31 Mag

1 Comment

POMPEI NELLA MITOGRAFIA LETTERARIA INGLESE T. B. MACAULAY

by

POMPEI NELLA MITOGRAFIA LETTERARIA INGLESE T. B. MACAULAY

di

Vincenzo Pepe

 

La prima reazione degli abitanti è di sbigottimento, di silenzio: zittiscono i canti e i suoni, ma in quella terribile calma “ogni petto sentì in un attimo il sangue ghiacciarsi/ e ognuno poteva sentire il cuore del vicino sussultare di paura.” Dopo questo primo istante, si scatena l’isterismo collettivo, di persone in fuga che travolgono e vengono travolte. Il terrore ha reciso in un attimo i legami di sangue, di parentela, degli affetti, e ha annientato ogni sentimento di pietà e di solidarietà:

C’è una pausa brevissima. Poi scalmanate si alzano
le grida convulse, e le urla di terrore…
I bambini invocano pietà dalle madri,
sotto i piedi dei fratelli cadono i fratelli.
Guarda il disgraziato morente che invano tende
lo sguardo accusatore verso quel volto ben noto.
Vedi a terra schiacciata la fanciulla che sul punto di soccombere
si aggrappa ai piedi dell’innamorato, e ne invoca l’aiuto.
Vano è lo sguardo implorante e l’urlo frenetico:
tutto, tutto è paura; prestare soccorso significa morire.

 

Vincenzo Pepe – POMPEI NELLA MITOGRAFIA LETTERARIA INGLESE T B MACAULAY – vesuvioweb 2019.pub

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Storia e cultura

31 Mag

0 Comments

Pompei 1825

by

Pompei

1825

 

Rassegna iconografica dei Pompei. Le immagini che accompagnano il testo sono di grande rilievo, in particolare nei disegni planimetrici che risultano essere di grande qualità e coerenti alle parametrazioni attuali. Completano la rassegna iconografica dell’opara del Goro, alcune vedute, con personaggi in costume, che risentono molto del periodo manieristico e romantico. Anche qui, si ripropone lo spirito del Grand Tour che tanta gente aveva attratto e convogliato verso le terre distrutte dall’eruzione pliniana e che tanta eco aveva avuto in quell’Europa, politicamente instabile. Un ritorno sui luoghi di una memoria storica mai sopita, mai completamente paga di conoscere e scoprire. Ritornare in questi luoghi arsi dalle “fiamme del Vesuvio” era come rivivere l’immane catastrofe. Fascino, orrore, disperazione e gioie si affastellano, come sentimenti nell’anima del viaggiatore e tra i tanti Johann Wolfgang von Goethe, che nel suo Viaggio in Italia a riguardo scrive: “E’ chiaro, se si pensa quanto dista la città dal Vesuvio, che la massa vulcanica seppellitrice non poté esser spinta fin qui da un’esplosione né da un turbine di vento; c’è da pensare piuttosto che lapilli e cenere abbiano volteggiato per un certo tempo a guisa di nuvole, finché si abbatterono sulla sventurata località… Ci detergemmo lo spirito dall’impressione straordinaria, e fino a un certo punto deprimente di quella città mummificata, consumando un frugale pasto sotto il pergolato d’una piccola osteria in riva al mare, deliziati dal cielo azzurro, dalle luci e dai bagliori marini, e nella speranza, il giorno che questo posticino sarà tutto coperto di pampini, di ritrovarci ancora qui per godere le medesime delizie”.

A cura di Aniello Langella

 

 

 

 

 

 

 

 

Le immagini sono state tratte da Wanderungen durch Pompeii, di Ludwig Goro von Agyagfalva, 1786-1845. Dato alle stampe nel 1825.

