13 – Carlo Iandolo – Pillole Linguistiche Napoletane – Le semiconsonanti

Inserito da: · gennaio 13, 2012

Le semiconsonanti in apparenza sono normali vocali atone: si tratta della palatale “i” e della velare “u”, che in scientifica trascrizione fonetica sono segnate come /j/ ed /w/. Esse, che sono seguite da un’altra vocale effettiva (a-e-o) e dànno vita a dittonghi ascendenti, hanno una durata piú breve delle vere vocali “i – u”, con un suono intermedio fra esse e le consonanti.

13 – Carlo Iandolo – Pillole Linguistiche Napoletane – Le semiconsonanti – vesuvioweb

Il loro ruolo di semiconsonanti si evince anche da un particolarissimo uso sintattico: infatti avanti a esse gli articoli determinativi singolari risultano ’o, ’a, mentre dinanzi a parole inizianti con altre effettive vocali di norma compare ll’ (bivalente per il maschile e il femminile): ess. ’o jammero, ’o jennero, ’a jonta, ’o ’uajo, ’a ’uerra, ’a ’uantiera…; invece ll’ato, ll’urdemo, ll’anema, ll’età… Con esse scatta un primo quesito: dove e quando compaiono?

Aggiungi un commento