16 Set

3 Comments

1 – Le eruzioni del Vesuvio nella “Gazette”

by

Le eruzioni del Vesuvio nella “Gazette”

Di

Franco Tessitore

La Gazette, rivista settimanale francese fondata nel 1631 da Théophraste Renaudot, medico di Luigi XIII, fu uno dei primi organi di informazione a stampa (precedentemente le notizie erano diffuse à la main) e raccontava gli avvenimenti di corte, politici, diplomatici e scientifici da tutta l’Europa con un particolare taglio, come si può immaginare, realista e clericale. Naturalmente non era un giornale come quelli che conosciamo oggi, aventi una chiara distinzione tra argomenti e luoghi di accadimenti. Al contrario, la sola distinzione registrata riguardava i centri di partenza (Vienna, Napoli, Roma, Parigi…) delle notizie le quali erano esposte una dopo l’altra, senza stacchi e senza ‘a capo’ per cui, in qualche caso, questo metodo dava luogo ad ambiguità, non comprendendosi bene se due o più fatti, riportati in successione, fossero da attribuire allo stesso evento.
La Gazette fu pubblicata fino al 1914 sotto vari nomi:
• La Gazette dal 1631 al 1761;
• Gazette de France, dal 1762 al 1792 con il sottotitolo Organe officiel du Gouvernement royal;
• Gazette Nationale de France dal 1792 al 1797, quando divenne quotidiano;
• Riprese il titolo di Gazette de France durante l’Impero e con la Restaurazione divenne uno dei più importanti organi di informazione.

1 – Franco Tessitore – LE ERUZIONI DEL VESUVIO NELLA GAZETTE – vesuvioweb 2018

16 Set

3 Comments

I giochi di una volta – La Lippa

by

I giochi di una volta – La Lippa

Di

Silvio Falato

Quando nel mese di Aprile il clima si faceva dolce e si cominciava a trascorrere intere giornate all’aperto, molto praticato per ogni dove era il gioco della “lippa”. Da noi, a Guardia Sanframondi (BN), ma anche in vaste aree dell’Italia Meridionale è conosciuto col nome di “màzza e péuze. “Péuze”  è uno strano termine, ereditato dalla cultura degli antichi Sanniti; infatti deriva dall’antico osco *pilso = bastoncino, che ha avuto la seguente evoluzione: *pilso > *pelso > *péuzo > “péuze”.  Gli strumenti della lippa sono, come avete sicuramente già compreso,  due pezzi di legno, uno più lungo (30-40 cm), la “mazza,  l’altro più corto (10-15 cm) “re péuze. L’uno e l’altro vengono ricavati dallo stesso pezzo o bastone di legno, ma “re pèuze”, detto in italiano “lippino”, viene appuntito ad entrambe le estremità, così può saltare quando viene percosso in punta con la mazza.

Silvio Falato – I giochi di una volta – La Lippa – vesuvioweb 2018.pub

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, guardia sanframondi

16 Set

0 Comments

A – da abbabbià ad azzuppà

by

Lessico e letteratura napoletana

A

da abbabbià ad azzuppà

Di

Salvatore Argenziano

Abbàsca: s. f. Affanno. Inquietudine. etim. Spagn. “basca”, affanno. Giovanna Riccio-Ispanismi. Dallo sp. basca(s) (de Ritis I 1845; D’Ambra 1873; Altamura 1968), passato anche al cat., prov. e sardo (DEI I 448; cfr. anche le v. sic. e cal. bbaschie f.pl. ’id., rossore al volto per disturbi allo stomaco’) e, con cambio di prefisso, mbasca f., mbascu m. che, secondo Varvaro (1974: 88 sg.), potrebbero corrispondere tanto al cast. basca (dal 1220-50, Berceo, ib.) che all’omografo cat., risalente a Pere III (ib.; DCVB 2 341).

