17 Ott

0 Comments

Masseria Casa Bianca: rifugio escursionistico e antica porta di Boscotrecase di accesso al Vesuvio

by

Masseria Casa Bianca: rifugio escursionistico e antica porta di Boscotrecase di accesso al Vesuvio

Di

Vincenzo Marasco e Ettore Di Caterina

La storia dell’osteria e rifugio di Masseria Casa Cesaro, passata alla storia come Casa Bianca, così come venne indicato fin dalla sua costruzione quel caseggiato rurale colorato di bianco a calce viva abbarbicato sulle lave vesuviane del versante di Boscotrecase, è strettamente legata a quel concitato periodo storico durante il quale il Vesuvio, nella sua veste di grande attrattore naturalistico, divenne di fatto una meta turistica di massa. Alla fine dell’800, a differenza del versante di Ercolano, lì dove la salita verso il cratere ormai era diventata più agevole in seguito alla realizzazione della funicolare Cook & Son (1880), il versante di Boscotrecase manteneva ancora intatti quei caratteri agresti e genuini tanto ricercati dai numerosi viaggiatori letterati giunti a Napoli, la famosa città del Grand Tour, che speravano soprattutto di poter raggiungere la grande voragine sommitale del Vesuvio godendo di quei bei ed immutati scorci vulcanici senza altre distrazioni, se non quelle causate dai cupi brontolii del vulcano che di tanto in tanto dovevano rompere il silenzio dei ginestreti e i momenti di riflessione di chi stava affrontando quell’intrepida ascesa. All’uopo la costruzione di Masseria Casa Bianca e la sua successiva apertura a supporto di questi avventurosi viaggiatori, rappresentò un utile rifugio e un perfetto punto di ripartenza per chi sceglieva di
inerpicarsi sul Vesuvio dal versante boschese. L’idea di realizzare una “casa” vesuviana come luogo sicuro dove poter riparare gli escursionisti che affrontavano la salita di Boscotrecase, venne a Giovanni Cesaro qualche anno prima del 1895. Il progetto fu quello di ampliare un piccolo rudere munito di cisterna preesistente in un fondo di sua proprietà, situato a circa 450 metri di quota, da cui ricavò un modesto caseggiato dislocato su tre corpi di fabbrica costituiti da 3 livelli – pian terreno con accoglienza, cucina e cellaio, primo piano con soggiorno, camere e loggiati con affaccio verso la costa, e un terzo ordine con due distinte mansarde -, che si interponeva a metà strada tra il paese, che distava appena mezz’ora di cammino, e l’ingresso della nuova Strada Fiorenza – Matrone, mulattiera la cui costruzione terminò proprio in quegli anni, situato circa 800 metri di quota lì dove il Gran Cono si erge dall’antica caldera che diede vita al complesso vulcanico. Fu così che la nuova Masseria “Casa Bianca”, dall’aspetto prettamente rurale, che rispecchiava a pieno le caratteristiche architettoniche dei famosi caseggiati vesuviani a corpi cubici con le loro classiche  carose e con gli scaloni basaltici in bella vista, per decenni divenne meta di escursionisti che ricercavano nella natura di quei luoghi un momento di conoscenza e di stupore.

Marasco Vincenzo e Ettore Di Caterina – Casa Bianca, Porta di Boscotrecase per accedere al Vesuvio – Vesuvioweb 2020

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Storia e ricerca

17 Ott

2 Comments

La Toponomastica di Guardia Sanframondi – Oronimi e Coronimi

by

La Toponomastica di Guardia Sanframondi – Oronimi e Coronimi

Di

Silvio Falato

Karvarùse: s. m. “Calvaruso”; monte di Cusano Mutri, ben visibile da Guardia sul
lato nord-ovest. Si ricordi il proverbio:”Qwànde vìte nìwere ‘nkòppe Kalvarùse,
fuitènne skàuz’e skarùse”: “Quando vedi nero (molto nuvoloso) sopra (la cima del)
Calvaruso scappatene (anche se stai)scalzo e senza copricapo”. (Vedi il mio
“Proverbi per un Anno”). Il termine è costruito su “Calvario” col significato di
“Montagna faticosa e dolorosa a salirsi”. L’etimologia di “Calvario” è quella di
“cranio”, dal latino “calvaria”, costruito su “calva” = teschio, per l’aspetto del
monte, simile a una testa calva;
Kòlle Pezzénte: s. m. + agg. “Colle Pezzente”; nome attribuito sicuramente a causa
della scarsa fertilità del terreno. Latino “colli-is” e “petientem”, participio di
“petire” per il classico “petere” = chiedere per ottenere; voce intermedia è
l’aggettivo italiano antico “peziente” = mendicante;
Kupùne: s. m. “Cuponi”; monticello e località adiacente, situati sul versante
Guardia-Cerreto. Italiano “Cupone” = valle profonda e poco assolata; è accrescitivo
di “cupus-a-um” = oscuro, da cui ”kùpa” = vicolo (perché non illuminato dal sole).
Nota in “Kupùne” la presenza della “i” finale, diventata”ǝ” (scevà), desinenza del
genitivo locativo, propria dei nomi di luogo;

