15 Dic

7 Comments

‘U PUPITULO ‘I SCIUSCELLA

by

‘U PUPITULO  ‘I  SCIUSCELLA

Di

Michele Langella

La nostra palazzina, un semplice parallelepipedo di 3 piani color crema costruito dal Comune su uno sperone di lava, era l’unica stabile in tutta la strada. Dai balconi delle camere da letto, pieni di sole, di piante e fiori – nostra madre aveva il pollice verde – oltre le grigie basse tettoie dei capannoni della falegnameria dei fratelli Palomba, si poteva vedere il mare e lo sguardo spaziava da Punta Campanella a Capo Miseno con Ischia, Capri e Procida all’orizzonte. Il mare era quasi sempre di un ovvio blu cobalto ma col cattivo tempo, assumeva quel minaccioso color lavagna che mi affascinava e allo stesso tempo mi angosciava ed io lo stavo a guardare per ore quasi ipnotizzato dal rincorrersi tumultuoso dei cavalloni dal colore plumbeo schizzato dal bianco della spuma. In confronto alla nostra strada, ancora grezza e approssimativa, Via Cesare Battisti, la potevi definire una bella via, con le sue leziose villette basse. Scendendo dal favoloso Miglio d’Oro sul quale si affacciavano ville sontuose – la Favorita, villa Olivo, villa Carmela ecc. –  con le spalle al vanvitelliano  palazzo Vallelonga, nella grande curva prima della Cassa Marittima, passavi accanto ad una robusta, monumentale cancellata verde che recintava un bellissimo parco dove pini maestosi, magnolie e palme secolari celavano quasi completamente alla vista villa Breglia, una delle antiche, nobili residenze, degne eredi di quelle che un paio di migliaia di anni fa ospitarono i più illustri esponenti della Roma imperiale.

 

Michele Langella – ‘U PUPITULO ‘I SCIUSCELLA – vesuvioweb 2019.pub

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Michele Langella, Storia e cultura

15 Dic

1 Comment

LU MIERU (Il vino)

by

LU MIERU (Il vino)

Di

Armando Polito

Partiamo da lontano, cioè dal mio riassunto del mito così come ci è stato tramandato nelle Dionisiache di Nonno di Palopoli (autore greco del V secolo d. C., che, però, si serve quasi certamente di una tradizione precedente): Ampelo (non a caso ἄµπελος è il nome greco della vite), bellissimo satiro amante di Dioniso, muore presso il fiume Pattolo a causa di un toro inferocito scagliatogli contro da Ate, la dea della morte. Giove ha pietà del dolore di Dioniso ed accorda una seconda vita ad Ampolo che rinasce nelle sembianze di una vigna, dalla cui vendemmia Dioniso ricava il primo vino della storia. Per il mondo greco classico ecco la tripletta Socrate>Platone>Aristotele in cui il simbolo >non ha solo il significato di “poi” ma anche “maestro di”. È più che noto che di Socrate non ci è rimasto nulla di scritto, ma che il suo pensiero lo possiamo ricavare dagli scritti del suo allievo Platone (V-IV secolo a. C.). E mi piace iniziare con un brano (406 c1) del Cratilo in cui Platone ci presenta un simpaticissimo Socrate che ironicamente si esibisce in una scherzosa etimologia del nome del dio greco del vino, Dioniso e del nome greco del vino stesso, mediante un gioco di parole: “ERMOGENE: -E che dire poi di Dionysos e di Aphrodite?-. SOCRATE: – Sono difficili le domande che mi poni, figlio di Ipponico. Infatti l’etimo dei nomi per questi due dèi può essere espresso seriamente e scherzosamente. L’etimo serio chiedilo a qualcun altro; ma nulla impedisce di trattare di quello scherzoso, perché anche gli dei sono spiritosi.

Armando Polito – Lu mieru – vesuvioweb 2019

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Lessico e Letteratura Napoletana

13 Dic

3 Comments

Rǝqwarǝsjéllǝ

by

Rǝqwarǝsjéllǝ

Di

Silvio Falato

Essendo il nostro “qwarǝsjéllǝ” tutto di un pezzo, senza porticine né aperture, quando si era completamente riempito o quando, per un fatto straordinario, si aveva impellente bisogno di denaro, per impossessarsi del prezioso contenuto, era necessario spaccarlo. Era un momento magico e lo si viveva con tanta partecipazione anche delle persone più care. Si assestava sulla parte superiore del “caroamico” un sonoro colpo di martello e, come d’incanto, si sprigionavano, rotolando fuori, monete di tutte le grandezze e le tante agognate banconote. Poi con calma e con l’aiuto del nonno o di altro familiare si provvedeva alla conta. Dal punto di vista linguistico, il nome italiano dell’oggetto è abbastanza chiaro: “salvadanaio” vale “che conserva il denaro”, salvandolo dal minaccioso
consumismo.

