24 Nov

2 Comments

La Toponomastica di Guardia Sanframondi – L’ONOMASTICA STRADALE

by

La Toponomastica
di
Guardia Sanframondi
L’ONOMASTICA STRADALE  – 3  –

Di

Silvio Falato

Kùp’e le vjòle: “Cupa delle viole”; mulattiera periferica che una volta portava direttamente ai campi. Suggestivo il secondo elemento! Il primo è il latino “cupa”= strada incassata, vicolo, dall’aggettivo “cupus-a-um”,= oscuro, dato che i vicoli non sono illuminati dal sole;

Kurtecélla: “Corticella”. Strada esterna al Santuario dell’Assunta, dà ai campi che una volta erano proprietà della Congregazione dei Filippini. Latino medioevale “corticella”, diminutivo del classico “curticula”, da “cohorticola”, diminutivo di “cohor-cohortis”. Indicava il piccolo fondo rustico con casa; (cfr. “Corticella” a Buonconvento-Siena).

Via Fiorillo: toponimo presente in molte località italiane, dove è da tutti interpretato come antroponimo; ma la tradizione guardiese “Nkòpp’a re Scerìlle” (letteralmente “Sopra i fiorellini” fa pensare che la zona, quando era ancora periferica (è situata infatti in prossimità di Porta Di Santo) fosse tappezzata di piccoli fiori, (cfr. la nota “Kùpa delle Vjòle”).

Silvio Falato – La Toponomastica di Guardia Sanframondi – L’onomastica stradale – 03- vesuvioweb 2020

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, guardia sanframondi

24 Nov

0 Comments

L’impresa Fiorenza – Matrone sul versante vesuviano di Boscotrecase: la prima “strada battuta” verso la cima del Gran Cono del Vesuvio e il suo punto di ristoro escursionistico.

by

L’impresa Fiorenza – Matrone sul versante vesuviano di
Boscotrecase: la prima “strada battuta” verso la cima del Gran
Cono del Vesuvio e il suo punto di ristoro escursionistico.

Di

Vincenzo Marasco e Ettore Di Caterina

 

Qualche anno dopo l’avvio della funicolare, anche sul versante vesuviano occidentale di Boscotrecase iniziarono i progetti per la messa in opera di un’altra storica via d’accesso al cratere, che inerpicandosi verso la cima della Montagna rimarcando quegli antichi tracciati che già secoli erano battuti dai viaggiatori e dagli studiosi più intrepidi, sarebbe stata un’ulteriore incentivo che avrebbe incrementato l’escursionismo locale. Quindi alla fine degli anni ‘80 del XIX secolo, con lo scopo di dirottare anche sul versante vesuviano boschese una parte dei sempre più cospicui flussi turistici del versante di Resina, Gennaro Matrone, ingegnere di Boscotrecase specializzato in “ponti e strade” e archeologo per diletto, e Bartolomeo Fiorenza, proprietario del Grand Restaurant du Vésuve di Pompei, convinti di poter fare un ottimo investimento, costituirono una loro società ad hoc per la realizzazione di una strada mulattiera, più diretta e percorribile con facilità da muli e cavalli, che dalla base del versante occidentale del Gran Cono arrivasse fino ad uno dei capanni delle “guide vulcanologiche” che si trovavano lungo l’orlo del cratere. Anche se inizialmente l’ing. Matrone dimostrò delle riserve sui risvolti che poteva avere quell’investimento così dubbio e pericoloso anche a causa dei continui mugugni della Montagna, tanto da lasciare solo il Fiorenza nel 1892 dinanzi al notaio all’atto della stipula del contratto col Regio Demanio, ritornò presto e con determinazione sui suoi passi riaffiancando il socio nella realizzazione dell’arduo progetto. Così i due, dopo aver ricevuto una concessione triennale rinnovabile, con un canone annuale stabilito a 180 lire, riuscirono a portare a termine in tempi record la loro impresa, e nel 1894, come dimostrano alcune testimonianze fotografiche, la “Strada Fiorenza – Matrone”, conosciuta semplicemente come “Strada Fiorenza” proprio perché inizialmente fu solo Bartolomeo a siglare
l’accordo col Demanio, risultava essere terminata e pronta per essere percorsa. Per Boscotrecase e per il Vesuvio cominciò così un nuovo capitolo imprenditoriale e dopo la funicolare Cook & Son, la nuova strada del Vesuvio che avrebbe portato i turisti fin sul cratere, rappresentò di fatto la seconda opera faraonica mai realizzata sul vulcano fino a quel momento.