Silvio Falato – La toponomastica di Guardia Sanframondi – 02 – Oronimi e Coronimi – vesuvioweb 2020

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Guardia Saframondi, guardia sanframondi

17 Ott

2 Comments

L’assisa del pesce a Napoli nel 1467. Le gabelle non finiscono mai.

by

Le gabelle non finiscono mai ed a Napoli sono tantissime nel secolo XVII

L’assisa del pesce a Napoli nel 1467

Di

Aniello Langella

Risalgono ad epoca immemorabile le imposte sulla vendita della merce commestibile e sui beni di largo consumo, compresa la legna da ardere ad uso domestico. Le famose tasse, o se volete indicarle come proclama il manifesto di questo lavoro, le ASSISE, sono l’espressione reale di un sistema basato sulla sottomissione del popolo. La macchina “statale” dei tempi andati e nello specifico di quel lontano secolo XVII, si basava sull’attenta analisi di quelli che potevano essere i settori commerciali maggiori sui quali poter far leva, al fine di rimpolpare i forzieri dei regnanti. Feste e balli di corte, banchetti luculliani e grandi parate, abiti lussuosi ed addobbi da mille e una notte erano esigenze quotidiane alle quali la corte non poteva assolutamente sottrarsi. Da queste esigenze primarie di coloro che si sono avvicendati nel reggere l’allora regno e governo della città, nascono le ASSISE, ossia le tasse. E queste vessavano primariamente il popolo sempre più affamato e stretto nella morsa dell’indigenza, della povertà. Intorno alla metà del secolo XVII, si stavano gettando proprio quelle basi, che sarebbero presto sfociate nella rivolta di Masaniello. Questo breve contributo non vuole esaminare gli aspetti politici e gestionali di quell’assisa del 16471, ma vuole solo indicare la tipologia del documento che con metodo e particolare attenzione va a sancire ed imporre una tassa su beni edibili necessari alla sopravvivenza della popolazione stessa. Andremo ad esaminare il tipo di prodotto pescato e nell’assisa successiva, vedremo anche parte dei prodotti della terra, sottoposti alla medesima regola gabellare. Le stesse gabelle, intorno alla prima metà del secolo XVIII, vennero poste in seria discussione, in quanto considerate troppo onerose per i lavoratori dell’ambito del mare e dell’agricoltura.

Assisa del pesce del 1467.

Aniello Langella – Le gabelle non finiscono mai e nella Napoli del secolo XVII, sono davvero tantissime – vesuvioweb 2020.pub

17 Ott

0 Comments

Napoli – Cartografia di Gabriel Bodenehr del 1710

by

Gabriel Bodenehr

Europae ornamentum et firmamentum ducentis aerescripturis exhibitum

Europens pracht und macht 200 kupfer stücken

Material cartográfico impreso

1710

 

 

Gabriel Bodenehr – Europae ornamentum et firmamentum ducentis aerescripturis exhibitum – Europens pracht und macht 200 kupfer stücken – Material cartográfico impreso – 1710

 

Materiale della

http://bdh-rd.bne.es/viewer.vm?id=0000001406

La cartografia della città di Napoli Gabriel Bodeneher, del 1710 è contenuta in corposo volume di numerosi altri rilievi cartografici e questo che pubblichiamo è un documento che (in basso a destra) porta la firma dell’autore e dell’incisore della lastra di rame.