1 – Salvatore Argenziano – Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano – Da abbabbià ad azzuppà – vesuvioweb 2018

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Lessico e Letteratura Napoletana

16 Set

1 Comment

Capri 1922 – Scatti fotografici

by

Capri 1922 – Scatti fotografici

 

L’architettura vegetale completa, col suo carattere decorative, l’edilizia muraria; il giardino integra la casa, nel paesaggio. Ed il giardino e la casa, opera dell’uomo, completano l’opera della natura, dando al paesaggio la peculiare impronta della cultura e del gusto d’un popolo, la misura della sua civilta, l’espressione del suo carattere.
Ho detto della casa come dico del giardino di Capri, prendendo questa piccola isola ad esemplificare ogni comunello d’ltalia.
Come ogni altro agglomerate umano, Capri ha una cifra dell’edilizia muraria e dell’ architettura vegetale e combinazioni , fusioni dell’una con I’altra che ne costituiscono la caratteristica per la quale un agglomerate umano si distingue dall’altro: la distinzione che bisogna mantener pura, schietta, incontcuninata e salvare dalla deturpazione e dalla sofisticazione per conservare ad ogni paese la sua individualita topografica che e poi il suo fascino pittoresco. Occorre salvare il giardino, come la casa, dalle superfetazioni e dalle corruzioni dei nuovi ricchi, i ricchi vergognosi, che hanno mosso alFassalto della modesta casa villica per fame il villino, del modesto giardino rurale per fame il parco. Come, dopo la guerra, c’e stata la scalata alle banche, c’e stata anche la scalata al paesaggio; col trust del cattivo gusto cosmopolita trionfante sulle singole espressioni varie ed originali, spontanee del gusto locale d’ogni paesello. Capri, scelto ad esemplificare ogni piii remote paesello, puo invidiare ai remoti comuni d’ltalia la segregaziene che li salva dai centatti del cattivo gusto intemazionale, che li fa sfuggire alle brame del turismo ed agli appetiti dell’industria alberghiera. Nella decerazione vegetale e I’anima stessa del paesaggio ed il giardino, interne alia casa, e la parte vivente dell’architettura che l’uomo deve intonare alia sua vita. L’anima delle piante, la meccanica dei loro sensi, puo essere, forse, solamente una concezione fisiologica, come quella che ci ha rappresentata il France; od una divagazione letteraria e sentimentale, come quella del Maeterlinck, un indagatore di anime che ci descrive la brama rampicante d’un convolvolo con lo stesso spirito poetico col quale penetra  misteri del differenziale per rivelarci il contenuto psicologico del motore a scoppio. Per colui che guarda le piante con gli occhi dell’anima e le intende come la parte animata e vivente del paesaggio, il fiore, il cespuglio, l’albero gli ospiti del nostro giardino che hanno poi con la natura una comunione intima attraverso il mondo degli insetti sono essenze della nostra vita. L’anima delle piante, e la loro vita, diventano parte dell’anima e della vita nostra. Come per gli animali, cosi per le piante noi acquistiamo I’abito mentale antropocentrico che presta agli esseri del mondo vegetale gli aspetti e le sensazioni che sono propri della vita umana. Cosi si puo pensare che un irsuto echinocacto,
penetrato, per chi sa quale abenazione, nel giardinetto cintato di un monastero, porti lo scompiglio e lo scandalo nel casto
ritiro di una congregazione di violaciocche rubiconde; o si puo comprendere come un mesembriantemo, di oneste intenzioni rampicanti, possa farsi perdonare la sua parentela alle piante grasse purche ricopra la nudita brutta d’un muro a secco con fitte cortine di verdura succolenta.
