11 Mag

3 Comments

La vextata questio – Torre del Greco, Torre Ottava, Torre Ottavia, de’ Greci, Octaba,…

by

La vextata questio – Torre del Greco, Torre Ottava, Torre Ottavia, de’ Greci, Octaba,…

Di

Silvestro Sannino

L’origine ed il significato del nome di Torre del Greco sono avvolti da incertezze e confusione malgrado le lunghe ricerche ed il sofferto  impegno di un gran numero di studiosi di “storia locale” per cercare di risolvere la questione. Salvatore Loffredo, uno dei più recenti autori di storia torrese, titola il suo libro Turris Octavae alias del Greco, riprendendo la dicitura  della bolla di Leone X del 1517; dopo aver fatto notare che nel titolo è contenuta l’antica e la moderna denominazione della città aggiunge: “Il lettore vorrebbe sapere il significato della denominazione. Ci scusiamo di non poterne soddisfare il desiderio perché nella consultazione dei documenti non ci è stata data la possibilità di risolvere l’enigma”. Realismo o pessimismo? O reminiscenze di storicismo positivistico? Intanto si può osservare subito che dei due termini, Torre e Greco, il primo appartiene a molte altre località (56 secondo V. Jori) per cui  esso non caratterizza il luogo in modo prevalente, rilevante; il secondo, che è il nome di una particolare uva e del relativo vino, assume un’incidenza prevalente, determinante e quindi un interesse  più diretto anche per le ragioni intrinseche dell’origine e dei motivi dell’associazione del luogo ad un prodotto molto noto e molto diffuso come il vino.

FRANCESCO GALANTE (1884 – 1972). Il porto e la marina di Torre del Greco

Silvestro Sannino – Torre del Greco – La vexata quaestio – vesuvioweb 2020.pub

 

11 Mag

2 Comments

Anello Arcamone Borelli

by

Anello Arcamone Borelli

Di

Aniello Langella

Spesso lasciavo lo scavo ipogeo dove la Napoli greca e romana mostrava senza indugi a tutti i visitatori, la città in ascensore e restavo per lungo tempo ad ammirare le straordinarie ricchezze della grandiosa navata centrale. La storia della città intera poteva essere riascoltata e riscoperta qui, a partire dal XIII secolo. Ovunque le testimonianze delle varie epoche. Dal monumento funebre a Caterina d’Asburgo, al Cappellone di Sant’Antonio, dai dipinti di Mattia Preti si magnifici marmi di Giovanni da Nola. Ma in particolare mi incuriosivano i monumenti funebri, quelli che mi riportavano alle persone, vissute in altre epoche ed in qualche modo avevano contribuito a fare la storia di Napoli. Osservare questi monumenti, in fondo vere opere d’arte, era come percorrere i vialetti di un cimitero, dove le storie minori, tutte assieme ricostruiscono nel tempo la grande storia unica. Osservare i dettagli artistici di questi monumenti mi rapportava all’artista, ma anche allo scalpellino, a quelle maestranze minori che avevano realizzato l’opera stessa e che per un destino sciocco avevano perso memoria.

Aniello Langella – Anello Arcamone Borelli – vesuvioweb 2020.pub

 

11 Mag

1 Comment

Pompei reportage fotografico del 1867

by

Pompei reportage fotografico del 1867
The ruins of Pompeii: a series of eighteen photographic views with an account of the destruction of the city, and a description of the most interesting remains

Di

Dyer Thomas Henry

1867

Photograph which we have mserted by way of frontispiece to this vohime, although embracmg some of the more recent excavations, does not offer any very striking or remarkable object; but it will convey a good idea of the 
general appearance of Pompeii. One of its chief characteristics is the numerous isolated pillars, arranged in quadrangular form, which once supported the roof of an atrium or a peristyle that has now vanished, though its side walls are still erect. These walls are sometimes 
entii'ely bare of stucco, and display, like those in the foregroimd of the photograph, the rude materials of which they are constructed; while others, like those in the middle distance, not only retain their coating of stucco, but also the designs and ornaments with which it was painted. When these are more 
valuable than usual they are protected from the weather by a sort of eaves, or short projecting roof, being buUt over them. The distance, with the modern farm-house and stone-pines, shows parts that have not yet been 
excavated ; for those ruins that now appear so cleanly emptied were once filled with a cineritious soil, and above them were fields, and crops, and trees, and habitations. The natm'e of the material with which . they were 
filled has not only served to preserve them, but has also rendered the excavation of them a comparatively easy task. It is an interesting sight to watch the clearing of one of these houses. As the pickaxe and shovel 
loosen with facility the light dry pumice from the surface of the walls, the pictures with which they are adorned reveal themselves to vis m colours almost as brilliant as when they were first laid on.

