Categoria: Luciano Galassi – ’A lecca e ’a mecca

13 Gen

11 Luciano Galassi – A pesielle pavammo

by Vesuvioweb

Nel libro “Guida pratica del dialetto napoletano”, del 1877, Giacomo Marulli e Vincenzo Livigni riportano in forma non welleristica la locuzione ‘A pesielle pavammo’, a margine della quale annotano: “cioè a tempo lontano, e precisamente quando si principiano a vendere i piselli freschi”; e poi laconicamente aggiungono: “parole usate dai becchini”. Nonostante quest’antica testimonianza, desta […]

13 Gen

10 Luciano Galassi: Dicette ‘o pàppece vicino â noce….

by Vesuvioweb

Dicette ‘o pàppece vicino (‘nfaccia) (‘ncuollo) â noce (a ‘o fasulo) ( â fava ): “Damme ‘o tiempo ca te spertoso”. Disse il punteruolo alla noce (al fagiolo) (alla fava): “Dammi il tempo che ti perforo”. Punteruolo è il nome generico di varie specie di coleotteri che, con il loro apparato buccale a forma di […]

13 Gen

9 Luciano Galassi – Venditori e “voci” di Napoli. Capitoni e anguille

by Vesuvioweb

Questa ‘voce’ si sente anche nel terzo episodio, dal titolo “I penultimi fuochi”, del film di Luciano De Crescenzo “32 DICEMBRE”, del 1988: un disoccupato, Alfonso, interpretato da uno strepitoso Enzo Cannavale, il 31 dicembre è molto amareggiato perché, non avendo soldi, non può saudire il grande desiderio dei figli di sparare per quella notte […]

13 Gen

8 Luciano Galassi – ’O mellone chino ’e fuoco

by Vesuvioweb

Per Giuseppe Marotta la trippa «a Napoli, non è alimento di soli spiantati». «Nei mesi caldi, sul tardi, perfino le strade principali accolgono bottegucce portatili di trippa bollita…». I signori si fermano a queste bottegucce «e ne acquistano una fetta, spruzzata di sale e di limone: una coccarda, un nastrino che dura tre passi, un […]

13 Gen

7 Luciano Galassi – “L’abbetiello è piccerillo, ma chino ’e devuzione!”

by Vesuvioweb

Secondo gli autorevoli Antonio Altamura e Francesco D’Ascoli, è una reliquia o figurina di un santo o della Madonna, cucita in una pezzuola (o contenuta in due pezzetti di stoffa cuciti insieme) e sospesa al collo con nastri o fermata con una spilla sulla biancheria del fedele. L’Altamura l’ha anche definito “un’immagine sacra stampata su […]

13 Gen

6 Luciano Galassi – Zompa chi po’, dicette ‘o ranavuòttolo

by Vesuvioweb

Si racconta che un ranocchio e un topo decisero di disputare una gara di corsa. Il roditore, agile e veloce, accumulò ben presto un consistente vantaggio sul batrace, ma, quando arrivò ad un ruscello, il suo slancio fu frenato perché non v’era altra maniera di superare l’ostacolo che attraversare il corso d’acqua a nuoto. Si […]

13 Gen

5 Luciano Galassi – ‘O Raù

by Vesuvioweb

Il “ragù” o “raù” viene definito da Antonio Altamura uno “stracotto; sugo di carne piuttosto denso, con cipolle e pomodoro”. Per Sergio Zàzzera è un “alimento alchèmico”, nel quale il vapore, il pomodoro, il vino e la fiamma adoperata per la cottura sarebbero i segni rispettivi dell’aria (per la sua costituzione aeriforme), della terra (che […]