07 Feb

3 Comments

Na mmescafrancesca

by

Dialetto Torrese

Na mmescafrancesca

Da A cugnacca a Scitto a mme

Di

Salvatore Argenziano

Oggi voglio andare in campagna, ncoppaddannuie, a comprare una damigiana di vino, da Tatonno u parzunaro. Vengono pure i ragazzi, contenti perché andiamo con la carrozzella. Andiamo a prenderla di fronte alla chiesa della Madonna delle Grazie, faccefrónte â puteca r’a muiana. Là sta a pusteggia di Ciccillo ’i massa, u marito r’a muiana. Michele è il più grande dei miei ragazzi e gli consento di sedere in cassetta, col cocchiere. Il piccolo s’ammussa ma poi se capacita. Arriviamo ncoppumonte, dove Tatonno tiene a terra. Ci accolgono con gioia, lui la moglie e cinque figli. Ciccillo ’i massa riparte per Torre; ci verrà a prendere prima di mezzogiorno. I miei ragazzi vanno a cogliere la frutta con quelli di Tatonno, tutti loro scalzi che, come scimmie, salgono e scendono dagli alberi. Tatonno mi fa vedere la vigna e mi racconta la bontà delle viti. Facciamo colazione con vascuotti bagnati e ppummarulelle, sotto la grande pergola dietro casa, – robba ’i mmano a ttatillo -, dice Tatonno, – chella ca nunn ha patuto a fillossa – la malattia del secolo scorso. la fillossera. – Tatò, e lo fate voi il vino?- chiedo. – Certamente. U scufacciammo nuie rinto a cchella  mezavotte – I miei ragazzi guardano impietriti quei piedi scalzi, leopardati di nera calimma attrassata e nzerchie fute ripiene di perimma e pensano che non berrano mai quel vino.

Salvatore Argenziano – Na mmescafrancesca – vesuvioweb 2020

 

 

07 Feb

3 Comments

Gioacchino Murat poco prima e dopo la sua fucilazione

by

Gioacchino Murat
poco prima e dopo la sua fucilazione

di

Umberto Vitiello “Vadìm”

Non potendo far più ritorno a Napoli, dove aveva lasciato sua moglie Carolina come reggente, Murat si rifugia in Corsica. E in quest’isola viene informato che il 9 giugno il Congresso di Vienna si è concluso sancendo l’egemonia austriaca sull’Italia e la nuova divisione politica dell’intera penisola. Apprende poi della sconfitta del 18 giugno di Napoleone a Waterloo e poco dopo cominciano ad arrivargli notizie del crescente malcontento della popolazione del suo ex regno. Per cui nel mese di settembre di quello stesso infausto 1815 parte dalla Corsica alla volta della Campania con sei barche a vela e 250 uomini. Una tempesta purtroppo disperde la piccola flotta e la sua e un’altra barca l’8 ottobre approdano a Pizzo Calabro. In questo paese, dove entra con una trentina dei suoi uomini, Murat nota subito l’indifferenza e poi l’ostilità da parte della popolazione e decide di trasferirsi coi suoi uomini in un paese vicino, dove spera di ricevere un’accoglienza migliore. Ma sopraggiungono le truppe borboniche, che lo catturano, lo processano e lo condannano a morte. E il 13 ottobre, dopo aver ottenuto di scrivere alla moglie e ai propri figli, viene fucilato nel cortile
del Castello di Pizzo. Le sue ultime parole sono: – “Risparmiate il mio volto, mirate al cuore, fuoco!”. Aveva soltanto 48 anni.

 

Umberto Vitiello – Gioacchino Murat poco prima e dopo la sua fucilazione – vesuvioweb 2020

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Personaggi a Napoli, Storia, Storia e cultura

07 Feb

0 Comments

Passeggiata tra 102 parole napoletane

by

Passeggiata tra 102 parole napoletane

Di

Alfredo Imperatore

Il verbo napoletano accucchià o accucchiare, pur derivando chiaramente dall’italiano accoppiare, composto da a (rafforzativo) + coppia, ha un significato molto più estensivo del semplice accoppiare. Il nostro accucchià significa adunare, appaiare, riunire, apparigliare, mettere insieme, ecc. È famosa la frase che il nostro grande commediografo Eduardo Scarpetta sbottò all’indirizzo dell’avvocato Enrico Còcchia, mentre patrocinava in tribunale Gabriele D’Annunzio, nel famoso processo da questi intentatogli, per presunto plagio alla sua tragedia “La figlia di Iorio”. Durante l’arringa del Còcchia, lo Scarpetta si alzò esclamando: . La vicenda, data la portata dei personaggi, ebbe una risonanza che potremmo definire mondiale, e può essere così riassunta.