 

 

 

 

 

 

 

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Archeologia, I monumenti, Storia e cultura

11 Mag

1 Comment

The history of Vesuvius from A.D. 79 to A.D. 1907

by

The history of Vesuvius from A.D. 79 to A.D. 1907

Di

T. A. Schneer, 1907

Il testo del 1907, in lingua inglese, raccoglie una serie interessante di incisioni del Vesuvio a partire dall’ipotesi orografica e ricostruttiva di Strabone. Quasi un viaggio iconografico attraverso alcune delle più note tappe eruttive del Vesuvio che ne hanno segnato la storia. Le tavole portano la firma di Monticelli e sono tutte datate al 1907.

 

Il Vesuvio visto da Napoli dopo l’eruzione del 1906. Sulla sinistra le attrezzature portuali con i vascelli in rada.

 

La visita al Vesuvio attraverso la scalata. Si saliva alla Montagna guidati dalla gente del luogo attraversando la strada che da Resina portava in cima. A dorso di asino o di cavallo, trasportati a volte in portantina si saliva attraversando la pineta e ed i vigneti. La stampa mostra una allegorica e festosa comitiva di gitanti che si appresta all’ascesa.

L’Osservatorio Vesuviano è il più antico osservatorio vulcanologico del mondo, fondato dal re delle due Sicilie Ferdinando II di Borbone. Alla sua fondazione, che risale al 1841, la sede era situata alle pendici del Vesuvio. L’Osservatorio Vesuviano fu inaugurato nel 1845 durante il VII Congresso degli Scienziati Italiani, tenutosi a Napoli. Il primo direttore fu il fisico parmense Macedonio Melloni, a cui seguì Luigi Palmieri, inventore del primo sismografo elettromagnetico (1856). Tra i successivi direttori si ricordano Giuseppe Mercalli, Raffaele Matteucci, Alessandro Malladra, Giuseppe Imbò, Paolo Gasparini Giuseppe Luongo, Lucia Civetta, Giovanni Macedonio, Marcello Martini, Giuseppe De Natale. Oggi nel vecchio sito si trovano il museo e la biblioteca storica, mentre i laboratori ed il Centro di Sorveglianza si trovano a Fuorigrotta (Napoli).

Ricostruzione dell’orografia del Vesuvio prima dell’eruzione del 79 d.C., seguendo le indicazioni di Strabone.

Il Vesuvio e le città limitrofe prima dell’eruzione del 1631.

1737 -19 Maggio -6 Giugno. Eruzione mista – Lave a Torre del Greco e Boscotrecase. Caduta di prodotti piroclastici a Somma Vesuviana, Ottaviano e Nola. Forte attività esplosiva, con dispersione dei prodotti piroclastici a nord est, ed effetti anche a Napoli. Le lave dirette a ovest ammontavano a circa 10.4 milioni di metri cubi. A Torre del Greco distrutte le chiese del Purgatorio e del Carmine. Crollo dei tetti a Ottaviano e rottura dei vetri delle finestre a Nola. Crolli a Napoli. Lo studio e l’osservazione di questa eruzione fu affidata all’Accademia delle Scienze di Napoli dal re Carlo III di Borbone. L’autore fu Francesco Serao, segretario dell’Accademia e professore di medicina presso l’Università di Napoli. L’eruzione fu accompagnata da forte attività sismica. Dopo l’eruzione il vulcano si presentò sensibilmente abbassato di quota, e caratterizzato da un ampio cratere. Per Antonio Nazzaro l’eruzione “segna come un confine tra un comportamento eruttivo caratterizzato da attività di un cono che si andava sviluppando nell’ampia voragine del 1631 e un’attività con il cono ormai sviluppato”

