Mario d’Agostino – Pesco Sannita Storia di un millennio

Inserito da: · gennaio 7, 2012

Le fasi conclusive della divisione del demanio di Monteleone si intrecciarono con le vicende connesse all’unità d’Italia. Per la verità, stando almeno ai rapporti sullo «spirito pubblico» inviati, nel corso del 1855, dal giudice regio Felice Faraone alla Segreteria di Stato della Polizia Penale, sembrava che nel circondario di Pescolamazza la situazione fosse completamente sotto controllo.

Mario d’Agostino – Pesco Sannita Storia di un millennio

 

 

In questi resoconti, infatti, si affermava che «le opinioni politiche in generale erano pel Governo Monarchico di S. M. Ferdinando Secondo, che la condotta de’ passati compromessi politici andava migliorando, che le voci sull’andamento del Governo erano plaudenti, che i sentimenti erano preponderanti a favore del Real Governo, di attaccamento e di devozione all’Augusta e Sacra persona del Re, che il costume pubblico era piuttosto lodevole, che i regolamenti di polizia venivano osservati in maniera soddisfacente, che, infine, erano santificati i dì festivi»1.

 

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Storia e cultura

Aggiungi un commento