04 Ott

1 Comment

Settembre nero

by

Settembre nero

di

Francesco Raimondo

La Villa, purtroppo, non era disabitata. In quei giorni drammatici anche il proprietario, noto avvocato napoletano, nonché uomo politico “di lunga navigazione”, lì aveva trovato nascosto rifugio, assieme alla sua fidata segretaria tedesca, come l’antica scrittura recitava, allontanandosi prudentemente dalla Città in affanno. Uscirono entrambi dalla porta centrale e li fermarono al centro del viale: “Chi siete? Come siete entrati? Cosa volete?” Il noto avvocato era visibilmente contrariato da quella “irruzione” nella sua proprietà, nel suo “rifugio”. “Eccellenza, i tedeschi stanno arrestando i giovani per portarli in Germania….. ammiez a Torre, a mmiez a parrocchia…..ce vulessemo annasconnere….” “Ma quanno maie! Ascite, ascite! I’ v’avessa denucià sulo pecchè site trasute senza permesso! E poi voi state disubbidendo ad un Proclama! State commettendo un’illegalità. Mi volete far passare un guaio? Se si dovesse sapere che vi ho nascosto…”. Si guardarono interrogativi i tre o quattro giovani tra di loro e poi uno di loro fece: “Per carità Eccellenza non vi pigliate collera, noi ce ne andiamo subito” girarono i tacchi e lo lasciarono al centro del vialetto dimessa sagoma scura assieme alla sua teutonica segretaria. Ogni medaglia ha le sue due facce.

Francesco Raimondo – Settembre nero – vesuvioweb 2019.pub

 

 

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, I personaggi illustri, Storia e cultura

04 Ott

1 Comment

E da èbbreca a ezzètera

by

Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano

E da èbbreca a ezzètera

Di

Salvatore Argenziano

Evera fasulara: Vescicaria. Evera cardilla: Erba cardella.
*Cortese. Po’ pisaie maiorana e fasolara, / aruta, menta, canfora e cardille, / e
n’erva che non saccio, puro amara, / che se dace pe vocca a peccerille, / e
disse: “Te’, se la tenite cara / a bevere le date sti zuchille, / ca n’averrà de
ventre maie dolore / e se farrà commo no bello sciore”.
*N. Capasso. Pecchè se legge a chiù de no Romanzo / Ca la fava è bentosa, e,
perzò primma / Spara na vessa, e po toppa l’avanzo. / E l’ordenaro de
piglià la cimma / De Fasolara, ch’è defrescativa, / E mettrencella ncuorpo
comm’a ntimma,
Evera fetènte: Finocchio fetido. (Ferula assa-foetida) detta comunemente i fetiénti.
*P. Sarnelli. «Che ’mporta chesto? – disse la Fata. – Non sempe cammina la
regola: Comm’è la chianta è la schianta. Perché se vede ca da le spine
nasceno le rose, e da n’erva fetente nasce lo giglio: accossì Nunziella da le
spine de l’avarizia de la mamma è nata comm’a na rosa, pe l’affrezzione che
sente de li guaje d’aute, da l’erva fetente de chella brutta caira è schiusa
comm’a giglio de bellezza.»
*S. A. Alla valletta del Santuario, la Foce / dove pigramente tra canneti / il
Sarno sbocca alla luce, / andiamo per fare i bagni / nell’acqua bassa /
ferma, fredda, muta, / tra il gracidare di rane / i nocciòli generosi sul
sentiero / il nauseabondo odore / dell’erba fetente / e la polvere della riva.

E da èbbreca a ezzètera – Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano – Di Salvatore Argenziano – vesuvioweb 2019

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Lessico e Letteratura Napoletana

04 Ott

2 Comments

La via Mezzocannone a Napoli

by

La Via Mezzocannone a Napoli

Di

Aniello Langella

Che lungo questa strada vi sia stata una porta, non vi è dubbio alcuno. Tuttavia tra i vari grandi autori della ricerca storica napoletana, si è molto dibattuto sul dove esattamente questa fosse collocata. Per alcuni guardava verso sud, ossia verso l’area portuale, per altri si apriva lungo l’asse parallelo ai decumani, ossia est\ovest. Non sarò certo io in questo breve contributo a dare una risposta esaustiva, in quanto carente di quelle competenze e di quelle conoscenze archeologiche necessarie, ma sulla scorta delle migliori emergenze bibliografiche cercherò di fare il punto, per rendere coerente una risposta sullo stretto piano storico.  Uno dei padri della Storia di Napoli è certamente Bartolomeo Capasso e a lui faremo riferimento spesso, per farci da “cicerone”. Ritenne il Capasso che la Porta Ventosa ebbe la funzione di congiungere il muro di epoca greca, di cinta alla città a livello dell’attuale chiesa di San Giovanni Maggiore.