1779 – 3 – 15 Agosto. Eruzione mista – Lave a Resina. Caduta di piroclastiti a Ottaviano, Somma, Massa, Nola, S. Paolo Belsito, Palma e Avella. Apertura di fratture e relativi dissesti a Torre Annunziata. Dal fianco settentrionale del Cono scaturì una colata di lava che scorse fin quasi a Resina. Anche la frattura meridionale si riattivò, con spaccature che interessarono Torre Annunziata e proseguirono verso il mare. Vi fu una forte attività stromboliana con fontane di lava dell’altezza di alcuni chilometri e una colonna eruttiva alta oltre 4 chilometri sospinta dai venti in direzione est. L’eruzione fu inoltre accompagnata da forti piogge che diedero origine a colate di fango, che scorsero principalmente nelle aree a nordest del vulcano. Lave e piroclastiti per 4 milioni di metri cubi. I danni ammontarono a circa 200.000 ducati e furono provocati soprattutto dalla caduta di frammenti piroclastici e dallo scorrimento di colate di fango. Crolli delle abitazioni provocati dai terremoti. L’eruzione fu accompagnata da notevole attività sismica e da fratture del suolo. Le ceneri vennero sospinte verso est dai venti in quota arrivando ad Avellino, Benevento, e in Puglia.

1794 – 15 – 24 Giugno. Eruzione mista – Lave a Torre del Greco e nei territori a monte di Ottaviano. Si aprirono delle bocche lungo la frattura occidentale del Montedoro (località dove si trova l’attuale ospedale Maresca a Torre del Greco), tra 320 e 480 metri di quota. Da qui fuoriuscì una colata di lava che giunse a Torre del Greco e si spinse fino al mare per circa 100 metri. Un’altra colata si diresse verso nordest. Al cratere vi fu una vivace attività esplosiva, con fontane di lava e nubi di ceneri. Circa 21 milioni di metri cubi per le lave e 44 milioni di metri cubi per i prodotti piroclastici. La città di Torre del Greco fu totalmente distrutta dalla lava e circa 15000 abitanti fuggirono. 322 moggi di terreno coltivato furono distrutti. Danni per 5 milioni di ducati. L’eruzione fu preceduta da forte attività sismica. Il campanile della basilica di Torre del Greco, non essendo stato ricostruito dopo quest’eruzione, è attualmente della stessa altezza della chiesa, che è stata invece ricostruita al disopra della lava.

1850 – 5 Febbraio – 2 Marzo. Eruzione mista – Lave verso Terzigno. Caduta di ceneri e lapilli a Ottaviano e Torre Annunziata. Si formarono delle bocche sul lato settentrionale e su quello orientale del vulcano da cui fuoriuscì lava che scorse verso sud est, lungo il percorso della colata lavica del 1834. L’attività esplosiva provocò la caduta di lapilli e ceneri. Lave per 20 milioni di metri cubi. Distruzione di campi coltivati. L’eruzione fu preceduta dall’abbassamento del livello di falda. La colata di lava era lunga circa 9 chilometri. Dopo l’eruzione si segnalarono mofete.

1855 – 1 – 28 Maggio. Eruzione effusiva – Massa di Somma e territorio a monte di S. Giorgio a Cremano. Una colata di lava, alimentata da almeno undici bocche apertesi sul fianco settentrionale del vulcano, si diresse verso nordovest, scorrendo lungo l’Atrio del Cavallo e formando una spettacolare cascata nel salto con il sottostante Fosso della Vetrana. Dopo, la colata si biforcò in due rami principali, di cui uno si diresse verso S. Giorgio, e l’altro verso Massa di Somma e S. Sebastiano. Lave per 30 milioni di metri cubi. Distruzione di coltivazioni (200 moggi) per 30.000 ducati e di case per 5.000 ducati. Precursori dell’eruzione furono lo sprofondamento di parte del cratere circa cinque mesi prima e l’abbassamento del livello di falda. La lava, scorrendo lungo il Fosso del Faraone, per la prima volta scavalcò il Monte Somma dal lato occidentale, giungendo a meno di un miglio di distanza da S. Giorgio a Cremano. Durante l’eruzione, il Re Ferdinando II visitò diverse volte il Vesuvio, e visitò anche l’Osservatorio Vesuviano.

1872- 24 Aprile – 2 Maggio. Eruzione mista. Versante occidentale del Vesuvio. Massa di Somma e S. Sebastiano. Sul fianco nordoccidentale del vulcano si formò una frattura dalla cui base fuoriuscirono lave che si diressero verso sud e verso ovest. Il cratere centrale fu interessato prevalentemente da attività esplosiva e minore attività effusiva. Lave per 20 milioni di metri cubi. Nove persone persero la vita ed undici rimasero ferite a causa dell’attività stromboliana. Distruzione di coltivazioni ed abitazioni. Poco prima dell’eruzione fu registrata una crescente attività sismica. Durante l’eruzione Luigi Palmieri, direttore dell’Osservatorio Vesuviano, rimase presso l’Osservatorio a studiare l’eruzione, impossibilitato ad allontanarsene poiché l’edificio era circondato dai flussi lavici. Un gruppo di persone che si erano recate sul vulcano per osservare da vicino l’eruzione fu improvvisamente colpito da getti di lava; alcuni di essi persero la vita.

