02 Apr

2 Comments

07 – Regola Sette PIATTE DE BACCALÀ, E SALUMME

by

Ippolito Cavalcanti

Regola Sette PIATTE DE BACCALÀ, E SALUMME

Di

Gianna De Filippis e Salvatore Argenziano

Baccalà a la cannaruta

Scauda lo baccalà, e doppo che l’aje monnato de tutte le spine, e lle pellecchie, l’acconciarraje dinto a no ruoto a solare a solare co pane grattato, arecheta, e petrosino, sale e pepe, e ncoppa nce miette uoglio, e zuco de limone, e lo farraje ncroscà6 o dinto a lo furno, o co lo tiesto ncoppa.

icona 07 cavalcanti

07 – Regola Sette PIATTE DE BACCALÀ, E SALUMME – Ippolio Cavalcanti – Di Salvtore Argenziano – vsuvioweb 2017

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Ippolito Cavalcanti

02 Apr

1 Comment

La statua del Nilo a Napoli

by

Di

Marcello Erardi

icona nilo1

Il Nilo. Ora giungesi ad una piazzetta, che dalla statua eretta nel mezzo dicesi Piazza Nilo; nome comune a tutta la regione e all’antico Sedile. Questa parte della città negli antichissimi tempi era abitata da una colonia di Alessandrini, che mercanteggiavano in Campania, ove il famoso porto di Pozzuoli detto dal nostro Stazio litora hospita mundi, attirava gente d’ogni paese. Gli Alessandrini introdussero in Napoli, Pozzuoli, Pompei il culto egiziano d’Isi, Osiri, Anubi, e del Nilo. Qui poscia fu un tempietto di S. Attanasio d’Alessandria. Qui pure era la fratria dei Cinei , cioè adoratori del Canevar, ossia Anubi; e il vico  Bisi, per Isi (oggi Nilo), ricordava Iside. Qui adunque gli Alessandrini eressero una statua al Nilo, donde ne venne il nome alla regione; ma a quell’antica fu sostituita un’altra, che poi deturpata e mutilata del capo, fu ripulita e riaggiustata, come ora vedesi, nel 1734, appostavi l’epigrafe Vetustissimam Nili statuam. È detta dal volgo Corpo di Napoli, nome sorto in relazione all’altro di Capo di Napoli, dato al capo di Partenope, benchè potrebbe pure ripetersi dal sito, che è il centro di Napoli. Sogliono i Napolitani mettere in dialogo questa statua coll’altra del Sebeto, come in Roma Pasquino e Marforio (1).

Alle spalle di S. Liguori era l’antica regione Nilense, dove abitavano gli Egiziani ed Alessandrini stabiliti a Napoli pel commercio. In una piazzetta al terminare del vico Bisi, che era forse l’antico vicus Alexandrinus, vedesi ancora la statua restaurata del Nilo colle foglie di loto in testa con puttini e coccodrilli intorno, la quale fu qui rinvenuta. Questa piazzetta porta oggi il nome di Corpo di Napoli, ma è rimasto il nome antico alla strada ed a’ prossimi pubblici edifizii, chiamandosi tuttavia due chiese vicine S. Angelo a Nilo e S. Niccolò a Nilo ed il principale sedile di Napoli qui posto dicevasi di Nilo. Aveva questo sedile la volta dipinta a fresco dal Corenzio. La strada prende dopo il nome di S. Biagio a’ librai, per esservi i librai in gran numero stabiliti. La chiesa di S. Niccolò a Nilo, che ha annesso un conservatorio ed un ritiro di donne ha nel maggior altare un quadro del Giordano (2).

