13 Luciano Galassi – Le zandraglie, ’A prevasa

Inserito da: · gennaio 13, 2012

Come messo in luce acutamente da Francesco D’Ascoli,“nel corso dei secoli si è sempre rifuggito dal pronunziare il nome del cesso in tutte le sue forme. Anzi si è fatto ogni sforzo per dare ad esso la parvenza di non essere ciò che realmente era. Si è perfino ricorso all’uso di denominazioni straniere…e privatia era… il termine latino dal quale sono discesi vocaboli come privasa / prevasa / pruvasa” (ma anche pruasa), tutti indicanti il gabinetto di uso privato delle antiche abitazioni napoletane.

 

 13 Luciano Galassi – Le zandraglie, ’A prevasa – vesuvioweb

 

 

Sicché, conclude il D’Ascoli, “quando si apostrofa una donna come prevasa si
dice né più né meno che… è un cesso”, una latrina, un gabinetto di decenza: tale senso traslato ed offensivo, annota il Bracale,“fu [e viene ancora] usato per indicare una donna particolarmente volgare, lercia, sordida, abietta, corrotta, ripugnante, ributtante, disgustosa, tal quale un cesso o una latrina non nettati o ripuliti”, ed infine anche una donna di facili costumi morali, prostituta.

Aggiungi un commento