12 Gen

0 Comments

Besbius, l’altra faccia del Vesuvio

by

Besbius, l’altra faccia del Vesuvio    

Di

Domenico Parisi

Tutti que’ che hanno scritto di questo  monte non ci lasciarono niente di certo in riguardo al di lui nome,  anzi di tante chiacchiere ed inezie infrascarono la cosa, che ci hanno restato nel bujo, ed or ce n’avvediamo, che del Vesuvio non ne sapevamo nemmeno il nome […] Ed in fatti ne’ secoli non tanto antichi par che abbiano fatto a gara quegli Scrittori in istorpiar il nome di questo monte, e quel che non poterono fare alle di lui furie l’han fatto al di lui nome.

Con queste parole Antonio Vetrani (1), nel suo prodromo vesuviano (2), apre il capitolo dedicato all’etimologia del nome Vesuvio. Pagine ironiche, argute e divertenti che hanno, però,  anche il merito di suscitare nel lettore odierno diverse perplessità, dal momento che, duecento e più anni dopo,  per quanto riguarda l’origine del nome,  la situazione non è ancora del tutto chiara.

Confermiamo, intanto, la cosa veramente curiosa, sottolineata non solo dal Vetrani. E, cioè, che la storia e la letteratura ci offrono una impressionante varietà nella denominazione di questo nostro monte: Besbius, Bebius, Besubim, Besvius, Hesbius, Vesbius, Vesubius, Vesebius, Vesulus, Vesurus, Vesevus, Vesuvius; tutti nomi sfornati da una schiera immensa di commentatori cui, certo, non faceva difetto la fantasia. Si potrebbe, a ragione, sostenere che, per un determinato periodo, hanno fatto più rumore le centinaia di “esperti vesuviani” che lo “sterminator Vesevo” medesimo. Lorenzo Giustiniani (Napoli 1761 -1824) che, essendo stato, tra l’altro, bibliotecario di quella che Minieri Riccio chiamava “Libreria Borbonica”, e sì che di libri per le mani deve essersene visti passare parecchi, annotava che, a tutto il 1793, si conoscevano almeno 160 scrittori “delle cose del Vesuvio”(3). Il Canonico della Cattedrale di Napoli Andrea Vincenzo de Jorio (Procida 1769 – Napoli 1851), Curatore del Real Museo di Napoli, nel 1835 segnalò una raccolta di oltre 300 dissertazioni sul Vesuvio tra fogli volanti, opuscoli ed opere, dei quali più di 100 erano state composte tra il 1627  e il 1632 (4) la maggior parte delle quali riguardava l’eruzione del 1631…

Domenico Parisi – Besbius l’altra faccia del Vesuvio – vesuvioweb 2021.pub

 

12 Gen

5 Comments

Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano – La lettera P

by

Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano – La lettera P

Di

Salvatore Argenziano

Pàccaro: s. m. Pàcchero. Paccariéllo. Paccariglio. Schiaffo. Te tengo
sott’ô paccaro significa: ti tengo sotto controllo. etim. Dal greco “pan keir”, con
tutta la mano, a mano piena.
G. D’Antonio. No funcio de chiuppo, / Тe porto mo. / Pe lo tuppo te piglio, /
Е роie no paccariglio te consegno.
F. Cerlone. E ca lo saje, sempe che non lo saje da me. Chisto lloco non è cavaliere,
è no scroccone, no strascina facenne, no pedocchiuso e io lo sopporto, e po
sferro no juorno, e le do tanta nnaccare, paccare, e scoppolune, pe quanta
scagliuozzole m’aggio mangiate.
B. Saddumene. No nte ire accostanno, ca te mollo / No paccariglio.
G. Palomba. Mm’aje fatta st’azione? / – – E scicche, morza, e paccare / Mme
dette nquantità, / E io porzì dicette: / : Viva la novità.
M. Bianchi. Tore è nu carogna! Sape fa ’o spallettone surtanto cu ’e ffemmene….
/ Ma m’ avite ’a credere: chillo pàccaro nce / ’o faccio pavà caro! Isso me
sape.
Poesia Popolare. Tu me liévi la nnammurata / e pigliatella sta mazziata. /
Tùffete e tàffete a meliùni / le réva paccari e secuzzùni, / schiaffi pònie e
perepésse / scuppuluni, fecòzze e cunésse, / sceverecchiùni e sicutennòsse /
ll’ammaccaie ossa e pilòsse.
Canzoniere Napoletano. Pàccare amare e rasulate ’nfaccia: / chist’è ll’ammore ’e
vasci’â Sanità. / Tu nun si’ ’o tipo ca mme cade ’mbraccia / si nun te faccio /
chello ca maje t’aggio vuluto fà…

