19 Ott

2 Comments

Carlo Iandolo, un linguista vesuviano

by

Carlo Iandolo, un grande linguista vesuviano

(S. Giorgio a Cremano, 1940 – Pompei, Aprile 2016)

Il ricordo del Professor Carlo Iandolo è forte. Ritornano alla mente i suoi lavori, le sue ricerche continue ed assidue in tema di LINGUISTICA VESUVIANA, spaziando con assoluta leggerezza dai temi legati al dialetto, per finire alle definizioni linguistiche. Un vero ricercatore; un delicato e sempre gentile interlocutore, in quel mondo della LINGUISTICA, che spesso accende dibattiti.

In questo nostro volerlo ricordare, una serie dei suoi articoli, delle sue ricerche più dotte.

A lui un grazie da parte della Redazione di VESUVIOWEB

LINGUA O DIALETTO NAPOLETANO?

 

http://www.vesuvioweb.com/it/wp-content/uploads/20-Carlo-Iandolo-Pillole-Linguistiche-Napoletane-Napoletano-lingua-o-dialetto-vesuvioweb.pdf

 


 

http://www.vesuvioweb.com/it/wp-content/uploads/28-Carlo-Iandolo-LE-DUE-LINGUE-DI-POMPEI-ANTICA-vesuvioweb.pdf

http://www.vesuvioweb.com/it/wp-content/uploads/35-Carlo-Iandolo-Pillole-Linguistiche-Napoletane-La-lingua-greca-di-Napoli-vesuvioweb.pdf

http://www.vesuvioweb.com/it/?s=43+-+carlo+iandolo+

http://www.vesuvioweb.com/it/wp-content/uploads/32-Carlo-Iandolo-Pillole-Linguistiche-Napoletane-Il-napoletano-oggi-vesuvioweb1.pdf

 

 

 

19 Ott

1 Comment

La cartografia di Napoli nel 1704 in una vista a volo d’uccello

by

Journal du voyage d’Italie de l’Invencible et glorieuse Monarque Philippe V Roy ol’Espagne

Di
Bulifon, Antonio

(1649-ca. 1707)
Edito a Napoli nel 1704

Da Nicolas Bulifon

A cura di

Aniello Langella

Cartografia di Napoli al 1704 di Antonio Bulifon – Da BNE – 2019

Da

http://bdh-rd.bne.es/viewer.vm?id=0000001310

                                        ______________________________________________________________

 

Bibliografia relativa ad Antonio Bulifon

Antoine Bulifon, italianizzato in Antonio Bulifon (Chaponnay, 24 giugno 1649 – Spagna, luglio 1707), fu un cronista ed editore di origine francese attivo a Napoli nella seconda metà del XVII secolo. Le vicende del periodo della vita di Antoine Bulifon antecedente a quello napoletano sono desunte da una lettera autobiografica pubblicata nel 1693 in cui egli narra di essere nato a «Chaponay nel Delfinato» da un notaio, di essersi recato dapprima in alcune città della Francia, poi a Roma per assistere ai funerali di papa Clemente IX, e infine a Napoli dove giunse il 22 luglio 1670; «innamoratosi del suo sito, della amenità delle sue campagne, della clemenza del suo clima e della avvenenza de’ suoi abitanti, fe risoluzione di scieglierla fra tante per sua perpetua stanza». A Napoli aprì una libreria a San Biagio dei librai (Spaccanapoli); nel 1672 si trasformò in editore pubblicando il Filo d’Arianna di Pompeo Sarnelli. Quest’ultimo fu anche il principale consulente editoriale del Bulifon il quale, oltre a novità provenienti dalla Francia tradotte sovente da lui stesso, pubblicò soprattutto libri riguardanti storia, le tradizioni popolari, il dialetto e la stessa geografia di Napoli e delle località circostanti. Nel 1685 pubblicò “Vagientis pueritiae lusus seu Caesaris Fanelli ex Floreno Epigrammaton” di Cesare Antonio Fanelli. All’attività di editore Bulifon affiancò quella di animatore di un circolo di letterati, giuristi e scienziati (Altimari, Schettini, Artale, Francesco e Gennaro d’Andrea, Toppi, Sarnelli, Fanelli, Gravina, de Cristofaro, Calà, Nicodemo, Giannelli, Donzelli, Cornelio, Pignatelli, de Notariis, Celano, i figli del Vico, ecc.) che si raccoglievano attorno alla sua libreria, oltre agli stranieri di passaggio a Napoli (per es. il Mabillon). Bulifon fu anche editore di riviste e gazzette, ma in questo campo ebbe minor fortuna del suo rivale Parrino. Nel 1673 sposò Maddalena Criscuolo, una giovane napoletana, ottenendo così la cittadinanza ed evitando anche l’espulsione dal vicereame spagnolo di Napoli per lo scoppio della guerra fra Francia e Spagna. Nel 1700 salì al trono di Spagna il francese Filippo V, fondatore della dinastia dei Borbonica spagnola. Bulifon appoggiò la nuova dinastia e ottenne dal viceré marchese di Villena il compito di organizzare la pubblicazione di un nuovo codice, che avrebbe dovuto chiamarsi Codice Filippino. Bulifon cedette pertanto la direzione della libreria, della casa editrice e della Gazzetta — fino ad allora appaltata al Parrino — al proprio figlio Niccolò. La redazione del codice fu tuttavia interrotta nel 1707 in seguito all’occupazione austro-imperiale di Napoli durante la Guerra di successione spagnola. Le attività del Bulifon e i suoi figli divennero bersaglio di ostilità, a quanto pare incitata dal Parrino, da parte degli imperiali e dei napoletani fiancheggiatori degli invasori. Niccolò fu bastonato due volte dagli avversari; Antonio Bulifon fu costretto ad abbandonare Napoli e a rifugiarsi in Spagna, dove probabilmente apprese la notizia della sua libreria distrutta dalla plebaglia napoletana. Antonio Bulifon morì in Spagna poco dopo, ma non sono noti né la data né il luogo della sua morte.

