo, ma anche un antiquario e vulcanologo. La sua permanenza nel Regno delle Due Sicilie ed in particolare a Napoli, va legata al suo incarico di diplomatico a Napoli. Figlio di Lord Archibald (ultimogenito di William Douglas, duca di Hamilton e di Anne Hamilton, III duchessa di Hamilton), governatore della Giamaica, servì sotto le armi dal 1747, andandosene dopo il matrimonio con Catherine Barlow, figlia di Hugh Barlow, celebrato il 25 gennaio 1758.
Fu Ambasciatore inglese presso la corte di Napoli dal 1764 al 1800, rimase vedovo il 25 agosto del 1782. In questo periodo studiò le attività vulcaniche e i terremoti, scrisse un libro su Pompei, acquistò il ricco museo del conte di Pianura Francesco Grassi e raccolse una notevole collezione di vasi antichi, parte trasferita nel 1772 al British Museum. Le Antiquités étrusques, grecques et romaines vennero pubblicate a Napoli nel 1766-67, con 436 tavole incise, di cui 179 acquarellate in rosso e nero con ritocchi di bianco e di azzurro, eseguite da Pietro Bracci, mentre Pierre-François Hugues d’Hancarville aveva curato il testo e la pubblicazione. Si sposò con Emma Lyon il 6 settembre 1791 a Londra, lui di 60 anni lei di 26. Ella ebbe in seguito un’intensa relazione sentimentale con l’ammiraglio Horatio Nelson, alla quale Sir William non si oppose, essendo egli stesso amico ed estimatore dell’ammiraglio. Wolfgang Goethe fa visita a Hamilton il 3 giugno 1787 e visita la sua collezione di reperti archeologici, che descrive nel suo viaggio in Italia come disordinata e stipata nei locali sotterranei della sua abitazione. Tra questi reperti individua due candelabri di probabile provenienza pompeiana, facendo notare la scoperta a Hackert che lo invita a tacere e non indagare oltre sulla loro provenienza.

Link al testo

https://archive.org/stream/observationsonmo00hami

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, L'eruzione del Vesuvio del 1771

22 giu

0 Comments

Modern Neapolian Grammar – Grammatica napoletana odierna

by

icona grammar1

Di

D. Erwin e M. T. Fedele

“Modern” o “odierna” termini usati nel titolo, perché il napoletano attuale, rispetto al napoletano dei testi classici, si va trasformando,
risentendo sempre più dell’ influenza dell’ italiano. Si è voluto porre l’attenzione sulle peculiarità del napoletano moderno, senza prendere in
considerazione regole in disuso sia nel linguaggio parlato che scritto. Il napoletano per la diffusione, anche all’ estero, in settori diversi fra loro, come: canzone, teatro, poesia, ha avuto una maggiore estensione rispetto agli altri dialetti d’ Italia, per cui gli si dà sempre più valore,
riconoscendogli le tradizioni espressive e culturali.

icona grammar2

Modern Neapolian Grammar – Grammatica Napoletana Moderna – vesuvioweb 2016

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, La linguistica nell'area vesuviana

18 giu

0 Comments

La Rassegna d’Ischia

by

icona ischia2

Giugno Luglio 2015

Periodico di ricerche e di temi turistici, culturali, politici e sportivi
Dir. responsabile Raffaele Castagna

Nel mondo si parla di Pithecusa e dei suoi reperti a Ischia (Lacco Ameno) non si sa che farsene e si studia come involgerla nell’oblio come per tutto ciò che nell’isola è cultura

icona ischia1

La Rassegna d’Ischia – Giugno, luglio 2016

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, La Rassegna d'ischia, Storia e cultura

