10 Giu

0 Comments

Le sorgenti dell’Olivella

by

Di

Ciro Teodonno

Per partire alla scoperta di queste rare e mistiche acque, uniche in un territorio che, per la sua natura vulcanica le vede assorbite in gran  parte  dalla  falda  freatica,  ho  deciso  di  seguire  invece  un  altro cammino, più  inusuale ma a mio parere più interessante, utile per apprezzare la rusticità di un mondo che  tende   gradualmente   a   scomparire   sotto   il   peso   di   una   modernità   che   tutto   appiattisce. Si  partirà  dunque  dai  cosiddetti  “ Murille  ‘e  Trocchia”  ovvero  dalla  parte  terminale  di  via  Trinchera ( medico della corte borbonica a suo tempo proprietario di vasti appezzamenti in zona, vedasi l’antica toponomastica “Gala Trinchera presente sulle colonne d’entrata di alcune residenze private) che dal comune di Pollena Trocchia giunge ai confini della città del santuario. All’altezza di un piccolo giardinetto triangolare ( m 156 slm ) , approntato per un sacello a S. Pio da Pietrelcina, s’imbocca, sulla destra, l’omonima via, all’entrata della quale v’è un’utile fontana.

Ciro Teodonno – Le sorgenti dell’Olivella – vesuvioweb 2017.pub

 

10 Giu

0 Comments

Il pensiero storico di Giambattista Vico (1668 – 1744) oggi più che mai attuale

by

Di

Umberto Vitiello (Vadìm)

Acuto osservatore degli eventi della Storia, Vico anticipa le più moderne teorie critiche del rapporto tra società e cultura, tra  l’essere e il divenire degli avvenimenti che segnano il destino dell’uomo nei secoli
Pierluigi Casalino

La fulgidezza intellettuale di Giambattista Vico non fu capita che vagamente dai suoi contemporanei, ma fu apprezzata e continua a essere giudicata con sommo interesse ogni qualvolta la minaccia d’un ritorno alla barbarie da parte dei “bestioni
insensati” – come lui definisce coloro che si affidano esclusivamente agli stimoli dell’istinto ferino – invoglia ad approfondire la sua teoria dei corsi e ricorsi storici, il ciclo delle tre età in successione ripetitiva: la primitiva, la mediana e la democratica
della storia dell’umanità.

Umberto Vitiello – Il pensiero di Giambattista Vico – vesuvioweb 2017

10 Giu

0 Comments

11 – Legazione vocalica

by

Di

Salvatore Argenziano

Mutazione vocalica nella legazione: desinenza – e –
Nella legazione che interessa la vocale -a- non c’è mutazione della stessa, come risulta dall’esempio ’a mana morta.
Una mutazione vocalica si ha per la desinenza evanescente / -e / che cambia in / -i /: belle signore > belli ssignore. Chelle parole > chelli pparola.
Perché si abbia legazione vocalica occorre che le due parole siano intimamente connesse nella frase. Nell’esempio che segue “aggio visto belli ssignore” la legazione è tra belli + ssignore. Nella frase “aggio visto a cchelli bbelle signore”, la legazione è tra chelli + belle; pertanto chelle diventa chelli e belle resta invariata. Viene pure meno l’elemento che aveva determinato il R. C. iniziale di signore che agisce ora su bbelle.

11 – Legazione vocalica – Di Salvatore Argenziano – vesuvioweb 2017

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Grafia e Grammatica Napoletana

18 Mag

0 Comments

Lavione

by

Di

Francesco Raimondo

Nella commedia teatrale “Napoli milionaria” di Eduardo De Filippo come nel romanzo “La Pelle” di Curzio Malaparte ed ancora ne “La ciociara” di Alberto Moravia da cui l’adattamento a film di Vittorio De Sica e di Cesare Zavattini è ben rappresentata la condizione di moltissime donne nel periodo bellico 1943-45, da queste parti per prima, e poi per tutta l’Italia diventata nel frattempo, nonostante la Resistenza, terra di conquista. Qualcuno ha avanzato l’ipotesi che in alcune località si rasentasse la metà della popolazione femminile in età adeguata. A Torre del Greco truppe alleate, inglesi e americane, si insediarono nel mese di ottobre immediatamente nei luoghi occupati fino a qualche giorno prima da quelle tedesche che tenevano una posizione che dalle falde della “Muntagna” tracciava una linea difensiva a zig zag fatta di casematte con nidi di mitragliatrici e da postazioni di artiglieria antiaerea e anticarro. Fortunatamente non vi fu motivo di usarle e per molto tempo questi monumenti hanno fatto bella mostra di sé a ricordo di quel periodo.

