27 Set

2 Comments

San Leucio 1832

by

San Leucio 1832

Di

Aniello Langella

 

Quando Re Carlo Borbone, gloriosa memoria, diè opera alle maraviglie di Caserta, che noi altra volta descriveremo, trascurò tai luoghi quasi per lasciare in quel campo delle sue magnificenze alcun cantuccio al figliuol suo ove pur potesse imitarlo. E Ferdinando, mentre proseguiva l’edificio di quelle Regie Case, siccome amor di caccia e di più agreste ritiro inducevalo, nel 1775 murato il gran bosco di S. Leucio per cinque miglia e mezzo di giro, di una eminenza si fabbricò ivi un casinetto, o piuttosto riposo di cacciatore lo stesso Belvedere andò poi restaurando ed ampliando…

Aniello Langella – San Leucio 1832 – vesuvioweb 2020.pub

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Monumenti e architettura

27 Set

1 Comment

La chiesa della Nunziatella

by

La chiesa della Nunziatella a Ischia

da

La Rassegna d’Ischia

Dedicata alla Vergine Annunziata, la chiesa fu voluta, verso la fine del ‘500, dalla marchesa Della Valle, donn’Anna Mendoza. Poiché però, nella parte antica della città, già esisteva analoga struttura religiosa così consacrata, di proporzioni ben più vaste, per distinguerla si iniziò a chiamarla della Nunziatella. Passata successivamente, per testamento, ai Padri Gesuiti, questi all’inizio del Settecento presero la decisione di ingrandirla ed abbellirla. Venne pertanto chiamato l’architetto Ferdinando Sanfelice, al quale furono commissionati i lavori.

La Rassegna d’Ischia – La Chiesa della Nunziatella a Ischia – vesuvioveb 2021

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Storia e cultura, Storia e cultura

27 Set

0 Comments

Prigionieri al Castello Aragonese

by

Prigionieri al Castello Aragonese di Ischia

di

Gianni Matarese

Pietro Campofregoso (prigioniero tra il 1495 e il 1497 circa) Il giovane Pietro Campofregoso nacque dal primo matrimonio del feudatario di Novi, Battistino, con Catocchia Spinola, figlia di  Marco, attorno al 1470-1475. Suo padre lavorò a lungo come “Cameriere ducale” alla Corte di Milano di Galeazzo Sforza, dove acquisì amicizie importanti e apprese le buone maniere, nonché la
buona scrittura. Dalle lettere inviate da Ischia apprendiamo che Pietro aveva una sorella, Bartolomea, e due fratelli, Marcantonio ed Amorato. Nel settembre 1494, un corpo di spedizione
francese, agli ordini del Re Carlo VIII, entrò nel Piemonte per scendere a conquistare il Regno aragonese di Napoli. Il giovane Pietro si arruolò3 entrando nei ranghi del Capitano Debitot. Aveva
con sé due balestrieri e un uomo d’arme di nome Oliviero. Il Duca di Milano (del quale il feudo di Novi risultava aderente) era ancora in ottimi rapporti con Carlo VIII, il quale attraversò infatti la
Lombardia e la Liguria senza incontrare ostacoli. Non conosciamo nulla di quali furono le imprese compiute dal giovane Pietro in quella campagna di Napoli, però sappiamo che, pian piano,
una facile marcia di conquista si tramutò in una dura lotta “per mantenere sotto controllo il Mezzogiorno peninsulare conquistato”. Questo fino a quando, nell’estate 1495, il Re Carlo VIII fu costretto a ritirarsi a Nord, lasciando nel Mezzogiorno soltanto un presidio che sarebbe stato presto soggiogato dagli Aragonesi.

Giovanni Matarese – Prigionieri del Castello Aragonese – vesuvioweb 2021

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Archeologia, Storia, Storia e cultura

27 Set

0 Comments

Il tempio di Iside a Pompei nel 1705

by

Il tempio di Iside a Pompei nel 1705

Di

Francesco Piranesi

Nel 1865 l’archeologo e direttore degli scavi di Pompei, Giuseppe Fiorelli, in Giornale degli scavi di Pompei, così ci ricorderà parte della storia del Tempio di Iside:

Dal 1758 al 1832 l’Accademia occupata alla grande opera di Ercolano, alla Dissertazione isagogica, e ad un volume delle sue Memorie , non tolse ad illustrare alcun monumento pompeiano, tranne quelli che già si trovavano incisi nelle opere suddette. Ma nel 1833, avendo stabilito di dar cominciamento alla illustrazione del tempio d’Iside, ritirò dalla stamperia reale le pruove dei rami fatti da molti anni , e le distribuì ai soci incaricati della loro spiegazione. Credendo opportuna cosa di premettere al volume del tempio d’Iside, che doveva far continuazione a quelli delle antichità di Ercolano , l’accurata descrizione del ritrovamento dell’edifizio, l’Accademia pensò che dovesse trarsi questa dalle relazioni originali degli scavi , e volle che fosse distesa nel 1833 dal segretario perpetuo; oltre a che varie iscrizioni onorarie pompeiane, sebbene già note per altre anteriori pubblicazioni, furono nuovamente dichiarate in quell’anno da alcuni tra i soci, che studiarono di assicurarne la lezione e dilucidarne le difficoltà. Erasi in quel tempo annunziata dai Giornali la opinione del Pancaldi , che credette espressa nel gran musaico pompeiano una pugna di Druso maggiore contro i Galli, stimando l’opera con dotta sotto l’impero di Claudio figliuolo di quel Druso, per volere del liberto Narcisso, il cui nome parve indicato da un fiore che vedesi tra gli ornati del meandro che rinchiude il musaico. Essendosi combattuta nell’Accademia questa conghiettura, in una delle sue tornate fu letta una memoria , nella quale si tenne di scorso della natura di quel fiore, del quale si disse non potersi indagare con sicurezza la specie, avendo forme generiche ed arbitrarie. Argomento degli studi del 1835 furono: l’iscrizione di N. Popidio Celsino, rivenuta fino dal 1768 sulla porta del tempio di Iside; la porta medesima ch’era di legno, e della quale varie tracce rimanevano nella terra allorquando fu discoperta; ed un dipinto simboleggiante l’agricoltura. Ma la prima parte della illustrazione del tempio d’Iside non potendo dirsi compiuta, senza che fossero dichiarati tutti i di pinti, che già ornarono le pareti del portico esistente intorno all’edicola di quel tempio, nel 1836 si spiegarono quelle pitture, e si ricercò il significato delle simboliche rappresentazioni, non trascurandosi quella parte che concerne il costume dei sacerdoti egiziani e dei sacrifizi che si veggono effigiati in quelle pareti. Si parlò dell’uso degli ornati fantastici e capricciosi , invalso in Roma a’ tempi dell’impero , alcuni dei quali se ne conobbero allusivi ai misteri isiaci , e proprii della divinità pantea; nonchè di quelle vaghe dipinture di paesaggi e campagne, che intermezzano le medesime pareti e che pure sembrano convenire ad Iside. Il segretario perpetuo , oltre le due case alle spalle dell’Aedes Fort. Aug. indicate di sopra , e dichiarate precedentemente, ne illustrò una in quest’anno , e fu quella che rimane la prima a destra nella medesima strada , la quale dai molti bronzi trovati, e dalle forme per il getto delle medesime , sembra avesse potuto appartenere ad un negotiator aerarius sub Aede Fort. Aug., con proprietà di frase tolta da un’antica epigrafe. Un altro socio parlo dei quattordici vasi di argento rinvenuti in un cubiculo della casa detta del Fauno o del Gran musaico , ragionò della favola de’ Centauri , che in alcuni di essi si veggono espressi , e parlò del lusso e delle delizie delle mense degli antichi. Nel 1837 si dilucidarono altre dipinture di sacerdoti egizii figurati sulle pareti del portico di sopra enunciato, per le quali si ebbe occasione di studiare le varie fogge de’ loro vestimenti, delle scarpe e delle piante donde si traevano quelle solee, che con piccole fasce talora ne chiudevano i piedi . Del serto che termina la dipintura delle pareti e degli animali in esso effigiati, si notò pure alcuna cosa ; ma volendo interrogarne i zoologi ed i botanici dell’Accademia delle scienze, onde averne cognizioni esatte e speciali , il lavoro della illustrazione del tempio d’Iside rimase per questa parte sospeso.

 

 

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Archeologia, Storia e cultura

27 Set

5 Comments

‘A vucchella

by

‘A Vucchella

Di

Aniello Langella

 

Incalcolabile il numero degli artisti che hanno interpretato questa canzone. Impossibile sapere in quanti modi sia stata letta la partitura. Tenori celebri da Enrico Caruso a Pavarotti, non omisero di cantare questa lirica d’amore. Soprani di spicco, vollero farla propria. Ma anche semplici e più modesti artisti che videro in questa canzone l’opportunità di esprimere ancora una volta il senso dell’amore tra un uomo ed una donna.

La musica che fu di Francesco Paolo Tosti mentre il Testo di Gabriele D’Annunzio e nel 1907, anno in cui venne edita da Giulio Ricordi, il Vesuvio si era da poco sedato dopo aver cancellato migliaia di ettari di terra dalla faccia della terra. Napoli viveva la sua Belle Époque ed in un clima, quasi sempre vacanziero, la produzione musicale era nel pieno.

Il termine che colpisce in questa canzone è appassuliatella. Non ha una traduzione vera. Non si può leggere questa parola se non attraverso una parafrasi, un insieme di concetti diversi. Un discorso. La bocca dell’amata diventa un qualcosa di tenero e piccolo, ma allo stesso tempo graziosamente sfiorito. Una bocca sfiorita? Ci chiediamo a questo punto. Si, una bocca leggermente sfiorita come sciupata per aver attraversato una malattia e che è pronta a riprendersi. Forse è questo il senso che si voleva dare al termine, che contiene tuttavia il vezzeggiativo. Una boccuccia che presto riprenderà vigore. Appassuliatella è come un preludio a qualcosa che avverrà. La tua bocca, continua il poeta è come una rosellina, un piccolo bocciolo, ‘na rusella. Ed in questo bisogna vedere anche l’idea di giovane donna appena sbocciata all’amore.

Sì, comm’a nu sciorillo
Tu tiene na vucchella
Nu poco pocorillo appassuliatella.
Meh, dammillo, dammillo,
– è comm’a na rusella –
Dammillo nu vasillo,
Dammillo, Cannetella!
Dammillo e pigliatillo,
Nu vaso piccerillo
Comm’a chesta vucchella,
Che pare na rusella
Nu poco pocorillo appassuliatella.

Sembra che il D’Annunzio in uno dei suoi tanti soggiorni a Napoli, abbia incontrato, al gran Caffè Gambrinus, Ferdinando Russo che all’epoca era considerato il migliore nel campo dell’arte di far musica napoletana. Anch’egli poeta e cantore delle bellezze di Napoli, non aveva rivali ed aveva creato un vero e proprio vocabolario per quella musica che aveva conquistato il mondo. Sui tavoli di quel caffe ed attorno a quei deschi che guardavano il Palazzo del Re, il San Carlo e la Galleria, si svolgevano vere e proprie guerre culturali, si disputavano le olimpiadi dei più bravi, tra musicisti, librettisti e poeti. Con una una tazza di caffè, il sigaro ed il giornale, gli artisti di Piazza San Ferdinando di ispiravano e fu così, che nel 1892 vi fu l’incontro tra Russo e D’Annunzio. E sembra che il nostro napoletano artista, sia stato proprio lui ad aver lanciato la sfida, asserendo che il napoletano è una lingua difficile, non solo da scrivere, ma anche da pensare. Fu secondo me questo pensiero che diede un’accelerata alla fantasia infinita del vate del Garda. E fu probabilmente per questo che egli partorì questa parola che fu allora come adesso un neologismo: appassuliatella.  Storse probabilmente il naso Ferdinando Russo, quando la canzone venne interpretata con successo da Enrico Caruso. Dopo di lui, cantarono questa canzone Roberto Murolo, Luciano Pavarotti e Rosa Ponselle, ma anche Mario Lanza, José Carreras e Franco Corelli.

