12 Gen

2 Comments

Il contranommo

by

Il Contranommo

Di

Giuseppe Giacco

Di un giovane bello e di carattere si può dire che è: ammartenato (da martino= coltello dei guappi); se ama vestire a puntino come un damerino: don fichino, milurdino; se si impiccia di tutto e s’intriga come donnicciola: farenello, nacchennello; se è poco virile, è sciacquariello, babbilano; se si atteggia proprio come una donna: femmenella; se è malvagio: bonapezza;  spregevole: cantaro, lota, merdaiuolo, latrino; sciatto e sporco: iummàzzo; buffo e caratteristico: macchiètta; posato: abbasato, accustante; se è un donnaiuolo: sciupafémmene; se lussurioso: carnalaccio; chi dà schiaffi per attaccare briga: schiaffiére; alto e sciocco: sciabbècco, ntòntaro; spendaccione e altruista: scialapòpulo; che non si regge sulle gambe: scioffolato; fastidioso,   noioso: scucciatore; piccolo e deforme: scuncìglio.

Giuppe Giacco – Il contranommo – vesuvioweb 2019

 

12 Gen

2 Comments

Giovanna la Pazza

by

Giovanna la Pazza

(da “Napoli: racconti filosofici di ieri e di oggi”)

Di

Umberto Vitiello

Indaffarato a ripulire e mettervi in ordine libri usati, stampe antiche più o meno autentiche e cianfrusaglie varie, ogni mattina don Luigino verso le nove e mezzo deponeva nel retrobottega spazzola e strofinacci, faceva un po’ di posto sul bancone, si dava una sciacquatina alle mani e, sorridente e soddisfatto, aspettava il ragazzo del bar che gli portasse il solito caffellatte e le sfogliatelle calde. Mentre faceva colazione non gli piaceva essere disturbato dagli affari – diceva – e tuttavia era sempre ben disponibile a parlare delle sue letture di varia umanità. Un giorno, tra una sfogliatella e l’altra, il discorso con un paio di  potenziali acquirenti venuti a curiosare nella sua bottega proprio in quei pochi minuti di riposo cadde su Giovanna la Pazza.

Umberto Vitiello -Giovanna la Pazza – vesuvioweb 2019

12 Gen

4 Comments

B – da babbà a butto

by

Lessico e letteratura napoletana

B – da babbà a butto

Di

Salvatore Argenziano

Baccalà: gastr. Merluzzo (Gadus morrhua) essiccato con salagione, diversamente dallo stocco che è merluzzo essiccato al sole, senza sale. Traslato per sciocco, babbeo. *Mussillo ’i baccalà. *Scella ’i baccalà. etim. Spagn. “bacalao”.
*Cortese. Oh quanto porria dicere, e sto zitto, / De chello che fi’ mo nce aggio refuso! / E strenghe e lazze e filo, che st’affritto / Vorzillo mio pe te maie stette chiuso; / Baccalà co la sauza e perzì fritto / Te portava, e le zeppole annascuso, / Lupine, e ciento cose da magnare, / Mo ch’è paidato non c’è cchiù compare».
*I. Cavalcanti. Piglia sempe lo baccalà chiù duppio, e t’arraccommanno sempe la pulezia ch’è la primma cosa dinto a la cucina, lo lavarraje buono.
*F. Russo. Addò l’appoia, sta sbafantaria? / Fa ’o nobbele, ’o sbruffone, e po’ s’abbotta / de pulenta, fasule e baccalà…!
*R. De Simone. Uh mannaggia ’o baccalà / Chi t’è muorto oi mamma ma’ / puozza scula’ / puozza schiatta’ / puozz’j’ cercanno ’a carità
*Poesia Popolare. alli otto alli otto / baccalà cu ’a carna cotta.
*Poesia Popolare. si tenesse che magnà / io nun vulesse faticà / chi tene ’a figlia e nun m’ ’a da / uh se pozza ’nfracetà / comm’a ’na scella e baccalà

Salvatore Argenziano – Lessico e letteratura napoletana – B – da babbà a butto – vesuvioweb 2019

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Lessico e Letteratura Napoletana

12 Gen

1 Comment

Planimetria di Pompei 1840

by

Planimetria di Pompei 1840

Napoli e i luoghi celebri delle sue vicinanze. Volume II, pagina 494
Di Antonio Zezon, Francesco Wenzel, Achille Vianelli – 1803-1894

Planimetria di Pompei 1840 Napoli e i luoghi celebri delle sue vicinanze. Volume II, pagina 494 Di Antonio Zezon, Francesco Wenzel, Achille Vianelli – 1803-1894

