12 – Carlo Iandolo – Pillole Linguistiche Napoletane

Inserito da: · gennaio 13, 2012

’O shcriv’r a ccussi’ cómm s parl a Nnapul. C’è chi -privo delle piú comuni ed elementari conoscenze linguistiche del dialetto partenopeo- nega anche in forma scrittoria l’esistenza della vocale evanescente, che compare improvvisa e inattesa qua e là, tranne con costanza nell’ultima sillaba di parole baritone (= prive d’accento sulla vocale terminale).

12 – Carlo Iandolo – Pillole Linguistiche Napoletane – vesuvioweb

 

In una vanagloriosa pseudo-“Grammatica lessigrafica della vera (!!!) lingua (!!!) napoletana”, già in copertina si trovano grafie assurde circa la vocale atona labile: ecco ’o shcriv’r a ccussi’ cómm s parl a Nnapul (= lo scrivere cosí come si parla a Napoli); chi p Aust nunn è vv’stut, viern ‘nguoll ll è vv’nut (= chi per agosto non è vestito, inverno addosso gli è venuto); rummen’ch (= domenica) ecc. e altre abnormi-abominevoli scritture fono-morfo-sintattiche di tipologia araba.1

Aggiungi un commento