‘A Vucchella è oggi ancora il cavallo di battaglia di tanti artisti che ne rivedono l’antica partitura e la reinterpretano anche in chiave moderna con successo. Ricordo con piacere la bellissima interpretazione di Consiglia Licciardi e la sua orchestra. Un pezzo da ascoltare certamente.

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, La canzone napoletana, Musica e ricerca

04 Set

3 Comments

Ultime dall’eruzione del Vesuvio del 1779

by

Ultime notizie dall’eruzione del Vesuvio del 1779

Di

Aniello Langella

Sfogliando il bellissimo e quanto mai interessantissimo testo di Gaetano de Bottis, tutto dedicato all’eruzione del Vesuvio del 1779, ci si accorge di quanto questo uomo colto e attento ai fenomeni della natura, abbia in modo sostanzioso contribuito a rendere chiari (per quell’epoca) fenomeni naturali, tanto strettamente legati agli eventi eruttivi. Egli osserva, indaga ed analizza. Trae conclusioni sue spesso totalmente in disaccordo con il pensiero scientifico dell’epoca e riesce ad elaborare la teoria, il ragionamento verificabile. Il suo è il linguaggio di un uomo che conosce la materia. Un curioso, intellettuale, innamorato della materia. Gaetano de Bottis nasce a Torre del Greco nel 1721 ed assiste in età matura a tutta quella straordinaria fenomenologia vulcanica che caratterizzò il Vesuvio per tutto il secolo XVIII. Lo colpiscono i fenomeni esplosivi, per i quali ha parole spesso epiche. Lo affascina il fuoco che vide da bambino nel 1727, passare accanto al convento dei Carmelitani della sua città. Lui conosce bene quella terra tormentata dalle lave del Vesuvio e ne è affascinato.

Gaetano De Bottis Professore di Storia Naturale nelle Regia Università. Ragionamento Istorico intorno all’eruzione del Vesuvio che cominciò il dì 29 Luglio dell’anno 1779 e continuò fino al giorno 15 del seguente mese di Agosto. Napoli MDCCLXXIX, bella Stamperia Reale

Gaetano de Bottis (Torre del Greco, 1721 – Napoli, 1790) è stato un naturalista e professore universitario italiano. Gaetano de Bottis nacque a Torre del Greco nel 1721. Ricevette l’ordinazione molto giovane, a soli 24 anni e fu sia professore di Sacra Liturgia presso il Seminario di Napoli, sia un naturalista alquanto dotato. Si interessò particolarmente di vulcanologia. Fu membro della Società Reale di Napoli, professore della Nunziatella e dell’Università di Napoli. Contribuì anche ad alcuni lavori nella sua città natale Torre del Greco. Lo scienziato italiano Luca de Samuele Cagnazzi (1764-1852) criticò gli insegnamenti e la stessa preparazione di de Bottis, affermando che, come il suo amico Alberto Fortis gli aveva fatto notare, il mondo accademico napoletano era sostanzialmente mediocre e “di tutto si voleva fare mistero specialmente nella chimica, come nella mineralogia. Io non aveva mai potuto avere una chiara idea dal sig. [Gaetano] de Bottis del sistema mineralogico stando in Napoli”.

Alcune note del suo bellissimo testo. Considerazioni fantastiche e uniche, come quella relativa al fiume sotterraneo della sua città. Il fiume Dragone che in silenzio scendeva dalla montagna di fuoco e che non aveva mai smesso di dissetare i suoi concittadini. Lui lo sente quasi scorrere sotto i piedi mentre il Vesuvio impazzisce durante quella devastante eruzione.

… Perocchè l’aria co’ ſuoi forti movimenti sviluppò l’altro fuoco, ch’era in altre sulfuree non accese sostanze e lo stesso fecero i vapori; imperciocchè è noto, che se il fuoco, in cui abbruciano ferro, rame, piombo, vetriuolo e oliose materie, quale è il fuoco del Vesuvio, diviene più rabbioso e più attivo, quando è toccato dall’acque o da’ vapori. Egli è noto, che se il piombo o il rame fonduto si metta in forine umide, producesi un grande strepito o se poche gocce d’acqua cadano nel rame, mentre si fonde, nasce un terribile romore  e ‘ l metallo salta fuori con gran impeto e si dissipa quà e là e fortemente percuote tutto ciò , che incontra , con pericolo di quei, che lo fondono e in fine se ponesi dell’acqua nell’olio, che bolle, anche nasce un forte scoppio. E quì mi torna a mente un  particolar fenomeno, che osser vai nell’Eruzione del Vesuvio, che seguì l’anno 1776, che io per le mie gravi occupazioni ,e per altre circostanze, che quì non giova riferire, non ho potuto finora descrivere, ma, fe farà piacer di Dio, descriverò in appresso; e il fenomeno fu quello, che segue. Da un gran torrente di fuoco, che discendea del Monte e camminava nel territorio della Torre del Greco, in vicinanza de’ nuovi Montetti, che sono presso a Bosco. Tre Case, si spiccò un ruscello. Questo nello scorrere per un coltivato campo, cadde in una cisterna piena d’acqua, che ivi era e come giunse a toccar l’acqua, con uno spaventoso fragore ne schizzò in aria una gran fiamma e la cisterna si ruppe ed egli mancò poco, che il fuoco non ammazzasse tutti circostanti, benchè non stessero molto vicino …  Nella Torre del Greco, di presso al mare, vi è un bellissimo fonte, la cui acqua scende dal Vesuvio per ascose vie, conforme altrove ho detto, per entro una lava, che uscì del medesimo Vulcano molto tempo innanzi, che succedesse quella terribile Eruzione, che ricoperse Ercolano e Pompei. Esso è sì copioso, che dà acqua per 24 cannoncini, a tutto quel popolato paese; e oltracciò quella, che rimane, volge un mulino, che macina nel tempo di 24 ore 40 tomoli di grano o circa. La dett’acqua si trovò per una mia congettura, che fu esaminata ed approvata dal famoso Architetto Vanvitelli; e se il Comune del mentovato Paese volesse continuare lo scavo in altri vicini luoghi, se ne potrebbe discovrire dell’altra, che in gran copia occultamente si scarica in mare. Non voglio quì passar con silenzio, un notabile avvenimento succeduto nel menzionato fonte e che concerne anche l’ultimo Incendio; ed è questo. Poco prima, che accadesse l’Eruzione, l’acqua di alcuni pozzi, che sono ne’ contorni del Vesuvio, scemarono e l’acque di altri mancaron del tutto; ma quel fonte non solo non mancò, ma nè pure assottigliossi dopo l’Eruzione sensibilmente crebbe, benchè le passate stagioni fossero state senza piogge e vicino alla sua origine vi ardesse per ancora il fuoco. Egli mi pare, che’l riferito fenomeno chiaramente dimostri, che il medesimo fonte debba principalmente la sua origine a’ vapori, ne’ quali si sciolgono le dette acque, raccolte nel seno del Monte, per forza del suo fuoco e che poi si condensano in qualche caverna, ch’è presto alla sua  scaturigine nella mentovata antichissima lava, per entro la quale le sue acque scorrono, secondochè sopra è riferito.

