06 Mag

0 Comments

La Madonna della mappina

by

La Madonna della mappina

Di

Vincenzo Aliberti

A cura di

Aniello Langella

Da molti dei rimaneggiamenti strutturali, ancora oggi visibili sulla facciata e negli alti piedtritti, si suppone che abbia subito nel corso dei secoli diverse trasformazioni, trovandosi in un contesto urbano allargato tra Caponapoli e il vallone di Foria, nei pressi del Monastero di Santa Maria del Gesù delle Monache. Che venisse identificata, inoltre come Porta San Gennaro già a partire dal secolo X, è dato appurato dalla bibliografia che richiama a quel periodo. E’ certo che il varco alla cinta muraria, si trasformò in vero accesso e porta detta del tufo, munita intorno a quel periodo. Il termine tufo va ricondotto al varco che consentiva il trasporto all’interno della città, grandi blocchi di tufo provenienti delle cave del vallone della Sanità.

Vinceno Aliberti – La Madonna della mappina – vesuvioweb 2018.pub

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Arte e artisti a Napoli, I monumenti, Storia

06 Mag

0 Comments

14 – La consonante – S –

by

A Lenga Turrese Vocalismo e Consonantismo

14 – La consonante – S –

Di

Salvatore Argenziano

Mutazione NS/NZ
Da “in+sale” insalata, da cui nzalata. *Basile. avenno voluto a scrivere ’ste composte la semprece bellezza de la lengua napolitana, senza la ’nzalata ’mescata che semmenaro li Varvare e cogliettero li Toscanise…

***Cortese. La primma cosa venne na ’nzalata / De poesie moderne, a primma facce / Assaie bella composta, e rïalata / De sciure de cocozze e de vorracce.

***Sgruttendio. Ca pare, co sse trezze a canestrette, / Iommenta che se venne a quarche fera”. / “De ssa ’nzalata, di’, chi te nne prega? Dal latino “insertum” derivato dal verbo “insèrere” la voce dialettale nzertà, innestare. Dal verbo il sostantivo nzerta, treccia, resta.

**Basile. Lo re, che vedde ca l’aveva ’nzertata a milo shiuoccolo, pe no mancare la parola fece chiammare Porziella, la figlia, la quale non mostrava autro che latte e sango:

***Sgruttendio. Doi saucicce saporite / So’ li lavre tostarielle / E na ’nzerta so’ d’ antrite / Chille diente grossarielle;

***N. Lombardo. Chesta avea, nnantemmonia, no varvone, / Ch’ agne ppilo parea na nzerta d’aglie; Dal latino “pensare”, forma intensiva di “pendere”, penzà.

**Basile. trovato l’una moscia e l’autra torvola, subbeto penzaie che passava travaglie lo cardascio suio…

**Basile. pocca ausolianno cose de gusto se spapurano l’affanne, se da sfratto a li penziere fastidiuse e s’allonga la vita.

14 – Consonante – S – Vocalismo e consonantismo – Di Salvatore Argenziano – vesuvioweb 2018

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Stròppole linguistiche

06 Mag

0 Comments

Olga Elia, da “Gente del Vesuvio” – Di Umberto Vitiello

by

Olga Elia, da “Gente del Vesuvio”

Di

Umberto Vitiello “Vadìm”

Olga Elia (1902 – 1977), insigne archeologa, direttrice degli Scavi di Pompei, soprintendente alle antichità, professoressa universitaria.

Olga Elia nacque a Nocera Inferiore, provincia di Salerno, il 20 aprile del 1902. Alcuni anni dopo suo padre, il capitano Salvatore Elia, fu nominato Comandante dei Pompieri di Torre Annunziata e tutta la famiglia si trasferì in questa città vesuviana della provincia di Napoli. Diligente e metodica negli studi, Olga Elia si laureò all’Università Federico II di Napoli nel
1924, quando aveva appena compiuto 22 anni. All’epoca in Italia erano ben poche le donne, in particolar modo quelle della provincia, che si laureavano e molto rare erano le donne che si specializzavano in archeologia. Per alcuni anni Olga Elia, laureatasi, insegnò come docente liceale a Ravenna e a Campobasso. Nel 1926 morì suo padre. Aveva solo 56 anni.

Umberto Vitiello Vadìm – Olga Elia – Da Gente del Vesuvio – vesuvioweb 2018

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Archeologia, Umberto Vitiello