 

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Archeologia

15 Dic

2 Comments

Nu gliuommeraro è tturnato, e ’a storia ’e Ciccillo e Rrafèle v’ ’ha cuntato

by

Nu gliuommeraro è tturnato, e ’a storia ’e Ciccillo e Rrafèle v’ ’ha cuntato

Di

Umberto Vitiello “Vadim”

La prima volta – rispose – lo vidi in Piazza San Domenico Maggiore che aveva già attirato tante persone intorno a sé e si  accingeva a dare inizio al suo spettacolo. Io andavo a scuola, ero in anticipo di una mezzoretta grazie a mia madre che mi buttava sempre molto presto fuori casa perché si sentiva in dovere di educarmi alla puntualità, e potei fermarmi ad ascoltarlo. In una ventina di minuti descrisse con la bravura di un grande attore il funerale di un noto magistrato napoletano morto meno di un mese prima. Cominciò coi sei cavalli del carro funebre, facendo sentire con grande meraviglia di tutti i loro nitriti e lo scalpitio rumoroso dei loro zoccoli ferrati sui basoli di lava vesuviana della strada che percorrevano.

Umberto Vitiello – Nu gliuommeraro è tturnato, e ’a storia ’e Ciccillo e Rrafèle v’ ’ha cuntato – vesuvioweb 2018 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Umberto Vitiello

15 Dic

4 Comments

Lo sviluppo urbanistico degli anni Cinquanta e Sessanta a Torre del Greco. I casi di Palazzo Castelluccio e Villa Breglia

by

Lo sviluppo urbanistico degli anni Cinquanta e
Sessanta a Torre del Greco. I casi di Palazzo Castelluccio e Villa Breglia

Di

Lina De Luca

Per tutto il corso degli anni Trenta e Quaranta del Novecento Villa Castelluccio si identificò con la Scuola di Avviamento diretta dal sacerdote Vincenzo Grillo, uomo di grande cultura e di apprezzati meriti professionali. Sotto la sua guida, per il costante aumento delle iscrizioni, la scuola fu in continuo sviluppo e ciò comportò un sempre maggiore utilizzo dei locali della villa trasformati in aule. La proprietaria, che prima ancora del matrimonio già risiedeva a Napoli col padre, considerava sempre più la prospettiva di vendita dell’immobile e nel 1949 insisteva con l’Amministrazione Comunale sulla convenienza del suo  acquisto, sottolineando altre manifestazioni di interesse ricevute. Con la vendita sarebbero stati ceduti il palazzo con un cortile di oltre 800 metri quadrati, un giardino a valle prospiciente il porto di 1.000 metri quadrati, una cappella12 e il viale d’accesso da Via Diego Colamarino 29. L’offerta di vendita escludeva i frutteti ai lati del viale di ingresso, ai quali doveva essere garantito l’accesso alla signora Consiglio.

Lina De Luca – Lo sviluppo urbanistico degli anni Cinquanta e Sessanta a Tore del Greco – vesuvioweb 2018

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, I monumenti, Storia e cultura

15 Dic

3 Comments

La Regia Strada delle Calabrie – Il Borgo della Maddalena e dei Granili

by

La Regia Strada delle Calabrie – Il Borgo della Maddalena e dei Granili

Ispirata al VIAGGIO DA NAPOLI A CASTELLAMMARE. Con 42 vedute incise all’acqua forte di Achille Gigante. 1845

Di

Aniello Langella

Tra poco ci ritroveremo nei pressi di uno dei monumenti più importanti del Borgo della Maddalena: un edificio di proporzioni considerevoli; ideato sul modello dell’Ospizio dei Poveri. Il suo architetto? Un nome di assoluta affidabilità nella Napoli settecentesca: Ferdinando Fuga3. È inutile ch’io vi dica come si chiama l’edificio che vien di seguito. Voi lo riconoscerete alla sua lunghezza. La fabbrica de’ Granili è la più lunga ch’io m’abbia visto in Europa, dicea l’ab. Galiani, e voi ben capite che sorta d’elogio volesse egli trarne da queste parole. Allorché reggeva presso di noi l’Annona, il Governo pensò che a provveder la città di vettovaglie in caso di carestia, fosse uopo di un grande edilìzio a conservar cotai grani. L’edifizio fu questo che ora vedete, lungo 2000 palmi, con 87 finestre da un capo all’altro e quattro piani. Nell’anno 1779 ne fu gettata la prima pietra, siccome potrete leggere nella sommità della facciata (a fundamentis an. 1779 ), e il cav. Fuga ne fu l’autore. Egli mostrò in tal rincontro assai cattivo gusto nella costruzione, e minor giudizio nella scelta del luogo per un edifizio di tal fatta, il quale avrebbe dovuto essere esposto meno a’ marosi, non che all’umido del mare.

