15 Set

2 Comments

Ercolano

by

ERCOLANO

Di

Giuseppe Maggi

Sono rimasto incerto per molto tempo se ripubblicare questo libro a quasi trent’anni di distanza da quando fu concepito, dopo le mie clamorose scoperte degli inizi degli anni Ottanta che hanno completamente cambiato la storia di Ercolano antica: l’approdo, le vittime dell’eruzione del 79 d.C. sempre negate da studiosi anche illustri, una barca e frammenti di altre, sculture, splendidi gioielli. E mi sono anche domandato se fosse il caso di rinnovarlo, aggiungendo notizie e tagliando là dove lo scritto appariva troppo legato a polemiche di quegli anni, alle quali sono seguiti consapevoli silenzi.

Mi sono deciso per il sì, riflettendo che il volume non riguarda soltanto le scoperte, che nuovi lettori possono trovare accattivanti, ma anche una tipica, istruttiva vicenda italiana di rifiuto dell’aiuto straniero – nel mio caso di una prestigiosa istituzione culturale degli Stati Uniti – con la replica di un episodio già avvenuto nel primo decennio del Novecento, quando le nostre autorità governative bocciarono il progetto dell’inglese Charles Waldstein di scavare Ercolano con fondi di vari Paesi del mondo. E ho pensato che forse non sarebbe dispiaciuto trovare nella nuova edizione, come in un’ampia premessa, la storia degli scavi dal loro lontano inizio ai primi del Settecento con la favolosa quanto massacrante ricerca nel buio pesto dei cunicoli, continuandola col precario scavo all’aperto sia in epoca borbonica che risorgimentale e col grande impegno di Amedeo Maiuri dal 1927 in poi.

Essendo il libro destinato al grande pubblico, con la speranza che sia di godibile lettura, non l’ho corredato di note né ho citato le tante persone da cui ho tratto linfa per il racconto. Sento tuttavia il bisogno di ringraziare Mario Pagano, Francesca Longo Auricchio, Fausto Zevi, Agnes Allroggen-Bedel, Valerio Papaccio, Mario Capasso, Lucia Amalia Scatozza Höricht, Fabrizio Pesando, Antonio De Simone, Stefano De Caro.  È facile, da parte degli esperti, riconoscere il mio debito nei loro confronti. Se non avessi attinto ai loro scritti e anche a quelli della compianta collega Stefania Adamo Muscettola il discorso precedente le scoperte degli anni Ottanta sarebbe apparso scialbo o lacunoso. Spero di non aver peccato di gravi omissioni.

Devo gratitudine anche a Pier Giovanni Guzzo. Se nel recente libro autobiografico Pompei, tra la polvere degli Scavi non avesse accennato, a proposito di chi ha continuato l’opera di Maiuri a Ercolano, a “scoloriti diadochi” forse non avrei avuto un’ulteriore, convinta motivazione per dare alla luce questo volume.

1 – Giuseppe Maggi – Ercolano – vesuvioweb 2020.pub

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Archeologia, Storia e cultura