Vincenzo Marasco e Ettore Di Caterina – L’impresa Fiorenza – Matrone sul versante vesuviano di Boscotrecase – vesuvioweb 2020

24 Nov

2 Comments

John Evelyn ed il racconto del Vesuvio

by

John Evelyn ed il racconto del Vesuvio

Di

Aniello Langella

Fu intorno al 1869 che tra le mani dello scrittore e editore Smith Herbert Maynard, si ripresentano i testi di John Evelyn. Noti certamente alla letteratura anglosassone di quei temi che prediligeva il tema del viaggio ed in particolare quello in Italia, sulla scia del Grand Tour, avevano occupato un ruolo importante del momento in cui, verso il finire del secolo XIX, si ricercava il bello e la bellezza da esso derivata, al fine di create nuovi modelli estetici, sia in ambito letterario, ma anche squisitamente artistico. Fu la Grande Guerra ad arrestare bruscamente questa ricerca fatta di emozione e fatta soprattutto del ricordo che si legava al viaggio ed a terre assolate e lontane. Nel 1914 Herbert Maynard Smith diede alle stampe un testo dal titolo significativo ed eloquentemente celebrativo, nei confronti dello scrittore inglese John Evelyn (Wotton, 31 ottobre 1620 – Londra, 27 febbraio 1706): “John Evelyn in Naples, 1645”. Uomo curioso ed attento alle espressioni umane e del popolo, ebbe modo di viaggiare molto, potendo sostenersi questi, grazie ad un consistente patrimonio. La sua famiglia era proprietaria di una fabbrica di polvere da sparo. John Evelyn è noto al pubblico inglese assieme ad un altro grande scrittore, Samuel Pepys, per i diari dalla contenutistica romantica e descrittiva dei luoghi e delle terre che frequentò e visitò. Erano maturi in letteratura proprio i tempi dove meglio si poteva esprimere il pensiero attraverso l’annotazione quotidiana, settimanale, periodica. Il diario diventa una forma espressiva singolarmente attuale. In questi testi Evelyn ci narrerà della morte di Carlo II d’Inghilterra, di Oliver Cromwell, ma anche del grande incendio di Londra e la grande peste che decimò la popolazione londinese.

Una curiosità: certamente Evelyn visitò il Vesuvio dopo l’eruzione del 1631 ed erano all’epoca del suo viaggio che forse si data alla primavera del 1697, ebbe modo di osservare da vicino le aree ancora devastate dalla terribile e spaventosa eruzione. Nel suo discorso, nella sua testimonianza si coglie ancora un senso di paura, di tensione e di ansia incalzante nel descrivere i luoghi del viaggio.

 

Aniello Langella – John Evelyn ed il meraviglioso spettacolo del Vesuvio – vesuvioweb 2020.pub

 

24 Nov

0 Comments

Delle nuove ed antiche terme di Torre Annunciata

by

Delle nuove ed antiche terme di Torre Annunciata: articolo inserito nel fascicolo XII degli Annali Civili, da R. Liberatore

1835

 

 