17 giu

2 Comments

Gaetao De Bottis – Ragionamento istorico dell’incendio del Vesuvio accaduto nel mese di Ottobre del MDCCLXVII

by

1767

ERUZIONE 1767

All’ore 18 del giorno fuddetto si sentì orrendamente romoreggiare il Monte, e questo suo romore fino all’ore 23. A’ forti e gagliardi accendimenti,che continuamente seguivano nelle vifcere di esso Monte, l’aria circostante rompevasi, e turbavasi in guisa, che per li suoi violenti impeti ed urti grandemente tremavano gli edificj di que’ luoghi, che fono intorno al Monte fino alla distanza di 60, miglia e più. In mentre l’aria era dal cruccioso Monte cosi turbata e commossa, mi venne curiosità di conoscere, il suo peso soffriva qualche mutazione. Per la qual cosa osservai più volte il Barometro, e vidi quasi sempre, che il mercurio non salì ma discese. Ho detto quasi sempre; perocchè due volte solamente mi parve di averlo veduto prestamente un pochetto trapaslare il segno della sua altezzach’era 28 pollici, e poi subito discendere là, dond’ era partito.

Gaetano De Bottis - Gaetao De Bottis - Ragionamento istorico dell'incendio del Vesuvio accaduto nel mese di Ottobre del MDCCLXVII - vesuvioweb 2016

 

Gaetano De Bottis - Gaetao De Bottis - Ragionamento istorico dell'incendio del Vesuvio accaduto nel mese di Ottobre del MDCCLXVII - vesuvioweb 2016a

https://archive.org/stream/ragionamentoisto00bott

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, L'eruzione del Vesuvio del 1767

14 giu

2 Comments

Gli Scavi di Pompei in una cronaca del 1912

by

icona pompei 1912

Gli Scavi di Pompei in una cronaca del 1912

Pompei, la città morta che rivive. Anno XII numero 5, del 1912. Dalla Rivista del Corriere della Sera

Uno spaccato interessantissimo della storia degli Scavi di Pompei durante il periodo di regime. Foto inedite illustrano un articolo di rare suggestioni.

I nuovi scavi di Pompei in una cronaca del 1912 – vesuvioweb – Aniello Langella

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Storia e cultura

08 giu

5 Comments

Il Silenzio

by

icona silenzio

Di

Giuseppina Di Vicino

Selezione al XXII concorso nazionale di poesia Madre Claudia Russo del Centro Ester di Barra/Napoli

Due poesie che raccontano emozioni e che rivelano trasparenze dell’anima; nascono dalla terra del Vesuvio e maturano in una costruzione fatta di tanta semplicità ed altrettanto amore per la vita. Giuseppina Di Vicino, si presenta con due suoi saggi che sono la maniera migliore per raccontare questa terra, dove spesso dominano le contraddizioni. Una, la prima definisce un percorso di approccio al proprio io non metafisico, ma reale. La seconda che non si maschera dietro metafore e luoghi comuni disegna un aspetto spesso controverso di questa terra, di Napoli e di quella antropologia che spesso viene sommariamente etichettata in maniera impropria ed imprecisa.

icona silenzio 1

Il Silenzio – Di Giuseppina Di Vicino – Premio Salvatore Quasimodo – vesuvioweb 2016.pub

‘A luna é Napule – Di Giuseppina Di Vicino – Premio Salvatore Quasimodo – vesuvioweb 2016.pub

Vesuvioweb fa gli auguri a Giuseppina Di Vicino, per il conseguimento del premio

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Giuseppina Di Vicino

07 giu

6 Comments

Bono Duca di Napoli

by

icona bono

Di

Aniello Langella

A quanto pare e su questo passaggio non ho dubbi a credere che sia vero, da Napoli partì un nobile che rispondeva al nome di Bono, desideroso di accordi con Sicone. Ancora una volta il pessimo principe strinse accordi segreti e proprio con Bono scese a patti. Tra Napoli e Benevento vi sarebbero state alleanze a condizione che Sicone assassinasse l’allora Duca Sergio III, al fine di consentire l’ascesa di Bono stesso al soglio ducale di Napoli. Il piano era perfetto. Bisognava solo procedere.

Bono dall’832 all’834

icona bono1

 Aniello Langella – Bono Duca di Napoli – vesuvioweb 2016.pub

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Personaggi a Napoli, Storia

04 giu

2 Comments

Pompei 1819

by

ICONA POMPEI

Pompeiana: the topography, edifices and ornaments of Pompeii : the result of excavations since 1819
Di Sir William Gell, London 1819. Volume I.