Il testo che ritengo prezioso, nel tracciare la storia eruttiva del Vesuvio è arricchito da stampe altrettanto importanti ed in questo modesto contributo alla ricerca, svolgono un ruolo importantissimo, in quanto ci consegnano l’immagine del territorio vesuviano verso la fine del secolo XVIII. La stampa in particolare che abbiamo scelto per commentare il testo, ritrae l’Atrio del Cavallo, in una prospettiva tridimensionale di grande bellezza, ma allo stesso tempo di grande valore scientifico. La didascalia che commenta la stampa, di Nicola Fiorillo, ritrae il Vesuvio nella sua fase eruttiva intermedia ed inquadra lo scenario della costa, della Penisola Sorrentina con Capri in lontananza. Al centro dell’Atrio de Cavallo ed in vicinanza di eruzioni del Vesuvio precedenti al 1779, si possono osservare due massi di dimensioni enormi, superano in altezza il garetto dei muli, che l’artista-incisore ha disegnato; sono bombe vulcaniche che sono più alte di un uomo e sono larghe due volte una persona.

A proposito del Canale dell’Arena, il testo del De Bottis, diventa ancor più importante. Spesso se ne parla nei testi antichi e moderni di vulcanologia e raramente se ne descrive la morfologia, le dimensioni. Qui, in questo testo un breve, ma importante cenno a questa formazione del lato occidentale del Vesuvio. Sembra che ciò che osserva il nostro vulcanologo,  sia talmente importante, da richiamare anche l’attenzione di Hamilton.

Nel detto Canale dell’Arena, oltre a queste pietre vetrificate di fuori e all’ altre, che ho accennate nell’antecedente Capo, ve ne sono molte altre, la cui parte esteriore il violento fuoco ha mutata in un perfetto va ch’ è il lupis obsidianus, vitrum Vulcanorum de’ moderni Naturali e un tal vetro in alcune pietre è della grossezza di una linea, in altre di due e in altre di un dito e più e in certe si dirama in graziosissimi scherzi. Lo spiccai da alcune di esse de’ pezzi assai curiosi; certi de’ quali somigliano ad un coltello ricurvo, che termina in punta molto aguzza; altri sono scanalati e diritti; e ne’ loro solchetti ai vedono de’ piccoli risalti conseai e dell’onde. Altri sono simili a’ guscj delle nuocciole ed altri de’ cocchi Americani; le loro superficie lucono alquanto e paion fibrose ed altri fono somiglianti a certi fregi, che sogliono fare gli Architetti ne’ capitelli, ed in altri altri lavori, quali sono le volute, le foglie, i cartocci, le golette, gli uovoli, ed altre sì fatte cose. Sento, che il  soprallodato M. Hamilton nella suddetta Opera abbia anche fatto rappresentare al naturale molte di queste maravigliose bizzarrie. In oltre questo vetro è di diversi colori. Ve n’ha de’ pezzi, che sono di un colore profondamente nero e molti sono di color oscuro gialleggiante ed in altri si vede il color rosso. Io n’ha che risplende come il rubino ed il suo ardore mirabilmente cresce, quando si espone al raggi del Sole, benchè sia screpolato e di poco fondo. Egli è in una pietra di color piombino chiaro. All’ultimo, questo vetro è molto duro e le si percuote coll’acciaio , rende luminose scintille.

04 Set

0 Comments

Il 14 dicembre del 1788 muore Carlo III di Borbone

by

Il 14 dicembre del 1788 muore Carlo III di Borbone

A cura di

Aniello Langella

Carlo Sebastiano di Borbone (Carlos Sebastián de Borbón y Farnesio; Madrid, 20 gennaio 1716 – Madrid, 14 dicembre 1788) è stato duca di Parma e Piacenza con il nome di Carlo I dal 1731 al 1735, Re di Napoli senza utilizzare numerazioni dal 1734 al 1759, re di Sicilia con il nome di Carlo III dal 1735 al 1759, e dal 1759 fino alla morte re di Spagna con il nome di Carlo III.

Uno dei più grandi monarchi della città di Napoli. Nella Dinastia Borbonica egli occupa un posto di rilievo. Un re illuminato e intraprendente. Passato alla storia per essere stato accanto al suo popolo ed aver agito per esso anche nella gestione delle economie più piccole, quelle dimenticate e quelle passate alla storia come le storie minori.  Carlo III ebbe il merito di passare alla storia come il re che aprì le porte a quella nascente disciplina che era l’archeologia. Le scoperte straordinarie dei tesori di Ercolano e Pompei, fecero eco in tutto il mondo e fu proprio grazie a questo monarca che oggi non possediamo uno dei patrimoni più importanti della storia archeologica di questa terra. Creò l’Accademia Ercolanese, il Museo Borbonico prima a Portici nel suo secondo Palazzo Reale e poi a Napoli, occupando gli spazi di una Caserma di Cavalleria.