2 – Viaggio da Napoli a Castellammare – Il Borgo della Maddalena e dei Granili – vesuvioweb 2018.pub

 

15 Dic

2 Comments

Il Dialetto Napoletano

by

Il Dialetto Napoletano

Appunti di Grafia e Grammatica

Di

Salvatre Argenziano

Salvatore Argenziano – Grafia e Grammatica Napoletana – vesuvioweb 2018

L’articolo singolare maschile – il -, – lo -, è – ’o -.
’O mare,’o ciardino, ’o frate, ’o strummulo1.
Per le parole inizianti per vocali, l’articolo è – l’ -.
L’addóre, l’ommo, l’uósemo.
***G. D’Amiano. senteva ’o passo lieggio d’ ’a janara, / l’uosemo d’ ’a faìna;
L’articolo singolare neutro – il -, – lo -, è – ’o -2.
Si considerano di genere neutro i sostantivi indicanti cose inanimate, come i materiali nella
loro genericità3.
’O ppane, ’o llignamme, ’o ffierro, ’o ccafè.
***Sgruttendio. E lo ppane me pare scriscetato. ***Eduardo. È nu muorto ca s’è
mmiso dint’ ’o llignamme ’e nu mobile. ***Fasano. Poco luce lo ffierro, e mmanco
ll’oro. ***Viviani. Aggio perzo pure ’o ccafè
Oppure gli infiniti verbali sostantivati.
’O ddurmì, ’o pparlà, ’o mmangià.
***Eduardo. A mme, quanno m’avite levato ’o ddurmì, m’ ’avite distrutta.
***R. Bracale. Ca nun vale ’o pparlà e so’ sciupate. ***Eduardo. Cu na perzona
fore ca te sta attiento, ca te porta ’o mmangià.

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Grafia e Grammatica Napoletana

15 Dic

2 Comments

Novum Italiae theatrum – Napoli e dintorni 1724

by

Novum Italiae theatrum, sive accurata descriptio ipsius urbium, palatiorum, sacrarum aedium &c.: juxta delineationes defuncti D. Joannis Blaeu, Consulis… Amstelodami… Atque omnia juxta Ichnographiam ibidem exhibitam… Quibus accesserunt multae urbes, portus, … &c. [Edidit Rutgerus Christophorus Alberts]. 1724 Hagae Comitum Rutgeri Christophori Alberts

1 – Napoli – Novum Italiae theatrum – Proprietà BNE – vesuvioweb 2018

2 – Napoli Palazzo Reale prospetto – Novum Italiae theatrum – Proprietà BNE – vesuvioweb 2018

3 – Napoli – Novum Italiae theatrum – Proprietà BNE – vesuvioweb 2018

4 – Napoli – Novum Italiae theatrum – Proprietà BNE – vesuvioweb 2018

5 – Napoli – Novum Italiae theatrum – Proprietà BNE – vesuvioweb 2018

6 – Napoli – Novum Italiae theatrum – Proprietà BNE – vesuvioweb 2018

7 – Napoli – Novum Italiae theatrum – Proprietà BNE – vesuvioweb 2018

8 – Napoli – Novum Italiae theatrum – Proprietà BNE – vesuvioweb 2018

9 – Napoli Ponte della Maddalena e Vesuvio – Novum Italiae theatrum – Proprietà BNE – vesuvioweb 2018

10 – Napoli – Novum Italiae theatrum – Proprietà BNE – vesuvioweb 2018

11 – Ischia – Novum Italiae theatrum – Proprietà BNE – vesuvioweb 2018

12 – Napoli – Novum Italiae theatrum – Proprietà BNE – vesuvioweb 2018

13 – Lago d’Agnano – Novum Italiae theatrum – Proprietà BNE – vesuvioweb 2018

14 – Campi Flegrei – Novum Italiae theatrum – Proprietà BNE – vesuvioweb 2018

15 – Pozzuoli – Novum Italiae theatrum – Proprietà BNE – vesuvioweb 2018

16 – Lago Averno – Novum Italiae theatrum – Proprietà BNE – vesuvioweb 2018

17 – Pozzuoli – Novum Italiae theatrum – Proprietà BNE – vesuvioweb 2018