 

Alfredo Imperatore – Passeggiata tra 102 parole napoletane – vesuvioweb 2020

07 Feb

1 Comment

Il Vesuvio nella prima metà del secolo XVIII

by

Il Vesuvio nella prima metà del secolo XVIII

Di

Aniello Langella

Introduzione

La vera guida de’ forestieri : curiosi di vedere, e d’intendere le cose più notabili della regal città di Napoli, e del suo amenissimo distretto. Questo il titolo dell’opera di Sarnelli, Pompeo, (1649-1724), nella quale il Forestiero si incammina per le strade di questa terra che l’autore definisce spesso maravigliosa.  Il viaggio turistico tra la gente, i monumenti e la storia di questa terra, viene considerato una descrizione ed a tratti un racconto. Non manca tuttavia di veri riferimenti storici coerenti nella maggior parte dei casi con le idee, gli studi e le deduzioni del vate storico dell’epoca e che risponde al nome di Pietro Summonte.
Mi piace rivisitare opere come questa, dove il Forestiero sono io; quasi ignorante, mi stupisco dei fatti raccontati e mi emoziono nel descriverli di nuovo, in un contesto moderno. In fondo ed è questa la mia opinione, che la rilettura storica, alla luce delle recenti acquisizioni, sia la vera chiave di cultura e di arricchimento, nell’ambito della ricerca storica. Documentare l’odierno sulla base di una esegesi storica del testo antico, è come voler sottolineare l’importanza di documentare il divenire e quindi di ridisegnare la storia stessa. Dal testo del Sarnelli ho voluto trarre il capitolo dedicato al Vesuvio. Un quadro illuministico e quasi scenografico nelle descrizioni dell’autore.

Aniello Langella – Il Vesuvio nella prima metà del secolo XVIII – vesuvioweb 2019.pub

 

07 Feb

0 Comments

Le chiese e i monumenti della città di Torre del Greco

by

Di

Ciro Di Cristo

La chiesa omonima di quella dell’Ospedale degli Incurabili di Napoli, era baroccheggiante, ad una sola navata, con volta a botte e tutta decorata di stucchi; sull’altare maggiore di marmi intarsiati troneggiava il quadro raffigurante la Madonna del Popolo col Bambino che accoglie sotto il manto fedeli infermi supplicanti in ginocchio, privo della firma dell’autore, attribuibile al napoletano Giulio di Angelo alias D’Acunto, vivente nel 1562. L’Ospedale era di costruzione massiccia, aveva l’accesso da un largo portone, un’area scoperta con pozzo, luminose corsie. Dallo stesso don Ferrante fu costruita accanto una cappella di S. Maria della Misericordia (anche questa omonima di quella degli Incurabili di Napoli) che ospitò la Congregazione dei Bianchi della Giustizia fondata nel 1575. Cappella che nel 1612 fu aggregata dal Papa Paolo V.

icona ciro chiese e monumenti1

Ciro Di Cristo – Chiese e Monumenti di Torre del Greco – vesuvioweb 2017
<

28 Gen

1 Comment

Il Vesuvio letto e studiato da Pompeo Sarnelli

by

Il Vesuvio letto e studiato da Pompeo Sarnelli

Di

Aniello Langella

Introduzione. Fu la storia, la sua rilettura in un momento di trasformazione culturale del Sud dell’Italia di quel lontano secolo XVII, che influenzò gran parte della vita del Vescovo di Bisceglie Pompeo Sarnelli. Pompeo Sarnelli (Polignano a Mare, 16 gennaio 1649 – Bisceglie, 7 luglio 1724). Nella Guida al Forestiero e nella Nuova Guida, il Sarnelli indossa i panni del cicerone, di colui che in maniera dotta, vuole trasmettere i concetti veri che animano la ragione storica ed un idealismo culturale nuovo nello spirito. Napoli non è la sua terra natia, ma i rapporti con la Campania e con la città dai mille volti, lo renderanno presto, artefice massimo dell’elaborato scenario della storiografia napoletana. Una gemma tra le tante in quel periodo di rinnovamento culturale “illuminato” e dotto. I suoi dialoghi sono straordinariamente attuali, le sue considerazioni travalicano l’immaginazione storica e così ci si trova coinvolti quasi direttamente nel racconto che diventa narrazione e documento scientifico allo stesso tempo. In questo lavoro, la Storia del Vesuvio, vista con assoluto rigore. Uno spaccato della storia di questo vulcano all’alba di una delle più devastanti eruzioni, il 1631.