15 Set

3 Comments

La Grotta Azzurra a Capri e la Villa romana di Gradola

by

La Grotta Azzurra a Capri e la Villa romana di Gradola

di

Aniello Langella

L’accesso alla Grotta Azzurra di Capri si trova lungo la costa a nord dell’isola e l’intero complesso in parte subacqueo ed in parte percorribile con una barca ed anche a piedi, soggiace alla villa romana di epoca tiberiana, detta di Gradola. Una villa marittima posta in posizione panoramica, che si sviluppava lungo il pendio e lo scosceso della costa, per offrire in termini architettonici il meglio della composizione e del confort e del godimento della bellezza paesaggistica. Terrazze aggettate lungo il pendio, ne costituivano le premesse strutturali. Sappiamo che intorno alla metà dell’Ottocento, venne scavata dal colonnello americano Mac Kowen, il quale qui rinvenne capitelli, colonne, numerosi frammenti di statue, di pavimenti e di cornici in marmo, che in parte furono trasportati presso la Casa Rossa ad Anacapri. Ma noi ignoriamo esattamente l’elenco dei manufatti sottratti allo scavo ed ignoriamo anche quale fu la loro destinazione finale. Qualcuno ipotizza che i materiali più pregiati, presero la via dell’estero. La villa di grandi proporzioni, che ancora oggi si scorge nel contesto della scogliera e della vegetazione che in parte la ricopre, ci mostra un complesso che venne abitato in più fasi con momenti di ricostruzione ed aggiunta di corpi di fabbrica. Si riconoscono oggi, alcune cisterne per la raccolta delle acque piovane e, a ridosso della terrazza superiore, sei piccoli ambienti, dei quali uno con resti di intonaco giallo su zoccolo rosso e pavimento a mosaico bianco. Si scorgono ancora chiari i resti di una scala tagliata nella roccia, che doveva condurre alla Grotta Azzurra. Qui ai tempi di Tiberio, come oggi, si entrava con piccole barche, proprio attraversando quello stretto e basso cunicolo che sfiora la superfice del mare ed entra nel gran duomo della Grotta.

 

Aniello Langella – La Grotta Azzurra a Capri – vesuvioweb 2020.pub

15 Set

4 Comments

La cartografia di Niccolò Carletti

by

Topografia universale della città di Napoli e note enciclopediche storiografe

Di Niccolò Carletti

Data alle stampe a Napoli nella stamperia Raimondiana, MDCCLXXVI (1776)