____________________________________________

Bibliografia

  1. Da Guida sacra della città di Napoli. Di Gennaro Aspreno Galante. Napoli 1872, pagina 227.
  2. Da Napoli e Contorni. Di Giuseppe Maria Galanti. Napoli 1829, pagina 150.

https://www.facebook.com/Marcello.foto1973/photos/a.1069105093205333.1073743158.505311336251381/1069105686538607/?type=3&theater

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Arte e artisti a Napoli, I monumenti, Storia

02 Apr

12 Comments

Giacomo Leopardi – Il grande poeta e filosofo dello Sterminator Vesevo da “Gente del Vesuvio”, di Umberto Vitiello

by

Di

Umberto Vitiello

Giacomo Leopardi, il grande poeta e filosofo dello Sterminator Vesevo da “Gente del Vesuvio”, di Umberto Vitiello “Vadim”.

Mia nipote Linda e suo marito Luigi mi portarono a rivedere la Villa delle Ginestre. È l’ultima mia visita in quella zona, apparsami subito così diversa da come l’avevo vissuta in giovane età, da ragazzo e poi da studente e da capo scout. La villa mi sembrò assediata e perfino rimpicciolita...

Umberto Vitiello – Giacomo Leopardi – vesuvioweb – 2012 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Umberto Vitiello

02 Apr

3 Comments

Aniello Langella e Armando Polito – L’eruzione del Vesuvio del 1631 letta attraverso le epigrafi di Torre del Greco e di Portici

by

L’amore che ci lega a questa terra ci ha ispirato il tentativo di carpire i significati intrinseci di due monumenti e in particolare del loro corredo epigrafico, ai quali, secondo noi, non è stata riservata fino ad ora adeguata attenzione. Ciò che non si conosce può esercitare, tutt’al più, un fascino epidermico e non durevole, magari una passeggera curiosità spesso insana; la conoscenza trasforma il primo innamoramento in amore e l’imperfettibilità di quella conoscenza in nobile voglia di ricercare il certo e avvicinarci quanto più possibile al vero. Dall’amore, infine, nasce il rispetto per il nostro passato e non solo per quello…

Aniello Langella e Armando Polito – L’eruzione del Vesuvio del 1631 letta attraverso le epigrafi di Torre del Greco e di Portici – vesuvioweb 2011

Continua a leggere

26 Mar

1 Comment

Il portale della chiesa di San Michele Arcangelo a Morfisa – San Domenico Maggiore

by

Di

Marcello Erardi

icona morfisa1

Il portale della chiesa di San Michele Arcangelo a Morfisa – San Domenico Maggiore

Dove era il tempio di Marte presso le mura di Napoli, fu edificato in tempo antichissimo una chiesa dedicata a S. Michelarcangelo a Morfisa ed un monastero dei primi monaci Basiliani, i quali tenevano pure un’ospedale. Morflsa è cognome d’antica famiglia napolitana. Circa l’anno dell’edificazione del Monastero dei Basiliani si crede da qualche scrittore il 721, a tempo del Duca di Napoli Esilarato; ma anche ciò si mettesse in dubbio, esiste in Cesare d’Engcnio documento dell’ affitto d’una terra appartenente a tale Chiesa per ducati 12 annui, affitto formato al tempo di Basilio Imperatore (1002) contemporaneo di Silvestro II (ved. A. D. 721). Questa chiesa era ove sono le prime cappelle, entrando nella chiesa attuale di S. Domenico, dalla parte della scala grande, e che forse s’ estendeva fino alla cappella della famiglia Carafa, ove è ora il SS. Crocifisso.

