17 Lug

3 Comments

Vulumbrella

by

Vulumbrella

Di

Salvatore Argenziano e Aniello Langella

 

Fatte molla e no cchiù ddura

mò ca si’ formosa e bella

ca ogne fica vulumbrella

a ‘sto tiempo s’ammatura.

 

Fatte doce e no cchiù amara

nun te fa vedere acerba

e non esser tanto brava

fatte umile e no superba.

 

Mo ca è verde la toja erba

e lu munno renovella

ca ogne fica vulumbrella

a ‘sto tiempo s’ammatura.

 

Mò ca sì ‘mmeza ammullata

e tra fronne fai la guerra

nun aspettare ca si’ seccata

e che cade in chiana terra.

 

Fa’ ca’ po’ da te se sferra

ca si’ tosta fredda e bella

ca ogne fica vulumbrella

a ‘sto tiempo s’ammatura.

 

Salvatore Argenziano e Aniello Langella – Vulumbrella – vesuvioweb 2020.pub

 

È il trascorrere lento e inesorabile del tempo che anima il testo. Lo si percepisce da subito. Si tocca con mano già dalle prime note, scandito ritmicamente dalle note di strumenti a percussione. Tempus edax rerum, vuole mettere in chiaro il nostro artista napoletano o forse più genericamente vesuviano. Sceglie un frutto; lo individua tra le mille specie a sua disposizione e ne fa un piccolo poema campestre, rustico, da cantare come inno al rientro del lavoro dei campi, quando per stanchezza ha sopraffatto tutto e l’unico diletto che ristora, può essere il desco gustoso e la mollezza di un talamo pronto. Sceglie il frutto del fico, appena maturo, turgido e dolce: la fica vulumbrella. Osserva bene e con attenzione, esamina il destino di questa bontà della natura. Tonda e profumata, morfologicamente assimilata all’utero nell’anatomia della Scuola Salernitana. Ne desidera i succhi dolci e singolari e così lasciandosi quasi inebriare dal ritmo dei cembali e dalle parole che continua a sentire, rivolge più volte il reiterato invito al frutto che diventa in quel preciso momento la donna desiderata: …ca ogne fica vulumbrella a ‘sto tiempo s’ammatura…. Un canto che conosciamo, declinato in altre terre, ma con i medesimi intenti: …di doman nessun si paschi … Non attendere che il tempo ti faccia invecchiare, ci faccia perdere la giovinezza; ti esorto a considerare questo pensiero; ti scongiuro donna bellissima che mi precedi tornando a casa dopo il lavoro dei campi; ora sei formosa e bella; non hai bisogno di nulla se non di dare atto al tuo destino,…concederti a me.

 

https://

 

Salvatore Argenziano – Vulumbrella Fatti molla e nun chiù dura – vesuvioweb 2016.pub

 

Fica Vulumbrella – vesuvioweb 2016.pub

17 Lug

0 Comments

La Festa della Madonna dell’Arco

by

La Festa della Madonna dell’Arco

Di

Aniello Langella

Il gagna en effet; son adversaire, furieux, s’en prit à la divine intervention, et lança de colère sa paume à la Madone, qu’il atteignit à la joue. Cette joue bleuit tout aussitôt. Un certain seigneur de Sano, qui passait par là, s’empara de l’insulteur et le lit pendre à un arbre voisin. A son contact , l’arbre se dessécha subitement; on l’abattit, et à cet endroit on éleva j une église, où fut placée sur le principal autel la statue miraculeuse, qui reçut le nom de Madone de l’Arc (Madonna del Arco).

Aniello Langella – Alla festa della Madonna dell’Arco – vesuvioweb 2020.pub

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Sant'Anastasia

17 Lug

0 Comments

Pompeii, its life and art

by

Di

August Mau (1840-1909), Kelsey, Francis W. (Francis Willey) (1858-1927)

New York

1902

… Another interesting bit of evidence is a wall painting, which appears to have as its subject the Judgment of Solomon (Fig. 6). On a tribunal at the right sits the king with two advisers ; the pavilion is well guarded with soldiers. In front of the tribunal a soldier is about to cut a child in two with a cleaver. Two women are represented, one of whom stands at the block and is already taking hold of the half of the child assigned to her, while the other casts herself on her knees as a suppliant before the judges. It is not certain that the reference here is to Solomon ; such tales pass from one country to another, and a somewhat similar story is told of the Egyptian king Bocchoris. The balance of probability is in favor of the view that we have here the Jewish version of the story, because this is consistent with other facts that point to the existence of a Jewish colony at Pompeii …

icona pompei

https://archive.org/stream/pompeiiitslifear01maua#page/n9/mode/2up


			