Il rilievo della città, ricalca altre cartografie e documenti precedenti, in un contesto scenografico ampio che parte dai Campi Flegrei e termina ad est al Ponte della Maddalena. I dettagli sono importantissimi. Sono questi che fanno in realtà la differenza, rispetto ad altri documenti precedenti. Una Napoli visitata con dovizia di particolari, a volo d’uccello. Un corredo didascalico di prim’ordine, in italiano, che può guidare anche il più sprovveduto in un viaggio storico senza pari. Partendo da ponente, la Solfatara in attività, a simboleggiare la tormentata area dei Campi Flegrei. Segue l’isola di Nisida, Capo Miseno, gli Astroni, per iniziare la passeggiata a mare da Posillipo. La stampa si compone in un disegno a prospettiva quasi piramidale, dove in alto svettano le insegne di Castel Sant’Elmo ed in basso quasi in maniera lineare vengono disegnati e descritti i margini della costa. Al centro lo sviluppo tridimensionale del centro storico e di parte delle periferie. Chiaia con il monastero di San Leonardo D’Orio. Il Castel dell’Ovo, L’Arsenale e la Darsena con le torri del Maschio Angioino e la Torre San Vincenzo. Il Grande Molo con l’Immacolatella e la Lanterna, cui segue il Mandracchio e la Marinella nei pressi del Forte del Carmine. Infine sulla destra la Cavallerizza ed il Ponte della Maddalena. Di rilievo nella parte centrale, il Palazzo Reale con lo slargo che accoglieva il Gigante di Palazzo, la piazza con il monastero di Santa chiara ed il Gesù Nuovo con il suo campanile medievale. Si distinguono i decumani e la centuriazione verticale che scende verso il mare. Di rilievo il complesso di Trinità delle Monache, quello di San Giovanni a Carbonara, di San Domenico Maggiore ed il Mercato del Carmine con l’annesso convento, la Porta Ventosa.

Un documento di impareggiabile importanza. Dobbiamo attendere il 1776 con il Di Noja per ammirare la bellezza del rilievo più dettagliato ed il migliore in senso tecnico.

 

17 Ott

0 Comments

Storie dal porto di Napoli nel 1649

by

Vistas del puerto de Nápoles con esclavos

Autori delle incisioni: Schaep, M (fl.1648) e Cornelis de Wael, (1592-1667)

Napoli 1649

A cura di

Aniello Langella

Le stampe del Porto di Napoli, ci vogliono raccontare una breve storia della città. Questa zona della città durante il secolo XVII dovette vivere di traffici marittimi importanti. In piena attività l’Arsenale e la Darsena appena scavata ed in fase di restauri continui. La Torre San Vincenzo e la Lanterna del Gran Molo, i simboli della città ed assieme veri fari per indirizzare e guidare il traffico delle imbarcazioni. Ovunque su respirava il fermento di una città regale aperta al Mediterraneo e ai suoi commerci. Spesso mi sono interessato della marineria portuale e durante il lavoro di ricerca relativo alla Darsena, ho incontrato ogni sorta di gente. Dallo schiavo assoldato per lavorare tra l’Arsenale e la Darsena al Luogotenente che dirigeva le grandi manovre di ingaggio navale, militare e commerciale. Qui e proprio in questo spazio conteso tra le mura del Maschio Angioino, il Gran Molo e l’Arsenale, si concentravano anche gli interessi economici della città, attentissima alla riscossione delle gabelle e dei dazi.

Le stampe che ho reperito su BIBLIOTECA DIGITAL HISPÁNICA, ci vogliono mostrare un piccolo spaccato della vita di quei tempi e ci confermano in parte la storia di questo luogo dai mille volti

Ci troviamo in un punto indecifrabile del Porto, forse nei pressi della Torre San Vincenzo, dove 8 personaggi, tutti schiavi, sono intenti a macellare e cucinare un agnello. Uno di essi sta curando la pelle dell’animale per prepararla alla concia. Veloce nel tratto l’autore del disegno e dell’incisione, ci mostra uno spaccato di quella che era la quotidianità. La preparazione di un pasto per tutti.

http://bdh-rd.bne.es/viewer.vm?id=0000186820

Due soldati, probabili marinai a terra, con tanto di spadino e spada sguainata e brandita, guidano le operazioni di sistemazione di una grande vela a terra, sollevata da 8 schiavi. L’uomo sulla destra, come anche del resto quello di spalle sono stati disegnati nelle sembianze di Masaniello. Sullo sfondo una galea nel Porto. Alcuni schiavi hanno l’anello di ferro alla caviglia, ed il gancio con il quale venivano legati la notte nel dormitorio, ad un’unica catena.

http://bdh-rd.bne.es/viewer.vm?id=0000186820

Ci troviamo probabilmente sul Gran Molo, nei pressi della fontana monumentale dei Quattro Fiumi, accanto alla Lanterna. In primo piano 6 schiavi intenti a fumare oppio. Hanno l’anello di ferro alla caviglia e sembrano assorti nel rituale e nel riposo dopo le fatiche, sotto l’occhio vigile di due mercanti “orientali” con turbante e barba lunga. Di fronte ai due un soldato della marineria napoletana. Sullo sfondo, forse, la Torre San Vincenzo.