Fonte WIKI

 

19 Ott

2 Comments

Il Tempio di Iside a Pompei nel 1788

by

Il Tempio di Iside a Pompei nel 1788

Francesco Piranesi (Italian, 1758-1810); Louis Jean Desprez (French, 1743-1804)

The Temple of Isis at Pompeii, 1788. Francesco Piranesi (Italian, 1758-1810), Louis Jean Desprez (French, 1743-1804). Etching, hand-colored with watercolor; sheet: 47.7 x 69.6 cm (18 3/4 x 27 3/8 in.); secondary support: 59.2 x 81.3 cm (23 5/16 x 32 in.). The Cleveland Museum of Art, John L. Severance Fund 2001.19. Trained as a stage designer and architect, Desprez was a talented watercolorist. He collaborated with Francesco Piranesi—the son of the more celebrated printmaker Giovanni Piranesi (1720–1778)—by drawing views of Naples, Rome, and Pompeii that Piranesi etched. Desprez then completed the prints with watercolor. The scene of tourists enjoying the ruins at Pompeii demonstrates how interest in antiquity had been augmented by the archaeological excavations at Herculaneum (1737) and Pompeii (1748). The discovery of homes, furnishings, and personal artifacts revealed the domestic aspects of ancient life.

Fonte

https://archive.org/details/clevelandart-2001.19-the-temple-of-isis-a

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Archeologia, Storia e cultura

19 Ott

1 Comment

Vesuvius 1646

by

Vesuvius 1646

A cura di

Aniello Langella

An Itinerary Contayning a Voyage, Made Through Italy, in the Yeare 1646, and 1647. Illustrated with Divers Figures of Antiquities. By John Raymond. London 1648

Ho estratto dal testo in esame la parte relativa a Napoli, i suoi dintorni ed il Vesuvio. Siamo nel 1648 ed il testo si riferisce ad un viaggio consumato in Italia dal 1646 ed il 1648. Un viaggio descritto ed illustrato, ma allo stesso tempo una sorta di vademecum sintetico che ha lo scopo preciso di indirizzare lo sguardo su monumenti precisi, su ambiti territoriali importanti. La storia del territorio viene appena lambita, mentre invece ci viene riportato quasi come in un dipinto estemporaneo e con guizzo veloce, ciò che di “magnifico”, di “superbo”, in qualche modo rappresenta l’Italia bella di quei tempi.

Mi sono imbattuto in una stilizzata immagine del Vesuvio. Siamo, come dicevo nel 1646 ed il Vesuvio in questa immagine ci appare come in una stilizzata icona rappresentativa. I “turisti” di questo precoce Grand Tour, sono giunti alle falde del Vesuvio in groppa ad asinelli; hanno scalato la vetta, carponi, quasi arrampicandosi per una strada segnata. La loro discesa ci appare indicata in un viottolo scosceso dove i turisti stessi sembrano discendere al piano quasi in un gesto atletico che richiama lo sci.

Il Vesuvio si mostra con la sua sagoma “classica” quasi come quella odierna. Il Monte Somma ad occiente e la vetta ad oriente in una prospettiva o visione frontale. Un bocca eruttiva sul lato mare. La vetta del Vesuvio più bassa rispetto al Somma.