 

Silvio Falato – Rǝqwarǝsjéllǝ – vesuvioweb 2019

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Lessico e Letteratura Napoletana

13 Dic

3 Comments

Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano – Da da faccefrónte a futo

by

Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano – Da da faccefrónte a futo

Di

Salvatore Argenziano

falànga: naut. Pezzo di legno per il trasporto a scivolo delle barche. Rullo. etim. Dal Lat. “phalànga”, rullo, che è dal greco “fàlanx–fàlangos”, tronco cilindrico. *Basile. Lo quale, visto lo valore e lo ’nciegno de sto giovane, a le garge de la Fortuna, a despietto de la ’midia, a sfastio de li cortisciane le dette la figlia pe mogliere, essennole state li travierze de la ’midia falanghe da varare la varca de
la vita soia a lo maro de le grannezze e li nemmice suoie, restanno confuse e crepate, iero a cacare senza cannela, che / la pena de n’ommo tristo assaie / tricare pote, ma non manca maie. *S. A. La paranza percorre il corso / su falanghe di legno nzivate / fino alla Scarpetta per il varo / tra la curiosità festante / dai balconi e usci di botteghe *Basile. ’Asprinio aspro a lo gusto; / la Lagrema che face lagremare; / la Falanghina iusto ’na falanga / perché scorra la varca a la marina;

Salvatore Argenziano – Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano – F da Faccefronte a Futo – vesuvioweb 2019

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Lessico e Letteratura Napoletana

13 Dic

1 Comment

La chiesa di San Pietro a Calastro

by

La chiesa di San Pietro a Calastro a Torre del Greco

Di

Aniello Langella

Il testo storico al quale mi sono dedicato nel ricostruire le parti più salienti della vita della contrada Calastro a Torre del Greco e della chiesa di San Pietro, vuole essere un contributo alla conoscenza del luogo, attraverso la rilettura dei grandi testi della bibliografia vesuviana. La ricerca nelle pagine di storia risulta essere un criterio di indagine importante. Attraverso queste acquisizioni si possono ripercorrere i momenti salienti del tema, per poter contestualizzare il monumento ed i propri contenuti in un ambito territoriale attuale, completamente mutato nel corso dei secoli. Uno degli intenti primari della ricerca è stato quello di voler documentare la storia della grande tela dell’altare maggiore della chiesa di San Pietro a Calastro. Con questo lavoro di ricerca ho voluto adempiere ad un doppio compito. Il primo è quello di raccogliere in un corpus unitario le varie testimonianze bibliografiche, dandone adeguato rilievo attraverso la corretta esegesi del testo. Il secondo punto, in questo lavoro è dato dal personale desiderio di voler contribuire alla possibile eventuale ricerca del grande quadro ad olio dedicato a San Pietro, che venne trafugato dalla chiesa ed in tal modo offrire uno spunto di ricerca al Nucleo dei Carabinieri, impegnato da sempre nelle attività di recupero delle opere d’arte trafugate.

Aniello Langella – La chiesa di San Pietro a Calastro a Torre del Greco – vesuvioweb 2019.pub

 