 

http://bdh-rd.bne.es/viewer.vm?id=0000186820

Ci troviamo molto probabilmente sul Gran Molo. In primo piano ed al centro la scena mostra un “dialogo” tra i soldati della Marineria. Tre personaggi, uno dei quali di grado più elevato, posano nell’atto di controllare il lavoro svolto dagli schiavi, intenti alcuni a caricare una nave in porto, altri al riposo dopo le fatiche. In basso a sinistra una botte, un’ancora a quattro bracci e palle di cannone.

 

http://bdh-rd.bne.es/viewer.vm?id=0000186820

“Siamo pronti a partire”. Schiavi in banchina e sulla galea, intenti alle ultime manovre. Il lavoro degli schiavi è controllato da un soldato armato della marineria napoletana. Il gesto è quello di indicare le corrette azioni da compiere. Lo sguardo è quello di chi comanda e quest’immagine mi riporta alla mente, un’altra stampa del 1664, dove ritrovo un Masaniello, nella medesima posa e nel medesimo atteggiamento di comando e di ordine. Una banale affinità stilistica? Un banale paragone?

http://bdh-rd.bne.es/viewer.vm?id=0000186820

 

Ho voluto riportare la stampa con l’immagine di Masaniello del 1664, tratta da “An exact history of the late revolutions in Naples: and of their monstrous successes, not to be parallel’d by any antient or modern history” di Alessandro Giraffi, James Howell, 1594?-1666; Jhon Adams, 1735-1826. John Adams Library, 1664

Ritratto si Masaniello 1664. Immagine in stampa policroma, tratta da https://archive.org/details/exacthistoryofla00gira

 

 

02 Ott

2 Comments

L’eruzione del Vesuvio del 1694

by

… si costruirono barriere di terra e si innalzarono muri, per arginare l’avanzata del flusso lavico; si scavarono nuovi fossi e valli per incanalare il magma incandescente…mentre la stampa del Vesuvio veniva firmata da una donna: Teresa del Po’…

L’eruzione del Vesuvio del 1694

Di

Aniello Langella

 

Schiavi reclutati dalla Darsena e dall’Arsenale di Napoli, vengono reclutati da Giuseppe Bartolino regio Comessario di campagna, per erigere muri e muraglie per arginare l’avanzata della lava. Opere gigantesche, alle quali lavoravano anche i contadini del luogo sul versante del Vesuvio dalla parte di San Giorgio a Cremano e Torre del Greco. Tutto per volere dell’Arcivescovo Cantelmo che sollecitò l’opera presso la corte vicereale e grazie all’intervento dell’ Eccell. Signor Conte di Santostefano, Vicerè del Regno.

Ivi molti paesi littorani furono sommersi dall’innalzamento delle acque. 1694. 1 Marzo, 9 ore sera; prima scossa, leggiera in Napoli avanti l’eruzione del Vesuvio. – 4, Aprile, scosse del Vesuvio in eruzione che si fecero sentire anche in Napoli. – 8. Settembre, 9 ore 314 mattina ; violentissimo tremuoto in Napoli e nel regno. In Napoli durò un credo, e fece gran danno agli edifizi massime ai pubblici. Furono grave. mente offese Sorrento, Vico, Castellammare, Ottaiano, Nola, Santa Maria, Aversa, Capua, ove un monte vicino si franò- Il flagello percosse pure il resto di Terra di Lavoro, Basilicata e Calabria. A Tricarico (Basilicata) ed a Saraceno (Calabria) riprese per ben 3 volte

Da

Atti del Real Istituto d’incoraggiamento alle scienze naturali di Napoli. Dalla tip. di Angelo Trani, 1861. Pagina 350.

 

Aniello Langella – L’eruzione del Vesuvio del 1694 – vesuvioweb 2020.pub

Dal 6 aprile al 2 maggio del 1694

Eruzione mista – S. Giorgio a Cremano, Torre del Greco, Boscotrecase. Attività effusiva con colate a nordovest e sud. A Napoli caddero ceneri. Le lave ebbero origine da fratture alla base del cono che si stava ricostruendo. L’eruzione fu accompagnata da scosse sismiche che vennero avvertite anche a Napoli

 

L’immagine è di

https://www.e-rara.ch/zut/content/zoom/7274868

Ringraziamo il portale elvetico che mette a disposizione, materiale di grande valore storico

 