L’antico monastero è la parte del locale adjacente alla chiesa, e l’ospedale era appresso. Nel 1115 in questo monastero passarono i Benedettini a tempo del pontefice Pasquale. Federico lì Svevo avendo fondata un’ università vicino a questo monastero (ved. A. D. 1226) con l’opera dell’ arcivescovo di Napoli Pietro Sersale, e col consenso del Papa Gregorio IX, nel 1231 stabilì qui una casa di frati mendicanti dell’Ordine de’Predicatori, sin dal 1213 fondati da S. Domenico Gusmano perchè tenevano i Benedettini tante altre case. In questa chiesa di s. Michele Arcangelo a Morfisa , la famiglia Brancaccio aveva la sua cappella gentilizia, e che poi edificò s. Angelo a Nilo come verrà detto nell’epoca propria A. D. 1384. Divenuti i Domenicani padroni di s. Michele Arcangelo a Morfisa, quella chiesa prese il nome di s. Domenico, e venne consacrata da Alessandro IV il 5 gennaro 1255, Pontefice eletto in Napoli nel 1254, che fu il successore di Innocenzo IV. In questa antica chiesa stava il SS. Crocifisso innanzi del quale orava S. Tommaso d’ Aquino , ed una volta avvenne verso l’ alba del giorno di Capodanno (forse 1255), che fra Giacomo da Caserta videlo elevato due braccia da terra dove era inginocchiato, e poi sentì dire: Bene seripsisti de me Thoma quam ergo mercedem accipias? Rispose S. Tomaso: non aliam nisi Te ipsum. Questo quadro sta ora nella cappella dei Carafa e dei Sangro che fa antica chiesa di S. Giorgio, che fu un tempo delle famiglie Bevania, e Marra. I Domenicani all’ alba solennizzano questo portentoso colloquio in ogni capo d’anno. Non è da mettersi in dimenticanza, che nel giorno del capodanno del 1536 stando in Napoli l’imperatore Carlo V intervenne per questa funzione in S. Domenico ove assistette alla Messa , ed intese il sermone del Frate Ambrogio da Silva , che l’insinuò di prendere le armi contro i Luterani lo che fece l’Imperatore. II pulpito di questa chiesa antica sta nell’ attuale refettorio di S. Domenico. Carlo II d’Angiò a 6 gennaro 1289 pose la prima pietra alla magnifica chiesa e monastero di S. Domenico, trovando assai angusta quella, che tenevano i domenicani da poco stabiliti in Napoli. Questa chiesa e sontuoso monastero, Carlo dedicò a S. Maria Maddalena; ma poi si è chiamata S. Domenico, dai domenicani che l’abitavano. Vi è la statua della Maddalena sul principio della scala del monastero, fin dal tempo dello stesso Carlo. Carlo II dispose morendo , che il suo corpo si fosse portato in Provenza , nel monastero delle domenicane di Nazaret; ma che il suo cuore fosse rimasto a S. Domenico , ciocché venne eseguito; ed i domenicani grati a tante munificenze, gelosamente lo conservarono. In tempo dell’ occupazione militare venne portato altrove. In questa chiesa furono sepolti diversi Principi della real casa d’Angiò, cioè Filippo quartogenito di Carlo II d’Angiò, principe di Taranto, ed imperatore di Costantinopoli il quale morì nel 1332. Giovanni duca di Durazzo principe di Morea signore di Monte Sant’ Angelo conte di Gravina , ottavo figlio di Carlo II, morto il 6 aprile 1335, Pietro figlio di Filippo d’Angiò, Maria di Cipro seconda moglie del re Ladislao. Nel 1456 un gran tremuoto rovinò la chiesa, ed anche questi sepolcri che stavano nel coro. Rifatta la chiesa a cura dei nobili di Napoli, vi furono quelle lapide rimesse; ma in diversi luoghi. Molte casse mortuarie di Sovrani d’Aragona e Principi reali erano pure in diversi siti della chiesa; ma per ordine di Filippo I di Spagna, essendo vice re il conte di Miranda D. Giovanni Zunica furono tutte raccolte nella sagrestia nel 1594, e collocate acconciamente sopra delle tribune come ancora adesso stanno1.