C’è ancora dopo la trasformazione delle case coloniche in villini, dei giardinetti recinti di alte mura in cattive imitazioni di
parchi «all’inglese» — c’è ancora chi puo intendere la poesia degli orticelli della vecchia Capri? Piccole oasi di pace per le ore
contemplative, dove fioriva I’alberello di gaggla che fa pensare alia beghina che la sua piuma d’oro intabaccava, col naso ogni mattina….
Giardini cintati da muri sforacchiati invasi dall’edera, festonati da capperi e ciuffi di bocche di leone ; orti infiammati da oleandri, ingemmati da melagrani, profumati d’erba cedra, di basilico e d’oregono dove le rose a ciocche, i rosolacci, le margherite e le viole impazziscono, sotto il sole meridionale, nella danza orgiastica dei colori. Chi piu conosce o visita, a Capri, il vecchio orto abbandonato del convento di Santa Teresa? II «giardino del Capitano», alla Certosa, che ha una gran nicchia col fondo d’oltremare, come se fosse preparato per ricevere un affresco del Veronese, e diventato un triste ricovero di carciofi di malaffare, e solamente l’enorme albero di gaggia ed il meraviglioso oleandro ne ricordano I’antica bellezza. Il giardino di
Villa Castello, una volta rifugio remoto e suggestivo d’ombra e di mistero, e stato profanato da aiuole a forma di fegato, da sentieri e vialetti che hanno i contorcimenti dell’intestino cieco e, peggio di tutto, con colonnati, colonnine e colonnette per fare l’imitazione dell’orto classico romano! Giardini reconditi, remoti, silenziosi di Capri – o non forse d’ogni comunello italiano? —
voi andate diventando i campi dell’esoticismo vegetale, vi andate trasformando in caricature di parchi per la ostentazione del lusso della gente che «pub spendere» ed incominciate a stonare come stonano i villini dei pescicani, nel paesaggio di Capri.
Il nostro bel giardino, spesso cintato da alte mura, che gli danno il fascino della più suggestiva intimita, rallegrato da bei colonnati e portici, olezzante di fiori d arancio, e ora anch’esso violato da quello spirito irrequieto di modernita esotica e lussuosa che accompagna la invadente civilta bocconista.
E non basta più la semplice, ingenua colonna caprese, non la romantica bocca di cistema dai bei ferri istoriati, non la gioiosa
vegetazione di paunpini, di gelsomino e gaggle, a riempire la calma dei nostri orticelli reclusi. II classicismo, degenerazione dello spirito classico, penetra anche intorno alle nostre casette, con 1′ anfora romana « di scavo » , o peggio, con lincongnio assurdo vaso cosidetto « Ginori », bruttamente patinato ed istoriato: vaso per decorazione, nel quale non potrebbe nemmeno vegetare una pianticella di prezzemolo ed entro il quale affoga invece, strozzato, un asparago rachitico. Con r anfora assurda, sono penetrati, nel nostro giardino, la statua ed il bassorilievo.
E siccome non tutti i villaiuoli possono farsi venire a domicilio l’originale della Venere di Cirene o I’Apollo Sauroctono di Prassitele, finiscono per adottare il loro surrogato in calcestruzzo , una Minerva di gesso, un bassorilievo di Signa, o, peggio, il tempietto « greco » . Noi non abbiamo più Iddii silvani per questi tempietti, non sacrifichiamo piu a Mitras, ma abbiamo ripresa la moda del tempietto greco nel giardino : lo utilizziamo per il five o’ clock. E quando abbiamo riempito tutti gli angoli del giardino con colonne stuccate, vasi ed anfore, con mciioliche, statue e frammenti di « scavo »; quando il muratore ha finito la copia dell’arco degli Argentieri e lo stuccatore sta per dare Fultima leccata al tempietto greco, se ci resta un po’ di spazio disponibile pensiamo che occorrerebbe pure qualche pianta nel giardino.