Affascinano le pagine di questo viaggio; sono una testimonianza di questa terra che dopo l’eruzione del 1631, restò sterile a lungo, devastata da coltri di prodotti eruttivi. Un viaggio nel viaggio alla scoperta della terra vesuviana all’alba quasi, di una delle più terrificanti eruzioni vesuviane: il 1631.

Ti piacerà questa stampa. Lo sappiamo, cortese Lettore. Fanne buon uso e soprattutto, ricorda di citare la fonte VESUVIOWEB, che ti ha regalato questa nuova imperdibile emozione.

“Il Monte Vesuvio” titola la stampa. Turisti giunti al piano in groppa ad asini o cavalli. Una “guida” li attende durante l’escursione in quota. Salgono in cima quasi arrampicandosi. Discendono al piano lungo un percorso quasi ruzzolando. Una bocca eruttiva. La cima del Monte Somma ad ovest. La vetta del Vesuvio più bassa del Somma, quasi a ricordarci del recente e catastrofico evento eruttivo del 1631. Ti piacerà questa stampa. Lo sappiamo, cortese Lettore. Fanne buon uso e soprattutto, ricorda di citare la fonte VESUVIOWEB, che ti ha regalato questa nuova imperdibile emozione.

Aniello Langella – IL MERCURJO ITALICO – 1648 – vesuvioweb 2019.pub

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, L’eruzione del Vesuvio del 1631

19 Ott

1 Comment

Napoli 1824 – Franz Ludwig Catel (German, 1778-1856)

by

Franz Ludwig Catel (German, 1778-1856)

Napoli 1824

A View of Naples through a Window, 1824. Franz Ludwig Catel (German, 1778-1856). Oil on paper, mounted on canvas; framed: 59.5 x 46 x 5.5 cm (23 7/16 x 18 1/8 x 2 3/16 in.); unframed: 46.8 x 33.5 cm (18 7/16 x 13 3/16 in.). The Cleveland Museum of Art, Mr. and Mrs. William H. Marlatt Fund 1994.198. Catel lived most of his life in Rome, where he usually painted landscapes and peasant scenes that were very popular with tourists. He often traveled through Italy, and in 1824, he visited Naples with the famous German neoclassical architect Karl Friedrich Schinkel (1781–1841). Schinkel noted in his diary that the two friends had rented an apartment in the “Albergo alla Grand Europa.” It must have been from that apartment that Catel painted this captivating view of a sun- drenched afternoon in Naples. We will never know whether Mount Vesuvius actually released a smoke plume when this view was painted, but it certainly adds drama to the composition.

Fonte

https://archive.org/details/clevelandart-1994.198-a-view-of-naples-thr

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Arte e artisti a Napoli

04 Ott

1 Comment

Settembre nero

by

Settembre nero

di

Francesco Raimondo

La Villa, purtroppo, non era disabitata. In quei giorni drammatici anche il proprietario, noto avvocato napoletano, nonché uomo politico “di lunga navigazione”, lì aveva trovato nascosto rifugio, assieme alla sua fidata segretaria tedesca, come l’antica scrittura recitava, allontanandosi prudentemente dalla Città in affanno. Uscirono entrambi dalla porta centrale e li fermarono al centro del viale: “Chi siete? Come siete entrati? Cosa volete?” Il noto avvocato era visibilmente contrariato da quella “irruzione” nella sua proprietà, nel suo “rifugio”. “Eccellenza, i tedeschi stanno arrestando i giovani per portarli in Germania….. ammiez a Torre, a mmiez a parrocchia…..ce vulessemo annasconnere….” “Ma quanno maie! Ascite, ascite! I’ v’avessa denucià sulo pecchè site trasute senza permesso! E poi voi state disubbidendo ad un Proclama! State commettendo un’illegalità. Mi volete far passare un guaio? Se si dovesse sapere che vi ho nascosto…”. Si guardarono interrogativi i tre o quattro giovani tra di loro e poi uno di loro fece: “Per carità Eccellenza non vi pigliate collera, noi ce ne andiamo subito” girarono i tacchi e lo lasciarono al centro del vialetto dimessa sagoma scura assieme alla sua teutonica segretaria. Ogni medaglia ha le sue due facce.

