10 – Carlo Iandolo – Pillole di Linguistica Napoletana – Mieje e tuóje, Jammaro, Penzarraggio, Maruzza, Verola

Inserito da: · gennaio 13, 2012

Gli aggettivi possessivi spesso -rispetto alle forme d’avvio del latino classico e di quello volgare o popolare- hanno strane risultanze nella lingua nazionale e nel nostro dialetto. Ne dà prima riprova il maschile singolare “meu-m”, sfociato nell’atipico italiano “mio”, anziché nel naturale sviluppo *mieo (in base alla brevità della vocale “e”, che quindi doveva dittongare in sillaba aperta), cosí come nel dialetto l’esito è stato mijo, con la semiconsonante “j” inseritasi come suono di transizione fra le due vocali per spezzarne l’aspra adiacenza.

10 Carlo Iandolo – Pillole di Linguistica Napoletana – Mieje e tuóje, Jammaro, Penzarraggio, Maruzza, Verola – vesuvioweb

 

Il plurale maschile “mei” del latino ha normalmente rispettato l’evoluzione formale nell’italiano “mie-i”, mentre nel nostro dialetto lo sviluppo vocalico di “e” breve in mieje (’e frate mieje: con la quarta vocale finale di tipo evanescente) va attribuito alla metafonia, di contro al femminile meje (’e ssore meje).

Aggiungi un commento