Tommaso Cornelio

Inserito da: · novembre 21, 2015

Di

Aniello Langella

… Per il tempo ed il periodo in cui visse e studiò Tommaso Cornelio, non fu soltanto un medico. Per quei tempi la costruzione scientifica del pensiero, prevedeva quasi in implicito, l’estensione a tutte le branche dello scibile umano e ciò non era dettato solo da una moda o dal consenso che se ne poteva trarre, ma dal desiderio dello studioso di voler espandere la conoscenza oltre un limite imposto. Fu così medico, matematico e filosofo, divenendo in quei suoi settant’anni di vita un’eminenza e punto di riferimento per le accademie. Acquisì e sviluppò (anche in silenzio) le teorie galileiane e seppe usarle come strumento per   affrontare il pensiero di Campanella. Il canone platonico seppe infondergli i cardini del ragionamento e della logica che esprimeva con convinzione e ragione. Nel suo capolavoro Progymnasmata physica, del quale abbiamo una copia data alle stampe dopo la sua morte nel 1688, si esprimono quasi tutti gli ambiti di indagine scientifica, percorsi dal Cornelio  …

icona CORN1

Aniello Langella – Tommaso Cornelio – vesuvioweb 2015

 

 

Discussione5 Comments

  1. mari ha detto:

    Cornèlio, Tommaso. – Medico, matematico e filosofo (Rovito 1614 – Napoli 1684). Esponente della rivoluzione scientifica del Seicento nell’Italia merid., diffuse qui la nuova filosofia di Bacone, Hobbes, Gassendi, Galilei e Cartesio. Tra i fondatori dell’Accademia degli Investiganti, scrisse numerose opere, talune tuttora inedite, tra cui Progymnasmata physica (1663…………….

    cordiali saluti Maria

    • Vesuvioweb ha detto:

      Il personaggio è sicuramente importante per la storia della città e nell’ambito della Storia della Mecicina. In seguito vedremo assieme come approfondire la ricerca su quell’Accademia che lo vide protagonista e attore principale.
      Grazie Maria

  2. mari ha detto:

    Leggendo i Progymnasmata physica come testimonianza di un clima intellettuale destinato a proiettarsi nei successivi decenni e come filosofia di un ceto di tendenza riformatrice, si può comprendere una delle ragioni del loro grande successo. Dopo l’edizione veneziana del 1663 ve ne furono a Francoforte 1665, Lipsia e Jena 1683, Venezia 1683, Copenaghen 1685, Napoli 1688. L’ultima edizione comprende le opere postume e fu curata dai più stretti amici del Cornelio. Il dialogo iniziale tra Stelliola, Trusiano e Bruno è una presa di posizione nettissima a favore dei moderni contro la medicina galenica, la scolastica e l’organizzazione medica ufficiale. I primi sette Progymnasmata (De ratione philosophandi, De rerum initiis, De universitate, De sole, De generatione hominis, De nutricatione, De vita) e quello postumo De sensibus, aggiunto nel 1688, rappresentano l’attuazione di un programma di fondazione epistemologica. Separata la metafisica dalle scienze naturali, l’itinerario proposto va dalla matematica, cioè il linguaggio dei fenomeni astronomici e della fisica meccanica, alla fisiologia, con la quale lo scienziato tratta i fenomeni complessi, dove non vale il procedimento per analogia e la conoscenza dell’oggetto è limitata dalla imperfezione dei sensi. La riluttanza del C. ad accogliere integralmente il meccanicismo come base epistemologica per le scienze della vita, chiarisce il modo e i limiti della recezione meridionale del cartesianismo. L’originale disegno di natura cosmologica è ripreso nell’opera sotto forma di indagine sulle teorie della materia e della struttura dell’universo, con l’attribuzione all’etere di una funzione di determinazione del moto. Già i contemporanei indicavano come contributo originale del C. (antecedente alle scoperte di Pecquet, Willis e Glisson) gli studi sui processi di nutrizione e di respirazione (Prog. VI e VII). Ma in realtà tutta la riflessione corneliana si inscrive nel dibattito europeo sul meccanicismo, dalla particolare prospettiva che gli veniva attraverso la tradizione vitalistica della filosofia meridionale. I Progymnasmata lasciano intravedere le direzioni verso le quali si sarebbe avviata la riflessione a lui successiva: un monismo materialistico variamente contesto con l’atomismo, lo scetticismo sperimentalistico, la possibilità di una nuova metafisica nella teoria della mens………………..per approfondire chi volesse……………..
    Maria

  3. Falato Silvio ha detto:

    Questo Sud in ogni epoca ha dato grandi uomini. Grazie e complimenti.

  4. giuseppina di vicino ha detto:

    Mi associo a Silvio riguardo i nostri grandi uomini e le loro menti geniali. E tu…..sei sulla buona strada. Buon proseguimento.Pina

Aggiungi un commento