Nicolò Carletti 1

Di famiglia toscana, nacque in Napoli l’8 nov. 1723 (secondo Strazzuffo, che sulla fonte del Soria ne fornì una densa biografia), data non da tutti accettata. Dopo aver studiato belle lettere, filosofia e matematica, il C. apprese a Roma l’architettura. Tornato a Napoli, trovò posto nel Corpo degli ingegneri militari, nell’ambito del quale “si disimpegnò con molto onore in quasi tutte le guerre della Lombardia”. Tra i suoi studi ulteriori furono quelli delle scienze fisiche e matematiche, specie dell’idraulica, cui aggiunse “la cognizione non meno dell’Antiquaria” che del diritto civile. Come si vede, una preparazione vasta e composita che doveva essergli assai utile per la sua funzione di architetto della città di Napoli e della sua deputazione, esaminatore del Collegio dei tavolari (agrimensori), accademico “pensionista” della Società delle scienze e belle arti di Roma, esaminatore nella Real Accademia militare di Napoli (Soria). Dal 1745 al 1754 il C. fu ingegnere militare volontario, disimpegnando delicate mansioni nelle reali fabbriche, nelle due giunte dei lagni e delle strade, nelle strade di Camporeale, Venafro e negli edifici regi di Carditello. Diede tutta la sua esperienza per la ricostruzione della semideserta isola di Ventotene (Strazzullo) e per inalveare le acque che inondavano una vasta zona dell’abitato di Formicola in Terra di Lavoro. Ricevette onorificenze e riconoscimenti; fu accademico di S. Luca dal 4 sett. 1757 ed ebbe da Pio VI l’Ordine dei Cavalieri di Cristo. Oltre all’attività specificamente tecnica espletata soprattutto nelle funzioni pubbliche che assolse, il C. svolse anche ampia opera di pubblicista e anche – in parte – di teorico dell’architettura. Delle sue opere di architetto militante vanno ricordati soltanto il progetto di un altare per la chiesa del romitorio di Ischia (1759: R. Mormone, in Napoli nobilissima, III [1963-64], p. 120), il progetto per la parrocchiale di Melito (1757), alle porte di Napoli, e i lavori di completamento del palazzo dei principi di Cimitile, nella cittadina omonima (Ceci). L’interesse del progetto della chiesa di Melito, conservato a Roma nell’Accademia di S. Luca (I disegni di architettura, Roma 1975, II, p. 73 nn. 2122-2124), consiste tutto negli ideali formali chiaramente espressi, dato che, in sostanza, l’opera fu realizzata, dal 1759 al ’75, con l’apporto di G. Astarita, che da direttore dei lavori quale doveva essere all’inizio (30 luglio 1757) divenne – per la stessa natura del C. – il vero architetto progettista. Del suo progetto il C. fece anche una precisa relazione (Napoli, Arch. diocesano, Erez. chiese, III, 50), nella quale insiste sulla necessità di adottare la croce greca, più che per l’esiguità dello spazio a disposizione, “perché con tal figura ho conservato le maggiori dimensioni possibili per sottomettere alla vista l’intero tempio da ogni punto di se stesso”. Prevalente nel C. l’istanza classicistica e l’adesione ai concetti canonici degli ordini, sì che la chiesa, essendo dedicata alla Vergine, è disegnata con pilastri d’ordine corinzio (ritenuto “verginale”). La croce greca compatta, con cupola centrale, doveva nascere su una scalea a nove gradini, con pronao esterno e nove altari interni sui piloni della cupola e nei bracci della croce (Gambardella). Del C. teorico dell’architettura vanno ricordati i suoi due tomi di Instituzioni di architettura civile (Napoli 1772), di chiaro indirizzo neoclassico, anzi di stampo illuministico (E. Kaufmann, L’architettura dell’illuminismo, Torino 1966, p. 128 nota). Quest’opera fu contestata dall’architetto Vincenzo Lamberti, che pubblicò una Lettera, nella quale si contengono alcune riflessioni sul libro intitolato Instituzioni…(Napoli 1774). Critiche furono mosse da G. L. Bianconi che, nelle Efemeridi letterarie di Roma (1772, t. VI, p. 44), pur riconoscendo l’impegno del C. nel voler giovare al pubblico e la validità del “metodo matematico” posto a fondamento della sua teoria, basata su “sode cognizioni architettoniche”, ne stigmatizza lo stile arido e faticoso, inadatto ai giovani e ai principianti, nonché l’assenza di un maggiore riferimento agli autori classici ed ai monumenti dell’architettura antica e moderna, “che sono fonti del buon gusto”. Il carattere di teorizzazione è evidente anche nei due tomi di Instituzioni di architettura idraulica (Napoli 1780), cui dovevano seguire le istituzioni – programmate ma mai apparse – di architettura militare. Il Soria annunziava, nel 1781, come prossima la pubblicazione di altre due opere, probabilmente rimaste invece manoscritte e poi perdute (Instituzioni di architettura militare, dedotte dalla Filosofia sperimentale e dall’arte della guerra, con un trattato della scienza idraulica de’ Porti, Moli, Fari, Riviere e Fortificazioni;e Scienza degli apprezzi delle cose feudali, allodiali e miste, e delle prediali urbane, rustiche e miste). Ma l’opera di maggiore impegno del C. fu certo il contributo da lui fornito alla realizzazione della celebre mappa di Napoli dovuta a Giovanni Carafa, duca di Noia. La mappa, non terminata alla morte del Carafa, fu completata da Giovanni Pignatelli, principe di Monteroduni, con correzioni e aggiunte del C. e dell’architetto Gaetano Bronzuoli, e venne pubblicata in trentacinque rami nel 1775 su scala 1:3.808 (un’altra edizione, del 1777, è in scala minore 1:20.040). L’uso della tavoletta pretoriana rese assai precisa l’opera di rilevamento, sì che fu questa la prima vera mappa della città, assai più aderente alla realtà topografica di quanto non fossero le precedenti vedute a volo d’uccello dei secc. XVI e XVII. Il C., indicato come “professor delle Architetture e Matemat.”, tenne ad aggiungere all’opera un’ampia didascalia, ossia la “storiografia dell’antico e del moderno della città di Napoli”, seguita da un vasto rettangolo contenente la spiegazione del 580numeri segnati sui principali monumenti e luoghi della città, eretti sino al 1775. Nel Museo di Capodimonte (sezione disegni e stampe) sono stati ritrovati (Alisio, 1971) venti fogli non catalogati della mappa, con le correzioni del C. e riportate a penna le scritte esplicative. Poiché le notizie storiche fornite nella didascalia della mappa apparivano al C. troppo sintetiche, egli le pubblicò (a Napoli) l’anno seguente, in forma più estesa in un volume a parte dal titolo Topografiauniversale della città di Napoli.Esso si aggiunse alla copiosa letteratura artistica locale con caratteri di originalità e compiutezza bibliografica. Qualche anno più tardi, nel 1787, il C. estese le sue ricerche ai Campi Flegrei, pubblicando a Napoli un altro grosso volume su tale zona, di estremo interesse paesaggistico oltre che archeologico (Storia della regione abbruciata in Campagna felice). Come quella di nascita, anche la data di morte del C. è oggetto di discussione. Infatti, pur ponendo entrambi in Napoli la fine del matematico e topografo, il Ceci afferma che egli morì nel 1796; il Del Pozzo, invece, quattro anni più tardi. E tale incertezza tuttora sussiste, date le scarse ricerche compiute sul Carletti.