Francesco Raimondo – Settembre nero – vesuvioweb 2019.pub

 

 

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, I personaggi illustri, Storia e cultura

04 Ott

1 Comment

E da èbbreca a ezzètera

by

Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano

E da èbbreca a ezzètera

Di

Salvatore Argenziano

Evera fasulara: Vescicaria. Evera cardilla: Erba cardella.
*Cortese. Po’ pisaie maiorana e fasolara, / aruta, menta, canfora e cardille, / e
n’erva che non saccio, puro amara, / che se dace pe vocca a peccerille, / e
disse: “Te’, se la tenite cara / a bevere le date sti zuchille, / ca n’averrà de
ventre maie dolore / e se farrà commo no bello sciore”.
*N. Capasso. Pecchè se legge a chiù de no Romanzo / Ca la fava è bentosa, e,
perzò primma / Spara na vessa, e po toppa l’avanzo. / E l’ordenaro de
piglià la cimma / De Fasolara, ch’è defrescativa, / E mettrencella ncuorpo
comm’a ntimma,
Evera fetènte: Finocchio fetido. (Ferula assa-foetida) detta comunemente i fetiénti.
*P. Sarnelli. «Che ’mporta chesto? – disse la Fata. – Non sempe cammina la
regola: Comm’è la chianta è la schianta. Perché se vede ca da le spine
nasceno le rose, e da n’erva fetente nasce lo giglio: accossì Nunziella da le
spine de l’avarizia de la mamma è nata comm’a na rosa, pe l’affrezzione che
sente de li guaje d’aute, da l’erva fetente de chella brutta caira è schiusa
comm’a giglio de bellezza.»
*S. A. Alla valletta del Santuario, la Foce / dove pigramente tra canneti / il
Sarno sbocca alla luce, / andiamo per fare i bagni / nell’acqua bassa /
ferma, fredda, muta, / tra il gracidare di rane / i nocciòli generosi sul
sentiero / il nauseabondo odore / dell’erba fetente / e la polvere della riva.

E da èbbreca a ezzètera – Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano – Di Salvatore Argenziano – vesuvioweb 2019

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Lessico e Letteratura Napoletana

04 Ott

2 Comments

La via Mezzocannone a Napoli

by

La Via Mezzocannone a Napoli

Di

Aniello Langella

Che lungo questa strada vi sia stata una porta, non vi è dubbio alcuno. Tuttavia tra i vari grandi autori della ricerca storica napoletana, si è molto dibattuto sul dove esattamente questa fosse collocata. Per alcuni guardava verso sud, ossia verso l’area portuale, per altri si apriva lungo l’asse parallelo ai decumani, ossia est\ovest. Non sarò certo io in questo breve contributo a dare una risposta esaustiva, in quanto carente di quelle competenze e di quelle conoscenze archeologiche necessarie, ma sulla scorta delle migliori emergenze bibliografiche cercherò di fare il punto, per rendere coerente una risposta sullo stretto piano storico.  Uno dei padri della Storia di Napoli è certamente Bartolomeo Capasso e a lui faremo riferimento spesso, per farci da “cicerone”. Ritenne il Capasso che la Porta Ventosa ebbe la funzione di congiungere il muro di epoca greca, di cinta alla città a livello dell’attuale chiesa di San Giovanni Maggiore.

Aniello Langella – La via Mezzocannone a Napoli – Parte Prima – vesuvioweb 2019

 

04 Ott

0 Comments

La Rassegna d’Ischia

by

La Rassegna d’Ischia

Settembre – Ottobre 2019

 

In questo numero

2 Il corteo storico di Sant’Alessandro l’omaggioall’identità di un’isola con 28 secoli di storia

3 Motivi

5 Idea progettuale di rigenerazione del Parcodi Villa Arbusto

9 Ischia e il suo Castello descritti nel misteriosocodice Voynich

16 Documenti della cancelleria aragoneserisalenti ai secoli XV e XVI

19 Fonti archivistiche per la storia dell’isola Le Università tra XVI e XVIII secolo

26 Il Castello Aragonese dipinto da William Haseltine

28 La contessa Anna Clifford Mahony a Forioe il suo testamto

42 Ville e alberghi storici di Casamicciola

46 Rassegna Libri – La mia Ischia. guida turistica personalizzata – Cercando il Faro – La faccia oscura della Rete – O San Vito patrone ‘e Furie – Il figlio del professore – Immaginare ripari – Parlando in silenzio

50 Ex libris – L’Italia meridionale – Napoli e la Campania – L’Italie méridionale – Naples et la Campanie

51 Quando l’Aenaria ci faceva sognare – Peppino “apacchiana” e Salvino, due giganti sul campo e nella vita degli anni ’60 e ’70

54 “La nascita di Venere” di Cabanel è l’isola d’Ischia

http://www.ischialarassegna.com/rassegna/Rassegna2019/rass04-19/rass04-19.pdf