08 Feb

2 Comments

“Rǝ Pàkkǝrǝ” – “I Quattro Cantoni” – “Papà Ggǝlòrmǝ”

by

“Rǝ Pàkkǝrǝ. I Quattro Cantoni. Papà Ggǝlòrmǝ”

Il gioco dello Schiaffo, Quattro cantoni, Papà gelorme

Di

Silvio Falato

Un altro gioco, frequente nel mese di Febbraio, perché facilmente praticabile al chiuso, era quello dello ”schiaffo”, in dialetto “rǝ pàkkǝrǝ”. Nel gruppetto, che di solito era costituito di sette o otto elementi, mediante il famoso “tocco”, si sceglieva chi doveva andare sotto. Lo sfortunato si piazzava al centro del gruppo, infilava la mano destra sotto l’ascella sinistra, esponendo
chiaramente il palmo, e con la mano sinistra, messa di lato sul viso reclinato a destra, impediva la visuale su tutto il lato destro. Da qui uno del gruppo assestava un forte schiaffo sul palmo della mano esposta, e ogni giocatore, componente del gruppo, poi,
col dito alzato, fingeva, davanti allo schiaffeggiato che si era girato, di essere stato lui l’autore dello schiaffo.

Silvio Falato – Schiaffo, Quattro cantoni, Papà gelorme – vesuvioweb 2019

 

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, guardia sanframondi

08 Feb

0 Comments

La notte del Piedegrotta

by

Giacomo Marulli – La notte del Piedegrotta

Di

Giacomo Marulli

Recensione di Vincenzo Pepe

Attorno alle figure dei protagonisti ruotano numerose identità secondarie, anche queste, però, delineate con efficacia. Ecco, per esempio, la figura di Salvatore, uno dei delinquenti che eseguono materialmente i crimini progettati da Don Lionardo:  Salvatore era no giovane de cosetore, lo quale, però, se l’anno era composto de dudece mise, isso ne steva a spasso tridece, bravo a ll’arte soja, pittava lo sole quanno pe combinazione aveva pe le mmane quacche piezzo de lavoro; ma de chesta bravura soja poco se ncarrecava, e mmece passava la vita soja a pappalardielle, senza fa maje niente, passanno la matenata dinto a
la taverna o a la cantina, mbriacannose a meglio a meglio, rociolianno pe tutta Napole co le mmane dinto a le ssacche, dormendo lo doppo magnato, e tornanno ad ascì n’autra vota la sera, primma pe ghì a trovà Don Lionardo, e a lo scennere da chella casa pe mpezzarese addò?

Giacomo Marulli – La notte del Piedegrotta – Recensione di Vincenzo Pepe – vesuvioweb 2019

 

08 Feb

1 Comment

22 – Agglutinazione

by

A Lenga Turrese Vocalismo e Consonantismo

L’agglutinazione

Di

Salvatore Argenziano

L’agglutinazione dell’articolo consiste nell’unione dell’articolo al sostantivo con la realizzazione di una nuova parola dello stesso significato, come da menta > amenta. Spesso questa diventa di uso comune e prevalente rispetto a quella iniziale
acciànza Occasione, opportunità. Dal francese “chance”, con ipercorrettismo SC/C della pronuncia francese e mutazione S/Z, sempre dalla pronuncia francese > cianza. Da -a cianza- > accianza con agglutinazione dell’articolo e geminazione della -c- pretonica. alaccia. Una doppia agglutinazione è presente per questa parola. Dal latino tardo àppiu(m), dal classico àpiu(m)=sedano, da apis=ape, perché inteso dagli antichi come pianta delle api. Da “appio”, con agglutinazione dell’articolo, -l’appio > lappio- e laccio, con mutazione -ppi->-cci-, come da “sepiam” > seccia. Nel linguaggio popolare, laccio cambia genere e passa al femminile laccia (vedi citazioni di G. D’Amiano). Una seconda agglutinazione porta da –a+laccia- ad – alaccia-, come nei miei ricordi torresi.

22-Agglutinazione – Di Salvatore Argenziano – vesuvioweb 2019

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Stròppole linguistiche

26 Gen

2 Comments

L’Arc de Triomphe a Naples

by

L’Arc de Triomphe a Naples

Riflessioni iconografiche tra schemi di architettura ed invenzione artistica

Di

Aniello Langella

Les quatre statues placées dans des niches, au-dessous du fronton, figurent, disent de vieux auteurs, « quatre des grandes vertus du roi». Dans le bas-relief principal, le roi Alphonse est assis sur un char que surmonte un dais; il est précédé de sa garde noble et de trompettes. Le cortège se compose de la garde noble, du clergé, des hauts dignitaires, de Jerrante, fils illégitime du roi, du prince de Tarente, grand connétable, de l’ambassadeur de Milan, et de leur suite.