15 Nov

0 Comments

Anduvina ’nduvinello – Una selezione di indovinelli napoletani

by

Una selezione di indovinelli napoletani

Anduvina ’nduvinello

Di

Luciano Galassi

’Mbuttunato ’e chiummo primmatuculéa, po’ cade… a ’o nemico che fuie… ponte d’oro. Imbottito di piombo prima vacilla, poi cade… al nemico che fugge… ponti d’oro. (Adattamento di un testo della compianta Anna Maria Cerillo, per molti anni benemerita divulgatrice di proverbi e modi di dire napoletani) Ci vuol far credere che il nemico, riempito di pallottole di piombo dalle nostre
armi, prima barcolla e poi cade al suolo… I suoi sodali, vista la disfatta, si danno a fuga precipitosa e noi li lasciamo andare, mèmori del saggio detto A nemico che fugge ponti d’oro. Ma le cose non stanno così e noi siamo in grado di individuare i quattro elementi-base, camuffati ma non del tutto mimetizzati, che ci consentono di centrare l’obiettivo: è ’o dente> il dente, in quanto: –  mbuttunato ’e chiummo: imbottito di piombo, e quindi otturato (o, meglio, con più preciso termine tecnico “riempito”) è il dente da restaurare per i danni provocati da processi cariogeni,  ipristinandone struttura, morfologia ed integrità; un tempo si usava appunto il piombo, oggi sostituito da résine (i c.d. compòsiti dentali); – primmatuculéa: di solito, prima di staccarsi (“cadere”), vacilla per la compromissione dei tessuti di sostegno, dovuta a varie cause (ma non nella prima infanzia, quando il ricambio è fisiologico); – po’ cade: poi arriva il momento della sua caduta, come messo in luce nella sintetica sequenza dell’indovinello; – ponte d’oro: c’è infine da sostituire il dente perduto e, per realizzare ciò, si adopera il ponte dentale, che è un restauro sostitutivo su base protèsica: al giorno d’oggi i ponti convenzionali sono in metallo-ceramica o interamente in ceramica mentre un tempo erano d’oro, da cui l’espressione ingannevole ponte d’oro inserita nell’indovinello. In lingua c’è un testo per bambini assolutamente telegrafico ma abbastanza semplice: «Quando balla cade sempre», adoperandosi l’espressione familiare “ballare” al posto di “vacillare” o “tentennare”.

01 – Luciano Galassi – ANDUVINA ‘NDUVINELLA – Una selezione di indovinelli napoletani – vesuvioweb 2019

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo

15 Nov

0 Comments

01 – Na mmescafrancesca – Dialetto torrese

by

Dialetto torrese

Na mmescafrancesca

Di

Salvatore Argenziano

 

Dal latino classico “mìscere”, mettere insieme, deriva la forma iterativa del latino volgare, “misculare”. Per sincope > “misclare” e per mutazione CL/CHI, come da clavem > chiave, , mischiare > mischiá > miscá. La proclitica intensiva -in- porta ad “in+miscá > immiscá che, per aferesi dà -mmiscá-. Da -mmiscá l’aggettivo – mmiscata- per mista ed il sostantivo -mmésca- per mescolanza .
Nel dialetto napoletano è presente la forma -mesesca francesca- Carne tagliata a pezzetti, voce derivata da mescolanza francese. Per corruzione locale, la mesesca diventa -mmesca-, da cui il sostantivo -mmescafrancesca-. Per traslato qualunque mescolanza di cose varie, senza ordine predefinito e distinzione tipologica.

01 – Salvatore Argenziano – Na mmescafrancesca – Dal dialetto torrese – vesuvioweb 2019

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, MMescafrancesca

15 Nov

0 Comments

5 – Viaggio da Napoli a Castellammare – San Giovanni a Teduccio, Barra, San Giorgio a Cremano, Pietrabianca – vesuvioweb 2019.pu

by

Aniello Langella

e

Marinella Aprea

Viaggio da Napoli a Castellammare – San Giovanni a Teduccio, Barra, San Giorgio a Cremano, Pietrabianca, la Villa Nava, il Crocefisso di Villa Nava

 

Carlo V, nella venuta che questo imperatore fece tra noi. Per ben tre giorni ei qui si trattenne, finché non furono in punto le magnifiche feste che a lui preparavano i Napoletani. Volle il Martirano ricordare a’ posteri un tal fatto, e la voluttà dell’ossequio fecegli dettare questa iscrizione riferitaci dal Capaccio:

Hospes Etsi properas ne sis impius

Praeteriens hoc aedificium venerator

Ilic enim Carolus V Rom. Imp. debellala Africa

Veniens triduum in liberali Leucopelrae gremio consumpsit

Florem spargilo et vale,

MDXXXIII

Lo stesso Capaccio ne dice, che in quella villetta eravi una Fontana adorna di varie conchiglie rappresentanti alcune belle imagini, come a dire Pane che suona la tibia, le Ninfe nuotanti, la Sirena sul Delfino seduta, ed Europa sul Toro. A questa Fontana eravi apposta la seguente iscrizione:

Bernardynus Martymnus Consenlinus Imperatoris Caroli V

Caesaris Aug. A Consilis in Regno Neap. Secret, qui magnis

domi , militiaeque functus honorib. decus vetustissimae

familiae auxil sua virtute , et dignilate post labores honeste,

fortiterque susceptos ex opere novo Concharum, Nympheum

hoc Genio posuit et Odo liberali, MDXXXIII

5 – Viaggio da Napoli a Castellammare – San Giovanni a Teduccio, Barra, San Giorgio a Cremano, Pietrabianca – vesuvioweb 2019.pu

