Aniello Langella – I Fiumi del Vesuvio – DRAGONE, SARNO, SEBETO, VESERI, NIGRO

Inserito da: · gennaio 29, 2012

Parleremo del fiume Dragone in questo lavoro di ricerca bibliografica? Forse ne parleremo, ma mi preme soprattutto lavorare, leggendo e rileggendo i vecchi testi, sulle origini del termine e sulla sua localizzazione. Nel nostro sito ho molto apprezzato il lavoro di Pietro Gargano, relativo al Dragone, il fiume di Portici. Ma abbiamo anche parlato del fiume Dragone a Torre del Greco…

Aniello Langella – I Fiumi del Vesuvio – DRAGONE, SARNO, SEBETO, VESERI, NIGRO – vesuvioweb

… Ora ci viene di pensare come asseriscono in molti che il fiume nella sostanza letteraria del termine forse non esisteva ma forse esistevano molti corsi d’acqua che la tradizione voleva definire e identificare con il termine Dragone. Si deve sostenere oggi che durante tutto il Medioevo il fiume Dragone venne identificato con il Sarno. Forse la stessa morfologia del corso d’acqua, serpeggiante e lungo suggerì il nome. Forse i motivi sono altri. Nel 553 d.C. sulle rive del fiume Sarno, che allora era detto Dragone, si svolse una sanguinosa battaglia tra le truppe del generale Narsete è l’ultimo re dei Goti, Teja che proprio sulle sponde di questo corso d’acqua morì, sancendo la fine della guerra greco-gotica. A darcene notizia è lo storico bizantino Procopio che parlando del nostro fiume lo definisce “Draconteo”.

Aggiungi un commento