Gennaro Francione – ’A famma ’e Pullecenella

Inserito da: · gennaio 28, 2012

Pulcinella dalle quinte fischietta la canzone di Palummella. Entra in scena e smorza il fischio. Sulla faccia porta la maschera nera con il grosso naso, occhi piccoli, sopracciglia folte, zigomi sporgenti, fronte rugosa e bernoccoluta. Indossa una casacca sopra un pantalone di tela stretto ai fianchi da una cordicella. Scarpette nere sdrucite ai piedi. È un Pulcinella roso da una grande fame, una fame viscerale, che mormora, borbotta, morde e gira per il palcoscenico nervosamente.

Gennaro Francione – ’A famma ’e Pullecenella – vesuvioweb

Signure e bella gente, chi sonco io? Io sonco Pullecenella Figlio di Tammero e Catammero, cetrulo de Madama Papera Trentova e parente di messere Unze Dunze e Trinze e Quirinze e de Nacchete Conta Cadece e de Tabuna Tabella Pagana Zulfana Minoffa Catoffa e Dece Minece etcetera, etcetera. Oggi ’o settanta pe’ ciento de l’umanità se more ’e famme… e ’o restante trenta pe’ ciento sta ’a dieta. I’ sonco ’o settanta pe ciento affamato ’o ciento pe ciento! Vuje me verite: i’ sonco n’ombra ianca ianca co no core e na faccia scura scura e na panza chiena chiena chiena e.. vacantaria…

Aggiungi un commento