Aniello Langella – La via Mezzocannone a Napoli – Parte Prima – vesuvioweb 2019

 

04 Ott

0 Comments

La Rassegna d’Ischia

by

La Rassegna d’Ischia

Settembre – Ottobre 2019

 

In questo numero

2 Il corteo storico di Sant’Alessandro l’omaggioall’identità di un’isola con 28 secoli di storia

3 Motivi

5 Idea progettuale di rigenerazione del Parcodi Villa Arbusto

9 Ischia e il suo Castello descritti nel misteriosocodice Voynich

16 Documenti della cancelleria aragoneserisalenti ai secoli XV e XVI

19 Fonti archivistiche per la storia dell’isola Le Università tra XVI e XVIII secolo

26 Il Castello Aragonese dipinto da William Haseltine

28 La contessa Anna Clifford Mahony a Forioe il suo testamto

42 Ville e alberghi storici di Casamicciola

46 Rassegna Libri – La mia Ischia. guida turistica personalizzata – Cercando il Faro – La faccia oscura della Rete – O San Vito patrone ‘e Furie – Il figlio del professore – Immaginare ripari – Parlando in silenzio

50 Ex libris – L’Italia meridionale – Napoli e la Campania – L’Italie méridionale – Naples et la Campanie

51 Quando l’Aenaria ci faceva sognare – Peppino “apacchiana” e Salvino, due giganti sul campo e nella vita degli anni ’60 e ’70

54 “La nascita di Venere” di Cabanel è l’isola d’Ischia

http://www.ischialarassegna.com/rassegna/Rassegna2019/rass04-19/rass04-19.pdf

13 Set

2 Comments

Il Ponte della Strada Ferrata e ‘l Forte di Vigliena

by

La Regia Strada delle Calabrie – Il Ponte della Strada Ferrata e ‘l Forte di Vigliena

Di

Aniello Langella

La Regia Strada delle Calabrie Ispirata al VIAGGIO DA NAPOLI A CASTELLAMMARE. Con 42 vedute incise all’acqua forte di Achille Gigante. 1845

4 – Viaggio da Napoli a Castellammare – Il Ponte della Strada Ferrata e il Forte di Vigliena – vesuvioweb 2018.pub

13 Set

0 Comments

Lucrezia D’Alagno e Alfonso D’Aragona

by

Lucrezia D’Alagno e Alfonso D’Aragona

Di

Pierpaolo de’ Gennaro

La novella

       Appena giunto con il treno a Torre del Greco, dal finestrino vedo la scia solare provenire dal mare per illuminarlo con la sua calda, tersa e radente luce arancione fortissima. Ad occhi socchiusi ammiro la nitidezza dei tratti con cui essa mi mostra, al di là di fitti casamenti, giardini d’agrumi murati da pareti scure: rivestite dalle quane calcine mescolate al lapillo locale. Alle loro spalle dominano le inerbite pendici del Vesuvio. Tutto gioisce su un fondo d’azzurri lontani, sotto il Sole calante che ho di fronte, ma ancora alto: tanto che mostra un’autostrada d’oro sull’acqua. Nel percorre con lo sguardo quest’ultima, raggiungo in un baleno idealmente Ventotene. È al centro ed in fondo allo stretto canale di Procida: tra Capo Miseno e Punta Pappeto, mentre il castello d’Ischia a stento fa capolino da Punta Solchiaro. Ad un tratto, mentre contemplo quasi inebetito questa scena sublime, il medesimo lampo luminoso, quasi per incanto, mi fa ritrovare in una delle camere del palazzo della mia fantasia. Ed è qui che, da un’oscura camera, osservo ancora l’identico quadro attraverso un unico grande balcone arricchito di vasi stracolmi di gerani e ricoperto da un pergolato di roselline bianche che mi inondano di dolci profumi.

De Gennaro Pierpaolo – Lucrezia D’Alagno e Alfonso D’Aragona – vesuvioweb – 2019

13 Set

1 Comment

Il Vesuvio dalla collezione privata del Duca della Torre

by

Gabinetto Vesuviano di Ascanio Filomarino Duca della Torre

1751-1799

Stampato presso Vincenzo Talani, strada del Gigante di Palazzo numero 7, nel 1797

A cura di

Aniello Langella