 

Fonti e Bibl.: F. Soria, Memorie storico-critiche degli stor. napolitani, Napoli 1781, I, pp. 154-156; A. Comolli, Bibl. storico-critica dell’architett. civile…, III, Roma 1788, pp. 244 s.; IV, ibid. 1792, pp. 29-36; P. Napoli Signorelli, Regno di Ferdinando IV, Napoli 1798, p. 126; L. Del Pozzo, Cronaca civile e militare delle Due Sicilie, Napoli 1857, p. 199; A. Blessich, La pianta di Napoli del duca di Noja, in Napoli nobilissima, IV(1895), pp. 183-185; V (1896), pp. 74-77; P. Napoli Signorelli, Gliartisti napol. della seconda metà del sec. XVIII, ibid., n.s., II (1922), p. 15;G. Ceci, Bibl. per la storia delle arti figurative nell’Italia merid., Napoli 1937, I, p. 226; R. Pane, Architettura dell’età barocca in Napoli, Napoli 1939, ad Ind.; Ville vesuviane del Settecento, Napoli 1959, ad Indicem;F. Strazzullo, Ingegneri camerali napoletani del Settecento, in Partenope, I(1960), p. 56; G. Russo, La città di Napoli dalle origini al 1860, Napoli 1960, pp. 78, 190 e ad Ind.;A. Venditti, Architettura neoclassica a Napoli, Napoli 1961, ad Indicem;R. Di Stefano, Napoli sotterranea, in Napoli nobilissima, s. 3, I (1961-62), pp. 104, 106, 109 s., 112; R. Di Stefano-L. Santoro, La cappella di S. Maria dei Pignatelli in Napoli, ibid., pp. 190, 192 n. 26; A. Venditti, L’arch. G. Astarita e la chiesa di S. Anna a Porta Capuana, ibid., pp.87 s., 93; F. Strazzullo, C.e Astarita per il progetto della parrocchiale di Melito, Napoli 1963, pp. 7, 26 ss.; R. Artigliere, Contributo alla bibl. ed iconografia di Pozzuoli e dei Campi Flegrei dal 1500 al 1963, Napoli 1964, p. 54; F. Strazzullo, Architetti e ingegneri napoletani dal ‘500 al ‘700, Napoli 1969, pp. 1-14, 20; C. De Seta, Cartografia della città di Napoli, Napoli 1969, I, pp. 217, 244, 247, 250, 270 ss., 280 ss., e tavv. nn. 104, 111;III, passim;G. Alisio, Sviluppourbano e struttura della città, in Storia di Napoli, VIII, Napoli 19711, pp. 338, 365 n. 52; A. Gambardella, Ilprogetto di N. C. per la parrocchiale di Melito, in Napoli nobilissima, XIII(1974), pp. 141-149; U. Thieme-F. Becker, Künstlerlexikon, V, p. 603.