In una stampa rinvenuta presso gli Archivi di Caserta una stampa che ricorda i funerali del grande monarca. Una rarità iconografica e successivamente le stampe relative ai suoi funerali, in un testo bellissimo della bibliografia napoletana.

Questo rarissimo documento conservato nella Reggia di Caserta mostra una grandiosa costruzione temporanea che fu costruita nel 1788: il monumento funebre di Carlo III nella Cappella Reale di Napoli, completamente smantellato dopo la commemorazione. Il 14 dicembre 1788 moriva a Madrid Carlo III di Borbone in memoria del quale venne eretto un grandioso monumento sepolcrale nella Real Cappella di Palazzo.  La struttura fu concepita da Carlo Vanvitelli, primo architetto al servizio del re dopo il 1763, Cavalier dell’ordine regale e militare, che elaborò l’ultimo solenne esempio di macchina funebre del Settecento. La tipologia del monumento, rigorosamente austero per la colorazione di oro brunito assonante con gli arredi dei candelabri antichi, è innovativa rispetto alla tradizione per essenzialità di simboli allusivi alla esaltazione della morte e per compattezza di struttura architettonica. Le iscrizioni sulle lapidi furono composte da Francesco Daniele e Giuseppe Gargano. Il documento presente nella Reggia di Caserta mostra la veduta angolare della Cappella Reale di Napoli riccamente addobbata e drappeggiata nel soffitto con grande tendone azzurro cielo che ricade lateralmente. Lungo le pareti sono disposte tre file di panche per la nobiltà che rende ossequio al catafalco posto al centro. Esso è formato da una nuda costruzione muraria eretta su uno zoccolo ottagonale color porfido. Ai quattro lati maggiori otto pilastri dorici incorniciano le lapidi con iscrizioni, mentre ai lati minori quattro nicchie ospitano figure allegoriche ispirate alle virtù del defunto. Sopra il cornicione, su quattro gradini degradanti le Virtù Cardinali e sull’altro piedistallo l’urna coperta di velluto bleu con i simboli della casata.

 

 

 

 

Il testo di Archive dal titolo “Funerali per Carlo III. re delle Spagne e per l’infante di Napoli d. Gennaro Borbone”, del 1789, descrive in maniera dettagliata le gesta del sovrano ed i momenti solenni del suo funerale.

https://archive.org/details/funeralipercarlo00unse/mode/1up

 

 

 

04 Set

0 Comments

La storia dell’Italia unita – Uno breve sguardo agli aspetti vesuviani

by

La storia dell’Italia unita

Il 1860 e gli anni successivi raccontati senza retorica e senza luoghi comuni

Di

Enrico Fagnano

L’ultimo libro di Enrico Fagnano, La Storia dell’Italia Unita (Amazon, 2021), racconta ciò che accadde nel Meridione dopo il 1860 con particolare riguardo alle conseguenze economiche
dell’unificazione, senza però tralasciare gli altri aspetti, quelli più cruenti, legati alla rivolta popolare, il cosiddetto brigantaggio, peraltro in questi ultimi tempi attentamente indagato in numerosi testi, tra i quali si segnalano per completezza Il sangue del Sud (Mondadori, 2010) dello storico toscano Giordano Bruno Guerri e per intensità Briganti (Utet, 2017) dello storico e giornalista napoletano Gigi Di Fiore. Rimanendo agli aspetti economici, dopo l’annessione cominciò un trasferimento di risorse verso il nord, che fu massiccio e riguardò tutti i settori. A questo proposito Antonio Gramsci è molto esplicito, quando nel decimo dei Quaderni dal Carcere (Einaudi, 1948-51, e poi edizione critica a cura di Valentino Gerratana, Einaudi, 1975) scrive: Le masse popolari del nord non capivano che l’unità non era avvenuta su una base di eguaglianza, ma come egemonia del Nord sul Mezzogiorno, cioè che il Nord concretamente era una piovra che si arricchiva alle spese del Sud e che il suo incremento economico-industriale era in rapporto diretto con l’impoverimento dell’economia e dell’agricoltura meridionale.
Le tappe fondamentali di questo processo furono la vendita dei terreni demaniali, iniziata nel 1862, la vendita dei terreni ecclesiastici, iniziata nel 1867, la legge del 1866 sul corso forzoso, la legge del 1887 sui dazi doganali e infine l’utilizzo delle rimesse degli emigrati. I terreni demaniali, che erano esclusivamente nel sud, e i terreni della Chiesa, che erano quasi esclusivamente nel sud, fruttarono rispettivamente 300 e 620 milioni, che furono utilizzati in parte per fronteggiare l’enorme debito pubblico del nuovo Stato, ereditato dal Regno di Sardegna, e in parte per finanziare gli sventramenti di Firenze e di Roma, diventata finalmente la capitale d’Italia.
Enormi vantaggi, poi, furono assicurati all’economia piemontese con la legge sul corso forzoso del 1866, con la quale si stabilì che le vecchie monete d’argento del Banco di Napoli (pari a ben 443
milioni) potevano essere cambiate nelle nuove monete italiane di carta solo dalla torinese Banca Nazionale, garantendo così alla stessa un forte incremento delle proprie riserve di metallo prezioso
e quindi di liquidità. La situazione nel sud, però, divenne realmente insostenibile dopo il 1887, quando venne approvata una legge che introduceva pesanti dazi sui prodotti industriali provenienti dall’estero. Grazie alle nuove tariffe protezionistiche le imprese italiane (del nord) non dovevano più sopportare la concorrenza straniera, ma la conseguenza fu che l’agricoltura meridionale perse la maggior parte dei sui mercati. Infatti gli Stati che importavano i prodotti delle terre del sud per ritorsione applicarono analoghi, pesanti, dazi sulle merci italiane. Ridotti a quel punto senza più risorse, ai cittadini delle regioni danneggiate non rimase altra via che andare a cercare altrove un modo per sopravvivere. Fu solo allora che nel Meridione cominciò la vera emigrazione, quella che
nell’immaginario collettivo viene vista come un esodo. Dagli ultimi anni dell’Ottocento fino al 1914, quando con lo scoppio della guerra mondiale si interruppero tutti i flussi migratori, furono più
di 4 milioni i cittadini del sud che partirono (dei quali quasi 1.000.000 dalla Campania e addirittura più di 1.100.000 dalla Sicilia). Non era ancora finita, però, perché adesso c’erano nuove risorse, alle quali si poteva attingere. Gli emigrati, infatti, inviavano in patria i loro risparmi, le famose rimesse, che in buona parte finivano nelle casse postali. Queste alimentavano la Cassa depositi e prestiti, che concedeva mutui ai comuni per la costruzione di opere pubbliche e per l’istituzione di scuole. E i comuni che potevano permettersi di indebitarsi all’epoca erano quasi esclusivamente quelli settentrionali. Altra parte delle rimesse veniva investita, invece, nei Buoni del Tesoro, offerti dallo Stato con interessi allettanti, con i quali si finanziavano le industrie, tutte oramai comprese nel cosiddetto triangolo industriale, ovvero tra Torino, Genova e Milano.