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Archeologia

17 Lug

1 Comment

Capri e la villa di Tiberio

by

Capri e la villa di Tiberio

 

If anywhere in Capri, the magnificence and reality of the occupation and dominion of the Caesars, (whether Augustus or Tiberius , ma6ers li6le), can be best appreciated, and moulded into concrete form, it is at the so called Villa Jovis at Tiberio , the extreme eastern point of the island, and that which is nearest to the mainland. The position itself is stupendous, and isolated in the highest degree, and seems to be formed by nature as the final retreat of a disappointed potentate. The cliffs drop straight into the sea, one thousand feet below, with menacing precipitousness, and the only approach, by means of a narrow causeway, could have been easily rendered unapproachable to over insistent friend or prying enemy.

Aniello Langella – Villa Iovis a Capri – vesuvioweb 2020.pub

 

REPORTAGE FOTOGRAFICO

Di

Aniello Langella

Siamo sulla punta orientale della grande ed alta falesia calcarea; il Salto della Villa da dove la leggenda vuole che l’imperatore precipitasse a mare i propri nemici.

L’entrata attuale al complesso archeologico; percorsa la lunga strada del Parco Astarita, si giunge ad un’area dove un tempo un portico colonnato introduceva alla villa. Restano evidenti le tracce delle colonne e delle sostruzioni che poggiavano sulla collina calcarea.

Tracce di intonaco in uno degli angoli del vestibolo.

Ciò che resta delle grandiose cisterne d’acqua per l’approvvigionamento idrico del complesso.

Panorama da Villa Jovis; sullo sfondo il Monte Solaro.

Sullo sfondo la Penisola Sorrentina con il Capo Minerva. Panorama dalla Villa Jovis

Veduta panoramica da Villa Jovis. Sullo sfondo il Vesuvio.

03 Lug

2 Comments

L’affermazione dei civili: il caso degli Hodierna

by

STUDI STORICI SARNESI
L’affermazione dei civili: il caso degli Hodierna

Di

Gaetana Mazza *

 

Sono ricostruiti i percorsi di formazione ed istruzione nel panorama culturale sarnese nell’Età Moderna. Servendosi di recenti studi si è ampliato il quadro generale finora disponibile e si sono offerte nuove letture sulla felice convergenza di intenti tra pubblico e privato, tra potere politico ed ecclesiastico, che portò in città un sensibile rinnovamento culturale di cui ne fu espressione il filosofo Vincenzo Colle detto “il Sarnese”. Nel 1706 alla scuola pubblica frequentata da ragazzi di sesso maschile fu aggiunta una scuola per le donne di civile condizione, grazie all’opera del magnifico Giacomo Odierna erede ed esecutore testamentario del fratello, il reverendo d. Ponziano, che fondò il Conservatorio di S. Francesco Saverio. The training and educational paths of Sarno cultural scene in the Modern Age, are here well reconstructed. Thanks to some recent studies, the general knowledge of the matter was expanded and new readings about the new significant cultural enthusiasm have been taken into account. Public and private, political and ecclesiastical powers had a relevant impact on the cultural life during the 16th and 17th century. The philosopher Vincenzo Colle called “the Sarnese” was a prominent figure in that period. In 1706, a school for women was added to the state school attended by males, thanks to the work of the “magnifico” Giacomo Odierna, heir and executioner of his brother, the Reverend D. Ponziano, who founded the Conservatory of S. Francesco Saverio.

Gaetana Mazza – L’affermazione dei civili – Il caso degli Hodierna – vesuvioweb 2020

 

*Gaetana Mazza, già docente di materie letterarie, da anni è impegnata negli studi storici, utilizzando soprattutto fonti primarie. Ha pubblicato: La Regia Scuola “Guido Baccelli” saggio contenuto in I cento anni della Scuola Media Statale “Guido Baccelli” di Sarno (1899-1999) (Baronissi
2001); Streghe, guaritori e istigatori (Roma 2009); I processi inquisitoriali nella Diocesi di Sarno (1680-
1759) (Roma 2013); Tra storia e storie. Banditismo, brigantaggio e milizie civili nel Meridione d’Italia
dal XVI al XIX secolo (Roma 2015). È coautrice, insieme alla figlia Elena Amendola, del saggio
dedicato alla storia dell’ambiente e del territorio Storia liquida (Sarno 1999).