1906- 4 – 22 Aprile. Eruzione mista – Lava tra Boscotrecase e Torre Annunziata. Caduta di prodotti piroclastici verso Ottaviano, Somma Vesuviana e S. Giuseppe Vesuviano. Da una frattura sul versante sudorientale del vulcano fuoriuscì la lava, prima a 1200 metri di quota, poi, in seguito alla propagazione di tale frattura, a 800 metri di quota. Da un’altra bocca apertasi nel Bosco Cognoli fuoriuscì altra lava, relativamente fluida e veloce. Al cratere, nello stesso tempo, era in corso un’attività esplosiva stromboliana. Una nuova bocca, formatasi a 770 metri slm nel burrone della Cupaccia, alimentò una nuova colata di lava molto fluida che scorse sulla lava del 1834 e arrivò a 200 metri di quota. La lava continuò a scorrere in varie diramazioni, invadendo la frazione Oratorio di Boscotrecase, e, proseguendo lungo la trincea della ferrovia circumvesuviana, fino al cimitero di Torre Annunziata. L’otto aprile la fase effusiva finì e l’attività esplosiva aumentò. Si formò un’alta nube eruttiva. L’altezza dei frammenti piroclastici emessi superò i 4 chilometri, la granulometria dei prodotti eruttati diminuì. Le coltri di cenere vennero disperse prevalentemente a est del vulcano. Si formarono anche piccole colate piroclastiche, che tuttavia non raggiunsero le zone abitate. Nelle fasi finali dell’eruzione furono eruttate ceneri rossastre che caddero nel settore nordoccidentale del vulcano. L’eruzione terminò con piogge e colate di fango. Lave per 20 milioni di metri cubi, prodotti piroclastici per 211 milioni di metri cubi. A causa di questa eruzione vi furono 216 morti, 112 feriti gravi, 34232 profughi. Distruzione della frazione Oratorio di Boscotrecase ad opera della lava, distruzione di abitazioni e edifici sacri a Torre Annunziata, Ottaviano e S. Giuseppe Vesuviano ad opera delle ceneri. A Napoli crollo del tetto del Mercato di Monteoliveto. Distruzione di 76735 ettari di campi coltivati per un danno di 60 milioni di lire. Distruzione della funicolare del Vesuvio. Fu l’eruzione vesuviana più violenta del XX secolo. Prima dell’eruzione si verificarono deformazioni del suolo, che provocarono l’abbassamento del livello di falda di 20 – 30 cm e l’arretramento della linea di costa, di 48 cm a Portici . La lava penetrò nella chiesa di S. Anna a Boscotrecase, provocandone la parziale distruzione. L’accumulo della cenere provocò inoltre il crollo del tetto della chiesa di S. Giuseppe Vesuviano, dove erano raccolte più di 150 persone. Durante l’eruzione lo sprofondamento della parte superiore del cono fu accompagnata da un forte terremoto. L’attività sismica fu avvertita anche a Napoli, e si diffuse il panico. L’eruzione fu seguita per tutta la sua durata da R. V. Matteucci, che ne informò le autorità competenti e la stampa mediante telegrammi. Per l’opera prestata gli venne conferita una medaglia d’oro dal Governo. Anche Giuseppe Mercalli, da Napoli, seguì l’eruzione. Dopo l’eruzione l’altezza del vulcano era più bassa di circa 220 metri. Subito dopo l’eruzione e nei mesi successivi vi furono, in occasione delle piogge, episodi di colate di fango e alluvioni. Inoltre, per alcuni anni, a Resina, Portici, S Giorgio a Cremano e S. Giovanni a Teduccio vi furono esalazioni di anidride carbonica (mofete). Dopo l’eruzione vi fu un periodo di inattività di circa 7 anni.

