24 set

1 Comment

La Consonante P

by

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Stròppole linguistiche

24 set

1 Comment

Maurenzio Duca di Napoli

by

icona duca maurenzio

Di

Aniello Langella

“Stabiliti i longobardi in Italia, come abbiam visto ad istigazione di Narsete e facendo mostra il Re Longobardo Autari di voler sottomettere il Ducato di Napoli nel 592, il Pontefice S. Gregorio Magno scrisse fortemente a Giovanni vescovo di Ravenna affinchè avesse premurato l’Esarca di destinare un duca a Napoli, e l’Esarca mandò in Napoli Scolastico. Scolastico venne nel 592 per l’imperatore Maurizio e fu il II duca. A Scolastico successe Maurizio che resse il ducato sin’ all’ anno 600 e fu il III duca. In detta epoca venne egli sostituito da Godescalco che fu il IV duca per Maurizio fin al 602”

icona duca maurenzio1

Aniello Langella – Maurenzio Duca di Napoli – vesuvioweb 2016.pub

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Personaggi a Napoli, Storia

24 set

1 Comment

L’eruzione del Vesuvio del 1944

by

ICONA 1944

Un film del 1944 che documenta alcune delle fasi eruttive del Vesuvio nel 1944

ICONA 1944A

L’eruzione del Vesuvio nel 1944

 


 

Il 18 marzo del 1944, iniziò l’ultima eruzione del Vesuvio e molti furono i tetimoni ancora viventi. Terminò il 7 aprile.

Lave a S. Sebastiano e Massa di Somma. Caduta di prodotti piroclastici a Terzigno, Pompei, Scafati, Angri, Nocera, Poggiomarino e Cava. La lava tracimò dal lato settentrionale del cratere dirigendosi verso est, sud e nord. Mentre la colata meridionale, di portata limitata, si fermò a 350 metri di quota, la colata settentrionale, caratterizzata da una maggiore portata, si diresse nell’Atrio e, da lì, verso ovest, scavalcando il Monte Somma in prossimità del Fosso del Faraone, e raggiungendo i paesi di S. Sebastiano e Massa di Somma. La prima fase, effusiva, cessò quando cominciarono le fasi esplosive. Si formarono diverse fontane di lava, la prima delle quali di altezza superiore a 2 chilometri. Dopo le fontane di lava ebbe inizio il collasso della piattaforma craterica e l’interazione del sistema magmatico con l’acqua di falda, con nubi nerastre che superarono l’altezza di 6000 metri. In questa fase si formarono piccoli flussi piroclastici lungo i fianchi del vulcano. Dopo una breve pausa, si formarono nubi eruttive cipressoidi, da cui ricaddero lapilli e ceneri in direzione sud est. Lave per 21 milioni di metri cubi; prodotti piroclastici per 50 milioni di metri cubi. Sul numero delle vittime non si hanno valori definitivi, 21-45 morti per il crollo dei tetti. Distruzione dei centri abitati di S. Sebastiano e Massa di Somma. Interruzione della strada di collegamento tra i due paesi. 12000 persone evacuate a Portici da S. Sebastiano, Massa e Cercola. La prima fase dell’eruzione fu caratterizzata da un tremore sismico continuo. Gli spessori dei prodotti piroclastici raggiunsero valori di 80 cm. Le ceneri eruttate durante le fasi esplosive giunsero ad Avellino e perfino a Bari. Le ultime fasi dell’eruzione furono accompagnate da intensa attività sismica. Il 24 marzo cadde leggera cenere vulcanica biancastra costituita da piccolissimi cristalli di leucite; tale evento fu considerato come un segnale di imminente fine dell’eruzione. L’eruzione terminò con frane dalle pareti crateriche, i cui detriti ostruirono il condotto vulcanico. Dopo l’eruzione in alcune zone del versante ovest del vulcano (Portici, Ercolano e Torre del Greco) si ebbero esalazioni di anidride carbonica (mofete), che resero l’aria irrespirabile fino ad un metro di altezza.