Le somme che arrivavano dall’estero erano ingenti e dai circa 200 milioni del 1900, si passò ai 300 di media tra il 1901 e il 1905 e ai quasi 500 di media per il quinquennio successivo, per arrivare addirittura ai circa 700 milioni del 1913. Lo studioso molisano Gino Massullo nel saggio Economia delle rimesse (in Storia dell’emigrazione italiana a cura di Piero Bevilacqua, Andreina De Clementi e Emilio Franzina, Donzelli, 2001) ricorda come gli osservatori dell’epoca parlassero di una fantastica pioggia d’oro; e per dare un’idea della sua reale portata lo storico Stefano Pelaggi ne L’altra Italia. Emigrazione storica e mobilità giovanile a confronto (Nuova Cultura, 2011) scrive: Basti pensare che nei primi 15 anni del Novecento gli importi delle rimesse sono stati superiori al gettito derivato dalle imposizioni fiscali dello Stato, ossia gli emigranti hanno generato un flusso economico superiore alle tasse percepite nella intera Italia.

E forse vale la pena di sottolineare come proprio in quegli gli anni le maggiori industrie del Paese cominciavano a raggiungere la dimensione internazionale, che presentano ancora ai giorni
nostri. In conclusione, se l’Italia nel Novecento è diventata uno dei paesi più industrializzati al mondo (fu il sesto attorno al 1920 ad acquisire le caratteristiche per poter essere definito in questo modo), lo deve al contributo determinante, o sarebbe meglio dire al sacrificio, del sud. Le sue ricchezze hanno consentito la nascita della grande industria nazionale, concentrata nel nord, i suoi consumi hanno dato la possibilità alle imprese settentrionali di crescere e, infine, sono state le rimesse dei suoi emigranti, che hanno permesso a queste imprese di consolidarsi, per poi affrontare i mercati internazionali senza restarne schiacciate. La parte più progredita del Paese finalmente unito deve molto al Meridione e ai Meridionali. E il libro di Fagnano serve anche per non dimenticarsene.

Esce in questi giorni il libro di Enrico Fagnano, La Storia dell’Italia Unita (Amazon, 2021), nel quale l’autore racconta ciò che accadde nel Meridione dopo il 1860 con particolare riguardo alle
conseguenze economiche dell’unificazione. Fagnano sostiene che se l’Italia nel Novecento è diventata uno dei paesi più industrializzati al mondo (fu il sesto attorno al 1920 a poter essere
definito in questo modo), lo deve al contributo determinante, o sarebbe meglio dire al sacrificio, del sud. Le sue ricchezze hanno consentito la nascita della grande industria nazionale, concentrata nel nord, i suoi consumi hanno dato la possibilità alle imprese settentrionali di crescere e, infine, sono state le rimesse dei suoi emigranti, che hanno permesso a queste imprese di consolidarsi, per poi affrontare i mercati internazionali senza restarne schiacciate. La parte più progredita del Paese finalmente unito deve molto al Meridione e ai Meridionali. Ed è con il suo libro che Fagnano
intende ricordarlo agli Italiani di oggi.

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo

04 Set

0 Comments

Il Canzoniere Napoletano

by

Il Canzoniere Napoletano

A cura di

Aniello Langella

Non è difficile incontrare capolavori della musica a Napoli. Un mix infallibile fatto di natura prodiga, di clima mite, di cultura profondamente radicata alle radici antiche, ha prodotto in questa terra la gioia che si trasforma in note ed il sentimento che viene cantato in versi. Sembra che ogni cosa sia a suo posto in questo luogo particolare della costa di questo Tirreno profondo immerso nei colori e tinto dalle brezze tiepide. Sarà la primavera quasi costante, che fa sbocciare frutti rari, che ha indotto nel corso dei secoli, questo popolo ad immedesimarsi nelle note del pentagramma. Sarrà chissà,…

Gli innamorati, nelle serene notti d’estate, in tutti i paesi del mondo, vanno cantando sotto le finestre delle belle fanciulle, ma nell’inverno tace la canzone e si fa cerchio intorno al focolare, rallegrato da una bella fiamma. Qui a Napoli, dove tante notti invernali hanno miti aure di primavera, la canzone d’amore non tace mai, e passionata corre le colline e le spiagge, e interrompe i silenzi pensosi della notte, e se ne va sempre a braccetto di chitarre e mandolini, che hanno voci che toccano il cuore. E spesso, mentre ve ne andate frettoloso , chiuso nel mantello, di lontano, vi saluta una nota armonia, e vi sentite rimescolare il sangue e un soffio di ricordi sul viso da calde parole d’amore o di dolore, che sapete a me- moria, e che una volta avete cantate anche voi. E vi allontanate e la canzone vi segue, e vi fa più allegro se siete felice, e più pensoso se avete un chiodo nel cuore. Il vento è fresco, ma non pungente, e lì, in fondo ad un giardino profumato d’aranci e di limoni, una voce intona la Fenesta vascia. Oh! stiamola ad udire:

Fenesta vascia e patrona crudele,

Quante sospire m’aje fatto jettare!

M’ arde stu core conim’ a na cannela,

Bella, quanno te sent’annomenare.

