04 Dic

0 Comments

A.D. 801, Antimo Duca di Napoli

by

icona antimo

Di

Aniello Langella

Strane cose accadono a Napoli nel periodo ducale. A chi ha letto almeno in parte la storia della città calata in questo periodo che va sotto il nome di Napoli Ducale, non saranno estranee e né potranno generare stupore, quelle vicende orribile ed a tratti truculente, legate alla successione dei reggenti. Questi, che sul modello romano vennero denominati Duchi, per non restare lontani dalla terminologia epigrafica che li vuole comunque e sempre come Dux, vissero sempre nel timore di rappresaglie, di tresche sanguinarie di corte e non riuscirono mai a restare aderenti alla propria missione, in quanto vittime essi stessi della precarietà e dell’angosciante pensiero di diventare preda e allo stesso tempo vittima sacrificale proprio di coloro che li avevano eletti e designati a ricoprire una carica così importante. In un continuo stato di terrore e nel palese sospetto di vedere la propria esistenza, troncata da un momento all’altro, per mano di un sicario, di un servo infedele o per un pasto avvelenato, vivevano i Duchi di Napoli.

icona antimo1

 Aniello Langella – Antimo Duca di Napoli – vesuvioweb 2016.pub

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, I monumenti, Personaggi a Napoli

04 Dic

1 Comment

La Fontana del Sebeto

by

icona sebeto2

Di

Marcello Erardi

icona sebeto1

Fontana del Sebeto. Arrivati all’angolo orientale del palazzo del Principe di Salerno, voltando a dritta si entra nella via un tempo detta Gusmana, poscia del Gigante, la quale è formata da un lato co’ palazzi del detto Principe e del Conte di Capua, dall’altro col parapetto che guarda l’Arsenale d’Artiglieria e la caserma del reggimento Real Marina. Eravi per lo addietro la famosa fontana del Gigante così appellata dalla statua colossale di Giove Terminale, che fu ritrovata in Pozzuoli a’tempi del Duca di Medina il simulacro di quel Nume è ora al Museo Borbonico. La fontana fu situata accosto alla Reggia dall’altro Viceré Pietro d’Aragona e sotto triplice arcata, che qualche scrittore vorrebbe attribuire al Duca d’Alba. Era del resto ben poca cosa , soprattutto a fronte di quella di Giovanni da Nola, di cui or ora diremo; perciò, dopo la restaurazione dell’anno 1815 fu tolta per più comodo e facil passaggio alla Caserma della Milizia di Marina. L’altra fontana fu eretta d’ordine del Viceré Emmanuele Zunica e Fonseca, che volle se le desse il suo cognome, ma fu sempre detta, come anche oggidì, del Sebeto, essendovi figurato il Sebelo giacente con due Tritoni alati, i quali riversano dalle buccine che portano sulle spalle le acque nel bacino sottoposto. L’architettura di questa fontana, dice il nostro Carletti è sproporzionata, ma bella n’è la scoltura dimostrando la principal figura il nostro antichissimo fìumicello Sebeto, nella quale ammiransi il carattere, l’espressione e la corretta miologia. Fu l’opera ideata e costrutta da Curio Fansaga figliuolo del Cav. Cosimo manifestando in essa, ancorché giovane, un ammirabil valore; ma nel più bel fiore degli anni suoi ci fu dalla morte rapito.

https://www.facebook.com/Marcello.foto1973/photos/a.514864688629379.1073741965.505311336251381/734341373348375/?type=3&theater

_____________________________________________

Bibliografia
Da Notizie del bello dell’antico e del curioso della città di Napoli. Di Carlo Celano. Ristampa in Napoli del 1870, volume IV, pagina 512

18 Nov

0 Comments

L’inaugurazione della statua equestre di Filippo V di Borbone eretta in suo onore e le medaglie-monete coniate a Napoli per l’avvenimento

by

icona-filippo-v

Di

Pietro Maglioccaicona-filippo-va

E’ stato trascritto che tali coniazioni avvennero a ricordo ed in onore della visita di Filippo V di Borbone nella città di Napoli e che vennero gettate al popolo in occasione di tale avvenimento; le informazioni riportate, tra errate interpretazioni, non sono
affatto esatte. La data dell’arrivo a Napoli di Filippo V fu il 17 aprile del 1702 e la sua partenza per la Spagna accadde il 2 giugno dello stesso anno. In quegli anni, fermenti rivoluzionari agitavano le periferie della città di Napoli tanto che i consiglieri del re gli suggerirono una visita che Filippo V effettuò accompagnato da personaggi di rango spagnoli e francesi e dai suoi consiglieri più intimi come il duca di Medina ed il conte di S. Stefano, l’ambasciatore francese conte di Mercin, il conte di Benavante Somigliere del corpo, i duchi di Ossuna. Filippo lasciò al governo della monarchia la regina sua consorte, Maria Luisa di Savoia e si imbarcò a Barcellona sulla squadra francese formata da dieci legni da guerra; la nave che lo condusse a Napoli era la nave reale “Fulminante” comandata dal Ten. Generale del Mare conte d’Estreès.