Si  vede  anco  una  scrittura  di  concessione,  fatta  l’anno  1271  da  Pietro  Sorrentino arcivescovo di Napoli, della chiesa di Sant’Angiolo a Morfisa alli frati predicatori, hoggi detta San Domenico, ove sono sottoscritti molti canonici, tra i quali molti sottoscritti “canonici cardinales”…San Domenico è una nobilissima chiesa nota a tutti, sita nella regione di Seggio di Nido, fondata circa l’anno mille dalla fameglia Morfisa, sotto titolo di Sant’Angelo a Morfisa, con un hospetale  per  li  poveri  infermi.  Fu  poi  concessa  da  papa  Paschale  II  l’anno  1116  a’  monaci del’ordine di san Benedetto, et in processo di tempo fu dal prencipe Carlo, figlio del re Carlo Primo d’Angiò,  ampliata  l’anno  1150  e  ridotta  a  miglior  forma,  dedicandola  anco  a  Santa  Maria Maddalena  di  cui  esso  era  divotissimo,  con  fondarvi  anco  uno  monaste
rio  di  monache,  di  cui  sino hora se ne vede la porta sopra di cui vi sta dipinta l’immagine di Santa Maria Maddalena, havendovi
esso  di  propria  mano  collocata  la  prima  pietra  benedetta  dal  cardinale  Gerardo vescovo  sabinese, alli 6 di gennaio 1283, come si nota nella bolla di papa Martino IV, dotandola di ricche entrate2.

Ma che che sia, che questo convento stando nel luoco ove hora è posto il Castel Nuovo fusse poi stato  trasferito  dal  re  Carlo,  edificator  del  castello,  in  questo  luogo,  neanche  passa  senza  qualche difficoltà,  poiché,  quando  questo  monasterio  fusse  stato  tanto  anticamente  in  Napoli  o  suo distretto  fondato  quanto  dicono  i  sopradetti  autori,  nelle  processioni  et  altre  publiche  funtioni  i francescani precederiano a’ domenicani, mentre, in quanto alla precedenza che attendere si deve fra le quattro religioni de’ mendicanti, s’attende l’antichità del tempo della loro venuta e fondatione de’ loro  monasterii  fatta  in  Napoli,  non  havendo  i  frati  domenicani  in  Napoli  prima  dell’anno  1231 havuto  propria  chiesa  e  monasterio,  essendogli  da’ monachi  benedettini  col  consenso  del  legato apostolico  e  dell’arcivescovo  di  Napoli  nel  detto  anno  conceduta  quella  di  Sant’Arcangelo  a Morfisa,  detta  poi  come  al  presente  di  San  Domenico,  benché  i  medesimi  domenicani  mandati fussero  in  Napoli  a  predicarvi  la  parola  di  Dio  fin  dall’anno  1227  dal  pontefice  Gregorio  IX, habitando   però   come   hospiti   con   gli   altri   padri   benedettini   nel   detto   loro   monasterio   di Sant’Arcangelo a Morfisa, come più pienamente si legge appresso del medesimo Engenio, trattando della  chiesa  e  convento  di  San  Domenico;  e  benché  nel Martirologio franciscano  si  dichi  che  il beato   Agostino   d’Assisi   morisse   in   Napoli   nella   Campagna,   e   ciò   anche   detto   havesse   il Tossignano,  onde  par  che  necessariamente  intendere si  debbia  che  morisse  nel  monasterio  che all’hora era in piedi, cioè ove hora è il Castel Nuovo, mentre non può verificarsi in questo ove sta al presente, fondato dal re Carlo I nell’anno 1268 o 1270, come dicono i sopradetti autori, essendo il glorioso  san  Francesco  morto  nel  1226,  nel  qual  anno  morì  anche  il  beato  Agostino,  né  anche verificar  potendosi  che  avvenisse  nella  chiesa  di  San  Lorenzo,  come  il  disse  fra  Geremia  Bucchio nelle Conformità di san Francesco  al libro 1°,  al frutto 8° e conformità folio 83, et al frutto 11°  e conformità  folio  156,  mentre  questo  convento  fu  fondato  molti  anni  dopo  della  morte  di  san Francesco,  come  nel  detto  luoco  anche  narrato  habbi
amo,  poiché  non  vi  sono  mancati  altri  gravi autori che non già in Napoli vollero che morisse il beato Agostino, ma bensì nel monasterio di San Pietro  di  Capua,  tra’  quali  è  il  Tossignano,  il  quale  asseveratamente  afferma  nella  detta  chiesa ritrovarsi il suo corpo, ove è tenuto in molta veneratione nella tribuna, nella quale sta anche dipinta tutta la vita di esso beato3.