1   Le note bibliografie e storiche relative a Niccolò Carletti sono tratte da Treccani online.

2   La cartografia di Niccolò Carletti è stata caricata dal portale https://www.e-rara.ch/zut/content/titleinfo/7218693?query=carletti

 

15 Set

1 Comment

Guida agli scavi di Pompei

by

Guida agli scavi di Pompei

Breve storia della città antica e degli scavi Pompei sorge su un pianoro a circa 30 m s.l.m., formato da una colata di lava vesuviana, a controllo della valle del fiume Sarno alla cui foce sorgeva
un attivo porto. Incerte sono le notizie sulle origini della città. Le testimonianze più antiche si datano tra la fine del VII e la prima metà del VI sec. a.C., quando si realizza la prima cinta muraria in tufo detto “pappamonte” che delimitava un’area di 63,5 ha. Una civiltà “mista”, nella quale erano fusi elementi indigeni, etruschi e greci, portò allo sviluppo della città e alla costruzione di una cinta fortificata in calcare secondo il sistema greco (V sec. a.C.). Verso la fine del V sec. a.C., le tribù dei Sanniti, scese dai monti dell’Irpinia e del Sannio, dilagarono nella pianura dell’attuale Campania (che significa “pianura fertile”), conquistando e inserendo le città vesuviane e costiere in una lega con capitale Nuceria (Nocera). In epoca sannitica Pompei riceve un forte impulso all’urbanizzazione: risale al IV sec. a.C. la costruzione di una nuova fortificazione in calcare del Sarno, che doveva seguire un percorso analogo alla precedente. Verso la fine del IV sec. a.C.,
i movimenti delle popolazioni sannitiche turbarono l’assetto politico costringendo Roma a intervenite in Italia meridionale: sistemi di alleanze e vittoriose campagne militari la renderanno egemone in tutta la Campania (343-290 a.C.). Pompei entrò quindi come alleata nell’organizzazione politica della res publica romana, cui però nel 90-89 a.C. si ribellò assieme ad altre popolazioni italiche, che reclamavano a Roma pari dignità socio-politica. Presa d’assedio dalle truppe di Lucius Cornelius Sulla, la città capitolò e diventò colonia romana col nome di Cornelia Veneria Pompeianorum (80 a.C.). Dopo la deduzione della colonia Pompei fu arricchita di edifici privati e pubblici, e ulteriormente abbellita  9 soprattutto nell’età degli imperatori Ottaviano Augusto (27 a.C. – 14 d.C.) e Tiberio (14-37 d.C.). Nel 62 d.C. un violento terremoto colpì l’intera area vesuviana. A Pompei la ricostruzione ebbe subito inizio, ma, per l’entità dei danni e per lo sciame sismico che seguì, essa prese molto tempo. Quando 17 anni dopo, il 24 agosto del 79 d.C., l’improvvisa eruzione del Vesuvio la seppellì di ceneri e lapilli, Pompei si presentava come un cantiere ancora aperto. La sua riscoperta si verificò alla fine nel XVI secolo, ma solo nel 1748 cominciò l’esplorazione, col re di Napoli Carlo III di Borbone, e continuò sistematicamente nell’Ottocento, fino agli interventi più recenti di scavo, restauro e valorizzazione della città e del suo eccezionale patrimonio di architetture, sculture, pitture, mosaici. L’area archeologica di Pompei si estende per circa 66 ha dei quali circa 45 sono stati scavati. La suddivisione della città in regiones (quartieri) e insulae (isolati) è stata fatta da Giuseppee. Fiorelli nel 1858, per esigenze di studio e orientamento. Le denominazioni delle case, quando non è noto il proprietario, sono state coniate dagli scavatori in base a particolari ritrovamenti o altre circostanze.

 

Guida agli scavi di Pompei

 

© 2015
Soprintendenza Pompei. Questa guida raccoglie. brevi testi di introduzione. alla visita dei luoghi più significativi degli scavi. Alcuni di essi possono essere temporaneamente chiusi. In mancanza di regolare autorizzazione rilasciata dalla Soprintendenza Pompei, è espressamente vietata la distribuzione di questo stampato.