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Archeologia, Storia e cultura

31 Mag

1 Comment

Pompei 1828

by

Pompei

1828

Il viaggio che viene proposto nel testo di James Duffield è carico di emozioni; spesso si allontana, intenzionalmente, dalla descrizione archeologica dei luoghi visitati. Sembra quasi un approccio didattico, quasi accademico e celebrativo, per poi sconfinare senza molte inibizioni nella lirica romantica del periodo sporico che lo tiene adeso alle radici della narrativa. E così il testo divente nella sua lingua originale, quasi un incanto, un risveglio onirico ma reale tra le vestigia di quella che osa definire non città morta, ma vivente, ancora gaudente e solare come forse quell’ultimo giorno che la vide tale alle falde del Vesuvio. Un viaggio anche questo tra le antiche dimore appena dissepolte e umide, tra le strade lastricate che sembrano risuonare del passaggio dei carri e paiono ancora cantare per il vociare della calca. Le stampe a corredo del testo sono di alta qualità e soprattutto fedeltà nei confronti dello scenario che intanto è mutato nei secoli. Di ciascuna stampa si legge la didascalia, e gli autori e ciò impreziosisce il documento che abbiamo voluto qui proporre.

A cura di Aniello Langella

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le immagini sono tratte da Views of Pompeii di William Light, 1785-1839; Harding, James Duffield, 1798-1863. Dato alle stampe nel 1828.

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Archeologia, Storia e cultura

31 Mag

1 Comment

Pompei 1872

by

Pompei

1872

Raccolta iconografica e viaggio archeologico pittoresco a Pompei, sulla scia del Grand Tour .Tappa obbligata del Grand Tour, Pompei offriva abbondanti e preziose testimonianze del passato archeologico di quell’Italia post unitaria, in un viaggio romantico ed intenso. La Pompei dissepolta dai tempi di Carlo III di Borbone, si propone al viaggiatore in tutto il suo sfarzo, con tutta la sua livrea di colori e forme architettoniche che non potevano far altro che emozionare alla sola vista. E per mutuare le parole di quel grande pioniere dell’archeologia moderna che fu Johann Joaquim Winckelmann, qui a Pompei si poteva toccare con mano la “nobile semplicità e serena grandezza”. In questa raccolta iconografica di stampe dell’epoca, gli aspetti più emozionanti, più significativi della città romana meglio conservata al mondo. L’autore del testo dal quale sono state tratte le immagini è Marc Monnier che nel 1872 diede alle stampe il suo The wonders of Pompeii.

A cura di Aniello Langella

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Archeologia, Storia e cultura

31 Mag

1 Comment

Pompei 1910

by

Pompei

1910

A cura di Aniello Langella

“Napoli, il 13 marzo 1787…”, con questa annotazione Johann Wolfgang von Goethe, inizia a tratteggiare una delle sue passeggiate romantiche a Pompei. E prosegue: “Oggi pure voglio scrivere alcuni versi, acciò una lettera tenga dietro immediatamente all’altra. Tutto mi va a seconda; però io vedo meno di quanto dovrei. Questo cielo ispira la mollezza, il desiderio di vita comoda; intanto però, vado acquistando poco a poco, idea sempre più precisa della città. Domenica siamo stati a Pompei. Avvennero molti infortuni a questo mondo, ma nessuno che valga ad arrecare cotanta soddisfazione ai posteri. Non ho visto finora cosa più interessante di quella città sepolta. Le case vi sono piccole, ristrette, però dipinte tutte all’interno nel modo, il più grazioso. La porta della città, come parimenti i sepolcri, sono meravigliosi. Viddi la tomba di una sacerdotessa, a forma di banco semicircolare, con spalliera, in pietra, e con una iscrizione incisa a grandi lettere. Si vedevano al di sopra della spalliera il mare, ed il sole che scendeva all’occaso. Località stupenda, degna del bel pensiero”.

Sono le parole di un viaggiatore, di un poeta, di un romantico artista che celebra a tutti i costi la bellezza e vuole che questa assurga ad emblema assoluto della vita ed anche dell’esistenza più oltre, allontanandosi discretamente e per un attimo dal suo innato laicismo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le immagini sono state tratte da Pompeii, W. M. Mackenzie, dato alle stampe nel 1910 a Londra.

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Archeologia, Storia e cultura