https://www.e-rara.ch/zut/content/zoom/7260322

Lungo l’orientale costiera del nostro golfo, all’ estrema falda del Vesuvio e da Napoli dieci miglia discosta, sorge una terra il cui nome per doppia, recente scoperta andrà chiaro oggimai e benedetto. Quivi nel 1319 quattro pii cittadini erigevano cappella e spedale sotto l’intitolazione della Vergine Annunziata; quivi verso il 144o edificava una gran Torre quel Niccolò d’Alagni, padre della Lucrezia che fu tanto amata da Re Alfonso, il quale colà soleva sovente andare a dimora: indi il paese e la denominazione. La gran via che mena a Salerno lo attraversa per tutta la lunghezza di esso; il Sarno che lo bagna a borea feconda le sue campagne e manda un canale ad animare le macchine della Regia Ferriera e Polveriera che in tal luogo son poste. Ma nè queste fabbriche, nè il tempio novellamente rifattovi con bella architettura dal Signor De Fazio bastavano a trattener gli stranieri che a follavi traevano, unicamente perchè di là convien che passi chiunque da Napoli si conduce alla maravigliosa Pompei. Solo da tre anni in qua vi corrono gl’infermi, ed oggimai vi si fermeranno anche i erniosi, gli uni e gli altri allettativi dalle scoverte ivi fatte, e delle quali ci apprestiamo a render minima ragione.  Sono esse dovute a S. E. il Signor Tenente Generale Marchese Nunziante, Comandante Generale delle Armi di qua del Faro , indefesso esploratore del patrio suolo, ed il quale a migliorarlo in più luoghi, ad aprirvi novelle sorgenti di ricchezze, a coprirlo di utili industrie dà opera da pici anni con nobilee felice perseveranza. Delle bonificazioni da lui fatte in Calabria ed in Abruzzo, delle vene di piombo e di marmo statuario rinvenute in Basilicata, dell’Isola di Vulcano prima di lui tutta sterile ed arsa, e dove ora si raccoglie e somministra al commercio eccellente solfo purificato, allume, acido borico e sale ammoniaco, ragioneranno quando che sia questi Annali, come di così che dimostrano avanzamenti novelli del paese nostro ne’ cammini dell’ industria e della sua perpetua compagna, la civiltà nazionale. Al presente vogliamo solo far parola dello sue Terme di Torre Annunciata, per fortunato accidente da lui eretto presso gl’ignoti avanzi di quelle che una volta vi aveano edificato i nostri avi. E però un doppio tema ci proponiamo: l’uno chimico e medico ad un tempo, l’altro geologico ed archeologico; il primo per far conoscere la novella acqua, che porta giustamente il nome dello scopritore ed i suoi benefici effetti comprovati da triennale esperimento; il secondo per dar un cenno non meno della giacitura e qualità di que’ vulcanici strati che delle anticaglie le quali sotto di essi giacciono. 1

Con questa premessa il testo di antica Idroclimatologia Termale, esordisce. Uno spaccato della vita locale, della Medicina Termale di altri tempi ed allo stesso tempo dell’archeologia. Preziose le indicazioni mediche, interessantissimi i risvolti scientifici. Molto apprezzabile la planimetria allegata.

 

_____________________________________________________________________________________________________

Bibliografia

1     https://www.e-rara.ch/zut/content/zoom/7260322

 

24 Nov

0 Comments

Il campanile della Basilica di Santa Croce a Torre del Greco

by

Il campanile della Basilica di Santa Croce a Torre del Greco

Di

Francesco Rivieccio

La sua costruzione ebbe inizio nell’anno 1596, si ricava dal documento che segue: <<Die 7 mensis decembris 1539>>…i fratelli Sportelli costruirono in S. Croce la Cappella del Presepe. 18 luglio 1596…<<et dice come propria autoritate li maestri della Chiesa de S. ta Croce de detta Torre per costruire il Campanile di quella senza licenza dell’Ill.mo Ordinario ne d’altro Superiore hanno derocchata detta Cappella 36>> … <<L’altro dalla parte che mira il vento magistrale, et accanto al Campanile di detta Chiesa, quale la presente si trova di dui ordini uno finito et lavorato di pietre dette Piperno et l’altro ordine di fabrica rossa, nel quale posano due Campane grandi cioè una di Cantara dodici in circa di peso et l’altra di Cantara sei, et due altre Campane piccole di un cantaro in giù l’una 37>>. 20 ottobre 1714…<<a fianchi ha il Campanile non finito, nel quale vi sono due campane di sei e dodici cantara in circa, oltre altre piccole:…dall’altro lato, l’orologio a quarti fatto nel passato anno 38>> … <<a mano destra dell’atrio attaccato alla chiesa è l’orologio, dall’altro fianco a mano sinistra è il Campanile>>…<<il Campanile però il quale ebbe nel suo principio il suo primo ordine tutto di pietra viva e nella fronte e ne’ fianchi è restato così imperfetto sino ad oggi per essersi atteso dal governo, agl’ornamenti interiori della Chiesa, sopra vi sono 4 campane due grandi non eguali fra di loro, ma assai più grande dell’altra. Pag. 140. Due piccole in diversa situazione per comodo della chiesa, sono piccole quasi eguali e non molto differiscono nel suono 39>> …

Francesco Rivieccio – Il campanile della Basilica di Santa Croce a Torre del Greco – vesuvioweb 2018.pub

31 Ott

0 Comments

La villa del Pausilypon – Analisi del contesto culturale e degli aspetti formali

by

La villa del Pausilypon
Analisi del contesto culturale e degli aspetti formali

Di

Marco Vallario

 

