La secona guerra mondiale lascia i bunker nazisti alle falde del Vesuvio

Inserito da: · gennaio 24, 2012

I bunker sono strutture difensive, a volte sotterranee per garantire una maggiore solidità al manufatto; viene spesso confuso con la casamatta. I bunker sono stati usati a partire dalla prima guerra mondiale, in particolare nella seconda guerra mondiale ma anche durante la Guerra Fredda.

La secona guerra mondiale lascia i bunker nazisti alle falde del Vesuvio

Un bunker può essere disposto anche su più livelli, collegati tra di loro con rampe di scale, a scala a chiocciola o a scala sfalsata. Tipicamente un bunker è strutturato in modo tale da difendere, quindi in generale ha sempre una parte dedicata alla difesa, di se stesso, dei suoi occupanti, del territorio circostante. A seconda del suo scopo un bunker può ospitare altri elementi: un bunker difensivo, oltre alle camere di combattimento difensive, solitamente dispone di una parte che permette l’alloggiamento per i soldati. Sono quindi necessarie, camerate per riposare, servizi igienici, cucine, sale radio per comunicare con l’esterno, e così via.

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Architettura e urbanistica vesuviana

Discussione5 Comments

  1. flavio russo ha detto:

    Non sono bunker nazisti ma casematte costruite dal Genio italiano per le nostre difese costiere, destinate a riceve un armamento molto leggero,e pochi uomini di presidio. Erano state collocate in modo da creare ritardi sull’avanzamento lungo l’autostrada o lungo la ferrovia, interdicendo eventuali piccoli tentativi di sbarco.

    • Vesuvioweb ha detto:

      In centinaia di lavori prodotti su questo portale che accumula ogni giorn primati (in visite, rimbalzi) a livello (non solo vesuviano) ma nazionale europeo e mondiale con veri record di visite e commenti, il nostro interlocutore in tanti anni e su tanti pezzi editati, sa solo fare la punta alla matita; e sia. Voglio tuttavia ricordare che anche se approvato il suo post, va puntualizzato che dal dizionario dei sinonimi, la parola spesso gergale “bunker” vale il senso interpretativo seguente: termine militare Costruzione difensiva perlopiù parzialmente interrata in cemento armato con feritoie per sparare SIN casamatta.
      La Direzione di vesuvioweb

      • Flavio M. ha detto:

        Buonasera, mi sembra leggermente ormai fuori luogo rispondere dopo 3 anni ma, essendo un ricercatore storico del secondo conflitto mondiale, mi pare opportuno intervenire in questa interessante discussione. Il termine bunker è strettamente collegato ai “luftschutz bunker” tedeschi, ossia ai ricoveri antiaerei utilizzati per sfuggire alle schegge metalliche derivanti dall’esplosione di bombe durante i bombardamenti aerei. Di fatto i tedeschi identificano le postazioni di difesa come “regelbau”. Le postazioni campane in questione sono di manifattura ed utilizzo prettamente italiani.

        • ambra la ventura ha detto:

          salve vorrei avere un informazione. ho letto che lei è un ricercatore storico.in particolare io sto svolgendo una tesi di laurea in architettura sulle casematte che si trovano a torre del greco. non riesco a trovare materiale ne cartografie ne libri che ne parlano. io penso che sto sbagliando dove ricercare queste informazioni. mi può dare qualche dritta? dove posso trovare informazioni al riguardo?

  2. Stefano de Simone ha detto:

    Buona sera, vorrei sapere da chi ne fosse a conoscenza, se le case matte presenti a Napoli e dintorni e in tutta Italia sono soggetti a qualche forma di tutela storica/architettonica da parte di qualche ente nazionale o locale

Aggiungi un commento