La gente che « si fa la villa a Capri » oggi ritiene che le piante, per un giardino indigene, debbano essere esotiche. Pensate alia volgarita di un arancio, d’un pesco, d’una gaggia ! Si possono averle a portata di mano. Un giardino di lusso, a Capri, deve contenere il Pirus japonica, varietas Mediolanensis. II giardiniere di famiglia ci assicura che certe piante che sa lui – coi nomi latini – sono il dernier cri della stagione. Tentiamo dunque il Crisantemo pyramidahilis, come dice il giardiniere ; o l’acacia horrendifolia. il Persicum spinosus, il Pinus paradoxus e YOpuntia morbosa…. Eppure quanta grazia si puo conferire al giardino improntando alla  flora campestre i suoi vaghi prodotti, percompletare il quadro della tradizionale flora domestica dei nostri orti. Nei giardini delle nostre case rurali i cipressi ed i grossi pini ombrelliferi possono costituire il miglior elemento decorativo. II giardino di Capri deve essere caprese, e la flora dei giardini capresi abbraccia tutta la gamma dei colori e dei profumi. Noi dobbiamo tentare di acclimatarvi , o meglio, di coltivare specie spontanee indigene che crescono sulle nostre rocce e nelle nostre selve, minacciate di estinzione. La flora caprese ha una ricchezza straordinaria di fiori adattabili quasi tutti a coltura artificiale. Abbiamo indigene e spontanee, una trentina di orchidee di rara bellezza molte delle quali allignerebbero nei giardini; cosi pure, varieta bellissime – il croco ed il gladiolo – d’iridacee. Fra le amarillidi, il narciso, di facilissima coltura; e fra le venticinque o piu varieta di liliacee, il giglio bianco comune, il giglio di Monte Solaro, I’asfodelo, la scille, le aloe, vaghissimi e rari tulipani che crescono selvaggi: come il T. precox di Anacapri. Poi una serie di piantoline rare, caratteristiche dell’isola: la bellissima Campanula fragilis, di un delicato azzurro-violaceo; il Lithospermum rosmarinifolium, di un turchino intenso che, nel colore, emula le genziane alpine e mette macchie vivide nella roccia; il cappero rupestre, omamento vaghissimo delle vecchie mura, ed il cui bocciuolo e un prelibato condimento. E poi, ancora, suscettibili di coltura in giardino: le clematidi, gli amaranti, i papaveri, le primule e molte varieta di viole: V. odorata, V. selvatica, V. hirta…. Dopo il Lithospermum  Rosmarinifolium Compton Mackenzie in^n impression of Capri flowers («Le Pagine dell’hola», ott. 1922) pone il Convolvulus Cneorum secondo fra i fiori selvatici piu tipici di Capri; nessuno ne ha mai tentato rallignamento nei nostri giardini, ma il vaghissimo fiore sarebbe un ospite molto gradito, per le sue qualita ornamentali, nei nostri orti. Cosi lo descrive il Mackenzie:
« Un vero aristocrata, il C. Cneorum. II convolvulo ordinario e un brigante che nulla ama di meglio che di sciupare gli altri fiori
attorcigliandosi attorno ad essi, o covrendoli, o riempiendo il suolo con pezzi di radici ineradicabili, ciascuna delle quali si sviluppa in un altro brigante. Ma C. Cneorum coi suoi cespugli di foglie argentee ed i suoi fiori candidi come paracadute di fate resta nei proprio crepaccio, come un perfetto gentiluomo ». Degli arbusti e degli alberi indigeni, quasi tutti si prestano a cultura artificiale, se trapiantati e coltivati intelligentemente per la decorazione dei giardini. In ispecial modo il corbezzolo (di  difficilissimo allignamento) la ginestra, il mirto, il ginepro; le palme da scopa (Camaerops humilis) una volta cosi profuse ed oggi rare, indicatissime nelle vicinanze del mare; molte euforbiacee fra le quali il ricino, cosi decorative, e le betuUe. Per ottenere gli effetti ornamentali