Un’incisione al femminile. L’autore di questa splendida veduta del Vesuvio da sud, è una donna, che firma l’opera (in basso a destra). Si tratta di una straordinaria stampa eseguita su lastra di rame a firma Teresa del Po’. Sorella di Giacomo del Po’. Così scrive di lei Pietro Napoli Signorelli in “Vicende della coltura nelle due Sicilie”, Volume 5, presso Vincenzo Flauto, 1786, a pagina 421: “… di lui sorella studiò la pittura col padre e col fratello, e riusci talmente nel disegno che fu ascritta nell’Accademia di S. Luca in Roma. Si distinse soprattutto nel dipignere a pastelli ed in miniatura , e nell’intagliare ad acqua forte e col bolino molte opere del fratello e di altri”. Coerente al reale, ritrae un Vesuvio talmente stravolto nelle sue geometrie dopo il 1631, che ci appare quasi irriconoscibile. L’opera è minuziosa, precisa in ciascun dettaglio. Bellissimi i dettagli paesaggistici della costa. Lascio al lettore il piacere di leggere la didascalia in basso, che accompagna la stampa. Una sorpresa storica celata, meritevole di approfondimento. In basso a sinistra un’altra firma prestigiosa.

 

Per approfondire il tema

 

https://books.google.it/books?id=XKlkAAAAcAAJ&printsec=frontcover&dq=vesuvio+1694&hl=it&sa=X&ved=2ahUKEwiXtpLbj5PsAhXEsKQKHTYXCQ4Q6AEwBnoECAcQAg#v=onepage&q=vesuvio%201694&f=false

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, L'eruzione del Vesuvio del 1694

02 Ott

3 Comments

La Toponomastica di Guardia Sanframondi – Idronomi e limnomini

by

La Toponomastica di Guardia Sanframondi – Idronomi e limnomini

Di

Silvio Falato

 

Sono stato spinto a riprendere l’antico argomento della Toponomastica dal grande interesse e dallo spirito di curiosità che quotidianamente ho rilevato sulla pagina di Facebook,“La Parlata Guardiese”, da parte di tanti conterranei, giovani e meno giovani, vicini e lontani. Spesso ci siamo soffermati su nomi di strade e di contrade e abbiamo fatto scoperte che hanno dato grandi soddisfazioni. Va ricordato, però, che il problema fu da me affrontato per la prima volta già negli anni ’70: In alcuni articoli de “Il Tratturo”, indimenticabile periodico della Proloco di Guardia Sanframondi (BN), dovendosi allora aggiornare l’Onomastica Stradale del nostro Comune, tentai di sensibilizzare amministratori e opinione pubblica sull’importanza che riveste il toponimo nel lavoro di ricostruzione storica di un determinato luogo. All’uopo cercai di convincere gli addetti ai lavori, non solo a non eliminare dalle tabelle viarie nomi che ricordavano il nostro passato, ma anche a introdurre ufficialmente quelli che, fortunatamente, erano stati tramandati oralmente e che, a causa della globalizzazione linguistica e culturale che allora si andava affacciando, rischiavano di essere irrimediabilmente spazzati via e di finire nel dimenticatoio.

Silvio Falato – La toponomastica di Guardia Sanframondi – 01 – Idronomi e limnomini – vesuvioweb 2020

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, guardia sanframondi

02 Ott

1 Comment

Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano – N – da naca a nzuzzuto

by

Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano – N – da naca a nzuzzuto

Di

Salvatore Argenziano

Un esempio tra i tantissimi che Salvatore Argenziano ci regala nelle sue dotte ed allo stesso tempo simpaticissime ricerche. Nante: avv. Nnante. Nanze. Annanze. Avanti. Davanti: ’a nanze. Luvammo ’e pprete ’a nanze ê cecati. ***Poesia Popolare. Fruste ccà, Margaritella, / ca si’ troppo scannalosa, / che per ogni poca cosa / vutte nnanze la gonnella. / Fruste ccà, Margaritella.
***Poesia Popolare. V-otta, carrese, e bottame ’stu carro, / Passa chiù ’nnante, e nc’ è ’na ’ncarratura. ***GB. Della Porta. No se rascione chiú delle cose passate; perché ognuno vuole scusare le sue rascioni e accrescer quelle del compagno, e cosí l’ingiurie si vengono a rinfrescare: da mone nnante non se ne parle chiú. ***Basile. Ma, – ’nnanze che lo Sole scesse comme a protamiedeco a fare la  visita de li shiure che stanno malate e languede – se sosette lo recapeto e sbignaie, ***Cortese Ma la vammana disse: “Mo’, compare / la mecco ’nterra e po’ tu pigliatella / ma lasammella nnanze covernare / ca piglia friddo po’ la pacioncella”. ***Velardiniello. Ciento anni arreto che era viva vava, / nanti che fosse Bartomeo Coglione, / stato m’è ditto che l’uciello arava / e si sguazzava a lo Chiatamone. ***Basile. Tanto che lo povero patre, pe tentare l’utema prova, non sapenno autro che fare dette ordene che se facesse na gran fontana d’ueglio ’nante la porta de lo
palazzo, ***Cortese Tu dice chesso mo’ ca non staie sana / e lo dolore te leva de siesto; / ma nnante de pescruozzo te nne piente / e farraie commo n’autra. Ora mo’ siente. ***Sgruttendio. E ghiette ’nnante a Cecca a passïare, / Co facce rossa, a mmuodo de presutto, / Da fa’ na Dea Megera ’nnammorare. ***N. Capasso. Si te n’affienne, e pare stravagante, / che sto màfaro parla da dereto, / viene dereto ca te parla ’nnante. ***F. Cerlone. So muorto nsaluta mia! tengo na vipera a lo core, no ruospo dint’a lo naso, le gamme a trapenatora, no scartiello nnante, e n’ auto arreto, so muorto
bene mio! so muorto l ***Poesia Popolare. Bello canta’ che fa la calantrella / Un’ora ’nnante juorno, la matina! / Bello magna’ che fa la pecorella / Che trova l’erva fresca e non cammina!

