18 Feb

2 Comments

Il BASSORILIEVO di ORFEO EURIDICE e HERMES

by

Il BASSORILIEVO di ORFEO EURIDICE e HERMES esposto al Museo Archeologico Nazionale di Napoli

Di

Bianca Asnaghi

Orfeo, sulla destra, ha appena infranto il “noli respicere” (“non guardare”), impostogli dagli Inferi per poter portare via la sua amata che si trova al centro. Il viso di Orfeo, ormai inconsolabile, è l’espressione del dolore. La sposa Euridice con un gesto  pieno di tenerezza e rassegnazione, indicato anche dal piede destro rivolto indietro, gli accarezza la spalla e il marito a sua volta le accarezza la mano, una carezza che è anche un inutile tentativo di trattenerla. Le teste inclinate servono a delineare la tensione e la commozione che accompagna il commiato. Alla sinistra c’è Hermes nella sua veste di Psicagogo, il benevolo accompagnatore delle anime nell’Oltretomba, che vorrebbe lasciar andare Euridice, ma non può farlo, perché costretto a compiere il suo inesorabile ufficio. Intreccia delicatamente ma anche con decisione il braccio destro di lei, la trattiene accanto a sé, Euridice non può più proseguire. Verrà ricondotta di nuovo negli Inferi, ma questa volta per sempre.

01 – Bianca-Asnaghi – Il bassorilievo di Orfeo, Eudice e Hermes esposto al Museo Archeologico Nazionale di Napoli – vesuvioweb 2017

18 Feb

3 Comments

Appunti dal Vojage Pittoresque

by

Appunti dal Voyage pittoresque à Naples et en Sicile, di Jean Claude Richard de Saint-Non

Di

Aniello Langella

L’eruzione del Vesuvio del 1771

Appunti dal Voyage Pittoresque – vesuvioweb 2016 – L’eruzione del Vesuvio del 1771 – 1 -.pub

Napoli: una planimetria d’altri tempi

Appunti dal Voyage Pittoresque – vesuvioweb 2016 – Napoli una planimetria d’altri tempi – 2 -.pub

 

18 Feb

2 Comments

Lo Cunto de li Cunti overo lo trattenemiento de peccerille

by

LO CUNTO DE LI CUNTI

Di

Giambattista Basile

Lo Cunto de li Cunti overo lo trattenemiento de peccerille. Sono 50 le fiabe e meglio i racconti che Giambattista Basile scrisse in lingua napoletana. Dato alle stampe fra il 1634 e il 1636 a Napoli, lo Cunto riscosse grandissimo successo tra le corti, i salotti bene di Napoli, ma anche tra la gente comune.
L’opera, di una bellezza linguistica incomparabile, dato il periodo storico, si rese nota anche come il Pentamerone. Una storia avvincente composta per cinque giornate, ci viene raccontata da 10 novellatrici. Indubbio il rapporto letterario che ispirò l’opera e che è da identificare nel Decameron di Boccaccio. Nel Cunto, tuttavia c’è l’anima napoletana che si respira non solo nel linguaggio ma anche nei temi trattati. Le atmosfere sono quelle del Medioevo, descritte in modo fiabesco e adattate ai motivi popolari; non a caso spesso gli attori delle fiabe sono i personaggi miseri, poveri e dimenticati, trovati tra i mille vicoli di Napoli di quei tempi. Se per un verso i temi trattati sono espressi per bocca del popolo poco colto, essi contenendo valori complessi, filosofici e criptici, sono destinati agli adulti. L’autore consegnò così un patrimonio di massime, di aneddoti morali, di lazzi spiritosi e mirabolanti a tutti. Giambattista Basile volle dedicare l’opera ai membri dell’Accademia napoletana degli Oziosi.

https://archive.org/stream/260BasileLoCuntoSi034/260_Basile_Lo_cunto_si034#page/n3/mode/2up

Questo articolo si trova in: ----- Giambattista Basile, 00 In Rilievo

10 Feb

1 Comment

Una storia d’altri tempi

by

Una storia d’altri tempi

Di

Vincenzo Pepe

L’appassionamento era stato, si può dire, una conseguenza del metodo didattico del suo principale il quale conferiva dignità d’arte alle più semplici prestazioni del suo mestiere: procedesse a un sfumatura, o a una rasatura, o a un contropelo, a al taglio delle basette, egli usava intercalare l’esecuzione con osservazioni e riflessioni di estetica elementare. La simmetria di baffi e basette, per esempio, lo portava spesso a ribadire il carattere armonico della bellezza, e a insistere, al riguardo, sul concetto che l’armonia musicale è inscindibile da quella della forma, e che buon musicista è chi assieme all’orecchio coltiva l’occhio, ed è capace di rintracciare ritmi e melodie nella successione di note, ma anche in quella di tinte e colori.

02 – Una storia d’altri tempi – Di Vincenzo Pepe – vesuvioweb 2018

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Vincenzo Pepe

10 Feb

2 Comments

Sorrento greca

by

Di Alda Levi

Indagini e scavi del 1924 a Sorrento

Storia e archeologia a Sorrento.  Il promontorio a picco sul mare, dove oggi si ammira l’attuale città di       Sorrento, in epoca greca fu la residenza di una comunità fiorente e crebbe fino alla conquista romana arricchendosi di grandi e spettacolari edifici in onore di quegli dei dell’Olimpo che avevano attraversato il Mediterraneo e avevano   scelto il golfo del Vesuvio come propria, nuova dimora …

A cura di Aniello Langella

sorrento icona1

Sorrento greca – Relazione di scavo del 1924 – vesuvioweb 3013

 

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Archeologia