Oje piglia la sperienza de la neve,

La neve è fredd’e se fa rnaniare,

E tu commè si tant’ aspra e crudele,

Muorte mme vide e non mme vuò ajutare.

Vorria arreventare no picciuotto

Co na lancella a ghire vennenno acqua,

Pe mme nne ì da chiste palazzuotte:

” Belle femmene meje a chi vo acqua ?

Se vota na nennella da là ‘ncoppa:

Chi è sto ninno che va vennenno acqua?

E io responno co parole accorte :

“So lagreme d’ aminore, e non è acqua. „

Come è bella questa Fenesta vascia, com’è fresca, ed è nata quattro secoli fa. Quando l’avete udita una volta, non ve la dimenticate più. Sono idee e immagini schiette, semplici, limpide, che vi sollevano, come un sorso d’ acqua pura in una marcia d’estate. Io ve la trascriverò in italiano, verso per verso, letteralmente, e vedrete che non perderà nulla, come ima bella fanciulla, che è sempre bella, anche quando si mette una veste che non è stata fatta per lei.

Finestra bassa e padrona crudele, Quanti sospiri mi hai fatto gettare ! M’ arde questo cuore come una candela. Bella, quando ti odo nominare. Ah prendi esempio dalla neve, La neve è fredda e si fa maneggiare, E tu con me sei tant’ aspra e crudele, Morto mi vedi e non mi vuoi aiutare. 

Vorrei diventare un ragazzetto, Con una brocca e andar vendendo acqua, Per andare sotto questi palazzotti. ” Belle donne mie: chi vuol acqua … Si volta una ragazza di là sopra: “Chi è questo giovinetto che va vendendo acqua ? „ Ed io rispondo con parole accorte: “Son lagrime d’amore, non è acqua.„
Chi la compose questa stupenda canzone, chi ne scrisse la musica? Non si sa. Si sa solo questo, che in una cantina sulla collina di S. Efremo vecchio, da tempo immemorabile, pochi giorni prima della festa di Piedigrotta, si riunivano molti popolani e trincavano allegramente; il vino era buono e forte, si pagava poco, e accendeva l’estro. E uno intonava il primo verso, e un altro lo correggeva, e poi un altro dava un’ altra idea, e quel verso tormentato era buttato sotto il tavolo, e i motti, le idee, le immagini si incrociavano come i brindisi, e scintillavano come i bicchieri levati in alto, e spumeggiavano come il liquore generoso spremuto dai grappoli grossi, fecondati dal Vesuvio. Ognuno, così, portava la sua idea, la sua parola, il suo colore, la sua nota e la canzone da quel simpatico scoppiettìo nasceva giovine, forte, con voce melodiosa, e si andava a cantare sotto la grotta di Pozzuoli, a mezzanotte in punto, nella successiva festa di Piedigrotta. Talvolta la parola era rozza e il verso era zoppo, ma l’idea originale e potente, l’immagine giusta e trasparente, la melodia semplice, ma spontanea e passionata. E così nacque la Fenesta vascia, che è tanto bella. E Fenesta vascia ha una sorella: Fenesta che llucive. Uditela, vi strappa le lagrime:
Fenesta che llucive e mò non luce

Sign’ è ca Nenna mia stace malata.

S’ affaccia la sorella e me lo dice

Nennella toja è morta e s’è atterrata,

Chiagneva sempe ca dormeva sola,

Mo dorme co li muorte accompagnata.

Va nella chiesa e scuopre lo tavuto,

Vide Pennella toja comm’ è tornata,

Da chella vocca che n’ asceano sciure

Mo n’ esceno li vierme; oh, che pietate!

Zi Parrucchiano mio, abbice cura,

Jfa lampa sempe tienece allumata.
Ah ! Nenna mia si’ morta, poverella!

Chili’ uocchie chiuse non l’arape maje;

Ma ancora all’ uocchie mieje tu pare bella,

Ca sempe faggio amato e mmo cchiù assaie,

Potesse a lo inmacaro inori’ priesto

E m’ atterrasse a lato a tte Pennella.
Addio fenesta; restate nzerrata

Ca nenna mia, mo, non se po affacciare.

Io cchiù non passaraggio da sta sfrata;

Vaco a lo Camposanto a passiare Nzino

a lo juorno che la morte ‘ngrata Mine face Nenna mia ire a trovare.

Le avete capite queste due ultime strofe? Io ve le ripeto: Ah bimba mia sei morta, poveretta ! Quegli occhi chiusi non li apri mai, Ma ancora agli occhi miei tu pari bella, Io sempre ti ho amata ed ora più ancora, Potessi almeno presto morire E sotterrarmi accanto a te, bimba! Addio finestra: resta chiusa Perchè la bimba non si può affacciare, Io più non passerò da questa strada ; Vado al Camposanto a passeggiare Fino al giorno che la morte ingrata Mi fa la bimba ire a trovare. Ditemi, chi mai ha scritto poesia più bella, più spontanea e più commovente di questa? E come è toccante la musica! Se ne sentì invaghito lo stesso Bellini, che la incastonò nel secondo atto della sua Sonnambula. Fenesta vascia e Fenesta che llucive sono per me i due capolavori della poesia popolare del mondo, forte e grande poesia che non morrà mai, perchè l’ha scritta il cuore di questo popolo buono, im pressionabile, immaginoso, caldo, e che sente profondamente l’amore con tutta la mente sua vivace, con tutto il suo cuore vulcanico, con tutte le forze sue. Per lui l’amore non è capriccio , che , soddisfatto l’acre desiderio , passa , ma è passione che diventa più viva col possesso ; non è galanteria, composta di riscaldamento di testa e di prurito sensuale, ma sentimento acuto e incessante di vivere soltanto per la persona che si ama; non è vaghezza libertina d’intrigo passeggiero, ma bisogno pungente di vivere tutta’ la vita insieme’ con la persona che si ama; per lui è un’eresia ciò che dice una canzone francese:

changeons de maitresse tous les jours, s’il le faut, ga n’emjpèche pas les sentiments, perchè per lui non esistono i senti menti, ma il sentimento e l’amore è monogamo e anche geloso; per lui l’amore non è passatempo, ma è gioia e dolore insieme, e ve lo dice, ingenuamente, in quella breve e mesta canzone intitolata: Quanno guaglione non facea l’ammore.