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, I personaggi illustri, Storia e cultura

03 Lug

1 Comment

Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano M da macante a muzzunaro

by

Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano – M – Da macante a muzzunaro

Di

Salvatore Argenziano

Mammóne: s. m. 1 Animale o personaggio fantastico, spaventoso, fiabesco.
Traslato: persona grossa. 2. Gaetano “Mammone”, il terribile brigante che
terrorizzò le nostre contrade ai tempi della Repubblica Partenopea, per la difesa
dei Borbone contro i Francesi. 3. Uomo nero per i bimbi. etim. Arabo “maimūm”,
scimmia. ’A iatta mammóne.
*Basile. Lo Cielo me ne guarde! / Po’ ca ’nante vorria / vedere lo Paputo e lo
Sarvateco, / vedere lo Mammonio e Parasacco, / e lo Scazzamauriello e
Rancecotena, / che ’na scerpia de cheste!
*N. Lombardo. Sore mie, e che piezze de mammune / Chiammammo a ggente
pe bbedé ch’è cchesso / Venite ccà: portate li cannune: / Corrite: non
sapimmo ch’è ssocciesso
*D. Basile. Quanno le ccanta, po’, non saie se è uorco, / gatto maimone o
spireto de puorco.
*Poesia Popolare. Quanno Gnese addurmeva ’o guaglione, / s’assettava vicino
’o spurtone / e, vucanno, cantava ’a canzone: / Nonna, nonna che vene ’o
mammone!..
*F. Russo. E ’a miezo a chell’ascuro, nun sapive, / da qua’ strumente ascevano
sti suone… / Chiante, resate, strille… E po’ vedive / spuntà, chino ’e felinie,
nu mammone.
-M- Lessico e Letteratura 11
*R. De Simone A mme… ca quanno ire piccerella venevo vicin’ ’o lietto tuio,
pecché tu te mettive paura d’ ’o tempurale, d’ ’o mammone… e io te dicevo…
Nun te mettere appaura a mammà… pecché ce stongo io vicino a te!…
*S. A…..per viaggi di fantasia / con il nonno, che ci cuntava / avventure di
mare e dell’abate Faria / dalla lunga barba bianca / e antichi cunti di orchi
/ e briganti e mammuni / che levano u ggrasso ’a sotto î pieri,

Salvatore Argenziano – Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano – M – Da marcante a muzzunaro – vesuvioweb 2020

 

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Lessico e Letteratura Napoletana

03 Lug

1 Comment

I fratelli Poerio

by

I fratelli Poerio

Di

Umberto Vitiello “Vadìm”

Da “Gente del Vesuvio 2”

Carlo Poerio, conosciuto in Italia e in Europa per il suo impegno civile e politico, in prima linea nel processo di liberazione ed unificazione dell’Italia, nasce a Napoli il 13 ottobre 1803. In esilio coi suoi familiari dal 1816, con la madre e la sorella Carlotta nel 1828 torna a Napoli, dove dirige lo studio legale del padre e diventa uno dei maggiori esponenti del partito liberal-moderato napoletano, che ha come obiettivo la trasformazione della monarchia borbonica in monarchia costituzionale. A causa dei suoi ideali costituzionali, viene perseguitato ed imprigionato dalla polizia borbonica nel novembre 1837, nel marzo 1844 e nel settembre 1847. Nel 1848 viene incaricato dal sovrano Ferdinando II di redigere il programma della Costituzione ed è prima Direttore di Polizia e, successivamente, Ministro della Pubblica Istruzione nel Governo Costituzionale di Napoli. Dopo la strage del 15 maggio 1848 con cui il re Borbone fa soffocare la libertà, Carlo Poerio presenta le sue dimissioni. I1 1° luglio viene eletto alla Camera, che sarà sciolta il 2 marzo 1849, anno in cui, accusato da un falso testimone di essere membro della Setta dell’Unità d’Italia, viene arretato e condannato, per cui trascorre dieci anni nelle carceri borboniche di Nisida, Ischia, Montefusco, Montesarchio.