Il Vesuvio in una stampa dal testo del Sarnelli. Siamo in presenza del “vulcano settecentesco”, la cui vetta è più bassa del Somma. Vetta divelta erosa ed appianata dalla catastrofica eruzione del 1631

Aniello Langella – Il Vesuvio visto da Pompeo Sarnelli – vesuvioweb 2019.pub

 

 

28 Gen

2 Comments

La carta del Rizzi Zannoni del 1808

by

La cartografia di Giovanni Antonio Rizzi Zannoni

(1736-1814)

Pubblicata nel 1808

 

https://www.davidrumsey.com/luna/servlet/detail/RUMSEY~8~1~246514~5515020:-Composite-of–No-1—31–Regno-di-?fbclid=IwAR3h_giGZT5531GR8PGcbKkuNHzySEwri3ZNCnKKWmiwKQ9V7_PgWxBCwIk

 

 

 

 

 

Rizzi Zannoni, Giovanni Antonio (1736-1814)
1808
Geografo e cartografo, nato a Padova il 2 settembre 1736, morto a Napoli il 20 maggio 1814. Studiò a Padova e sotto la guida del marchese Poleni si applicò all’astronomia. Viaggiò poi a lungo in Italia e in varî paesi d’Europa e nel 1757 lo troviamo in Polonia incaricato dal re Augusto di eseguire la triangolazione per appoggiarvi la costruzione di una carta dello stato. Passato in Germania, attese a varî lavori e pubblicazioni che gli assicurarono una larga reputazione nel mondo scientifico. Entrato al servizio del principe Enrico di Prussia come ingegnere geografo militare, fu fatto prigioniero dai Francesi nella battaglia di Rosbach e condotto a Parigi, dove poi si stabilì occupandosi sempre di lavori cartografici. L’abate Galiani, allora segretario di ambasciata del re di Napoli presso la corte francese, lo incaricò di costruire una carta di quel reame valendosi dei molti antichi materiali topografici che si conservavano in quegli archivî. La carta, in 4 fogli alla scala di 1:425.000 circa, fu pubblicata nel 1769 ed accrebbe la sua notorietà. Nel 1772 fu nominato dal re ingegnere idrografo al Deposito della marina; ma dopo quattro anni lasciava Parigi e faceva ritorno a Padova, dove concepì il disegno di costruire una carta generale d’Italia basata su regolari operazioni astronomiche geodetiche; una carta topografica a grande scala del territorio padovano cominciò intanto a pubblicare nel 1780. Ma lo distrasse da questi suoi propositi l’invito pervenutogli dal governo napoletano di recarsi a Napoli per rivedere e correggere la carta di quel reame, che aveva pubblicata nel 1769. Una prima ricognizione gli mostrò peraltro l’inattuabilità del proposito e la necessità d’intraprendere regolari operazioni astronomiche geodetiche su cui fondare la costruzione di una carta regolare, analoga a quella che si stava allestendo in Francia sotto la direzione del Cassini. Convenne in questi propositi il governo del regno e per attuarli fu istituita un’apposita “Officina topografica” sotto la direzione del R.-Z. I lavori per la costruzione della carta, subito iniziati, continuati per un trentennio, si conclusero nel 1812 allorché ne fu pubblicato l’ultimo foglio. La carta porta il titolo di Atlante geografico del regno di Napoli e si compone di 32 grandi fogli incisi in rame sviluppati nella proiezione di Cassini alla scala di un’oncia napoletana per 1,5 miglia (1: 126.000) e delle dimensioni di 30 × 20 once (corrispondenti quindi a 45 × 30 miglia) con l’orografia rappresentata artisticamente mediante un tratteggio semiprospettico detto alla “cavaliera”. Sebbene i progressi conseguiti dalla cartografia dal tempo in cui la carta era stata iniziata fossero notevoli, il plauso che incontrò la sua pubblicazione fu assai grande. L’attività del R.-Z. si esplicò poi sino alla sua morte in un vasto campo di lavori cartografici e metrici e la sua “officina”, cui successe dopo la sua morte il “R. Officio Topografico”, si può considerare il nucleo primo dell’Istituto geografico militare italiano.
Bibl.: A. Blessich, Un geografo italiano del ‘700, G. A. R.-Z., in Boll. R. Soc. geogr. it., 1898; A. Mori, La cartografia ufficiale in Italia e l’Ist. geogr. milit., Roma 1922.