06 Mag

0 Comments

Mattia Preti a Porta San Gennaro a Napoli

by

Di

Marcello Erardi

Nella porta di S. Gennaro vedesi nella parte superiore l’Immacolata Concezione in mezzo a una gloria di Angeli, col Bambino in braccio; dall’ un de’ lati è S. Gennaro, che offerisce il suo mirabil sangue, per impetrar grazia al suo popolo Napoletano, e dall’ altro lato S. Francesco Saverio, anche inginocchioni; nella parte di basso egli espresse la peste in un gran figurone di donna nuda tutta impiagata con cenci in testa, seduta sopra alcuni scalini in un canto del quadro, la qual si morde con rabbiosi denti le mani. Si astenne giudiciosamente il Preti di dare a questa figura quella bellezza, e grazia, che dar solea alle altre sue, e fecc1a ad arte di enorme gigantesca grandezza, e situata malamente con poco acconcia attitudine, imperciocchè quando mai fu bella, e leggiadra la peste? Ma di grazia abbondano tutte le altre figure di questo quadro medesimo, e bellissime son quelle di seconda veduta, è proprio il componimento di coloro che portano i cadaveri a seppelire, nè certamente possono essere meglio immaginate e situate. Tra le altre vi ha una donna, che con un pannolino turandosi il naso, strascina un cadavere involto in un lenzuolo, nel mentre che altri cadaveri son portati in casse da morto, chiuse per lo fetore, ed altri dentro carrette, acciocchè sgombratene le strade, non si rendesse l’aria più infetta dal loro puzzo1.

Bibliografia

1     Notizie della vita del cavaliere fra Mattia Preti. Bernardo De Dominici. Malta, Tipografia di strada Santa Lucia. Pagina 45.

ICONA PORTA SAN GENNARO1

https://www.facebook.com/Marcello.foto1973/photos/?tab=album&album_id=1071139346335241

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Arte e artisti a Napoli, I monumenti, Storia

06 Mag

1 Comment

Vesuvio 1908

by

Reportage fotografico del 1908

Vesuvio da Le Naturaliste del 1908 - vesuvioweb 2016 - Amalfi

Vesuvio da Le Naturaliste del 1908 – vesuvioweb 2016 – Amalfi

 

Vesuvio da Le Naturaliste del 1908 - vesuvioweb 2016 - Fabbrica di maccheroni

Vesuvio da Le Naturaliste del 1908 – vesuvioweb 2016 – Fabbrica di maccheroni

 

Vesuvio da Le Naturaliste del 1908 - vesuvioweb 2016 - Il Castello Aragonese a Ischia

Vesuvio da Le Naturaliste del 1908 – vesuvioweb 2016 – Il Castello Aragonese

 

Vesuvio da Le Naturaliste del 1908 - vesuvioweb 2016 - La scala Fenicia tra Capri e Anacapri

Vesuvio da Le Naturaliste del 1908 – vesuvioweb 2016 – La scala Fenicia tra Capri e Anacapri

 

Vesuvio da Le Naturaliste del 1908 - vesuvioweb 2016 - Mangia maccheroni

Vesuvio da Le Naturaliste del 1908 – vesuvioweb 2016 – Mangia maccheroni

 

Vesuvio da Le Naturaliste del 1908 - vesuvioweb 2016 - Marina di Sorrento

Vesuvio da Le Naturaliste del 1908 – vesuvioweb 2016 – Marina di Sorrento

 

Vesuvio da Le Naturaliste del 1908 - vesuvioweb 2016 - Massalubrense e la Penisola Sorrentina

Vesuvio da Le Naturaliste del 1908 – vesuvioweb 2016 – Massalubrense e la Penisola Sorrentina

 

Vesuvio da Le Naturaliste del 1908 - vesuvioweb 2016 - Pescatore

Vesuvio da Le Naturaliste del 1908 – vesuvioweb 2016 – Pescatore

 

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, I reportage fotografici

22 Apr

1 Comment

Il Fortino di Calastro a Torre del Grevo rivelato

by

Il Fortino di Calastro a Torre del Greco

Di

Aniello Langella

Al Lettore

Posta la parola fine alla storia del Fortino di Calastro a Torre del Greco. Il titolo di questo lavoro, ci parla chiaro. Completare la ricerca storica relativa al Fortino detto di Calastro, in quanto posto in omonima contrada a Torre del Greco. In questo lavoro ho voluto contestualizzare il monumento all’interno di un periodo storico, nel contesto urbano ed ho voluto dare inoltre attraverso alcune note bibliografiche e considerazioni semantiche relative al toponimo, un senso alla recente scoperta. Con le ricerche di Ernesto Pinto e le ricostruzioni tridimensionali di Francesco Cozzolino, si pone fine e definitivamente alla miriade di  congetture createsi attorno a quest’opera militare di epoca seicentesca e che venne quasi totalmente distrutto intorno ai primi del Novecento.

La presentazione dei lavori di ricerca

Aniello Langella – Il Fortino di Calastro a Torre del Greco – vesuvioweb 2018.pub

 

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Archeologia, I monumenti, Storia e cultura

22 Apr

0 Comments

Il Fortino di Calastro a Torre del Greco rivelato

by

Il Fortino di Calastro a Torre del Greco rivelato

Di

Ernesto Pinto e Francesco Cozzolino

 

Abbiamo taggato tutte le immagini di questa ricerca, perchè troppi sono i furbi che non riconoscendo i meriti agli autori della ricerca, traggono dalla rete immagini e testi senza citare le fonti. Per tutelare Pinto e Cozzolino, siamo costretti a ricordare ai soliti noti che non citare le fonti è scorretto e che prendere e pubblicare documenti da questo portale è plagio.

Ricostruzione ideale ricavata dalle planimetrie e prospetti di Francesco Cozzolino

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Archeologia, I monumenti, Storia e cultura