INTRODUCTION

To King Ferdinand II of Naples belongs the honor of having been the first to found an meteorological Observatory. As it was imagined that the proximity of an active Volcano might have some influence on the variations of the atmosphere a spur of Vesuvius called i Canteroni was chosen at its site. It stands 600 metres above sea-level, is one Kilometre distant from the Vesuvian cone,
and two from the centre of the great crater. The building of this handsome edifice, designed by an engineer Gaetano Fazzini by name , was begun in the year 1841 and finished in 1847 ; but owing to the political troubles of the time , it was not opened until 1855 in which year it was placed under the direction of Professor Luigi Palmieri under which it remained till 1896 the year in which Prof. Palmieri died. Prof. Eugenio Semmola was his successor and had the direction till 1903 when Prof. R. V. Matteucci took the direction of the Observatory. This illustrious man, whose name has become a household word far beyond the bounds of his native land has carried on his observations there for these last 4 years with untiring zeal and energy. Lava floods might threaten distruction to that outpost of research, showers of stones, blinding ashes and suffocating vapours endanger his life, but, in spite of all, this dauntless disciple of science, kept faithful watch on the post entrusted to him , like a general on the field of battle. With the greatest care and exactitude he has noted every varying phase before during and after the eruptions of Vesuvius. His notes and observations contribute many a valuable corner stone to the edifice of volcanic theory.

The Observatory is rather short in funds. Nevertheless the zeal of its directors has provided it with very valuable instruments and every necessary apparatus. We call the reader’s particular attention to. the electric: magnatic seismograph and the bifiliar electroraetre (Palmieri’s invention). The first of these instruments notes with the utmost exactitude the slightest movements of the ground , also the direction of the movement and the time occupied by it. The other is used to measure the electricity in the atmosphere a matter of special importance during an eruption. There is also a valuable t library attached to the istitution and it possesses a very interesting collection of minerals and of all the various kinds of ashes fallen since 1855. There is also a laboratory for the necessary chemical analyses.

It has been ascertained thai hither to , during the various eruption, 70 kinds of minerals have benn ejected. The collections and seismical apparata are shown and explained to visitors, if desired, in the. most obliging manner. As in the following pages words and expressions not familiar to the reader must of necessity be used, we subjoin a few explanations not only of single words, but also of the ejecta from the constantly recurring eruptions.

SMOKE. – – The smoke rising from the lava, and issuing with it from the erupting mouths is frequently, especially at the beginning and end of a conflagration, accompanied by sulphuretted hydrogen, hydrochloric acid, and sulphurous anihydrid. Should there be a heavy rainfall at the time , these gases unite with the water and produce a destructive effect on every plant touch ed by it. When the eruption is at its height these gases disappear.

LAVA. – This is the principal element in the Vesuvian eruptions. It is a substance rendered fluid by the action of fire or water and then ejected from an opening in an active volcano. When first emitted, it has a heat of 1000 centig. It remains fluid up to 700. At a red glow it is tough and pliable, and on cooling down it becomes very hard and brittle. All volcanic lavas have the same constituents, such as silicates, iron, aluminium, copper, lead, gypsum, soda, etc. The only difference between them consists in the various crystals they contain. The flow of the lava is rapid or slow according to the violence of the eruption, the degree of heat, the quantity of scoriae carried along with it, and the steepness of the road it takes in descending.

LAVA-OANALS. – During 1 eruptions, fissures are formed in the interior of the volcano, into which lava forces an entrance, and then, according to the character of the cleft, (as, for instance,
if it opens to the outside) oozes out, or, if the fissure does not get beyond the Interior of the mountain, cools inside, and thus forms the so called lava-canals.

ASHES. – The Vesuvian ashes are composed of the finest dust-particles of various colours, frequently mixed with sublimations. These latter are, however, soluble in water, and the ashes remaining are then proved to be of identical substance with the lava. Properly they might be called Lava-dust.

LAPILLI – are infinitesimally small stones thrown out in quantities by the mountain in eruption. Pompei, for instance, is, for the most part buried under lapilli of the sort principally formed from fragments of pumice. The lapilli of later eruptions differ from the Pompeian so called black lapilli, in colour as well as substance. They are generally characterized as white lapilli, and much used for filling up crevices in building.

PROJECTILES – are red-hot pasty fragments of lava, sometimes of considerable size, projected from the crater during an eruption, and appearing, at a distance, like glowing sparks amid
the smoke.

BOMBS – consist of fragments of old lavas enclosed in new lava. They are sometimes round, sometimes oval, and are often shot up to a great height.

SCORIAE – are fragments of rough vesicular lava, that is to say full of holes caused by air-bubbles.