Stampe di Pompei

Pompeiana di Sir William Gell - Pompei 1819 - vesuvioweb 2016 - 1

Pompeiana di Sir William Gell - Pompei 1819 - vesuvioweb 2016 - 2

Pompeiana di Sir William Gell - Pompei 1819 - vesuvioweb 2016 - 3

Pompeiana di Sir William Gell - Pompei 1819 - vesuvioweb 2016 - 4

Pompeiana di Sir William Gell - Pompei 1819 - vesuvioweb 2016 - 5

Pompeiana di Sir William Gell - Pompei 1819 - vesuvioweb 2016 - 6

Pompeiana di Sir William Gell - Pompei 1819 - vesuvioweb 2016 - 7

Pompeiana di Sir William Gell - Pompei 1819 - vesuvioweb 2016 - 8

La data di costruzione dell’Edificio di Eumachia è ancora incerta: sicuramente edificato durante l’epoca tiberina, in un periodo di forte sviluppo commerciale, fu voluto da una sacerdotessa di Venere, Eumachia, patrona dei lavandai: alcuni archeologi collocano la sua costruzione intorno al 22, mentre altri suppongono sia stato costruito per favorire la carriera politica del figlio di Eumachia, Marco Numistro Frontone, quindi prima del 2, anno in cui divenne duoviro; altri studiosi inoltre, viste alcune somiglianze con il Foro di Augusto, lo datano intorno al 7 a.C.. Costruito come segno di devozione nei confronti della famiglia imperiale, l’edificio fu dedicato a Livia, madre di Tiberio, come ricordato da un’iscrizione ritrovata su di un architrave nei pressi di un ingresso secondario lungo Via dell’Abbondanza: « Eumachia Luci filia sacerdos publica nomine suo et Marci Numistri Frontonis fili chalcidicum, cryptam, porticum Concordiae Augustae Pietati sua pequnia fecit eademque dedicavit. » « Eumachia figlia di Lucius sacerdotessa publica, a nome suo e del figlio Marcus Numistrius Fronto, costruì a sue spese il vestibolo, la galleria coperta e i portici: ella stessa li dedicò alla Concordia e alla Pietas Augusta.» Incerta inoltre era anche la funzione dell’Edificio di Eumachia: tra le ipotesi più accreditate è quella del mercato della lana, in quanto, le alte mura del corridoio laterale e le poche entrate, avrebbe protetto la struttura dai ladri ed il criptoportico utilizzato come magazzino. Tuttavia la sontuosità riscontrata si addice ben poco a tale funzione: secondo altri quindi si sarebbe trattato di una basilica all’interno della quale avvenivano contrattazioni di tipo commerciale oppure era sede della corporazione dei fullones, di cui Eumachia era protettrice. Notevolmente danneggiato dal terremoto del 62, al momento dell’eruzione del 79 del Vesuvio, quando fu seppellito sotto uno strato di lapilli e ceneri, era ancora in fase di ristrutturazione, che però non ne modificò l’aspetto originario; fu riportato alla luce a seguito degli scavi archeologici condotti per volere della dinastia borbonica.