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Archeologia, Storia e cultura

15 Set

3 Comments

Vesuvio 1588

by

Vesuvio 1588

La stampa che mostra varie regioni del sud dell’Italia del secolo XVI, vuole indicare i principali centri urbani affacciati sulla costa e dislocati all’interno, lungo fiumi e complessi montuosi. La Campania, la Lucania, la Puglia, la Calabria, sono le regioni riportate e nel contesto del rilievo relativo alla Campania, un particolare può interessare la ricerca: il Vesuvio e le zone vesuviane.

In questa rara stampa datata al 1588, tutto il fascino della storia ed anche il piacere di accedere al testo, in latino che ci parla nel dettaglio dei luoghi.

Titolo dell’opera: Cosmographey: oder Beschreibung aller Länder, Herrschafftenn und fürnemesten Stetten des gantzen Erdbodens … / erstlich durch Sebastian Munster … verfasset … jetzt aber … biss in das MDLXXXVIII. gemehret … Getruckt zu Basel [1588?].

L’immagine ed il testo, sono state reperite nella straordinaria biblioteca e-rara, che ringraziamo per la ricchezza delle raccolte librarie qui depositate, digitalizzate e messe a disposizione dello studio.

https://www.e-rara.ch/bes_1/content/zoom/13635601

17 Lug

3 Comments

Vulumbrella

by

Vulumbrella

Di

Salvatore Argenziano e Aniello Langella

 

Fatte molla e no cchiù ddura

mò ca si’ formosa e bella

ca ogne fica vulumbrella

a ‘sto tiempo s’ammatura.

 

Fatte doce e no cchiù amara

nun te fa vedere acerba

e non esser tanto brava

fatte umile e no superba.

 

Mo ca è verde la toja erba

e lu munno renovella

ca ogne fica vulumbrella

a ‘sto tiempo s’ammatura.

 

Mò ca sì ‘mmeza ammullata

e tra fronne fai la guerra

nun aspettare ca si’ seccata

e che cade in chiana terra.

 

Fa’ ca’ po’ da te se sferra

ca si’ tosta fredda e bella

ca ogne fica vulumbrella

a ‘sto tiempo s’ammatura.

 

Salvatore Argenziano e Aniello Langella – Vulumbrella – vesuvioweb 2020.pub

 

È il trascorrere lento e inesorabile del tempo che anima il testo. Lo si percepisce da subito. Si tocca con mano già dalle prime note, scandito ritmicamente dalle note di strumenti a percussione. Tempus edax rerum, vuole mettere in chiaro il nostro artista napoletano o forse più genericamente vesuviano. Sceglie un frutto; lo individua tra le mille specie a sua disposizione e ne fa un piccolo poema campestre, rustico, da cantare come inno al rientro del lavoro dei campi, quando per stanchezza ha sopraffatto tutto e l’unico diletto che ristora, può essere il desco gustoso e la mollezza di un talamo pronto. Sceglie il frutto del fico, appena maturo, turgido e dolce: la fica vulumbrella. Osserva bene e con attenzione, esamina il destino di questa bontà della natura. Tonda e profumata, morfologicamente assimilata all’utero nell’anatomia della Scuola Salernitana. Ne desidera i succhi dolci e singolari e così lasciandosi quasi inebriare dal ritmo dei cembali e dalle parole che continua a sentire, rivolge più volte il reiterato invito al frutto che diventa in quel preciso momento la donna desiderata: …ca ogne fica vulumbrella a ‘sto tiempo s’ammatura…. Un canto che conosciamo, declinato in altre terre, ma con i medesimi intenti: …di doman nessun si paschi … Non attendere che il tempo ti faccia invecchiare, ci faccia perdere la giovinezza; ti esorto a considerare questo pensiero; ti scongiuro donna bellissima che mi precedi tornando a casa dopo il lavoro dei campi; ora sei formosa e bella; non hai bisogno di nulla se non di dare atto al tuo destino,…concederti a me.