Da Treccani

 

 

28 Gen

0 Comments

Plano del acampamento de artilleria del Real Sitio de Portici – 1734

by

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Archeologia, I monumenti, Storia e cultura

28 Gen

0 Comments

Pompei 1838

by

Planimetria della città di Polpei del 1838

di

Andrea De Jorio

 

Andrea de Jorio (Procida, 16 febbraio 1769 – Napoli, 1º febbraio 1851) è stato un archeologo ed etnografo italiano.
Studiò nel seminario arcivescovile di Napoli, dove ebbe come precettori, tra gli altri, Bernardo della Torre e Bartolomeo Malizia. Dal 1805 fu canonico della Cattedrale di Napoli, carica che gli aprì le porte per altri incarichi. Dal 1810 fu, infatti, ispettore generale alla pubblica istruzione di Napoli, mentre, dall’anno successivo, si occupò della conservazione della sala dei vasi etruschi del Real Museo Borbonico. Da questo periodo cominciò ad interessarsi maggiormente delle antichità, visitando scavi e scrivendo sui ritrovamenti archeologici. Le sue pubblicazioni di argomenti connessi a tali tematiche, come quelle relative ai siti più importanti del napoletano, da Ercolano a Pompei, da Cuma a Pozzuoli, furono le guide di riferimento del XIX secolo per i viaggiatori e gli antichisti. Per la sua attività fu decorato commendatore dell’Ordine dell’Aquila Rossa da Federico Guglielmo III di Prussia e, dal 1833, entrò a far parte dei soci dell’Accademia Ercolanese. Come ha ricordato Benedetto Croce a proposito del linguaggio dei gesti, il volume più noto del canonico di Procida è rappresentato da La mimica degli antichi del 1832, in cui è stata per la prima volta studiata la gestualità dei napoletani, individuando una continuità dall’epoca antica ad oggi sul linguaggio del corpo, in particolare mostrando le similitudini tra il pari linguaggio degli antichi greci, ricavato grazie alle raffigurazioni presenti su vasi e reperti archeologici: questo tema, secondo alcuni studiosi, potrebbe fare di de Jorio il primo etnografo della mimica. Tuttavia, proprio lui, autore di un volume, quale quello sopra ricordato, in cui vengono anche descritti i modi di «fare le corna», sarebbe stato additato dal popolo napoletano come uno dei principali iettatori della città partenopea: è celebre in tal senso l’aneddoto, narrato da Alexandre Dumas padre in un capitolo del Corricolo, secondo il quale il «canonico Oiori» (che Croce intuì non essere altro che l’anagramma di De Jorio), chiedendo lungamente a Ferdinando I di essere ricevuto, per presentargli una pubblicazione, riuscì infine ad ottenere udienza solo il giorno in cui il sovrano borbonico morì. Sepolto nella Basilica di Santa Restituta, la sua iscrizione funeraria venne dettata da Bernardo Quaranta.

Planimetria di Pompei 1838 di Andrea De Jorio – Da BNE

Note bibliografiche dell’autore della planimetria (tratte da Wiki e modificate)

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Archeologia, Storia e cultura

28 Gen

3 Comments

Carlo Iandolo, un linguista vesuviano

by

Carlo Iandolo, un grande linguista vesuviano

(S. Giorgio a Cremano, 1940 – Pompei, Aprile 2016)

Il ricordo del Professor Carlo Iandolo è forte. Ritornano alla mente i suoi lavori, le sue ricerche continue ed assidue in tema di LINGUISTICA VESUVIANA, spaziando con assoluta leggerezza dai temi legati al dialetto, per finire alle definizioni linguistiche. Un vero ricercatore; un delicato e sempre gentile interlocutore, in quel mondo della LINGUISTICA, che spesso accende dibattiti.

In questo nostro volerlo ricordare, una serie dei suoi articoli, delle sue ricerche più dotte.

A lui un grazie da parte della Redazione di VESUVIOWEB

LINGUA O DIALETTO NAPOLETANO?

 

http://www.vesuvioweb.com/it/wp-content/uploads/20-Carlo-Iandolo-Pillole-Linguistiche-Napoletane-Napoletano-lingua-o-dialetto-vesuvioweb.pdf

 


 

http://www.vesuvioweb.com/it/wp-content/uploads/28-Carlo-Iandolo-LE-DUE-LINGUE-DI-POMPEI-ANTICA-vesuvioweb.pdf

http://www.vesuvioweb.com/it/wp-content/uploads/35-Carlo-Iandolo-Pillole-Linguistiche-Napoletane-La-lingua-greca-di-Napoli-vesuvioweb.pdf

http://www.vesuvioweb.com/it/?s=43+-+carlo+iandolo+

http://www.vesuvioweb.com/it/wp-content/uploads/32-Carlo-Iandolo-Pillole-Linguistiche-Napoletane-Il-napoletano-oggi-vesuvioweb1.pdf