FUMAROLE or smoke- funnels, are cracks in the lava from which vapours escape. They form a link between the cooled surface and the still glowing lava beneath. Their duration is shorter
or longer according to the depth or shallowness of the lava on which they are formed. They can go on smoking ‘for weeks, months and even years. These evaporations are at first neutral in character, but their properties change according to the length of time they have been going on. Hydrochloric acid appears first, then sulphurous acid, and finally sulphuretted hydrogen. During the neutral period a white deposit, namely commen salt, is found at the edges of the fumarole as well as a black one, namely oxide of copper , and, under certain conditions, sal ammoniac. As it would lead too far to give a longer dissertation on the chemical deposits of the fumarole, we must refer the reader, anxious for more exact infor tions, to the writings on the subject of various scientists.

MEPHITIC VAPOURS – are exhalations of carbonic acid gas which are fatal to respiration both in man and beast. They are frequently found on the slopes of Vesuvius, especially after great eruptions. When these vapours gather round the roots of a plant it will wither and die.

Moss – The lichen Vesuvianum is a variety of moss which forms on the lava, giving thus the first token of reawakening fecundity in the soil below. It forms most plentifully on the scoriated lava which covers land formerly in a state of cultivation, and is first seen from 5-6 years after the superficial cooling of the lava. Although this little work makes no pretence to having been written for scientists, and is only a narrative of facts and events which cannot fail to be ol interest to cultivated readers, still a close study of the very extensive literature in connection with Vesuvius, was necessary for its production. We therefore subjoin a list of all the writings, in number over seventy, consulted by us on the subject.

https://archive.org/details/historyofvesuviu00schnrich/mode/2up

__________________________________________________________________________

Bibliografia

1  –  https://archive.org/details/historyofvesuviu00schnrich/mode/2up

2  –  http://www.ov.ingv.it/ov/it/catalogo-1631-1944.html

 

 

01 Mag

12 Comments

LA PESTE DEL 1656 A NAPOLI 4^ PARTE

by

LA PESTE DEL 1656 A NAPOLI

Di Salvatore Argenziano e Aniello Langella

Appunti di storia

Aspetti storici, sanitari, religiosi e curiosità

“Un basmento carico di cuoi e di altre pelli, provvenente da Algieri portò la peste in Valenza”. Da quella Spagna (1) nel 1647, dove le condizioni  igieniche e sanitarie erano sovrapponibili nella sostanza all’Europa di quel secolo, si sarebbe acceso il focolaio. La nozia le)a in “Napoli nell’anno 1656…”

La peste giunge in città

La peste a Napoli – Prima parte – vesuvioweb 2012 – 1

SECONDA PARTE

Fosse, pozzi e chiavicone

La peste a Napoli – Seconda parte – vesuvioweb 2012 – 2

TERZA PARTE

I sintomi, i rimedi, la medicina di quei tempi

La peste a Napoli – Terza parte – I rimedi contro la peste – vesuvioweb 2012 – 3

QUARTA PARTE

La città dopo la peste

La peste a Napoli – La città dopo la peste – vesuvioweb 2012 – 4

 

 

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, La peste del 1656, Storia

17 Apr

2 Comments

Naples et son histoire iconographique

by

NAPLES

SES VINGT-SIX SIÈCLES D’HISTOIRE ET SON IMMENSE BAGAGE CULTUREL EN IMAGES ET PEU DE MOTS: LITTERATURE, PHILOSOPHIE, MUSIQUE, SCIENCE, ART, ARCHITECTURE, THÉÂTRE, CINÉMA, MODE, GASTRONOMIE ET AUSSI… LES PRÉJUGÉS QUI LUI COLLENT À LA PEAU

 

Di

Maria Franchini

NAPOLI E I SUOI VENTISEI SECOLI DI STORIA IN IMMAGINI E POCHE PAROLE

Frutto del lavoro di ricerca e destinato ad una conferenza che l’autrice ha fatto in Francia, i testi qui pubblicati sono la sintesi iconografica di un lungo percorso di ricerca e di approfondimento. Non è nuova a questo approccio la nostra autrice, ma questa volta lo ha fatto con il preciso intento divulgativo, sfruttando la sintesi. L’impresa davvero impegnativa la vede tuttavia anche certa dei risultati, tra cui quello di portare ad un pubblico ampio un messaggio di cultura complesso, articolato ed ancora tutto da scoprire.