piu fantastici si prestano le cactee d’ogni specie la cui acclimatazione, nell’isola, e stata  sperimentata con ottimi effetti in giardini, e fra queste piante grasse, di facilissima riproduzione e rapido sviluppo, i numerosi mesembriantemi dai fiori delicatissimi si adattano mirabilmente per coprire mura a secco e rocce sterili. Le opunzie, i cerei, le stapelie, le euforbie, le portulacee hanno svariatissime specie tutte adatte per ottenere gli effetti piu strani e vaghi nei teneni accidentati e nelle anfrattuosita delle rocce alia cui architettura naturale possono venir associati per rendere più vago e pittoresco il paesaggio. L’amore per il giardino ed il culto per le piante possono essere oggetto di feconda attività artistica, di operosita preferibile alla inetta, costosa rievocazione di classicismo, alla erezione di tempietti bugiardi, di brutte statue
ed erme di terracotta ed alia falsificazione di finte grotte con finti stalattiti snaturanti il carattere del suolo e deturpanti la bellezza del luogo. Nella composizione architettonica del giardino di Capri, di questo accessorio essenziale della nostra casa di campagna, entrano motivi decorativi che conferiscono al nostro paesaggio un suo peculiare carattere meridionale, «mediterraneo». II giardino e la casa di Capri debbono intendersi come i risultati etnici, culturali, estetici dell’ architettura ortense ed edilizia romana, modificata volta a volta dal gusto e dalla cultura delle dominazioni che succedettero sull’Isola a quella cesarea. Di un solo architetto romano – Masgaba « Masgaban nominen, quasi conditorem insulae…. » – e rimasto un ricordo impreciso ; ed e anche molto vaga ed arbitraria la supposizione che si e voluta fare attribuendo alia qualifica di Conditor insulae, con la quale la memoria di quel favorito africano di Augusto ci e tramandata, il significato di architetto dei palazzi cesarei di Capri. Ma se non ci resta traccia sicura degli autori delle costruzioni romane, restano le impronte delle fabbriche
stesse, dalle quali si puo arguire che durcinte I’epoca dei Cesari, Capri era ingemmata di orti e ville deliziosi ed i declivi dei
monti, le vallette riparate dai venti, le sommita stesse delle rupi paurose, erano cosparse di peristili e templi, colonnati, portici e propugnacoli di preziosi materiali, di meurmi insigni, e che la dovizia del pentelico, del porfido, del rosso e del giallo numidico, erano alternati da boschetti e mirteti, da viali di cipressi masculi e da gruppi di pini umbraculari della cui specie ancora oggi esistono superbi esemplari.
Caduto rimpero Romano d’Occidente, la rabbia devastatrice del tempo e degli uomini completo la distruzione delle fastose costruzioni cesaree che avevano serbato il loro splendore forse fino eii tempi di Caligola, di Commodo e di Diocleziano, gli ultimi imperatori che avevano visitato Capri. E nell’architettura dell’Isola la maniera dei primi cristiani, dopo il VI secolo, si sovrappose e si fuse assieme al gusto delle strutture romane e grecaniche; I’arte monastica dei benedettini incomincio a foggiare quegli elementi della architettura isolana dai quali sono derivati i motivi che, influenzati piu tardi dal gusto dei
Barbari e dei Barbareschi, da Normaimi e da Saraceni, diventarono gli elementi decorativi del paesaggio nostro. La colonna, il
pergolato, il portico, la loggia, gli accessori stessi del giardino, come la « giarra » olearia, che e una riproduzione deU’olla che i romani avevEuio a loro volta derivata dall’otre pastorale ellenica, sono motivi architettonici del paesaggio d’oggi, radicati nel gusto e nelle foggie del paesaggio classico e medioevale.