pietro-magliocca-linaugurazione-della-statua-equestre-di-filippo-v-di-borbone-eretta-in-suo-onore-e-le-medaglie-monete-coniate-a-napoli-per-lavvenimento-vesuvioweb-2016

 

 

18 Nov

7 Comments

Raddoppiamento Consonantico Iniziale

by

icona-raddoppio1

Di

Salvatore Argenziano

Da Grafia e Grammatica Napoletana
icona-raddoppio

L’articolo – ’o – neutro singolare
***Si considerano di genere neutro i sostantivi indicanti cose inanimate, come i materiali
nella loro genericità. In realtà questi sostantivi sono neutri soltanto in presenza dell’articolo
neutro – ’o – duplicante7. Nella frase – na fella ’e pane – il R. C. non è presente.
’O ppane ’e rano, ’o ppepe, ’o ssale.
’O llignamme, ’o ggesso, ’o cchiummo.
’O ccafè8. ***R. Galdieri. Pecché quann’ ’o ccafè s’è abbrustulito
’O ffiérro9. ***G. Fasano. Poco luce lo ffierro, e mmanco ll’oro:
***Oppure gli infiniti verbali sostantivati.
’O ddurmì r’i ccriature.
’O mmangià, ’o cchiagnere.
***Eduardo. A mme, quanno m’avite levato ’o ddurmi’, m’ ’avite distrutta.
***Ed anche gli aggettivi sostantivati che indicano concetti astratti
’O mmeglio r’a tavulata, ’o bbrutto d’ ’a mmiria, ’o bbello d’ ’a festa.
***N. Lombardo. Che le ffìce a lo mmeglio levà memo.

08-dialetto-napoletano-raddoppiamento-consonantico-1-di-salvatore-argenziano-vesuvioweb-2016

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Grafia e Grammatica Napoletana

18 Nov

4 Comments

La Valle di Pompei e la Madonna del Rosario

by

Icona madonna del rosario

Di

Aniello Langella

Papa Leone XIII nel 1887 benedisse il meraviglioso diadema che cinse la fronte della Vergine. E tra i diamanti e gli zaffiri che formavano le aureole sul capo della Madonna e del Bambino si potevano notare quattro rarissimi smeraldi, dono di due ebrei beneficati.

Nel 1965 fu eseguito l’ultimo restauro e questa volta seguendo un rigoroso canone scientifico eseguito presso il Pontificio istituto dei padri benedettini olivetani di Roma. La rimozione delle sovrapposizioni di colori antichi e la ripulitura delle muffe portò alla scoperta dei colori originali che svelarono la mano di un valente artista della scuola di Luca Giordano (XVII secolo). Fu durante quel restauro che vennero anche eliminate quasi tutte le pietre preziose, onde evitare danni e perforazioni alla tela.

Icona madonna del rosario1

 Aniello Langella – La Vallle di Pompei e la Madonna del Risario – vesuvioweb 2016.pub

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Storia e cultura

18 Nov

1 Comment

Chiesa Rettoria dell’ Eremo del Santissimo Salvatore

by

icona camaldoli1

Album fotografico di Marcello Erardi

Ricerca bibliografica di Aniello Langella

Prima eravi una diruta chiesa abadiale intitolata al Salvatore; S. Gaudioso l’edificò, dicesi, per un prodigio ivi avvenuto. Il predio apparteneva a Giambatista Crispo e sì esso, che Carlo Caracciolo e Giovanni d’Avolos permisero, sendo il santuario quasi abbandonato, che vi si innalzasse la nuova chiesa sotto l’invocazione di s. Maria Scala Codi; trasse tal nome dalla scala veduta da’ solitari, quando volò al cielo il patriarca s. Romualdo. Il monte è propriamente detto Camaldoli; perchè fin dal 1585 v’ebbero stanza i camaldolesi, ciascuno de’quali ha nell’eremitaggio più cellette, un oratorio da celebrare, un giardinetto; tutto spira ritiratezza e povertà, evi s’ammira una incomparabile nettezza. Gli eremiti professan la regola di S. Benedetto, ma osservan la riforma del predetto Romualdo.

icona camaldoli

Chiesa Rettoria dell’Eremo del SS. Salvatore – vesuvioweb 2016.pub

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Arte e artisti a Napoli, I monumenti, Storia