 

https://

 

Salvatore Argenziano – Vulumbrella Fatti molla e nun chiù dura – vesuvioweb 2016.pub

 

Fica Vulumbrella – vesuvioweb 2016.pub

17 Lug

0 Comments

La Festa della Madonna dell’Arco

by

La Festa della Madonna dell’Arco

Di

Aniello Langella

Il gagna en effet; son adversaire, furieux, s’en prit à la divine intervention, et lança de colère sa paume à la Madone, qu’il atteignit à la joue. Cette joue bleuit tout aussitôt. Un certain seigneur de Sano, qui passait par là, s’empara de l’insulteur et le lit pendre à un arbre voisin. A son contact , l’arbre se dessécha subitement; on l’abattit, et à cet endroit on éleva j une église, où fut placée sur le principal autel la statue miraculeuse, qui reçut le nom de Madone de l’Arc (Madonna del Arco).

Aniello Langella – Alla festa della Madonna dell’Arco – vesuvioweb 2020.pub

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Sant'Anastasia

17 Lug

0 Comments

Pompeii, its life and art

by

Di

August Mau (1840-1909), Kelsey, Francis W. (Francis Willey) (1858-1927)

New York

1902

… Another interesting bit of evidence is a wall painting, which appears to have as its subject the Judgment of Solomon (Fig. 6). On a tribunal at the right sits the king with two advisers ; the pavilion is well guarded with soldiers. In front of the tribunal a soldier is about to cut a child in two with a cleaver. Two women are represented, one of whom stands at the block and is already taking hold of the half of the child assigned to her, while the other casts herself on her knees as a suppliant before the judges. It is not certain that the reference here is to Solomon ; such tales pass from one country to another, and a somewhat similar story is told of the Egyptian king Bocchoris. The balance of probability is in favor of the view that we have here the Jewish version of the story, because this is consistent with other facts that point to the existence of a Jewish colony at Pompeii …

icona pompei

https://archive.org/stream/pompeiiitslifear01maua#page/n9/mode/2up


			

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Archeologia

17 Lug

1 Comment

Capri e la villa di Tiberio

by

Capri e la villa di Tiberio

 

If anywhere in Capri, the magnificence and reality of the occupation and dominion of the Caesars, (whether Augustus or Tiberius , ma6ers li6le), can be best appreciated, and moulded into concrete form, it is at the so called Villa Jovis at Tiberio , the extreme eastern point of the island, and that which is nearest to the mainland. The position itself is stupendous, and isolated in the highest degree, and seems to be formed by nature as the final retreat of a disappointed potentate. The cliffs drop straight into the sea, one thousand feet below, with menacing precipitousness, and the only approach, by means of a narrow causeway, could have been easily rendered unapproachable to over insistent friend or prying enemy.

Aniello Langella – Villa Iovis a Capri – vesuvioweb 2020.pub

 

REPORTAGE FOTOGRAFICO

Di

Aniello Langella

Siamo sulla punta orientale della grande ed alta falesia calcarea; il Salto della Villa da dove la leggenda vuole che l’imperatore precipitasse a mare i propri nemici.

L’entrata attuale al complesso archeologico; percorsa la lunga strada del Parco Astarita, si giunge ad un’area dove un tempo un portico colonnato introduceva alla villa. Restano evidenti le tracce delle colonne e delle sostruzioni che poggiavano sulla collina calcarea.

Tracce di intonaco in uno degli angoli del vestibolo.

Ciò che resta delle grandiose cisterne d’acqua per l’approvvigionamento idrico del complesso.

Panorama da Villa Jovis; sullo sfondo il Monte Solaro.

Sullo sfondo la Penisola Sorrentina con il Capo Minerva. Panorama dalla Villa Jovis

Veduta panoramica da Villa Jovis. Sullo sfondo il Vesuvio.