Dalle origini ad oggi, Napoli non ha mai smesso di creare in ogni campo e di seminare cultura nel mondo. Esistono montagne di eccellenti volumi su Napoli che trattano ogni tipo di argomenti che la riguardano,  nessuno però riesce a dare un’idea di tutta l’inimmaginabile produzione di questa città-nazione. L’autrice intende proprio questo “dare un’idea” con fotografie e brevissimi commenti, che forse faranno nascere nel lettore il desiderio di approfondire. Questo lavoro è quindi un pot-pourri che riunisce: eventi storici fra i più rilevanti e dinastie regnati, filosofi e letterati, scienziati e grandi medici, musicisti e opere d’arte,  cantanti lirici famosi, cineasti, attori, fotografi, stiliti, gastronomia e, infine, anche i luoghi comuni che affliggono la nostra Napoli.

Un delizioso approccio iconografico e culturale alla grandiosa storia di una città che ha fatto parlare di se nel mondo ed ancora oggi ci lascia entrare nei suoi segreti attraverso le testimonianze. Questo di Maria Franchini è un vero Voyage Pittoresque, ossia una rivisitazione in tante immagini di quello che è il vero cuore culturale di questa città e della Terra del Vesuvio.

 

1 – Maria Franchini – Napoli, origini, aragonesi, spagnoli – vesuvioweb 2020

2 – Maria Franchini – Napoli Borbonica – vesuvioweb 2020

3 – Napoli e la storia recente – vesuvioweb 2020

4 – Napoli dal dopoguerra ad oggi – vesuvioweb 2020

______________________________________________________________________________________________________________________________________

http://www.sgdl-auteurs.org/maria-franchini/index.php/pages/Bibliographie

 

 

 

 

16 Mar

3 Comments

Cumme se pazziava ‘na vota

by

Cumme de pazziava ‘na vota

Di

Alberto Mirabella

 

Oggi si evocano con un App o playstation anche in 3D; sino a pochi anni fa erano semplicemente “giochi”. Ma in quella parola si racchiudeva un mondo, una storia di civiltà, un viaggio di  iniziazione e sviluppo emotivo e psicologico. Ben ce lo spiega Kant: “Gioco: attività che genera piacere”; gli antichi ben lo sapevano. Nel ‘900 l’olandese Huizinga con Homo ludens, tracciava le coordinate di questo mondo apparentemente fanciullesco e da favola come un “sistema” culturale. L’accademico di Francia Caillois divideva i giochi in competizioni (agon); azzardo (alea); simulacro (mimicry) e vertigine (ilinx). Da noi uno studioso e storico dei giochi è stato Giampaolo Dossena. Alberto Mirabella con il suo “Comme se pazziava ’na vota. I giochi ed i giocattoli di un a volta nei loro aspetti socio-antropologici-iconici”, in 200 pagine con illustrazioni, non solo condensa questo viaggio nella storia dell’uomo, ma sintetizza con documentata bibliografia come il gioco sia piacere, “pazzia”, strumento di crescita e di socializzazione. Già nel puzzle della copertina entriamo in questo mondo destinato ad essere sempre più virtuale e solitario – con conseguenze già sotto gli occhi di tutti: la ludopatia.

Alberto Mirabella – Cumme se pazziava ‘na vota – vesuvioweb 2020

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Giochi e giochini del Vesuvio

16 Mar

2 Comments

LL’ODE DE Q. ARAZIO FRACCO

by

GABRIELE QUATTROMANI
LL’ODE DE Q. ARAZIO FRACCO
Travestute da vasciajole de lo Mandracchio

Antologia curata da Vincenzo Pepe

Qui di seguito alcuni brani tratti dalla Prefazione al testo del professore Vincenzo Pepe. L’antologia che qui si propone ai lettori di Orazio e ai cultori di storia napoletana è tratta da un’opera ormai quasi dimenticata e pressoché introvabile, che Gabriele Quattromani pubblicò a Napoli nel 1870 col titolo lunghissimo Ll’Ode de Q. Arazio Fracco Travestute da vasciajole de lo Mandracchio co quacch’auta stroppolella fujeticcia pe fa venì lo suonno. Un volume composito, dunque, nel quale i “travestimenti” di Orazio, sono accompagnati da composizioni di vario genere e ispirazione.  anche se molte di queste ultime, apparse in precedenza su famose riviste letterarie napoletane del tempo quali l’Omnibus e l’Omnibus pittoresco, sono tutt’altro che “fujeticce” come vorrebbe far credere il suo autore, la gloria del volume è effettivamente rappresentata dalle versioni in napoletano delle odi del Venosino, e dal preziosissimo apparato lessicale che la correda….