(Da http://www.ov.ingv.it/ov/it/catalogo-1631-1944.html)


 

Segui i lavori di Vesuvioweb relativi all’eruzione del Vesuvio del 1944, usando l’icona sottostante

ICONA 1944b

L’eruzione del Vesuvio del 1944

http://www.vesuvioweb.com/it/category/stora/leruzione-del-vesuvio-del-1944/

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, L’eruzione del Vesuvio del 472

24 set

1 Comment

Vesuvius dal The National Geographic Magazine

by

icona vesuvius 1910a

La storia del vulcano e della sua terra raccontata nel 1910 da una delle più importanti riviste al mondo: il National Geographic Magazine

No five years in history have been so noted for volcanic disturbances as the years 1902-1906. The explosion of Mont Pelee, which destroyed 30,000 people; the eruption of Santa Maria in Guatemala a few months later, which likewise swept away thousands of people and wrecked many miles of fertile plantations; the activity of Colima in Mexico, and of Mauna Loa in Hawaii, and now this latest eruption of Vesuvius, form an unprecedented series of disasters. They serve to emphasize our ignorance of volcanic action; and yet this ignorance is not to be wondered at, for no systematic study of volcanic action has ever been made. Commissions have been sent to study individual volcanoes  –  Vesuvius, Mauna Loa, Krakatoa, Mont Pelee, etc.

icona vesuvius 1910b

Vesuvius dal The National Geographic Magazine del 1910 – vesuvioweb 2016.pub

 

16 set

1 Comment

Napoli 1759. Carlo III lascia la città ed abdica in favore di Ferdinando

by

icona carlo III

Di

Aniello Langella

La scena è a dir poco un’antologia di personaggi e di storie nelle storia e non sarò certo io a rivelarle tutte. Esse tuttavia, come ho voluto sottolineare nella prefazione raccolgono il racconto e questa volta lo fanno seguendo un rituale a volte solenne e consono alla circostanza, ma altre volte lo fanno in modo spontaneo, popolano e senza risparmiarsi in quella vena laica che è tutta propria del popolo napoletano. Le carrozze che accorrono, i paggi indaffarati, la nobiltà corrotta che da un lato quasi compiange il re che parte e dall’altro giubila per altri motivi. In alto alle torri i soldati salutano e qualcuno impreca per la mancata paga delle ronde. In basso i lazzari seguono le carrozze in cerca di elemosina; dal molo presso la fontana dei quattro fiumi una folla incalcolabile si protrae dei muretti quasi a voler raggiungere i reali; sventolano i gonfaloni. Al centro della scena la grande flotta spagnola con la nave dei reali alla fonda pronta a salpare l’ancora è accerchiata da centinaia di imbarcazioni minori che accompagnano quasi in processione il re e la sua famiglia. Tanucci sul bordo della Darsena anch’egli pronto al saluto finale, mentre sul lato opposto un tizio ignaro quasi di ciò che sta accadendo, si ferma a ridosso del grande muro del Maschio ad orinare. Le popolane che tentano di raggiungere le carrozze di reali, fermate dalle guardie regie. Un vero e proprio concorso di attori, tutti intenti ad esprimere i propri sentimenti. Sullo sfondo il Vesuvio vuole celebrare anch’egli la partenza e sbuffa nel cielo di quella mattina chiara e con un cielo celeste come mai, un ricciolo di fumo e cenere, indicando Capri all’orizzonte. Una scena degna di un vero e proprio apparato cinematografico. Un’antropologia di metà ‘700 che oggi fa parlare ancora e ci invita a considerare fatti storici che apparentemente non ci appartengono più.

icona carlo IIIa

Aniello Langella – Re Carlo III lascia Napoli – vesuvioweb 2016.pub

 

Napoli 1759 - Carlo III lascia il porto di Napoli - Capodimonte

Napoli 1759 – Carlo III lascia il porto di Napoli – Capodimonte

 

Napoli 1759 - Carlo III lascia il porto di Napoli - Prado - vista dal mare

Antonio Joli. Napoli 1759 – Carlo III lascia il porto di Napoli – Prado – vista dal mare

 

 

Napoli 1759 - Carlo III lascia il porto di Napoli - Prado

Antonio Joli. Napoli 1759 – Carlo III lascia il porto di Napoli – Prado

Si veda anche

La Darsena

http://www.vesuvioweb.com/it/wp-content/uploads/Aniello-Langella-La-Darsena-del-porto-di-Napoli-La-cartografia-antica-vesuvioweb-2015-parte-1%5E1.pdf

16 set

1 Comment

Alcune pergamene riguardanti Torre del Greco dal Fondo del Castel Capuano

by

icona castel capuano 1

Di

Vincenzo Marasco

 Il fondo riguarda ben 952 atti su pergamena a carattere generico. La documentazione, rinvenuta nel 1845 durante lo sgombero di Castel Capuano in uno stipetto della stanza dei quinternoni, tratta vicende storiche di vario carattere dal 1268 al 1789. Nel fondo sono presenti lettere della Regina Margherita di Durazzo, Luigi IV D’Angiò, Re Ladislao, Carlo VIII, Luigi XII di Francia, il Doge di Venezia Nicola da Ponte, il Doge Pasquale Cicogna e altri. Di seguito riporto degli estratti delle pergamene riguardanti Torre del Greco, sede del Re Alfonso II d’Aragona o almeno di quelle cui nominano solamente tale luogo come posto in cui è stato stipulato   l’atto a cui si riferisce la pergamena.