Francesco Raimondo – Lavione – vesuvioweb 2017.pub

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Francesco Raimondo

18 Mag

2 Comments

10 – I Pronomi

by

Di

Salvatore Argenziano

Da

Grafia e Grammatica Napoletana

Pronomi Personali
I pronomi personali in funzione di soggetto sono: – Io – (oppure – I’ -) Tu – Isso/Essa. Nui/Nuie – Vui/Vuie – Loro/Esse. Le forme nui e vui sono quelle etimologiche che si ritrovano nella legazione fonetica. Le fome nuie e vuie, con l’enclitica -e- si adottano per motivi di fonetica, in assenza di legazione, rendendo bisillabo, – nù-ie -, il monosillabo. I’ me ne vaco quanno voglio io. Tu vavatténne quanno isso t’ ’o ddice. Essa pò rummané. Nui simmo venuti appriésso a vvuie. E vvui nu’ vvenite appriésso a nnuie. Lloro dòrmono ggià.

***Basile. nui volimmo dire a sta casa covernamette; ***Basile. vui sulo potite comme ova fresche farele na stoppata

10 – I pronomi, da Grafia e Grammatica Napoletana – Di Salvatore Argenziano – vesuvioweb – 2017

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Grafia e Grammatica Napoletana

18 Mag

1 Comment

A.D. 840, Contardo Duca di Napoli

by

Di

Aniello Langella

Contardo viene considerato e indicato dagli storiografi come il XXIV Duca di Napoli. Prima di lui Andrea vedeva Napoli sempre più minacciata e sempre più in balia delle angherie di Sicardo che allora dominava Benevento. Preso dalla disperazione osò anche pensare ad un accorso con i Saraceni ma ciò lo avrebbe messo in cattiva luce nei confronti della Chiesa napoletana. In questo stato d’animo conflittuale e tipico di un uomo preda dell’ansia ed anche della depressione che rivolse le proprie attenzioni al1’imperatore Lotario, chiedendogli in un documento (ahimè andato perso), un aiuto concreto per poter far fronte alle scorribande longobarde che da sempre minavano la stabilità del ducato partenopeo. Lotario, accolte le richieste del Duca Andrea, scelse tra i suoi, il più valoroso generale: Contardo, che presto inviò a Napoli per una duplice missione. Ristabilire l’ordine e posizionare nei ranghi militari un uomo franco che avesse potere decisionale su uno degli ambiti strategici della politica locale. Contardo era l’uomo giusto che la “provvidenza” piazzava al posto giusto.

icona contardo

Aniello Langella – Contardo Duca di Napoli – vesuvioweb 2016.pub

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, I monumenti, Personaggi a Napoli, Storia

18 Mag

0 Comments

Il rischio Vesuvio

by

“Il vulcanologo Giuseppe Mastrolorenzo, uno dei massimi studiosi del Vesuvio e della sua attività, ha lanciato l’allarme più di una volta: “Siamo su una bomba ad orologeria che non lascerà scampo”. Ma perché esattamente il Vesuvio e la possibilità di una sua prossima eruzione rappresenta un pericolo mortale per le popolazioni che vivono alle sue pendici? E’ solo un rischio legato a un evento naturale oppure noi abbiamo peggiorato le cose? E poi: da un lato c’è il Vesuvio, dall’altro ci sono i Campi Flegrei. La zona potenzialmente più vicina a un’eruzione è incredibilmente priva di un piano di emergenza e di evacuazione.
Ma cosa succederebbe a Napoli in caso di eruzione del Vesuvio? Quali sarebbero gli effetti su cose e persone? Dalla centrale operativa della Protezione civile, Crash mostra come sono organizzati emergenza e piano di evacuazione, mettendone in luce i punti di forza e le falle. Tra abusivismo diffuso, strade pericolose e vie sotto sequestro, evacuare i comuni della “zona rossa” sarebbe un’impresa in alcuni casi impossibile”.

http://www.raistoria.rai.it/articoli-programma/crash-rischio-vesuvio/23500/default.aspx