Salvatore Argenziano – Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano – Lettera P – vesuvioweb 2021

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Lessico e Letteratura Napoletana

12 Gen

1 Comment

Mappa del Golfo di Napoli e Vesuvio 1727

by

Mappa del Golfo di Napoli e Vesuvio 1727-1730

Recüeil de Plusieurs Plans des Ports et Rades de la Mer Mediterranée. Levé et Dessigné sur les Lieux par les Srs. Henri Michelot et Bremond, Michelot, Henri
Bremond, Laurent. Dal 1727 al 1730.
Dimensioni: 22 x 29,5 cm

A cura di Aniello Langella

 

La mappa numero 35 mostra il Golfo di Napoli ed il Vesuvio in primo piano in un rilievo del 1727. In alto si legge una dedica: “Plan du Golfe de Naples. Par les S.rs Michelot et Bremond, avec privilege du Roy 1727” (1). La mappa, come del resto le altre contenute nello stesso volume vennero concepite per segnalare essenzialmente le criticità del viaggio via mare, la presenza di fortilizi e castelli lungo la costa e la presenza di torri di avvistamento e difesa militare. Sono segnalate inoltre le rade ed i porti di approdo con indicazioni di rocce, e scogliere emergenti. Infatti in molti punti viene anche indicata la quota batimetrica. Al centro del golfo una rosa dei venti mostra attraverso delle coordinate il passaggio comodo per vascelli.

Molto interessanti alcuni toponimi che indicano località ed aree molto note dell’area vesuviana. Alcuni esempi ci aiuteranno nella lettura di questo documento che conserva il fascino del tempo, ma vuole anche essere la testimonianza di una conoscenza di dati tecnici nell’ambito di un volume che può essere definito come Portolano Didascalico Militare.

Alcuni esempi. La Torre di Gomera che si trovava nel territorio di Torre Annunziata (2). Some. Indica la città di Torre del Greco e, come toponimo, non trova riscontri in bibliografia. Cabrita ad indicare l’isola di Capri (3).

http://bdh-rd.bne.es/viewer.vm?id=0000001504

 

Bibliografia

1   Carlo d’Asburgo IV (Vienna, 1º ottobre 1685 – Vienna, 20 ottobre 1740), re di Napoli dal 1713 al 1734.

2   Luigi Lamberti. Portolano del Mare Mediterraneo, del Mar Nero, e del Mar di Azof, Volume 1. Antonelli, 1848

3   Henri Michelot. The Mediterranean Pilot. Richard and William Mount and Thomas on Tower-Hill., 1715, pagina 73

4   Un ringraziamento alla BIBLIOTECA DIGITAL HISPÁNICA, presso la quale è disponibile il materiale cartografico.

 

 

12 Gen

2 Comments

Anema e core

by

Anema e core

Roberto Murolo

1953

Una melodia intramontabile, che appartiene al repertorio classico della canzone napoletana. Nel 1950 Salve D’Esposito (Sorrento, 9 agosto 1903 – Roma, 22 gennaio 1982), ne compone la parte musicale, che affiderà al paroliere Tito Manlio (Napoli, 16 febbraio 1901 – Roma, 4 maggio 1972), per completare questa che possiamo definire una piccola opera.

I temi sono quelli dell’amore, l’atmosfera è quella dolce della Napoli dei tempi che furono.

Intrepretata dai massimi tenori nei vari decenni, diventerà tanto importante da venir tradotta in ben 28 lingue.