Passiamo ora a Te voglio bene assaie. Il capolavoro che ammalia ancora oggi.

Ali ! si torna potesse allo passato

Quanno guaglione non faceva l’amore.

Chinsto chianto ca mine struje lo core

Io lassarria e tornarria beato.

Ah! si torna potesse lu passato!

Ora udite quest’altra canzone, che ha fatto il giro del mondo, nella quale il povero lazzarone <T una volta raccontava le sue pene d’amore. Nella notte, quando tutti dormono, egli non può dormire, pensando alla sua fanciulla e si sente languire e ode sonare i quarti d’ora ad uno ad uno. Guardami in faccia, dice all’ innamorata, e vedi come son divenuto magro e sfiaccolato, sempre pensando a te. Maledetto quel giorno che ti vidi. Io ti voglio bene assai, ma tu non pensi a me. Per me tutto è finito e la morte se ne viene. Perchè non mi vuoi bene, se io spasimo per te? E finisce cosi: Quando sarò fatto cenere, allora mi piangerai, perchè non troverai un altro innamorato come me. Vedetela nella sua veste genuina, e udite com’ è bello il ritornello che vi campeggia.

Eccola:

Pecche qua mio mine vide

Te ngrife comm’ a gatto?

Nennè che t’aggio fatto

Ca nomine puoje vertè?

Ah! ghiastemmà vurria

Lo juorno che t’ amaje!

Io te voglio bene assaje,

Ma tu non pienz’ a me

La notte lutti dormeno

E io che buò dormì?

Penzanno a  nenna mia Me sento ascevolì,

Li quarte d” ora sonano

A uno a doje a tre…

Io te vogiio bene assaje.

Ma. tu non pienz’ a me.
Tieneme mente’ nfaeoia;

E questa bella e fresca e antica poesia del popolo parla sempre seriamente d’amore, ed ha accenti e movimenti cavallereschi, idee ardite e onerose. Il popolano dice a Retella!

E morenno po’ d’ammore

Mbraccio a te voglio spira.

Ed esclama che sarebbe bello morire sotto il balcone dell’ innamorata, perchè l’anima se ne volerebbe al ciclo e il corpo sarebbe bagnato dalle lagrime della derelitta.

O quaut’ è bello de morire ucciso

Mmocca a la porta de la nnamorata.

L’ anema se ne vola mparaviso

U cuorpo se lo chiagne la scasata

_______________________________________________________________________________________

Bibliografia

https://archive.org/details/napolieinapoleta00delb/page/244/mode/1up

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, La canzone napoletana

06 Giu

2 Comments

Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano. Da scasà a scùpulo

by

Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano. Da scasà a scùpulo

Di

Salvatore Argenziano e Gianna de Filippis

… Scasamiénto: s. m. Scasazione. Sventura, guaio.
*Basile. Quanno l’ommo pensasse quanta danne e quanta ruine, quanta scasamiente succedono pe le mardette femmene de lo munno, sarria chiù accuorto a fuire le pedate de na donna desonesta
*Basile. E l’uerco: «Io te lo dirraggio, puro che me ’mprommiette de no confidarelo a perzona vevente, perché sarria la scasazione de la casa nostra e la ruina de la vita».
*Basile. O che dio lo sconfonna sto mese marditto, nemico de le ’nfranzesate, odiuso de li pecorare, ’ntrovolamiento de l’umure, scasamiento de li cuorpe! mese che, volenno annonziare quarche roina a n’ommo, se le dice: và, ca marzo te n’ha raso!; scasato. agg. Rovinato, disgraziato, senza famiglia, senza coniuge, scapolo.
*GB. Valentino. E s’ accorre, che s’aggia da nzorare / Quarche de chiste povere scasate, / Che de dota lo cchiù che po ppigliare / Sarranno ciento- cenquanta docate;
*Poesia Popolare. Fuieva pe’ la casa la scasata / Strillanno: “Gente, currite currite.” / Pòvera bella mia, sbenturata, / Muriste sbenturata e nu’ tradita!
*G. D’Antonio. ma fraрpuоstose oje mute Spartechiajete, a ddire strunzo ’n miezo, afferrajeno lo scasato Cappanegra, che da la sacca sfodaranno na limmа arroggiuta, se ncanava ’n cuolla a lo nvitto Smanecatore:
*N. Capasso. Nasce l’ommo a sto munno, e lo scasato / primmo d’aprire l’uocchie auza no strillo; / e no nne passa manco no tantillo, / che vace int’a le pezze carcerato.
*B. Saddumene. O deruppato Fonzo! / Scasato me, che bedo. Uh rrobbe meje /Fatiche meje!
*F. Cerlone. So storduta, so ncappata, / So feruta, so scasata, / Chi m’ajuta pe pietà! / Miedeco bello, / Fa priesto saneme, / Non me fa chiagnere / Pe carità.
*D. Jaccarino. E tanta sierpe nn’ à lo Maremmato / Quanto isso nne teneva pe la croppa, / Da la capo a li piede lo scasato.
*Poesia Popolare. Ah, quant’è bello lu murire acciso, / mmocc’a la porta de la nnammurata / L’anema se ne saglie ’nparaviso, / e ’o cuorpo se lu chiagne la scasata!…
*F. Russo. Dint’ ’o vascio d’ ’a scasata / mo nce passa o riggimento; / ’a furtuna ll’ha lassata / e le scioscia malu viento. / Se facette accussì lota, / morta ’e famma e de fraggiello, / chella llà ch’era na vota / ’a mugliera ’e Masaniello!
*R. Bracale. E invece, mare a tte, nun hê capito / ca s’ è cagnato tutto ll’affabbeto / e t’ hê truvato, ’o bbi’…?, tutto ’na vota / scasato comme a dopp’ ô terramoto! …

Salvatore Argenziano e Gianna De Filippis – Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano – Da scasà a scùpolo – vesuvioweb 2021

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Lessico e Letteratura Napoletana