Foto di Marcello Erardi

Foto di Marcello Erardi. Interni della grande sala del Castel Capuano.

Vincenzo Marasco – Alcune pergamene riguardanti Torre del Greco dal Fondo di Castel Capuano – vesuvioweb 2016.pub

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Storia e cultura

16 set

0 Comments

L’isola d’Ischia 1642

by

icona ischia aas

Di

Antonio Bulifon

Carte de’ Regni di Napoli, e di Sicilia, Loro Provincie, ed Isole adjacenti fatte esattamente incidere da Antonio Bolifoni nel 1692, ed ora dal Dottor Luigi Bolifoni Suo Nipote, con piccole Mutazioni fatte ristampare e Dedicatte alla Sacra Maesta di Carlo Redi Napoli, Infante di Spagna. Autore Bolifoni, Antonio Bolifon. 1734.

Da BIBLIOTECA DIGITAL HISPÁNICA

icona ischiaa

L’isola d’Ischia di Antonio Bulifon 1642 – Da BNE

16 set

1 Comment

La Gaiola di Posillipo, la Baia dei Trentaremi, la Grotta di Seiano,

by

icona gaiola4

Parte storica di Aniello Langella

Reportage fotografico di Marcello Erardi

 Introduce la presentazione dei luoghi un brano tratto da un noto testo di Giulio Cesare Capaccio.

Facilmente poté succedere, per che venendo da Antiochia (e si deve credere per mare), bisognò che passasse per questo nostro seno, come poté prima a san Pietro, quando di là venne a Roma, per che “Neapolim venit navigio delatus”, dice il Baronio, come suole nell’altre cose, dotissimamente, per che il viaggio per terra da Antiochia a Roma havrebbe havuto altro travaglio, e passar tutta l’Asia Minore. Di là si viene a Nisida, isola già picciola, che questo il suo nome significa, havendo di circuito quasi un miglio e mezzo. Isola però che si congiungea col continente di Posilipo, per mezzo d’una fabrica dimandata dal volgo Copino, c’havea dentro il corso del mare seguito, e sopra habitationi di cui sono rimasti i vestigii. Tutto ’l continente che seguiva, era pur detto Nisida, chiamata per la frequente habitatione, picciola Roma che così a ponto vien detta da Cicerone: “Era copiosa di asparaghi, herbe selvagge e conigli”. Ritiene le due prime cose, ma la terza è venuta meno per gulosità degli homini. Havea una selva che la rendea di mal’aria, ma recisa che fu, divenne più salubre. Si fe’ nobile per l’habitatione dei Duchi d’Amalfi, comprata da Alfonso Piccolomini, tremilia e cinquecento docati. Dai Piccolomini pervenne al Principe di Scilla; da questo alla cità di Napoli e da questa a Matteo di Capoa Principe di Conca; e dal Principe un’altra volta alla cità, pretendendosi lesione, per tredicimilia docati venduta, et dopo posseduta e data ad appalto per trecento cinquanta docati l’anno. Finalmente la vendé al signor Giovan Vincenzo Macedonio cavaliero del seggio di Porto, il quale la tiene molto regalata; con nove fabriche, nova coltura di giardini e piante fruttifere, che la rendono delitiosissima. Utile poi, con la rendita del vino in una pregiatissima vigna, et un oliveto che produce ogli perfettissimi. Commoda stanza per vascelli, che voran dimorarvi con sicurtà; fertile alla pescaggione, con un seno di mare piacevolissimo, che sembra un fonte, che con la vista rallegra, con l’odore diletta e con l’arena purissima, e di poco fondo, invita a nuotare anco gli inesperti, ad entrarvi dentro e lavarsi. Più verso Napoli si ritrova un piacevole scoglio, chiamato Euplea da Sannazzaro, forse per che sta in contro ad un altro scoglio che fu detto Megari, come vi dirò, così imitando un seno di Grecia c’ha scogli di questo nome, l’uno incontro all’altro; o forse per che havea nel suo lido il Tempio di Venere Euplea, che presso al mare era honorata da’ greci, come racconta Pausania, chiamata con altro nome Venere Doritide, e già di questo tempio gran parte vi si conosce. Il volgo chiama il loco la Gaiola, vocabolo napolitano che significa una gabbia, quasi che in quel ridotto possano con molto diletto rinchiudersi i pesci, che si veggono andar guizzando per quell’acque tranquillissime, che fan dubitare se un mare o fonte. Va continuando il lido di Posilipo.1

Il brano che segue è a firma Gaetano D’Ancora, storico di prestigio che verso la fine del secolo XVIII elaborerà sia sul piano documentale che strettamente archeologico un numero considerevole di opere. Molte corredate da planimetrie e stampe sono considerate oggi un vero tesoro bibliografico, in quanto ci mostrano i luoghi e le fasi storiche dei luoghi che descrive e che sono profondamente diversi dai nostri tempi.