 

Nuje ca perdimmo ‘a pace e ‘o suonno,
nun ce dicimmo maje pecché?
Vocche ca vase nun ne vonno,
nun só’ sti vvocche oje né’!
Pure, te chiammo e nun rispunne
pe’ fa dispietto a me

Tenímmoce accussí: anema e core
nun ce lassammo cchiù, manco pe’ n’ora
stu desiderio ‘e te mme fa paura
Campá cu te,
sempe cu te,
pe’ nun murí

Che ce dicimmo a fá parole amare,
si ‘o bbene po’ campá cu nu respiro?
Si smanie pure tu pe’ chist’ammore,
tenímmoce accussí anema e core!

Forse sarrá ca ‘o chianto è doce,
forse sarrá ca bene fa
Quanno mme sento cchiù felice,
nun è felicitá
Specie si ê vvote tu mme dice,
distratta, ‘a veritá

Tenímmoce accussí anema e core!

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, La canzone napoletana, Musica e ricerca

12 Gen

1 Comment

Vesuvio 1823

by

Vesuvio 1823

Una stampa molto interessante del Vesuvio. Verrà più volte citata in bibliografia; ad essa si ispireranno anche grandi storici dell’archeologia locale. Sarà un vero e proprio modello di ispirazione, dal quale in tanti attinsero, ritenendolo un documento quasi imprescindibile per lo studio della storia eruttiva del Vesuvio, per lo studio della storia del territorio e dell’archeologia.

Il testo che accompagna la stampa in francese è tratto da Voyage pittoresque, historique, et geographique de Rome à Naples et leurs environs, di Andrée Pizzala. Napoli 1823-24

PLAN TOPOGRAPHIQUE D’UNE PARTIE DE L’ANCIEN CRATÈRE

La disposition de la partie orientale de l’ancien cratère ou Golfe, où était située Pompei, présente des variations, qui presque toutes sont produites par les terribles effets du Volcan. La mer qui maintenant est à plus de deux milles de Pompei, avant sa destruction arrivait aux pieds de la colline, et rasant les remparts de la ville au midi, s’étendait le long du rivage jusqu’à Stabia; l’ancienne source du Sarno était à l’ endroit appelé aujourd’hui la Valle, c’est ici que le Port se formait, et rendait fleurissante la ville par son commerce. Non loin se trouvaient les marais Pompéiens, les salines d’Hercule, les carrières de la pierre-ponce, et des pierres à huile. Du côté opposé la mer arrivait jusqu’au pays qu’aujourd ’hui s’appele Torre dell’Annunziata, touchait ensuite Résiné, Herculanum et le rivage de Leucopetra jusqu’à Naples. Tout ce que nous venons de dire parait s’accorder aux assertions de Live, Seneque, Strabon, et Pline et à l’examen des matières, dont est composée actuellement la plaine , puisqu’il ne faut qu’enfoncer très peu sous terre le pieu pour trouver des brèches, sables, et eaux saumâ tres, qui prouvent la réelle existence des choses énoncées.
Pompei avait quatre portes, dont les moins endommagées sont la Nolana, Isiaca et, la Erculana savoir, celle qui aboutit à la rue des tombeaux , mais on y parvenait par trois principaux chemins, celui du coté de l’ovest rasait la mer et conduisait à Oplonti aujourd’hui Torre dell’Annunziala , à Herculanum et à Naples ; par le second on allait à Nola, et par le troisième à Nocera et à Stabia . Son périmètre, ainsi que nous le démontrent les remparts découverts, étaient de forme elliptique, dont le plus grand axe, depuis la porte Herculanea jusq’à l’Amphithéâtre, est de la longueur de 800 pas géométriques et le moindre, savoir de la porte Nolana au Quartier des soldats, 400 pas à pen-prés. Elle iétait entourée par de bons remparts , de distance en distance garnis de tours quarrées, ce qui donne une idée des fortifications des anciens; au surplus la nature du sol, où elle était construite contribuait à la rendre très forte, étant placée sur un amas de lave très ancienne, qui en forme de promontoire domine toute la plaine, enfin la mer la bordait d’ un côté et un fleuve de l’autre.

