Categoria: Luciano Galassi – ’A lecca e ’a mecca

13 Gen

4 Luciano Galassi – Nostalgia delle voci di Napoli

by Vesuvioweb

Le “voci” dei venditori, cioè i loro richiami, a Napoli ci saranno sempre, fino a quando esisteranno i mercati all’aperto (come al Borgo S. Antonio Abate o alla Pignasecca) o una singola bottega esporrà la merce sulla pubblica via (come, ad esempio, la pescheria “Rafele ’o puzzulano” a Via Scarlatti): io stesso ne ho raccolte […]

13 Gen

3 Luciano Galassi – Castagne e Castagnari a Napoli

by Vesuvioweb

Un tempo saper individuare, e denominare, i vari tipi di castagne non era cosa di poco conto e serviva a distinguere gli uomini rispettabili e di scienza, come ne è scherzosa testimonianza la “settima corda” de “La tiorba a taccone”, di Filippo Sgruttendio, nel cui quarto componimento, intitolato “ , viene descritto uno dei tanti […]

13 Gen

2 Luciano Galassi – Il Carruocciolo

by Vesuvioweb

Il carruoccio o carruócciolo, voce derivata dal latino medioevale carrocium, viene definito da Antonio Altamura una “base di legno su quattro rotelle, sulla quale i ragazzi corrono per le discese delle strade”. Francesco D’Ascoli lo descrive come un “carrettino formato di una tavola con quattro piccole ruote, di cui si servono i ragazzi per giocare”. Anche […]

13 Gen

1 Luciano Galassi – Fa’ zitabona

by Vesuvioweb

Premettiamo che le parole dialettali “zita” (ragazza, zitella, sposina) e “bona” (bella, formosa) non c’entrano nulla con l’espressione di cui ci stiamo occupando, per spiegare la quale occorre fare un passo, o due, indietro. Nel 1540 il viceré Don Pietro di Toledo riunì tutti gli uffici della magistratura, che erano sparpagliati in diversi luoghi della […]