Pompeiana di Sir William Gell - Pompei 1819 - vesuvioweb 2016 - 9

Pompeiana di Sir William Gell - Pompei 1819 - vesuvioweb 2016 - 10

Pompeiana di Sir William Gell - Pompei 1819 - vesuvioweb 2016 - 11

Pompeiana di Sir William Gell - Pompei 1819 - vesuvioweb 2016 - 12

Pompeiana di Sir William Gell - Pompei 1819 - vesuvioweb 2016 - 13

Pompeiana di Sir William Gell - Pompei 1819 - vesuvioweb 2016 - 14

La costruzione del Tempio della Fortuna Augusta risale al I secolo a.C., presumibilmente in un periodo compreso tra il 13 a.C., anno del termine delle campagne di conquista di Augusto ed il 2 a.C., ossia quando Marco Tullio, appartenente alla famiglia dei Tulli, la stessa dalla quale discendeva Cicerone, concluse la sua carriera politica a Pompei: la costruzione sorgeva su un terreno dello stesso Marco Tullio, il quale finanziò completamente l’opera, che venne edificata per sua volontà, come testimoniato da una epigrafe che così narra: « Marcus Tullius M.f. duovir iure dicundo tertium quinquennalis, augur, tribunus militum a populo, aedem Fortunae Augustae solo et pequnia sua. » « Marcus Tullius, figlio di Marcus, duoviro con potere giurisdizionale per tre volte e quinquennale, augure, tribuno militare di nomina popolare eresse il tempio della Fortuna Augusta su suolo e con danaro proprio. » Il Tempio della Fortuna Augusta fu quindi costruito per un puro scopo politico, venendo amministrato nei primi anni da semplici schiavi: inoltre non venne posizionato all’interno del Foro, forse perché il prezzo di un terreno in quella zona era molto alto o semplicemente perché in quell’epoca non era concepito che un edificio politico potesse affacciarsi sulla piazza principale della città. Venne quindi gravemente danneggiato dal terremoto del 62, anno in cui si ha l’ultima testimonianza, una lapide, che attesta la funzionalità, e poi sepolto sotto una coltre di ceneri e lapilli durante l’eruzione del Vesuvio del 79, mentre erano in corso probabilmente dei lavori di restauro; gli scavi archeologici voluti dai Borbone, riportarono alla luce il tempio nel 1823 ed altre esplorazioni furono effettuate nel 1826 e nel 1859, mentre un totale restauro fu eseguito nel 1908.

Pompeiana di Sir William Gell - Pompei 1819 - vesuvioweb 2016 - 15

Pompeiana di Sir William Gell - Pompei 1819 - vesuvioweb 2016 - 16

Pompeiana di Sir William Gell - Pompei 1819 - vesuvioweb 2016 - 17

Pompeiana di Sir William Gell - Pompei 1819 - vesuvioweb 2016 - 18

Pompeiana di Sir William Gell - Pompei 1819 - vesuvioweb 2016 - 19

Pompeiana di Sir William Gell - Pompei 1819 - vesuvioweb 2016 - 20

Pompeiana di Sir William Gell - Pompei 1819 - vesuvioweb 2016 - 21

Pompeiana di Sir William Gell - Pompei 1819 - vesuvioweb 2016 - 22

Le Terme del Foro furono edificate nel I secolo a.C., poco dopo la conquista di Pompei da parte dei Romani e quindi intorno all’80 a.C.: ciò è deducibile sia dalla tecnica di costruzione, ossia in opus reticolatum, sia dal ritrovamento di un’epigrafe, anche se non è certa che la sua provenienza sia dalle terme, nella quale vengono citati i nomi dei costruttori dell’edificio; la targa così riporta: « L. Caesius C f. duno vir iure dicundo C. Occius M f.,L. Niraemius Af. II viri de decurionum sententia ex pequnia publica faciundum) curarunt probarunt que. » « Lucius Caesius figlio di Caius, duo viro con potere giurisdizionale, Caius Occius figlio di Marcus, Lucius Niaemius figlio di Aulus, duoviri, per volontà dei decurioni fecero costruire a spese pubbliche e le collaudarono.» Le terme vennero restaurate in età giulio-claudia e dopo il terremoto del 62, quando rimasero le uniche attive in città, in quanto avevano subito pochi danni; vennero quindi sepolte sotto una coltre di ceneri e lapilli a seguito dell’eruzione del Vesuvio del 79 e riportate alla luce grazie agli scavi degli esploratori borbonici nel 1823.

Pompeiana di Sir William Gell - Pompei 1819 - vesuvioweb 2016 - 23

Pompeiana di Sir William Gell - Pompei 1819 - vesuvioweb 2016 - 24

Mosaico dei musici e delle prove teatrali dala La Casa del Poeta Tragico, che fu scavata tra il 1824 ed il 1825. Piccola ma ricca dimora pompeiana conserva veri capolavori dell’arte musiva. All’ingresso è collocato un mosaico che reca la scritta: (LA) « CAVE CANEM » (IT) Il noto motto: Attenti al cane. All’interno erano presenti diversi affreschi poi staccati e conservati al museo nazionale di Napoli, come la scena di prove teatrali, da cui la casa prende il nome, oppure episodi dell’Iliade. La casa inoltre venne scelta come modello per il romanzo di Edward Bulwer-Lytton Gli ultimi giorni di Pompei.