Lo scoglio di Copino, o Chioppino,  l’altro detto la Gaiola, e la grotta di Sejano, situata fecondo il Pontano, qua parte Pausilypus mons in mare protenditur, ci dimostrano le veftigia del diftacco del monte e de’ canali eseguiti a forza di ferro. Descrizione della Tav. numero 7 allegata al testo. Il tutto si distingue nella pianta. I massi; A A , porzione una volta del vicino monte, divisi col ferro per farvi i canali BB CC , i quali ammettevano le acque sempre recenti nelle piscine DD. Questi canali erano coperti da una volta formata dalla stessa pietra, come osservasi fopra quello CC; il Canale BB il più largo e profondo congiungeva il mare orientale di Napoli e coll’occidentale di Pozzuoli F, onde formava la strada sotterranea e navigabile. Si veggono i vestigj delle camere o ritiri GG per i pesci, se pure quelli in H non erano bagni, alveari o vivaj KK, fabbricati  0 scavati nel monte. Nella parte orientale E vi è un seno LL, difeso da’venti e dominato dal sole, con ripari M per custodirlo, e co’ vivaj N per introdurvisi i pesci ne’tempi freddi. E’ quivi da osservasi un pozzo T di 5 palmi di diametro, in cui venendo P acqua pel canale PP, sembra che servisse per buttare il cibo a’ pesci, quando vi si racchiudevano. Per contrario nella parte occidentale F si veggono, vaste grotte QQ, prolungate nelle viscere del monte, per difendere i medesimi da’caldi estivi. Finalmente la fabbrica della Scuola di Virgilio RR restava sotto la gran volta e per esser quasi al livello del mare sembra un bagno, come appresso diremo.2

icona gaiola5

I luoghi descritti nel testo di Gaetano Nobile ricordano il periodo di edizione del testo. Ci aggiungono elementi interessanti per un approfondimento semantico.

Si giunge a Marepiano (marochiano), che da il suo nome alla più piacevole e ridente parte di questa spiaggia; ed all’antico bagno della Gaiola, (forse Caveola, dalle molte grotte) detta del volgo Scuola di Virgilio. La sinuosità e le lingue del lido sono coverte di stupende ruine di antiche fabbriche, altre ricoverte dal mare, altre incavate nel monte. Nella regione alta la vegetazione e lussureggiante, mentre la spiaggia è ingombra di bassi fondi e di scogli. Qui basta scavare perché si trovino colonne infrante, piedistalli, bassi rilievi, statue mutilate. E vuolsi ricordare che ne’ dintorni della chiesa di S.Maria del Faro cavando, si rinvenne il busto dell’ultimo de’ figli di Pollione, Asinius Gallus Saloninus, di cui Virgilio volle celebrare la nascita con la famosa egloga IV. Ad eccezione di questo busto che si conserva nel real Museo, tutte le altre antichità sono state 0 disperse o alienate.3

__________________________________

Bibliografia

  1. Da Dialogi di Giulio Cesare Capaccio, accademico otioso In Napoli, per Domenico Roncagliolo, M.DC.XXXIV, con licenza de’ superiori.
  2. Da Guida ragionata per le antichita e per le curiosita naturali di Pozzuoli. Di Gaetano d’ Ancora, Napoli 1792 pagina 10 e successive
  3. Descrizione della citta di Napoli e delle sue vicinanze. Di Gaetano Nobile. Napoli 1863, volume III pagna 16

L’isola della Gaiola

icona gaiola3

https://www.facebook.com/Marcello.foto1973/photos/a.1075767759205733.1073743178.505311336251381/1075768535872322/?type=3&theater

La baia dei Trentaremi

icona gaiola2

https://www.facebook.com/Marcello.foto1973/photos/a.1075769715872204.1073743179.505311336251381/1075769942538848/?type=3&theater

La Grotta di Seiano

icona gaiola1

https://www.facebook.com/Marcello.foto1973/photos/a.1075772792538563.1073743180.505311336251381/1075772845871891/?type=3&theater

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, I monumenti, Storia