Salvatore Argenziano – Lessico e Letteratura Napoletana – N – Da naca a nzuzzuto – vesuivoweb 2020

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Lessico e Letteratura Napoletana

02 Ott

0 Comments

Napoli ai tempi del Duca Di Noja

by

Napoli ai tempi del Duca Di Noja 

Presentiamo in questa sezione del nostro portale un frammento dello straordinario rilievo cartografico voluto e sostenuto da Giovanni Carafa Duca di Noja e che meglio conosciuto come Carta del Di Noja. Un vero capolavoro della cartografia internazionale, suddiviso in 35 fogli, descrive la città di Napoli ed il territorio circostante dagli Astroni alla Punta della Scala a Torre del Greco. 1

Da Treccani rileviamo un testo dedicato al personaggio pubblico Di Noja e nello specifico pubblichiamo grazie allo straordinario portale di cultura internazionale https://www.e-rara.ch/ un primo foglio di quel capolavoro cartografico dedicato alla Terra Vesuviana, che arricchisce ogni volta lo si consulti.

 

Carafa, Giovanni

Nacque a Noicattaro nel 1715. Poco dopo la nascita fu portato nel feudo di Noja, ove studiò grammatica e letteratura con un precettore. Nonostante avesse rivelato qualità discrete anche in tale campo, scrivendo versi italiani di una certa eleganza, diresse i suoi interessi verso le materie scientifiche, soprattutto la matematica, cosicché già poco dopo i vent’anni poteva impartire privatamente lezioni di questa materia a livello universitario. Verso il 1738 fu nominato lettore d’ottica e matematica nell’università di Napoli; l’Origlia presenta questo incarico come onorifico, e non concretamente esercitato, mentre altri ritengono che l’insegnamento sia stato effettivamente prestato. Dopo alcuni anni, comunque, i suoi interessi culturali si orientarono verso le scienze naturali, in specie la geologia e la mineralogia, tanto che egli cominciò a creare nella sua casa napoletana una ricca raccolta di esemplari di rocce e piante, anche subacquee. Nell’operosità scientifica di tale periodo attorno al 1743 si inserì una parentesi politico-militare. Infatti, avendo Carlo di Borbone ordinato che i maggiori nobili di ogni distretto del Regno di Napoli istituissero ed equipaggiassero reggimenti a loro spese, il C. costituì il reggimento Terra di Bari, che comandò col grado di colonnello e col quale partecipò alla cosiddetta guerra di Velletri tra Austriaci e Ispano-napoletani (giugno-settembre 1744). Successivamente, e forse in conseguenza dei servigi prestati in quella occasione, il C. fu ammesso a corte, inserito nel gruppo dei nuovi gentiluomini di camera dal re per la nascita del figlio Filippo (1747). Riprese poi l’attività erudita, e dette inizio a una seconda raccolta, questa volta di pezzi archeologici e numismatici riguardanti l’Italia meridionale. Il “museo” del C. giunse infine a comprendere una pinacoteca, una nutrita serie di epigrafi greche e romane ed un’altra di stampe e disegni, e soprattutto un importante medagliere e bensì fornita collezione di monete del Regno di Napoli di varie epoche. Basandosi su quest’ultima, tra l’altro, il C. determinò in venticinque il numero delle città del Regno che avevano avuto il privilegio di battere moneta. La compresenza dell’interesse naturalistico e di quello storico-artistico è il tratto emergente della sua personalità culturale, ed è in essa che va vista la matrice di un progetto che egli maturerà per diversi anni, prima di poterne avviare la realizzazione: l’idea di una dettagliata carta topografica della città di Napoli e dei dintorni, che già nell’anno 1750 manifestò in una lettera ad un amico, il Fraggianni. La Lettera… contenente alcune considerazioni sull’utilità e gloria che si trarrebbe da una esatta carta topografica della città di Napoli e del suo contado (Napoli 1750; 2 ed., ibid. 1770) riveste una notevole importanza storica perché il C., nell’analisi dei motivi che a suo avviso rendono necessaria la realizzazione della carta, giunge