Liberamente tratto da

Il giardinoe la pergola: nel paesaggio di Capri. Edwin Cerio, Napoli 19221

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Arte e cultura a Capri, Storia

16 Set

0 Comments

Campania insolita e segreta

by

Maria Franchini e Valerio Ceva Grimaldi

CAMPANIA INSOLITA E SEGRETA

Maria Franchini. Guida ai monumenti della Campania per quindici anni e conferenziera, Maria Franchini è nata a Napoli. Giornalista e autrice, grande appassionata di cultura napoletana ed esperta di civiltà romana, ha al suo attivo diverse pubblicazioni. Lavora per il Centro Culturale Italiano di Parigi, per il quale tiene corsi di lingua napoletana, organizza conferenze e dirige seminari sugli argomenti che predilige.

Sito web: www.sgdl-auteurs.org/maria-franchini/index.php/pages/Biographie.

Coautrice di Napoli insolita e segreta presso lo stesso editore. Valerio Ceva Grimaldi Pisanelli di Pietracatella è membro di un’antica famiglia nobile napoletana. Giornalista professionista, ha lavorato nello staff del presidente della Provincia di Napoli, il prof. Amato Lamberti, e poi all’assessorato all’Ambiente del Comune di Napoli. Ha collaborato per due anni alla trasmissione Gap della Rai. E’ stato caporedattore della testata Notizie Verdi e vicedirettore di Terra, il primo quotidiano ecologista distribuito in edicola. Ha pubblicato numerosi articoli e inchieste sulla città di Napoli. È stato consulente della trasmissione Rai “Ulisse, il piacere della scoperta”, condotta da Alberto Angela, in occasione della puntata “I mille segreti di Napoli”. Per chi desideri contattarlo è possibile scrivere a cevagrimaldi@gmail.com.

Coautore di Napoli insolita e segreta presso lo stesso editore.

Gli altri autori:

Marco Di Donato: “Il simbolismo esoterico del castello dei marchesi Caracciolo del Balzo”; “La triplice cinta dell’Abbazia del Goleto”; “La cappella di San Luca”. Prof. Maria Passaro: “Il campus dell’arte”. Domenico Orsini: “Un campus all’americana”; “Sbirciando nei laboratori del campus”. Campania insolita e segreta è frutto di una considerazione: le tantissime guide in commercio descrivono di regola sempre gli stessi siti (Pompei, il Vesuvio, Capri, Sorrento, Amalfi, Paestum…), e niente o quasi che faccia uscire dall’ombra l’incalcolabile numero di altri tesori che cela questa regione, posti sconosciuti anche a chi ci abita e a chi vi ha soggiornato più volte. La guida è dedicata a loro, nella speranza che sarà gradita anche al visitatore occasionale che desideri allontanarsi dai soliti itinerari. Alcuni luoghi sono anche arricchiti da testi tematici, che consentono di farsi un’idea della cultura campana in tutta la sua complessità. I commenti sulla guida e il suo contenuto o su luoghi non descritti in queste pagine sono molto graditi, poiché ci consentiranno di arricchire le future edizioni.

 

1 – MARIA FRANCHINI E VALERIO CEVA GRIMALDI – CAMPANIA INSOLITA E SEGRETA – EDIZIONI JONGREZ – 2018.pub

Scriveteci al seguente indirizzo:

Edizioni Jonglez, 25 rue du Maréchal Foch

78000 Versailles, France

Email: info@edizionijonglez.com

 

 

01 Set

0 Comments

Letteratura gastronomica del Meridione d’Italia

by

Letteratura gastronomica del Meridione d’Italia

Di

Gennaro Avano

Campania

Partendo dall’antichità la presenza della Campania nella letteratura gastronomica meridionale è costituita da una fitta rete di autori, di riferimenti produttivi e denominazioni di ricette che trovano le rappresentazioni più remote nella letteratura latina di genere. Autori come Marco Gavio Apicio, Quinto Orazio Flacco o Tito Petronio Nigro, che hanno provenienze diverse  (propriamente campano il primo, lucano il secondo e marsigliese, il terzo), sono accomunati dalla stessa koinè territoriale in cui elaborano le rispettive opere. Benché tali opere siano di diverso genere (prescrittivo il De re coquinaria del primo e descrittive, ovvero narrative, le satire degli altri due -Cena di Nasidieno e Cena di Trimalchione-) hanno dunque la medesima ambientazione, quella di un luogo che rappresenta il fulcro gastronomico del mondo latino. Nel testo del primo autore, Apicio, pur deformato dalle numerose aggiunte protrattesi fino al II secolo d.C., possiamo individuare attraverso passi a lui riferibili, costituiti da ricette stringate che vedono l’impiego quasi esclusivo di prodotti meridionali, varie specialità della Campania Felix e di altri agri dell’attuale regione. Pane Picentino9, fave baiane, la citazione di certi utensili molto connotati, come la tipologia di vaso chiamato “Cumana”, o dediche gastronomiche come il “Piatto lucreziano” in onore del filosofo campano Tito Lucrezio Caro (coevo di Marco Gavio, col quale l’Autore condivide l’ideale dell’epicureismo-cirenaico), sono gli oggetti che costruiscono lo scenario gastronomico di base, in cui si innestano poi anche numerosi “altrove”. Naturalmente non sono solo le diciture esplicite che rendono riferibili i piatti al territorio campano, una lettura attenta consente infatti di riconoscere metodi e antesignani di piatti esistenti, come i “piselli maritati” o i “musteis” mostaccioli e persino certe “braciole”, involtini di carne, che riconosciamo nelle “Ofellae”. Un grande salto epocale divide l’antico libro di Apicio dal trattato successivo, ma come per incanto la storia riprende dal luogo in cui si è interrotta. Siamo sempre in Campania e ivi troviamo il più antico manuale culinario medievale d’Europa, l’anonimo Liber de Coquina, ascritto agli ambienti della corte angioina, dunque napoletano, e databile intorno alla fine del 1200.

