L’eruzione del 1631: cronaca degli eventi

Inserito da: · Gennaio 31, 2012

“La memoria delle calamità recateci dall’Incendio del Vesuvio più meritava di essere scancellata con lagrime di vera compunzione, e seppellita nel baratro di un perpetuo silenzio, che ravviuvata e rappresentata a’ posteri.” Queste parole dell’Abate Giulio Cesare Braccini rendono l’idea del clima di sgomento lasciato dalla catastrofe che distrusse “popolate Terre, e deliziose Ville, ornate di ricchi, e sontuosi edificij, e in molti luoghi di amplissimi Palazzi distinti l’uno dall’altro da ben coltivati orti, e vaghi giardini…

L’eruzione del Vesuvio del 1631 – Cronaca degli eventi – vesuivoweb

… ” Nel mese di febbraio, poco più di un mese dopo l’eruzione, l’abate si reca sul Vesuvio, essendo prima passato per molte “delle Terre danneggiate, parte dal fuoco, parte dalle ceneri, altre dalle piovute pietre, e molte più dall’acque”. Tre miglia fuori Napoli, in direzione di Ottaviano, tutta la campagna è ricoperta di cenere e non si vede nepppure un filo d’erba. Terre e casali di S. Giorgio a Cremano, di S. Sebastiano, di Massa, di Pollena e di Trocchia sono distrutti. Duecento case di Sant’Anastasia sono state sfondate dalla cenere e ancora più numerose quelle colpite a Somma. Da Ottaviano, girando attorno al Vesuvio per tre miglia, ogni cosa appariva spianata dai flussi piroclastici. Bosco è completamente distrutta, a Torre Annunziata sono rimaste in piedi solo quattordici o quindici case, oltre a un palazzo e al Castello del Principe di Butero.

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, L’eruzione del Vesuvio del 1631

Aggiungi un commento