Giovanni Borriello – L’album delle cartoline antiche di Torre del Greco: il Capotorre

Inserito da: · Gennaio 11, 2012

Giovanni Borriello è nato a Torre del Greco e vive a Civitavecchia. Uno di quei tanti figli di questa terra che per anni hanno continuato ad amare, in qualche modo questa città e lui lo ha fatto attraverso una ricerca fotografica singolare, che per certi versi ha il sapore dell’antico e che tuttavia oggi, rappresenta un punto di forza nel contesto della complessa ricerca culturale sul territorio. Una collezione di cartoline di grande valore. Un documento che nel suo complesso aggiunge valore concreto a quello che è il difficile lavoro di documentazione storica.

Giovanni Borriello – L’album delle cartoline antiche – Il Capotorre – vesuvioweb

 

 

 

 

Giovanni raccontava che ha trascorso molta parte della sua vita a raccogliere queste ingiallite immagini della città, cercandole nei mercatini rionali, nelle fiere dell’antiquariato, spostandosi per molti chilometri, a volte, per raggiungere i luoghi dove egli sapeva che avrebbe trovato ciò che desiderava. Tra i cimeli del passato, sulle bancarelle polverose e magari meno frequentate, egli spesso si aggirava, con occhio attento a individuare e rintracciare quei piccoli frammenti della storia della sua città. Un lavoro certosino per conservarle, per ripulirle e poi catalogarle. Un lavoro che premia e gratifica, nel preciso momento in cui si possono condividere quelle emozioni che la stessa immagine ingiallita, trasmette. Spaccati della vita cittadina di oltre 100 anni che solo quelle immagini possono restituire. Aspetti di vita popolare, accanto a documenti di monumenti, chiese e palazzi. Il mare, il porto, le barche nel cantiere. Sono questi i temi delle sue preziose immagini.

A Giovanni Borriello sono dedicati questi album, che Vesuvioweb pubblica.

A lui va il grazie più sincero per aver regalato a coloro che amano la storia di questa terra, queste immagini attraverso le quali è possibile in modo oggettivo, trasmettere la memoria di una città tanto trasformata dagli anni e così abbandonata nel premiare queste iniziative.

Grazie Giovanni

Salvatore Argenziano e Aniello Langella

Discussione1 Comment

  1. LUIGI ha detto:

    Bravo Vanni, tuo zio Luigi, ogni tanto fatti sentire

Aggiungi un commento