10 Luciano Galassi: Dicette ‘o pàppece vicino â noce….

Inserito da: · gennaio 13, 2012

Dicette ‘o pàppece vicino (‘nfaccia) (‘ncuollo) â noce (a ‘o fasulo) ( â fava ): “Damme ‘o tiempo ca te spertoso”. Disse il punteruolo alla noce (al fagiolo) (alla fava): “Dammi il tempo che ti perforo”. Punteruolo è il nome generico di varie specie di coleotteri che, con il loro apparato buccale a forma di rostro, forano i gusci di noci, nocciuole, mandorle ecc., e infestano il grano nei granai. Alberto Consiglio osserva che “la noce è dura, anzi durissima.

10 Luciano Galassi – Dicette ‘o pàppece vicino a noce – vesuvioweb

 

Giuseppe Porcaro, che, stranamente, riporta il detto senza precisare a chi si riferisca il pàppece, non ne coglie appieno il senso poiché afferma:
“Non bisogna mai aver fretta, mai fare le cose con precipitazione e sconsideratezza, tal quale la gatta che per andar di fretta a sgravarsi partorì gattini
ciechi. Le cose vanno compiute con flemma, con pazienza, a tempo e luogo, anche se si vogliono raggiungere grandi scopi con piccoli mezzi o risolvere problemi ritenuti insolvibili. Anche una goccia col tempo riesce a perforare il marmo: gutta cavat lapidem ”. E su questa immagine, della goccia che scava la roccia, vogliamo riportare due versi di un anonimo rimatore napoletano del Quattrocento:

Agio veduta l’acqua pertusare,
piovendo spisso, la màrmora dura.

Aggiungi un commento