Bibliografia

  1. Della città di Napoli dal tempo della sua fondazione sino al presente. Di Francesco Ceva Grimaldi, Napoli 1857, pagina 147 e succ.
  2. Catalogo di tutti gli edifizi sacri della città di Napoli e suoi sobborghi entro il 1643. Di Giovanni Antonio Alvina
  3. Aggiunta allaNapoli sacra dell’Engenio CaraccioloNapoli, entro il 1689. Di Carlo de Lellis

 

https://www.facebook.com/Marcello.foto1973/photos/ms.c.eJxFztsJwAAIA8CNStT42n~_xglL7e2gSQUKlaUFNNX1kIaoz4MQH6XOBA~_eAygekoa26DjYj7oU94H0ZvmBXi8mof4fsjjyIBX0Bp1Ileg~-~-.bps.a.1070219379760571.1073743164.505311336251381/1070219436427232/?type=3&theater

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Arte e artisti a Napoli, I monumenti, Storia

26 Mar

2 Comments

Mount Vesuvius 1906 dal NATIONAL GEOGRAPHIC MAGAZINE

by

Dal

NATIONAL GEOGRAPHIC MAGAZINE

No five years in history have been so noted for volcanic disturbances as the years 1902-1906. The explosion of Mont Pelee, which destroyed 30,000 people; the eruption of Santa Maria in Guatemala a few months later, which likewise swept away thousands of people and wrecked many miles of fertile plantations; the activity of Colima in Mexico, and of Mauna Loa in Hawaii, and now this latest eruption of Vesuvius, form an unprecedented series of disasters. They serve to emphasize our ignorance of volcanic action; and yet this ignorance is not to be wondered at, for no systematic study of volcanic action has ever been made. Commissions have been sent to study individual volcanoes — Vesuvius, Mauna Loa, Krakatoa, Mont Pelee, etc. but no prolonged comparative investigation has been made of all of them. Probably no field of scientific inquiry would yield such valuable results as a careful study of the volcanoes of the world.

ICONA2

Mount Vesuvius 1906 – Dal National Geographic Magazine – vesuvioweb 2016.pub

 

 

26 Mar

1 Comment

Notizie del memorabile scoprimento dell’antica città Ercolano, vicina a Napoli – Francesco Gori 1748

by

Notizie del memorabile scoprimento dell’antica città Ercolano, vicina a Napoli 
del suo famoso teatro, templi, edifizj, statue, pitture, marmi scritti e di altri insigni monvmenti, avute per lettera da varj celebri letterati … : aggiunta la statua equestre di marmo … : ed una dissertazione sopra la mensa sacra degli ercolanesi scritta con lettere etrusche.

Di Francesco Gori 1748

http://archive.org/stream/notiziedelmemora00gori 

303herclg

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Archeologia, Storia e cultura

26 Mar

3 Comments

L’eruzione del Vesuvio del 1906

by

L’eruzione del Vesuvio del 1906

Di Tom Gidwitz, Aniello Langella, Vincenzo Marasco

In occasione del centenario dell’eruzione del 1906, che vesuvioweb volle celebrare in rete con un evento dedicato nel 2006, furono raccolti molti lavori e ricerche. Abbiamo scelto tra tutte quelle editate in quell’anno le più rappresentative e le abbiamo unite in un unico lavoro. Il dramma delle popolazioni e il grande spirito di solidarietà che prevalse sulla sciagura, viene sottolineato non solo nel testo ma anche nelle drammatiche immagini, che dimostrano come uno stato e una società in grande difficoltà economica e con problematiche politiche sullo scenario europeo, di grande rilievo,
seppe dare una risposta a quelle popolazioni che si videro private della casa, della terra da lavorare e del bestiame, prima fonte di sussistenza.

icona 1906a

L’eruzione del Vesuvio del 1906 – vesuvioweb 2013

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, L’eruzione del Vesuvio del 1906