17 – Carlo Iandolo – Pillole linguistiche napoletane – Un’eguaglianza italiana e napoletana

Inserito da: · gennaio 14, 2012

È noto che sostantivi e aggettivi in uso linguistico nella nostra penisola, se provenienti dal “latino parlato”, sono discendenti del caso Accusativo ormai privato di “-m” finale,1 ipotesi piú convincente di quella che richiama l’Ablativo.

17 Carlo Iandolo – Pillole linguistiche napoletane – Un’eguaglianza italiana e napoletana – vesuvioweb

 

Ne sono limpide riprove specie i lemmi maschili e femminili della 3a declinazione (spesso con apocope sillabica), nonché in taluni aggettivi della 2a classe: (civitas-atis: “civitàte-m” >) civitàde > civ(i)ta > città; (libertas-atis > “libertàte-m” >) libertàde > libertà; (dux-cis > “duce-m” >) duce; (flos-ris > “flore-m” >) fiore; (nix-ivis > “nive-m” >) neve, (pes-dis > “pede-m” >) piede; (virgo-inis > “virgine-m” >) vergine…, (audax-acis: “audace-m” >) audace; (saluber-salubris-salubre: “salubre-m” >) salúbre; (vetus-eris: “vetere-m” >) città di Capua Vetere-CE e di Vietri sul Mare-SA… Con eguale evidenza ecco anche le testimonianze accusativali d’alcuni neutri poi maschilizzati: (crimen-inis > *crimine-m >) crimine; (genus-eris > *genere-m >) genere; forse (cadaver-eris > *cadavere-m >) cadavere e (nectararis > *nectare-m >) nèttare; (lac-ctis > *lacte-m >) latte; (pectus-oris > *pectore-m >) ant. pèttore…

 

Aggiungi un commento