ad esprimere un globale giudizio critico sul carattere del tessuto urbanistico napoletano e sulla complessa trama dei fattori storici, politici ed economici di cui esso era il risultato. Il C. non è mosso quindi da un puro intento descrittivo, anzi insiste sullo stretto legame tra l’urbanistica della Napoli popolare, esaminata sin nei dettagli, e il basso livello igienico, economico e civile nella vita della città. Nelle intenzioni del C. dunque la carta doveva servire come premessa a un inventario dei dissesti della città a fini di intervento, e in questo egli si mostra allievo del riformismo illuministico. Ciò traspare anche dal tipo di realizzazioni urbanistiche nuove da lui suggerite (musei, ospedali, strade, alberghi, fognature, osservatori); piuttosto si può osservare che dell’impostazione illuministica egli condivide anche i limiti, in quanto attribuisce le prerogative d’intervento al solo governo regio e al ceto nobiliare che era la sua base sociale, e in quanto prevede che la carta da lui proposta, nella misura in cui i mali sociali non saranno sanati, servirà da strumento per un organico controllo della città a fini di polizia. Di questa politica “scientifica” dell’ordine pubblico il C. è, a giudizio di F. Venturi, uno dei primi teorici nel Settecento italiano. Poco tempo dopo la stesura della Lettera il C. sottopose il progetto a re, Carlo, che aveva mostrato di stimarlo affidandogli il compito di rilevare i piani costruttivi di tutte le principali fortezze del Regno e di farne dei plastici. Il finanziamento, richiesto al Senato napoletano ed al Tribunale di S. Lorenzo. fu concesso nella misura di 52 ducati al mese. Tuttavia gli inizi dell’opera furono difficoltosi, sia per le spese, rivelatesi assai superiori al previsto, sia perché nel decennio 1750-60 il C. viaggiò a lungo in Italia e all’estero, visitando Francia, Olanda e Inghilterra. In questi paesi egli ebbe contatti coi circoli intellettuali, e tra gli altri poté conoscere Metastasio, Maffei, Buffon e Voltaire; fu poi ammesso come socio corrispondente nelle società scientifiche di Pietroburgo, Londra e Parigi. In questa ultima città compì osservazioni sulle proprietà elettriche delle tormaline, e al suo ritorno in Italia nel settembre 1759 ripeté gli esperimenti in una seduta della Società Colombaria di Firenze. Si può quindi dire che la fase realmente operativa nell’allestimento della carta iniziasse dal 1760; per la parte geometrica il C. s’avvalse dell’aiuto di un tecnico, il Vanti, mentre le incisioni furono eseguite dai professori Campana, Aloia e Lamarra. Nonostante le ripetute sollecitazioni degli organi finanziatori, il C. non aveva ancora completato la carta, quando lo colse la morte l’8 luglio 1768. Il Senato affidò allora il completamento del lavoro al principe Giovanni Pignatelli, che per la parte tecnica si valse dell’aiuto di Niccolò Carletti, docente di architettura e matematica all’università. Quanto al finanziamento, poiché l’opera aveva richiesto più tempo del previsto, ci fu un accordo tra il ministro Tanucci e il figlio del C., Pompeo, con il quale lo Stato incamerò a titolo di risarcimento la raccolta antiquaria della famiglia, inserendola in quella regia di Capodimonte. Finalmente la carta fu ultimata e stampata nel 1775. Essa consta di 35 grandi fogli, che coprono la zona compresa tra Capodimonte, Bagnoli, Nisida e Portici. Più che topografica può definirsi iconografica, perché il processo di simbolizzazione dei dati vi è appena avviato e gli edifici, ad esempio, sono resi nel loro aspetto reale. La scala (1:3.808) consente un’accurata resa dei particolari, e ciò rende la carta utilissima come documento storico. Dal punto di vista della storia della cartografia l’importanza dell’opera è notevole, poiché è l’unica dotata di solidi requisiti scientifici realizzata nel Regno di Napoli prima dell’Ottocento. Nel 1777 ne fu stampata un’altra edizione su scala minore (1:20.040).