Otiosa Neapolis inteso nel significato più nobile lo possiamo trarre da un luogo descritto nell’ultimo libro delle Metamorfosi di Ovidio. Il poeta descrive il viaggio lungo la costa di una nave, che appena dopo lo stretto di Messina, «punta verso le isole del figlio d’Ippota e le miniere di Tèmesa, e Leucosia (punta Licosa) e i roseti della tiepida Pesto (Paestum). Quindi rasenta Capri e il promontorio di Minerva e i colli lussureggianti di viti di Sorrento e la città di Ercole e Stabia e Partènope nata per oziare, e poi Cuma col tempio della Sibilla».
Quel «Parthenope in otia natam» che ha tutto l’aspetto d’una battuta umoristica, magari proprio ispirata all’otiosa Neapolis del poeta venosino, rispecchia invece senza dubbi quel clima e quella tradizione filosofico letteraria di cui la Napoli greca, ormai anche sede ufficiale di solenni agoni e certami poetici, era, dopo Roma, la depositaria più degna dell’Occidente. La città, con le sue bellezze naturali, la vita gaia e serena, l’amenità salutifera delle vicine terme e le periodiche manifestazioni di cultura e d’arte, era divenuta l’ambiente più idoneo per ricreare in un clima distensivo il corpo e lo spirito. Allo stesso modo Orazio non sa trovare una sede più appropriata che Napoli e dintorni, per affibbiare alla città l’appellativo di “otiosa”, che però non vuole essere un elogio, né alludere agli otia filosofici, il poeta ha voluto semplicemente dire «città di sfaccendati», alludendo certamente al modo in cui questo popolo credeva a tutto ciò che gli si veniva detto. Più il legame con Napoli si fa sottile, e più l’averla menzionata diventa quasi la conferma che quell’otiosa volesse appunto dire «la vera patria dei perdigiorno di tutto il mondo greco-romano». Pochi anni dopo, Virgilio chiudeva le Georgiche con due versi che fanno leva sul termine “otium”:
«[…] illo Vergilium me tempore dulcis alebat Parthenope, studiis florentem ignobilis oti 2 […]».
«[…] In quei tempi la dolce Partenope ospitava me che fiorivo d’entusiasmo per un ozio poco nobile […]».

Marco Vallario – La villa del Pausilypon – vesuvioweb 2020

 

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, I monumenti, Storia

31 Ott

0 Comments

Francesco Solimena nella chiesa del Gesù Nuovo a Napoli

by

Francesco Solimena nella chiesa del Gesù Nuovo a Napoli

Di

Aniello Langella

 

Una volta varcata la soglia della chiesa del Gesù Nuovo, si viene quasi rapiti dall’interno poco illuminato e che contrasta nella luce della Piazza. Ma in breve ci appaiono chiare le geometrie dell’interno traboccante d’arte e di dolce raccoglimento. Dal pavimento, al soffitto delle cupole, dagli altari laterali a quello centrale, dai decori dei pilastri e delle balaustre agli affreschi, abbiamo la
percezione che la nostra visita non debba mai terminare e che più oltre vi è ancora qualcosa da narrare e ancora più in là altre cose da ascoltare. Sopra, sovrasta la porta d’ingresso la parete del contraltare, dove il Solimena dipinse la Cacciata di Eliodoro dal Tempio. Occupa tutta la superfice. Dall’architrave della porta d’ingresso al soffitto e da un lato all’altro del limite delle navate laterali è tutto suo lo spazio. Qui l’artista operò qui completando e firmano l’opera nel 1725, come si legge in basso a sinistra. “On peur cependant assurer que rien d’essentiel n’y est omis, et l’on croie que cette Gravure peut donner au moins une idée et rappeller le souvenir d’un des principaux ouvrages de ce Maître”. Quasi a voler onorare ancora il progetto di Ciccio Solimena detto l’abate,
il Saint Non vuole insistere e farsi perdonare. Ci sta dicendo, in realtà che quantunque i suoi incisori e disegnatori siano bravissimi, in questo caso non sono riusciti a rendere giustizia alla bellezza intrinseca dell’opera. “L’ordonnance et l’ensemble de cette grande machine est assurément digne des plus grands-Maîtres, toutes les Figures sont liées et grouppées avec un art infini; cependant les masses d’ombres et de lumières étant répandues presque par-tout également en diminuent l’effet: on peut dire aussi que la couleur en est foible et grise, et le dessin dans beaucoup d’endroits peu correct”.