Aniello Langella – ARC DE TRIOMPHE A NAPLES – vesuvioweb 2019.pub

26 Gen

4 Comments

La lavorazione della seta e la bachicoltura a Torre del Greco

by

La lavorazione della seta e la bachicoltura
a Torre del Greco

Di

Lina De Luca

La produzione torrese di vino ha resistito nel tempo ed è ancora attuale, ma lo stesso non può dirsi di un’altra antica attività economica che fu praticata nel territorio  di Torre del Greco dal XVI al XIX secolo, la lavorazione della seta.  A Napoli la produzione serica è attestatain manieradiretta dal XIII secolo, ma sperimenta una decisa svolta tra il 1465 e il 1477. La prima data corrisponde alla venuta in città, chiamato dagli Aragonesi, di un imprenditore veneziano della seta perché vi esercitassela sua attività; la seconda indica l’anno in cui si passò a regolamentare ufficialmente l’Arte della Seta, facendo della corporazione dei mercanti, tessitori e lavoranti di quel settore la più forte associazione di mestiere a Napoli.

Lina De Luca – La lavorazione della seta e la bachicoltura a Torre del Greco – vesuvioweb 2019

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Storia e cultura

26 Gen

3 Comments

C – da cacà a cuvalera – Lessico Letteratura del Dialetto Napoletano

by

C

Da cacà a cuvalera

Lessico Letteratura del Dialetto Napoletano

Di

Salvatore Argenziano

cacatalluni: s. m. Cacasotto. Detto di chi si caca sui talloni. Si presuppone che l’evacuazione sia fatta accovacciandosi e non seduto su zipeppe o water.
*Basile. Scalorcia, perchiepetola! / Perchia, mezacammisa! / Cacatallune, semmena–pezzolle! / O sfoca–chiurme, mozza de pottana! / O feccia de vordiello! / Zitto, canna de chiaveca!
*R. De Simone. Zandraglia perugliosa! / Guaguina jetta-cantaro! / Cacatallune a tte e chi sta cu ttico! / Lavate ’a vocca si parle cu mmico ! cacatrònole: s. m. Scorreggiatore. Peretàro.
*R. De Simone. Pirchipetola a me?… Cacatrònole! / Comm’hê ritto?… / Ha ritto cacatrònole… proprio accussì!…
cacaturo: s. m. Cesso, latrina, vaso da notte. Luóco, zi’ peppe.
*Basile. s’hai mostrato lo cannolicchio, o maro de bellezza, mostrame ancora le carnumme, scuopreme ss’uocchie de farcone pellegrino e lassale pascere de sto core! chi sequestra lo tresoro de ssa bella faccie drinto no cacaturo?
cacavéssa: s. f. Diarrea, paura, cacarella. etim. Cacare vessa. Emettere loffa, vescia.

C – Da cacà a cuvalera – Lessico e Letteratura del dialetto Napoletano – Di Salvatore Argenziano – vesuvioweb 2019

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Lessico e Letteratura Napoletana

26 Gen

4 Comments

Luigi Palomba (1867 – 1931): un sindaco che ha dato lustro a Torre del Greco

by

Luigi Palomba (1867 – 1931): un sindaco che ha dato lustro a Torre del Greco

Di

Umberto Vitiello

Probabilmente gli stessi attivisti fascisti che, non contenti abbastanza di quanto avevano ottenuto il 31 ottobre 1926, organizzarono nel 1927 una spedizione punitiva contro tutta la famiglia del dottor Luigi Palomba, ormai non più sindaco perché da loro destituito. Il giorno stabilito, mentre si armavano di pugnali e manganelli, qualcuno che aveva saputo delle loro intenzioni si sentì in dovere di correre ad avvertire la famiglia del dottore. E i figli dell’ex sindaco, Biondo, Mario e Pietro (2), allora dei ragazzi, riuscirono a scappare in tempo, dopo aver affidato la loro sorellina Maria di appena un anno alla famiglia dei propri vicini, passandogliela dal giardino. La famiglia Palomba abitava in una bella villa del Settecento (3) che si affacciava sulla via Nazionale nel rione Sant’Antonio. Della villa il dottore Luigi Palomba era proprietario.

Umberto Vitiello – Luigi Palomba (1867 – 1931) – Un sindaco che ha dato lustro a Torre del Greco – Vesuvioweb 2019