Gennaro Avano – Letteratura gastronomica del meridione d’Italia – vesuvioweb 2018.pub

 

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Vesuvius e ars culinaria

01 Set

2 Comments

Il rimpiattino o nascondino o nasconderello da noi “Te fòka e te lìscja”

by

Il rimpiattino o nascondino o nasconderello da noi  “Te fòka e te lìscja”

Di

Silvio Falato

Quindi, restando sempre in circolo, a un “uno, due e …tre“, gridato dal solito capogruppo, ognuno, in stretta contemporanea con gli altri, lanciava la mano, aprendo a sua volontà una certa quantità di dita; c’era sempre il contabile capacissimo che in un attimo calcolava la somma e procedeva alla conta per decidere chi doveva “andare sotto”. Lo sfortunato si metteva subito con la faccia al muro e iniziava a contare ad alta voce fino al numero precedentemente concordato. Nel frattempo tutti gli altri, con la massima velocità e oculatezza, si sparpagliavano nelle zone circostanti, alla ricerca di un posto in cui nascondersi. Il designato dalla sorte, terminata la conta, si metteva alla ricerca degli avversari.

Silvio Falato – Il rimpiattino o nascondino o nasconderello da noi Te fòka e te lìscja – vesuvioweb 2018.pub

 

 

01 Set

2 Comments

19 – La Vocale – O –

by

A Lenga Turrese Vocalismo e Consonantismo

La vocale O

Di

Salvatore Argenziano

Nel passaggio da una parola alle sue forme composte, si ha uno spostamento dell’accento tonico, dalla vocale radicale ad una successiva, come da -ròta > rutèlla-. In questo passaggio si ha la mutazione Ò/U della vocale radicale, -rò/ru-. Il fenomeno è molto diffuso nella fonetica del dialetto e questa mutazione pretonica può ritenersi priva di eccezioni.

Da còccia > scucciato, scucciànte, scucciatura.; **F. Russo. Partenno aveva ditto: “Si ncuntrammo / nu monaco, nu zuoppo o nu scucciato, / sarrà nu malaùrio! Cammenammo! **Viviani. Comme ha ditto a vvuie stu signore, ca io ll’aggio miso88 ’a mano dint’ ’a sacca, ’o ppò ddicere all’ate… E vuie, avvoca’, nun avit’ave’ né suspette, né scucciature…

19 – La Vocale – O – A Lenga Turrese Vocalismo e Consonantismo – Di Salvatore Argenziano – vesuvioweb 2018