 

LA GALLERIA DELLE IMMAGINI

A cura di

Marinella Aprea

La Villa Nava

Le immagini

L’epigrafe commemorativa a Carlo V Hospes Etsi properas ne sis impius Praeteriens hoc aedificium venerator Ilic enim Carolus V Rom. Imp. debellala Africa Veniens triduum in liberali Leucopelrae gremio consumpsit Florem spargilo et vale, MDXXXIII

 

 

Portone d’accesso alla Villa Nava, sulla Regia Strada delle Calabrie. L’incorniciato in pietra lavica; due paracarri all’imbocco della fause; a destra in alto l’epigrafe.

 

 

Gli interni del Palazzo conservano ancora in parte gli elementi stilistico dell’epoca

 

L’ingresso alla chiesetta privata di Villa Nava.

 

I cavalli della Villa legati nel cortile interno

Una colonna in marmo biando posta all’interno del primo cortile. La sua provenienza è ignota, ma si può facilmente intuire che possa trattarsi di un reperto proveniente dai vicini scavi di Ercolano.

Particolare del Crocefisso di Villa Nava.

 

 

 

 

15 Nov

3 Comments

Sorrento di anonimo inglese

by

Sorrento di anonimo inglese

Sorrento. Veduta dal mare. Opera di anonimo inglese che si colloca alla fine del secolo XVIII.

Anotación manuscrita a lápiz grafito en el borde inferior: “Vista de Sorrento” “Casa del Tasso”. En el ángulo inferior derecho: “Soriente”[?]. Dibujos de arquitectura y ornamentación de la BNE. Tomo III, siglo XIX. 2018 v. 2, cat. 619, p. 151.
Forma parte de un grupo de dibujos atribuidos a Valentín Carderera, según el Inventario de dibujos de la BNE (Dib/18/1/7710 a Dib/18/1/7822). Atribuido con dudas a un autor anónimo inglés de fines del s. XVIII -principios del XIX, por JM Lanzarote (2018). Forma parte de un grupo de dibujos. Título tomado de la anotación manuscrita.

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Storia e cultura

15 Nov

0 Comments

Napoli: “La fine del mondo”

by

” target=”_blank” rel=”noopener”>Napoli “La fine del mondo”

https://

Frutto dell’esperienza del laboratorio di Nuove Tecnologie dell’Arte dell’Accademia di Belle Arti di Napoli, il cortometraggio “LA FINE DEL MONDO” è un ritratto di Napoli, un approfondimento della storia molto complessa che attraversa la città stessa e i suoi volti, già indagata in occasione delle diverse edizioni di #CUOREDINAPOLI. La voce narrante accompagna nell’attraversamento di Napoli, città “bifacciale”, evidenziando il rapporto di assoluta reciprocità che contraddistingue la singolare cultura di questa città in cui è impossibile distinguere confini netti tra cose, persone, paesaggi e sentimenti, tra ‘o bbuono e ‘o malamente. Napoli, più che una “semplice” metropoli è una città agglomeratrice, densa di culture. Il suo scheletro urbano è costituito da vicoli, stradine, viuzze, suoni, odori, profumi, colori che consentono l’immergersi in un flusso vitale. Perdersi tra le strade di Napoli è un’immersione nella lingua, nell’arte, nella gastronomia che si mescolano insieme senza tempo. La chiave di lettura per comprendere questa ricchezza è la parola “scambio”, sintesi di una instancabile capacità di accogliere nuove culture e di una costante predisposizione alle contaminazioni. I Napoletani, infatti, sono permeabili alle differenze, le inglobano e le trasformano in un processo quotidiano e costante che continua inarrestabile da secoli, come narra il cortometraggio, realizzato con il generoso contributo della voce di Renato Carpentieri e con l’interpretazione di Ilario Franco. Il cortometraggio è stato presentato in anteprima al Cinema Modernissimo (Napoli, 6 aprile 2018), nuovamente a Prix Italia (Capri, 24-29 settembre 2018) e in occasione dell’evento “TANTI EROI IN UNICO BATTITO” (Piazza Montecalvario, Napoli 15 dicembre). Inoltre gli è stato attribuito il Premio Giovani Giornalisti per Napoli 2018 del Rotary Club Napoli. In selezione all’Accademia del Cinema Italiano – Premio David di Donatello nella sezione “Cortometraggi” 2018. Finalista al “Premio Telenicosia” 2019, concorso artistico letterario “ImpavidArte- la Biennale della cultura”.