Carlo Iandolo – CENTOCINQUANTENARIO LINGUISTICO DELL’UNITÀ D’ITALIA

Inserito da: · gennaio 15, 2012

Sono molteplici le denominazioni antiche della nostra penisola: “terra SATURNIA (= cara al dio Saturno), AUSONIA (= terra dei fiumi), ENOTRIA (= terra del vino), ESPERIA (= terra occidentale rispetto alla Grecia), e soprattutto ITALIA.

Il nome “ITALIA” -la cui sanzione ufficiale, escluse le isole, si ebbe con Ottaviano nel 42 a. C.- fa insorgere tre immediate curiosità di connessioni, l’avvio delle quali riguarda le origini rispettivamente leggendarie, geografiche ed etimologiche.

Le immagini del testo sono di Giovanni Fattori (1825-1908)

Carlo Iandolo – CENTOCINQUANTENARIO LINGUISTICO DELL’UNITÀ D’ITALIA – vesuvioweb 2011

 

Tra i miti dell’età classica relativi all’appellativo “Italia”, in cui si cela l’ingenuo tentativo di spiegare com’è nata la denominazione attribuita alla penisola, nell’Eneide Virgilio sembra accettare quella del principe enotrio della Sicilia “Italo”, l’eroe eponimo che, impossessatosi anche del territorio di Turno, avrebbe dominato il Sud che appunto da lui fu chiamato Italia; ma è egualmente noto la leggenda tramandata dallo storico greco Ellanico, secondo cui Eracle – traversando la penisola per condurre in Grecia il gregge di Gerione- ricercò affannosamente il bestiame perduto: ma, avendo saputo che nella lingua indigena la bestia era definita “vitulus”, chiamò “Vitalía” tutto il territorio peninsulare.

 

Aggiungi un commento