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Stròppole linguistiche

01 Set

1 Comment

Teofilatto II Duca di Napoli e la grande guerra contro i Saraceni

by

Teofilatto II Duca di Napoli e la grande guerra contro i Saraceni

Di

Aniello Langella

Nel lavoro precedente, tutto dedicato allo studio di questo personaggio storico che a Napoli visse da re, nella sua forma più aulica del termine, ho tracciato, per quanto avida sia stata la ricerca bibliografica, i momenti salienti della sua vita ed anche delle sue opere. Vale la pena ribadire qui, in questa seconda parte, che di Teofilatto o Teofilo, abbiamo scarsissime testimonianze. Visse da Duca e con questa carica portò a termine importanti opere religiose e civili. Visse anche da guerriero, come nella tradizione militare dell’epoca ed ebbe importanti onorificenze per questo. Tutto ciò accadde in un breve lasso di tempo. Una vita intensa e molto concentrata attorno ad eventi ed accadimenti che in quel periodo riuscivano a sconvolgere in maniera anche grave l’assetto politico e soprattutto civile della città e dei suoi abitanti. Voglio ricordare come ho fatto nel precedente lavoro, il periodo nel quale visse Teofilo, cercando di trasferire al lettore la certezza, della scarsa attendibilità delle datazioni e dei riferimenti cronologici in senso lato, proprio a causa della mancanza di fonti certe. Per le fonti ufficiali il Duca regnò su Napoli dall’800 all’801. Ma se questo può sembrare apparentemente coerente con diversi testi della bibliografia napoletana, dobbiamo esprimere non poche perplessità e nutrire dubbi veri, quando leggiamo: “L’elezione di Sergio I è posta nel marzo 840, e la morte di Teofilo nel gennaio 842. Capasso, Mon. ad Neap. ducat., ecc. pag. 83.”

Aniello Langella – Teofilatto II Duca di Napoli – Seconda parte – vesuvioweb 2018.pub

 

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Personaggi a Napoli, Storia

01 Set

0 Comments

La mitra gemmata del tesoro di San Gennaro

by

La mitra gemmata del tesoro di San Gennaro

di

Marcello Erardi

È marcahile ed ammirabile la coincidenza, che allorché nelle sopradette festività avviene il miracolo di S. Gennaro, cioè della liquefazione del sangue nelle ampolline in Napoli, avviene che rosseggia il residuo del sangue della pietra su cui S. Gennaro fu decapitato in Pozzuoli nella stessa ora; io che e documentato dai costanti rapporti che partono dall’uno e dall’altro luogo. Non ostante che questo portento sia così evidente, non mancano di quei perversi di cuore, o di altre credenze a fare delle osservazioni maligne ed inconcludentà; a questi la miglior risposta che può dare si e di pregarli a trovarsi presenti a questo miracolo, e così convincersi della verità. Sempre che si espone il sangue e la testa di S. Gennaro, il popolo e tra questi marcatamente taluni che vantano per tradizione essere appartenenti alla famiglia di questo Santo, nel proprio dialetto dicono delle orazioni fervorose per ottenere la rinnovazione del miracolo. Allorché nel Tesoro si espone il busto di S. Gennaro sull’altare, viene lo stesso vestito di ricco piviale e mitra gemmata, essi dicono: “Esci e facci grazia Santo bello, gran campione di Gesù Cristo, santone, nostro, prima cavaliere della santa Chiesa; ricco e santo delli doni della Ss. Trinità, e dell’ Immacolata Concezione. Evviva Gesù, evviva Maria, e chi l’ha creato, e fatto Santo martire della nostra S. Fede accresci la nostra S. Fede, e dai lame a chi non crede – Grazia santo bello, stendardo della Ss. Trinità e della nostra fede. Con Gesù Salvatore e con l’immacolata Concezione e coi Ss. Sacramenti San Gennaro tienici mente. S. Gennaro mettici sotto lo manto della Madonna e sotto lo mantiello tuo, e così ajutaci, difendici, riparaci da ogni disgrazia. Messe le ampolle col sangue sull’altare dicono dopo recitato il Credo ed altre anziani: Grazie stendardo della s. Fede e della Ss. Trinità, che coronata di stelle con Maria sempre stà. Alla Ss. Trinità facimmo tanti ringraziamenti pe sta gran santo che c’ha dato Cavaliere di Gesù Cristo, gran santo, ricco delli doni della nostra s. Fede, accresci la nostra s. Fede e dà lume a chi nu crede. Evviva Gesù, evviva Maria e s. Gennaro. S. Gennaro martire della nostra S. Fede.

Da

Memorie storiche della città di Napoli. Di Francesco Ceva Grimaldi. Napoli 1857, pagina 73.

 

Gepostet von Napoli vista attraverso gli scatti fotografici am Samstag, 18. August 2018