Umberto Vitiello Vadìm – I Fratelli Poerio – vesuvioweb 2020

 

 

03 Lug

0 Comments

Il sepolcro di Caterina d’Asburgo nel San Lorenzo a Napoli

by

Il sepolcro di Caterina d’Asburgo nel San Lorenzo a Napoli

Di

Aniello Langella

Foto di

Marcello Erardi

 A sinistra ed in alto una palma da datteri. Così andando a rileggere i passi della Bibbia riscopro dal vangelo secondo Giovanni 12,12-16, un piccolo riferimento al monumento napoletano: In quel tempo, la grande folla che era venuta per la festa, udito che Gesù veniva a Gerusalemme, prese dei rami di palme e uscì incontro a lui gridando: Osanna! Benedetto colui che viene nel nome del Signore, il re d’Israele! E ancora: Il primo giorno prenderete frutti degli alberi migliori: rami di palma, rami di alberi frondosi e salici di torrente e gioirete davanti al Signore vostro Dio per sette giorni. Dal Libro del Levitico 23,40. L’altro albero occupa la parte centrale del giardino scultoreo: il fico.

icona caterina 1

Aniello Langella – Il monumento funebre a Caterina d’Asburgo nel San Lorenzo a Napoli – vesuvioweb 2016.pub

Il reportage fotografico di Marcello Erardi

https://www.facebook.com/Marcello.foto1973/photos/?tab=album&album_id=1052737734842069

Album fotografico vesuvioweb

Il sepolcro di Caterina d'Asburgo a Napoli - vesuvioweb 2016 - 1

Il sepolcro di Caterina d’Asburgo nella Basilica di San Lorenzo Maggiore a Napoli. Particolare del capitello frontale destro dove il volto della giovane donna mostra discrete somiglianze con la defunzta. Archivio vesuvioweb 1893.

 

Il sepolcro di Caterina d'Asburgo a Napoli - vesuvioweb 2016 - 2

Il sepolcro di Caterina d’Asburgo nella Basilica di San Lorenzo Maggiore a Napoli. Cariatide di sinistra: la Speranza. Innovativo sul piano stilistico la torsione del tronco della statua, ben espresso nel panneggio. Archivio vesuvioweb

Il sepolcro di Caterina d'Asburgo a Napoli - vesuvioweb 2016 - 3

Il sepolcro di Caterina d’Asburgo nella Basilica di San Lorenzo Maggiore a Napoli. Cariatide di destra. Veste arborea tra ulivo e fico. Archivio vesuvioweb 1893.

Il sepolcro di Caterina d'Asburgo a Napoli - vesuvioweb 2016 - 4

Il sepolcro di Caterina d’Asburgo nella Basilica di San Lorenzo Maggiore a Napoli. Archivio vesuvioweb 1893.

Il sepolcro di Caterina d'Asburgo a Napoli - vesuvioweb 2016 - 5

Il sepolcro di Caterina d’Asburgo nella Basilica di San Lorenzo Maggiore a Napoli. Archivio vesuvioweb 1893

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Arte e artisti a Napoli, I monumenti, Storia

03 Lug

1 Comment

Prospettiva della Nobilissima Città di Napoli Metropoli del Medesimo Regno – 1665

by

Prospettiva della Nobilissima Città di Napoli Metropoli del Medesimo Regno – 1665

 

Prospettiva della Nobilissima Città di Napoli Metropoli del Medesimo Regno. Di Giambattista Cavazza .Data di pubblicazione: 1665
Acquaforte e bulino, circa 1665, firmata in lastra nel cartiglio con la dedica al centro. Edita a Bologna dalla tipografia Longhi. Magnifica prova, impressa su quattro fogli di carta vergata coeva uniti al centro, pieghe di carta e piccoli strappi, per il resto in ottimo stato di conservazione. Giusppe Longhi fu un attivo tipografo ed editore, noto anche per una ricca produzione libraria. Molto famose sono anche le sue grandi vedute di città italiane, disegnate seguendo il modello iconografico dei panorami olandesi dell inizio del XVII secolo ed integrate da una decorazione figurata tipica della cartografia olandese dei vari Blaeu, Janssonius e Visscher. La veduta di Napoli è contornata ai lati dai costumi tipici dell epoca e sopra dalle vedute delle principali città del Regno di Napoli: Fondi, Gaeta, Caiazzo, Pozzuoli, Sulmona, Tricarico, Taranto e Gallipoli. Una ricca descrizione della città e dei luoghi notabili è allegata in basso. Giovan Battista Cavazza è pittore ed incisore bolognese, allievo di Guido Reni. La sua opera cartografica più famosa è un mappamondo in proiezione mercatoriana datato 1643. Magnifico esemplare di questa rarissima veduta di Napoli. Bibliografia: Bellucci e Valerio, Piante e Vedute di Napoli dal 1600 al 1669, p. 121, 71. Dimensioni 840×330.

Il testo in corsivo e l’immagine sono stati tratti da

https://www.abebooks.it/mappe/Prospettiva-Nobilissima-Citta-Napoli-Metropoli-Medesimo/22415634222/bd

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Cartografia antica napoletana