LE VÉSUVE

On a pu voir à l ’Aperçu historique de Pompei, que le Vésuve resté presque dans l’oubli pendant plusieurs siècles , se réveilla tout d ’un coup 1 annee 79 de l’ Ère Vulgaire et couvrit tous les pays qui l’environnaient, de crasse, pierres, cendres et laves liquides et enflammées. Il répéta en 47 1 une de ces terribles éruptions qui semblent menacer la fin du monde, éruption détaillée d’une manière aussi effroyable que véridique par Marcellino et, dès lors n ’a plus discontinué; une inscription existanteà Ponici prés Granatello qui s’exprime ainsi: Posteri, posleri, vestra res agitur, nous fait entrevoir la grande frayeur dont furent justement pénétrés les Napolitains; les laves du Vésuve arrivèrent presq’au pont de la Madelaine et menaçaient du dernier désastre la belle ville de la Sirène. Il seroit très ennuyeux si on voulait détailler toutes les éruptions de ce Volcan et les malheurs qu’ il a occasioné aux belles contrées qui l’environnent; cependant quel est celui parmi nos lecteurs qui pourra hlier celle arrivée au mois d’octobre 1822, qui parviut par ses ténèbres à nous ôter le jour, et qui par une pluie continuelle de petites pierres et de cendre semblait nous prédire notre
dernière heure? Nous avons donné à nos abonnés les descriptions de cette éruption , et nous espérons, qu’en leur rappelant pour long-temps un événement à jamais mémorable , elles puissent leur être agréables.

11 Dic

9 Comments

Il Dialetto Napoletano – Appunti di Grafia e Grammatica

by

Il Dialetto Napoletano – Appunti di Grafia e Grammatica

Di

Salvatore Argenziano

La preposizione semplice – a –
Deriva etimologicamente dal latino – ad -. La presenza della dentale – d – provoca il raddoppiamento consonantico della parola che segue
Vaco a mmagnà. Stongo a Bbologna. Ce verimmo a Nnatale
***N. Lombardo. Te le manno volanno a mmagnà fieno.
Questa preposizione ha diversi valori: di stato in luogo, moto a luogo, di tempo, di paragone ecc.
Stammo a Nnapuli. Iammo a mmare. Ce verimmo a mmieziorno. Fernètte tutto a ttarallucci e vvino.
***F. Russo. Arbanno juorno, dint’ ’e vuzze, a mmare,
Ma anche valore di introduzione del complemento oggetto in forma indiretta, limitatamente a nomi
propri di persona e nomi comuni di famiglia:
Chiamma a Nnicola. Puórtame a ssoreta. Salùtame a zzi Pascale
***S. Di Giacomo. Vurria ca manco a ssoreta sentisse,…

Salvatore Argenziano – Grafia e Grammatica Napoletana – vesuvioweb 2020

 

11 Dic

2 Comments

Vesuvio 1908: un documento che ci riporta alle grandi escursioni del Grand Tour

by

Vesuvio 1908: un documento che ci riporta alle grandi escursioni del Grand Tour

Di

Aniello Langella

Siamo a pochi anni dalla devastante eruzione del 1906 e le cronache dell’epoca ci raccontano una storia antica e nuova allo stesso tempo. Meritevole di lettura. L’articolo tratto da “L’Italia: descritta e illustrata” di Antonio Cavagna Sangiuliani Conte di Gualdana, edito in Milano da Sonzogno Editore nel 1908, ci descrive in un bellissimo “viaggio” della terra vesuviana, le varie città, i vari luoghi, con Napoli ed il Vesuvio che occupano ruoli di primaria importanza. L’articolo è arricchito di bellissime immagini fotografiche che descrivono ancora meglio nel dettaglio il fascino di una zona della nostra Italia, che sulla scia del Grand Tour sapeva ben raccontarsi agli italiani ed ai turisti di quei tempi. Le descrizioni sono intense, a tratti poetiche e ci riportano per un attimo ai grandi temi del Grand Tour.