 

Il portale e-rara è la dimostrazione reale e tangibile di quanto la Cultura possa fare la differenza in ogni ambito. La conoscenza, quando è genuina, onesta ed eticamente coerente a qualsiasi progetto di acquisizione intellettuale, conduce sempre a risultati esemplari nella vita. La Cultura della quale in molti parlano e disquisiscono senza conoscerne il vero senso, si esprime anche attraverso la libertà. In questo il portale e-rara dimostra, a mio avviso coerenza e dimostra allo stesso tempo quanto sia semplice parlare realmente di Cultura senza grandi apparati, senza tante fanfare, senza frivolezze e vuoti intellettuali Ebbi tra le mani dopo un percorso a dir poco rocambolesco, fatto di autorizzazioni, richieste scritte e servizio bibliotecario, un foglio della Carta Di Noja. Fu per me una gioia averla posseduta per tre giorni. Poi scoprii per caso questo che io definisco un vero miracolo della ricerca culturale in rete. Il portale al quale mi riferisco ti permetteva in tempi rapidissimi di consultare la stessa cartografia, con una definizione altissima. Grazie e-rara. Grazie per aver dimostrato che la cultura è fondamentale, per vivere meglio, per vivere in armonia con gli altri ed anche con noi stessi. 2

Fonti e Bibl.: G. Origlia, Istoria dello Studio di Napoli, II, Napoli 1754, p. 295; Novelle letter. di Firenze, XX (1759), coll. 657-63; XXIX (1768), coll. 554 ss.; E. De Tipaldo, Biogr. d. Ital. illustri, I, Venezia 1834, pp. 277 s.; C. Minieri Riccio, Mem. stor. degli scrittori nati nel Regno di Napoli, Napoli 1844, p. 84; A. Blessich, La pianta diNapoli del duca di Noja, in Napoli nobilissima, IV (1895), pp. 183-85; V (1896), p. 74; N. Del Pezzo, Siti reali: Capodimonte, ibid., XI (1902), pp. 172 s.; M. Schipa, Il Regno di Napoli al tempo di Carlo di Borbone, Napoli 1904, pp. 427, 460, 651, 757 s.; C. Iusti, Winckelmann…, III, Leipzig 1923, p. 424; F. Venturi, Settecento riformatore, Torino 1969, pp. 545-49; C. De Seta, Cartografia della città di Napoli, I, Napoli 1969, pp. 217-23; F. Venturi, Napoli capitale…, in Storia di Napoli, VIII, Napoli 1971, pp. 20-24; G. Alisio, Sviluppo urbano e struttura della città, ibid., pp. 334-38, 364 s.

1   Mappa topografica della città di Napoli e de’ suoi contorni. Di Giovanni Carafa duca di Noja; Niccolo Carletti … corresse, e scrisse; Gius. Aloja … Incise
Carafa, Giovanni [1715-1768]; Carletti, Niccolò [1723-1796]; Aloja, Giuseppe [18. Jht] . Stampata a Napoli nel 1775

2   Testo, impaginazione a cura di Aniello Langella

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Cartografia antica napoletana

02 Ott

0 Comments

La Rassegna d’Ischia – Febbraio-Marzo 2020

by

La Rassegna d’Ischia – Febbraio-Marzo 2020

A cura di

Raffaele Castagna

https://www.ischialarassegna.com/rassegna/Rassegna2020/rass01-20/rass01-20.pdf

 

5    Motivi
8     Omaggio a Mons. Pasquale Polito
10   Forio ha ricordato Vittorio Morgera
12   Per il recupero dell’ex Teleposto della Aeronautica Militare di Monte Vico si chiede un Centro di formazione ambienale
14   Il sentiero della collina di Monte Vico c’è il finanziamento?
15   Thalassa, meraviglie sommerse dal Mediterraneo: in mostra il Cratere del Naufragio di Lacco Ameno
22   L’Archivio d’Avalos racchiude secoli di storia
28   La lavorazione della paglia a Lacco Ameno. Tipi e figure
30   Roma – Musei Vaticani. In mostra il Sarcofago Bethesda di Ischia
33   Rassegna Libri.  Tempo Divino : i Sarcofagi – Novecento a Ischia – Guida storica di Casamicciola Terme – Volti di poesia – Intuitus… Pensieri in scritti – Nitrodi esoterica – Trattato spirituale sulle acque dell’isola – Guida per uno studio bio-bibliografico – Andrea e le fate – Una vita per il comunismo – R. Annecchino: discorsi e appunti
41   Ischia insula carta di Pietro Berzio
42   Panza (XII secolo) villaggio fortificato
45   Fonti archivistiche- Le Università dell’isola d’Ischia tra XVI e XVIII secolo (V)
54   Terremoti – La salita dei gas….
55   Ex Libris