Pompeiana di Sir William Gell - Pompei 1819 - vesuvioweb 2016 - 25

Insula 9 Fu scavata già nell’800 ma la scoperta totale dell’abitazione venne completata nel 1951. MOlte delle decorazioni furono danneggiate a seguito di infiltrazioni d’acqua. Quasi tutti gli affreschi in IIstile e ben conservati sono quelli di diversi cubicoli intorno all’atrio, mentre resti di mosaico sono invece visibili all’interno del tablino ed intorno all’impluvium. In molti ambienti furono rinvenuto mobili dei quali furono eseguiti dei calchi in gesso. Nel giardino sono state ritrovate statuette in marmo utilizzate come fontane.

Pompeiana di Sir William Gell - Pompei 1819 - vesuvioweb 2016 - 26

Planimetria delle insulae che si affacciano sulla via di Mercurio.

Pompeiana di Sir William Gell - Pompei 1819 - vesuvioweb 2016 - 27

Pompeiana di Sir William Gell - Pompei 1819 - vesuvioweb 2016 - 29

Casa della Fontana Grande. Insula 8 Il nome dell’abitazione si deve ad una sua peculiarità architettonica: la presenza nel giardino di una grossa fontana, tipica del periodo post-augusteo. Si tratta di una fonte artificiale posta in una nicchia ed interamente decorata con mosaici a tessere vitree policrome. E’ inoltre presente un bronzo raffigurante un putto con delfino, copia di quello originale esposto al museo archeologico a Napoli.

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Archeologia

03 giu

7 Comments

Ai primordi della lavorazione della tartaruga a Napoli e a Torre del Greco

by

icona tartaruga1

Di

Eduardo Cuomo

La tartaruga, retraendosi immergendola in acqua fredda, all’interno, tratteneva il prezioso decoro. Questo, era valido per ornare oggetti preziosi dalle forme suggerite dall’oreficeria, ma è proprio a Napoli che sono realizzati gli esemplari più belli. Nell’ambito della produzione torrese, in linea con gli orientamenti del gusto e della moda, l’apice della lavorazione, avviene nei locali della Scuola del Corallo di Torre del Greco. Il 23 giugno 1878, con Real Decreto, veniva istituita a Torre del Greco una “Scuola per la lavorazione del corallo”.

icona tartaruga2

Eduardo Cuomo – Ai primordi della lavorazione della tartaruga a Napoli e a Torre del Greco – vesuvioweb 2016.pub

02 giu

9 Comments

Una tela del Vesuvio in eruzione nel secolo XVIII?

by

icona

Di

Pasquini Jacopo

Il secolo XVIII, fu caratterizzato da violente esplosioni che geologicamente vengono definite miste. Caratterizzate cioè dall’emissione di lava, di cenere e gas. E sono proprio questi ultimi a generare le esplosioni ed il lancio di prodotti che raggiungono altezze inimmaginabili.

Il nostro amico Jacopo Pasqiuni, ritrova in soffitta per caso una vecchia tela che raffigura il Vesuvio in eruzione. Una spettacolare colata lavica che cirguisce il Colle Umberto e verso sud est sembra voler giungere al mare. Un’altissima nube di funo, cenere e scorie si solleva verso l’alto minacciosa.

In basso a sinistra il disegno essenziale e schematico di forme cubiche affacciate sul mare, semba volerci proporre il litorale di Napoli ed in particolare del Castel dell’Ovo. Una firma in basso a destra, ridotta a due lettere.

Il misterioso quadro del Vesuvio in eruzione, resta un mistero per il proprietario che chiede ai lettori di Vesuvioweb di voler esprimere il proprio contributo per poter datare l’opera, l’autore e l’epoca dell’evento eruttivo.

Vesuvio - Jacopo Pasquini - vesuvioweb 2016a

Vesuvio - Jacopo Pasquini - vesuvioweb 2016b

Vesuvio - Jacopo Pasquini - vesuvioweb 2016c

Elenco delle eruzioni del Vesuvio redatto dall’Osservatorio Vesuviano

http://www.vesuvioweb.com/it/wp-admin/post.php?post=14661&action=edit&message=10