Aniello Langella – Francesco Solimena nella chiesa del Gesù Nuovo a Napoli – vesuvioweb 2020.pub

 

https://www.e-rara.ch/zut/content/zoom/4859487

 

 

__________________________________________________________________________________________

Bibliografia

1 Voyage pittoresque, ou, Description des royaumes de Naples et de Sicile di Saint Non, Jean Claude Richard de, 1727-1791. https://archive.org/details/gri_33125010908040/page/n197/mode/2up

2 Bernardo de Dominici. Vite de’ pittori, scultori, ed architetti napoletani: non mai date alla luce da Autore alcuno, Volume 3. Nella stamperia del Ricciardi, 1743, pagina 579

3 Ferdinando Bologna. Francesco Solimena. L’Arte tipografica, 1958

4 Nicola Spinosa. Francesco Solimena (1657-1747) e le arti a Napoli. Ugo Bozzi editore s.r.l., 2018

5 L’immagine tratta dal Voyage Pittoresque è di https://www.e-rara.ch/zut/content/zoom/4859486

 

 

 

31 Ott

2 Comments

La Bocca del Francese. Storia di una tragica vicenda vesuviana

by

La Bocca del Francese. Storia di una tragica vicenda vesuviana

Di

Vincenzo Marasco

«Nell’atrio del Cavallo, ossia nella pianura che divide il cono vulcanico del Vesuvio dai monti e da’ valloni di Somma, si vedono sorti dagli 11 di dicembre sin’oggi sei coni vulcanici posti in linea
pressoché retta, ed esposti a Maestro-Tramontana. L’ultimo di essi è sulla pendice del monte, un centinajo di passi distante dal sito per ove si montava sul gran cratere, il quale ora è tutto occupato
da recenti lave. Il primo che s’incontra di questi coni, ed il più vicino al fosso dell’Avetrana, è alto circa 24 palmi, ed ha quasi il doppio di perimetro nella sua base. Nato sulla lava del 1786 descritta
da Spallanzani, l’ha ricoperta con la recente, e con sabbia nera e grossolana. La nuova lava pria di giungere al fosso accennato, in due rivoli si divise, ed ambi cominciarono a discendere nell’Avetrana, ma dopo un centinajo e mezzo di passi discendendo si unirono i due rivoli in uno, e bruciando le contigue selvette, e quelle che di fronte v’incontrarono nella discesa, si avanzarono
verso S. Iorio. Questo primo cono adunque, che somiglia più ad una piramide rotondata o vòta, cinque in sei palmi sotto il suo vertice ha una frattura che può ricevere un uomo, ed entratovi non
vi si è trovata se non sale muriatico tinto di giallo, o di verde con un certo saporetto stittico, che di alluminia soprasolfata partecipa. Il contorno di questo cono fuma da per tutto, e da grandi fenditure copiosi vapori acquei s’innalzano, ma senza alcun odore nè sapore. Vi si potrebbero perciò stabilire altrettante fontane alla Gimbernat, o pure alla Breislack, che ne fu il primo autore; a me è bastato di assicurarmi, che tali vapori sono attualmente affatto privi di sapore, e di odore, e perciò nulla annunziano contenente di eterogeneo.

Vincenzo Marasco – La Bocca del Francese, storia ed epilogo di una tragica curiosità vesuviana – VESUVIOWEB 2020

31 Ott

0 Comments

Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano – O – da òbbrico a oviccànno

by

Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano – O – da òbbrico a oviccànno

Di

Salvatore Argenziano

 

Salvatore Argenziano – O – Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano – vesuvioweb 2020