Aniello Langella – Vesuvio 1908 – vesuvioweb 2020.pub

 

 

11 Dic

2 Comments

Nicola Amore, il migliore sindaco di Napoli

by

Nicola Amore, il migliore sindaco di Napoli 

Di

Umberto Vitiello “Vadim”

 

Di famiglia nobile di provincia, Nicola Amore (Roccamonfina 18 aprile 1828 – Napoli 10 ottobre 1894) studiò a Napoli, allora capitale delle Due Sicilie, e innamoratosi di questa città, vi rimase per quasi tutto il resto della sua vita, prodigandosi fin da giovane per renderla migliore. I pochi anni durante i quali si allontanò da Napoli sono quelli che, eletto deputato e nominato direttore generale della Pubblica Sicurezza, trascorse a Firenze, capitale d’Italia dal 1865 al 1871. A venti anni iniziò la sua attività di stenografo durata un biennio, 1848-1849, assistendo alle sedute del parlamento napoletano. Nel 1850, quando aveva da poco compiuto ventidue anni, si laureò in giurisprudenza e due anni dopo, l’8 agosto 1860, fu nominato giudice civile. Il 7 settembre di questo stesso 1860 Garibaldi giunse a Napoli e fu accolto come un liberatore. Nicola Amore si diede alla politica, aderendo al gruppo dei liberali moderati e unitari, detti “piemontesi”, e fu nominato segretario generale della questura di Napoli. Nel dicembre del 1862, quando aveva 34 anni, divenne questore e si occupò con ottimi risultati del brigantaggio, della camorra e degli intrighi borbonici e clericali contro l’unità d’Italia iniziata due anni prima. In applicazione della legge sulle Congregazioni del 3 agosto 1862 ordinò alla forza pubblica di sfrattare le suore del monastero della Sapienza e la Chiesa cattolica lo scomunicò. Nel 1865 fu eletto deputato nel collegio di Teano e si trasferì a Firenze, divenuta capitale d’Italia

Umberto Vitiello Vadim – Nicola Amore – vesuvioweb 2020

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Personaggi a Napoli, Storia

11 Dic

1 Comment

Vesuvio 1799

by

Dei vulcani o monti ignivomi più noti, e distintamente del Vesuvio : osservazioni fisiche e notizie istoriche …
Livorno 1779

Saggio dell’Eccellentissimo e Illustrissimo Sig. Giovanni Targoni Tozzetti, Professor di Bottanica etc.

 

Una stampa molto ben descritta nei tratti essenziali, nelle proporzioni e soprattutto nella lettura delle varie località abitative e non distribuite lungo la fascia costiera. La stampa diventa ancor più pregevole per la leggenda che la completa e che definisce in maniera chiara il territorio vesuviano costiero. Il titolo dell’opera è “Prospetto del Vesuvio dal Palazzo Regio”, e vi si legge in basso a sinistra la firma dell’incisore della lastra in rame, tal Fambrini.

Lascio al lettore il gusto del riscontro tra la leggenda e le località disegnate lungo la costa ed in parte nell’entroterra. Molto interessante (7) la raffigurazione del flusso lavico del 1779.

La stampa è stata tratta da https://www.e-rara.ch/zut/content/zoom/7356461

Dal 3 al 15 agosto del 1779

Viene definita come eruzione mista. I flussi lavici si svilupparono verso Ercolano e Torre Annunziata, mentre la caduta di prodotti piroclastiti investì i comuni di Ottaviano, Somma, Massa, Nola, S. Paolo Belsito, Palma e Avella. Apertura di fratture e relativi dissesti a Torre Annunziata. Dal fianco settentrionale del Cono scaturì una colata di lava che scorse fin quasi a Resina. Anche la frattura meridionale si riattivò, con spaccature che interessarono Torre Annunziata e proseguirono verso il mare. Vi fu una forte attività stromboliana con fontane di lava dell’altezza di alcuni chilometri e una colonna eruttiva alta oltre 4 chilometri sospinta dai venti in direzione est. L’eruzione fu inoltre accompagnata da forti piogge che diedero origine a colate di fango, che scorsero principalmente nelle aree a nordest del vulcano. Lave e piroclastiti per 4 milioni di metri cubi. I danni ammontarono a circa 200.000 ducati e furono provocati soprattutto dalla caduta di frammenti piroclastici e dallo scorrimento di colate di fango. Crolli delle abitazioni provocati dai terremoti. L’eruzione fu accompagnata da notevole attività sismica e da fratture del suolo.
Le ceneri vennero sospinte verso est dai venti in quota arrivando ad Avellino, Benevento, e in Puglia.