 

Vincenzo Pepe – Gabriele Quattromani – Ll’ode de Q Arazio Flacco – vesuvioweb 2020

16 Mar

2 Comments

I – Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano – Da iàccio a izà

by

I – Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano – Da iàccio a izà

Di

Salvatore Argenziano

Iacuvèlla: s. f. Jacuvella. Ghiacuvelle. Intrigo, pettegolezzo, vezzi. I gghiacuvelle è la forma eufonica di: i jacuvelle, dovuta alla difficoltà di pronuncia della doppia /i/. La trasformazione da /i/ a /ghi/ è comune a molte parole inizianti per /i/ e deriva dalla etimologica semiconsonante /j/. I gghialline, i gghionte, i gghiastemme… Raddoppiamento consonantico dovuto all’articolo – i -, femminile plurale. etim. Dal nome di un personaggio dell’antica Commedia, Jacoviello, diminutivo di Giacomo, maestro di astuzie e di intrighi amorosi.

*Cortese. Aveva Renza n’anno e miezo mese / fatte le iacovelle a Menechiello.

*F. Russo. – Chillo sta accussi arraggiato! / N’ato ppoco me magnava!… / Si ll’avisseve sentuto / comme ddiece jastemmava! / – Lassa sta’! Mo nce vach’io… / E scennette. – San Crispi? / – Gnò! – Ched’è sta jacuvella? / Sti denare ’e vvuò accussì?… / – Accussì? Mannaggia ’a morte!

*GB. Valentino. Che le venga la rogna, e ssette zelle / Comm’a la ceca jevan’a mmorrare! / Erano leste a ffa le ghiacovelle / Co guitte, e portarrobba, e ppotecare,.

*G. Genoino. donca pe tte so’ bbernie e ghiacovelle?-.

*R. Bracale. Allora ca, ògne mese, / cagnavo piccerella, / trattanno core e ammore / cumme a ’na jacuvella, / facenno ’o lasse e ppiglia / cchiú ’nfamo e malamente, / allora, ’e chilli tiempe, / nun me credeva, ’a ggente!

I – Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano – Da iàccio a izà – Di Salvatore Argenziano – vesuvioweb 2020

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Lessico e Letteratura Napoletana

16 Mar

3 Comments

Domenico Gargiulo in arte Micco Spadaro

by

Domenico Gargiulo in arte Micco Spadaro

Di

Aniello Langella

Bernardo De Dominici fu uno dei biografi più attenti alla ricerca artistica a Napoli e Domenico Gargiulo, certamente non poteva mancare tra i grandi della storia dell’arte del ‘600 napoletano. Ed è proprio il De Dominici a manifestare nel suo Vite de’ pittori, scultori ed architetti Napoletani non mai date alla luce, (Volume 3, pagina 190. Ed. Ricciardi, 1742) le tante perplessità che gravitano attorno alla corretta data di nascita, al suo percorso formativo ed anche al mistero che in certi anni della sua vita, circondò l’artista e soprattutto le sue opere. Incontrai Domenico Gargiulo più volte durante il mio lungo cercare tra le bellezze di Napoli, ma soprattutto mentre rileggevo le vicende drammatiche della peste del 1656, dell’eruzione del Vesuvio del 1631 e delle rivoluzioni politiche e sociali in città. Mi accorsi presto di trovarmi davanti ad un artista che esprimeva quasi sempre il desiderio di narrare la storia. Vedevo ed osservavo in lui la volontà di trasfondere nella tela e nell’opera d’arte il momento, ossia il tempo ed assieme il patos che si generava dall’evento storico stesso. Riuscivo a comprendere questo, ma non riuscivo a percepire nella sua interezza la vera anima dell’artista. Ma era questo in fondo, che cercavo? No. La risposta è certamente no. Io cercavo solo di leggere (con le mie ridotte capacità interpretative) lo sviluppo storico, la successione dell’evento che Domenico, tanto sapientemente sapeva rappresentare. In fondo a me, piccolo osservatore e cercatore, interessava conoscere la storia raccontata, quella dipinta, quella rappresentata. Sarà definito artista virtuoso dal De Dominici, che lo collocherà accanto a Salvator Rosa e Aniello Falcone suoi diretti maestri. Lo definirà molto più importante di quei fiamminghi che all’epoca tenevano il mercato dell’arte in pugno e che per certi versi non meritavano tanto plauso.

Aniello Langella – Micco Spadaro – vesuvioweb 2020.pub