Occhiàta: s. f. Ucchiata. Aucchiata. Guardata.
D. Basile. Sostenere non pò la primm’occhiata, / No zinno, cò no pizzeco, e no
squaso / Se ncrapecciaie la perfet’assassina.
G. D’Antonio. Мicco, che facea lo spacca e ppesa, / Сhe c’é da terra ‘n cielo poie
propose, / Сhi lesto responnie сo boce stesa / |N’occhiata schitto, e citaiе
сiento chiose.
A. Piscopo. Nce passo pe spassareme lo tiempo, / Pe coffiare tanta moccoselle /
Che squagliano pe mme; zanneo la sera, / A chi donco na chiacchiara, / A
chi faccio no zinno, o no sospiro, / A n’auta n’occhiatella, / Na rasca a
chesta, e no resillo a chella.
F. Russo. Npietto, p’avé n’aucchiata ’a sta Rignante, / te facive arapì na
furnacella!… / Propio accussì, signore mio!… Vedite?… / V ’o sto cuntanno e
chiagno… e vui redite…!
Viviani Matalena Matalena, / quanno ’a vuo’ sta sempe ’e vena: / cu
n’ucchiata, a mala pena, / chella subbeto se mena.
occhiatura: s. f. Ucchiatura. Cèra. Sguardo, cipiglio, guardata.
Basile. l’uocchie erano comete, che predecevano tremmolicce de gamme,
vermenare de core, iaio de spirete, filatorie d’arme e cacarelle de cuorpo, pocca
portava lo terrore ne la facce, lo spaviento ne l’occhiatura, lo schianto ne li
passe, la cacavessa ne le parole.
occhiezzullo: s. m. Occhietto.
Basile. Ma lassammole ire, ca me chiammano / chill’occhiezzule, spanto de lo
puopolo, / uocchie de tiesto, uocchie de cefescole, / uocchie chiù belle de
’sto tafanario, / uocchie lanterne de lo Muolo Picciolo, / che ponno fare luce
a meza Napole!

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Lessico e Letteratura Napoletana

31 Ott

3 Comments

Ercolano

by

ERCOLANO

Di

Giuseppe Maggi

Sono rimasto incerto per molto tempo se ripubblicare questo libro a quasi trent’anni di distanza da quando fu concepito, dopo le mie clamorose scoperte degli inizi degli anni Ottanta che hanno completamente cambiato la storia di Ercolano antica: l’approdo, le vittime dell’eruzione del 79 d.C. sempre negate da studiosi anche illustri, una barca e frammenti di altre, sculture, splendidi gioielli. E mi sono anche domandato se fosse il caso di rinnovarlo, aggiungendo notizie e tagliando là dove lo scritto appariva troppo legato a polemiche di quegli anni, alle quali sono seguiti consapevoli silenzi.

Mi sono deciso per il sì, riflettendo che il volume non riguarda soltanto le scoperte, che nuovi lettori possono trovare accattivanti, ma anche una tipica, istruttiva vicenda italiana di rifiuto dell’aiuto straniero – nel mio caso di una prestigiosa istituzione culturale degli Stati Uniti – con la replica di un episodio già avvenuto nel primo decennio del Novecento, quando le nostre autorità governative bocciarono il progetto dell’inglese Charles Waldstein di scavare Ercolano con fondi di vari Paesi del mondo. E ho pensato che forse non sarebbe dispiaciuto trovare nella nuova edizione, come in un’ampia premessa, la storia degli scavi dal loro lontano inizio ai primi del Settecento con la favolosa quanto massacrante ricerca nel buio pesto dei cunicoli, continuandola col precario scavo all’aperto sia in epoca borbonica che risorgimentale e col grande impegno di Amedeo Maiuri dal 1927 in poi.

Essendo il libro destinato al grande pubblico, con la speranza che sia di godibile lettura, non l’ho corredato di note né ho citato le tante persone da cui ho tratto linfa per il racconto. Sento tuttavia il bisogno di ringraziare Mario Pagano, Francesca Longo Auricchio, Fausto Zevi, Agnes Allroggen-Bedel, Valerio Papaccio, Mario Capasso, Lucia Amalia Scatozza Höricht, Fabrizio Pesando, Antonio De Simone, Stefano De Caro.  È facile, da parte degli esperti, riconoscere il mio debito nei loro confronti. Se non avessi attinto ai loro scritti e anche a quelli della compianta collega Stefania Adamo Muscettola il discorso precedente le scoperte degli anni Ottanta sarebbe apparso scialbo o lacunoso. Spero di non aver peccato di gravi omissioni.

Devo gratitudine anche a Pier Giovanni Guzzo. Se nel recente libro autobiografico Pompei, tra la polvere degli Scavi non avesse accennato, a proposito di chi ha continuato l’opera di Maiuri a Ercolano, a “scoloriti diadochi” forse non avrei avuto un’ulteriore, convinta motivazione per dare alla luce questo volume.

1 – Giuseppe Maggi – Ercolano – vesuvioweb 2020.pub

 

2 – Giuseppe Maggi – Ercolano – vesuvioweb 2020.pub

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Archeologia, Storia e cultura